Le campagne animaliste possono essere un rischio per la libertà di scelta del consumatore

Che si tratti di seta, cashmere, pelle o pelliccia, i prodotti di moda di derivazione animale sono sempre più al centro dell’attenzione di gruppi animalisti.

Le campagne per bandire la pelliccia si sono trasformate in un movimento più ampio contro tutti i prodotti di derivazione animale. L’organizzazione per i diritti degli animali, PETA(Persone per il trattamento etico degli animali), utilizza ora le sue considerevoli risorse per la campagna contro la lana. Anche se la lana da allevamento non uccide nessun animale, la PETA afferma che non esiste un modo etico di tagliare le pecore per questo. Sta facendo pressione sui rivenditori di moda come Forever 21 per smettere di usare la lana completamente.

Va bene per le persone scegliere di evitare i prodotti di moda derivati da animali per ragioni etiche o anche estetiche. Ma queste campagne stanno limitando la scelta del consumatore e le conseguenze negative non intenzionali sono molte!

Le campagne per vietare la pelliccia, ad esempio, hanno portato alla sostituzione di prodotti di derivazione animale con quelli di plastica: la pelliccia finta è a base di poliestere. Ma mentre la pelliccia sintetica è lodata come animal-friendly, gli ambientalisti criticano per sempre i prodotti di plastica per inquinare gli oceani. La pelliccia naturale è compostabile e non ha alcun impatto sull’ambiente in questo modo. La pelle è anche biodegradabile, mentre seta e lana sono entrambi biodegradabili e facili da riciclare.

Inoltre, la raccolta di prodotti animali può essere incredibilmente importante per la conservazione di questi animali. Quando Chanel decise di vietare l’uso delle cosiddette pelli selvatiche (da serpenti, coccodrilli, lucertole e altri rettili), alcuni ambientalisti sostenevano che ciò avrebbe danneggiato in modo significativo gli sforzi di conservazione. “Gli scambi di animali selvatici ben gestiti e sostenibili si sono rivelati un incentivo efficace per la conservazione e le conseguenze della rimozione degli incentivi sono gravi e inquietanti”, scrissero al tempo in Business of Fashion.

Vi è anche un costo umano significativo per vietare determinati prodotti, in particolare nei paesi in via di sviluppo. Mentre il cashmere (o pashmina), ad esempio, è deriso da gruppi animalisti, il processo di produzione di capre, raccolta di fibre, filatura, tessitura, tintura, timbratura, ricamo e lavaggio contribuisce enormemente alle economie delle comunità locali.

Naturalmente, le preoccupazioni sul benessere degli animali devono essere ascoltate. I cattivi attori devono essere tenuti in considerazione e allontanati dal mercato dove necessario, indipendentemente dal fatto che siano produttori che infrangono le norme sul benessere degli animali o coloro che non etichettano accuratamente i loro prodotti.

Ma i divieti sui prodotti di derivazione animale finiscono per danneggiare la conservazione, danneggiare il sud globale e limitare la scelta del consumatore.

Originally published at http://www.comunicati-stampa.net/com/libert-di-scelta-anche-nella-moda.html

Scroll to top