fbpx

Mese: Luglio2021

La coalizione mette in guardia contro le proposte di banda larga

Il Consumer Choice Center è entrato a far parte di una coalizione di organizzazioni di difesa dei consumatori e fiscali che segnalano gli sviluppi nei negoziati sulla legge sulle infrastrutture. Controllo dei prezzi e regolazione tariffaria; drammatica espansione del marchio esecutivo e dell'autorità dell'agenzia; e Internet controllato dal governo non dovrebbe mai essere sul tavolo.

Puoi leggere la lettera qui sotto o fare clic QUI per una versione completa:

23 luglio 2021

RE: spesa per infrastrutture a banda larga

Cari Senatori:

Vi scriviamo oggi su alcuni sviluppi preoccupanti nei negoziati bipartisan sulle infrastrutture sulla banda larga. Siamo guidati dai principi del governo limitato e crediamo che i difetti nel quadro infrastrutturale vadano ben oltre le questioni discusse qui. Ciò nonostante, il nostro obiettivo attuale è quello di difendere in modo specifico le proposte che metterebbero in atto controlli sui prezzi, espanderebbero notevolmente l'autorità delle agenzie e darebbero priorità a Internet controllato dal governo. 

Il piano infrastrutturale non dovrebbe prevedere la regolamentazione tariffaria dei servizi a banda larga. Il Congresso non dovrebbe autorizzare alcun ente federale o governativo a fissare il prezzo di qualsiasi offerta a banda larga. Anche i passi che aprono la porta alla regolamentazione tariffaria dei servizi a banda larga si riveleranno dannosi a lungo termine.  

Né il Congresso dovrebbe continuare ad abdicare alle sue responsabilità di supervisione ad agenzie del ramo esecutivo come la National Telecommunications and Information Administration. Dare all'NTIA l'autorità incontrollata di modificare o rinunciare ai requisiti, rende privi di significato tutti i guardrail posti dal Congresso. Ci deve essere una supervisione dei programmi per garantire che i dollari dei contribuenti vadano a collegare più americani alla banda larga invece che a progetti dispendiosi per animali domestici. 

Storicamente, i tentativi dell'NTIA di colmare il divario digitale attraverso sovvenzioni discrezionali sono falliti, portando a inutili sovrastrutture, corruzione e spese improprie. L'American Recovery and Reinvestment Act del 2009 ha creato il programma di sovvenzioni BTOP (Broadband Technology Opportunities Program) da $4 miliardi amministrato da NTIA. Dal 2009, anno di istituzione del BTOP, al 2017, almeno un terzo di tutte le segnalazioni effettuate dall'Ispettore Generale del Dipartimento del Commercio riguardavano il programma BTOP, e i dati del censimento hanno mostrato che il programma BTOP non ha avuto alcun effetto positivo su adozione della banda larga. E questo era con solo $4 miliardi di dollari dei contribuenti. Non possiamo permetterci di commettere lo stesso errore con somme molto maggiori.

La legislazione deve essere chiara e non creare ambiguità che sono lasciate ai capricci dei regolatori. Sebbene il "redlining digitale" sia inaccettabile, la FCC non dovrebbe essere autorizzata a definire il termine nel modo che ritiene opportuno e promulgare qualsiasi regolamento che ritiene possa risolvere i problemi, reali o immaginari. Ciò darebbe all'agenzia carta bianca per regolamentare e microgestire la banda larga in qualsiasi modo desideri. Questa sarebbe un'enorme espansione dell'autorità FCC. Inoltre, le definizioni e i regolamenti potrebbero cambiare ogni volta che cambia il controllo del partito sull'agenzia, portando a un andirivieni che crea incertezza per i consumatori e le imprese. 

Il legittimo desiderio di garantire che gli americani a basso reddito abbiano accesso all'infrastruttura a banda larga non dovrebbe essere utilizzato come cortina fumogena per codificare aspetti del recente Ordine esecutivo sulla concorrenza, che non dovrebbe essere incluso in alcun accordo infrastrutturale bipartisan. I repubblicani hanno combattuto duramente per sostenere il Restoring Internet Freedom Order della FCC. Qualsiasi legislazione sulle funzioni e l'implementazione delle tecnologie Internet deve passare come un disegno di legge autonomo attraverso un ordine regolare con revisione del comitato. Queste domande sono troppo importanti per essere inserite in un disegno di legge massiccio senza un dibattito rigoroso.   

Qualsiasi finanziamento per lo sviluppo della banda larga deve prima mirare a località senza alcuna connessione a banda larga, e questo dovrebbe essere determinato dalle mappe della banda larga FCC richieste dal Congresso. Il Congresso ha la supervisione della FCC e la FCC ha già condotto diverse aste al ribasso. Le aste inverse ottengono il massimo da ogni dollaro dei contribuenti per colmare il divario digitale. Le aree in cui esiste già un impegno da parte di un vettore a costruire una rete non dovrebbero essere prese in considerazione per le sovvenzioni e l'NTIA non dovrebbe essere in grado di ignorare la mappa della FCC per ridefinire "non servito" e sovvenzionare le costruzioni duplicate.  

Internet controllato dal governo non dovrebbe avere la priorità in nessun programma di sovvenzione. Con poche eccezioni, le reti di proprietà del governo (GON) sono state miserabili fallimenti. Ad esempio, KentuckyWired è un GON di 3.000 miglia che è stato venduto ai contribuenti come un progetto da $350 milioni che sarebbe stato completato entro la primavera del 2016. Quelle proiezioni non avrebbero potuto essere più sbagliate. Più di cinque anni dopo la presunta data di completamento, la costruzione della fibra per KentuckyWired è ancora "in corso" in alcune parti dello stato e un rapporto del revisore dei conti statale ha concluso che i contribuenti finiranno per sprecare un enorme $1,5 miliardi in questo ridondante "rete di proprietà del governo" nei suoi 30 anni di vita. NTIA non dovrebbe certamente incoraggiare la replica di questi fallimenti.

Apprezziamo il tuo lavoro per aiutare a colmare il divario digitale e concordiamo sul fatto che l'accesso a Internet affidabile è una priorità, tuttavia non dovremmo utilizzare questa necessità per fungere da copertura per un'espansione del governo non necessaria. Non esitate a contattare una qualsiasi delle organizzazioni o persone sottoscritte in caso di domande o commenti. 

Saluti,

Grover G. Norquist
Presidente
Gli americani per la riforma fiscale

Jennifer Huddleston*
Direttore della politica della tecnologia e dell'innovazione
Forum d'azione americano

Phil Kerpen
Presidente
Impegno americano

Krisztina Pusok, Ph.D.
Direttore
Istituto americano dei consumatori
Centro per la ricerca sui cittadini

Brent Wm. Gardner
Responsabile degli affari governativi
Americani per la prosperità

Jeffrey Mazzella
Presidente
Centro per la libertà individuale

Andrew F. Quinlan
Presidente
Centro per la Libertà e la Prosperità

Jessica Melugin
Direttore Centro per la tecnologia e l'innovazione
Istituto per l'impresa competitiva

Matteo Kandrach
Presidente
Azione dei consumatori per un'economia forte

Yael Ossowski
Vicedirettore
Centro di scelta dei consumatori

Roslyn Layton, dottore di ricerca
Fondatore
Minaccia tecnologica cinese

Ashley Baker
Direttore delle Politiche Pubbliche
Il Comitato per la Giustizia

Tom Schatz
Presidente
Consiglio per i cittadini contro lo spreco del governo

Katie McAuliffe
Direttore esecutivo
Libertà digitale

Annette Thompson Meeks
Amministratore delegato
Fondazione Libertà del Minnesota

Adam Brandon
Presidente
FreedomWorks

Giorgio Landrith
Presidente
Frontiere della Libertà

Garrett Bess
vicepresidente
Patrimonio azione per l'America

Carrie Lukas
Presidente
Forum indipendente delle donne

Erica Higgins
Amministratore delegato
Voce femminile indipendente

Tom Giovanetti
Presidente
Istituto per l'innovazione politica

Ted Bolema
Direttore esecutivo
Istituto per lo Studio della Crescita Economica

Seton Motley
Presidente
Meno governo

Zach Graves
Responsabile Politica
Rete Lincoln

Matteo Gannon
Amministratore delegato
Istituto di politica del Maine

Matteo Nicaud
Specialista in politica tecnologica
Centro del Mississippi per l'ordine pubblico

Brandon Arnold
Vicepresidente esecutivo
Unione Nazionale Contribuenti

Tom Hébert
Direttore esecutivo
Centro Concorsi Aperto

Ellen Weaver
Presidente e Ceo
Istituto Promessa Palmetto

Eric Peterson
Direttore
Centro Pelican per la tecnologia e l'innovazione

Lorenzo Montanari
Direttore esecutivo
Alleanza per i diritti di proprietà

Jeffrey Westling
Resident Fellow, Technology & Innovation Policy
R Street Institute

Giacomo L. Martin
Fondatore/Presidente
Associazione 60+

Saulius "Saulo" Anuzis
Presidente
Associazione 60+

Davide Williams
Presidente
Alleanza per la protezione dei contribuenti

Dan Mead Smith
Presidente
Entra la politica di Washington

Mark Harmsworth
Direttore delle piccole imprese
Centro politico di Washington

Alcuni punti luminosi nell'ordine esecutivo del presidente Biden sulla concorrenza

All'inizio di questo mese, mentre gli americani terminavano la settimana lavorativa di 4 giorni per godersi il clima di mezza estate, il presidente Biden ha svelato un ordine esecutivo sulla promozione della concorrenza nella nostra economia.

Sebbene contenga diversi aspetti che potrebbero avere un impatto negativo sui consumatori, ci sono anche alcuni punti positivi che potrebbero contribuire a stimolare nuove innovazioni, rimuovere la burocrazia e contribuire a ridurre i prezzi.

Per prima cosa, l'ordine esecutivo di Biden crea un nuovo Consiglio per la concorrenza della Casa Bianca, composto da vari capi di dipartimento e agenzia. Lo farà il consiglio indirizzo "eccessiva concentrazione, monopolizzazione e concorrenza sleale", sperando di potenziare i consumatori e sorvegliare meglio industrie potenti.

Mira a ridurre le barriere all'ingresso di nuovi concorrenti sul mercato. Questo sarà un forum chiave per modificare leggi, regolamenti e tasse che troppo spesso limitano la concorrenza e la scelta dei consumatori. Questo è un passo positivo.

Altrettanto lodevoli sono le regole sulla trasparenza dei prezzi degli ospedali, l'allentamento delle licenze occupazionali e la prospettiva dell'open banking. Ma rimuovere i sussidi dannosi che aumentano i prezzi per i consumatori, compresi gli agricoltori, le compagnie aeree e Amtrak, aiuterebbe a rafforzare ulteriormente la concorrenza.

Sfortunatamente, Biden si concentra troppo sulla regolamentazione degli affari piuttosto che sulla liberazione di regole obsolete.

Un esempio è l'attenzione alle disposizioni antitrust che cercano di smantellare i monopoli e ridefinire le azioni antitrust del 21° secolo. 

Ciò è encomiabile, ma solo se le agenzie sostengono il principio legale dello standard di benessere dei consumatori, assicurando che l'antitrust si concentri su come i consumatori, non i mercati, sono influenzati. Il trustbusting ideologico potrebbe finire per danneggiare i consumatori e le piccole imprese che si affidano a tali società.

Ultimamente ci sono state cause legali contro vari giganti della tecnologia respinto perché gli stati e le agenzie non sono stati in grado di dimostrare che determinate fusioni e acquisizioni, come l'acquisto di Instagram da parte di Facebook nel 2011, un tempo considerato risibile - erano monopolisti.

Piuttosto che cercare di smantellare le società, l'amministrazione dovrebbe concentrarsi sulle aree in cui i regolamenti sostengono le società e le cattive normative a spese nostre e mie.

Grandi compagnie aeree come American Airlines hanno ricevuto salvataggi per decenni, mentre le compagnie aeree a basso budget senza influenza a Washington sono essenzialmente regolamentate fuori contesa. Consentire fallimenti e consolidamenti aiuterebbe effettivamente a migliorare i servizi offerti ai passeggeri risparmiando denaro ai contribuenti.

Rottamazione di combustibili fossili sussidialti costi di autorizzazione per i veicoli elettrici e l'abrogazione delle leggi sul cabotaggio come il Jones Act to permettere navi e compagnie aeree straniere per servire porti e aeroporti americani, potrebbero anche contribuire a ridurre i prezzi e migliorare la scelta dei consumatori.

Sebbene Biden sia un fan di Amtrak, la sua amministrazione dovrebbe accogliere con favore la concorrenza. Ciò significherebbe consentire alle imprese ferroviarie private di utilizzare le linee ferroviarie esistenti e demolirle pianificato $80 miliardi di sussidi nella massiccia legge sulle infrastrutture attualmente in seduta al Congresso. In 50 anni di servizio, l'Amtrak quasi pubblico non è riuscito a farlo realizzare un profitto almeno una volta. Togliersi di mezzo in modo che i concorrenti privati possano competere sarebbe un enorme vantaggio per i consumatori e gli innovatori.

Per il mercato degli alcolici, Biden è sulla buona strada. Delinea "norme sulle pratiche commerciali non necessarie" che aumentano artificialmente i prezzi delle nostre birre, vini e liquori preferiti. Ma monopoli di stato sulla vendita di alcolici, nonché tassazione ineguale tra classi di alcolici, sono casi classici in cui i consumatori beneficerebbero di un mercato più competitivo.

Promuovere gli interessi dei consumatori, in particolare quelli che beneficiano delle innovazioni del mercato e della politica intelligente, è un cambiamento coraggioso e necessario da parte del nostro governo federale. Se devono avere successo, tuttavia, sarà necessaria una riorganizzazione totale di norme e regolamenti obsoleti, non solo un maggiore controllo sulle grandi imprese.

Originariamente pubblicato qui.

NM Coalition fa una spinta più rapida per i veicoli elettrici

I nuovi messicani che vogliono avere un impatto sul cambiamento climatico guidando un veicolo elettrico hanno diversi blocchi stradali e non finiranno presto se lo stato non interverrà entro la fine di quest'anno.

Due anni fa, il governatore Michelle Lujan Grisham ha firmato un ordine esecutivo impegnare il New Mexico per gli obiettivi essenziali del cambiamento climatico.

L'ordine prevedeva l'obbligo per le case automobilistiche di consegnare più veicoli elettrici allo stato, ma la tempistica per un processo normativo necessario per l'adozione degli standard avanzati per le auto pulite è arrivata e passata due volte ed è stata rinviata una terza volta.

Tammy Fiebelkorn, rappresentante del New Mexico per il Southwest Energy Efficiency Project, ha affermato che le auto più pulite sono fondamentali per affrontare il cambiamento climatico.

"Abbiamo questi obiettivi di ridurre i nostri gas serra e raggiungere i nostri obiettivi climatici che sono nell'ordine esecutivo firmato dal governatore, ma fino a quando non riusciremo a vendere alcuni veicoli elettrici qui, non raggiungeremo quello dei trasporti", Fiebelkorn ammonito.

Southwest Energy Efficiency fa parte di una coalizione di gruppi che ha presentato a petizione formale chiedendo allo stato di adottare gli standard avanzati per le auto pulite entro la fine dell'anno, una scadenza che secondo i funzionari statali non può essere rispettata.

Il New Mexico ha installato più di 100 stazioni di ricarica per veicoli elettrici in varie località, ma attualmente circolano solo circa 1.200 veicoli elettrici plug-in.

Fiebelkorn ha sottolineato che l'adozione di regole per governare gli Advanced Clean Car Standards è abbastanza semplice perché devono essere identiche a quelle di altri stati. Ha aggiunto che il New Mexico potrebbe non essere in grado di implementare gli standard fino al 2026 se non rispetta una scadenza di dicembre.

"A causa del modo in cui sono scritti gli standard, devi aspettare due anni modello", ha spiegato Fiebelkorn. "E quindi se riusciamo a ottenerlo entro quest'anno, allora questo ci consente di implementare un intero anno prima."

Quando si tratta di acquistare un veicolo elettrico, il Centro di scelta dei consumatori ha classificato il New Mexico e altri 16 stati nella categoria "appena accessibile", una tacca sopra altri nove stati in cui sono totalmente "inaccessibili", sia perché le vendite dirette al consumatore sono vietate, sia perché le tasse di registrazione extra sono esorbitanti.

A livello nazionale, i veicoli elettrici rappresentano meno di 1% di tutti i veicoli su strada. 

Originariamente pubblicato qui.

Normative più efficaci sulle sigarette elettroniche potrebbero salvare circa 200 milioni di vite

Un recente studio su 61 paesi e le loro normative sulle sigarette elettroniche ha indicato che l'istituzione di normative più efficaci sullo svapo potrebbe salvare la vita di quasi 200 milioni di persone.

UN studi recenti condotto da The World Vapers 'Alliance (WVA) insieme al Consumer Choice Center, ha esaminato 61 paesi e le loro successive normative sulle sigarette elettroniche. Il team di ricerca ha utilizzato come punto di riferimento le politiche progressive di riduzione del danno da tabacco del Regno Unito, che approvano l'uso delle sigarette elettroniche per smettere di fumare. Quindi hanno analizzato quanti fumatori attuali sarebbero incoraggiati a cambiare in ciascuno degli altri paesi, se avessero accesso a un quadro così permissivo.

Dopo aver compilato i dati di questi paesi, il team di ricerca ha concluso che con un regime normativo che faciliti e incoraggi le sigarette elettroniche come mezzo per smettere di fumare, 196 milioni di fumatori attuali in quei paesi potrebbero passare allo svapo.

Il direttore della World Vapers 'Alliance, Michael Landl, ha affermato che questi dati indicano quanto sia grande il potenziale delle sigarette elettroniche è per la salute pubblica. “Sebbene i vantaggi dello svapo come alternativa al fumo siano noti da tempo, la ricerca odierna mostra quanto sia significativo il potenziale: quasi 200 milioni di vite salvate. Se COVID ci ha mostrato qualcosa, è che la nostra salute è fondamentale e le autorità di regolamentazione che vogliono che le persone smettano di fumare devono essere guidate dalla scienza e garantire che l'ideologia passi in secondo piano rispetto al pragmatismo".

I risultati parlano da soli

Infatti nel Regno Unito, circa 25% di persone in meno fumano oggi rispetto al 2013, quando lo svapo è diventato popolare, e la nazione si vanta persino del tassi di fumo più bassi registrati da quando sono entrate in scena le sigarette. Anche Francia, Canada e Nuova Zelanda, il cui approccio è più simile al Regno Unito, stanno registrando risultati positivi. D'altra parte, l'Australia, uno dei paesi con le normative più severe sullo svapo, ha assistito solo a un mero calo di 8% durante lo stesso periodo.

"Regole intelligenti sulla pubblicità delle sigarette elettroniche ai fumatori, esposizione delle sigarette elettroniche al punto vendita per le sigarette, aliquote di tassazione inferiori per le sigarette elettroniche e organismi di sanità pubblica che approvano le prove che lo svapo è almeno 95% meno dannoso rispetto al fumo tradizionale, tutto ciò che il Regno Unito ha fatto bene, può aiutare a salvare la vita di migliaia di fumatori aiutandoli a passare allo svapo ", ha affermato Fred Roeder, amministratore delegato del Consumer Choice Center, a proposito del rapporto.

L'ultimo rapporto del PHE sullo svapo

Nel Regno Unito, Public Health England (PHE) è rinomata per raccomandare il passaggio dal fumo allo svapo e di conseguenza sono state introdotte strutture progressive per lo svapo. Realizzato dai ricercatori del rinomato King's College di Londra, l'organizzazione settimo rapporto indipendente sullo svapo in Inghilterra, è stato elogiato dagli esperti di riduzione del danno da tabacco.

Il rapporto evidenziato i seguenti punti:

  • "Lo svapo è l'aiuto più popolare (27.2%) utilizzato dai fumatori che cercano di smettere in Inghilterra nel 2020
  • Più di 50.000 fumatori hanno smesso di fumare nel 2017 grazie allo svapo
  • 38% dei fumatori riteneva che lo svapo fosse dannoso quanto il fumo mentre 15% riteneva che lo svapo fosse più dannoso”

Originariamente pubblicato qui.

Il modo migliore per preservare la sharing economy è non intervenire

Durante la pandemia, la sharing economy si è dimostrata uno dei modelli più resilienti di interazione umana.

Le app di consegna di cibo hanno svolto un ruolo importante nel preservare la nostra sanità mentale durante le quarantene e i blocchi, e le app di ride hailing ci hanno permesso di vedere i nostri cari quando il trasporto pubblico era inaccessibile. Tuttavia, a causa delle restrizioni ai viaggi, alcuni settori della sharing economy hanno subito gravi perdite. 

L'ultimo indice di Sharing Economy del Consumer Choice Center esamina l'impatto che la pandemia ha avuto sulla sharing economy in 50 città a livello globale. L'obiettivo principale dell'indice è quello di informare i consumatori sulla varietà dei servizi di sharing economy disponibili. Per misurare la cordialità della sharing economy globale, l'indice esamina la disponibilità e l'accesso a servizi di ride-hailing, flat-sharing, e-scooter, car sharing professionale, noleggio auto peer-to-peer e gym sharing. 

Alcuni governi hanno cercato di usare la pandemia come pretesto per ulteriori restrizioni della scelta dei consumatori nei suddetti campi. Ad esempio, nel giugno 2020, Amsterdam ha vietato agli affitti di alloggi a breve termine, incluso Airbnb, di operare nei tre quartieri del suo centro storico. Fortunatamente, il divieto è stato revocato nel marzo di quest'anno. 

Allo stesso modo, nel giugno 2020, il sindaco di Lisbona si è impegnato a "sbarazzarsi di Airbnb" una volta che la pandemia di coronavirus sarà finita. Tuttavia, Airbnb è ancora disponibile in città, e si spera che lo rimanga.

Secondo i risultati dello Sharing Economy Index 2021, le prime 10 città secondo l'indice sono Tallinn, Tbilisi, San Paolo, Riga, Vilnius, Varsavia, Kiev, Città del Messico, Oslo, Stoccolma.

Minsk, La Valletta, Amsterdam, L'Aia, Bratislava, Lubiana, Nicosia, Sofia, Tokyo, Atene, Città del Lussemburgo si sono invece ritrovate in fondo alla classifica.

L'Europa orientale continua ad avere un atteggiamento più liberale nei confronti della sharing economy, mentre i paesi dell'Europa occidentale e centrale si attengono all'approccio restrittivo. Entrambe le capitali nordiche, Stoccolma e Oslo, sono tra le migliori città al mondo favorevoli all'economia della condivisione. Allo stesso modo, anche i loro vicini nordeuropei - Tallinn, Vilnius e Riga - ottengono il punteggio più alto nell'indice. 

Tallinn rimane la città più favorevole all'economia della condivisione. Il suo basso livello di regolamentazione dei servizi di ride-hailing e flat-sharing, insieme all'apertura agli e-scooter e all'eccezionale innovazione nello spazio digitale, hanno contribuito a portarlo al primo posto. L'Estonia è famosa per il suo fiorente stato digitale e il fatto che esista persino un'app di carpooling per bambini rafforza questo fatto.

Sebbene i risultati dell'Indice 2021 non siano stati significativamente diversi da quelli dell'anno scorso e le città dell'Europa orientale e settentrionale sembrino aprire la strada allo scambio peer-to-peer, ci sono segnali che anche questo potrebbe presto cambiare. Man mano che i servizi di sharing economy guadagnano popolarità, la tentazione di regolarli eccessivamente cresce in modo esponenziale. La capitale dell'Ucraina Kiev, ad esempio, potrebbe presto diventare la prossima città europea a vietare gli e-scooter dai marciapiedi. 

L'Europa deve affrontare la regolamentazione della sharing economy in modo intelligente, e ciò implica mettere i consumatori e le loro esigenze al primo posto. L'eccessiva tassazione e la burocrazia sotto forma di vari permessi fanno più male che bene e fanno pagare il conto ai consumatori. Mentre ci stiamo riprendendo dalla pandemia, dobbiamo incoraggiare gli europei a scambiare efficacemente i propri beni tra loro e a trarne il massimo vantaggio. Il modo migliore per farlo è non togliersi di mezzo.

Originariamente pubblicato qui.

Ulteriori divieti sulla plastica non avranno un impatto sull'ambiente ma avranno un impatto sui consumatori


"Fino a 95% di tutta la plastica trovata negli oceani del mondo proviene da soli 10 fiumi di origine, che si trovano tutti nel mondo in via di sviluppo".

I responsabili politici a tutti i livelli hanno dichiarato una guerra effettiva alla plastica. I comuni hanno emanato divieti per le bottiglie d'acqua, le province hanno cercato di limitare o vietare la vendita di determinati articoli e il governo federale è arrivato al punto di classificare tutta la plastica come "tossico” ai sensi della legge canadese sulla protezione dell'ambiente. 

Gli argomenti contro queste politiche sono stati ben documentati. Le alternative alla plastica monouso sono quasi sempre peggio per l'ambiente sulla base di un'analisi del ciclo di vita, e ci sono nuove innovazioni disponibili per l'uso che affrontano effettivamente il problema della cattiva gestione dei rifiuti di plastica, piuttosto che usare il lungo braccio dello stato per vietare gli articoli.

Detto questo, si potrebbe pensare che gli attivisti ambientalisti che hanno spinto per queste politiche sarebbero contenti della loro vittoria politica, ma non lo sono. Come sempre, vogliono di più, il che alla fine significa un maggiore coinvolgimento del governo nell'economia e nella vita dei consumatori.

Oceana, ad esempio, è stata una delle voci più forti che chiedeva tutti i tipi di politiche pesanti per gestire i rifiuti di plastica. Sfortunatamente, i canadesi hanno dato a questi sostenitori un centimetro e ora vogliono fare un miglio.

Proprio questo mese Oceano ha lanciato una nuova campagna intitolata "Un luglio senza plastica" in cui chiede al governo di estendere drasticamente il divieto di plastica monouso in arrivo a quasi tutto tranne che ai dispositivi medici. La loro dichiarazione recita "Come attualmente proposto, il divieto del governo federale su sei materie plastiche monouso copre meno dell'uno percento dei prodotti in plastica che utilizziamo: una goccia nel secchio per un oceano che affoga nei rifiuti di plastica".

Oceana ha ragione, quei prodotti rappresentano una piccola percentuale della plastica che finisce nei nostri oceani. Ma la loro conclusione che dobbiamo "vietare più cose" non significherà magicamente che ci sia meno plastica nell'oceano, soprattutto perché i canadesi e la plastica monouso non sono responsabili della stragrande maggioranza della plastica mal gestita nei nostri oceani. 

Da cui proviene fino a 95% di tutta la plastica trovata negli oceani del mondo solo 10 fiumi sorgente, che sono tutti nel mondo in via di sviluppo. Canada in media, contribuisce meno di 0,01 MT (milioni di tonnellate metriche) di rifiuti di plastica mal gestiti. Al contrario, paesi come l'Indonesia e le Filippine contribuiscono con 10.1% e 5.9% della plastica mondiale mal gestita, che è oltre 300 volte il contributo del Canada. La Cina, il più grande inquinatore di plastica al mondo, rappresenta il 27.7% della plastica mondiale mal gestita. Il Canada, rispetto a paesi europei come Inghilterra, Spagna, Italia, Portogallo e Francia, in realtà contribuisce quattro volte meno in plastica mal gestita. Gli unici paesi europei alla pari con il Canada sono Svezia, Norvegia e Finlandia, significativamente più piccoli

Al di là del fatto che i canadesi non contribuiscono in modo significativo al problema dei rifiuti di plastica marina, la maggior parte della plastica nei nostri oceani, indipendentemente dal paese di origine, non proviene affatto da prodotti di consumo. Circa 50% di tutta la plastica nell'oceano proviene direttamente dall'industria della pesca, che spesso scarica con noncuranza le reti usate nell'oceano, il che è un problema serio che necessita di una soluzione.

Queste due scomode verità dovrebbero sollevare immediatamente segnali d'allarme sull'efficacia dei divieti sulla plastica e dovrebbero indurci a respingere apertamente le richieste di ulteriori divieti sui prodotti di consumo. Questi divieti non avranno alcun impatto serio sulla questione dei rifiuti di plastica nei nostri oceani, il tutto rendendo la vita più costosa per i comuni canadesi, spingendoli verso prodotti alternativi con un maggiore impatto ambientale. 

Piuttosto che cedere a una richiesta di divieti estesi o alla sciocca idea di un "luglio senza plastica". dovremmo invece restringere la nostra visuale sul dare potere agli innovatori per risolvere questi problemi. Incredibili tecnologie sono state create in Alberta negli ultimi anni per gestire i rifiuti di plastica, tra cui prendere prodotti monouso e trasformarli in qualsiasi cosa, da granuli di resinapiastrelle per la tua casa e persino asfalto stradale. Anche meglio, scienziati hanno ora escogitato un modo per prendere queste plastiche problematiche, riscaldarle rapidamente e trasformarle in grafene, che attualmente ha un prezzo di circa $100.000/tonnellata e ha un enorme potenziale nel settore delle costruzioni.

Abbiamo realisticamente due percorsi per gestire i rifiuti di plastica che produciamo. Possiamo cercare di vietare gli articoli che le persone usano, il che aumenterà i prezzi e non avrà un impatto serio sui rifiuti marini. Oppure possiamo appoggiarci agli innovatori per rimuovere la plastica dall'ambiente e prolungare la durata di vita di quelle materie plastiche a tempo indeterminato, creando posti di lavoro e riducendo i costi. Di fronte a questo bivio, il percorso superiore in avanti è abbastanza ovvio.

Originariamente pubblicato qui.

Opinione: impara dalla Gran Bretagna: vietare la pubblicità di cibo spazzatura è una cattiva idea

Il manuale obsoleto del tentativo di tassare e bandire le cose dall'esistenza in uno sforzo fuorviante per cambiare il comportamento delle persone

I tassi di obesità infantile sono quasi triplicati negli ultimi 30 anni. Quasi un bambino canadese su tre è in sovrappeso o obeso, secondo dati da Statistiche canadesi. Nel tentativo di affrontare questo crescente problema, Health Canada ha annunciato sta prendendo in considerazione una nuova legislazione radicale per limitare la pubblicità di cibo spazzatura.

Un piano simile è stato proposto ma non adottato alcuni anni fa, ma ora le autorità di regolamentazione della sanità pubblica si sentono autorizzate a spingere questa idea stanca in parte perché il governo britannico ha recentemente firmato un nuovo legge divieto di pubblicità televisiva prima delle nove di sera per cibi ricchi di zucchero. Health Canada afferma che sta esaminando la legge britannica e si sta impegnando nuovamente ad attuare qualcosa di simile in Canada.

I mesi che il governo britannico ha passato a ballare intorno a questo problema dovrebbero essere sufficienti per allontanare qualsiasi canadese benpensante. La legge che alla fine ha escogitato era una versione annacquata della proposta originale, che avrebbe vietato tutta la pubblicità online di qualsiasi cosa il governo considerasse "cibo spazzatura". I panifici avrebbero potuto commettere un crimine pubblicando foto di torte su Instagram.

Il governo del Regno Unito ora promette che la sua nuova legislazione eliminerà tale possibilità. Ma ciò non significa che il divieto sia un utile strumento di politica pubblica. Innanzitutto, i divieti pubblicitari semplicemente non funzionano. Proprio del governo britannico analisi della sua politica prevede che rimuoverà un totale complessivo di 1,7 calorie dalla dieta dei bambini al giorno. È all'incirca l'equivalente di 1/30 di un biscotto Oreo.

È lecito ritenere che la stessa politica avrebbe risultati altrettanto deludenti qui in Canada. Non aiuterà a ridurre l'obesità infantile, ma renderà la vita più complicata all'industria alimentare del paese. Tutto questo, proprio mentre il mondo entra in una ripresa economica post-COVID e paesi come Gran Bretagna e Canada hanno più che mai bisogno di crescita e investimenti.

Il divieto di pubblicità di cibo spazzatura è stato imposto nel Regno Unito sulla scia di una sinistra campagna che utilizza come arma le voci dei bambini. Quando il governo ha concluso la sua consultazione pubblica sulla proposta, ha elogiato un rapporto opportunamente programmato che presumibilmente evidenziava l'urgente necessità di un intervento politico così drastico. Il rapporto - o "exposé", come veniva chiamato - è stato ideato da Biteback 2030, un gruppo di pressione guidato da chef famosi e modelli di Dolce & Gabbana. In assenza di prove concrete o argomenti coerenti per la centralizzazione del processo decisionale su una questione fondamentale come cosa mangiare a cena, ha fatto il suo punto mettendo spudoratamente la politica interventista in bocca ai bambini.

“Sono un ragazzo di 16 anni”, si legge nella sua introduzione. “Mi sento come se fossi bombardato da pubblicità di cibo spazzatura sul mio telefono e sul mio computer. E sono abbastanza sicuro che le cose stiano peggiorando. I canadesi che apprezzano il libero mercato e le libertà individuali dovrebbero essere alla ricerca di tattiche simili da parte di balie stataliste intenzionate ad annegare intere industrie nella burocrazia e consegnare qualsiasi nozione di libertà di scelta ai libri di storia. È incredibilmente paternalistico da parte del governo limitare gli annunci pubblicitari che i consumatori adulti possono vedere, poiché il divieto eliminerebbe gli annunci mirati da tutti i programmi TV prima delle nove di sera

C'è molto che il Canada può fare per combattere l'obesità senza ricorrere a divieti pubblicitari generalizzati, seguendo il copione obsoleto di cercare di tassare e vietare le cose dall'esistenza in uno sforzo fuorviante per cambiare il comportamento delle persone. Il divieto ignora completamente l'altra metà dell'equazione dell'obesità, che è ovviamente l'attività fisica.

L'obesità è un problema serio. Potrebbe persino diventare la prossima pandemia. Ma come mostra questa dichiarazione di divieto di pubblicità di cibo spazzatura di Health Canada, potenti regolatori della salute pubblica dormono al volante. Sostengono di agire nell'interesse dei canadesi, ma non hanno nulla di nuovo da aggiungere al dibattito politico.

Originariamente pubblicato qui.

L'assicurazione dentale è il prossimo settore che ha un disperato bisogno di riforme

Nell'ultimo decennio, la maggior parte dei dibattiti e delle discussioni sulle riforme relative all'assistenza sanitaria si sono concentrati sui piani e sui costi dell'assicurazione sanitaria generale degli americani. E per una buona ragione.

E sebbene il nostro sistema sanitario sia contorto e complicato, diventa ancora più complesso quando esaminiamo cosa sta succedendo con le cure dentistiche.

L'intersezione di pesanti premi assicurativi, benefici governativi confusi e una miniera d'oro burocratica impediscono a molti americani di visitare l'ufficio di un dentista.

Anche se l'80% degli americani ha accesso alle prestazioni odontoiatriche, quasi il 35% degli adulti americani non ha visitato un dentista nel 2019, secondo la National Association of Dental Plans.

Il motivo per cui così tanti trascurano di farsi controllare i denti è chiaro nei dati: il costo di montaggio.

E la moderna assicurazione dentale, unita a una miriade di vari programmi governativi, ne è una grande ragione.

A differenza della maggior parte dei piani sanitari, i piani dentali hanno limiti bassi sul numero di benefici che pagheranno, ovunque tra $1.000-$1.500 all'anno. I premi sono in media $30-$50 al mese a seconda del piano e del numero di persone coperte.

Poiché i pazienti utilizzano l'assicurazione dentale per coprire tutti gli aspetti della loro cura, piuttosto che le emergenze, ciò si aggiunge a un'inflazione del prezzo delle cure rudimentali, un fenomeno soprannominato "problema delle conseguenze sociali” dagli economisti.

Il problema diventa ancora più complicato considerando che quasi tutti i pazienti odontoiatrici non scelgono da soli i propri piani.

Attualmente, il 93% dei pazienti odontoiatrici assicurati privatamente riceve una copertura dai propri datori di lavoro, il che significa che vi sono pochi incentivi a innovare le opzioni dirette al consumatore che offrirebbero concorrenza.

Questo problema di incentivi, insieme a un mercato assicurativo dentale relativamente opaco, significa che i costi lo faranno continuare a salirea meno che non riusciamo a concordare semplici riforme per aumentare la concorrenza e la trasparenza nel mercato delle assicurazioni dentistiche.

Per fare ciò, le legislature statali e il Congresso dovrebbero prima cercare di incoraggiare i pazienti che scelgono i programmi di adesione come piani dentali, piuttosto che l'assicurazione tradizionale. L'utilizzo dei conti di risparmio sanitario per acquistare questi abbonamenti, oltre a pagare per le cure, sarebbe un enorme miglioramento che consentirebbe ai pazienti di contrarre le proprie cure.

Questo sarebbe simile al movimento di cure primarie dirette medici, che offrono abbonamenti mensili diretti ai pazienti e non accettano assicurazioni. Rimuovere l'intermediario assicurativo significa meno burocrazia, meno burocrazia e più tempo con i pazienti. Inoltre, i prezzi sono trasparenti ed equi. Questo da solo fornirebbe una migliore concorrenza e prezzi per i pazienti bisognosi.

Ciò porterebbe a un maggiore disaccoppiamento dell'assicurazione sanitaria e dentale dai datori di lavoro, consentendo ai pazienti e ai consumatori di scegliere il piano che funziona meglio per loro e per le loro famiglie.

Sulla nota della trasparenza, i legislatori statali dovrebbero ritenere responsabile il settore delle assicurazioni dentali con semplici riforme che responsabilizzino i pazienti nella scelta dei loro dentisti.

Le leggi sull'assegnazione dei benefici, già approvate in stati come il Colorado e l'Illinois, consentono ai pazienti di scegliere se vogliono che le compagnie assicurative paghino direttamente le cliniche dentistiche, liberando i pazienti dal dover pagare in anticipo e negoziare con le compagnie assicurative per il rimborso.

Allo stesso modo, le normative sul leasing di rete, consentendo alle cliniche dentistiche di rivedere e aderire alle reti assicurative piuttosto che essere automaticamente costrette a farlo, manterrebbero i prezzi bassi e trasparenti, per non dire prevedibili prima ancora di salire sulla poltrona del dentista.

Mentre i legislatori cercano di riformare l'assistenza sanitaria, dovremmo anche tenere a mente le crescenti spese dentistiche che gli americani devono affrontare ogni giorno e sperare che i legislatori comprendano la necessità di maggiore concorrenza e trasparenza per migliorare meglio le cure dentistiche nel nostro paese.

Incoraggiare la concorrenza con le tradizionali assicurazioni dentistiche, promuovendo nel contempo semplici regolamenti per promuovere la trasparenza finanziaria, servirà a responsabilizzare i consumatori e abbassare i costi delle cure.

Sarebbe audace e rivoluzionario per i pazienti e aiuterebbe a incoraggiare l'innovazione in un settore in cui non è sempre stato il benvenuto.

Originariamente pubblicato qui.

Health Canada tira fuori una politica controintuitiva sullo svapo

Divieto del succo di vaporizzazione aromatizzato, i limiti di nicotina spingeranno i fumatori a tornare alle sigarette

Proprio quando si pensava che fosse sicuro svapare piuttosto che fumare sigarette, i Trudeau Liberals stanno involontariamente cospirando per far risorgere l'antico peccato del fumo di sigaretta.

Non pensano che questo accadrà ovviamente, ma accadrà

Il 19 luglio, come da federale Gazzetta, i liberali del primo ministro Justin Trudeau annunceranno nuove normative per non solo ridurre il livello di nicotina nei prodotti per lo svapo di sigarette elettroniche, ma vietare i liquidi aromatizzati per svapo oltre al tabacco e al mentolo/menta.

"Health Canada sta spingendo i fumatori a tornare a fumare sigarette e tra le braccia di 'Big Tobacco'", afferma Shai Bekman, presidente di DashVapes Inc., la più grande azienda canadese di sigarette elettroniche di proprietà indipendente.

La mossa preventiva dell'Ontario per vietare gli aromi di vaporizzazione influenzerà i grandi marchi di sigarette elettroniche che vendono principalmente nei minimarket, come Juul e Vype.

Entrambe le società vendono cialde di sigarette elettroniche in gusti come cetriolo, mango, fragola e vaniglia.

Ma cosa sta pensando Health Canada?

Secondo vari esperti di comportamento sociologico, e confermato in molti articoli sottoposti a revisione paritaria, piuttosto che ridurre il fumo, questo alla fine riporterà i vapers alle sigarette vere e, a causa della severa tassa del 70 e più sul fumo, causerà anche un aumento domanda di sigarette di contrabbando.

Dopotutto, se hai intenzione di fumare, perché pagare un pacchetto $20 pesantemente tassato quando un viaggio nell'amichevole baracca fumatori in una riserva Mohawk in Ontario e Quebec ti darà un pacchetto esentasse per un minimo di $4?

Come ha recentemente scritto David Clement, North American Affairs Manager presso il Consumer Choice Center Posta finanziaria, “il nostro governo federale sta ignorando ciò che sta funzionando all'estero e sta rifiutando il suo solito principio guida di riduzione del danno.

"Fermare l'accesso dei giovani ai prodotti di svapo è molto importante, ma vietare gli aromi per i fumatori adulti che cercano di smettere di fumare è un errore enorme, che potrebbe avere conseguenze mortali", ha affermato Clement.

“Circa 1,5 milioni di canadesi usano prodotti di vaporizzazione, la maggior parte dei quali fumatori che cercano di smettere. La ricerca sui modelli di acquisto dei consumatori mostra che 650.000 di quegli utenti di vaporizzatori attualmente fanno affidamento su aromi che sarebbero vietati se il divieto venisse approvato".

A maggio, anche nel Posta finanziaria, Fred O'Riordan, un ex direttore generale di Revenue Canada, ha affermato che “il budget federale ha qualcosa per tutti, compresi i commercianti di contrabbando.

"Il loro regalo inaspettato è arrivato sotto forma di un aumento di $4 per cartone delle accise sulle sigarette prodotte legalmente, un forte aumento che potrebbe segnare la fine di un'era - in cui la politica fiscale era uno strumento efficace per controllare l'uso del tabacco - e l'inizio di un altro.

"Più fumatori passeranno a prodotti di contrabbando prontamente disponibili e molto più economici", ha scritto.

"(Questo) sarà dannoso per il lato sanitario della politica, specialmente per i giovani poiché i venditori illegali non chiedono un documento d'identità comprovante l'età".

Lo scopo delle tasse sul tabacco, ovviamente, è aumentare le entrate, ma le proiezioni sono in calo da anni.

Lo scorso novembre, l'Agenzia delle entrate del Canada ha stimato la perdita del 2014 delle entrate delle accise federali derivanti dalle sigarette illegali - il cosiddetto "tax gap" - a circa $483 milioni.

La perdita di entrate fiscali provinciali raddoppierebbe quella stima. E quei numeri "ultimi" hanno sette anni.

Ciò che serve è la mossa coraggiosa di ridurre le tasse sul tabacco abbastanza da rendere l'acquisto di contrabbando un non pensiero. Il premier dell'Ontario Mike Harris ha fatto questo e prevedibilmente le entrate del tabacco della tassa sul peccato sono aumentate.

E mantieni i vaporizzatori aromatizzati: il mango, la vaniglia e persino la gomma da masticare, tutti venduti anche in riserva.

Health Canada deve smettere di essere così controintuitivo.

La sua non funziona.

Originariamente pubblicato qui.

Jacksonville Vette inclusa nel poster del National Corvette Day

La Corvette festeggia quest'anno il suo 68° anniversario. con otto generazioni prodotte da quando il primo modello C1 è stato presentato per la prima volta il 30 giugno 1953. Quindi non sorprende che il 30 giugno sia stato ufficialmente designato "National Corvette Day" dal Congresso nel 2008. Quindi la Hagerty Drivers Foundation ha celebrato quell'anniversario quest'anno con un poster mostrando tutte le otto generazioni.

La collezione include una Corvette C7 bianca della famiglia Jacksonville in basso a sinistra. E la sua foto, più l'immagine solare della Polo White 1953 C1 in alto a sinistra, sono state scattate dal fotografo locale Nick Williams.

La Corvette è nata dalla fertile mente del capo progettista di GM Harley J. Earl nei primi anni '50, sognando un'auto sportiva americana, ma ispirandosi alle grandi auto sportive europee dell'epoca. Nel 1953, Earl presentò la Corvette come la sua ultima "macchina da sogno" al Motorama Show di GM nella grande sala da ballo del Waldorf-Astoria Hotel di New York City, e fu un successo. La roadster C1 con carrozzeria in fibra di vetro apparve l'anno successivo, la prima 300 costruita a Flint. Ma negli ultimi 30 anni, il C8 a motore centrale è stato costruito a Bowling Green, Ky.

Originariamente una fabbrica di condizionatori d'aria Chrysler, la struttura è stata completamente ristrutturata in un moderno impianto automobilistico. Da allora, la struttura è raddoppiata e Bowling Green è rimasta la casa esclusiva della Corvette per oltre 30 anni.

MINI svela il furgone elettrico

MINI ha svelato una vera concept car Vision Urbanaut, sei mesi dopo aver mostrato il design come una "visione virtuale", in modo che le persone possano "impegnarsi più ampiamente con il concetto spaziale e i materiali sostenibili al lavoro", ha affermato. Presentato in anteprima il 1 luglio alla conferenza estiva DLD a Monaco, il people mover completamente elettrico è un'elegante scatola arrotondata con una cabina simile a un salotto che può essere configurata per adattarsi ai passeggeri che trasporta. E MINI ha anche creato tre profili chiamati Chill, Wanderlust e Vibe, consentendo all'esterno e all'interno di cambiare per "riflettere il momento MINI a portata di mano", afferma.

Ciò include fragranza, suono e illuminazione ambientale. Ad esempio, Chill trasforma l'interno in una sorta di rifugio per rilassarsi o lavorare in piena concentrazione. C'è un tetto di vetro, un tavolino interno e sedili anteriori che ruotano in modo che gli occupanti possano unirsi alla chat. E la modalità Wanderlust consente di guidare Urbanaut, un tocco su un logo MINI apre il volante e i pedali da un ripiano anteriore imbottito.

La caffeina e l'ottano sono qui

Il nuovo Caffeine and Octane Jacksonville sarà presentato in anteprima alle 8 di sabato al centro commerciale The Avenues al 10300 Southside Blvd. E gli organizzatori hanno pubblicato una mappa per mostrare dove alcune delle centinaia attese di auto classiche, sportive ed esotiche possono mettersi in mostra fino alle 11:00 alla mega-crociera rianimata sul lato est del centro commerciale.

Come mostra la mappa, i veicoli nel Central Lot (rosso) devono rimanere sul posto fino alle 11:00, quindi non parcheggiare lì se non puoi rimanere, 11:00. Exhibit Lots (blu sulla mappa), Exotics Lot e Porsche Corner (all'estrema destra) consentono ai veicoli dei partecipanti di entrare e uscire durante l'evento, sebbene la navigazione non sia consentita per motivi di sicurezza. I lotti in esposizione sono anche l'opzione migliore per club e grandi gruppi della stessa marca/modello. Questo evento celebrerà anche i veicoli militari locali e nazionali con un parcheggio dedicato e un'area espositiva.

Il più grande cruise-in locale della città è stato ribattezzato Caffeine and Octane Jacksonville dopo aver unito le forze con il marchio integrato dietro il più grande show automobilistico mensile del Nord America a Dunwoody, in Georgia, e il programma televisivo "Caffeine and Octane" su NBC Sports Network. L'evento ritorna negli stessi orari sabato 14 agosto e 11 settembre, con altri in arrivo nel corso dell'anno.

Il sondaggio mostra la Florida più amica dei veicoli elettrici

La Florida è al primo posto nella nazione in un indice di accessibilità dei veicoli elettrici degli Stati Uniti appena pubblicato, che valuta quanto ogni stato sia favorevole ai consumatori per l'acquisto di un veicolo elettrico. I voti migliori della Florida sono il risultato dello stato che consente le vendite dirette al consumatore, che sono vietate in 17 stati, afferma il Indice ConsumerChoiceCenter.org.

"La Florida ha dato la priorità all'accesso dei consumatori ai veicoli elettrici e altri stati dovrebbero seguire l'esempio della Florida", ha affermato David Clement, direttore degli affari nordamericani del Consumer Choice Center. ” … Nell'era odierna di informazioni illimitate a portata di mano e di sana concorrenza nel settore automobilistico, queste restrizioni hanno superato di gran lunga la loro data di scadenza. Altri stati dovrebbero fare esattamente quello che ha fatto la Florida e consentire le vendite dirette al consumatore".

Clement, autore dello studio, ha anche affermato che la Florida dovrebbe essere elogiata per il suo approccio tecnologicamente neutrale alle tasse di registrazione. La Florida concede in licenza i veicoli in base al loro peso e non discrimina i veicoli elettrici o i plug-in ibridi. Sfortunatamente, i consumatori in 28 stati devono affrontare costi di licenza sproporzionati se cercano di registrare il proprio veicolo elettrico, ha affermato.

Originariamente pubblicato qui.

Descrizione
it_ITIT