fbpx

Durante la pandemia, la sharing economy si è dimostrata uno dei modelli più resilienti di interazione umana.

Le app di consegna di cibo hanno svolto un ruolo importante nel preservare la nostra sanità mentale durante le quarantene e i blocchi, e le app di ride hailing ci hanno permesso di vedere i nostri cari quando il trasporto pubblico era inaccessibile. Tuttavia, a causa delle restrizioni ai viaggi, alcuni settori della sharing economy hanno subito gravi perdite. 

L'ultimo indice di Sharing Economy del Consumer Choice Center esamina l'impatto che la pandemia ha avuto sulla sharing economy in 50 città a livello globale. L'obiettivo principale dell'indice è quello di informare i consumatori sulla varietà dei servizi di sharing economy disponibili. Per misurare la cordialità della sharing economy globale, l'indice esamina la disponibilità e l'accesso a servizi di ride-hailing, flat-sharing, e-scooter, car sharing professionale, noleggio auto peer-to-peer e gym sharing. 

Alcuni governi hanno cercato di usare la pandemia come pretesto per ulteriori restrizioni della scelta dei consumatori nei suddetti campi. Ad esempio, nel giugno 2020, Amsterdam ha vietato agli affitti di alloggi a breve termine, incluso Airbnb, di operare nei tre quartieri del suo centro storico. Fortunatamente, il divieto è stato revocato nel marzo di quest'anno. 

Allo stesso modo, nel giugno 2020, il sindaco di Lisbona si è impegnato a "sbarazzarsi di Airbnb" una volta che la pandemia di coronavirus sarà finita. Tuttavia, Airbnb è ancora disponibile in città, e si spera che lo rimanga.

Secondo i risultati dello Sharing Economy Index 2021, le prime 10 città secondo l'indice sono Tallinn, Tbilisi, San Paolo, Riga, Vilnius, Varsavia, Kiev, Città del Messico, Oslo, Stoccolma.

Minsk, La Valletta, Amsterdam, L'Aia, Bratislava, Lubiana, Nicosia, Sofia, Tokyo, Atene, Città del Lussemburgo si sono invece ritrovate in fondo alla classifica.

L'Europa orientale continua ad avere un atteggiamento più liberale nei confronti della sharing economy, mentre i paesi dell'Europa occidentale e centrale si attengono all'approccio restrittivo. Entrambe le capitali nordiche, Stoccolma e Oslo, sono tra le migliori città al mondo favorevoli all'economia della condivisione. Allo stesso modo, anche i loro vicini nordeuropei - Tallinn, Vilnius e Riga - ottengono il punteggio più alto nell'indice. 

Tallinn rimane la città più favorevole all'economia della condivisione. Il suo basso livello di regolamentazione dei servizi di ride-hailing e flat-sharing, insieme all'apertura agli e-scooter e all'eccezionale innovazione nello spazio digitale, hanno contribuito a portarlo al primo posto. L'Estonia è famosa per il suo fiorente stato digitale e il fatto che esista persino un'app di carpooling per bambini rafforza questo fatto.

Sebbene i risultati dell'Indice 2021 non siano stati significativamente diversi da quelli dell'anno scorso e le città dell'Europa orientale e settentrionale sembrino aprire la strada allo scambio peer-to-peer, ci sono segnali che anche questo potrebbe presto cambiare. Man mano che i servizi di sharing economy guadagnano popolarità, la tentazione di regolarli eccessivamente cresce in modo esponenziale. La capitale dell'Ucraina Kiev, ad esempio, potrebbe presto diventare la prossima città europea a vietare gli e-scooter dai marciapiedi. 

L'Europa deve affrontare la regolamentazione della sharing economy in modo intelligente, e ciò implica mettere i consumatori e le loro esigenze al primo posto. L'eccessiva tassazione e la burocrazia sotto forma di vari permessi fanno più male che bene e fanno pagare il conto ai consumatori. Mentre ci stiamo riprendendo dalla pandemia, dobbiamo incoraggiare gli europei a scambiare efficacemente i propri beni tra loro e a trarne il massimo vantaggio. Il modo migliore per farlo è non togliersi di mezzo.

Originariamente pubblicato qui.

Condividere

Seguire:

Altri post

Iscriviti alla nostra Newsletter

Descrizione