fbpx

Cannabis

Il gruppo invita le province a "rimuovere immediatamente le barriere" alla consegna di erba in giornata

La consegna renderebbe la vita più facile ai canadesi durante l'epidemia di coronavirus, contribuendo allo stesso tempo a evitare il mercato nero.

Il centro di scelta del consumatore (CCC) vuole che il resto delle province canadesi si uniscano a Saskatchewan e Manitoba per consentire la consegna di cannabis in giornata.

Autodefinitisi campioni della libertà e dell'innovazione dello stile di vita, il gruppo ha osservato che l'erba non dovrebbe essere esclusa dall'ampio elenco di articoli quotidiani che i consumatori possono portare davanti alla porta di casa, specialmente ai tempi del COVID-19.

"I consumatori possono ordinare prodotti per la casa, cibo e alcol per la consegna in giornata", ha affermato David Clement, responsabile degli affari nordamericani per il CCC. "È sciocco vietare la consegna di cannabis in giornata da rivenditori autorizzati", ha affermato Clement.

“Con l'eccezione di Manitoba e Saskatchewan, i consumatori di cannabis devono aspettare giorni prima che Canada Post consegni gli ordini online. I governi provinciali dovrebbero rimuovere immediatamente le barriere legali per la consegna in giornata da parte dei rivenditori autorizzati".

Dopo la legalizzazione, Saskatchewan e Manitoba rapidamente emerso come banco di prova per i servizi di consegna di cannabis, grazie ai loro regimi di vendita al dettaglio relativamente liberali, che consentono agli attori privati di gestire negozi online.

Il risultato di tali politiche - che differiscono dalle regole in Ontario, Quebec, BC e Alberta, dove i negozi di cannabis online sono controllati dalla provincia - è stata una raffica di start-up di cannabis, tra cui Super Anytime Inc., Pineapple Express Delivery Inc. e Prairie Records che offrono la consegna in giornata ai consumatori di cannabis ricreativa.

L'Ontario Cannabis Store ha lentamente testato la consegna in giornata nella provincia, ma lo è attualmente disponibile solo per selezionare i codici postali nella Greater Toronto Area, Hamilton, Guelph e Waterloo.

Ma è giunto il momento di integrare il servizio a livello nazionale, ha affermato Clement. "Consentire la consegna in giornata aiuterà i consumatori di cannabis durante l'epidemia di COVID-19, ma aiuterà anche a combattere il mercato nero a lungo termine", ha affermato.

“Ci sono una varietà di opzioni online illegali per la consegna in giornata. Consentire ai rivenditori autorizzati di competere renderà il mercato legale più attraente e potrebbe aiutare i consumatori a passare dal mercato nero a quello legale", ha aggiunto.

Il gruppo di difesa dei consumatori è stato critico nei confronti della regolamentazione governativa della cannabis in passato, regolamenti pacchetto sbattente come "mano pesante" e sostenendo che i consumatori canadesi hanno pagato il prezzo per il governo incapacità di comprendere il farmaco.

Originariamente pubblicato qui.

Una spinta per una regolamentazione intelligente del CBD

Incoraggiare la concorrenza, la sicurezza, i fatti medici e lo sradicamento del mercato nero

ARLINGTON, Virginia — Vetrine appariscenti, nomi di marchi provocatori ed elenchi di benefici per la salute hanno elevato il cannabidiolo (CBD), un composto non inebriante presente nella cannabis, ad essere una delle tendenze dei prodotti più in voga oggi.

Che si tratti di salute, animali domestici o cure di bellezza, i casi d'uso del CBD stanno diventando mainstream. Non è raro sentire storie di consumatori che usano il CBD per alleviare il dolore alle articolazioni, ridurre l'ansia e migliorare il sonno.

Rivoluzione al dettaglio

La rivoluzione è già qui, ed è arrivata con furia. Le uniche barriere sono arrivate con la legalizzazione della canapa industriale nel Farm Bill del 2018. Quella legge ha creato una distinzione legale tra un parente della cannabis senza THC (tetraidrocannabinolo), comunemente noto come canapa, e la cannabis THC, che rimane classificata come marijuana ed è ancora illegale ai sensi del Controlled Substances Act.

Quella legge è stata un enorme impulso per agricoltori, imprenditori e consumatori nello spazio CBD. E mentre ha risposto a molte domande, ne ha suscitate molte altre che richiederanno tempo e riflessione per essere risolte: chi testa l'effettivo contenuto di CBD di questi prodotti? Da dove provengono questi prodotti? Quali benefici e indicazioni sulla salute sono legittime?

La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha corso per recuperare il ritardo. Finora si è concentrato su false indicazioni sulla salute fornite dai produttori. Nel frattempo, la FDA sostiene ancora che i prodotti alimentari contenenti CBD siano illegali, nonostante la loro ampia disponibilità nei negozi praticamente in ogni stato e nessun vero metodo di applicazione.

Nel maggio 2019, la FDA ha invitato scienziati, imprenditori e consumatori a partecipare a un'audizione pubblica. A seguito delle dichiarazioni e delle presentazioni di dozzine di partecipanti, me compreso, la FDA rimane incerta su ciò che i consumatori e i proprietari di c-store che cercano di provare o vendere prodotti CBD devono fare per conformarsi alla legge.

La FDA è in attesa di ulteriori istruzioni dai legislatori del Congresso, che attualmente stanno lanciando una miriade di proposte per affrontare la cannabis. L'ultimo classificherebbe il CBD come un integratore per la salute, esentandolo da una regolamentazione più rigorosa e consentendo una più ampia distribuzione in alimenti e bevande.

Problemi fondamentali

A parte questo, ci sono ancora molte lacune da colmare. Considerando che molti proprietari di negozi vendono attualmente questi prodotti, è importante che sia i venditori che i consumatori siano consapevoli delle questioni fondamentali che dovrebbero essere affrontate dalla FDA e dalle autorità di regolamentazione.

In quell'udienza di maggio, il mio gruppo, il Consumer Choice Center, ha presentato i seguenti suggerimenti alla FDA se desidera implementare una regolamentazione intelligente del CBD. Una regolamentazione intelligente incoraggerebbe la concorrenza, la sicurezza, i fatti medici e lo sradicamento del mercato nero.

I suggerimenti sono:

  • Sviluppa standard di etichettatura chiari, inclusa la percentuale di CBD e THC.
  • Consenti pubblicità e branding gratuiti.
  • Consenti indicazioni sulla salute e benefici dichiarati.
  • Abbraccia la riduzione del danno consentendo i prodotti CBD in alimenti, bevande, oli e prodotti topici che non richiedono combustione.

Ci auguriamo che la FDA prenda sul serio questi punti e che questi principi siano seguiti anche dall'industria.

Cosa dovrebbe fare il professionista c-store curioso di CBD se vuole immergersi nei prodotti CBD?

  • Mantenere uno standard elevato per i prodotti che forniscono.
  • Scegli solo prodotti con un'etichettatura chiara e indicazioni sulla salute ragionevoli.
  • Leggi le schede informative e i materiali inclusi forniti con gli ordini da rinomate aziende di CBD.
  • Utilizza servizi di test indipendenti per controllare i livelli di CBD e altri composti.

Imprenditori e consumatori possono lavorare insieme oggi per garantire un mercato competitivo con innovazioni sicure, vantaggiose ed entusiasmanti che forniranno valore a tutti.

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

Livellare il campo del consumo di cannabis legalizzando il consumo negli spazi commerciali

Seminterrati e garage una volta erano gli unici posti in cui si poteva consumare cannabis in pace. Ma ora, se il processo di consultazione provinciale promuove gli interessi dei consumatori, milioni di residenti dell'Ontario potranno provare alcune forme della nuova sostanza legale in ambienti commerciali autorizzati, inclusi bar, lounge e festival all'aperto. Un avvertimento a questo sviluppo è che la provincia non rivedrà il Smoke Free Ontario Act, quindi solo l'ingestione di prodotti a base di cannabis, non il fumo, sarà presa in considerazione per gli spazi pubblici chiusi.

Aumentando in modo significativo la scelta dei consumatori, andare avanti con il consumo commerciale sarebbe una grande vittoria per i consumatori di cannabis in Ontario. Questa mossa avvicinerebbe la regolamentazione della cannabis alla regolamentazione dell'alcol, un grande miglioramento rispetto alle attuali regole sulla cannabis "lock-and-key". Ancora più importante, ciò eleverebbe il mercato legale rispetto a quello illegale, offrendo ai consumatori qualcosa che il mercato nero non potrebbe mai offrire: un luogo legale e controllato dove consumare.

Detto questo, le specifiche di come l'Ontario regola il consumo sono fondamentali. Gli alimenti e le bevande dovrebbero essere disponibili in qualsiasi ristorante, bar o club attualmente autorizzato a vendere alcolici, nonché in stabilimenti indipendenti dedicati esclusivamente al consumo di cannabis. Il pronto accesso allo spazio di consumo legale è ciò che alla fine può rendere il mercato legale più attraente dell'alternativa. Il mercato nero ha sempre avuto varie forme di cannabis commestibile disponibili per la vendita, ma non ha mai offerto un luogo controllato e legale in cui gli utenti potessero ingerirla o consumarla. Liberalizzando dove consente il consumo di cannabis, il governo dell'Ontario può potenziare il mercato legale e regolamentato a scapito del commercio illecito.

C'è chi dice che cannabis e alcol non dovrebbero essere mescolati, e tale comportamento non dovrebbe essere incoraggiato consentendone la vendita negli stessi luoghi. È vero: le persone non dovrebbero mescolare cannabis e alcol. Ma ciò non significa che questi prodotti non debbano essere resi disponibili uno accanto all'altro, soggetti a un'adeguata regolamentazione. I programmi di certificazione provinciale potrebbero formare i server sia sui rischi della combinazione di alcol e cannabis sia su come evitare gli abusi ove possibile. Ci affidiamo già ai server certificati per comprendere i danni dell'intossicazione da alcol e per interrompere i clienti quando sono intossicati. Non è irragionevole credere che possano aiutare a imporre un consumo responsabile di cannabis.

Oltre al consumo commerciale, la provincia sta anche prendendo in considerazione un permesso per occasioni speciali (SOP) per accogliere il consumo di cannabis in occasione di concerti e festival all'aperto, da utilizzare separatamente o insieme a un SOP per alcolici. Questo dovrebbe essere ragionevolmente semplice da implementare. I festival sarebbero in grado di offrire ai loro partecipanti adulti una gamma più ampia di prodotti, a vantaggio sia dei venditori che dei futuri clienti. Per quanto riguarda il fumo o lo svapo di cannabis, i festival avrebbero il diritto di consentirlo in aree delimitate o soggette a limiti di età o ovunque attualmente consentano l'uso del tabacco. I commestibili e le bevande potrebbero essere venduti insieme agli alcolici purché i server abbiano la certificazione adeguata.

Come si inseriscono i comuni? L'Ontario ha realizzato il tremendo sbaglio di concedere ai consiglieri comunali locali il diritto di veto sulla vendita al dettaglio di cannabis entro i limiti della loro città. Una città o un paese che rinuncia alla vendita al dettaglio di cannabis ovviamente non significa che i consumatori di quelle città e paesi non possano acquistare cannabis. Li spinge solo indietro nel mercato illegale, che è esattamente ciò che vogliamo evitare.

L'Ontario non dovrebbe commettere lo stesso errore con il consumo. Se un ristorante, un bar, un club o una lounge può soddisfare le licenze provinciali richieste per la vendita di alimenti e bevande, dovrebbe essere libero di farlo senza che i consiglieri comunali ficcanaso si intromettano nei loro affari.

Il via libera al consumo commerciale di cannabis è la cosa giusta da fare. Ma la provincia deve fare le cose per bene. Politiche competitive e favorevoli ai consumatori per il consumo commerciale darebbero ai consumatori maggiore scelta e convenienza e aiuterebbero a intaccare il mercato nero ancora prevalente.

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

Conclave di cannabis a Davos im Jahr 2020

Zum zweiten Mal in der Schweiz mit genauen Legalisierungsvorstellungen

2019 gab es eine Premiere auf dem Weltwirtschaftsforum in den Schweizer Gefilden um Davos. Menschen aus dem Cannabis-Business and Experten auf dem Gebiet luden zum geselligen Stelldichein ein und besprachen in squisitar Atmosphäre die abgeschlossenen Entwicklungen und die Zukunft der Cannabis-Branche. Auch in diesem Jahr bot sich in Davos die Gelegenheit, mit den Geschäftemachern des speziellen Sektors und mit aufgeschlossenen Personen aus der Politik ins Gespräch zu kommen, um die Weichen für eine bessere Zukunft zu stellen. Dass es endlich an der Zeit für eine zeitgemäße Anpassung in der Drogen- und Gesundheitspolitik ist, bewies die Cannabis Conclave in Davos im Jahr 2020 erneut.

Auch im Jahr 2020 brachte die Cannabis Conclave verschiedene Führungskräfte der Cannabisindustrie, einige globale Investoren sowie politische Entscheidungsträger und internationale Medien zusammen, um die weltweite Legalisierungsdebatte – sowohl für Freizeit- als auch für medizinisches Cannabis – angemessen voranzutreiben und die wachsende Legitimität und Reife der legalen Cannabisindustrie hervorzuheben. Il 23 gennaio, durante l'ultimo evento, David Clement ha iniziato a lavorare al North American Affairs Manager del Consumer Choice Center. Im Gespräch mit dem Medical Cannabis Network gab Clement einige Details bekannt, die ihn zu seinem Engagement führten, welches er vor, während und nach den Tagen des Weltwirtschaftsforums benötigte und benötigen wird. „Sowohl auf internationaler als auch auf nationaler Ebene ist das Hauptproblem in der Thematik, dass die Gesetzgebung nicht auf Verbraucher oder Patienten ausgerichtet ist. Legalisierungsgesetze, ob im medizinischen Bereich oder bezüglich des Freizeitgebrauches, sollten immer den Zugang und die Erschwinglichkeit in den Vordergrund stellen. Leider ist muore in vielen Bereichen nicht der Fall. Es ist an der Zeit, dass internationale Gremien erkennen, dass der Krieg gegen Drogen ein Misserfolg ist, insbesondere wenn es um Cannabis geht. Ich denke, dass alle Länder in der Lage sein sollten, Cannabisvorschriften entsprechend ihren spezifischen Bedürfnissen zu erlassen. Trotzdem möchte ich alle Regierungen nachdrücklich ermutigen, den Krieg gegen Drogen aufzugeben und Cannabis zu legalsieren.“ Weiter führt David Clement an, dass es mehr Länder geben müsste, die sich dem Beispiel Kanadas annehmen und so zu einem internationalen Umschwung führen. „Die Legitimität der Branche kann dadurch gefestigt werden, dass weitere Länder die Legalisierung von Medizinalhanf und Freizeitgebrauch übernehmen. Kanada hat trotz seiner Regulatorischen Fehler einen Kurs festgelegt, auf dem andere Länder diesem Beispiel folgen können. Wir sind zuversichtlich, dass in naher Zukunft ein Wendepunkt auf internationaler Ebene ansteht, wenn immer mehr Länder die Legalisierung übernehmen.“ Dass sich zumindest peu à peu etwas bewegt, ließ Clement dabei nicht unerwähnt. „Die großen Entwicklungen für Cannabis im Jahr 2020 werden neue Rechtsordnungen sein, die eine Legalisierung umfassen. Wir wissen, dass Luxemburg und Malta derzeit prüfen, wie ihr Legalisierungsprozess tatsächlich aussehen könnte. Ein großes Thema dieser beiden Länder ist die Frage, wie viel sie von Kanada lernen können. Wir hoffen beispielsweise, dass diese beiden Länder, obwohl sie die Legalisierung befürworten, eine Überregulierung von Cannabis vermeiden werden, wie sie in Kanada stattfand.“ Era damit genau meint, führt der Affairs Manager des Consumer Choice Center auch an. „Nur durch patienten- und verbraucherfreundliche Vorschriften kann sichergestellt werden, dass die Legalisierung erfolgreich ist und der Schwarzmarkt verdrängt wird.“ Positiv wird David Clement auch dadurch gestimmt, dass die Welt nun mittlerweile ernsthaft zuhöre, wenn es um das Thema der Cannabislegalisierung geht – dies hätte ihm die Cannabis Conclave im Jahr 2020 a Davos bewiesen.

Der dort ebenfalls anwesende Stephen Murphy von Prohibition Partners sagte dazu in einem Interview mit Benzinga, dass es mit Cannabis erst jetzt vorangehe. Es fehlten derzeit noch die großen Marken auf dem Markt, sodass noch viel Platz für Teilnehmer übrig sei, die sich in dem vielversprechenden Geschäftsfeld versuchen wollen. Er betonte zudem, dass Cannabis zahlreiche Branchen abdeckt, darunter Getränke, Lebensmittel, Gesundheitswesen, Schönheitspflege, Wellness, Bauwesen, Textilien, Ingenieurwesen, Technologie, Tierpflege, Biokraftstoffe und sogar Bettwäsche. In den vergangenen drei Jahren, seitdem man seitens Prohibition Partners die Branche beobachte, habe dennoch bereits ein erstaunliches Wachstum stattgefunden, das nun weit über die damals fünf bis sechs existierenden Märkte reichen würde. Zudem gäbe es Hunderttausende von Menschen auf der ganzen Welt, die medizinisches Cannabis konsumierten, und man habe mittlerweile significant Beweise dafür, dass alleine diese Tatsache eine Umsetzung von neuen Gesetzen rechtfertige, sagte er. Man könne derzeit bestimmte Einstufungen benutzen, um den Zugang zu Cannabis in den unterschiedlichsten Ländern zu beschreiben. Es wäre daher eine sehr eingeschränkte und verzerrte Denkweise, wenn Menschen in Großbritannien verzweifelt an Cannabis zu medizinischen Zwecken gelangen wollten – dies aber nicht dürften, weil es von offizieller Stelle „nicht genug Daten“ gäbe – während in Israel und Kanada Personen damit schon lange behandelt werden. Immerhin habe man mittlerweile auch einen immer stärken Druck auf die unterschiedlichen Regulierungsbehörden feststellen können, welche allesamt eigene Gesetze, Richtlinien und Anträge zum Thema Cannabis besitzen. Es gäbe daher nun auch große Möglichkeiten für die Forschung und den allgemeinen Fortschritt, die die aktuell noch bestehenden großen Wissenslücken schrumpfen lassen könnten, welche global endlich unbedingt geschlossen werden müssten.

Legalizzare – in tutto il mondo!

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

QUESTO È UN INVOLUCRO. DAVOS 2020 È NEI LIBRI.

Questa era la mia terza volta a Davos ed ero entusiasta di incontrare e ascoltare imprenditori, capi di governo, ONG e giornalisti di alto livello provenienti da tutto il mondo. Avrei imparato qualcosa di nuovo questa volta? Ci sarebbero critiche giustificate? Gli attivisti ambientalisti o anti-globalisti dominerebbero l'agenda di quest'anno?

Alcuni analisti dubitano che Davos abbia il potere di fornire le soluzioni inclusive e sostenibili che le persone e il pianeta desiderano ardentemente nel prossimo decennio. E che è tempo di agire. Non solo parole. La tradizionale risposta del WEF alle critiche secondo cui è troppo facile fare freeride a Davos, è che deve essere una piattaforma neutrale, aperta a visioni contrastanti, anche a coloro che sono contrari ai suoi obiettivi. Come afferma il fondatore del WEF Klaus Schwab nel recente nuovo documentario “Das Forum”, “Se tu fossi un prete in una chiesa, vorresti che i peccatori venissero a trovarti la domenica.”

Per l'incontro annuale di quest'anno, il WEF ha cercato di mettere i propri soldi dove era la bocca. Da un lato, ha invitato un gruppo di attivisti adolescenti, tra cui la diciassettenne Greta Thunberg, ad aprire una delle sue sessioni principali sull'attuale crisi climatica. D'altra parte, il WEF ha accolto calorosamente il presidente degli Stati Uniti Donald Trump come oratore di apertura con un tono di rielezione senza fine.

Sebbene sia facile prendere in giro Davos come un talkfest dell'élite aziendale, ci sono molte più piattaforme a Davos rispetto a quelle riunioni ufficiali evidenziate dai media mainstream. Mentre ci sono solo 3.000 partecipanti ufficiali, altri 30.000 partecipano a eventi collaterali. Di seguito puoi trovare le mie prime cinque esperienze personali – per quello che vale.

1."Abbiamo dimostrato che possiamo fermare le interferenze elettorali e garantire la privacy" (Sheryl Sandberg, COO Facebook)

È stato fantastico ascoltare sia Sheryl Sandberg che Nick Clegg, l'ex vice primo ministro del Regno Unito che ora è responsabile degli affari globali di Facebook e il suo principale lobbista. Sheryl Sandberg e Nick Clegg hanno parlato a un evento privato a Davos e hanno rivelato che Facebook sta lanciando un nuovo "controllo della privacy” a 2 miliardi di persone per vedere come vengono utilizzati i loro dati.

Nonostante le storie sull'hacking, la mancanza di diversità e altri problemi nel settore, il direttore operativo di Facebook Sheryl Sandberg è ottimista sul potenziale della tecnologia per migliorare la vita delle persone. Ha detto ai partecipanti a un evento privato a Davos che il mondo è "in un'era chiaramente nuova e molto più complicata.” Ha detto che mentre Davos storicamente si concentra sulla sicurezza economica, voleva parlare di come Facebook stesse risolvendo il problema.

Stiamo democratizzando l'accesso per le piccole imprese", ha affermato Sandberg, citando un rapporto economico che afferma che 25 milioni di piccole imprese hanno guidato app Facebook utilizzate, come Marketplace. Il rapporto afferma anche che Facebook ha creato 3 milioni di posti di lavoro nelle economie europee.

Pur riconoscendo che Facebook non ne sapeva abbastanza sulla rimozione di contenuti dannosi o sulla prevenzione di interferenze elettorali nel 2016, ha affermato Clegg. “Da allora abbiamo dimostrato alle elezioni che possiamo fermare le interferenze elettorali e garantire la privacy.” Clegg è stato anche chiaro nelle richieste di una maggiore supervisione del governo. “Pensiamo che ci debbano essere più vincoli per aziende come la nostra e più standard a cui tutti possiamo aderire in modo da poter decidere insieme cos'è il discorso politico, quali sono i contenuti che dovrebbero essere rivisti, qual è la privacy che le persone dovrebbero avere.” Egli ha detto.

Nonostante ciò che Sandberg ha definito "le principali sfide" che Facebook sta affrontando, ha detto ai partecipanti: "Pensiamo di fare progressi perché ci stiamo unendo e abbiamo continuato a fare del nostro meglio per fare di più”, ha detto Sandberg. “Ma quando dai voce a 2,8 miliardi di persone, succede sempre qualcosa di brutto.”

2. “La forza lavoro della sicurezza informatica è ancora troppo maschile e pallida” (Jim Alkove, Chief Trust Officer Salesforce)

Alla cena Invest in Flanders, abbiamo avuto un'interessante conversazione con Jim Alkove, Chief Trust Officer di Salesforce. Responsabile dell'ampia gestione delle informazioni, della privacy, delle frodi, degli abusi e dell'affidabilità, è l'ambasciatore del valore numero uno di Salesforce, che è la fiducia.

Jim Alkove ha spiegato come il crimine informatico sia ora una minaccia da 5,2 trilioni di dollari per l'economia mondiale nei prossimi 5 anni. Questa è la dimensione delle economie di Francia, Italia e Spagna messe insieme. La buona notizia è che gran parte di questo impatto può essere mitigato da una semplice igiene della sicurezza come l'applicazione di patch ai sistemi, gli aggiornamenti software e l'implementazione dell'autenticazione a più fattori per gli utenti. Quest'ultimo è spesso percepito come un dolore per gli utenti benestanti. Ma quando tutti abbiamo iniziato a usare le cinture di sicurezza nelle auto, c'erano anche molte persone che lo trovavano scomodo. Alla fine, sappiamo tutti che è meglio così.

Attualmente stiamo affrontando una carenza di competenze in materia di sicurezza informatica, equivalente a una carenza di 3,5 milioni di lavoratori in tutto il mondo entro il 2021. È ancora una forza lavoro maschile e pallida. Salesforce sta esaminando come democratizzare le competenze e portare una forza lavoro più innovativa e diversificata nella sicurezza informatica. Vogliono rivolgersi al più grande pool di talenti possibile, non solo con i tradizionali veicoli educativi. Ecco perché Salesforce ha creato un'Accademia di sicurezza informatica sulla propria piattaforma di apprendimento online. Ciò consente a tutti di entrare e acquisire le competenze di cui hanno bisogno per migliorare le proprie competenze e riqualificarsi in nuovi lavori nella sicurezza informatica.

3. Sia la luce” (David Cohen, CEO Fluence)

Per il secondo anno consecutivo ho aderito al Cannabis Conclave, organizzato dal Consumer Choice Center. Hanno organizzato di nuovo il loro vertice in alta montagna, quindi ho preso la funivia per ascoltare le intuizioni di alcuni dei principali dirigenti della cannabis. La crescente industria della cannabis, sia per uso ricreativo che medicinale, è chiaramente uno dei settori da tenere d'occhio nei prossimi anni. I partecipanti non provenivano solo dall'industria della cannabis, ma includevano anche investitori globali, giornalisti economici e politici. Il Consumer Choice Center vuole utilizzare questo evento per alimentare il dibattito sulla legalizzazione a livello globale e mostrare la legittimità e la maturità di questa crescente industria legale.

È stato incoraggiante vedere che investitori, leader di pensiero, ricercatori e responsabili delle politiche pubbliche di tutto il mondo (dal Canada al Lussemburgo fino alla Cina) stanno contribuendo alla crescita dell'industria della cannabis. Alla fine servono i consumatori che chiedono a gran voce cambiamenti ai sistemi legali, all'assistenza sanitaria e al sentimento globale. Una migliore comprensione dei benefici della cannabis ha solo aiutato poiché i dati e la ricerca preliminare continuano a far cambiare idea anche agli scettici più scettici.

Uno dei relatori principali è stato David Cohen, CEO di Fluence by Osram (l'azienda tedesca di illuminazione). Nel suo intervento illuminante, ha sottolineato i vantaggi dell'utilizzo dell'illuminazione a LED per i coltivatori di cannabis. Negli Stati Uniti, dove è legale coltivare cannabis in un numero crescente di stati, 75 % di coltivatori di cannabis stanno ora orientando gli acquisti di illuminazione in base all'efficienza energetica e all'intensità della luce. Le sue intuizioni sull'uso dell'illuminazione a LED confermano che l'industria della cannabis sta adottando un approccio a lungo termine per un'industria stabile, sostenibile e redditizia.

4. In sostanza, stiamo alimentando una generazione di agenti del cambiamento” – (Noella Coursaris-Musunka, CEO e fondatrice Malaika)

Una delle sessioni più impressionanti a cui ho partecipato è stata una tavola rotonda piena di donne forti. Organizzato dal Global Citizen Forum e dal Global Fund, questo evento ha voluto esplorare il potere di trasformazione dell'istruzione e della sanità e gettare le basi per un impatto ancora maggiore. Sono rimasto particolarmente colpito da Noella Coursaris-Musunka, fondatrice e CEO di Malaika. Fondata nel 2007, Malaika sta influenzando migliaia di vite nella RDC attraverso un migliore accesso all'istruzione, all'assistenza sanitaria e all'acqua pulita. stabilire un modello guidato dalla comunità che può essere replicato sulla scena globale.

La missione di Malaika è dare potere alle ragazze congolesi e alle loro comunità attraverso programmi educativi e sanitari. Questa no-profit di base opera nel villaggio di Kalebuka, nella regione sud-orientale della Repubblica Democratica del Congo (Lubumbashi, RDC) e ha cambiato un'intera comunità.

Una ragazza istruita aumenterà i suoi guadagni futuri di circa 10-20% per ogni anno in più di scuola e ne reinvestirà la maggior parte nella famiglia e nella comunità. Questi sono fattori chiave nello sviluppo socio-economico di una nazione, eppure le ragazze devono ancora affrontare enormi ostacoli per ottenere un'istruzione nella RDC. Malaika mobilita risorse affinché queste ragazze possano ricevere la migliore scolarizzazione possibile, fornendo loro maggiori scelte, opportunità e la capacità di prendere decisioni informate.

L'obiettivo di Malaika è costruire la capacità di leadership di ogni singolo studente in modo che restituisca alla sua comunità e abbia un impatto positivo a lungo termine sul futuro della Repubblica Democratica del Congo. “In sostanza, stiamo alimentando una generazione di agenti del cambiamento” ha detto Noella Coursaris-Musunka. Allo stesso tempo, Malaika ha un impatto sulla comunità circostante attraverso la programmazione di attività ricreative e di vita per adulti e bambini, nonché lo sviluppo di infrastrutture essenziali. Con l'eccezione degli insegnanti congolesi assunti localmente e del personale di supporto, Malaika è gestito da esperti e volontari pro bono del settore pubblico e privato.

5. Non mangiare mai da solo” (ispirato da Keith Ferrazzi)

Per il terzo anno consecutivo, abbiamo ospitato una piccola cena di discussione a Davos, subito dopo il tradizionale ricevimento di potere belga con il primo ministro belga Sophie Wilmes e il re Philippe.

Ci siamo goduti una calda serata riconnettendoci con vecchi e nuovi amici belgi e 2 colleghi olandesi. Allo stesso tempo, questo ci ha permesso di sfuggire alla follia degli speed dating della montagna di Davos. È stata una serata informale con responsabili politici, dirigenti aziendali e opinionisti in cui il networking è passato in secondo piano rispetto all'amicizia e alla gioia e una gradita opportunità per staccarsi dal frenetico fervore di Davos.

Cosa serve per trasformare le Fiandre, il Belgio o l'Europa in una regione più dinamica? Come creiamo più ricchezza? Come possiamo dare una risposta alle sfide del 21° secolo? Per affrontare questi temi, abbiamo riunito un gruppo selezionato di dirigenti d'azienda, responsabili politici e opinion leader durante una cena svizzera conviviale per una discussione aperta.

Concludendo: quasi ogni conversazione a Davos riguardava l'azione per il clima o la sostenibilità. Ciò è stato reso più semplice perché diventare verdi ora è redditizio per la maggior parte del tempo. I fattori che spingono le aziende a diventare più sostenibili provengono da ogni parte: la scienza, le iniziative dei governi e delle autorità di regolamentazione, l'aumento della pressione dei consumatori e le richieste degli investitori. Le aziende meglio preparate vedono opportunità e rischi e si stanno preparando di conseguenza.

Non sottovalutare mai il potere delle chiacchiere, qualcosa in cui Davos Woman e Davos Man eccellono. Davos può essere più che parole e gesti vuoti, se aiuta a creare un consenso sulla necessità di un'azione collettiva per affrontare le sfide globali come il cambiamento climatico. Questo è ciò che riguarda Davos. Niente di più, niente di meno. Si chiama influenza.

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su 
consumerchoicecenter.org

Cannabis Conclave 2020 soprannominato i "ribelli di Davos"

La scorsa settimana, il Conclave della cannabis ha avuto luogo a Davos, in Svizzera. L'evento è stato soprannominato da alcuni come il "lato ribelle" di Davos.

Il Conclave è stato ospitato dal Consumer Choice Center e dai Prohibition Partners.

“L'evento ha visto la partecipazione di leader del settore, investitori e responsabili politici provenienti da oltre 25 paesi diversi. Lo scopo dell'evento è continuare ad alimentare il dibattito sulla legalizzazione a livello internazionale", ha dichiarato a Benzinga David Clement, North American Affairs Manager presso Consumer Choice Center.

Legalizzazione della Cannabis

“Alimentare il dibattito sulla legalizzazione, e il progresso della legalizzazione, richiede tre cose", ha detto Clement. “In primo luogo, abbiamo bisogno di responsabili politici che siano aperti all'idea e che si rendano conto che la guerra alla droga sta fallendo. In secondo luogo, abbiamo bisogno di imprenditori che vogliano entrare nello spazio legale e soddisfare la domanda di consumatori e pazienti”.

Clement ha affermato che l'industria ha bisogno di investitori che aiutino a catapultarla in avanti in modo che possa espandersi e, infine, eliminare il mercato nero.

“Ecco perché riuniamo questi tre gruppi a Davos. Un titolo ci ha chiamato il "Ribelli di Davos", spiegando che il Cannabis Conclave è il lato più tagliente e audace di ciò che accade durante il World Economic Forum", ha detto Clement.

La squadra è impegnata a tornare nel 2021.

Ascolta Yaël Ossowski e Clement Radio scelta del consumatore discutere ulteriormente il Cannabis Conclave qui: https://consumerchoicecenter.org/radio/ep3/

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su 
consumerchoicecenter.org

Il conclave della cannabis di Davos avanza la causa per la legalizzazione

Il secondo importante evento annuale dell'industria della cannabis, il Cannabis Conclave, è tornato a Davos questo gennaio per riunire leader del settore e responsabili politici.

Quest'anno il Conclave della cannabis ha riunito dirigenti dell'industria della cannabis, investitori globali, responsabili politici e media internazionali per alimentare il dibattito sulla legalizzazione a livello globale, sia per la cannabis ricreativa che medica, e per evidenziare la crescente legittimità e maturità del legale industria della cannabis.

Il Centro di scelta dei consumatori ha organizzato l'evento che si è svolto a Davos, in Svizzera, il 23 gennaio 2020.

Rete di cannabis terapeutica ha parlato con l'organizzatore, David Clement, per saperne di più.

Cannabis Conclave 2020

Mentre i dirigenti, gli attivisti e i responsabili del cambiamento più influenti del mondo scendono a Davos, il conclave mirava a portare la cannabis in primo piano e al centro della discussione globale.

Clement, North American Affairs Manager presso il Consumer Choice Center, ha dichiarato: “Sia a livello internazionale che nazionale, il problema numero uno è che la legislazione non è incentrata sul consumatore o sul paziente. Le fatture di legalizzazione, siano esse mediche o ricreative, dovrebbero sempre mettere al primo posto l'accesso e l'accessibilità. Sfortunatamente, in molti casi non è così. È tempo che gli organismi internazionali si rendano conto che la guerra alla droga è un fallimento, in particolare la sua attenzione alla cannabis.

“Penso che i paesi dovrebbero essere in grado di elaborare regolamenti sulla cannabis per soddisfare le loro esigenze specifiche. Detto questo, incoraggerei vivamente tutti i governi ad abbandonare la guerra alla droga e a legalizzare la cannabis".

Il networking di fascia alta che si verifica al conclave garantisce la giusta quantità di condivisione delle conoscenze per collaborazioni future e per una politica più intelligente incentrata sui consumatori.

Clements ha dichiarato: “La legittimità dell'industria può essere cementata facendo in modo che altri paesi abbraccino la legalizzazione medica e ricreativa. Il Canada, nonostante i suoi errori normativi, ha tracciato una rotta affinché altri paesi seguano il loro esempio. Speriamo che, man mano che sempre più paesi adotteranno la legalizzazione, un punto di svolta a livello internazionale sia nel prossimo futuro”.

Cannabis nel 2020

Il 2020 è stato considerato un grande anno per la cannabis, con l'aspettativa che sia la cannabis ricreativa che quella terapeutica diventeranno molto più "normalizzate".

Clements ha dichiarato: “I grandi sviluppi per la cannabis nel 2020 saranno nuove giurisdizioni che abbracceranno la legalizzazione. Sappiamo che Lussemburgo e Malta stanno attualmente rivedendo come potrebbe essere il loro processo di legalizzazione. Un grande tema di questi due paesi è la domanda su quanto impareranno dal Canada? Ad esempio, la nostra speranza è che, pur abbracciando la legalizzazione, questi due paesi evitino di regolamentare eccessivamente la cannabis come ha fatto il Canada.

"Avere regolamenti a misura di paziente e consumatore è l'unico modo per garantire che la legalizzazione abbia successo e che il mercato nero sia eliminato".

Ha aggiunto: "Un grande risultato del Cannabis Conclave 2020 è che il mondo ora sta ascoltando quando si tratta di legalizzazione della cannabis".

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su 
consumerchoicecenter.org

NOBL completa il round di finanziamento della serie A a Davos, Altitude Investment Management tra i partecipanti al round

Società di consulenza e dati sulla cannabis NOBL ha dichiarato giovedì di aver finalizzato la sua raccolta fondi di serie A a Davos e un sostegno di capitale di 1,25 milioni di sterline ($1,64 milioni).

Altitude Investment Management, Enexis AB e Artemis Growth Partners sono alcuni degli investitori di cannabis dominanti che hanno sostenuto il round.

Chiudere la nostra serie A con il calibro degli investitori che abbiamo portato è indicativo della nostra performance e reputazione. Abbiamo dimostrato di comprendere i mercati globali, lanciare marchi leader del settore e gestire aziende tenaci che generano una crescita dei ricavi mese su mese ", ha dichiarato il co-fondatore, Stephen Murphy, in una dichiarazione all'evento Cannabis Conclave co-ospitato da NOBL a Davos.

NOBL offre una piattaforma di portfolio che contiene alcune delle aziende e dei marchi leader del settore, come Atalis, European Cannabis Weeks, Prohibition Partners, NOBL Live e Cannabis Europa.

"Continueremo a investire in talento e innovazione, consentendo anche alle nostre società operative di prendere decisioni aziendali più intelligenti ed efficaci che daranno forma al futuro dell'industria globale della cannabis in modo significativo e di grande impatto", ha affermato Murphy.

Michael Goldberg, partner di Altitude Investment Management, ha dichiarato: "Abbiamo collaborato con il team di NOBL negli ultimi due anni e siamo lieti di investire in questo round di finanziamento mentre NOBL continua a plasmare il futuro della cannabis globale attraverso la conoscenza e l'intelligenza con i suoi dati, approfondimenti e opportunità di networking superiori.”

Davos 2020 Cannabis Conclave: Alla scoperta del futuro del mercato europeo

La cannabis terapeutica in Europa sta lentamente guadagnando terreno, ma ci sono ancora una serie di ostacoli intorno alla regolamentazione che deve essere recuperata.

Parlando al Conclave della cannabis La scorsa settimana a Davos, in Svizzera, Stephen Murphy di Prohibition Partners ha discusso della politica sulla cannabis terapeutica e dell'importanza della condivisione delle conoscenze in tutto il continente.

Murphy ha affermato che i grandi marchi devono ancora entrare nel mercato della cannabis, quindi esiste meno concorrenza rispetto ad altri settori. La correzione del mercato offre una finestra di opportunità per la generazione di nuovi marchi, imprese e idee. Ha sottolineato che la cannabis copre numerosi settori come bevande, cibo, assistenza sanitaria, bellezza, benessere, edilizia, tessile, ingegneria, tecnologia, cura degli animali domestici, biocarburanti e biancheria da letto.

"Quando abbiamo iniziato a monitorare e identificare ciò che sta accadendo nello spazio della cannabis, c'erano da cinque a sei mercati legali nei tre anni che abbiamo visto crescere", ha detto Murphy, che ha notato che il mercato CDB in particolare sta davvero decollando.

"Ci sono centinaia di migliaia di persone che usano cannabis terapeutica in tutto il mondo e disponiamo già di prove significative che giustificano l'attuazione della legislazione", ha affermato.

“Penso che possiamo mettere in atto delle fasi in termini di livelli di accesso alla cannabis. L'implicazione della disponibilità di cannabis terapeutica in Israele e in Canada quando ci sono pazienti nel Regno Unito che cercano disperatamente di ottenere l'accesso e non possono perché "non ci sono dati sufficienti" è un pensiero molto distorto".

Murphy ha affermato che abbiamo iniziato a vedere molta pressione sugli organismi di regolamentazione che hanno tutti progetti di legge, politiche e mozioni sulla cannabis. Ci sono anche grandi opportunità nella R&S e c'è un enorme divario di conoscenze che deve essere colmato.

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su 
consumerchoicecenter.org

L'industria della cannabis si riunisce a Davos: "Nessun proiettile d'argento si sbarazza di un prodotto illegale"

Cannabis Industry Gathers In Davos: 'No Silver Bullet Gets Rid Of An Illegal Product'

Questa settimana si è svolto il World Economic Forum (WEF) a Davos, in Svizzera, e accanto all'evento principale c'è stato un gruppo di piccoli e accoglienti raduni di cannabis ospitati nelle Alpi.

La Svizzera è uno dei miei paesi preferiti per un viaggio d'affari e questa settimana ho sperimentato il massimo del lusso che ha comportato sorseggiare champagne e discutere di erba - e l'atmosfera era davvero perfetta.

Leader aziendali, pesi massimi finanziari e politici di spicco di tutto il mondo si sono riuniti per discutere questioni chiave che ruotano attorno al cambiamento climatico e al business sostenibile. È stimato intorno Quest'anno hanno partecipato 119 miliardari e 53 capi di stato.

Il Cannabis Conclave è stato un grande successo l'anno precedente, un evento ospitato da David Clement del Consumer Choice Center. L'evento ha registrato una buona partecipazione di gestori di hedge fund e autorità di regolamentazione, attirando folle da Canada, Svizzera, Europa, Israele e Cina. Molte discussioni si sono incentrate sull'industria della cannabis in rapida crescita e su come anche i paesi conservatori stiano adottando la droga ricreativa.

Il Canada è stato il secondo paese, dopo l'Uruguay, a rendere legale la cannabis a livello federale e di conseguenza ha adottato un approccio cauto e in alcuni casi limitato che ha soffocato sia la disponibilità del prodotto che le catene di distribuzione.

Cosa possiamo imparare dal Canada?

Un funzionario del governo canadese a Davos che ha chiesto di rimanere anonimo ha spiegato: "Il nostro governo federale ha scaricato aspetti chiave alle controparti provinciali e municipali che hanno creato una serie di quadri disparati e sconnessi creando confusione e un'ampia varietà di strutture in tutto il paese".

Ha spiegato che ci sono stati chiari vincitori come Alberta che ha una solida struttura di vendita al dettaglio e produzione, mentre l'Ontario è stato continuamente criticato per un'implementazione lenta e dolorosa che ha ridotto il successo della legalizzazione nel mercato chiave del paese.

“Di conseguenza abbiamo chiari vincitori e perdenti e c'è molto da imparare dalla nostra esperienza. Man mano che si rimedia alle strutture e ai passi falsi, come in qualsiasi nuovo settore, ci saranno lezioni significative da imparare ", ha spiegato.

Ha continuato aggiungendo che nessun paese che traccia un nuovo terreno ha tutto a posto e per certi versi il mercato nero è rimasto più vivace che mai, la cui diminuzione è stata la causa principale.

"Nessun proiettile d'argento elimina un prodotto illegale, ma solo una politica significativa che si adatta al cliente e al suo portafoglio è efficace e l'approccio corretto, le forze del mercato dovrebbero essere ascoltate", ha affermato.

Gli Ostacoli Della Cannabis

Con lo champagne, il funzionario ha aggiunto una lezione significativa per l'America è garantire che non ci siano disconnessioni tra gli stati e il governo federale che attualmente persistono che ha limitato una corretta regolamentazione in tutto il paese e in particolare ha creato problemi tecnici e pratici per l'industria legale che continua a dare respiro e vivacità al mercato illecito.

Stephen Murphy, co-fondatore di NOBL, ha sottolineato che la pianta di cannabis rimane una grande incognita con solo 3% della pianta studiata in modo significativo. Ha sottolineato che esiste un enorme potenziale del restante 97% dal punto di vista sanitario, economico e sociale.

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su 
consumerchoicecenter.org

Descrizione