fbpx

Lettera aperta

I giovani della Florida meritano di meglio del controllo delle app social

22 gennaio 2024

Cari Rappresentanti di Stato e Senatori,

In qualità di gruppo di difesa dei consumatori impegnato su una vasta gamma di questioni digitali tra cui la privacy e l'innovazione tecnologica, che rappresenta sia i nostri membri che i consumatori, ti imploriamo di prendere in considerazione un altro percorso quando si tratta di proteggere i giovani della Florida online, in particolare HB1.

Nella sua forma attuale, la legge rappresenterebbe il processo di verifica dell'età più draconiano per le piattaforme online nella nazione, vietando a tutti gli utenti di età inferiore ai 16 anni che desiderano utilizzare specifiche piattaforme di social media indipendentemente dal consenso dei genitori o dalle preferenze per la presenza online dei propri figli. . 

Questo processo richiederebbe inoltre che alcune società di social media selezionate raccolgano informazioni personali sensibili che non riteniamo dovrebbero mai essere in possesso di entità private su mandato del governo. Ciò è maturo per futuri abusi e minacce alla sicurezza dei dati che potrebbero causare danni reali ai giovani che iniziano la loro vita online. Sarà un vaso di Pandora di proporzioni epiche.

Inoltre, la legge prevede eccezioni eccessivamente ampie per le app che possono dimostrare un caso d'uso “predominante” per i servizi di messaggistica privata. Esistono modi migliori per affrontare questo problema, ad esempio specificando servizi digitali incentrati esclusivamente sulla messaggistica. Lo stato della Florida creerebbe condizioni di parità, scegliendo vincitori e vinti nello spazio dei social media e privilegiando determinate app in modo arbitrario in base a quale funzione i consumatori utilizzano maggiormente. 

Una soluzione che rispetti maggiormente i diritti dei genitori, difenda l’innovazione americana e consenta ai consumatori online e ai loro genitori di scegliere liberamente le app digitali non solo sarebbe più adeguata, ma consentirebbe anche alle migliori soluzioni del settore privato di emergere organicamente. 

I genitori non dovrebbero avere la propria autorità e il processo decisionale usurpato dalla legge o dalle istituzioni statali, non importa quanto nobile sia la causa. Piuttosto che rischiare di impedire a un'intera generazione di godere delle connessioni sociali online, ti imploriamo di fornire un'altra soluzione che funzioni per i genitori, i giovani consumatori online e gli innovatori tecnologici americani che forniscono valore a ognuno di noi nella nostra vita.

In un paese libero con un mercato competitivo vivace, perderemo il nostro vantaggio competitivo globale se un’intera generazione sarà tenuta lontana dalla tastiera e dal villaggio globale online. Il Consumer Choice Center confida che i genitori facciano la scelta giusta per i loro figli sotto i 16 anni quando si tratta di attività sui social media. Speriamo che lo facciate anche voi. 

Cordiali saluti,

Yael Ossowski

Vicedirettore, Consumer Choice Center

Presentazione all'Amministrazione nazionale delle telecomunicazioni e dell'informazione sulla salute e la sicurezza online dei bambini

Presentazione all'Amministrazione nazionale delle telecomunicazioni e dell'informazione sulla salute e la sicurezza online dei bambini

Con la presente sottoponiamo questi commenti per informare ed educare meglio la Task Force sulla salute e sicurezza online dei bambini sulle questioni urgenti relative alla sicurezza dei bambini online, pur rimanendo fedeli alla natura aperta e innovativa delle tecnologie digitali come Internet.

  1. Il ruolo delle soluzioni tecnologiche

In qualità di gruppo di difesa dei consumatori che sostiene l’innovazione tecnologica e la scelta dei consumatori, crediamo fermamente che, ove necessario, le soluzioni tecnologiche dovrebbero essere la principale alternativa alla regolamentazione restrittiva che imporrà costi diretti e indiretti e creerà barriere all’informazione e alla connessione online.

Con molte situazioni o piattaforme sociali, sappiamo che esiste molta preoccupazione per i giovani, soprattutto per gli adolescenti, e per il loro comportamento online. C’è stata una raffica costante di ricerche accademiche, proposte politiche e campagne di messaggistica incentrate sulla limitazione di parti della vita online ai giovani per la loro sicurezza.

Sebbene esista una tendenza definitiva a considerare l’uso dei social media come negativo per i giovani, la ricerca esistente è molto più sfumata e probabilmente più equilibrata se consideriamo i benefici.

Un 2022 studia in Current Psychology ha scoperto che classificando gli utenti in 3 categorie: uso attivo, passivo e medio dei social media, ciascuna ha documentato benefici che superano i potenziali danni, ancor più per la categoria più ampia di utenti “medi”.

Per ogni storia indignata dei media su contenuti o comportamenti online discutibili, ci sono dozzine di altri non dichiarati di miglioramento del benessere sociale, maggiore connessione sociale e felicità genuina, soprattutto tra i giovani. Ciò è particolarmente vero perché, per la maggior parte, adolescenti e giovani sono passati da una vita sociale puramente fisica a una vita sociale ibrida anche online, sbloccando nuove opportunità per esplorare, apprendere ed espandere la propria conoscenza e comprensione.

Anche questo era ammesso dall’American Psychological Association, che quest’anno ha pubblicato le proprie raccomandazioni rivolte ai genitori di adolescenti per monitorare la sicurezza online.

Le soluzioni offerte dall'APA e da diverse organizzazioni partner sono importanti e probabilmente hanno merito ed efficacia con i giovani online. Contrariamente a molte proposte esistenti nella legislazione, queste raccomandazioni devono essere supervisionate ed eseguite dai genitori e dalle comunità e annullerebbero la necessità di misure punitive emanate dai governi. 

Riteniamo che questo sia un fattore importante per qualsiasi rimedio che incida sulla sicurezza online di adolescenti e giovani adulti. Le misure volontarie, che si tratti di screening, comunicazione o supervisione da parte dei genitori, se utilizzate insieme agli strumenti tecnologici, avranno un risultato più equilibrato ed efficace di qualsiasi restrizione imposta dal governo.

Lo screening da parte dei genitori dei download di applicazioni, dei profili online e l’educazione generale sul comportamento e sui contenuti online si sono finora rivelati l’approccio più misurato alla sicurezza dei bambini online, e dovrebbe continuare ad esserlo.

  1. La strada sbagliata dell’intervento statale

Riteniamo che le proposte che portino all’intervento di agenzie o governi in questi sforzi farebbero più male che bene.

Come abbiamo visto in diverse proposte statali in Texas, Louisiana e Arkansas, limitare preventivamente l’accesso dei giovani all’uso dei social media online non solo solleva questioni legali, ma limita anche gravemente la capacità dei giovani di esplorare i vantaggi delle piattaforme e delle reti online.

Queste proposte sono simili a un labirinto di politiche armate che impediscono agli adolescenti di interagire con amici e familiari online, graverebbero sui futuri nascenti social media e porterebbero a precedenti peggiori che metterebbero a rischio la libertà di parola su Internet, oltre a portare a exploit hacker significativi.

Proposte come la SB396 ora in vigore in Arkansas rendono più difficile per i giovani iniziare a utilizzare Internet e tutti i vantaggi che offre, ma hanno anche sancito per legge l’idea che i governi dovrebbero scegliere quali reti di social media i giovani possono o non possono utilizzare piuttosto che i genitori.

Riteniamo che ciò sia paternalistico, crei un terribile precedente per la libertà di parola e l’accesso online e non equivalga a nient’altro che un controllo pesante da parte del governo su chi è autorizzato a navigare online e quando.

Ciò solleva la questione se sia l’arbitro finale dell’accesso dei giovani a Internet e che i genitori dovrebbero avere meno voce in capitolo nella vita digitale dei loro figli. Riteniamo che ciò sia fondamentalmente sbagliato. 

Sfortunatamente, vediamo in questi tentativi legislativi pochi sforzi di buona volontà volti a porre rimedio ai problemi di sicurezza online, e invece una punizione legislativa contro alcune società di social media basata sulla persuasione politica.

Inoltre, molte di queste soluzioni proposte creerebbero probabilmente danni più sostanziali derivanti dallo sfruttamento digitale di informazioni e dati rispetto agli attuali strumenti volontari o tecnologici a disposizione dei genitori.

Queste proposte, comprese quelle federali del Senato degli Stati Uniti come il Kids Online Safety Act, richiedono che i siti web dei social media raccolgano foto sensibili, documenti d’identità e documentazione di minori, imponendo enormi rischi per la privacy che saranno il sogno di ogni cyberhacker.

Crediamo che come società dovremmo avere fiducia nel fatto che i genitori abbiano il diritto ultimo di decidere se i loro figli accedano o meno a determinati siti Web o servizi e che tali decisioni non siano annullate da proposte legislative.

  1. La risposta è la tecnologia

Come abbiamo affermato, e come dimostra la ricerca, ci sono immensi vantaggi derivanti dai social media che vengono praticati ed esplorati ogni giorno per persone di qualsiasi fascia di età.

Che si tratti di scopi creativi, di espressione democratica, di connessione sociale, di commercio e affari o di istruzione, ci sono una miriade di vantaggi nei social media che, se abbinati alla supervisione e alla guida responsabile di un adulto, continueranno a essere una forza positiva per la società. un'intera.

Ove necessario, quando i genitori e le comunità potranno implementare soluzioni tecnologiche che aiutano a migliorare i vantaggi dell’uso dei social media – che si tratti di filtri parentali volontari, autorizzazione al download o materiale educativo – questo sarà il metodo migliore e più efficace per proteggere i giovani online. . Mantenere Internet come un ecosistema aperto per l’esplorazione, l’apprendimento e la connessione porterà molti più benefici alla prossima generazione rispetto ai divieti restrittivi o ai limiti imposti dalla legge. 

Ci auguriamo che la vostra commissione prenda a cuore questi punti e continui a sostenere un uso responsabile della tecnologia e di Internet da parte dei giovani e dei loro genitori.

Collegamento al PDF

CCC si unisce a 31 gruppi di coalizione Lettera contro il nuovo attacco normativo CFPB

Washington DC: In risposta alla promozione, la settimana scorsa, alla Casa Bianca, da parte del Presidente Biden, del nuovo limite massimo imposto dal Consumer Financial Protection Bureau per le commissioni per i ritardi sulle carte di credito, il Consumer Choice Center ha firmato un accordo lettera di coalizione al presidente e al CFPB esortandoli a riconsiderare la norma. La lettera è firmata da 31 gruppi e organizzazioni di sostegno impegnati a promuovere politiche a favore della crescita e dei consumatori.

 
"La storia indica che i consumatori sono quelli che sopportano il peso di regolamenti come questo perché, per compensare i costi risultanti, le istituzioni finanziarie impongono infine nuove commissioni e tassi di interesse più elevati riducendo al contempo l'accesso al credito di Main Street", afferma la lettera, "Ad esempio , l'emendamento Durbin al Dodd-Frank Act che limita le commissioni interbancarie sulle carte di debito ha portato all'eliminazione dei conti correnti gratuiti, all'aumento dei requisiti minimi di saldo e all'aumento delle commissioni di mantenimento. Il vostro nuovo limite alle commissioni per il ritardo aumenterà allo stesso modo i costi operativi degli istituti finanziari, che i consumatori americani dovranno inevitabilmente sostenere”.

La lettera evidenzia anche come l'Office of Advocacy della Small Business Administration abbia notato che il CFPB si è rifiutato di “considerare adeguatamente l'impatto che questa norma avrà sulle piccole entità” nonostante i tribunali ritengano che le agenzie debbano farlo prima di certificare una regolamentazione. 

In copia della lettera c'erano i senatori Sherrod Brown e Tim Scott (presidente/membro di rango della commissione del Senato americano per le banche, l'edilizia abitativa e gli affari urbani); I rappresentanti Patrick McHenry e Maxine Waters (presidente/membro della classifica del Comitato per i servizi finanziari della Camera degli Stati Uniti) e i rappresentanti Roger Williams/Nydia Velázquez (presidente/membro della classifica del Comitato per le piccole imprese della Camera degli Stati Uniti).
 
I firmatari della lettera includono Ed Martin, Phyllis Schlafly Eagles; Grover Norquist, Americani per la riforma fiscale; John Berlau, Istituto per le imprese competitive; Cameron Shelby, Heartland Impact; Brent M. Gardner, Americani per la prosperità; Karen Kerrigan, Consiglio per le piccole imprese e l'imprenditorialità; Tom Schatz, Cittadini contro gli sprechi governativi; Gerard Scimeca, L'azione dei consumatori per un'economia forte; Brian Garst, Centro per la libertà e la prosperità; Isaac Schick, Istituto americano dei consumatori; Stephen Kent, Centro di scelta dei consumatori; Patrick Brennen, Istituto di politica del sud-ovest; Hadley Heath Manning, voce femminile indipendente; Terry Schilling, Progetto Principi Americani; George Landrith, Frontiere della libertà; Saul Anuzis, Associazione 60 Plus; David Williams, Alleanza per la protezione dei contribuenti; Paul Gessig, Fondazione Rio Grande; Jeff Mazzella, Centro per la Libertà Individuale; Ryan Ellis, Centro per un'economia libera; Phil Kerpen, Impegno americano; Seton Motley, Meno governo; Dan Perrin, Coalizione HSA; Chuck Muth, Sensibilizzazione dei cittadini; Wendy Darmon, Palmetto Promise Institute; Judson Phillips, Tea Party Nation; Richard Manning, Americani per un governo limitato; Carol Platt Liebau, Yankee Institute; Marcos Lopez, Nevada Policy Institute; Mike Stenhouse, Centro per la libertà e la prosperità del Rhode Island; e Sal Nuzzo, James Madison Institute. 


È possibile visualizzare la lettera QUI.


Tenere la linea sugli stanziamenti della FDA in difesa dei consumatori

Gentili membri della commissione per gli stanziamenti della Camera,

In qualità di gruppo di difesa impegnato nel lavoro per proteggere e difendere la scelta dei consumatori, vi esortiamo a rimanere sul posto Sezioni 768-769 del Stanziamenti per l'agricoltura, lo sviluppo rurale, la Food and Drug Administration e le agenzie correlate Conto. Queste sezioni si riferiscono alla limitazione del finanziamento di diverse norme emanate dalla Food & Drug Administration per vietare intere categorie aromatizzate di vari prodotti a base di tabacco e nicotina senza alcun riferimento ad alternative più sicure che salvano vite umane.

Nell'ultimo anno, la FDA ha tenuto audizioni e consultazioni esaustive su queste disposizioni, che abbiamo partecipato e ci siamo opposti in quel momento. Nonostante le proteste dei consumatori e dei gruppi della società civile, sono state attuate a prescindere.

Mantenendo queste restrizioni di finanziamento nel conto, puoi aiutare i consumatori a fare le proprie scelte sui prodotti, preservando alternative alla nicotina più sicure ed evitando le ripercussioni negative che deriverebbero dal divieto del prodotto.

È di vitale importanza che la commissione per gli stanziamenti della Camera persegua un piano attuabile per incorporare la riduzione del danno e alternative alla nicotina a rischio ridotto nella politica e presso la FDA, piuttosto che divieti miopi che minacciano di aumentare i mercati illeciti.

Se l'agenzia è seriamente intenzionata a ridurre il fumo nel nostro paese, allora la risposta deve incentrarsi sulla riduzione del danno in tutti gli aspetti, piuttosto che aumentare i divieti e le restrizioni che causeranno più danni.

Si prega di mantenere queste disposizioni in atto e continuare a difendere la scelta del consumatore per i propri elettori. 

Cordiali saluti,

Yael Ossowski

Vicedirettore

Centro di scelta dei consumatori

(versione PDF disponibile qui)

I giovani dell'Arkansas meritano di meglio del controllo delle app social

Cari Rappresentanti di Stato e Senatori,

In qualità di gruppo di difesa dei consumatori impegnato su questioni digitali, privacy e difesa dell'innovazione tecnologica, rappresentando sia i nostri membri che i consumatori, ti preghiamo di considerare un altro percorso quando si tratta di proteggere i giovani dell'Arkansas online, in particolare SB396, che il governatore Sanders ha firmato in legge questo mese dopo aver superato entrambe le vostre rispettive camere.

Nella sua forma attuale, una volta entrata in vigore a settembre, la legge rappresenterebbe il processo di verifica dell'età più draconiano per le piattaforme online della nazione, richiedendo a tutti gli utenti sotto i 18 anni che desiderano utilizzare specifiche piattaforme di social media di fornire una prova esaustiva della loro età e chiedere il consenso dei genitori. 

Richiederebbe inoltre che alcune app di social media selezionate raccolgano informazioni personali sensibili che non riteniamo debbano mai essere in possesso di entità private per mandato del governo. Questo è maturo per futuri abusi o problemi di sicurezza dei dati che potrebbero avere un danno reale per i giovani che iniziano la loro vita online. Sarà un vaso di Pandora di proporzioni epiche.

Inoltre, la legge fa eccezioni per le voci alle app social popolari come YouTube, Truth Social e altre, che hanno tutte le stesse funzionalità di altre app, a dimostrazione della posizione normativa ineguale ricercata dallo Stato dell'Arkansas, che sceglie vincitori e vinti, che non tollereremmo in nessun altro settore. 

Una soluzione che rispetti i diritti dei genitori, difenda l'innovazione americana e consenta ai consumatori online e ai loro genitori di scegliere le proprie app non solo sarebbe più adeguata, ma consentirebbe di emergere le migliori soluzioni del settore privato, piuttosto che per decreto statale.

I genitori non dovrebbero avere la propria autorità e il processo decisionale usurpato dalla legge o dalle istituzioni statali, non importa quanto nobile sia la causa. Piuttosto che rischiare di impedire a un'intera generazione di godere delle connessioni sociali online, ti imploriamo di fornire un'altra soluzione che funzioni per i genitori, i giovani consumatori online e gli innovatori tecnologici americani che forniscono valore a ognuno di noi nella nostra vita.

In un paese libero con un vivace mercato competitivo, non avremo un vantaggio competitivo globale se un'intera generazione viene tenuta lontana dalla tastiera e dal villaggio globale online.

I pazienti dell'Oklahoma meritano un'assicurazione competitiva e conveniente

Cari membri della Camera dei rappresentanti dell'Oklahoma,

In qualità di organizzazione di difesa dei consumatori con un interesse acquisito nel promuovere l'accesso dei consumatori e la scelta del paziente, vi scriviamo oggi per esortarvi a votare Su HB1694.

Questo disegno di legge richiederebbe alle compagnie di assicurazione dentale di spendere una determinata percentuale dei loro premi per la cura del paziente piuttosto che per l'ingorgo amministrativo.

Conosciuto come rapporto di perdita medica, HB1694 standardizzerebbe i rapporti di spesa per i benefici per la salute dentale che già esistono per l'assicurazione sanitaria tradizionale. Ciò darebbe ai pazienti dentali dell'Oklahoma premi più bassi, aumenterebbe la concorrenza tra gli assicuratori e ridurrebbe la burocrazia complessiva ei costi amministrativi per trasferire i risparmi ai consumatori.

Fatture simili sono state approvate in altri stati, dando potere ai pazienti odontoiatrici e garantendo che i consumatori abbiano un vivace mercato di scelta nelle cure dentistiche e nella copertura. 

Ogni paziente ha subito l'esperienza rosicchiante di cercare di annullare i rimborsi sanitari. L'approvazione dell'HB1694 porterebbe equità nel modo in cui i pazienti in tutti i settori sanitari vengono trattati e vengono utilizzati i loro premi, portando a costi inferiori e trattamenti migliori per i pazienti odontoiatrici.

Il fatto che gli assicuratori dentali non siano soggetti alle stesse regole di ogni altro settore assicurativo sanitario dovrebbe essere una ragione sufficiente per approvare questo disegno di legge, con l'ulteriore vantaggio di come renderà i premi assicurativi più trasparenti e competitivi.

Sbloccare più fondi per i pazienti odontoiatrici aiuterebbe a far risparmiare alle famiglie migliaia di dollari all'anno e garantirebbe loro una maggiore scelta per consumatori e pazienti. È una soluzione che tutti gli abitanti dell'Oklahoma meritano. A nome dei consumatori, vi invitiamo a votare per HB1694.

Grazie,

Yael Ossowski

Vicedirettore

Centro di scelta dei consumatori

CCC si unisce alla coalizione che si oppone al Credit Card Competition Act

Gentile Membro del Congresso: 

Noi, le organizzazioni sottoscritte, ci opponiamo all'inesattezza nominata Legge sulla concorrenza delle carte di credito del 2022 (S. 4674). Il disegno di legge è un controllo dei prezzi backdoor e un'estensione e un'espansione dell'emendamento Durbin come emanato nel Legge Dodd-Frank sulla riforma di Wall Street e sulla protezione dei consumatori (PL 111-203).  

Come scritto, il disegno di legge indirizza la Federal Reserve a redigere regole che richiedono alle carte di credito emesse negli Stati Uniti di offrire almeno due opzioni di rete di pagamento non affiliate per le transazioni nei punti vendita e online.  

Secondo il disegno di legge, le due reti potrebbero non essere entrambe Visa e Mastercard, perché "detengono le 2 maggiori quote di mercato rispetto al numero di carte di credito emesse negli Stati Uniti". Tuttavia, se la quota di mercato dovesse passare di mano a nuove aziende, i mandati di instradamento non si applicheranno più. Il disegno di legge impone anche che la sicurezza proprietaria delle carte di credito funzioni in modo che tutte le reti siano disponibili per i rivenditori per scegliere e i consumatori non hanno alcuna voce in capitolo. In effetti, il disegno di legge non menziona mai i consumatori, né come ne trarranno vantaggio.  

È del tutto chiaro che gruppi di interesse speciale stanno usando il governo federale per alterare il mercato delle carte di credito a vantaggio di se stessi e non dei consumatori. Questo è un comportamento da manuale in cerca di rendita, un anatema per i principi del libero mercato, e dovrebbe essere fermamente contrastato dai legislatori repubblicani.  

Inoltre, ci opponiamo all'art. 4674 per i seguenti motivi: 

Il disegno di legge non promuove la concorrenza, ma amplia notevolmente il ruolo del governo federale di regolamentare eccessivamente il mercato delle carte di credito. Oggi è necessario che più reti a doppio messaggio funzionino su una scheda  tecnologicamente impossibile. Il costo della revisione del nostro attuale sistema di credito per rispettare i mandati in fattura potrebbe costare fino a $5 miliardi.  

I mandati nel disegno di legge sono così costosi che oltre $60 miliardi di premi che i consumatori ricevono ogni anno scomparirebbero in gran parte. Secondo il Centro internazionale di diritto ed economia, "86% di titolari di carte di credito hanno carte premio attive, incluso 77% di titolari di carte con un reddito familiare inferiore a $50.000".

Il disegno di legge autorizza il governo federale a intervenire nei contratti tra privati. Il governo federale non dovrebbe interferire negli accordi contrattuali privati. Questa invasione costringerà le piccole banche e le cooperative di credito a limitare severamente o cessare di fornire carte in co-branding che milioni di consumatori utilizzano ogni giorno. Questo è simile a come sta tentando di fare la Securities and Exchange Commission di Biden dettare disposizioni contrattuali tra consulenti di fondi privati e investitori.  

Non ci sono prove che questa fattura trasmetta i risparmi ai consumatori. UN rapporto del Government Accountability Office ha affermato che se i regolamenti dell'emendamento Durbin "non fossero stati attuati, il 65% dei conti correnti senza interessi offerti dalle banche coperte sarebbe stato gratuito". Dall'emanazione dell'emendamento Durbin, circa 22% di rivenditori hanno aumentato i prezzi sui consumatori mentre solo 1% ha abbassato i prezzi. Un'ulteriore regolamentazione sull'interscambio di crediti influenzerà le commissioni e gli interessi sul mercato del credito, aumentando così i costi per i consumatori. 

Poiché il disegno di legge obbliga le carte di credito a consentire l'accesso a tutte le reti, la tecnologia proprietaria sarà esposta alle reti concorrenti, distruggendo gli incentivi per creare protezione dalle frodi e sicurezza informatica nuove e innovative. Come una carta sottolinea, i mandati di instradamento "minano ampiamente l'economia delle reti e degli emittenti". 

Il disegno di legge è un perfetto esempio di come il Congresso abbia ceduto l'autorità dell'articolo I alla Federal Reserve. Tutte le disposizioni di questo disegno di legge richiedono alla Federal Reserve di redigere regole per svolgere i suoi mandati.  

Sulla base dei punti sopra esposti, riteniamo che questo disegno di legge sia diametralmente opposto ai principi del libero mercato. Invitiamo tutti i legislatori a opporsi a questo disegno di legge. 

Cordiali saluti,  

Yael Ossowski
Vicedirettore
Centro di scelta dei consumatori

CCC si unisce alla coalizione che esorta i repubblicani a respingere il disegno di legge antitrust di Klobuchar

Caro leader repubblicano al Senato Mitch McConnell e leader repubblicano alla Camera Kevin McCarthy,

Scriviamo in opposizione a S. 2992, l'"American Innovation and Choice Online Act", legislazione che amplierebbe in modo massiccio le dimensioni e la portata del governo federale.

Nonostante ciò che alcuni politici potrebbero affermare, il disegno di legge antitrust della senatrice Amy Klobuchar conferisce all'amministrazione Biden una nuova e vasta autorità di regolamentazione sulle imprese americane, non riesce ad affrontare le preoccupazioni conservatrici sulla censura e peggiorerebbe l'inflazione per le famiglie americane.

I conservatori nutrono legittime preoccupazioni per il fatto che Big Tech prende di mira i discorsi conservatori e l'influenza strisciante delle questioni non economiche nelle decisioni commerciali delle più grandi aziende americane. In reazione a questo problema, alcuni repubblicani hanno co-sponsorizzato il disegno di legge Klobuchar con la speranza che contribuisca a ridurre la discriminazione online contro le voci conservatrici.

In realtà, il disegno di legge aggraverebbe questi problemi costringendo le aziende prese di mira a un rapporto "madre-possiamo-io" con il governo federale. La sinistra istituzionale è universalmente concorde sugli effetti che avrà il disegno di legge. Il Center for American Progress ha approvato il disegno di legge sulla base del fatto che stimolerà "i miglioramenti tanto necessari nella moderazione dei contenuti e nelle tecnologie".

Qualsiasi cosiddetto "miglioramento" che la sinistra ha in mente per la moderazione dei contenuti non funzionerà certamente a favore della libertà di parola dei conservatori. Se i conservatori non sono contenti dello status quo, immagina che Big Tech prenda di mira i discorsi conservatori per conto dei burocrati di Biden.

S. 2992 vieta una serie di attività commerciali di routine per le aziende con oltre $550 miliardi di capitalizzazione di mercato e 50 milioni di utenti mensili. Se un'azienda viola questi nuovi mandati governativi, il governo può imporre una multa fino al 10% delle entrate dell'azienda.

I sostenitori promettono che il disegno di legge si applicherà solo a quattro o cinque società americane... per ora. Questo disegno di legge apre le porte a una futura regolamentazione del governo basata sulle dimensioni di un'azienda, un limite del governo all'innovazione e un quadrante permanente che
I democratici possono usare per intrappolare più aziende sotto la mano pesante del controllo del governo.

Mentre i sostenitori affermano che questo è il primo disegno di legge antitrust serio in quasi un secolo, S. 2992 difficilmente assomiglia alla legge antitrust come tradizionalmente intesa. Per quasi 50 anni, lo standard del benessere dei consumatori ha ancorato la legge antitrust americana. Gli esecutori dell'antitrust generalmente non agiscono a meno che i consumatori non vengano danneggiati da effetti tangibili come prezzi più alti, innovazione ridotta o qualità inferiore.

S. 2992 spingerebbe gli Stati Uniti verso un approccio di tipo europeo, in cui il governo sceglie vincitori e perdenti economici e prende di mira le società politicamente sfavorite con azioni legali frivole. I burocrati vincono, i consumatori perdono.

Per ragioni politiche e politiche allo stesso modo, sembra sciocco che i repubblicani aiutino i democratici a far passare un disegno di legge così radicale mentre si avvicina il midterms. I problemi del portafoglio come l'inflazione generazionale e i prezzi del gas alle stelle sono al primo posto per le famiglie americane.

Un recente sondaggio Gallup mostra che il 52% degli americani indica l'inflazione come il problema principale: l'antitrust non si classifica nemmeno. L'ultima cosa di cui le famiglie ei consumatori hanno bisogno è una legge che limiti l'accesso ai prodotti generici che cercano per sbarcare il lunario.

Anche alcuni democratici ammettono che S. 2992 aumenterà la pressione inflazionistica sulle famiglie americane. Un democratico
l'aiutante ha bollato il disegno di legge come il "progetto preferito" del senatore Klobuchar con scarso vantaggio politico, dicendo "Dovremmo concentrarci su articoli che aiuteranno i consumatori a far fronte all'aumento dei costi... [e] nessuno può capire

perché sarebbe una priorità. Un altro assistente è stato citato chiedendo: “Il disegno di legge Klobuchar riduce i costi in aumento a breve termine per i consumatori? No. Allora perché dovrebbe essere un punto focale tra adesso e le elezioni?

Il disegno di legge Klobuchar aumenterebbe le dimensioni e la portata del governo, peggiorerebbe la censura conservatrice e aumenterebbe la pressione inflazionistica sulle famiglie americane. Invece di affrontare le questioni del portafoglio, la massima priorità del senatore Klobuchar è dare potere ai burocrati Biden prima che i democratici perdano il controllo del Congresso. I repubblicani non dovrebbero dare al senatore Klobuchar un'ancora di salvezza.

Cordiali saluti,

Grover Norquist
Presidente, Americani per la riforma fiscale

Robert H. Bork, Jr.

Il dottor Arthur B. Laffer

Riccardo Rahn

Stefano Moore 
Economista

Marty Connor
Presidente, Alabama Center-Right Coalition

Dick Patten
Presidente dell'American Business Defense Council

Phil Kerpen
Presidente, impegno americano

Steve Pociask
Presidente/CEO, American Consumer Institute

Riccardo Manning
Presidente, Americans for Limited Government

Brent Wm. Gardner
Chief Government Affairs Officer, Americans for Prosperity

Kevin Watermann
Presidente, riunione della coalizione di centrodestra di Annapolis

Giacomo L. Martin
Fondatore/Presidente, Associazione 60 Plus

Saulius "Saulo" Anuzis 
Presidente, Associazione 60 Plus

Hanna Cox
Cofondatore di BASEDPolitics

Ralph Benko
Presidente, The Capitalist League

Daniel J.Mitchell
Presidente, Centro per la Libertà e la Prosperità

Andrew F. Quinlan
Presidente, Centro per la Libertà e la Prosperità

Jeff Mazzella
Presidente, Centro per la libertà individuale

Ashley Baker
Direttore della politica, commissione per la giustizia

Curt Levy
Presidente, Commissione Giustizia

James Edwards
Direttore esecutivo, Conservatori per i diritti di proprietà

Yael Ossowski
Vicedirettore, Consumer Choice Center

Cristoforo Butler
Direttore ad interim, Digital Liberty

Giovanni Tamny
Vicepresidente, FreedomWorks

Giorgio Landrith
Presidente, Frontiere della Libertà

Mario H. López
Presidente, Hispanic Leadership Fund

Heather R.Higgins
Amministratore Delegato, Voce delle Donne Indipendenti

Tom Giovanetti
Presidente, Istituto per l'innovazione politica

Sal Nuzzo
Vicepresidente della politica, James Madison Institute

Caden Rosenbaum
Analista delle politiche tecnologiche e dell'innovazione, Istituto Libertas

Carlo Sauer
Presidente, Istituto di mercato

Rodolfo E. Milani 
Forum della libertà di Miami

Stefano Stepanek
Presidente del Partito Repubblicano del New Hampshire
Presidente, Pine Tree Public Policy Institute
Co-presidente, New Hampshire Center Right Coalition Meeting

William O'Brien
Ex presidente della Camera dei rappresentanti di NH
Presidente, Pine Tree Public Policy Institute
Co-presidente, New Hampshire Center Right Coalition Meeting

Eric Peterson
Direttore, Pelican Center for Technology and Innovation

Lorenzo Montanari
Direttore esecutivo, Alleanza per i diritti di proprietà

Doug Kellogg
Direttore esecutivo, Ohioans per la riforma fiscale

Jonathan Piccolo
Presidente, Consiglio degli affari pubblici dell'Oklahoma

Tom Hébert
Direttore esecutivo, Open Competition Center

Bryan Basur
Direttore esecutivo, forum di difesa degli azionisti

Karen Kerrigan
Presidente, Small Business & Entrepreneurship Council

Maureen Blum
Presidente, Coalizioni strategiche e iniziative LLC

Patrick Hedger
Direttore esecutivo, Alleanza per la protezione dei contribuenti

Cannone Arrugginito
Presidente, Associazione dei contribuenti dello Utah

Casey Dato
Direttore Esecutivo, Giovani Voci

Cc: Conferenza repubblicana della Camera 
Conferenza repubblicana del Senato

CCC si unisce alla coalizione che si oppone alla nomina della commissione federale per le comunicazioni di Sohn

Una coalizione di 18 organizzazioni di centrodestra ha inviato a lettera al Senato contro la nomina di Gigi Sohn a Commissario della Federal Communications Commission.

Sohn ha trascorso decenni come attivista iperpartigiana, lanciando attacchi contro regolatori e funzionari eletti che non condividono le sue opinioni. Tutto ciò è stato ben documentato sui social media. La lettera delinea le sue posizioni passate e come, se confermata, Sohn avrebbe lavorato per instillare politiche che schiacciassero l'innovazione, mettessero a tacere i discorsi conservatori e sviscerassero le protezioni della proprietà intellettuale.  

1 dicembre 2021  

Cari Senatori:  

Noi sottoscritti rappresentiamo un'ampia coalizione di organizzazioni che si oppongono alla nomina di Gigi Sohn a servire come Commissario presso la Federal Communications Commission. Se confermato, Sohn lavorerebbe per instillare politiche che schiaccerebbero l'innovazione, metterebbero a tacere i discorsi conservatori e sventrerebbero le protezioni della proprietà intellettuale.  

La FCC è stata creata dal Congresso per essere un regolatore indipendente e ha un ampio potere sui settori delle telecomunicazioni, dei media e della tecnologia. L'agenzia è stata caratterizzata dalla cooperazione bipartisan e dalla responsabilità nei confronti del Congresso.  

Sohn ha trascorso decenni come attivista iperpartigiana, lanciando attacchi contro regolatori e funzionari eletti che non condividono le sue opinioni. Ha insinuato che il membro di rango della commissione per il commercio del Senato sia un burattino dell'industria. Ha suggerito che i senatori repubblicani sono una minaccia per il paese. Attribuisce alle testate giornalistiche di centrodestra il merito di "aver distrutto la democrazia" e "aver eletto autocrati". Ed è entrata a far parte del consiglio di un'organizzazione dopo che è stata citata in giudizio dalle principali emittenti per aver violato il Copyright Act, un caso che recentemente ha portato a una sentenza di $32 milioni contro la sua organizzazione. Alla luce di questi punti di vista, è difficile credere che Sohn darebbe una giusta scossa alle entità regolamentate o opererebbe in modo bipartisan presso la FCC.  

La FCC svolge un ruolo fondamentale nella protezione e nel sostegno della libertà di parola e dei diritti del Primo Emendamento delle entità regolamentate. La volontà di Sohn di usare il potere della FCC per mettere a tacere i suoi avversari è di per sé squalificante. Sohn ha espresso interesse per la FCC che revoca centinaia di licenze di trasmissione da una particolare emittente a causa in parte delle decisioni editoriali che la società ha preso. Ha sostenuto una campagna di funzionari eletti per fare pressione sui servizi via cavo e di streaming affinché abbandonassero i notiziari conservatori. E si allinea strettamente con un'organizzazione che ha presentato una petizione alla FCC per indagare sulle emittenti con la cui copertura COVID-19 non erano d'accordo.

Le sue opinioni sul titolo II sono emblematiche della sua tendenza di lunga data a promuovere politiche che regolano eccessivamente le industrie nella giurisdizione della FCC. Sohn è stata uno dei principali artefici delle regole di trasporto comune del Titolo II di breve durata che secondo lei erano necessarie per far rispettare la neutralità della rete. Le regole hanno ridotto gli investimenti nella banda larga, aumentato i prezzi e ridotto l'adozione del servizio Internet da casa. Sohn ha chiarito che non solo vuole ripristinare queste regole, ma vuole portarle oltre, compreso il divieto di "rating zero", i servizi dati wireless gratuiti che sono particolarmente popolari tra gli utenti a basso reddito. Ha anche segnalato il desiderio che la FCC stabilisca il prezzo del servizio a banda larga, una pratica che sarebbe più adatta per l'Unione Sovietica che per gli Stati Uniti.

Quando le regole sono state abrogate dalla FCC della precedente amministrazione, Sohn ha incoraggiato le campagne di attivisti di estrema sinistra che hanno alimentato previsioni iperboliche e apocalittiche sulla distruzione di Internet. I commissari della FCC hanno ricevuto minacce di morte e una minaccia di bomba è stata lanciata nella FCC pochi istanti prima del voto per l'abrogazione delle regole. Sohn lavora con e sostiene le organizzazioni che si sono impegnate nelle tattiche e nella retorica che hanno portato a queste brutte esibizioni.

Nel corso della sua carriera, Sohn ha favorito politiche che minano la protezione dei diritti di proprietà intellettuale. Ha guidato un procedimento FCC che avrebbe consentito alle piattaforme tecnologiche di rubare e monetizzare efficacemente i contenuti televisivi senza pagare i diritti di utilizzo. Sohn ha anche fatto parte del consiglio di amministrazione di Locast, una "no-profit" determinata a ritrasmettere illegalmente i contenuti delle emittenti senza il loro consenso in violazione del Copyright Act. Il caso ha portato a un'ingiunzione permanente che ha richiesto a Locast di pagare $32 milioni di danni legali. Sohn non può essere un regolatore imparziale dell'industria televisiva dopo essere entrato a far parte del consiglio di amministrazione di un'organizzazione che ha apertamente violato i diritti d'autore di quell'industria. 

Come voto decisivo su questioni controverse presso l'agenzia, Sohn avrebbe il potere e l'incentivo per spingere la FCC verso il controllo governativo delle comunicazioni. Inoltre, l'amministrazione Biden ha mostrato la volontà di fuorviare i senatori quando si tratta di leadership dell'agenzia, come dimostrato dall'esca-and-switch che la Casa Bianca ha tirato con la Federal Trade Commission, quando il presidente Khan è stato elevato dopo essere stato confermato con false pretese. Il potenziale per Sohn di diventare presidente della FCC rende la sua nomina ancora più preoccupante. 

La conferma di Sohn metterebbe a repentaglio gli investimenti e l'innovazione, minaccerebbe la libertà di parola e porterebbe la faziosità alla FCC. Per questi ed altri motivi, invitiamo i senatori a respingere la conferma di Sohn. 

Il Consumer Choice Center si unisce alla coalizione chiedendo alla delegazione dell'OMS dell'amministrazione Biden di riconoscere il valore della riduzione del danno da tabacco

Caro Presidente Biden:

A gennaio, la Casa Bianca ha emesso un "Memorandum sul ripristino della fiducia nel governo attraverso l'integrità scientifica e il processo decisionale basato sull'evidenza", in cui si afferma "[è] politica della mia amministrazione prendere decisioni basate sull'evidenza guidate dai migliori scienza e dati disponibili”, in contrasto con l'ideologia personale. I sottoscritti lodano questa dichiarazione e scrivono per garantire che questo processo decisionale guidato dalla scienza si estenda a tutte le aree del processo decisionale, anche a questioni politicamente impegnative come il tabacco e i prodotti contenenti nicotina.

Il mese prossimo, una delegazione statunitense parteciperà alla nona riunione della conferenza delle parti della convenzione quadro sul controllo del tabacco (FCTC) dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), comunemente nota come COP9. Gli Stati Uniti sono firmatari dell'FCTC, ma non hanno mai ratificato il trattato e pertanto partecipano con lo status di osservatore. Tradizionalmente, la Conferenza delle Parti si riunisce ogni due anni per discutere questioni relative all'attuazione del trattato e per promuovere strategie che presumibilmente promuovano le strategie di controllo del tabacco.

Sulla base dei propri dati, l'OMS stima che nel 2025 ci saranno circa 1,4 miliardi di fumatori di sigarette in tutto il mondo. Questa statistica è ulteriormente illustrata dalla ricerca dei Centers for Disease Control and Prevention, che afferma che meno di un fumatore di sigarette su 10 smettere di fumare con successo ogni anno. Nonostante questi numeri che fanno riflettere, l'OMS continua a respingere progressi innovativi e guidati dalla scienza nella somministrazione di nicotina che potrebbero accelerare il suo obiettivo di sradicare il fumo di sigaretta.

La leadership degli Stati Uniti è necessaria all'OMS ora più che mai, e questo include la supervisione delle sue strategie di controllo del tabacco. Sebbene l'FCTC riconosca tre pilastri del controllo del tabacco - prevenzione, cessazione e riduzione del danno - non ha fatto nulla per riconoscere l'innovazione tecnologica o promuovere politiche che promuovano alternative meno dannose scientificamente fondate. Al contrario, l'approccio globale degli Stati Uniti al controllo del tabacco, radicato nel bipartisan Family Smoking Prevention and Tobacco Control Act del 2009 e convertito in legge dal presidente Obama, ha autorizzato la Food and Drug Administration (FDA) statunitense a sviluppare percorsi per portare meno danni prodotti non combustibili al mercato per i consumatori adulti che altrimenti continuerebbero a fumare sigarette. Sebbene non sia un processo perfetto, la FDA ha dimostrato la fattibilità di questi processi e che i fumatori adulti meritano informazioni e accesso a prodotti meno dannosi. In breve, autorizzando alcuni nuovi prodotti, la FDA ha affermato il proprio impegno per la riduzione del danno e ha basato queste determinazioni sulla scienza solida anziché sull'ideologia politica.

La società ha adottato la riduzione del danno in vari aspetti della nostra vita quotidiana, in particolare per quanto riguarda la salute pubblica. Tuttavia, c'è una forte esitazione con l'OMS ad accettare la riduzione del danno per il tabacco, favorendo invece il perseguimento di politiche "smetti o muori" che mantengano lo status quo e continuino a usare le sigarette.

Come affermato nel memorandum di gennaio, le politiche dovrebbero essere basate su solide basi scientifiche, non su regimi autocratici, ideologia personale o politica. Incoraggiamo rispettosamente la delegazione degli Stati Uniti che partecipa alla COP9 a sostenere la riduzione del danno da tabacco – come chiaramente affermato nella FCTC – come componente vitale di qualsiasi strategia di controllo del tabacco. Questa posizione è in linea con la legge statunitense, l'approccio globale della FDA e il buon senso di base. Qualunque cosa in meno si piega a un'indebita pressione politica e non riesce a servire le centinaia di milioni di fumatori adulti in tutto il mondo che meritano l'accesso a scelte migliori oltre alle sigarette.

Cordiali saluti,

Lindsay Stroud
Direttore, Centro Consumatori
Alleanza per la protezione dei contribuenti

Steve Pociask
Presidente e Ceo
Istituto americano dei consumatori

Gregorio Conley
Presidente
Associazione americana di svapo

Amanda Wheeler
Presidente
Associazione americana dei produttori di vapore

Grover Norquist
Presidente
Gli americani per la riforma fiscale

Dave Morris
Presidente
Arizona Smoke-Free Business Alliance

Peter J. Pitt
Presidente
Centro per la medicina nell'interesse pubblico
Ex commissario associato della FDA

Thomas Schatz
Presidente
Cittadini contro lo spreco del governo

Yael Ossowski
Vicedirettore
Centro di scelta dei consumatori

Elisabetta Hicks
Analista degli affari statunitensi
Centro di scelta dei consumatori

Nicola Orlando
Vicepresidente
Florida Smoke Free Association (FSFA)

Susan Stutzmann
Presidente
Georgia Vape Alliance (GVA)

Eric Curtis
Presidente
Proprietari di negozi di vaporizzatori del Michigan (MVSO)

Kim "Salta" Murray
Specialista nella riduzione del danno da tabacco MN Smoke-Free Alliance
Co-fondatore, Safer Nicotine Wiki

Brandon Arnold
Vicepresidente esecutivo
Unione Nazionale Contribuenti

Giacomo Jarvis
Presidente
Ohio Vapor Trade Association (OHVTA)

Mazen Saleh
Direttore delle politiche, Riduzione integrata del danno
R Street Institute

Tim Teml
Presidente
Coalizione per le alternative senza fumo dell'Illinois (SFACOIL)

Casey Dato
Direttore esecutivo
Giovani Voci

Descrizione
it_ITIT