fbpx

Banda larga

Il piano di Biden per l'"equità digitale" porterà presto alla microgestione da parte del governo di "quasi ogni aspetto" di Internet, avverte il commissario della FCC

"Con il pretesto di "equità digitale", il presidente Biden ha chiesto alla FCC di esercitare un grado di controllo sui servizi e sulle infrastrutture Internet che non abbiamo mai visto prima", dice al Sun un commissario della FCC.

L’amministrazione Biden potrebbe presto implementare normative radicali che le darebbero il controllo di Internet, avvertono gli analisti in vista del voto del 15 novembre della Federal Communications Commission sulle regole proposte. 

"Con il pretesto di 'equità digitale', il presidente Biden ha chiesto alla FCC di esercitare un grado di controllo sui servizi e sulle infrastrutture Internet che non abbiamo mai visto prima", dice al Sun un commissario della FCC, Brendan Carr, in una e-mail. 

“Conferirà allo Stato amministrativo il potere di microgestire quasi ogni aspetto del funzionamento di Internet”, aggiunge. “Questi tipi di regolamenti di comando e controllo non faranno altro che rendere più difficile la costruzione di infrastrutture e servizi Internet e potrebbero far sembrare le nostre reti più simili alle reti lente con cui devono confrontarsi i consumatori in Europa”.

La FCC, controllata dai democratici, afferma che le nuove regole “impedirebbero la discriminazione nell’accesso ai servizi a banda larga in base al livello di reddito, razza, etnia, colore, religione e origine nazionale”.

"Riconosciamo che l'obiettivo finale di questo procedimento è facilitare l'uguaglianza di accesso alla banda larga proprio come dice la legge", ha affermato la presidente della FCC, Jessica Rosenworcel. dice

Leggi il testo completo qui

L’allocazione dello spettro alimenterà il futuro digitale dell’America

I consumatori non tendono a considerare i dati come una risorsa limitata. Invece, l’attenzione dell’utente medio di smartphone o del giocatore online è su quanto ha pagato al mese il proprio provider wireless per il 5G e “dati illimitati”. 

Ma i dati non sono effettivamente illimitati. C’è solo un certo limite a disposizione, una funzione di ciò che è noto come allocazione dello spettro. Il modello economico della domanda e dell’offerta potrebbe anche non essere applicato qui perché gli Stati Uniti stanno facendo ben poco per soddisfare la domanda presente o futura.

Lo spostamento pandemico verso il lavoro a distanza, l’apprendimento da casa e lo shopping al dettaglio online è stato di per sé enorme motore della tensione sulla capacità della rete dello spettro, senza nulla da dire sulle future esigenze dell’intelligenza artificiale, delle auto a guida autonoma e dei satelliti in orbita terrestre bassa che forniscono Internet. Reti wireless trasportate più dati nel 2021 che nell’intero settennio dal 2010 al 2017. La banda larga domestica 5G ha registrato un tasso di crescita 140 volte più veloce di tutte le altre opzioni di banda larga domestica messe insieme.

Se vogliamo una maggiore capacità per i nostri dispositivi connessi, il 5G al volo, o anche solo reti cellulari leggermente più veloci, il governo dovrà espandere in maniera massiccia la fasce di disponibilità affinché i nostri dispositivi possano trasmettere e ricevere.

All’inizio di quest’anno, il Segretario al Commercio Gina Raimondo ha ripetuto questo messaggio, svelando il inizio di una strategia nazionale sullo spettro, che mirerà a definire la gamma di spettro che sarà disponibile per l’uso e come verrà distribuita.

La National Telecommunications and Information Administration dovrà identificare 1.500 megahertz di spettro entro il prossimo decennio o prima. Si prevede che questo nuovo immobile a onde radio servirà veicoli autonomi, dispositivi domestici intelligenti e prodotti Internet “sempre attivi” che alimentano sia l’industria che le famiglie.

Ci sono stati risultati sicuri avvertimenti che senza ulteriore spettro concesso in licenza, gli operatori statunitensi faranno fatica a soddisfare la crescente domanda wireless, affrontando un deficit di spettro di 400 MHz entro i prossimi cinque anni e di 1.400 MHz entro il 2034.

La banda da 4 GHz (4,4-4,94 GHz) è fondamentale per massimizzare il potenziale del 5G poiché consente una moltitudine di servizi 5G avanzati casi d'uso, dalla radiodiffusione ai veicoli autonomi, che richiedono un mix di copertura e capacità. Inoltre, la messa all’asta di questa banda è in linea con gli sforzi di armonizzazione internazionale, garantendo che gli Stati Uniti rimangano in prima linea nello sviluppo delle infrastrutture wireless offrendo prezzi più bassi ai consumatori.

Allo stesso modo, la banda 7/8 GHz rappresenta un’opportunità per un’ulteriore diffusione delle reti e dei servizi 5G. Recenti ricerche di NTIA rivela non è nemmeno lontanamente utilizzato completamente dagli operatori federali storici, il che lo rende maturo per l’esplorazione e l’asta. In questo senso, giustamente, la presidente della FCC Jessica Rosenworcel chiamate per la valutazione della gamma di spettro 7-15 GHz per fornire velocità più elevate e una copertura più ampia. È anche meglio.

La maggiore capacità della banda da 7 GHz può consentire alle reti 5G di servire aree densamente popolate, favorendo le città intelligenti e le reti 5G private per campus, impianti di produzione e altre istituzioni cruciali.

Riconoscere i primi benefici positivi derivanti dall’apertura dello spettro sarà fondamentale per dare sia agli imprenditori che ai consumatori la possibilità di prosperare ulteriormente in futuro. Una politica nazionale sullo spettro dovrebbe tenere presente tutto questo, pur rimanendo ferma nel dare potere ai consumatori e colmare il divario digitale.

Dando priorità all'allocazione dello spettro per l'uso commerciale concesso in licenza e a piena potenza, garantiamo che i consumatori abbiano accesso a reti wireless affidabili e ad alta velocità che soddisfano le loro crescenti richieste. È una strategia che alimenta la crescita economica, promuove l’innovazione e garantisce la posizione dell’America come leader globale delle telecomunicazioni.

Nell’era della connettività, i consumatori non meritano niente di meno.

Originariamente pubblicato qui

La legge del Michigan rende la lotta per la banda larga municipale una battaglia in salita

Per più di un decennio, i comuni degli Stati Uniti hanno avviato le proprie reti a banda larga gestite dal governo per portare Internet ad alta velocità ai propri residenti. 

Potrebbero farlo per una serie di motivi: fornire ai residenti un servizio più rapido a un costo inferiore, incoraggiare lo sviluppo economico, fornire Internet ad alta velocità in aree che i fornitori di servizi Internet privati non sono interessati a servire o portare servizi più economici connessioni ad aree urbane dove i residenti non possono permettersi il servizio fornito da ISP privati.

Ma a causa delle leggi in vigore nel Michigan, le città possono incontrare ostacoli significativi nell'avvio della propria rete.

Il Michigan è uno dei 18 stati che impongono restrizioni ai programmi municipali a banda larga. Ai sensi del Metropolitan Extension Telecommunications Rights-of-Way Oversight Act del 2002, gli enti pubblici possono fornire servizi di telecomunicazioni solo se hanno prima richiesto offerte per i servizi e ricevuto meno di tre offerte qualificate. Devono inoltre sottoporsi agli stessi termini di quelli specificati nella loro richiesta di proposta.

Leggi il testo completo qui

Evita la banda larga gestita dal governo quando colleghi i residenti del Michigan

Presto, il Michigan sarà inondato di denaro per aumentare la copertura della banda larga.

La legge bipartisan sulle infrastrutture, firmata dal presidente Joe Biden nel novembre 2021, stanzia almeno $100 milioni per espandere la banda larga e la copertura Internet nel Michigan. Inoltre, l'ufficio del governatore Gretchen Whitmer recentemente annunciato lo stato spenderà $5,2 milioni dal CARES Act federale per condurre un audit che identifichi le lacune nell'accesso a Internet ad alta velocità in tutto lo stato.

È evidente che i residenti del Michigan meritano l'accesso a Internet ad alta velocità affidabile. Tuttavia, poiché lo stato decide come e dove rafforzare l'infrastruttura a banda larga, è fondamentale che dia la priorità alla fornitura di servizi a banda larga di qualità ai consumatori senza sprecare denaro dei contribuenti attraverso la banda larga gestita dal comune o dal governo.

La pandemia ha dimostrato che l'accesso a Internet ad alta velocità continua a diventare sempre più importante poiché molti continuano a fare affidamento sulla banda larga per rimanere in contatto con il lavoro, la scuola, la telemedicina o altri aspetti cruciali della vita quotidiana.

È ha stimato che 8.9% dei residenti del Michigan vive in un'area che non fornisce una velocità Internet accettabile a causa della mancanza di infrastrutture a banda larga, lasciando il posto $2,5 miliardi nel potenziale beneficio economico previsto che viene perso tra coloro che sono disconnessi da Internet all'interno dello stato.

Ad essere onesti, molte piccole città in tutto il paese stanno ottenendo lo stesso tono da consulenti municipali per la banda larga di parte: se vuoi un Internet più veloce o più affidabile, allora dovresti costruire e gestire la rete da solo. Potrebbe sembrare promettente, ma la realtà è che queste reti si sono rivelate costose e inefficaci.

Secondo a rapporto dell'Università della Pennsylvania, dei 20 progetti municipali a banda larga negli Stati Uniti che hanno studiato, solo due hanno guadagnato abbastanza per coprire i costi del progetto durante la vita utile delle reti, mentre gli altri 18 sono stati fallimenti assoluti.

Le reti a banda larga municipali esistenti all'interno del Michigan stanno subendo un destino simile. Marshall, ad esempio, ha lanciato la propria rete municipale a banda larga in fibra chiamata FiberNet, che costa $3,1 milioni in prestiti da altri conti comunali. Sono state sollevate preoccupazioni sulla rete a banda larga municipale di Marshall come città continuamente mancati pagamenti sui loro prestiti a banda larga, suscitando il timore che la rete non sarà finanziariamente sufficientemente redditizia per compensare i costi operativi, lasciando potenzialmente i contribuenti ai guai.

In prospettiva, in Marshall sono disponibili anche servizi a banda larga di fornitori privati. Aziende come WOW e AT&T offrono entrambe le stesse velocità di FiberNet, ma a prezzi inferiori per i consumatori.

Una soluzione migliore per colmare il divario digitale nel Michigan e aiutare i consumatori della banda larga sarebbe rafforzare la concorrenza. Molti fornitori di servizi a banda larga privati sono in grado di espandere o aggiornare i propri servizi dove c'è domanda, senza gravare sui contribuenti come fanno le reti a banda larga municipali.

Secondo a Studio del Phoenix Center, i prezzi nei mercati con un fornitore municipale sono superiori a quelli nei mercati senza uno; pertanto la disponibilità di fornitori privati di banda larga in un'area è ancora più vantaggioso per i consumatori poiché la concorrenza contribuirà a mantenere bassi i prezzi.

Nelle aree rurali o nei luoghi in cui la domanda di servizi a banda larga è limitata, le autorità di regolamentazione locali potrebbero prendere in considerazione l'emissione di voucher per sovvenzionare il servizio a coloro che ne hanno i requisiti.

Inoltre, dovrebbero essere incoraggiate soluzioni innovative come Starlink, che mira a fornire un accesso Internet a banda larga satellitare a basso costo in tutto il mondo. Ciò garantirebbe che tutti i residenti del Michigan possano connettersi a Internet affidabile, senza la necessità di una rete a banda larga municipale costosa o inaffidabile.

Poiché vengono stanziati maggiori finanziamenti per le infrastrutture a banda larga, le autorità di regolamentazione statali e locali devono riconoscere che le reti a banda larga municipali sono generalmente inefficaci e finanziariamente irresponsabili.

Per colmare il divario digitale nel Michigan e aiutare i consumatori della banda larga in tutte le parti dello stato, dobbiamo abbracciare la concorrenza privata e sovvenzionare le reti nelle aree non servite solo attraverso offerte competitive.

Originariamente pubblicato qui

Perché il controllo democratico della FCC non sarà di buon auspicio per la libertà di Internet

Di Yael Ossowski

Nel tardo pomeriggio di martedì, il presidente Joe Biden ha rivelato la sua candidature alla Commissione federale delle comunicazioni.

Come ci si aspetterebbe, le sue due nomination - Jessica Rosenworcel e Gigi Sohn - provengono da circoli democratici e hanno confermato le priorità progressiste per le politiche delle telecomunicazioni.

Rosenworcel è commissario dal 2012 ed è stato presidente ad interim da quando Ajit Pai se n'è andato all'inizio del mandato di Biden. Sarebbe stata la prima presidente donna della FCC.

Sohn è stato attivo in organizzazioni non profit di sinistra, ma ha anche lavorato come consigliere dell'ex presidente della FCC Tom Wheeler. Ha fatto carriera nella difesa, nel governo e nel mondo accademico sostenendo "reti di comunicazione aperte, convenienti e democratiche", secondo il comunicato della Casa Bianca.

Ciò che rappresentano entrambi i candidati, se confermato dal Senato, sarebbe un ritorno a una FCC a maggioranza democratica intenta a rivitalizzare le proposte di "neutralità della rete" dell'era 2015. Gli attivisti stanno già celebrando un ritorno alla politica progressista presso l'autorità di regolamentazione delle telecomunicazioni della nazione.

Sebbene le nomine di Biden non siano una sorpresa - ogni presidente generalmente nomina i commissari del proprio partito - i sostenitori dei consumatori dovrebbero essere preoccupati per gli obiettivi politici che cercheranno di approvare.

Neutralità della rete

La più urgente sarebbe una riforma dei regolamenti del Titolo II attraverso la "neutralità della rete", etichettando di fatto gli Internet Service Provider come servizi di pubblica utilità, essenzialmente come monopoli protetti.

Come io ha scritto nel Washington Examiner nel 2017, la premessa di base delle riforme della neutralità della rete è regolamentare gli ISP come i fornitori di acqua o le compagnie telefoniche, sottoponendoli a un'applicazione più attiva, agli standard e ai regolamenti stabiliti dalla FCC, in modo che tutto il traffico online sia considerato "neutro" e libero da prioritizzazione”.

Inoltre, una classificazione del Titolo II tratterebbe gli ISP come monopoli, il che, anche secondo la definizione più forzata, non può essere vero. Ci sono vicino a 3.000 ISP negli Stati Uniti, tutti al servizio di popolazioni e regioni diverse, sebbene alcuni giocatori abbiano una copertura maggiore di altri.

Portare queste società nella lente normativa della FCC sotto gli auspici dei servizi di pubblica utilità significherebbe maggiori restrizioni e normative sui contenuti e sulla fornitura di contenuti su Internet, ben lontani dalla libertà di Internet.

Come principio generale per una rete aperta, la neutralità della rete è importante. Quando i fornitori di servizi Internet sono stati accusati di bloccare o limitare ingiustamente i consumatori, sono stati giustamente contestati da azioni legali e azioni esecutive da parte della Federal Trade Commission. E in generale dovremmo desiderare un sistema che non discrimini gli utenti di Internet in base al contenuto che ospitano o forniscono (possiamo anche ringraziare la Sezione 230 per le protezioni di responsabilità per le piattaforme online).

Tuttavia, da quando questi regolamenti sono stati proposti nel 2014 sotto l'amministrazione Obama, non c'è mai stato un chiara motivazione fornito sul motivo per cui le società Internet dovrebbero essere regolamentate dalla FCC piuttosto che dalla FTC, così come lo status quo. E da quello che possiamo dire, quel cambiamento avrebbe probabilmente un impatto sui consumatori più di chiunque altro.

Per prima cosa, una classificazione di pubblica utilità significherebbe un potere di regolamentazione centralizzata di Internet molto più vasto di quanto non esista attualmente, mettendo a rischio la natura innovativa di Internet.

I fornitori sarebbero incaricati di una significativa conformità normativa che richiederebbe maggiori costi e commissioni amministrative. Ciò minaccerebbe anche l'espansione delle start-up e delle società indipendenti nello spazio digitale, inasprendo gli sforzi per l'imprenditorialità creativa. Tutto sarebbe dannoso per i consumatori.

Con ogni successiva amministrazione a Washington, possiamo solo immaginare che l'applicazione delle regole e la modifica delle regole sarebbero sufficienti a creare incertezza normativa per migliaia di aziende online e per gli utenti che dipendono da esse.

Secondo, come la nostra esperienza dalla storia dei servizi di pubblica utilità dimostra, ci sarebbe probabilmente un intenso consolidamento che darebbe alle grandi aziende i mezzi per conformarsi alle normative e arrestare nuove start-up innovative. Disincentiverebbe anche l'aumento degli investimenti privati nei servizi a banda larga, come abbiamo fatto noi scritto su al Consumer Choice Center e esacerbare gli effetti della proposta infrastrutturale di Biden sulla banda larga pubblica se passerà questo autunno.

Sebbene il consolidamento degli ISP sia una grave preoccupazione per gli attivisti progressisti di Internet, ciò peggiorerebbe solo una volta che a una gigantesca burocrazia come la FCC fosse stata conferita l'autorità di regolamentazione su di loro. Come la mia collega Elizabeth Hicks notato nel Detroit Times, spesso sono le normative statali e locali a impedire una maggiore concorrenza tra gli ISP, non a causa di un'autorità lassista a livello federale.

Riservatezza in linea

Sia Rosenworcel che Sohn hanno anche indicato che sosterrebbero una proposta per una maggiore privacy su Internet applicata dalla FCC. Anche se in linea di principio sarebbe fantastico, ci auguriamo che un piano federale punisca i cattivi attori e stabilisca linee guida chiare per garantire la trasparenza e proteggere l'innovazione, come abbiamo proposto nella nostra nota sulla privacy dei dati e dei consumatori.

Tuttavia, Sohn's precedenti dichiarazioni pubbliche, anche quando era borsista presso la Open Society Foundation, ha dimostrato di volere una restrizione all'ingrosso sulla condivisione dei dati, anche tra consumatori e fornitori disponibili. Ciò metterebbe a rischio molti servizi vitali.

Inoltre, una proposta del genere mirerebbe probabilmente a rafforzare ulteriormente l'applicazione del governo sulla privacy dei dati piuttosto che abbracciare innovazioni di mercato che già fanno proprio questo.

Prezzi

Un'altra area significativa in cui una FCC a maggioranza democratica potrebbe agire sarebbe sui prezzi dei servizi Internet. Sohn è stato piuttosto esplicito riguardo alla fissazione dei prezzi degli ISP e alla regolamentazione del raggruppamento di vari servizi. Ciò minerebbe l'ambiente competitivo degli ISP e probabilmente porterebbe a servizi di qualità inferiore e razionati per gli utenti, degradando l'esperienza Internet di tutti.

La storia di Sohn in vari gruppi senza scopo di lucro che hanno preso di mira e fatto pressioni sulla FCC per una maggiore applicazione è stata davvero di grande impatto, e non è difficile vedere quanto dell'indignazione per la neutralità della rete fosse dovuta a questi sforzi. Sfortunatamente, anche questo ha coinciso con gravi minacce di morte e preoccupazioni per la sicurezza per i commissari contrari a questi piani.

Se entrambi i candidati alla FCC saranno confermati, è chiaro che la battaglia per l'Internet aperta sarà nuovamente rimessa in discussione. E se la proposta passata è indicativa, dovrà affrontare un'opposizione significativa.

Al tempo delle regole originarie di neutralità della rete, anche la Electronic Frontier Foundation, vista come uno dei più potenti gruppi per la libertà di Internet, era scettico sull'ampiezza delle disposizioni sulla neutralità della rete.

Possiamo solo immaginare che ora, sostenuti dalle vittorie progressiste a Capitol Hill e dalle voci più alte per la regolamentazione dei contenuti e delle piattaforme su Internet, queste proposte si riveleranno dannose per gli interessi degli utenti e dei consumatori online.

Yaël Ossowski è il vicedirettore del Consumer Choice Center.

La coalizione mette in guardia contro le proposte di banda larga

Il Consumer Choice Center è entrato a far parte di una coalizione di organizzazioni di difesa dei consumatori e fiscali che segnalano gli sviluppi nei negoziati sulla legge sulle infrastrutture. Controllo dei prezzi e regolazione tariffaria; drammatica espansione del marchio esecutivo e dell'autorità dell'agenzia; e Internet controllato dal governo non dovrebbe mai essere sul tavolo.

Puoi leggere la lettera qui sotto o fare clic QUI per una versione completa:

23 luglio 2021

RE: spesa per infrastrutture a banda larga

Cari Senatori:

Vi scriviamo oggi su alcuni sviluppi preoccupanti nei negoziati bipartisan sulle infrastrutture sulla banda larga. Siamo guidati dai principi del governo limitato e crediamo che i difetti nel quadro infrastrutturale vadano ben oltre le questioni discusse qui. Ciò nonostante, il nostro obiettivo attuale è quello di difendere in modo specifico le proposte che metterebbero in atto controlli sui prezzi, espanderebbero notevolmente l'autorità delle agenzie e darebbero priorità a Internet controllato dal governo. 

Il piano infrastrutturale non dovrebbe prevedere la regolamentazione tariffaria dei servizi a banda larga. Il Congresso non dovrebbe autorizzare alcun ente federale o governativo a fissare il prezzo di qualsiasi offerta a banda larga. Anche i passi che aprono la porta alla regolamentazione tariffaria dei servizi a banda larga si riveleranno dannosi a lungo termine.  

Né il Congresso dovrebbe continuare ad abdicare alle sue responsabilità di supervisione ad agenzie del ramo esecutivo come la National Telecommunications and Information Administration. Dare all'NTIA l'autorità incontrollata di modificare o rinunciare ai requisiti, rende privi di significato tutti i guardrail posti dal Congresso. Ci deve essere una supervisione dei programmi per garantire che i dollari dei contribuenti vadano a collegare più americani alla banda larga invece che a progetti dispendiosi per animali domestici. 

Storicamente, i tentativi dell'NTIA di colmare il divario digitale attraverso sovvenzioni discrezionali sono falliti, portando a inutili sovrastrutture, corruzione e spese improprie. L'American Recovery and Reinvestment Act del 2009 ha creato il programma di sovvenzioni BTOP (Broadband Technology Opportunities Program) da $4 miliardi amministrato da NTIA. Dal 2009, anno di istituzione del BTOP, al 2017, almeno un terzo di tutte le segnalazioni effettuate dall'Ispettore Generale del Dipartimento del Commercio riguardavano il programma BTOP, e i dati del censimento hanno mostrato che il programma BTOP non ha avuto alcun effetto positivo su adozione della banda larga. E questo era con solo $4 miliardi di dollari dei contribuenti. Non possiamo permetterci di commettere lo stesso errore con somme molto maggiori.

La legislazione deve essere chiara e non creare ambiguità che sono lasciate ai capricci dei regolatori. Sebbene il "redlining digitale" sia inaccettabile, la FCC non dovrebbe essere autorizzata a definire il termine nel modo che ritiene opportuno e promulgare qualsiasi regolamento che ritiene possa risolvere i problemi, reali o immaginari. Ciò darebbe all'agenzia carta bianca per regolamentare e microgestire la banda larga in qualsiasi modo desideri. Questa sarebbe un'enorme espansione dell'autorità FCC. Inoltre, le definizioni e i regolamenti potrebbero cambiare ogni volta che cambia il controllo del partito sull'agenzia, portando a un andirivieni che crea incertezza per i consumatori e le imprese. 

Il legittimo desiderio di garantire che gli americani a basso reddito abbiano accesso all'infrastruttura a banda larga non dovrebbe essere utilizzato come cortina fumogena per codificare aspetti del recente Ordine esecutivo sulla concorrenza, che non dovrebbe essere incluso in alcun accordo infrastrutturale bipartisan. I repubblicani hanno combattuto duramente per sostenere il Restoring Internet Freedom Order della FCC. Qualsiasi legislazione sulle funzioni e l'implementazione delle tecnologie Internet deve passare come un disegno di legge autonomo attraverso un ordine regolare con revisione del comitato. Queste domande sono troppo importanti per essere inserite in un disegno di legge massiccio senza un dibattito rigoroso.   

Qualsiasi finanziamento per lo sviluppo della banda larga deve prima mirare a località senza alcuna connessione a banda larga, e questo dovrebbe essere determinato dalle mappe della banda larga FCC richieste dal Congresso. Il Congresso ha la supervisione della FCC e la FCC ha già condotto diverse aste al ribasso. Le aste inverse ottengono il massimo da ogni dollaro dei contribuenti per colmare il divario digitale. Le aree in cui esiste già un impegno da parte di un vettore a costruire una rete non dovrebbero essere prese in considerazione per le sovvenzioni e l'NTIA non dovrebbe essere in grado di ignorare la mappa della FCC per ridefinire "non servito" e sovvenzionare le costruzioni duplicate.  

Internet controllato dal governo non dovrebbe avere la priorità in nessun programma di sovvenzione. Con poche eccezioni, le reti di proprietà del governo (GON) sono state miserabili fallimenti. Ad esempio, KentuckyWired è un GON di 3.000 miglia che è stato venduto ai contribuenti come un progetto da $350 milioni che sarebbe stato completato entro la primavera del 2016. Quelle proiezioni non avrebbero potuto essere più sbagliate. Più di cinque anni dopo la presunta data di completamento, la costruzione della fibra per KentuckyWired è ancora "in corso" in alcune parti dello stato e un rapporto del revisore dei conti statale ha concluso che i contribuenti finiranno per sprecare un enorme $1,5 miliardi in questo ridondante "rete di proprietà del governo" nei suoi 30 anni di vita. NTIA non dovrebbe certamente incoraggiare la replica di questi fallimenti.

Apprezziamo il tuo lavoro per aiutare a colmare il divario digitale e concordiamo sul fatto che l'accesso a Internet affidabile è una priorità, tuttavia non dovremmo utilizzare questa necessità per fungere da copertura per un'espansione del governo non necessaria. Non esitate a contattare una qualsiasi delle organizzazioni o persone sottoscritte in caso di domande o commenti. 

Saluti,

Grover G. Norquist
Presidente
Gli americani per la riforma fiscale

Jennifer Huddleston*
Direttore della politica della tecnologia e dell'innovazione
Forum d'azione americano

Phil Kerpen
Presidente
Impegno americano

Krisztina Pusok, Ph.D.
Direttore
Istituto americano dei consumatori
Centro per la ricerca sui cittadini

Brent Wm. Gardner
Responsabile degli affari governativi
Americani per la prosperità

Jeffrey Mazzella
Presidente
Centro per la libertà individuale

Andrew F. Quinlan
Presidente
Centro per la Libertà e la Prosperità

Jessica Melugin
Direttore Centro per la tecnologia e l'innovazione
Istituto per l'impresa competitiva

Matteo Kandrach
Presidente
Azione dei consumatori per un'economia forte

Yael Ossowski
Vicedirettore
Centro di scelta dei consumatori

Roslyn Layton, dottore di ricerca
Fondatore
Minaccia tecnologica cinese

Ashley Baker
Direttore delle Politiche Pubbliche
Il Comitato per la Giustizia

Tom Schatz
Presidente
Consiglio per i cittadini contro lo spreco del governo

Katie McAuliffe
Direttore esecutivo
Libertà digitale

Annette Thompson Meeks
Amministratore delegato
Fondazione Libertà del Minnesota

Adam Brandon
Presidente
FreedomWorks

Giorgio Landrith
Presidente
Frontiere della Libertà

Garrett Bess
vicepresidente
Patrimonio azione per l'America

Carrie Lukas
Presidente
Forum indipendente delle donne

Erica Higgins
Amministratore delegato
Voce femminile indipendente

Tom Giovanetti
Presidente
Istituto per l'innovazione politica

Ted Bolema
Direttore esecutivo
Istituto per lo Studio della Crescita Economica

Seton Motley
Presidente
Meno governo

Zach Graves
Responsabile Politica
Rete Lincoln

Matteo Gannon
Amministratore delegato
Istituto di politica del Maine

Matteo Nicaud
Specialista in politica tecnologica
Centro del Mississippi per l'ordine pubblico

Brandon Arnold
Vicepresidente esecutivo
Unione Nazionale Contribuenti

Tom Hébert
Direttore esecutivo
Centro Concorsi Aperto

Ellen Weaver
Presidente e Ceo
Istituto Promessa Palmetto

Eric Peterson
Direttore
Centro Pelican per la tecnologia e l'innovazione

Lorenzo Montanari
Direttore esecutivo
Alleanza per i diritti di proprietà

Jeffrey Westling
Resident Fellow, Technology & Innovation Policy
R Street Institute

Giacomo L. Martin
Fondatore/Presidente
Associazione 60+

Saulius "Saulo" Anuzis
Presidente
Associazione 60+

Davide Williams
Presidente
Alleanza per la protezione dei contribuenti

Dan Mead Smith
Presidente
Entra la politica di Washington

Mark Harmsworth
Direttore delle piccole imprese
Centro politico di Washington

Se l'obiettivo del presidente è Internet ad alta velocità per tutti, i regolamenti governativi sono ancora di ostacolo

La pandemia di COVID-19 ha, se non altro, dimostrato la necessità di un servizio Internet ad alta velocità.

È stato mostrato nelle scuole mentre gli insegnanti cercavano di istruire gli studenti tramite l'apprendimento a distanza. È stato mostrato nelle aziende mentre cercavano di rafforzare la loro presenza online. È stato mostrato in tutti coloro che hanno appreso per la prima volta degli incontri Zoom nel marzo 2020 e ora probabilmente non possono immaginare la vita di tutti i giorni senza di loro.

Il presidente Joe Biden e molti membri del Congresso lo riconoscono. Ecco perché, come parte dell'American Jobs Plan del presidente, è stato proposto di spendere $100 miliardi per portare il servizio a banda larga ad alta velocità a tutti gli americani.

Ma buttare più soldi delle tasse nella situazione è davvero la soluzione migliore?

Yael Ossowski, vicedirettore del Consumer Choice Center di Washington, DC, non la pensa così. Sostiene che la semplice spesa di denaro non risolverà le vere sfide: la miriade di regole diverse tra comuni e stati che sovrintendono all'infrastruttura Internet che funge da vera barriera per connettere più americani.

Mr. Ossowski fa riferimento a un recente studio della Federal Communications Commission che ha trovato più di 700 esempi di leggi e statuti che ostacolano i provider di Internet prima che possano connettere una casa. Questi includono ambiguità sui processi di richiesta, alti costi di autorizzazione per le reti, processi di approvazione lenti e regole gravose.

Uno studio diverso, questo condotto dall'Università della Pennsylvania, ha rilevato che i servizi Internet del governo locale, che sono prevalenti in alcune parti della nazione rispetto alle aziende private che forniscono il servizio, sono spesso troppo costosi da mantenere.

Inoltre, nel piano del presidente si presume che la soluzione si concentri principalmente sulle connessioni in fibra a banda larga. Si può argomentare che anche gli investimenti nelle reti mobili e satellitari sono degni di considerazione. Ma questi sforzi sono stati anche ostacolati da gravose normative governative.

Ciò che è chiaro è che man mano che le reti mobili si espandono e la velocità migliora, e man mano che la tecnologia in fibra si fa strada verso aree più rurali in tutta la nazione, più americani saranno connessi a Internet più veloce e migliore. Tuttavia, per fare ciò, ciò che serve è concentrarsi sul potere degli investimenti privati, regole normative chiare e l'eliminazione della burocrazia. Questo è un altro caso in cui quelli a Washington, DC, possono avere buone intenzioni e la capacità di fare qualcosa di buono, non hanno una stretta mortale sulle idee migliori.

Originariamente pubblicato qui.

Il piano per la banda larga di Biden potrebbe danneggiare fornitori e consumatori

Non è un segreto che l'accesso a Internet affidabile e ad alta velocità sia più importante che mai, soprattutto considerando come abbiamo trascorso lo scorso anno. Ora facciamo molto affidamento sulle connessioni virtuali per la scuola, il lavoro e forse alcune infinite maratone Netflix nel tentativo di rimanere sani di mente durante i blocchi.

Con una vita più online, non sorprende l'utilizzo della banda larga aumentato 40% nel corso dell'ultimo anno. Molti sospettano che questo livello di domanda di banda larga continuerà, ma ci sono milioni di persone in tutto il paese che non hanno ancora accesso, tra cui 368,000 famiglie rurali del Michigan.

Si stima che ci sia finita $2,5 miliardi nel potenziale vantaggio economico che si perde tra i residenti del Michigan disconnessi da Internet, chiarendo che dobbiamo trovare una soluzione per porre fine a questo divario digitale.

Il presidente Joe Biden ha recentemente proposto $100 miliardi espandere la banda larga attraverso l'American Jobs Plan. Anche se per alcuni questo può sembrare un degno investimento infrastrutturale, la stampa fine del piano propone soluzioni poco brillanti che creano un futuro burrascoso per i consumatori del Michigan.

Un problema evidente è la priorità delle reti a banda larga gestite dal governo con "meno pressioni per realizzare profitti e con l'impegno a servire intere comunità". È ben documentato che queste reti sono inefficaci 𑁋 a Studio del Phoenix Center ha scoperto che i prezzi nei mercati con un fornitore municipale sono più alti di quelli nei mercati senza uno.

Il Michigan consente le reti municipali a banda larga solo nelle aree non servite o scarsamente servite e se i loro benefici superano i costi. Tuttavia, i governi locali hanno concesso alle reti municipali vantaggi rispetto ai fornitori privati fornendo sussidi e un trattamento normativo privilegiato per mostrare l'illusione della conformità.

Questo è successo di recente a Marshall e i risultati sono stati terribili. Secondo a rapporto rilasciato dalla Taxpayers Protection Alliance che mette in evidenza le reti a banda larga gestite dal governo fallite, la rete a banda larga in fibra di Marshall, chiamata FiberNet, costa $3.1 milioni e serve solo una frazione della sua popolazione. Vale la pena notare che i servizi privati a banda larga sono disponibili anche a Marshall.

Un altro problema chiave del piano di Biden è che dà la priorità esclusivamente alla costruzione della banda larga in fibra. Mentre la fibra può essere un'ottima opzione per alcuni, non è sempre pratica per le comunità rurali a causa dei costi elevati e del processo di installazione richiesto. Le famiglie rurali possono essere situate a chilometri di distanza e con l'installazione della fibra che costa fino a $27.000/per miglio, la domanda stimata delle comunità rurali spesso non compensa i costi di costruzione delle reti in fibra in quelle zone.

Soluzioni innovative come quelle di Elon Musk Collegamento stellare dovrebbe essere incoraggiato. Entro la fine di quest'anno, ci saranno oltre 1.000 satelliti che forniranno Internet a più di 10.000 clienti in tutto il mondo tramite Starlink. Questo è uno sviluppo entusiasmante perché le reti satellitari sono spesso più economiche, più efficienti e possono fornire velocità più elevate alle famiglie rurali rispetto alla fibra.

L'ultimo grande problema con il piano di Biden è che promette di portare l'America alla copertura della banda larga 100%, ma questo non tiene conto di tutte le preferenze dei consumatori. Secondo Pew Research, 15% degli americani si affida agli smartphone e non dispone di servizi a banda larga. Sebbene non sia certo il motivo, una potenziale ragione è la frequenza del Wi-Fi gratuito disponibile in molti spazi pubblici che potrebbe portare alcune famiglie a rinunciare al pagamento per la banda larga.

Per aiutare il Michigan a sfruttare appieno il suo potenziale economico, è fondamentale che le 368.000 famiglie rurali possano accedere rapidamente a Internet ad alta velocità. Lo stato dovrebbe abbracciare i fornitori di servizi Internet privati, praticare la neutralità tecnologica non favorendo un tipo di banda larga rispetto a un altro e incoraggiare più innovazioni a vantaggio dei consumatori.

Originariamente pubblicato qui.

Descrizione