fbpx

Di Yael Ossowski

Nel tardo pomeriggio di martedì, il presidente Joe Biden ha rivelato la sua candidature alla Commissione federale delle comunicazioni.

Come ci si aspetterebbe, le sue due nomination - Jessica Rosenworcel e Gigi Sohn - provengono da circoli democratici e hanno confermato le priorità progressiste per le politiche delle telecomunicazioni.

Rosenworcel è commissario dal 2012 ed è stato presidente ad interim da quando Ajit Pai se n'è andato all'inizio del mandato di Biden. Sarebbe stata la prima presidente donna della FCC.

Sohn è stato attivo in organizzazioni non profit di sinistra, ma ha anche lavorato come consigliere dell'ex presidente della FCC Tom Wheeler. Ha fatto carriera nella difesa, nel governo e nel mondo accademico sostenendo "reti di comunicazione aperte, convenienti e democratiche", secondo il comunicato della Casa Bianca.

Ciò che rappresentano entrambi i candidati, se confermato dal Senato, sarebbe un ritorno a una FCC a maggioranza democratica intenta a rivitalizzare le proposte di "neutralità della rete" dell'era 2015. Gli attivisti stanno già celebrando un ritorno alla politica progressista presso l'autorità di regolamentazione delle telecomunicazioni della nazione.

Sebbene le nomine di Biden non siano una sorpresa - ogni presidente generalmente nomina i commissari del proprio partito - i sostenitori dei consumatori dovrebbero essere preoccupati per gli obiettivi politici che cercheranno di approvare.

Neutralità della rete

La più urgente sarebbe una riforma dei regolamenti del Titolo II attraverso la "neutralità della rete", etichettando di fatto gli Internet Service Provider come servizi di pubblica utilità, essenzialmente come monopoli protetti.

Come io ha scritto nel Washington Examiner nel 2017, la premessa di base delle riforme della neutralità della rete è regolamentare gli ISP come i fornitori di acqua o le compagnie telefoniche, sottoponendoli a un'applicazione più attiva, agli standard e ai regolamenti stabiliti dalla FCC, in modo che tutto il traffico online sia considerato "neutro" e libero da prioritizzazione”.

Inoltre, una classificazione del Titolo II tratterebbe gli ISP come monopoli, il che, anche secondo la definizione più forzata, non può essere vero. Ci sono vicino a 3.000 ISP negli Stati Uniti, tutti al servizio di popolazioni e regioni diverse, sebbene alcuni giocatori abbiano una copertura maggiore di altri.

Portare queste società nella lente normativa della FCC sotto gli auspici dei servizi di pubblica utilità significherebbe maggiori restrizioni e normative sui contenuti e sulla fornitura di contenuti su Internet, ben lontani dalla libertà di Internet.

Come principio generale per una rete aperta, la neutralità della rete è importante. Quando i fornitori di servizi Internet sono stati accusati di bloccare o limitare ingiustamente i consumatori, sono stati giustamente contestati da azioni legali e azioni esecutive da parte della Federal Trade Commission. E in generale dovremmo desiderare un sistema che non discrimini gli utenti di Internet in base al contenuto che ospitano o forniscono (possiamo anche ringraziare la Sezione 230 per le protezioni di responsabilità per le piattaforme online).

Tuttavia, da quando questi regolamenti sono stati proposti nel 2014 sotto l'amministrazione Obama, non c'è mai stato un chiara motivazione fornito sul motivo per cui le società Internet dovrebbero essere regolamentate dalla FCC piuttosto che dalla FTC, così come lo status quo. E da quello che possiamo dire, quel cambiamento avrebbe probabilmente un impatto sui consumatori più di chiunque altro.

Per prima cosa, una classificazione di pubblica utilità significherebbe un potere di regolamentazione centralizzata di Internet molto più vasto di quanto non esista attualmente, mettendo a rischio la natura innovativa di Internet.

I fornitori sarebbero incaricati di una significativa conformità normativa che richiederebbe maggiori costi e commissioni amministrative. Ciò minaccerebbe anche l'espansione delle start-up e delle società indipendenti nello spazio digitale, inasprendo gli sforzi per l'imprenditorialità creativa. Tutto sarebbe dannoso per i consumatori.

Con ogni successiva amministrazione a Washington, possiamo solo immaginare che l'applicazione delle regole e la modifica delle regole sarebbero sufficienti a creare incertezza normativa per migliaia di aziende online e per gli utenti che dipendono da esse.

Secondo, come la nostra esperienza dalla storia dei servizi di pubblica utilità dimostra, ci sarebbe probabilmente un intenso consolidamento che darebbe alle grandi aziende i mezzi per conformarsi alle normative e arrestare nuove start-up innovative. Disincentiverebbe anche l'aumento degli investimenti privati nei servizi a banda larga, come abbiamo fatto noi scritto su al Consumer Choice Center e esacerbare gli effetti della proposta infrastrutturale di Biden sulla banda larga pubblica se passerà questo autunno.

Sebbene il consolidamento degli ISP sia una grave preoccupazione per gli attivisti progressisti di Internet, ciò peggiorerebbe solo una volta che a una gigantesca burocrazia come la FCC fosse stata conferita l'autorità di regolamentazione su di loro. Come la mia collega Elizabeth Hicks notato nel Detroit Times, spesso sono le normative statali e locali a impedire una maggiore concorrenza tra gli ISP, non a causa di un'autorità lassista a livello federale.

Riservatezza in linea

Sia Rosenworcel che Sohn hanno anche indicato che sosterrebbero una proposta per una maggiore privacy su Internet applicata dalla FCC. Anche se in linea di principio sarebbe fantastico, ci auguriamo che un piano federale punisca i cattivi attori e stabilisca linee guida chiare per garantire la trasparenza e proteggere l'innovazione, come abbiamo proposto nella nostra nota sulla privacy dei dati e dei consumatori.

Tuttavia, Sohn's precedenti dichiarazioni pubbliche, anche quando era borsista presso la Open Society Foundation, ha dimostrato di volere una restrizione all'ingrosso sulla condivisione dei dati, anche tra consumatori e fornitori disponibili. Ciò metterebbe a rischio molti servizi vitali.

Inoltre, una proposta del genere mirerebbe probabilmente a rafforzare ulteriormente l'applicazione del governo sulla privacy dei dati piuttosto che abbracciare innovazioni di mercato che già fanno proprio questo.

Prezzi

Un'altra area significativa in cui una FCC a maggioranza democratica potrebbe agire sarebbe sui prezzi dei servizi Internet. Sohn è stato piuttosto esplicito riguardo alla fissazione dei prezzi degli ISP e alla regolamentazione del raggruppamento di vari servizi. Ciò minerebbe l'ambiente competitivo degli ISP e probabilmente porterebbe a servizi di qualità inferiore e razionati per gli utenti, degradando l'esperienza Internet di tutti.

La storia di Sohn in vari gruppi senza scopo di lucro che hanno preso di mira e fatto pressioni sulla FCC per una maggiore applicazione è stata davvero di grande impatto, e non è difficile vedere quanto dell'indignazione per la neutralità della rete fosse dovuta a questi sforzi. Sfortunatamente, anche questo ha coinciso con gravi minacce di morte e preoccupazioni per la sicurezza per i commissari contrari a questi piani.

Se entrambi i candidati alla FCC saranno confermati, è chiaro che la battaglia per l'Internet aperta sarà nuovamente rimessa in discussione. E se la proposta passata è indicativa, dovrà affrontare un'opposizione significativa.

Al tempo delle regole originarie di neutralità della rete, anche la Electronic Frontier Foundation, vista come uno dei più potenti gruppi per la libertà di Internet, era scettico sull'ampiezza delle disposizioni sulla neutralità della rete.

Possiamo solo immaginare che ora, sostenuti dalle vittorie progressiste a Capitol Hill e dalle voci più alte per la regolamentazione dei contenuti e delle piattaforme su Internet, queste proposte si riveleranno dannose per gli interessi degli utenti e dei consumatori online.

Yaël Ossowski è il vicedirettore del Consumer Choice Center.

Condividere

Seguire:

Altri post

Iscriviti alla nostra Newsletter

Descrizione