fbpx

bitcoin

Il nostro tempestivo avviso sui regolamenti FTX, Bankman-Fried e Future Cryptocurrency

Questa lettera è stato inviato a senatori, membri del Congresso dei comitati competenti e autorità di regolamentazione presso l'Ufficio per la protezione finanziaria dei consumatori, la Commissione per i titoli e gli scambi e la Commissione per il commercio di futures sulle materie prime all'indomani del crollo dell'FTX. La lettera precedente può essere visualizzato qui.

Facendo riferimento al lettera precedente abbiamo inviato ai legislatori e alle autorità di regolamentazione 26 ottobre 2022, avvertendo dell'influenza e dei rischi finanziari intrinseci posti dall'allora CEO di FTX Sam Bankman-Fried e dalle sue società collegate, qui offriamo i nostri pensieri su ciò che dovresti considerare per la futura regolamentazione sulle risorse digitali, le criptovalute e le piattaforme che le utilizzano.

Come avrai letto ormai, le presunte azioni criminali del signor Bankman-Fried e delle sue società affiliate (FTX International, FTX Europe, Alameda Research, ecc.), hanno portato a diverse dichiarazioni di fallimento, porteranno probabilmente a costose cause legali e, senza dubbio, invitare indagini e domande dai tuoi colleghi e comitati al Congresso. Tutto ciò è necessario e prudente.

L'interruzione dei prelievi per miliardi di dollari di fondi dei clienti, la mescolanza di beni aziendali e dei clienti, la collateralizzazione di nuovi token crittografici garantiti dal nulla e la leva finanziaria insostenibile hanno cospirato per creare uno degli eventi più disastrosi della storia finanziaria recente. È una macchia sulla reputazione di imprenditori e costruttori creativi che forniscono valore nello spazio delle criptovalute. Ciò è reso ancora più preoccupante dall'influenza di questa azienda e dei suoi leader nella capitale della nostra nazione.

La significativa influenza del signor Bankman-Fried e delle sue società tra i membri e il personale del Congresso, le donazioni a campagne politiche e lo stretto rapporto con le autorità di regolamentazione presentano un caso schiacciante di ciò che accade quando le aziende politicamente connesse mirano a controllare e plasmare la legislazione senza il contributo dei consumatori e cittadini.

Mentre i responsabili delle decisioni erano ansiosi di incontrare il signor Bankman-Fried e rispecchiare i suoi suggerimenti prevenuti sulla politica delle criptovalute nelle azioni legislative e di applicazione, i gruppi di consumatori come il nostro hanno lanciato l'allarme sui conflitti di interesse dannosi per una politica sana e di principio per milioni di Americani che usano e investono in criptovalute come Bitcoin.

Nasce il Consumer Choice Center scrivere pubblicamente sui conflitti di interesse e sui rapporti finanziari rischiosi di queste società e del signor Bankman-Fried nel settembre 2022, e su come rappresenterebbero un rischio considerevole sia per l'industria legittima delle criptovalute che per i risparmi e gli investimenti di milioni di consumatori. Rimaniamo fermi nella nostra convinzione.

Detto questo, come sostenitori dei consumatori, rimaniamo ottimisti riguardo alle promesse di Bitcoin, della sua progenie di criptovaluta e delle blockchain innovative, delle tecnologie decentralizzate e dei servizi crittografici che si sono evoluti intorno a loro.

Gli utenti di tecnologie decentralizzate, tuttavia, non hanno bisogno di un approccio industriale alla regolamentazione. I regolamenti esistono per stabilire le regole del gioco, non per classificare i leader del gioco. Questo approccio precedente ha fornito copertura a FTX e alle sue società affiliate e ha portato al disastro che vediamo oggi.

La principale cautela che invochiamo, quindi, è che molte normative proposte mirano a cementare gli attori del settore esistenti e bloccare i nuovi arrivati innovativi, richiedendo allo stesso tempo le stesse regole restrittive che hanno indotto molte persone a esplorare le criptovalute in primo luogo.

Come abbiamo affermato, se le regole sulle criptovalute e sui suoi clienti aiutano a consolidare i portafogli finanziari, le posizioni e i prezzi delle azioni solo di poche società selezionate, ciò allontanerà l'innovazione dalle nostre coste.

Le cattive azioni di questa particolare azienda, sebbene scioccanti e dannose per molti, riflettono gli errori e i presunti crimini delle persone coinvolte. Non condannano, in alcun modo, le meravigliose possibilità di un futuro crittografico né i milioni di consumatori che utilizzano responsabilmente queste tecnologie.

Le frodi presumibilmente perpetrate non sono troppo lontane da quelle di società finanziarie regolamentate che hanno meritatamente raccolto le conseguenze di comportamenti scorretti, da parte del mercato o delle forze dell'ordine. Che il prodotto finale fosse criptovalute invece di credit default swap o mutui non fa differenza.

La frode è una frode e rimane illegale indipendentemente dal prodotto che un'azienda sta vendendo.

Questo è in netto contrasto con il sistema bancario a riserva frazionaria che ora è alla base di gran parte del sistema finanziario americano e crea gli incentivi del malaffare aiutato da una politica monetaria espansiva.

Non dovremmo confondere i mali del sistema attuale con quelli delle risorse digitali crittograficamente sicure.

Con questo in mente, piuttosto che gli approcci di diversi leader del settore egoisti, i consumatori meritano una regolamentazione sulle criptovalute e le aziende digitali che applicano le regole esistenti in materia di frode (note come "rug pull"), rimangono tecnologicamente neutre, offrono una tassazione ragionevole e minima, e fornire trasparenza legale. La punizione delle frodi e degli abusi, l'insider trading e il self-dealing dovrebbero rimanere al centro dell'attenzione.

In qualità di sostenitori dei consumatori, promuoviamo il principio di "autocustodia" per i consumatori di criptovalute, detenendo le chiavi private delle risorse digitali. Questo è un metodo crittograficamente sicuro per controllare le criptovalute come originariamente previsto e uno che dovrebbe essere uno standard del settore. Questo è il metodo più forte con cui gli scambi, gli intermediari e coloro che li regolano possono proteggere i consumatori. 

L'obiettivo delle risorse digitali crittografiche e del denaro digitale decentralizzato, sin dalla fondazione di Bitcoin nel 2008 da parte di Satoshi Nakamoto, si è incentrato sulla creazione di transazioni peer-to-peer senza autorizzazione che offrono un regolamento finale in modo decentralizzato. Questo dovrebbe essere il principio guida piuttosto che l'interesse personale temporaneo.

I capricci di pochi selezionati attori del settore, per quanto di successo possano avere, non possono essere la luce guida per il futuro del denaro digitale decentralizzato, come ha dimostrato la saga di FTX.

Il Centro di scelta dei consumatori ha creato un manuale di policy su Principi per i regolamenti sulle criptovalute intelligenti a settembre 2021 per evidenziare queste preoccupazioni e speriamo che le applicherete.

Rimaniamo a tua disposizione per qualsiasi ulteriore esplorazione del modo migliore per elaborare regole, linee guida e regolamenti sul futuro delle criptovalute nel nostro paese, in modo che tutta la società possa trarne vantaggio.

Cordiali saluti,

Yael Ossowski

Vicedirettore

Centro di scelta dei consumatori

Aleksandar Kokotovic

Criptovalute

Centro di scelta dei consumatori

Le regole di sorveglianza di Bitcoin e criptovalute dell'UE per danneggiare i consumatori

Il trilogo finale dell'Unione europea tra Consiglio, Commissione e Parlamento ha lavorazione finita la prima parte della normativa che costituisce il nuovo pacchetto antiriciclaggio dell'UE allineato alle regole sui mercati delle cripto-attività (MiCA).

Queste regole sono redatto seguendo le raccomandazioni del cd Regola di viaggio della Financial Action Task Force (FATF), un'organizzazione di trattati globali che combatte il riciclaggio di denaro. Lo scopo di questa regola è tracciare in modo efficace gli asset finanziari e include asset crittografici come Bitcoin e altre criptovalute a partire dal 2019,

Le norme proposte dall'UE introducono regolamenti che sono tutt'altro che neutrali dal punto di vista tecnologico, sono dannosi per l'innovazione e danneggeranno i consumatori che dipendono dai servizi di criptovaluta.

I fornitori di servizi di criptovalute sono obbligati a tenere registri e fornire tracciabilità dal primo euro rispetto alla finanza tradizionale in cui tale requisito è fissato per trasferimenti superiori a 1000 EUR.

I fornitori di servizi di criptovalute saranno tenuti a raccogliere informazioni e ad applicare misure di due diligence rafforzate rispetto a tutti i trasferimenti che coinvolgono portafogli non detentivi. Una serie di misure di mitigazione del rischio saranno in atto per gli scambi di criptovaluta prima di stabilire una relazione commerciale con scambi in paesi terzi. 

Mettere regolamenti così severi sui portafogli non custoditi, insieme all'introduzione di misure rigorose e complicate per gli scambi di criptovalute, introdurrà condizioni sfavorevoli per il settore in crescita e costringerà un certo numero di aziende a spostare le loro operazioni all'estero, privando i consumatori della loro capacità per usufruire in modo sicuro e protetto dei servizi crittografici.

Mettere in atto questi elevati costi normativi sta già influenzando il processo decisionale dei fornitori di servizi di criptovalute, che ora stanno valutando la possibilità di cambiare giurisdizione e passare a quelle più favorevoli. Queste regolamentazioni maldestre non riguarderanno solo il settore, ma molti dei consumatori che si affidano a loro, spingendoli a utilizzare borse extra UE. 

Abbiamo visto i consumatori votare con i piedi in passato, scegliendo fornitori di servizi in paesi diversi per evitare misure simili, e questa non farà eccezione.

Con più clausole orwelliane che richiedono che un consumatore che invia o riceve più di 1000 EUR da o verso il proprio portafoglio non detentivo sia verificato dall'exchange di criptovalute, assisteremo a una serie di problemi che sorgono sia per l'industria che per il consumatori, aggiungendo costi aggiuntivi a tutti i trasferimenti. 

L'Unione Europea è stata criticata in passato per la sua eccessiva regolamentazione, soprattutto quando si tratta di tecnologie innovative. Anche se l'UE è stata relativamente all'inizio nella creazione di un quadro giuridico completo per le criptovalute, una serie di regolamenti concordati danneggerà senza dubbio sia l'industria che il consumatore al dettaglio.

La sorveglianza di ogni consumatore unita a copiose normative rivolte ai fornitori di servizi di criptovalute lascerà ancora una volta i cittadini dell'UE alla ricerca di alternative all'interno di giurisdizioni più aperte all'innovazione, al decentramento e ai quadri normativi orientati al consumatore.

L'intero scopo delle criptovalute è fornire un'alternativa al sistema monetario fiat controllato dal governo. Queste regole mirano a interrompere tale obiettivo, principalmente costringendo gli operatori del settore a rispettare regole ancora più severe imposte alle istituzioni finanziarie tradizionali.

C'è un modo migliore per farlo al fine di promuovere l'innovazione, proteggere i consumatori e creare un ecosistema migliore di cui beneficeranno tutti gli europei.

Il nostro manuale sui principi per i regolamenti intelligenti sulle criptovalute è disponibile per tutti i regolatori e offre principi fondamentali da sostenere al fine di creare una guida normativa per il nascente settore senza danneggiare l'innovazione.

I PRINCIPI

  • Prevenire le frodi
  • Neutralità tecnologica
  • Tassazione ragionevole
  • Certezza giuridica e trasparenza

La tentazione di regolamentare le criptovalute e l'economia blockchain basandosi solo su considerazioni finanziarie, piuttosto che sul potenziale innovativo, è una minaccia attiva per imprenditori e consumatori nello spazio crittografico.

Penalizzare i pionieri nell'innovazione delle criptovalute o sottoporli a leggi obsolete servirà solo a limitare la crescita economica senza pari attualmente fornita dal settore, o rischierà di spingere tutti gli investimenti e l'imprenditorialità verso giurisdizioni meno affidabili e legali.

L'introduzione alla politica può essere letta integralmente qui

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Scopri di più su consumerchoicecenter.org.

Se desideri aiutarci a sconfiggere il regolamento dannoso di Bitcoin e criptovalute, anche utilizzando criptovalute, considera di investire valore nel Consumer Choice Center tramite la nostra pagina Donazioni.

I legislatori di New York hanno appena ucciso Bitcoin e il mining di criptovalute e i consumatori ne soffriranno

Albany, New York – Questa mattina presto, il Senato dello Stato di New York partecipato con l'Assemblea di Stato per approvare una moratoria sull'estrazione di Bitcoin e criptovalute, emettendo un altro promemoria che i legislatori statali vogliono impedire ai loro residenti di interagire con le criptovalute.

La legge impedirebbe il rilascio di nuovi permessi per operazioni minerarie a prova di lavoro alimentate a base di carbonio che utilizzano energia dietro il contatore, mettendo a repentaglio milioni di dollari di investimenti. Ciò segue la logica del tanto deriso regolamento BitLicense, che ha reso quasi impossibile per le piccole e medie imprese offrire servizi di crittografia ai residenti di New York.

“Approvando questo disegno di legge, i legislatori di New York affermano inequivocabilmente che vogliono i loro residenti completamente bloccato delle criptovalute, dai servizi di generazione e mining alla possibilità di acquistarle facilmente tramite uno scambio", ha affermato Yaël Ossowski, vicedirettore del Consumer Choice Center, un gruppo di difesa dei consumatori.

"Se il Governatore Hochul firma questo disegno di legge, guiderà una quota attraverso l'industria mineraria di Bitcoin e stati come Florida, Montana, Utah e Texas si rallegreranno dell'opportunità di invitare quegli imprenditori e innovatori a stabilire operazioni nei loro stati.

"Poiché Bitcoin, e le criptovalute più in generale, svolgeranno un ruolo fondamentale nel rendere la finanza più inclusiva e accessibile per l'invio, la ricezione e il risparmio di valore, riteniamo nell'interesse dei consumatori che l'hashrate (la potenza di calcolo totale della rete) continuano a crescere e che una migliore politica pubblica sulle criptovalute sia adottata dagli stati.

"New York, tuttavia, ha deciso di adottare l'approccio NIMBY e negare ai propri residenti questa opportunità", ha aggiunto Ossowski.

"Le società di generazione e mining di criptovaluta hanno un incentivo a utilizzare le fonti di energia più convenienti e rinnovabili disponibili, e il i dati confermano questa affermazione. Questo è uno scenario vantaggioso per le città e le località con queste strutture, per i dipendenti di queste aziende, per i residenti in queste città che beneficiano di un aumento del commercio e per i clienti energetici in generale", ha affermato Ossowski.

“Con la proliferazione del mining di criptovalute a New York, ha aperto nuove attività imprenditoriali che hanno contribuito a migliorare la vita dei newyorkesi sia nelle piccole comunità che nei grandi centri urbani. L'approvazione di un divieto di queste attività, nel perseguimento di un obiettivo climatico poco chiaro, annullerà questi guadagni. C'è un percorso migliore", ha aggiunto Ossowski.

"L'obiettivo di abbracciare gli obiettivi climatici per garantire l'utilizzo di energia rinnovabile 100% nella generazione e nell'estrazione di criptovalute è ben intenzionato, ma un divieto completo avrà un impatto devastante su innovatori e imprenditori che ospitano le loro strutture nello stato di New York e consumatori e investitori che si affidano ai loro servizi", ha affermato Aleksandar Kokotovic, crypto fellow presso il Consumer Choice Center. 

"Comprendiamo che il rapido aumento del mining di criptovalute solleva molte domande per i residenti, in particolare quando coinvolge l'economia e l'ambiente locali. Tuttavia, un percorso più prudente sarebbe una revisione ambientale condotta dalle autorità competenti, piuttosto che un divieto totale e una moratoria che metterebbero molti progetti in pericolo legale", ha aggiunto Kokotovic.

***Il vicedirettore del CCC Yaël Ossowski è disponibile a parlare delle normative sui consumatori e delle questioni relative alle scelte dei consumatori. Si prega di inviare richieste dei media a yael@consumerchoicecenter.org.***

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Washington, Ottawa, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Scopri di più su consumerchoicecenter.org.

NIMBY Il divieto di mining di Bitcoin minaccia di escludere i newyorkesi dalla rivoluzione delle criptovalute

Di Yael Ossowski

Nel 2015, quando New York ha presentato la BitLicense, un quadro normativo per Bitcoin e criptovaluta, c'è stato un grande clamore tra i legislatori. Per gli innovatori e gli imprenditori, invece, è iniziato quanti etichettato come il "Great Bitcoin Exodus".

E anche se è stato riformato da, gran parte dello spazio delle criptovalute ha murato l'Empire State a causa delle normative esaustive, lasciando molti clienti incapace per utilizzare una serie di scambi, intermediazioni e altri servizi. I residenti erano pari proibito dall'acquisto dell'attesissimo NYCCoin lanciato lo scorso anno.

Sebbene alcuni scambi e broker abbiano richiesto e ricevuto la licenza, di solito quelli armato di avvocati e composto da ex autorità di regolamentazione: i newyorkesi sono ancora esclusi dalla maggior parte dell'innovazione che sta accadendo con le criptovalute. I minatori, tuttavia, hanno deciso di restare.

Le aziende minerarie di Bitcoin hanno raccolto impianti abbandonati a Niagara Falls, Buffalo e altri, utilizzando energia idroelettrica e gas naturale per alimentare i computer necessari per "sbloccare" Bitcoin dalla rete. I regolatori, tuttavia, sono ancora una volta desiderosi di mettere le viti in cripto. 

Una bolletta in attesa del suo destino al Senato imporrebbe una moratoria di due anni sui permessi di mining di criptovalute e avvierebbe un'ampia revisione ambientale.

In qualità di sostenitore dei consumatori, considero questo disegno di legge un colpo mortale per l'industria di Bitcoin e criptovaluta, mettendo a rischio posti di lavoro e capitali che altrimenti potrebbero aumentare le energie rinnovabili e negherebbero i vantaggi di criptovaluta e Bitcoin ai consumatori.

Abbracciare gli obiettivi climatici per garantire l'utilizzo di energia rinnovabile 100% nel settore minerario è ben inteso, ma un divieto totale avrebbe conseguenze. Sarà un altro segnale per imprenditori e consumatori che Bitcoin e altre criptovalute non sono benvenute a New York e il quadro normativo è troppo sfavorevole per giustificare l'investimento qui.

Per le persone che risentono dell'inflazione e per coloro che sono esclusi dal tradizionale settore finanziario e bancario, le loro scelte diventeranno ancora più limitate.

Capisco che l'ascesa del mining di criptovalute sollevi interrogativi per i residenti, in particolare quando coinvolge l'economia e l'ambiente. Tuttavia, un percorso più prudente sarebbe una revisione ambientale condotta dalle autorità competenti, piuttosto che un divieto e una moratoria all'ingrosso che metterebbero a rischio molti progetti.

Quando si tratta di politiche pubbliche su Bitcoin e criptovaluta, preferirei schierarmi con l'inclusione finanziaria e l'innovazione crittografica piuttosto che una mentalità "Non nel mio cortile".

I newyorkesi meritano di meglio: scegliere se vogliono partecipare alla rivoluzione delle criptovalute, piuttosto che lasciare che i loro legislatori facciano quella scelta per loro.

Yaël Ossowski è vicedirettore del Consumer Choice Center

I newyorkesi hanno bisogno di prudenza, non di divieti, sul mining di Bitcoin e criptovalute

Il 24 maggio 2022, il Consumer Choice Center ha inviato una lettera ai legislatori dello stato di New York, avvertendo delle potenziali conseguenze per i consumatori se fosse stata adottata la legge S6486D, una moratoria sul mining di Bitcoin e criptovalute.

La lettera completa è disponibile qui sotto, o in Versione PDF qui.

Cari Senatori,

Vi scriviamo per esortarvi a votare contro S6486D, un disegno di legge complementare a A7389C, che ordinerebbe una moratoria a livello statale sulla generazione o il mining di criptovalute.

Se approvato, questo disegno di legge sarebbe un colpo mortale per l'industria dei Bitcoin e delle criptovalute, con la conseguente perdita di migliaia di posti di lavoro a New York, una perdita di capitale per aumentare le energie rinnovabili e danneggerebbe tutti i potenziali benefici per i consumatori derivanti da progetti e iniziative di criptovaluta. . 

L'obiettivo di abbracciare gli obiettivi climatici per garantire l'utilizzo di energia rinnovabile 100% nella generazione e nell'estrazione di criptovalute è ben intenzionato, ma un divieto totale avrà un impatto devastante su innovatori e imprenditori che ospitano le loro strutture nello stato di New York e consumatori e investitori che affidarsi ai loro servizi.

Come gruppo di consumatori, può sembrare strano per noi pesare su un argomento che riguarda principalmente gli attori e le aziende del settore. Tuttavia, poiché crediamo che Bitcoin, e le criptovalute più in generale, svolgeranno un ruolo vitale nel rendere la finanza e l'economia più inclusive e accessibili per l'invio, la ricezione e il risparmio di valore, riteniamo nell'interesse dei consumatori che l'hashrate (l'hashrate totale potenza di calcolo della rete) continuano a crescere e che una migliore politica pubblica sulle criptovalute è adottata dai legislatori statali.

Se l'hashrate di Bitcoin cresce specificamente negli Stati Uniti, allora avremo un maggiore controllo su come si sviluppa il mining e su come può avvantaggiare il paese, i suoi cittadini e le nostre reti energetiche. Quest'ultima parte è vitale per gli obiettivi climatici, che non possono essere detto per la Cina o altre nazioni.

Secondo gli ultimi dati del primo trimestre del 2022 sul mining di Bitcoin in particolare, 58.4% di minatori utilizzano fonti di energia rinnovabile e tale numero è solo aumentato in diversi anni. A New York, molte aziende lo sono riattrezzamento impianti di elaborazione e generazione di energia abbandonati per costruire data center di criptovaluta e stanno fornendo un valore economico in cambio che sta mettendo al lavoro l'energia rinnovabile.

Inoltre, questa diversificazione energetica ad ampio raggio sta avvenendo a un ritmo più veloce di qualsiasi altro altra industria, portando a maggiori investimenti nelle capacità e nei sistemi di erogazione delle energie rinnovabili. Questo aumento della domanda sta portando a fornitura di energia più favorevole per l'ambiente per i clienti di tutte le utenze elettriche pubbliche e contribuirà anche a ridurre i costi. E questo viene realizzato grazie agli incentivi delle aziende e dei privati che partecipano all'aggiunta di hash rate al mining: vogliono abbassare i costi e trovare alternative migliori. 

Le società di generazione e mining di criptovaluta hanno un incentivo a utilizzare le fonti di energia più convenienti e rinnovabili disponibili, e il i dati confermano questa affermazione. Questo è uno scenario vantaggioso per le città e le località con queste strutture, per i dipendenti di queste aziende, per i residenti in queste città che beneficiano di un aumento del commercio e per i clienti energetici in generale.

Poiché il mining di criptovalute è proliferato a New York, ha aperto nuove attività imprenditoriali che contribuiranno a migliorare la vita dei newyorkesi sia nelle piccole comunità che nei grandi centri urbani. Intrattenere un divieto di queste attività, nel perseguimento di un obiettivo climatico poco chiaro, annullerà questi guadagni. C'è un percorso migliore.

Non dovrebbe sorprenderti sapere che le precedenti decisioni politiche di New York, incluso il fortemente criticato BitLicense, hanno escluso molti newyorkesi dal nuovo ecosistema di criptovaluta a causa degli elevati costi di conformità. Alcuni newyorkesi hanno scelto di cambiare residenza per acquisire criptovaluta o investire in attività crittografiche, cosa che possono fare in qualsiasi altro stato, ma più specificamente in Texas, Wyoming e Florida.

Se questa moratoria sulla generazione di criptovalute dovesse passare, sarebbe un altro segnale per imprenditori e consumatori che Bitcoin e altre criptovalute non sono benvenute a New York e il quadro normativo è troppo sfavorevole per giustificare l'investimento qui.

Un certo numero di organizzazioni, comunità e sindacati del settore hanno già espresso le loro preoccupazioni per l'impatto che questo disegno di legge avrebbe sulle loro famiglie e sui loro mezzi di sussistenza, temendo una potenziale perdita di posti di lavoro nel caso in cui l'industria venisse allontanata dallo stato a causa di questa legislazione. La perdita di futuri investimenti e nuovi posti di lavoro è un'altra preoccupazione espressa da molte comunità in città come Rochester, Albany e Syracuse.

Secondo il Maggio 2022 Indagine sulla produzione dell'Empire State, l'indice delle condizioni generali di lavoro è sceso di trentasei punti in tutto lo stato. L'ultima cosa di cui hanno bisogno molte comunità colpite ed emarginate è una moratoria che allontanerebbe le imprese dallo stato e impedirebbe a milioni di newyorkesi di essere inclusi in un nuovo sistema di valore.

Comprendiamo che il rapido aumento del mining di criptovalute solleva molte domande per i residenti, in particolare quando coinvolge l'economia e l'ambiente locali. Tuttavia, un percorso più prudente sarebbe un'analisi ambientale condotta dalle autorità competenti, piuttosto che un divieto totale e una moratoria che metterebbero molti progetti in pericolo legale.

In qualità di sostenitori dei consumatori, siamo fermamente contrari a questo disegno di legge. Riteniamo che i residenti di New York meritino la possibilità di prendere parte alla nascente industria che tanti altri stati sperano di ospitare. Usare la forza della regolamentazione per allontanare investimenti e posti di lavoro, fermare il progresso economico ed escludere milioni di newyorkesi da un sistema finanziario più inclusivo non solo sarebbe sbagliato, ma sarebbe anche negligente.

Si prega di votare No su S6486D con l'obiettivo di imporre una moratoria sulla prova di lavoro e aiutare New York a diventare un centro di innovazione che abbraccia le nuove tecnologie. I newyorkesi dovrebbero avere l'opportunità di partecipare a una delle più grandi innovazioni della nostra epoca. Con il tuo voto contrario a questo disegno di legge e una direzione più prudente, possiamo garantire che ciò accada.

Cordiali saluti,

Yael Ossowski

Vicedirettore

Aleksandar Kokotovic

Criptovalute

Il Parlamento europeo rischia di "bloccare per sempre" l'innovazione digitale se accetta il controllo ambientale su mining di prove di lavoro, Bitcoin e criptoeconomia

BRUXELLES, BE – La commissione per i problemi economici e monetari del Parlamento europeo lo farà vota oggi su una proposta normativa completa denominata MiCA (Market in Crypto-Asset). Questa proposta è in lavorazione da mesi, tuttavia, all'ultimo minuto sono stati aggiunti diversi emendamenti alla proposta, che se accettati potrebbero effettivamente vietare il mining di Bitcoin e criptovalute nell'Unione Europea, spingendo migliaia di innovatori fuori dall'Europa.

"Proibendo efficacemente l'emissione o l'offerta per lo scambio di cripto-asset che si basano su protocolli di prova del lavoro in base a linee guida ambientali, sociali e di governance, l'Unione Europea farebbe una mossa disastrosa che cancellerebbe non solo la nascente industria delle criptovalute, ma danneggiano anche i consumatori e cedono ancora una volta la leadership tecnologica nell'innovazione agli Stati Uniti", ha affermato Aleksandar Kokotović, crypto fellow presso il Consumer Choice Center, un gruppo globale di difesa dei consumatori.

"Se questi emendamenti saranno adottati, le autorità di regolamentazione dell'UE infliggeranno un colpo devastante all'industria delle criptovalute negli Stati membri. Non solo il mining di Bitcoin sarà sottoposto a controllo immediato, ma l'intero spazio Defi basato su Ethereum, l'industria NFT in ascesa e centinaia di aziende saranno costrette a chiudere, spostare o vietare ai cittadini dell'UE di utilizzare i loro servizi. Impedendo alle persone e alle aziende di scegliere le tecnologie che preferiscono, le autorità di regolamentazione dell'UE vanno contro i principi della neutralità tecnologica e creano un precedente molto pericoloso e dannoso.

“Se l'UE vuole soffocare completamente l'innovazione e la sovranità finanziaria dei suoi cittadini, questa è la strada da percorrere. Se vuole perdere milioni di posti di lavoro, talento e valore che derivano dall'innovazione, allora questo è un buon piano. Altrimenti, questi emendamenti non devono passare", ha detto Kokotović.

Yaël Ossowski, vicedirettore del Consumer Choice Center, ha affermato che un tale voto rischia di "bloccare per sempre" l'innovazione digitale nel blocco su obiettivi ambientali imperfetti, soprattutto alla luce della guerra in Ucraina.

“La guerra russa in Ucraina ha dimostrato che l'Europa è stata troppo a suo agio nell'usare alti obiettivi ambientali e ideologia per addolcire la sua politica energetica e mettere a rischio la sua sicurezza. Utilizzando metriche ambientali simili basate su ESG per fermare l'innovazione per il mining di Bitcoin e criptovalute, l'Unione Europea rischia di bloccare per sempre l'innovazione digitale e spingere miliardi di asset e imprenditorialità fuori dal continente", ha affermato Ossowski.

"Spingere l'industria delle criptovalute al di fuori dell'UE incoraggerà i cittadini a eludere la legge e a utilizzare piattaforme e servizi regolamentati in modo più flessibile, privando nel contempo gli europei della loro scelta di consumatori.

“Bitcoin e altre criptovalute proof-of-work rappresentano una rivoluzione nel denaro digitale, soprattutto perché il proof-of-work è un modo unico, forte ed equo per risolvere la creazione di proprietà digitali rispetto al nostro sistema di denaro fiat. Gli incentivi a cercare energia più pulita e più verde esistono a causa di Bitcoin e criptovalute, non nonostante loro", ha aggiunto Ossowski.

"Speriamo che i parlamentari dell'UE riconoscano la significativa follia che dovrebbero introdurre se negano le voci dei consumatori e votano gli emendamenti ALT A e ALT G alla proposta sui mercati delle criptovalute che metterebbero effettivamente in ginocchio le valute di prova del lavoro nel UE", ha affermato Ossowski.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Washington, Ottawa, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Scopri di più su consumerchoicecenter.org.

"Crypto" vs Bitcoin e perché è importante per la politica

Di Yael Ossowski

Una frequente critica dei social media contro la nostra organizzazione dei consumatori è che discutiamo di politiche intelligenti su "crypto" in modo più ampio piuttosto che solo su Bitcoin.

Realisticamente, ciò significa che ci concentriamo sul notevoli ostacoli normativi all'economia generale delle "criptovalute" piuttosto che concentrarsi esclusivamente sui meriti dell'invenzione del Bitcoin da parte di Satoshi e sul percorso verso la sua adozione universale.

Qualunque sia la nostra opinione su Bitcoin come unica e vera risorsa, la narrativa politica riguarda una categoria di risorse digitali e denaro digitale. Ai regolatori non importa se sei rifornito di DOGE o BTC, sanno solo che ce l'hai, ha valore e vogliono un taglio.

In questo momento, ci sono migliaia di servizi di crittografia online, portafogli e app che sono disponibili solo per te in base al tuo passaporto o al tuo indirizzo.

E questo peggiora solo se non spingiamo soluzioni intelligenti e favorevoli all'innovazione che terranno a bada le tendenze confiscatorie e burocratiche dei governi nazionali e sovranazionali.

Questo perché il più grande ostacolo a qualsiasi crescita nell'economia delle criptovalute, "iperbitcoinizzazione", o come vuoi chiamarla, sono le rampe di entrata e uscita. Fiat a cripto, cripto a fiat.

Fino a quando le persone non addebitano e vengono pagate in modo indipendente in criptovalute o creano collettivi di mining nelle loro comunità, le rampe on-off daranno forma all'adozione e poiché queste rampe sono governate da regolatori finanziari, ci sarà sempre un collo di bottiglia.

O una minaccia che solo alcuni paesi con regole più rilassate consentiranno rampe on-off, il che limiterà necessariamente la penetrazione del mercato e qualsiasi futuro crittografico.

Più bassi possiamo ridurre i costi di transazione (come principio economico, non dollari e centesimi) alla rampa on-off, più vicino possiamo avvicinarci a un'ampia adozione delle criptovalute. E questo significa trattare le criptovalute come una categoria in qualsiasi dibattito o conversazione politica, qualunque sia la nostra preferenza personale

Gli argomenti delle migliori criptovalute possono e devono essere combattuti, e i coiner votano già con i loro portafogli, il loro codice e i loro clic. Ma la regolamentazione conta.

Se sei interessato a saperne di più, dai un'occhiata al nostro principi per la regolamentazione intelligente delle criptovalute quie sostieni i nostri sforzi per promuovere questi principi a livello legislativo supportando il nostro server BTCPay di seguito o con altcoin su la nostra pagina delle donazioni.

Un mandato di sorveglianza delle criptovalute nella fattura dell'infrastruttura deve essere respinto

415e7f5ea5b545199d5744215675cc12.png

Un mandato di sorveglianza delle criptovalute nella fattura dell'infrastruttura deve essere respinto

Washington DC — Oggi, la Camera degli Stati Uniti dovrebbe votare sul disegno di legge bipartisan sulle infrastrutture che contiene vaste implicazioni per gli utenti di criptovalute.

Nascosto all'interno è un emendamento al codice fiscale 6050I che potrebbe rendere reato la ricezione e la mancata segnalazione corretta di un asset digitale (sia esso una criptovaluta, NFT o un altro tipo di asset digitale). Secondo l'emendamento 6050I, qualsiasi cittadino statunitense che riceve più di $10.000 deve comunicare entro 15 giorni le informazioni personali del mittente come il numero di previdenza sociale e l'ID fiscale. In caso contrario, potrebbero verificarsi multe obbligatorie e portare a un'accusa di reato fino a cinque anni di reclusione. 

Come notato dal professore aggiunto Abraham Sutherland della School of Law dell'Università della Virginia, "si basa su una legge del 1984 che è stata scritta per scoraggiare i trasferimenti di denaro di persona e incoraggiare l'uso di istituzioni finanziarie per transazioni di grandi dimensioni". Applicando ancora una volta le vecchie regole a una classe di attività emergente, le autorità di regolamentazione rischiano non solo di danneggiare il consumatore e l'intera nascente industria, ma anche di erodere ulteriormente la privacy dei cittadini statunitensi. 

“Se approvato, questo emendamento soffocherà l'innovazione e si tradurrà in un'enorme perdita di valore sia per i consumatori che per le imprese, centralizzando ulteriormente il controllo sulle transazioni effettuate dai cittadini statunitensi. Danneggerà un'economia fiorente e avrà anche effetti a lungo termine in un futuro in cui le risorse digitali non scompariranno ", ha affermato Yaël Ossowski, vicedirettore del Consumer Choice Center, un gruppo globale di difesa dei consumatori.

Il Crypto Fellow di CCC, Aleksandar Kokotović, ha fatto eco a questi sentimenti: "Non solo le società e gli investitori statunitensi sarebbero danneggiati da questo emendamento, ma anche i consumatori domestici e gli investitori al dettaglio, che sarebbero fortemente scoraggiati dal partecipare all'economia delle asset class digitali che ora sta definendo gli standard per decenni a venire”.

In una classe di attività che non esisteva nel 1984 quando è stata scritta la legge originale, è del tutto possibile che la persona che riceve i fondi non abbia una specifica persona fisica o giuridica da segnalare, ma piuttosto che il "mittente" sia uno scambio decentralizzato o un gruppo di individui. Questo è solo un esempio delle clausole anacronistiche di questo emendamento che preoccupano i consumatori.

"Trasformare anche piccoli investitori al dettaglio come gli studenti in potenziali criminali o sottoporli a leggi obsolete servirà solo a limitare la crescita economica senza pari attualmente fornita dal settore, o rischierà di spingere tutti gli investimenti e l'imprenditorialità verso altre giurisdizioni", ha aggiunto Kokotović.

Mentre i legislatori e i regolatori cercano di comprendere, contenere e regolamentare le criptovalute, la scorsa settimana il Consumer Choice Center ha pubblicato il suo elenco di principi di buon senso per una regolamentazione intelligente delle criptovalute che salvaguardi l'innovazione, protegga i consumatori e si adatti ai cambiamenti tecnologici e finanziari.

"Riconosciamo l'importanza della regolamentazione delle criptovalute per tenere sotto controllo i malintenzionati e fornire un solido quadro istituzionale. Riconosciamo anche che il nascente spazio della criptofinanza è in continua evoluzione e in rapida evoluzione e che una regolamentazione troppo zelante potrebbe paralizzare il potenziale futuro ", ha affermato Ossowski. "Offriamo principi fondamentali sulla regolamentazione intelligente delle criptovalute per i legislatori, sperando di promuovere solide politiche che incoraggino l'innovazione, aumentino l'inclusione economica in tutti i gruppi di reddito, proteggendo nel contempo i consumatori dai danni", ha aggiunto.

Nelle prossime settimane, il Consumer Choice Center incontrerà i funzionari legislativi e normativi per garantire che questi principi siano rispettati in qualsiasi futura regolamentazione o guida.
 

PRINCIPI DEL CONSUMER CHOICE CENTER PER LA REGOLAZIONE SMART CRYPTO:

  • Prevenire le frodi
  • Neutralità tecnologica
  • Tassazione ragionevole
  • Certezza giuridica e trasparenza

L'introduzione alla politica può essere letta integralmente qui.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Scopri di più su consumerchoicecenter.org.

I regolamenti sulle criptovalute non dovrebbero soffocare il potenziale innovativo della tecnologia Blockchain

Di Nur Baysal | 12. Febbraio 2018 Di recente, i prezzi di criptovalute come Bitcoin ed Ethereum hanno fatto notizia: dopo aver raggiunto lo sbalorditivo massimo storico di $19.783 a dicembre, il prezzo di Bitcoin ha perso più della metà del suo valore a gennaio e febbraio, trascinando al ribasso il prezzo di altre criptovalute. Durante questo periodo, una pletora […]

Sondaggio: i consumatori dicono criptovaluta, Bitcoin e Blockchain "senza mani".

CONTATTO: Frederik Roeder Amministratore Delegato Consumer Choice Center 8. Febbraio 2018 Sondaggio: i consumatori dicono 'giù le mani' criptovaluta, Bitcoin e Blockchain BERLINO, DE – In un sondaggio online su Twitter condotto dal Consumer Choice Center, l'85 percento degli intervistati afferma di no t voglio che i governi rallentino l'innovazione dei consumatori mettendo al bando le criptovalute e le imprese blockchain. Pur non essendo un sondaggio scientifico, […]

Descrizione
it_ITIT