fbpx

Giorno: 4 maggio 2020

[Mezzo di marketing] I rifugi austriaci non dovrebbero affrontare cause legali per il coronavirus

Yaël Ossowski, vicedirettore con sede a Vienna del gruppo globale di difesa dei consumatori Consumer Choice Center, ha dichiarato: "Gli effetti della pandemia sono stati riconosciuti da molti esperti legali come forza maggiore, e quindi azioni legali che tentano di incolpare singoli stabilimenti o città per la diffusione del coronavirus è semplicemente sbagliata.

fonte http://meltwater.pressify.io/publication/5eb0290be04b81000406f43c/5aa837df2542970e001981f6

[Mezzo di marketing] Skihütten a Ischgl: Die Schuldigen nicht in den Alpen sondern in Peking suchen

Yaël Ossowski, Wiener und stellvertretender Direktor der weltweiten Verbraucherorganisation Consumer Choice Center sagt dazu: “Viele Rechtsexperten sehen die Folgen dieser Pandemie als höhere Gewalt. Klagen gegen Betriebe oder Gemeinden, in denen es schon früh COVID-19 Fälle gab, sollten daher als ungültig angesehen werden.”   

fonte http://meltwater.pressify.io/publication/5eb02876e04b81000406f43b/5aa837df2542970e001981f6

[Mezzo di marketing] I rifugi austriaci non dovrebbero affrontare cause legali per il coronavirus

Yaël Ossowski, vicedirettore con sede a Vienna del gruppo globale di difesa dei consumatori Consumer Choice Center, ha dichiarato: "Gli effetti della pandemia sono stati riconosciuti da molti esperti legali come forza maggiore, e quindi azioni legali che tentano di incolpare singoli stabilimenti o città per la diffusione del coronavirus è semplicemente sbagliata.

dal Consumer Choice Center https://ift.tt/35wDZQA

[Mezzo di marketing] Skihütten a Ischgl: Die Schuldigen nicht in den Alpen sondern in Peking suchen

Yaël Ossowski, Wiener und stellvertretender Direktor der weltweiten Verbraucherorganisation Consumer Choice Center sagt dazu: “Viele Rechtsexperten sehen die Folgen dieser Pandemie als höhere Gewalt. Klagen gegen Betriebe oder Gemeinden, in denen es schon früh COVID-19 Fälle gab, sollten daher als ungültig angesehen werden.”   

dal Consumer Choice Center https://ift.tt/3foG4TB

Puoi citare in giudizio il rifugio dove hai contratto il coronavirus?

Le nazioni europee potrebbero aprire le loro economie per tutto il mese di maggio, ma è probabile che quella grande apertura sarà perseguitata dall'ondata di cause legali relative al COVID-19.

Durante il fine settimana abbiamo appreso che sono oltre 5.000 i turisti internazionali nella città sciistica di Ischgl, in Austria in fase di querela contro il Comune e i pubblici ufficiali. Sono allo studio anche i proprietari di stazioni sciistiche della zona.

La causa è stata preparata dall'Associazione austriaca per la protezione dei consumatori, che afferma che le autorità sanitarie ei proprietari dei bar sono stati "negligenti" nel non chiudere prima rifugi e ristoranti. Hanno lanciato un sito web chiedendo a potenziali querelanti di condividere le loro informazioni per partecipare a una futura class action.

Spesso descritta come l'"Ibiza delle Alpi", l'ha realizzata Ischgl titoli internazionali come epicentro della crisi del coronavirus. In un luogo particolare, Kitzloch, un barista tedesco sarebbe risultato positivo al coronavirus il 7 marzo. Il bar ha chiuso i battenti due giorni dopo. La città è stata bloccata il 13 marzo. Il 18 marzo il governatore tirolese Günther Platter ha quindi emesso una quarantena in tutta la provincia.

Entro la fine di marzo, potrebbero esserci quasi 1.000 casi in tutta Europa rintracciato alla località turistica e altrettanti di 1.500 alla regione stessa.

La denuncia afferma che il ritardo dal primo caso noto fino a quando la città sciistica non è stata ordinata al blocco era "trascurabile" e che le autorità avrebbero dovuto "essere a conoscenza di una minaccia di infezione di massa". Alcuni hanno addirittura accusato”avidità" e "affari tossici” come il motivo per cui i funzionari locali e gli imprenditori hanno aspettato prima di chiudere le porte. Ma come spiegato sopra, i rifugi e i ristoranti di sci hanno chiuso prima che i blocchi provinciali e nazionali gli ordinassero di farlo.

La prima morte in Austria per coronavirus è avvenuta il 12 marzo, dopodiché la città di Ischgl è entrata in un blocco completo. È entrato in vigore il lockdown nazionale quattro giorni dopo.

Basta questo per fare causa contro rifugi e villaggi dove i turisti hanno contratto il coronavirus?

Come ha fatto la mia collega Linda Kavuka sottolineato, l'attuale pandemia è un esempio vivente e respirabile di Forza maggiore, un atto divino che indennizza determinate parti in cause legali e violazioni del contratto perché è semplicemente "al di fuori del controllo" di qualsiasi persona o organizzazione.

Detto questo, ci sono domande legittime da porre: le località sciistiche avrebbero dovuto chiudere i battenti e chiudere bar e ristoranti prima? Probabile. Ma semplicemente non avevamo le stesse informazioni allora come abbiamo adesso.

E considerando le rivelazioni molto inquietanti in merito offuscamento delle informazioni sia dal Partito Comunista Cinese che dal Organizzazione mondiale della Sanità all'inizio di questa crisi è difficile dare la colpa solo ai sindaci locali e ai rifugi delle Alpi.

(Ecco perché gli stati americani del Mississippi e del Missouri hanno intentato causa contro la Cina.)

Naturalmente, il fatto che qualsiasi sciatore o vacanziere contragga il coronavirus in un luogo in cui avrebbe dovuto divertirsi è una tragedia. Molte persone inconsapevolmente hanno diffuso il virus, sono state ricoverate in ospedale e sono morte di conseguenza. Nessuno può scusare quella perdita di vite umane e il dolore che ne consegue.

Ma ciò che dobbiamo sostenere, in questa situazione e in molte altre a venire, sono i fatti e i casi che consentiamo di entrare nel nostro sistema legale e nei nostri tribunali.

Classificare o assegnare reclami di negligenza nella pandemia potrebbe probabilmente significare che migliaia di funzionari pubblici inconsapevoli, imprenditori e individui saranno ritenuti responsabili per ciò che non sapevano in quel momento. Sarebbe un pericoloso precedente.

Abbiamo spesso trattato la cultura incredibilmente litigiosa nel sistema di responsabilità civile degli Stati Uniti e articolato le ragioni per farlo riforma esso. Ora, a quanto pare, dovremo diffondere lo stesso messaggio in tutto il continente europeo.

Alla luce del COVID-19, cosa si ottiene vietando lo svapo aromatizzato?

La nazione è concentrata sul contenimento di un virus di proporzioni massicce e sulla mitigazione delle disastrose conseguenze economiche dei blocchi.

Ma ciò non ha impedito al governatore Andrew M. Cuomo di spingere allegramente il suo divieto di svapo aromatizzato nel bilancio statale approvato poche settimane fa ad Albany.

Ciò segue il divieto di emergenza di Cuomo del settembre 2019 sugli aromi da svapare, esclusi tabacco e mentolo, successivamente annullato dalla Corte Suprema dello Stato perché il governatore "ha superato" la sua autorità.

Ora approvata dal legislatore statale, la nuova misura vieta la vendita di tabacco e prodotti da svapo nelle farmacie, vieta le vendite online e limita i negozi di svapo dalla vendita di qualsiasi liquido da svapo tranne il sapore di tabacco.

Spostati sugli spacciatori, i vaporizzatori aromatizzati sono il nuovo prodotto caldo da lanciare per le strade.

In un momento in cui gli ospedali di New York sono sovraccarichi di pazienti affetti da coronavirus, è davvero questo il momento per un divieto che crei effettivamente un nuovo mercato nero per prodotti da svapo aromatizzati non regolamentati?

La domanda di vaporizzatori aromatizzati da parte di adulti responsabili, la maggior parte dei quali sono ex fumatori che cercano di consumare nicotina in modo meno dannoso, potrebbe scomparire dai negozi, ma sarà facilmente sostituita e acquistata da venditori ambulanti con una nuova base di clienti.

Il governatore e i suoi alleati affermano che la misura era necessaria per prevenire lo svapo degli adolescenti e le malattie polmonari, ma è falso per due motivi.

Innanzitutto, questa misura punisce i fumatori adulti che hanno trovato prodotti alternativi per proteggere i bambini che cercano prodotti rischiosi, come hanno sempre fatto. Intendiamoci, lo stato odia i vaporizzatori aromatizzati, non oserà toccare i coni gelato alcolici e sta considerando di legalizzare la cannabis nei prossimi mesi. L'ipocrisia è a tutto volume.

I negozi che vendono vaporizzatori ai bambini stavano già infrangendo la legge ma non venivano penalizzati. Piuttosto che esternalizzare il prodotto al mercato nero - dove i rivenditori non chiedono documenti d'identità - dovremmo applicare sanzioni più severe ai negozi che vendono ai minorenni. Semplice.

Quando si tratta di malattie polmonari causate dallo svapo, il CDC ha ripetutamente affermato che questo era il risultato di cartucce di svapo illegali contenenti THC, non nicotina. È come vietare Bud Light nella speranza di affrontare la corsa al chiaro di luna.

Vietando i sapori di svapo alla nicotina, New York sta invitando ancora più cattivi attori a produrre i propri prodotti, al di là dell'ambito delle normative e della sicurezza. Potremmo assistere a una nuova ondata di malattie polmonari dovute a questi prodotti di contrabbando già trovati per strada?

Forse lo stato si concentrerebbe maggiormente sulla vera pandemia che sta affrontando piuttosto che cercare di reprimere i prodotti da cui dipendono gli utenti adulti responsabili per smettere di fumare.

Ancora a febbraio, Cuomo lodava i suoi sforzi contro lo svapo come "guida della nazione nell'affrontare questa nuova e mortale epidemia".

Non sapeva che sarebbe stato consumato da una pandemia globale di questa portata poche settimane dopo.

Se vuoi difendere la salute pubblica, dobbiamo continuare a lottare per la produzione e la vendita legali di prodotti da svapo aromatizzati.

Yaël Ossowski è vicedirettore del Consumer Choice Center.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in Giornale

La risposta al Covid-19 non è una rivendicazione per il socialismo

La pandemia non è una crisi del capitalismo, semmai dimostra che avremo bisogno di mercati liberi più che mai, sostiene Joey Simnet

Le emergenze nazionali sono un terreno fertile per coloro che affermano che confermano la loro visione del mondo, che le usano per portare avanti la propria agenda molto tempo dopo il superamento della crisi. E ora, durante il Covid-19, ancora una volta scivolano fuori dalla falegnameria.

Non sono mancati gli apologeti dello stato che si sentono giustificati da questo evento senza precedenti e desiderano che rimanga tale. Ancora una volta la nostra decadente cultura individualista e il sistema capitalista corrotto apparentemente ci hanno deluso, e ora il grande governo è intervenuto per salvare la situazione.

BBC Newsnight ha descritto il pacchetto di salvataggio del cancelliere Rishi Sunak come “un abbraccio del keynesismo”. la professoressa Mariana Mazzucato postulato che dovremmo usare questa crisi per "pensare al capitalismo in modo diverso", e il recente dimissionario Jeremy Corbyn aveva un momento del "te l'avevo detto". dove ha affermato di avere “ragione” sulla spesa pubblica.

Ma questo commento sulle contromisure del governo fondamentalmente non coglie il punto e la natura del programma.

Quello che è successo con il Covid-19 è a veramente shock dal lato dell'offerta esogeno (cioè non economico). In effetti, spetta al governo "congelare" attivamente ed esplicitamente la forza lavoro fino al superamento della crisi. E, fino a quando non lo farà, è imperativo mantenere l'intricata rete di relazioni di mercato che formano l'economia, poiché questa crisi non è il risultato del loro essere intrinsecamente marce.

Qui non c'è “crisi del capitalismo” o tradizionale recessione economica; non ci sono stati cattivi investimenti, spiriti animali maligni o bolle scoppiate. Non c'è bisogno di “raddrizzare i torti del mercato” come desiderano fare keynesiani e socialisti, né lo ha fatto il cancelliere.

Questo è semplicemente un caso in cui i governi spendono denaro, come fanno i governi di ogni genere. Ma la distinzione fondamentale sta nel quando, come e perché lo fanno.

Il clou del piano del Cancelliere è quello di pagare una parte dei salari delle persone per un periodo di tempo. I trasferimenti diretti di denaro contante sono alcuni degli interventi economicamente più neutri che un governo possa eseguire. Non assomiglia minimamente al tipo di pianificazione economica sovietica dall'alto verso il basso o alle grottesche distorsioni del mercato a cui abbiamo assistito sia nei precedenti che nei continui crolli economici.

Ma, dicono i critici, noi fare vedi la mobilitazione di massa nella produzione e acquisizione di attrezzature mediche sotto Matt Hancock: questo dimostra sicuramente l'efficacia della pianificazione guidata dal governo?

Lo fa per un aspetto, nello stesso modo in cui la coscrizione era necessaria nella seconda guerra mondiale. Ma questo non significa che sia una buona idea nella vita di tutti i giorni. La governance implica apprendimento, scelte e compromessi, il che significa che non dovremmo sederci per sempre nei nostri bunker con un fucile puntato alla porta in previsione di ogni sorta di eventi ipotetici.

Chi vuole vedere i nostri cari compagni del Dipartimento per l'ambiente, l'alimentazione e gli affari rurali decidere chi produce il nostro cibo, quanto cibo produrre e a chi darlo su base continuativa: un breve sguardo alla Cina maoista suggerisce che i governi sono semplicemente incapaci di gestire processi economici così complessi e in continua evoluzione.

Ma mentre non c'è nulla di intrinsecamente rivoluzionario nel modo in cui funziona il nostro governo, c'è certamente il rischio che possa esserlo non appena il Covid-19 sarà fuori dai giochi.

Gli orrori della seconda guerra mondiale non si sono fermati dopo l'appiattimento di Nagasaki. Piuttosto, è emersa una battaglia ideologica tra coloro che desideravano tornare alla normalità e coloro che vedevano il merito in una società guidata dallo stato. Sono stati i beniamini del progressismo del XX secolo, il governo Attlee, a spingere per rendere il razionamento del cibo e le carte d'identità una caratteristica permanente nella vita di tutti i giorni.

In effetti, ci vorrebbero nove interi anni per metterli finalmente a tacere sotto il secondo colpo di Churchill come Primo Ministro.

Sunak ha affermato che "questo non è il momento dell'ideologia o dell'ortodossia", ma dato il drammatico spostamento a sinistra sia nei partiti conservatori che in quelli laburisti negli ultimi anni, potrebbe benissimo essere una volta che saremo di nuovo tutti in forma e in salute.

Autore: Joey Simnett è un policy fellow del Regno Unito presso il Consumer Choice Center e ha precedentemente scritto per medici americani sul sistema sanitario statunitense e sulle alternative fiat nel mondo dei pagamenti

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

Le serie Netflix rivelano che l'ingiustizia e la scienza spazzatura stanno affliggendo i tribunali della nostra nazione

Con così tanti di noi che fanno la loro parte per restare a casa, è stato il momento perfetto per tuffarsi in serie Netflix degne di nota.

Per molti è stato Tiger King o le repliche di Friends, ma alcune delle serie più interessanti decostruiscono il sistema giudiziario americano e le sue complessità: innocenza o colpa, verità e fatti e pregiudizi istituzionali.

Poiché le serie televisive consentono ai registi di esaminare attentamente una storia e intervistare dozzine di testimoni ed esperti, il pubblico lo ha fatto diventare dipendenti ai personaggi molto reali che affrontano la tragedia e le inadeguatezze dei nostri tribunali.

Spettacoli come “Commettere un omicidio" e "La Scala”, in cui i loro personaggi principali si aggrappano all'innocenza, ispirato milioni per porre la semplice domanda: il sistema legale americano è giusto e può fornire giustizia? Cosa succede quando gli esperti portano fuori strada giurie e giudici?

Non dovrebbe sorprendere quindi che gli errori giudiziari e le prove viziate, mescolati con prove scientifiche di parte, non siano solo cibo per documentaristi, ma siano rappresentati in migliaia di casi che non ottengono il proprio contratto televisivo.

Le nostre abbuffate ci permettono di frugare tra le centinaia di esempi di "scienza spazzatura" che è stata presa per un dato di fatto davanti a giudici e giurie, mandando persone innocenti in prigione o risultando in accordi legali multimilionari per illeciti legali avvocati. In "I file dell'innocenza", è stata una controversa analisi del "segno del morso" che ha mandato un uomo innocente nel braccio della morte per quasi 16 anni. All'inizio di quest'anno, lo scrittore del Washington Post Radley Balko esaminò la stessa scienza forense fasulla che ha afflitto i tribunali della nostra nazione: analisi dei segni di morsi, battistrada di pneumatici, prove balistiche, fibre di tappeti e altro ancora.

Uno strumento che il nostro sistema legale ha escogitato per contrastare la scienza fasulla, tuttavia, è il processo di uno standard Daubert, un processo omonimo di un processo della Corte Suprema che cerca di classificare testimonianze e prove di esperti.

Le udienze di Daubert autorizzano i giudici a esaminare la raccolta di prove e se debba essere consentita nei casi giudiziari. E questo vale per prove scientifiche più ampie al di là della semplice medicina legale. Balko ne accenna uno Sentenza Daubert del giudice DC sulla balistica in particolare, mettendo in discussione le conclusioni in bianco o nero che tale scienza potrebbe produrre. Ciò ha ispirato gli avvocati di tutto il paese a chiedere sentenze Daubert nei loro casi.

Uno di questi esempi nei titoli è se il talco per bambini, un prodotto essenziale per le nuove mamme e papà e un alimento base dell'industria dell'igiene femminile, contenga o meno minerali cancerogeni come l'amianto.

Le sentenze di entrambe le parti hanno assegnato fino a $4,7 miliardi ai querelanti che hanno citato in giudizio il gigante farmaceutico e della bellezza Johnson & Johnson. Selezionare prove scientifiche e se possono essere ammesse come prove al processo è al centro di questi casi.

A tal fine, un tribunale distrettuale degli Stati Uniti nel New Jersey sta attualmente esaminando se le prove scientifiche presentate che pretendono un legame tra il talco, un ingrediente principale del talco per bambini, e vari tipi di cancro debbano essere ammesse come prova. Finora, i principali studi indipendenti non hanno trovato alcun nesso causale, incluso valutazioni da parte del Società americana contro il cancro e uno studio recente dal National Institutes of Health.

Ma i periti portati dai querelanti hanno condotto studi che dicono il contrario. Alcuni di questi studi devono ancora essere sottoposti a revisione paritaria o replicati, ma sono stati ammessi a prescindere. Quali prove otterranno la luce del giorno? Ecco cosa dovrà decidere il giudice.

In questo processo civile sono in gioco milioni di dollari e reputazioni. In tanti altri, sono le vite di uomini e donne innocenti.

Come cittadini, contribuenti e consumatori, una delle principali preoccupazioni del nostro sistema giudiziario dovrebbe essere che solo la scienza più rigorosa e affidabile sia ammessa come prova. Solo la verità incontrovertibile e un'indagine scientifica esperta dovrebbero influenzare le giurie, non prove che possono essere facilmente smascherate o che saranno facilmente confutate anni dopo.

Se lo sosteniamo come nostro standard, possiamo lottare per la riforma legale che veramente meritiamo, sia per coloro che sono accusati di crimini che per coloro che sono nel mirino di controversie civili. Questo è l'unico modo per ottenere vera giustizia nei tribunali della nostra nazione.

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

Le serie Netflix rivelano che l'ingiustizia e la scienza spazzatura stanno affliggendo i tribunali della nostra nazione

Con così tanti di noi che fanno la loro parte per restare a casa, è stato il momento perfetto per tuffarsi in serie Netflix degne di nota.

Per molti è stato Tiger King o le repliche di Friends, ma alcune delle serie più interessanti decostruiscono il sistema giudiziario americano e le sue complessità: innocenza o colpa, verità e fatti e pregiudizi istituzionali.

Poiché le serie televisive consentono ai registi di esaminare attentamente una storia e intervistare dozzine di testimoni ed esperti, il pubblico lo ha fatto diventare dipendenti ai personaggi molto reali che affrontano la tragedia e le inadeguatezze dei nostri tribunali.

Spettacoli come “Commettere un omicidio" e "La Scala”, in cui i loro personaggi principali si aggrappano all'innocenza, ispirato milioni per porre la semplice domanda: il sistema legale americano è giusto e può fornire giustizia? Cosa succede quando gli esperti portano fuori strada giurie e giudici?

Non dovrebbe sorprendere quindi che gli errori giudiziari e le prove viziate, mescolati con prove scientifiche di parte, non siano solo cibo per documentaristi, ma siano rappresentati in migliaia di casi che non ottengono il proprio contratto televisivo.

Le nostre abbuffate ci permettono di frugare tra le centinaia di esempi di "scienza spazzatura" che è stata presa per un dato di fatto davanti a giudici e giurie, mandando persone innocenti in prigione o risultando in accordi legali multimilionari per illeciti legali avvocati. In "I file dell'innocenza", è stata una controversa analisi del "segno del morso" che ha mandato un uomo innocente nel braccio della morte per quasi 16 anni. All'inizio di quest'anno, lo scrittore del Washington Post Radley Balko esaminò la stessa scienza forense fasulla che ha afflitto i tribunali della nostra nazione: analisi dei segni di morsi, battistrada di pneumatici, prove balistiche, fibre di tappeti e altro ancora.

Uno strumento che il nostro sistema legale ha escogitato per contrastare la scienza fasulla, tuttavia, è il processo di uno standard Daubert, un processo omonimo di un processo della Corte Suprema che cerca di classificare testimonianze e prove di esperti.

Le udienze di Daubert autorizzano i giudici a esaminare la raccolta di prove e se debba essere consentita nei casi giudiziari. E questo vale per prove scientifiche più ampie al di là della semplice medicina legale. Balko ne accenna uno Sentenza Daubert del giudice DC sulla balistica in particolare, mettendo in discussione le conclusioni in bianco o nero che tale scienza potrebbe produrre. Ciò ha ispirato gli avvocati di tutto il paese a chiedere sentenze Daubert nei loro casi.

Uno di questi esempi nei titoli è se il talco per bambini, un prodotto essenziale per le nuove mamme e papà e un alimento base dell'industria dell'igiene femminile, contenga o meno minerali cancerogeni come l'amianto.

Le sentenze di entrambe le parti hanno assegnato fino a $4,7 miliardi ai querelanti che hanno citato in giudizio il gigante farmaceutico e della bellezza Johnson & Johnson. Selezionare prove scientifiche e se possono essere ammesse come prove al processo è al centro di questi casi.

A tal fine, un tribunale distrettuale degli Stati Uniti nel New Jersey sta attualmente esaminando se le prove scientifiche presentate che pretendono un legame tra il talco, un ingrediente principale del talco per bambini, e vari tipi di cancro debbano essere ammesse come prova. Finora, i principali studi indipendenti non hanno trovato alcun nesso causale, incluso valutazioni da parte del Società americana contro il cancro e uno studio recente dal National Institutes of Health.

Ma i periti portati dai querelanti hanno condotto studi che dicono il contrario. Alcuni di questi studi devono ancora essere sottoposti a revisione paritaria o replicati, ma sono stati ammessi a prescindere. Quali prove otterranno la luce del giorno? Ecco cosa dovrà decidere il giudice.

In questo processo civile sono in gioco milioni di dollari e reputazioni. In tanti altri, sono le vite di uomini e donne innocenti.

Come cittadini, contribuenti e consumatori, una delle principali preoccupazioni del nostro sistema giudiziario dovrebbe essere che solo la scienza più rigorosa e affidabile sia ammessa come prova. Solo la verità incontrovertibile e un'indagine scientifica esperta dovrebbero influenzare le giurie, non prove che possono essere facilmente smascherate o che saranno facilmente confutate anni dopo.

Se lo sosteniamo come nostro standard, possiamo lottare per la riforma legale che veramente meritiamo, sia per coloro che sono accusati di crimini che per coloro che sono nel mirino di controversie civili. Questo è l'unico modo per ottenere vera giustizia nei tribunali della nostra nazione.

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

Le serie Netflix rivelano che l'ingiustizia e la scienza spazzatura stanno affliggendo i tribunali della nostra nazione

Con così tanti di noi che fanno la loro parte per restare a casa, è stato il momento perfetto per tuffarsi in serie Netflix degne di nota.

Per molti è stato Tiger King o le repliche di Friends, ma alcune delle serie più interessanti decostruiscono il sistema giudiziario americano e le sue complessità: innocenza o colpa, verità e fatti e pregiudizi istituzionali.

Poiché le serie televisive consentono ai registi di esaminare attentamente una storia e intervistare dozzine di testimoni ed esperti, il pubblico lo ha fatto diventare dipendenti ai personaggi molto reali che affrontano la tragedia e le inadeguatezze dei nostri tribunali.

Spettacoli come “Commettere un omicidio" e "La Scala”, in cui i loro personaggi principali si aggrappano all'innocenza, ispirato milioni per porre la semplice domanda: il sistema legale americano è giusto e può fornire giustizia? Cosa succede quando gli esperti portano fuori strada giurie e giudici?

Non dovrebbe sorprendere quindi che gli errori giudiziari e le prove viziate, mescolati con prove scientifiche di parte, non siano solo cibo per documentaristi, ma siano rappresentati in migliaia di casi che non ottengono il proprio contratto televisivo.

Le nostre abbuffate ci permettono di frugare tra le centinaia di esempi di "scienza spazzatura" che è stata presa per un dato di fatto davanti a giudici e giurie, mandando persone innocenti in prigione o risultando in accordi legali multimilionari per illeciti legali avvocati. In "I file dell'innocenza", è stata una controversa analisi del "segno del morso" che ha mandato un uomo innocente nel braccio della morte per quasi 16 anni. All'inizio di quest'anno, lo scrittore del Washington Post Radley Balko esaminò la stessa scienza forense fasulla che ha afflitto i tribunali della nostra nazione: analisi dei segni di morsi, battistrada di pneumatici, prove balistiche, fibre di tappeti e altro ancora.

Uno strumento che il nostro sistema legale ha escogitato per contrastare la scienza fasulla, tuttavia, è il processo di uno standard Daubert, un processo omonimo di un processo della Corte Suprema che cerca di classificare testimonianze e prove di esperti.

Le udienze di Daubert autorizzano i giudici a esaminare la raccolta di prove e se debba essere consentita nei casi giudiziari. E questo vale per prove scientifiche più ampie al di là della semplice medicina legale. Balko ne accenna uno Sentenza Daubert del giudice DC sulla balistica in particolare, mettendo in discussione le conclusioni in bianco o nero che tale scienza potrebbe produrre. Ciò ha ispirato gli avvocati di tutto il paese a chiedere sentenze Daubert nei loro casi.

Uno di questi esempi nei titoli è se il talco per bambini, un prodotto essenziale per le nuove mamme e papà e un alimento base dell'industria dell'igiene femminile, contenga o meno minerali cancerogeni come l'amianto.

Le sentenze di entrambe le parti hanno assegnato fino a $4,7 miliardi ai querelanti che hanno citato in giudizio il gigante farmaceutico e della bellezza Johnson & Johnson. Selezionare prove scientifiche e se possono essere ammesse come prove al processo è al centro di questi casi.

A tal fine, un tribunale distrettuale degli Stati Uniti nel New Jersey sta attualmente esaminando se le prove scientifiche presentate che pretendono un legame tra il talco, un ingrediente principale del talco per bambini, e vari tipi di cancro debbano essere ammesse come prova. Finora, i principali studi indipendenti non hanno trovato alcun nesso causale, incluso valutazioni da parte del Società americana contro il cancro e uno studio recente dal National Institutes of Health.

Ma i periti portati dai querelanti hanno condotto studi che dicono il contrario. Alcuni di questi studi devono ancora essere sottoposti a revisione paritaria o replicati, ma sono stati ammessi a prescindere. Quali prove otterranno la luce del giorno? Ecco cosa dovrà decidere il giudice.

In questo processo civile sono in gioco milioni di dollari e reputazioni. In tanti altri, sono le vite di uomini e donne innocenti.

Come cittadini, contribuenti e consumatori, una delle principali preoccupazioni del nostro sistema giudiziario dovrebbe essere che solo la scienza più rigorosa e affidabile sia ammessa come prova. Solo la verità incontrovertibile e un'indagine scientifica esperta dovrebbero influenzare le giurie, non prove che possono essere facilmente smascherate o che saranno facilmente confutate anni dopo.

Se lo sosteniamo come nostro standard, possiamo lottare per la riforma legale che veramente meritiamo, sia per coloro che sono accusati di crimini che per coloro che sono nel mirino di controversie civili. Questo è l'unico modo per ottenere vera giustizia nei tribunali della nostra nazione.

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

Descrizione
it_ITIT