fbpx
Centrale dei commenti

La pandemia non è una crisi del capitalismo, semmai dimostra che avremo bisogno di mercati liberi più che mai, sostiene Joey Simnet

Le emergenze nazionali sono un terreno fertile per coloro che affermano che confermano la loro visione del mondo, che le usano per portare avanti la propria agenda molto tempo dopo il superamento della crisi. E ora, durante il Covid-19, ancora una volta scivolano fuori dalla falegnameria.

Non sono mancati gli apologeti dello stato che si sentono giustificati da questo evento senza precedenti e desiderano che rimanga tale. Ancora una volta la nostra decadente cultura individualista e il sistema capitalista corrotto apparentemente ci hanno deluso, e ora il grande governo è intervenuto per salvare la situazione.

BBC Newsnight ha descritto il pacchetto di salvataggio del cancelliere Rishi Sunak come “un abbraccio del keynesismo”. la professoressa Mariana Mazzucato postulato che dovremmo usare questa crisi per "pensare al capitalismo in modo diverso", e il recente dimissionario Jeremy Corbyn aveva un momento del "te l'avevo detto". dove ha affermato di avere “ragione” sulla spesa pubblica.

Ma questo commento sulle contromisure del governo fondamentalmente non coglie il punto e la natura del programma.

Quello che è successo con il Covid-19 è a veramente shock dal lato dell'offerta esogeno (cioè non economico). In effetti, spetta al governo "congelare" attivamente ed esplicitamente la forza lavoro fino al superamento della crisi. E, fino a quando non lo farà, è imperativo mantenere l'intricata rete di relazioni di mercato che formano l'economia, poiché questa crisi non è il risultato del loro essere intrinsecamente marce.

Qui non c'è “crisi del capitalismo” o tradizionale recessione economica; non ci sono stati cattivi investimenti, spiriti animali maligni o bolle scoppiate. Non c'è bisogno di “raddrizzare i torti del mercato” come desiderano fare keynesiani e socialisti, né lo ha fatto il cancelliere.

Questo è semplicemente un caso in cui i governi spendono denaro, come fanno i governi di ogni genere. Ma la distinzione fondamentale sta nel quando, come e perché lo fanno.

Il clou del piano del Cancelliere è quello di pagare una parte dei salari delle persone per un periodo di tempo. I trasferimenti diretti di denaro contante sono alcuni degli interventi economicamente più neutri che un governo possa eseguire. Non assomiglia minimamente al tipo di pianificazione economica sovietica dall'alto verso il basso o alle grottesche distorsioni del mercato a cui abbiamo assistito sia nei precedenti che nei continui crolli economici.

Ma, dicono i critici, noi fare vedi la mobilitazione di massa nella produzione e acquisizione di attrezzature mediche sotto Matt Hancock: questo dimostra sicuramente l'efficacia della pianificazione guidata dal governo?

Lo fa per un aspetto, nello stesso modo in cui la coscrizione era necessaria nella seconda guerra mondiale. Ma questo non significa che sia una buona idea nella vita di tutti i giorni. La governance implica apprendimento, scelte e compromessi, il che significa che non dovremmo sederci per sempre nei nostri bunker con un fucile puntato alla porta in previsione di ogni sorta di eventi ipotetici.

Chi vuole vedere i nostri cari compagni del Dipartimento per l'ambiente, l'alimentazione e gli affari rurali decidere chi produce il nostro cibo, quanto cibo produrre e a chi darlo su base continuativa: un breve sguardo alla Cina maoista suggerisce che i governi sono semplicemente incapaci di gestire processi economici così complessi e in continua evoluzione.

Ma mentre non c'è nulla di intrinsecamente rivoluzionario nel modo in cui funziona il nostro governo, c'è certamente il rischio che possa esserlo non appena il Covid-19 sarà fuori dai giochi.

Gli orrori della seconda guerra mondiale non si sono fermati dopo l'appiattimento di Nagasaki. Piuttosto, è emersa una battaglia ideologica tra coloro che desideravano tornare alla normalità e coloro che vedevano il merito in una società guidata dallo stato. Sono stati i beniamini del progressismo del XX secolo, il governo Attlee, a spingere per rendere il razionamento del cibo e le carte d'identità una caratteristica permanente nella vita di tutti i giorni.

In effetti, ci vorrebbero nove interi anni per metterli finalmente a tacere sotto il secondo colpo di Churchill come Primo Ministro.

Sunak ha affermato che "questo non è il momento dell'ideologia o dell'ortodossia", ma dato il drammatico spostamento a sinistra sia nei partiti conservatori che in quelli laburisti negli ultimi anni, potrebbe benissimo essere una volta che saremo di nuovo tutti in forma e in salute.

Autore: Joey Simnett è un policy fellow del Regno Unito presso il Consumer Choice Center e ha precedentemente scritto per medici americani sul sistema sanitario statunitense e sulle alternative fiat nel mondo dei pagamenti

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

Condividere

Seguire:

Altri post

Iscriviti alla nostra Newsletter

Descrizione