fbpx

Giorno: 27 Aprile 2020

[Marketing Medium] Il prezzo calmierato per le mascherine è pericolo per la libertà, non solo d'impresa ma anche dei consumatori

Roma, IT – Ieri il Presidente Conte ha dichiarato che il prezzo delle mascherine chirurgiche sarà di 0.50 euro, commenta Luca Bertoletti, European Affairs Manager per il Consumer Choice Center: “quanto avvenuto ieri sera è pericoloso, e infatti non vediamo già gli effetti. Molte farmacie, che avevano macchine nei magazzini non le vendono più in quanto non riuscirebbero nemmeno a rientrare dei costi”. 

fonte http://meltwater.pressify.io/publication/5ea70c1f6139460004f70f74/5aa837df2542970e001981f6

[Marketing Medium] Il prezzo calmierato per le mascherine è pericolo per la libertà, non solo d'impresa ma anche dei consumatori

Roma, IT – Ieri il Presidente Conte ha dichiarato che il prezzo delle mascherine chirurgiche sarà di 0.50 euro, commenta Luca Bertoletti, European Affairs Manager per il Consumer Choice Center: “quanto avvenuto ieri sera è pericoloso, e infatti non vediamo già gli effetti. Molte farmacie, che avevano macchine nei magazzini non le vendono più in quanto non riuscirebbero nemmeno a rientrare dei costi”. 

dal Consumer Choice Center https://ift.tt/2Y5sPRo

Ho celebrato la Giornata mondiale della PI, ma molti no

Domenica scorsa (26 aprile) si è celebrata la Giornata Mondiale della Proprietà Intellettuale. Sebbene l'esistenza della proprietà intellettuale abbia consentito agli innovatori di godere dei frutti della loro invenzione, sempre più voci si oppongono ai brevetti e alla proprietà intellettuale in generale. Quindi, mentre celebravo la Giornata mondiale della proprietà intellettuale, molti non volevano nemmeno presentarsi alla festa.

L'attuale crisi COVID-19 innesca molte voci che chiedono di vietare tutti i brevetti di test, farmaci e vaccini correlati a COVID-19. Mi sono imbattuto in alcune affermazioni molto sbagliate e voglio evidenziarle e spiegare cosa hanno sbagliato i loro autori.

Michael Barker per esempio scrive:

Scorrendo dall'incessante spinta verso i super-profitti, possiamo anche comprendere il processo attraverso il quale le grandi aziende farmaceutiche prendono decisioni sul tipo di farmaci a cui daranno la priorità per la produzione di massa. I farmaci che possono essere venduti ai consumatori facoltosi nei paesi sviluppati sono accelerati, mentre i farmaci e le cure che potrebbero beneficiare i miliardi più poveri semplicemente cadono nel dimenticatoio. La vita umana è secondaria rispetto al perseguimento del profitto.

L'autore potrebbe non sapere che a seconda del paese in cui vivi e dell'assicurazione che hai, i prezzi dei farmaci possono variare enormemente, non a causa delle decisioni del produttore, ma a causa dei modelli di rimborso locali. Tuttavia, i produttori vendono anche a costi iniziali diversi nei paesi in via di sviluppo. La società britannica GlaxoSmithKline di solito berretti i loro prezzi dei farmaci nei mercati emergenti a 25% del prezzo richiesto nei paesi sviluppati. In molti casi il prezzo è molto al di sotto del limite 25%. La stessa azienda offre il proprio trattamento per l'HIV/AIDS a un costo variabile in Sud Africa. Dal 2001 l'azienda svizzera Novartis fornisce la terapia combinata a dose fissa a base di artemisinina (ACT) senza scopo di lucro agli acquirenti del settore pubblico. Oltre 850 milioni di trattamenti antimalarici sono stati somministrati a pazienti in più di 60 paesi dove la malaria è endemica. Gilead, società americana di biotecnologie ha una campagna di partnership di accesso che concede in licenza i loro farmaci a partner locali in paesi a basso e medio reddito, vendendo farmaci a prezzo di costo.   

Un altro gruppo che a volte fraintende totalmente l'industria della ricerca farmaceutica è la rispettata ONG Medici Senza Frontiere (MSF). Sebbene io sia un fan personale del loro lavoro in prima linea nei conflitti sanitari, non sono assolutamente d'accordo con la loro comprensione dei brevetti e dei profitti.

MSF stati:

L'organizzazione medica umanitaria internazionale Medici Senza Frontiere/Medici Senza Frontiere (MSF) oggi ha chiesto di non brevettare o approfittare di farmaci, test o vaccini usati per la pandemia di COVID-19, e che i governi si preparino a sospendere e ignorare i brevetti e ad assumerne altri misure, come il controllo dei prezzi, per garantire la disponibilità, ridurre i prezzi e salvare più vite.

I controlli sui prezzi porteranno effettivamente a carenze: lo abbiamo visto in passato e lo vediamo nell'attuale crisi COVID-19. Ogni volta che un governo limita il prezzo di un bene, la sua offerta tende a diminuire. Controllare i prezzi e allo stesso tempo garantire la disponibilità è giusto e ossimoro. Se MSF vuole veramente salvare più vite (cosa che credo), dovrebbe incoraggiare prezzi flessibili e protezione brevettuale – Allo stesso tempo potrebbe voler riconsiderare la propria politica di non accettare donazioni in natura dall'industria farmaceutica...

Gli attivisti di MSF sollevano un punto a favore dell'eliminazione della protezione della proprietà privata, affermando che la proprietà non è stata nemmeno stabilita attraverso fondi privati. Poiché i produttori ricevono sovvenzioni pubbliche per il loro lavoro, anche i loro risultati dovrebbero essere di proprietà pubblica. Mentre è vero che uno su tre euro spesi per la ricerca farmaceutica sono soldi pubblici, è anche vero che questa spesa pubblica è compensata dalle tasse pagate. L'industria, i dipendenti ei clienti pagano direttamente un ammontare di tasse molto più alto di quello che riceve sussidi. Spesa totale in ricerca e sviluppo nel Regno Unito nel 2015 era di 4,1 miliardi di sterline (di cui circa 1,2 sterline sono fondi pubblici) e il contributo delle imposte dirette è stato superiore di 3001 TP2T a 3,7. Miliardi.

Neue Meta-Studie: "Insekten-Apokalypse findet nicht statt"

Eine neue Studie zeigt zwar einen Rückgang der Landinsekten, gleichzeitig aber eine Zunahme der Süßwasserinsekten. Klimawandel und Landwirtschaft beeinflussten dies nicht. Streit ist vorprogrammiert.

Schmetterling

Una nuova meta-analisi per la popolazione di insetti richiede la discussione sul tema degli insetti. L'analista Bill Wirtz von der Firma "Consumer Choice Center" aus Brussel hat nach eigener Aussage die bisher größte und umfassendste Auswertung von Insektenstudien und Zählungen durchgeführt, die è bislang gab.

Seine Ergebnisse würden einige "der Missverständnisse zum vermeintlichen Artensterben der letzten Jahre" korrigieren, wie der Senior Policy Analyst am Freitag in einer Presseinformation mitteilte. Er hoffe, dass die Diskussion wieder in eine weniger sensationsgetriebene Gangart rücken wird.

“Diese Analyze von 166 Langzeitstudien, die zwischen 1925 und 2018 an 1.676 Standorten auf der ganzen Welt durchgeführt wurden, gibt den vorhandenen Studien zu diesem Thema endlich die nötige Nuancierung. Seit Jahren wurden weniger tiefgreifende Forschungsergebnisse herangezogen, die behaupten, dass wir es mit einem Insektenrückgang apokalyptischen Ausmaßes zu tun haben. Wir wissen jetzt, dass dies nicht zutreffend war”, sagt Wirtz.

Seiner Aussage nach hat diese Studie einen Rückgang der Insektenpopulation festgestellt. Dies sei sicherlich ein Grund für weitere Untersuchungen, doch die Zahlen zeigten, dass der Effekt ungefähr sechsmal geringer sei als in früheren Studien. Ein Teil des Rückgangs der Landinsekten werde durch eine Zunahme von Süßwasserinsekten wie Mücken und Eintagsfliegen ausgeglichen, erklärte er weiter.

Während in früheren Studien der Verursacher im Klimawandel und in der modernen Landwirtschaft gesehen wurde, habe diese Meta-Analyse keinen klaren Zusammenhang zwischen Klimawandel und Insektenpopulationen gefunden, so Wirtz weiter. „Was Landwirtschaft betrifft, so zeigt diese Studie, dass der Anbau von Nutzpflanzen tatsächlich den Insektenpopulationen zugute gekommen ist. Die Forscher haben gezeigt, dass die Zerstörung des Lebensraums durch die Urbanisierung zum Rückgang der terrestrischen Insektenpopulationen geführt hat.“

“Eine Reihe von Medien haben frühere Studien genutzt, um auffällige Schlagzeilen zu schreiben. In dem Bemühen, den Nachrichtenkonsumenten ein vollständiges Bild zu vermitteln, hoffe ich, dass diese Medien jetzt über diese neuen Erkenntnisse berichten”, così Wirtz abschließend.

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

Descrizione
it_ITIT