fbpx

Giorno: 12 settembre 2023

LES TÉLÉCOMS SONT EN GUERRE CONTRE LE STREAMING

Cette opposition ne nuira qu'aux consommateurs, alors que certains coûts contrôlés par les Etats pourraient tout aussi bien être réduits.

Più tardi, il commissario europeo per il mercato interno, Thierry Breton, ha proposto di contribuire con le piattaforme di sviluppo dell'infrastruttura numerica, come le reti 5G, che hanno suscitato reazioni miti.

Alcuni attori del settore delle telecomunicazioni ritengono che i fornitori di contenuti e le piattaforme di diffusione continua non paghino la loro «giusta parte» per l'utilizzo delle reti che trasmettono i loro contenuti. Si mettono in anticipo sul traffico elevato generato dai servizi di diffusione continua che sollecitano le loro infrastrutture e le loro risorse.

Sauf que ce n'est pas vrai. E la messa in pratica di queste regole di ripartizione equa si tradurrà alla fine, grazie a un aumento dei costi per i consumatori, da parte di società come Netflix, Disney, Sky – NowTV e la società italiana Mediaset Play. réseaux et reporteraient cette augmentation sur les prix de leurs services.

Le infrastrutture non suivent pas

La battaglia per la ripartizione equa dei contributi ha rivelato un problema maggiore sul mercato europeo della connettività: i fornitori di telecomunicazioni sono censurati per la costruzione delle autostrade dei dati dell'Europa, ma non dispongono di capitali necessari per fare rapidamente il loro lavoro. La manque d'argent colloca le economie europee in una posizione svantaggiata per quanto riguarda il rapporto con la concorrenza, e fa bene a fare quella scelta. Sfortunatamente, il commissario Breton e i suoi alleati di alcune aziende storiche delle telecomunicazioni considerano che il coupable sia un gruppo di fornitori di contenuti numerici.

L'argomento solo perché i fornitori di contenuti non vogliono pagare la loro parte giusta perché l'utilizzo della rete non resiste all'esame. In effetti, i fornitori di accesso a Internet, che, in numerosi Stati membri, in possesso dell'infrastruttura, non sono autorizzati a bloccare i servizi o il traffico, a meno che non siano ragioni di sicurezza, secondo il regolamento 2015/2120, questo è «regolamento su Internet aperto».

L'applicazione dell'idée du partage équitable aux services de streaming irait à l'encontre de cette disposition, car elle obligerait certain fournisseurs à payer pour l'utilisation du réseau, leur accordant ainsi un traitement différent par rapport aux autres.

I fornitori di telecomunicazioni forniscono ai consumatori l'accesso alla rete e i dati; sono quindi già remunerati per l'utilizzo delle loro infrastrutture. Al posto di imporre correzioni ingiuste ai fornitori di contenuti, l'UE può collaborare con gli Stati membri per ridurre il costo delle licenze d'uso dello spettro, ciò che sta a dire sulle correzioni che le aziende di telecomunicazioni pagano per accedere allo spettro delle radiofrequenze necessarie alla trasmissione dei segnali senza file.

Verso un mercato unico delle telecomunicazioni?

In molti Stati membri, il costo di queste licenze può essere esorbitante. Certo può essere che l'Italia si trovi ancora allo spettro 3G/UMTS per un totale di 50 Mds€ nel 2000. Rappresenta 620 € per i residenti tedeschi, e le aziende di telecomunicazioni a disposizione sono anche meno d'argento per costruire l'infrastruttura dei dati necessari.

Nel ridurre, voire en supprimant totalement, ces revances, les provider di telecomunicazioni dispongono di più capitali, ce qui loro permettono di investire nelle infrastrutture e di migliorare i loro servizi.

All'ora attuale, lo spettro non è generalmente «dato» per due decenni. Una proprietà appropriata e i mercati secondari dello spettro funzionano in tutto l'UE apportando anche più dinamismo al nostro mercato della connettività. Malgrado la retorica selon laquelle la fin de l'itinérance intra-UE nous a conduits à un marché unique de la connectivité, l'Europe est encore loin d'un marché harmonisé des télécommunications.

La creazione di un mercato europeo competitivo della connettività e delle telecomunicazioni sarà più redditizia del tentativo bretone di tassare le principali piattaforme di contenuto basate sugli Stati Uniti. Guadagna i consumatori aumentando la concorrenza, abbassando i prezzi e migliorando la qualità dei servizi di telecomunicazione.

Se la proposta dell'UE di contribuire con le piattaforme allo sviluppo dell'infrastruttura numerica può sembrare ragionevole e facile da mettere in opera per aiutare gli operatori di telecomunicazioni, creerà più problemi che non hanno risposta. Il livello delle ricette fiscali di alcuni Stati membri riduce considerevolmente la connettività dell'UE e i capitali disponibili per investimenti importanti nelle infrastrutture di rete.

I consumatori paient ancora oggi la fattura dei ventes aux enchères de frequences par le biais des prix élevés des forfaits de téléphonie mobile en Germania et dans d'altres pays tels que le Royaume-Uni. In revanche, gli Stati membri baltes ne paient leurs forfaits qu'entre 5 et 35 € par citoyen, ce qui laisse tout de même aux fournisseurs de réseaux les liquidités nécessaires à la Construction d'infrastructures.

Per rimediare alle difficoltà finanziarie del settore delle telecomunicazioni, è preferibile ridurre il costo delle licenze d'uso dello spettro che impone pagamenti ingiusti ai fornitori di contenuti. Un nuovo approccio allo spettro trae profitto dai consumatori rafforzando la concorrenza, abbassando i prezzi e migliorando la qualità dei servizi di telecomunicazione.

La riforma agricola europea sta fallendo

Il commissario dell’Unione europea per il Green Deal europeo se n’è andato, un partito di agricoltori ha preso il controllo del senato olandese, il presidente francese Emmanuel Macron sostiene che i cambiamenti normativi non dovrebbero essere affrettati e il più grande gruppo politico dell’UE si oppone apertamente ai piani di riforma che erano stati adottati. ci sono voluti anni per realizzarlo. Le prospettive non sono buone per la riforma della politica agricola che l’Unione europea aveva promesso.

La legislazione in Europa o muore in silenzio o esce in pompa magna. La strategia “Farm to Fork” dell’Unione Europea è sulla buona strada per raggiungere quest’ultimo obiettivo. La sua proposta faro di dimezzare l’uso di pesticidi entro il 2030 e di accantonare il 10% dei terreni agricoli per proteggere la biodiversità si è scontrata con un muro di mattoni: Austria, Polonia e Ungheria stanno bloccando i negoziati, forse trascinandoli fino alle elezioni europee del prossimo giugno. L’elemento di riduzione dei pesticidi contenuto nei piani formulati nel Regolamento sull’uso sostenibile dei pesticidi ha incontrato opposizione per ragioni pratiche e politiche.

Sin dall'inizio, i gruppi di agricoltori si opposero alla legge perché avrebbe minato l'industria della produzione alimentare europea. Quando il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti ha fatto un Valutazione di impatto su Farm to Fork, ha scoperto che aumenterebbe significativamente i prezzi agricoli e addirittura contrarrebbe l’economia europea. Questo prima che gli effetti economici del Covid-19 si manifestassero pienamente e prima che iniziasse la guerra in Ucraina. Tuttavia, la Commissione Europea ha mantenuto la sua posizione nonostante la montagna di critiche; Il commissario per il Green Deal Frans Timmermans ha addirittura affermato: “Ci siamo abituati al fatto che il cibo sia troppo economico”.

L'estate scorsa, gli agricoltori olandesi hanno ribaltato l'illusione dei politici europei che l'agricoltura come settore politico potesse essere semplicemente nascosto sotto il tappeto. Le proteste su larga scala degli agricoltori hanno affrontato la questione delle emissioni di azoto, che il governo olandese ha cercato di ridurre per seguire le norme dell’UE. L’allevamento del bestiame, responsabile in parte di tali emissioni (così come l’edilizia e l’aviazione), è stato esplicitamente preso di mira da un programma di buy-out che mirava a ridurre di quasi un terzo il numero di allevamenti di bestiame nei Paesi Bassi. Nonostante ciò, nella rabbia, i contadini bruciarono palle di fieno e bloccarono l’accesso agli aeroporti, l’opinione pubblica era dalla loro parte. Nelle recenti elezioni del Senato nei Paesi Bassi, il Movimento dei Cittadini Agricoli è diventato il partito più forte, destinato ad avere una significativa voce in capitolo nel processo decisionale del paese.

Gli avvenimenti politici nei Paesi Bassi sono serviti da campanello d’allarme per i partiti politici di tutta Europa, in particolare quelli di centrodestra che tradizionalmente contavano sul sostegno degli agricoltori e che ora si vedono minacciati dall’emergere di partiti contadini monotematici in elezioni. Oltre a protestare, gli agricoltori olandesi hanno dimostrato che esiste una prospettiva politica da intraprendere e che gli agricoltori come fornitori di cibo hanno uno standard pubblico molto più elevato di quanto precedentemente riconosciuto.

Timmermans ora lascia il suo lavoro per candidarsi a primo ministro. Considerati i suoi trascorsi in materia di politica ambientale, è difficile dire se gli elettori olandesi gli daranno una possibilità.

Gli agricoltori certamente non lo faranno. 

Nel frattempo, il Partito popolare europeo di centrodestra si propone come partito degli agricoltori, avvertendo addirittura che la riduzione dei terreni agricoli potrebbe portare a una “carestia globale” e mettere “gli agricoltori fuori dal mercato”.

Sebbene le ultime elezioni europee del 2019 abbiano concesso maggiore margine di manovra agli ambientalisti, che hanno cercato di realizzare obiettivi ambiziosi, sembra che la realtà della pandemia di COVID, i problemi economici che ne sono derivati e la guerra in Ucraina li impediranno dal portare a termine i loro piani. È probabile che assisteremo ad uno spostamento verso il centro e il centrodestra e, secondo questo standard, una diversa politica agricola.

Un cambiamento positivo che è stato annunciato e che arriverà sul tavolo delle trattative della prossima Commissione Europea è l’autorizzazione delle colture geneticamente modificate. Finora la commercializzazione di nuove tecniche genomiche nella produzione alimentare è stata praticamente impossibile. Ma con questi cambiamenti giuridici, l’Europa riuscirà finalmente a raggiungere le realtà tecnologiche di Stati Uniti e Canada.

Dal punto di vista dell’autonomia strategica europea, il fatto che la strategia Farm to Fork rischia di fallire è una buona notizia perché l’Europa non può permettersi una maggiore dipendenza alimentare. Sia le importazioni di mangimi che di fertilizzanti provenivano dall’Ucraina e dalla Russia fino a quando la guerra non sconvolse la dipendenza dell’Europa da entrambi i paesi. Ridurre l’impatto ambientale dell’agricoltura riducendo le dimensioni del settore non può essere una strategia lungimirante per l’Europa.

Originariamente pubblicato qui

L'intervista a Tucker Carlson di Viktor Orban mostra perché non merita gli elogi del GOP

Il primo ministro ungherese Viktor Orban ha rilasciato un'intervista la scorsa settimana a Tucker Carlson , che è ospite abituale in Ungheria. (Il padre di Carlson è il direttore di una società di lobbying a Washington che ha l'Ungheria contratto per rappresentare i suoi interessi.) L'intervista di Orban a Carlson mirava a dimostrare ai repubblicani che egli è un politico valido che offre soluzioni eccellenti alla folla conservatrice. Tuttavia, l’intervista ha dimostrato che è un opportunista che coglie ogni occasione per colpire gli Stati Uniti, anche se ciò significa ripetere la propaganda russa.

Mentre il premier ungherese ha offerto ancora una volta il suo sostegno incondizionato all’ex presidente Donald Trump, ha anche rilasciato dichiarazioni che dimostrano che non è il leader conservatore che alcuni sostengono che sia.

Durante il suo periodo con l’ex star di Fox News, Orban ha affermato che l’idea che l’Ucraina possa sconfiggere la Russia è una “bugia” perché i russi sono “molto più numerosi” e ha aggiunto che l’Ucraina non sarà mai un membro della NATO. Secondo lui, la Russia non rinuncerà mai ai suoi obiettivi strategici in Ucraina, quindi la strategia di sostenere Kiev è “cattiva”. Il senatore Lindsey Graham (R-SC) chiaramente non ha ricevuto il promemoria: He ha detto a Kiev il 23 agosto che “distruggere metà dell’esercito russo” costò agli Stati Uniti 3% del loro budget annuale per la difesa.

Il leader ungherese ha anche sottolineato di aver avvertito gli Stati Uniti ad ogni vertice della NATO che l’invio di un solo soldato della NATO in Ucraina avrebbe dato inizio alla Terza Guerra Mondiale. Eppure i pomposi americani non lo ascoltano mai. Si tratta di una chiara falsificazione: il presidente Joe Biden ovviamente non stava inviando truppe statunitensi in Ucraina per prendere parte al conflitto quando iniziò, il 24 febbraio 2022. 

Queste narrazioni diffuse dal primo ministro ungherese e dal partito al potere Fidesz danneggiano non solo l'immagine del Partito Democratico in Ungheria ma quella di tutti gli Stati Uniti, che Fidesz usa per trasformare la popolazione ungherese contro uno dei suoi principali alleati. L’ungherese medio non distinguerà tra gli Stati Uniti di Biden e quelli di Trump. Vedrà solo gli Stati Uniti negativamente per essere presumibilmente “responsabili” della guerra in Ucraina, che, come viene loro detto, è ciò che ha portato alle difficoltà economiche che stanno attraversando. E nessun repubblicano sensato può essere contento che un capo di governo alleato diffonda disinformazione presa direttamente dal russo propagandapunti vendita.

Il primo ministro ungherese ha aggiunto che la presidenza Trump porrebbe rapidamente fine alla guerra se Trump chiudesse il flusso di denaro verso l’Ucraina. E mentre Trump e  alcuni altri repubblicani hanno accarezzato l’idea, altri, come il leader della minoranza al Senato Mitch McConnell (R-KY), un forte sostenitore degli aiuti, evidentemente non sono stati informati di questa soluzione “facile” per portare la pace. Il governo ungherese non ha mai menzionato la via più semplice verso la pace: ritirare immediatamente tutte le forze russe dai territori ucraini. È molto curioso che la leadership ungherese, in quanto autoproclamatasi voce della pace, faccia una simile omissione. 

Il primo ministro sostiene che tutta l'analisi della guerra Ucraina-Russia si basa sulla sua eccellente conoscenza della Russia, che gli americani non possiedono. Anche questo va approfondito: lo disse nel 2008 Orban, allora all’opposizione L'attacco della Russia in Georgia si è trattato di “aggressione militare”, aggiungendo che una politica filo-russa non serviva gli interessi ungheresi. Nello stesso anno, l'attuale ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjarto si scagliò contro le azioni russe in Georgia durante una protesta davanti all’ambasciata russa, aggiungendo che i russi “gestirono” l’invasione della Georgia nello stesso modo in cui gestirono l’Ungheria nel 1956. 

Da quel giorno, il presidente russo Vladimir Putin ha insignito Szijjarto dell’Ordine dell’Amicizia, e il Ministero degli Esteri ungherese non ha potuto che offrire una flebile risposta a un libro di storia russo commissionato dallo Stato che descrive la rivoluzione ungherese del 1956 come “fascista”. Quindi, se il primo ministro e il ministro degli Esteri ungherese avevano capito i metodi della Russia nel 2008 ma ora pensano l’esatto contrario, la conoscenza della Russia da parte di Orban e Fidesz può essere messa in dubbio. 

Non è, infatti, questa eccellente comprensione a orientare la politica di Orban nei confronti della Russia, ma il mero opportunismo politico. L’Ungheria, come ha correttamente sottolineato Szijjarto nel 2008, sa esattamente cosa comporta l’occupazione russa, e i suoi leader ignorano comunque l’invasione russa dell’Ucraina, per semplici calcoli politici.

Infine, il affermazioni deve essere affrontato il fatto che l’amministrazione Biden ha sostenuto l’opposizione ungherese durante le elezioni generali del 2022. In primo luogo, non esiste, fino ad oggi, alcuna prova concreta che qualche istituzione americana stesse finanziando l’opposizione ungherese con “una somma enorme” per sconfiggere Fidesz.

Tuttavia, l’intervista non ha mai menzionato il fatto che a una fondazione semistatale ungherese, il Centro per i diritti fondamentali, è stato concesso circa un milione di euro per organizzare una “conferenza internazionale”, implicando la CPAC tenutasi a Budapest nel maggio 2022. Questi fondi provenivano dai contribuenti ungheresi. Era anche Non menzionato che i conservatori statunitensi come Rod Dreher vengono pagati da organizzazioni in cui il governo ungherese ha investito miliardi per costruire una rete conservatrice, migliorando l’immagine di Fidesz a livello globale. La fonte degli “investimenti”? Il contribuente ungherese, di cui stipendio medio netto a febbraio era di 295.600 HUF, ovvero circa $846.

Oltre al suo politiche economiche di sinistra , Orban non dovrebbe essere visto come un modello per i repubblicani a causa della sua fondamentale incomprensione o della deliberata negazione degli interessi occidentali, della ripetizione di narrazioni propagandistiche russe che influenzano il modo in cui gli ungheresi vedono gli Stati Uniti e dell’uso del denaro dei contribuenti ungheresi per ripristinare l’immagine del suo paese. governo a livello globale piuttosto che migliorare l’economia.

Originariamente pubblicato qui

La presunzione ambientalista sulla gestione forestale di base porterà ulteriore devastazione

Quando vediamo le migliaia di persone colpite dalle fiamme che hanno inghiottito le foreste e le case delle Hawaii, o nelle vaste terre selvagge del Canada occidentale e della California, è facile essere scioccati e arrabbiati.

Foreste incontaminate, case e interi villaggi non esistono più come una volta. A Lahaina, l’area più colpita dagli incendi a Maui, sono andate perse almeno 115 vite umane e sono state distrutte proprietà per un valore di $6 miliardi.

Mentre le cause alla base di questa devastazione continuano ad essere esaminate – che si tratti di negligenza nei servizi elettrici, di politica idrica o di cambiamento climatico – resta il fatto che i metodi comprovati di prevenzione degli incendi non sono stati sufficienti. O forse, nel perseguimento di obiettivi più ambiziosi, siamo stati ingannati da gruppi di attivisti fuorviati che ci hanno fatto mettere da parte conoscenze collaudate nel tempo.

Uno di questi esempi, le ustioni prescritte, è considerato il metodo più efficace di prevenzione incendi sia per le foreste che per la vegetazione. Nel tentativo di ridurre la vegetazione secca e il legname, il fuoco viene appiccato di proposito alle foreste e ai terreni agricoli in modo controllato, monitorato e regolamentato.

Questa pratica è portata avanti dai produttori di canna da zucchero in Florida, dalle aziende di legname su e giù per la costa occidentale e dai funzionari forestali di tutto il paese. Queste ustioni controllate lo sono incontrovertibile nella gestione delle foreste e nella maggior parte dell’agricoltura e costituiscono una parte necessaria del ciclo di gestione delle foreste e dei terreni che altrimenti sarebbero esposti agli incendi.

Ma per molti gruppi ambientalisti e alcuni regolatori statali e federali, pongono incendi controllati sia dall'industria che dagli enti pubblici rischi significativi sia alle ambizioni climatiche che alle preoccupazioni ambientali più ampie che dovrebbero prevalere sul loro utilizzo.

Il recente aggiornamento della Environmental Protection Agency al Clean Air Act, ad esempio, impone norme sulla qualità dell’aria basate sulla salute che limitano effettivamente le ustioni prescritte nelle comunità locali, un punto sostenuto da diversi membri del Congresso della California sollecitato l'agenzia a riconsiderare.

Durante la pandemia, il servizio forestale degli Stati Uniti ha fermato le ustioni prescritte in Oregon, Washington e California, temevano che il fumo avrebbe esacerbato gli effetti del virus respiratorio.

In California, l'amministrazione del governatore Gavin Newson ha stabilire un obiettivo di bruciare fino a 400.000 acri all’anno in “incendi benefici”, normative gravose e consentire ritardi ha ostacolato gli sforzi sia delle società private che dei funzionari locali per utilizzare le ustioni.

Anche i gruppi ambientalisti di tutto il continente hanno prestato i loro sforzi per fermare gli incendi prescritti sia nella silvicoltura che nell’agricoltura, utilizzando cause legali e disposizioni costituzionali per sostenere che gli standard ambientali ne limitino l’uso.

Negli ultimi dieci anni in Florida, il Sierra Club e altri gruppi lo hanno fatto lanciato diverse cause legali contro i coltivatori di zucchero, sperando di fermare gli incendi pre-raccolto nei campi di canna da zucchero utilizzati per separare il prezioso raccolto di canna da zucchero dalle erbe infiammabili che lo circondano. Una class action molto pubblicizzata è stata prima respinta dal giudice per mancanza di prove e poi successivamente abbandonato volontariamente, con grande dispiacere degli attivisti.

Sforzi simili, tuttavia, hanno avuto successo alle Hawaii, dove recentemente è stato adottato un emendamento costituzionale che garantisce un “ambiente pulito e sano”. interpretato dalla Corte Suprema dello Stato per confermare il rifiuto di autorizzazione di un impianto a biomassa che prevedeva l'utilizzo di bruciature controllate.

Tuttavia, gli ecologisti forestali sono stati chiari sul fatto che incendi più prescritti avrebbero evitato gran parte della devastazione degli incendi alle Hawaii. Secondo il Washington Post, l’esodo dei produttori di canna da zucchero e di ananas nel corso dei decenni ha lasciato migliaia di acri di praterie altamente infiammabili a Maui. non gestito, fornendo il combustibile necessario all'incendio probabilmente innescato da una linea elettrica crollata.

Per uno Stato preoccupato per la gestione responsabile dell’ambiente, ma ora devastato dai recenti incendi, gli sforzi volti a fermare la gestione responsabile delle foreste e del territorio lasciano più domande che risposte.

I funzionari pubblici e l’industria privata saranno ancora autorizzati e incoraggiati a utilizzare gli incendi prescritti ed evitare questo tipo di catastrofi? Oppure i timori degli attivisti ambientalisti per le future crisi climatiche ne limiteranno l’uso?

La priorità per tutti noi devono essere strategie basate sull’evidenza ed ecologicamente sostenibili che possano aiutare a bilanciare tutte queste preoccupazioni. Per ora, ciò significa che la gestione delle foreste e del territorio deve rimanere una soluzione.

Originariamente pubblicato qui

La scelta dei consumatori è ancora il modo migliore per governare i mercati

Una delle domande che mi sono state poste negli anni in cui ho lavorato al Consumer Choice Center è cosa significhi esattamente difendere la scelta del consumatore, il fondamento su cui è costruita. Si potrebbe dire che l’indizio sta nel nome, ma la scelta del consumatore comporta una serie di prerequisiti che richiedono un’economia di mercato funzionante.

In poche parole, la scelta del consumatore descrive l’idea che i consumatori dovrebbero essere in grado di scegliere liberamente di acquistare un prodotto o servizio o di non acquistarlo, basandosi esclusivamente sul proprio giudizio e in base ai desideri e ai bisogni che si pongono. Le normative governative in tutto il mondo negano molti aspetti di questo principio.

Ad esempio, esistono normative che ti impongono di acquistare determinati servizi, come l'assicurazione, anche se potresti sentirti più a tuo agio nell'autoassicurarti o nell'acquistare il servizio su abbonamento.

D’altro canto, il governo ha anche un elenco di prodotti e servizi che non è consentito acquistare e stabilisce anche regole relative al momento e al luogo in cui è consentito acquistarli. Esempi di questi sono le restrizioni sui tempi di vendita degli alcolici, i divieti sui prodotti da svapare o regolamenti come il Foreign Account Tax Compliance Act (FATCA) che rendono impossibile per molti espatriati americani l'accesso ai conti bancari all'estero.

Il nemico della scelta del consumatore è molto spesso la regolamentazione governativa, ma ciò non significa che tutti gli strumenti normativi siano automaticamente contrari alla scelta del consumatore. Le sostanze che potrebbero essere dannose per i minori dovrebbero essere loro inaccessibili. Inoltre, in caso di promesse fraudolente da parte dei produttori o di danni causati da prodotti difettosi, i consumatori dovrebbero avere la possibilità di ricorrere ai tribunali.

Un rimprovero comune a questi principi è che, anche se esiste un mercato aperto, i consumatori non hanno accesso a una varietà di fornitori di servizi. Ciò spesso deriva da un’incomprensione delle regole che attualmente governano il mercato. Nel mercato dell’assicurazione sanitaria o nel settore bancario, l’assenza di un numero sufficiente di fornitori di servizi deriva da pesanti barriere all’ingresso nel mercato che impediscono agli imprenditori di accedere al mercato.

Oppure pensiamo al ride-sharing: mentre Uber o Lyft hanno sconvolto il mercato dei taxi, purtroppo stiamo ricadendo nella trappola delle lobby dei taxi in quelle città che cercano aggressivamente di regolamentare la sharing economy. L’equivoco non risiede necessariamente nell’influenza del governo sull’apertura del mercato, ma anche in ciò che costituisce un’eccessiva concentrazione del mercato.

Prendiamo l’esempio di Amazon, attualmente preso di mira dalla FTC perché presumibilmente consolida e offre troppi prodotti e servizi diversi attraverso il suo pacchetto Amazon Prime. Nonostante i suoi successi, Amazon è lungi dal rappresentare un monopolio sul mercato: l'attività di e-commerce di Amazon rappresenta meno di 40% della quota di mercato dell’e-commerce, e dato che l’e-commerce rappresenta solo 15% di tutta la vendita al dettaglio negli Stati Uniti, rende Amazon un curioso monopolista con una notevole quota di mercato di… 6%.

Dobbiamo definire i termini, fornire il contesto e garantire che siano soddisfatte le condizioni per la scelta dei consumatori: abbiamo bisogno di un mercato aperto e libero che consenta alle aziende di competere per i consumatori, e non il contrario. Quando c’è la scelta del consumatore, vediamo gli effetti a catena della creatività e dell’innovazione.

La scelta del consumatore è anche l’approccio neutrale e privo di giudizi per visualizzare i modelli di acquisto. Coloro che sono disposti a sostenere l’agricoltura biologica possono fare acquisti presso Whole Foods e nei mercati degli agricoltori biologici, mentre altri possono fare acquisti a un prezzo inferiore (e con la stessa qualità) in altri negozi.

Coloro che credono che il successo imprenditoriale e il servizio di Amazon siano qualcosa da ammirare possono utilizzare i suoi servizi, mentre coloro che credono che rappresentino il decadimento morale del capitalismo in fase avanzata sono liberi di fare acquisti di seconda mano e localmente. Con la scelta del consumatore, i consumatori arrivano a boicottare i prodotti perché credono che il CEO abbia detto qualcosa di insensibile, e altri arrivano ad acquistare i prodotti perché sostengono le dichiarazioni (o i prodotti) fatti.

Le aziende spendono trilioni di dollari in agenzie di ricerche di mercato, domande pubblicitarie e analisi basate sull’intelligenza artificiale per capire cosa vogliono i consumatori, perché l’unico voto che conta per loro è il voto di fiducia dei consumatori. Tuttavia, quando il mercato è limitato a poche aziende e/o prodotti attraverso la regolamentazione, i consumatori sono privati del diritto di voto.

La scelta del consumatore è l’unico modo produttivo per governare il nostro sistema di mercato: garantisce l’individualità e la libera espressione per tutti.

Originariamente pubblicato qui

Perché l’agricoltura non è un tema nei dibattiti presidenziali?

In 2016 e 2020 , gli agricoltori hanno sostenuto in stragrande maggioranza Donald Trump come presidente. L’esperienza della sua amministrazione giustifica la scelta, dato che Trump ha nominato direttori di agenzie che hanno annullato inutilmente le rigide norme dell’era Obama sui prodotti chimici per la protezione delle colture, essenziali per combattere i parassiti e preservare i raccolti. 

Ora, con il presidente Joe Biden prossimo alla fine del suo mandato e tornato indietro a gran parte degli anni di Obama in cui l’Environmental Protection Agency apriva le cateratte sulla regolamentazione dei pesticidi iniettando allo stesso tempo un grande stimolo verde nel settore agricolo, dove è agricoltura come questione nel dibattito nazionale?

Gran parte dei dibattiti presidenziali riguardano la rielaborazione dei punti degli ultimi due mandati presidenziali. Il diritto alle armi, l’immigrazione e la condotta di Trump durante il suo mandato sono certamente argomenti importanti, ma l’impatto della politica agricola sui consumatori non può essere sottovalutato. Negli ultimi anni, questioni come ripetuti incendi negli allevamenti (che ha ucciso mezzo milione di animali da fattoria nel 2022), il aumento dei parassiti negli allevamenti a causa del cambiamento climatico, della carenza di approvvigionamento e dell’aumento dei costi dovuti a uragani , il carenza di erbicidi a livello nazionale , e 5% Inflazione dei prezzi alimentari colpire i consumatori ha contribuito a rendere il sistema agricolo e alimentare meno resiliente negli Stati Uniti.

Intanto si riaccende il dibattito sul disegno di legge agricola 2023 concentrarsi principalmente sui benefici SNAP e sull'ammissibilità , tralasciando un discorso ben più opportuno sulla produttività e sull’indipendenza del sistema agricolo. Quali sono le soluzioni pratiche alla carenza di fertilizzanti durante un regime di sanzioni contro la Russia? Quale ruolo dovrebbe avere il governo nella conservazione o nell’agricoltura biologica attraverso i sussidi agricoli? È ragionevole che gli Stati Uniti continuino una lunga serie di battaglie giudiziarie sui pesticidi quando le decisioni sulle autorizzazioni dovrebbero invece essere prese dal Congresso dopo il parere degli organismi scientifici? Queste sono domande che non vengono poste ai candidati presidenziali, anche se, una volta in carica, il presidente ha un impatto chiave su tali questioni attraverso le sue nomine nelle agenzie.

È vero che gli agricoltori non sono considerati un blocco elettorale sufficientemente significativo durante le elezioni. Rappresentata l'occupazione diretta in azienda poco più di 1% dell’occupazione totale nel 2023. Detto questo, se prendiamo in considerazione tutti i settori agricolo e alimentare, ciò equivale a ben 10% della forza lavoro totale, che acquisisce un’importanza esponenziale, soprattutto nei principali stati indecisi. 

Può anche darsi che gli agricoltori siano stati vittime dell'effetto di essere dati per scontati. Dato che sostengono in stragrande maggioranza i candidati repubblicani, i democratici ritengono che sia più facile per loro dipingere l’agricoltura come un problema ambientale piuttosto che affrontare le complessità e le sfide dell’agricoltura moderna e le reali difficoltà che i professionisti devono affrontare. Ecco perché i rappresentanti degli agricoltori farebbero meglio ad allineare i loro interessi a quelli dei consumatori.

I consumatori spesso non sono consapevoli del lavoro massacrante svolto nella loro fornitura di cibo e di come i cambiamenti normativi influenzino i prezzi che vedono nei supermercati. Quando si fa appello a un’amministrazione non solo per proteggere gli interessi degli agricoltori ma anche di coloro che acquistano i loro prodotti, è lì che la base elettorale si gonfia.

Inquadrare l’agricoltura non solo come una questione politica di nicchia, ma come una questione che influenza il potere d’acquisto e il benessere dei consumatori può aiutare a far luce sulle opinioni dei candidati presidenziali e può portare l’agricoltura fuori dalla sua oscurità sotto i riflettori che merita.

Originariamente pubblicato qui

Alle persone che affittano piscine in giardino è stato detto di smettere di gestire "piscine pubbliche"

Le piscine nel cortile di tutto il Triangolo sono disponibili per l'affitto, pubblicizzate sull'app Swimply come "Gemma nascosta", "Oasi privata" e "Rifugio tropicale".

Tuttavia, alcuni host del sito vengono respinti dai funzionari locali. Agli host viene detto di smettere di operare come “pool pubblico” o di affrontarne le conseguenze.

Nella Carolina del Nord non esiste alcuna legge che regoli specificamente l'affitto di piscine nel cortile; ma le indicazioni del Dipartimento della salute e dei servizi umani dicono che se affitti la piscina nel tuo cortile, la piscina è considerata pubblica.

Orange County ha detto che stavano seguendo quella guida quando hanno inviato una lettera a Chris Paolucci dicendogli di smettere di gestire la piscina nel suo cortile come piscina pubblica.

Paolucci è un host Swimply e ha affittato la piscina del suo cortile ad altri che potrebbero non avere accesso alla piscina.

“Dà questa opportunità alle persone senza, e ci dà l’opportunità di coprire i nostri costi”, ha detto Paolucci a 5 On Your Side.

Swimply funziona come le altre app di condivisione Airbnb e Vrbo, ma è solo per le piscine e i visitatori possono noleggiarle a ore.

"Di solito arrivano da 2 a 5 persone, piccole famiglie", ha spiegato Paolucci parlando della sua esperienza di hosting su Swimply.

Paolucci ha detto di essere rimasto confuso quando ha ricevuto la lettera da Orange County. La lettera diceva che Paolucci aveva bisogno di una revisione del piano della piscina pubblica, di una piscina di livello commerciale e di un permesso operativo da parte della contea per continuare a funzionare come piscina pubblica.

Leggi il testo completo qui

Pentingnya Menjaga Hak Kekayaan Intelektual per Pembangunan Berkelanjutan

Persoalan mengenai kerusakan lingkungan dan pemanasan global saat ini merupakan masalah global yang menjadi fokus berbagai negara dan organisasi di seluruh dunia. Banyaknya lingkungan yang tercemar, dan juga temperatur yang semakin meningkat, telah mendatangkan berbagai bencana yang menimpa banyak orang di seluruh dunia, mulai dari erosi, banjir besar, krisis air bersih, hinggal gelombang panas.

Seiring dengan perkembangan technologi, pemakaian energi yang kita gunakan juga semakin meningkat. Non appena hai imparato qualcosa, la tecnologia ha dimostrato di poter fare qualcosa di diverso dall'ora di seluruh dunia. Berkat perkembangan teknologi, kita bisa menikmati lampu di malam hari, bepergian dengan jauh secara lebih cepat, dan mengakses informasi secara lebih luas.

Tetapi di sisi lain, pemakaian energi yang semakin besar juga membawa Damak yang negatif, seperti pemanasan global dan juga kerusakan lingkungan yang disebabkan oleh berbagai hal, mulai dari polusi udara, sampah yang semakin menumpuk karena konsumsi yang semakin meningkat, e dan lain sebagainya. Namun, pada saat yang sama, menghentikan atau memutar balik perkembangan teknologi juga merupakan sesuatu yang hampir mustahil.

Per farlo, dibutuhkan kebijakan pembangunan yang dapat menodorong kemajuan, tetapi pada saat yang sama juga bisa memitigasi Damak kerusakan lingkungan dan juga pemanasan global. Saat ini, kita sudah memiliki kerangka kebijakan untuk melakukan hal tersebut, yang dikenal dengan nama “Pembangunan Berkelanjutan” atau Sustainable Development.

Pembangunan berkelanjutan, atau Sustainable Development, sendiri, dimaknai sebagai pembangunan yang dapat memenuhi kebutuhan kita saat ini, tetapi pada saat yang sama juga tidak mengorbankan kemampuan dari generasi mendatang untuk memenuhi kebutuhannya. Secondo il mio parere, è molto importante per menginterpretasi dan memahami pembangunan berkelanjutan. Tetapi, pada intinya adalah, bagaimana kita bisa menyeimbangkan kebutuhan kita dengan kondisi serta batas-batas lingkungan, kondisi ekonomi, dan kondisi sosial yang kita hadapi saat ini di dalam masyarakat di seluruh dunia (un.org, 13/3/2023).

Dengan demikian, dimensi dari pembangunan berkelanjutan ini tidak hanya pada isu lingkungan saja, tetapi juga isu ekonomi dan sosial, seperti memastikan penyediaan layanan kesehatan, pangan yang tercukupi, e juga akses air bersih bagi semua orang, serta agar seluruh anak-anak usia seko lah bisa mendapatkan pendidikan. Untuk mencapai tujuan tersebut, tentu merupakan sesuatu yang tidak mudah untuk dilakukan.

Per questo, innovasi e anche la tua tecnologia avanzata si è rivelata una buona idea per mewujudkan adanya berbagai hal penting tersebut. Per non perdere tempo con l'ebrtambahnya, dibutuhkan innovasi teknologi yang memungkinkan penggunaan sumber bahan bakar yang lebih ramah lingkungan e non tidak membuang banyak emisi.

Selain itu, agar semua orang mendapatkan pangan dan nutrisi yang tercukupi misalnya, dibutuhkan kemajuan technologi tuk memastikan bahan pangan bisa dipanen e dan diproduksi secara lebih cepat dan produktif. Terkait di bidang kesehatan misalnya, inovasi dan kemajuan teknologi tentu merupakan hal yang sangat penting, agar berbagai penyakit kronis dapat segera disembuhkan dan diatasi.

Non appena sisi innovasi e tecnologicamente, per bisa mencapai tujuan pembangunan berkelanjutan, dibutuhkan dana yang non dak sedikit. Agar fasilitas kesehatan e sarana pendidikan bisa dibangun dan diakses oleh seluruh lapisan masyarakat misalnya, dibutuhkan dana yang besar untuk menyediakan berbagai sarana e fasilitas tersebut.

Con demikian, dibutuhkan serangkaian kebijakan yang dapat menodorong inovasi di bidang kemajuan teknologi dan juga pertumbuhan ekonomi untuk meningkatkan pendapatan pemerintah agar bisa menyediakan berbagai layanan untuk dinikmati masyarakat. Salah satu kebijakan yang sangat penting untuk diberlakukan adalah perlindungan hak kekayaan intelektual yang kuat.

Melalui perlindungan hak kekayaan intelektual yang kuat, maka perusahaan dan innovator akan memiliki insentif yang semakin besar untuk berkarya yang berinovasi (financierworldwide.com, ottobre 2021). Kita non tidak bisa memungkiri bahwa, peran perusahaan e dunia usaha dalam rangka pembangunan berkelanjutan sangat penting. Terkait dengan polusi udara dan kerusakan lingkungan misalnya, bisa kita lihat saat ini berbagai perusahaan teknologi berlomba-lomba membuat kendaraan pribadi berbasis listrik sebagai salah satu solusi untuk mengurangi polusi udara, khususnya yang berasal dari kendaraan bermotor.

Bila semakin banyak sarana trasporti yang melakukan migrasi bahan bakar dari yang menggunakan bahan bakar fosil menjadi menggunakan listrik, hal ini tentu merupakan sesuatu yang sangat positif. Dengan demikian, polusi udara bisa semakin berkurang, e akan semakin banyak penduduk yang bisa menikmati udara bersih dan segar.

Di bidang lainnya, seperti pangan misalnya, peternakan sapi merupakan salah satu sumber emisi gas rumah kaca terbesar (epa.gov, 28/4/2023). Hal ini karena gas metana yang dikeluarkan oleh sapi. Per migliorare la tua esperienza personale, avrai a disposizione tecnologie di ricerca per scambiare prodotti daging sintesis che daranno vita a un diambil da sel tessuto hewan e dan kemudian dikembangkan del laboratorio.

Bila hal tersebut sudah bisa kita lakukan secara masif, berarti kita sudah bisa menyelesaikan salah satu sumber utama produsen gas rumah kaca. Tidak hanya itu, lahan-lahan luas yang sebelumnya digunakan untuk peternakan sapi kini bisa dikembalikan kepada alam melalui program reboisasi untuk menumbuhkan kembali hutan-hutan yang hilang karena pembangunan peternakan.

Sebagai penutup, perlindungan hak kekayaan intellettuale yang kuat merupakan salah satu faktor yang penting per menunjang pembangunan berkelanjutan. Melalui perlindungan hak kekayaan intelektual yang kuat, maka insentif bagi para innovator untuk berinvoasi juga akan semakin meningkat, dan akan membuat berbagai produk yang bermanfaat bagi publik. Dengan demikian, ekonomi juga semakin berkembang, dan akan semakin banyak pemasukan negara yang didapatkan melalui pajak untuk membiayai berbagai program sosial yang penting bagi masyarakat.

Originariamente pubblicato qui

Descrizione
it_ITIT