fbpx

agricoltura

Consumer Group avverte le autorità di regolamentazione dell'influenza del CEO di FTX sulle imminenti normative sulle criptovalute

Washington DC – Oggi il Consumer Choice Center inviato una lettera ai senatori e ai rappresentanti coinvolti nella creazione e approvazione dei futuri regolamenti sulle criptovalute, avvertendoli della sostanza delle raccomandazioni normative fatte dal CEO di FTX Sam Bankman-Fried, che ha fatto in un recente post sul blog aziendale.

Bankman-Fried è diventato, negli ultimi anni, un attore primario nella politica interna americana, impegnandosi a spendere fino a $1 miliardo per finanziare gli sforzi del Partito Democratico nel 2024 e una figura notevole che promuove la politica di regolamentazione della criptovaluta, gran parte della quale andrebbe a vantaggio della sua azienda e delle sue proprietà.

Yaël Ossowski, vicedirettore del gruppo di difesa dei consumatori Consumer Choice Center, ha dichiarato: "Il motivo per mettere in guardia i legislatori è che il decentramento che alimenta l'intero ecosistema crittografico è in gioco se sentono solo interessi acquisiti da agende oscillanti che non favoriranno necessariamente consumatori.

"Per quelli di noi con un notevole interesse da parte dei consumatori in Bitcoin e altre criptovalute - protocolli progettati per essere decentralizzati - vedere così tanto capitale e controllo conferiti a una persona che ha una grande influenza nell'elaborazione della legislazione per avere un impatto su milioni è un segnale di avvertimento." ha aggiunto Ossowski.

“Gli utenti di tecnologie decentralizzate non hanno bisogno di un approccio industriale alla regolamentazione. I regolamenti esistono per stabilire le regole del gioco, non per classificare i leader del gioco. La principale cautela che invochiamo è che molte normative proposte mirano a cementare gli attori del settore esistenti e bloccare i nuovi arrivati innovativi, richiedendo allo stesso tempo le stesse regole restrittive che hanno indotto molte persone a esplorare le criptovalute in primo luogo.

“I recenti commenti e suggerimenti del CEO di FTX e del noto raccoglitore di fondi del Partito Democratico Sam Bankman-Fried, in particolare, ci lasciano preoccupati. Se le regole sulle criptovalute e sui suoi clienti aiutano a consolidare i portafogli finanziari, le posizioni e i prezzi delle azioni solo di poche società selezionate, ciò allontanerà l'innovazione dalle coste americane. Mentre molte proposte presentate da Mr. Bankman-Fried rispondono alle esigenze dei consumatori, in particolare per quanto riguarda hack, truffe e protezione dei fondi, le sue raccomandazioni per un regime altamente autorizzato su tutti i lati delle transazioni digitali, in particolare la finanza decentralizzata (DeFi) , andare contro lo spirito del motivo per cui le criptovalute sono state create in primo luogo ", ha affermato.

“L'anno scorso, io e i miei colleghi del Consumer Choice Center abbiamo pubblicato il nostro Principi per la regolamentazione Smart Cryptosottolineando la necessità di prevenire le frodi, perseguire la neutralità tecnologica, una tassazione ragionevolmente bassa, la certezza del diritto e la trasparenza, che riteniamo costituiranno un quadro migliore per la futura regolamentazione.

“Sarebbe vantaggioso per tutti noi se le regole future aiutassero a responsabilizzare i consumatori e le aziende con cui interagiscono, punire le frodi, gli abusi e l'insider trading e fornire trasparenza finanziaria. I capricci di pochi selezionati attori del settore, per quanto di successo possano avere, non possono essere la luce guida per il futuro del denaro digitale decentralizzato", ha concluso Ossowski.

***Il vicedirettore del CCC Yaël Ossowski è disponibile a parlare con i media accreditati sulle normative dei consumatori e sui problemi di scelta dei consumatori. Si prega di inviare richieste dei media a yael@consumerchoicecenter.org.***

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Washington, Ottawa, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Scopri di più su consumerchoicecenter.org.

POUVOIR D'ACHAT : L'UNION EUROPÉENNE PASSE À L'ATTAQUE

Un nuovo pacchetto legislativo vient définir la mise en place del Green Deal europeo. Au menu (bien indigeste): automobili, carburanti, alimentazione… et ce n'est qu'un début. Votre pouvoir d'achat va passer à la casseruola…

La Commission européenne a récemment dévoilé son paquet « Fit for 55 », censé définir la manière dont le Accordo verde européen sera mis en œuvre. In questo pacchetto, un grande numero di misure aumenterà i costi imposti ai consumatori e le privazioni delle loro scelte individuali.

L'une des mesures clés suggerite in queste nuove proposizioni legislative è la morte dei motori a combustione interna. D'ici 2035, aucune nouvelle voiture diesel ou à essence ne pourra être vendue, y compris les voitures hybrides.

In sostanza, ciò significa che gli europei sono limitati ai soli veicoli elettrici, le automobili all'idrogeno non sono ancora arrivate sul mercato in grande nome.

Leggi l'articolo completo qui

#EL'ambiente ha bisogno di essere salvato attraverso l'innovazione, non la fame

Con l'avvicinarsi dell'inverno, le persone riprendono a litigare sul termostato di casa. Mentre il riscaldamento è molto conveniente, ha anche un costo ambientale. La protezione e lo sviluppo dell'ambiente sono, senza dubbio, una causa sia necessaria che nobile, e mentre a volte possiamo non essere d'accordo con l'allarmismo o il reazionarismo che deriva dall'eco-politica, è una cosa meravigliosa vedere le preferenze dei consumatori gravitare verso alternative più ecologiche, scrive Bill Wirtz.

È attraverso i cambiamenti negli atteggiamenti dei consumatori che costringono le innovazioni a diventare più sicure, più sostenibili e, in generale, più "verdi". Lo stesso però vale anche per il prezzo: mentre le aziende tentano di ridurre i prezzi, i loro incentivi le costringono a utilizzare meno energia. Questo è ciò che abbiamo visto accadere alle auto, che hanno visto raddoppiare l'efficienza del carburante dagli anni '70, o ai viaggi aerei, che hanno visto consumare 45% in meno di carburante dagli anni '60.

Il bello dell'innovazione guidata dal consumatore è che arriva naturalmente attraverso il mercato. Nel settore alimentare, abbiamo assistito a enormi sforzi per ottenere colture più sicure, più convenienti e meno energivore. Con le attuali innovazioni agro-tecnologiche, come attraverso l'editing genetico, questa diventa una prospettiva promettente. Tuttavia, il mondo politico sembra poco impressionato dall'innovazione e più interessato a reagire all'allarmismo. Da nessuna parte gli effetti pericolosi di questo si fanno sentire più che nel mondo in via di sviluppo. I paesi avanzati con buone intenzioni ignorano i bisogni e le capacità delle nazioni più povere in nome della presunta protezione ambientale.

Prendiamo, ad esempio, una recente conferenza, tenuta congiuntamente in Kenya dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) e dal Centro mondiale per la conservazione degli alimenti. La "Prima conferenza internazionale sull'agroecologia che trasforma i sistemi agricoli e alimentari in Africa" mira ad attuare le politiche di "agroecologia" in tutto il continente.

L'“agroecologia” propagandata dalla conferenza si riferisce a uno stile di agricoltura più “organico”, privo di (o, almeno, meno dipendente) da fertilizzanti sintetici e pesticidi. In molte parti dell'Africa, dove questa conferenza ha avuto la sua attenzione, ciò potrebbe avere effetti devastanti. Non dovrebbe sorprendere che i metodi di coltivazione agroecologici siano, in genere, molto meno efficienti dell'alternativa moderna e meccanizzata (una conclusione raggiunta in uno studio condotto da sostenitori dell'agroecologia).

In un continente che è stato a lungo afflitto da una scarsa crescita economica e, cosa molto più grave, da gravi carestie e carestie alimentari, correre il rischio di passare a metodi meno produttivi in nome dell'ambiente sarebbe cieco alle necessità di un'economia in via di sviluppo . Visto semplicemente, si potrebbe facilmente etichettare questa visione del mondo e questa prescrizione come arroganti. Se le persone nei paesi sviluppati (o in qualsiasi altro posto per quella materia) desiderano creare un'azienda agricola biologica e agroecologica per promuovere un sistema più rispettoso dell'ambiente, allora più potere per loro. Ma semplicemente non possiamo aspettarci che ciò si applichi a paesi in via di sviluppo come quelli africani. Portare pratiche e tecnologie sostenibili nel mondo in via di sviluppo dovrebbe essere raggiunto attraverso una maggiore innovazione scientifica, stimolando la crescita economica e lo sviluppo.

Dopo la Brexit, il Regno Unito sarà nella posizione ideale per farlo senza i vincoli della politica agricola comune dell'UE e dei regolamenti sulle biotecnologie, che hanno reso impossibile il commercio con gli agricoltori nei paesi in via di sviluppo, nonché colture innovative a livello nazionale. Mentre i cuori di coloro che sostengono l'"agroecologia" sono certamente nel posto giusto, dobbiamo capire che i loro suggerimenti minacciano le possibilità di crescita e sviluppo delle economie in via di sviluppo.

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org.

Une nouvelle Initiative européenne pro-science mérite le support public

Una nuova iniziativa cittadina dell'UE organizzata dagli studenti richiede un processo di autorizzazione scientifica razionale nel dominio dell'agricoltura. Ils méritent d'être entendus et soutenus.

Le 25 juillet, la Commission européenne a enregistré l'initiative citoyenne "Grow Scientific Progress : Crops Matter !" (“grandir l'innovation scientifique: les culture sont importantes”). Deux étudiantes sont nommées comme représentantes, à savoir Martina Helmlinger et Lavinia Scudiero. Helmlinger è sur le point de terminer sa maîtrise en “sécurité de la chaîne alimentaire” all'Institut des sciences et technologies alimentaires de l'Université des ressources naturelles et des sciences de la vie de Vienne, e possiede una licenza in biotecnologie. Scudiero est diplômée en médecine vétérinaire, elle s'intéresse à la sécurité alimentaire, et elle poursuit actuellement une maîtrise en sécurité alimentaire, le droit alimentaire et affaires réglementaires à l'Université de Wageningen.

Dans l'argumentaire de l'initiative, les deux étudiants soutiennent que la direttiva 2001/18/CE de l'UE est dépassée, et sugèrent un meccanismo automatico per la revisione. L'obiettivo è quello di razionalizzare la procedura di autorizzazione della messa sul mercato, di désormais longue et coûteuse, e di consentire il vantaggio dei progressi scientifici nell'UE. Le valutazioni individuali, in opposizione alle definizioni generali, aiutano a consentire l'arrivo delle nuove tecnologie sul mercato.

Vieni l'explique Marcel Kuntz, direttore della ricerca al CNRS (Centre national de la recherche scientifique) a Grenoble: “L'agro-biotecnologie non è un modo di produzione agricola, c'è un moyen d'accroître la biodiversité. Ce qui est important, c'est ce qu'on fait d'un produit, pas comment on l'a obtenu. Kuntz si lamenta anche degli attacchi contro le scienze e che la sicurezza delle innovazioni scientifiche è definita attraverso un dibattito politico.

Il dibattito sull'innovazione in agricoltura è stato preso in considerazione dai comunicatori professionisti che non fanno altro che ridurre l'innovazione tecnologica. C'est un phénomène médiatique problématique — pour chaque innovation on nous parle longuement des risques potentiels (souvent imaginaires), en oubliant les opportunités énormes.

Cela interessa anche le modalità di comunicazione delle istituzioni dell'UE, visibili nel dibattito dell'OGM. Sul sito web “Legislative Train Schedule” (“calendrier du train législatif”) del Parlamento europeo, i relatori delle direttive sont censés expliquer de manière neutre la ligne d'action législative. C'est un outil qui transmet l'information aux citoyens de façon non partisane.

Frédérique Ries, membro belga del Parlamento europeo, n'a pas pris ce travail très au sérieux. Dans un articolo sur le site résumant la direttiva (UE) 2015/412, elle écrit :

“Le Parlement européen a également insisté pour que les États membres, dans lesquels des culture GM sont cultivées, évitent la contaminazione transfrontalière en établissant des zones tampons le long de leurs frontières avec les États membres voisins dans lesquels les OGM ne sont pas cultivés.

La verità è quella delle organizzazioni come Greenpeace mentent sur les OGM depuis des décennies. È esplicito che gli OGM rappresentano “risques inacceptables”, senza che siano in evidenza i presunti scienziati che ne esprimono il rischio. Ils écrivent par example:

“Les culture génétiquement modifiées n'ont pas leur place dans l'agriculture Durable. Ils comportent des risques inacceptables créés par le processus de génie génétique.”

Les mêmes ONG qui se sont ssurées que l'UE n'utiliserait pas de culture génétiquement modifiées ont egalement célébré une affaire devant la Cour de Justice de l'Union européenne, dans laquelle il est dit que le génie génétique devrait être traité de la même manière que les OGM. Pace verde debito le génie génétique comme “OGM par la porte de derrière”.

Lo chef de l'Autorité européenne de sécurité des aliments (EFSA), Dr. Bernhard Url, esplicito qu'il ne faut pas “tirer sur la science” si on n'aime pas les résultats en question. Il ajoute que “si la science ne devient qu'une opinion de plus, qui peut être négligée en faveur de la superstition, cela comporte un risque énorme pour la société”.

Il a ragione. Il genio genetico offre déjà de nombreux vantaggi al miglioramento genetico, per esempio en créant des aliments sans allergènes. Immagina l'immenso cambiamento per le persone affette da allergie potenzialmente mortali, se nous parvenons à créer des arachides sans allergènes ou du blé sans gluten. Tuttavia, ces application dépassent le domaine de l'agriculture. Il genio genetico può aiutare a combattere il virus Zika, à prevenir la trasmissione du paludisme, UN guérir la leucémie et montre des recherches prometteuses dans les domaines de la maladie d'Alzheimer, della malattia di Huntington, del cancro del collo dell'utero e del cancro del poumon.

Il genio genetico rischia di essere vittima della stessa persona non scientifica degli OGM. D'altri continenti innovano quando l'Europa s'enfonce in un fossé technologique. 

L'iniziativa Grow Scientific Progress può aiutare all'incontro con questa evoluzione. L'Union européenne doit s'ouvrir à l'innovation scientifique afin de saisir les opportunités passionnantes demain.


Publié à l'origine ici:

L'USDA si muove per porre fine alla ricerca di affitto nell'industria del pollame

LA GRANDEZZA AMERICANA: Il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti a dicembre ha arruffato alcune piume ritirando un regolamento pubblicato nell'ultima giornata intera dell'amministrazione Obama che avrebbe creato nuovi requisiti per i produttori di uova e pollame “biologici”.

Le rivolte francesi per la Nutella spingono a "proteggere gli agricoltori a spese dei consumatori"

DAILY POST: Il gruppo di lobby dei consumatori afferma che l'agricoltura francese deve essere modernizzata per mantenere bassi i prezzi per i consumatori ordinari.

La Francia limita gli sconti sul cibo per aiutare gli agricoltori

NOVINKY: “Questo è un altro esempio in cui la Francia mette gli interessi dei propri agricoltori al di sopra di quelli dei propri cittadini. Mettere fuori legge il principio “paghi uno, prendi due” può arricchire gli agricoltori, ma danneggia i normali consumatori che approfittano di questi prezzi più bassi per comprare cibo per le loro famiglie”, ha dichiarato Luca Bertoletti, European Affairs Manager del Consumer Choice Center.

Descrizione
it_ITIT