fbpx

Regolamento tecnico

Questa subdola riforma bipartisan sul fallimento danneggerà i consumatori tecnologici

Se c’è un tema che emerge quest’anno a Washington, DC, è la furia bipartisan contro le aziende tecnologiche americane.

In un tribunale a pochi isolati dal Campidoglio, Google si difende il suo motore di ricerca contro il Dipartimento di Giustizia, mentre in fondo alla strada c’è la Federal Trade Commission finalizzazione è il caso di smantellare Amazon. Anche il Dipartimento di Giustizia lo è secondo quanto riferito indagando sulle spese aziendali di Elon Musk presso Tesla, gettando le basi per un eventuale caso contro il magnate della tecnologia.

La rabbia del Congresso nei confronti delle aziende tecnologiche è rovente e sta prendendo forma nella forma più improbabile: la riforma della legge federale sui fallimenti.

I repubblicani affrontano la riforma fallimentare

La scorsa settimana nella Commissione Giustizia del Senato, a udito si è svolto sulle riforme del Capitolo 11 sui fallimenti, volte a porre fine alla “manipolazione societaria” dei suoi statuti.

La discussione ha evidenziato esempi recenti di aziende sottoposte ad azioni legali collettive multidistrettuali e la loro strategia di scorporare società holding separate per giudicare in modo più rapido ed efficiente le richieste nei tribunali fallimentari, piuttosto che sopportare anni di processi con giuria.

È noto come "Texas in due fasi.”

Si tratta di un modello che gli avvocati dei ricorrenti e i democratici generalmente deplorano, un fatto ripetutamente chiarito durante l'udienza, ma che ha dimostrato di emettere giudizi rapidamente e con una migliore valutazione della legittimità delle rivendicazioni contro le grandi aziende. La cosa più interessante è che i commenti dei senatori repubblicani indicano l'intenzione del loro partito di utilizzare il Capitolo 11 per prendere di mira ciò che percepiscono come i "danni" delle Big Tech.

“Nei social media non esiste un modello come questo”, ha affermato la senatrice Lindsey Graham. “Potremmo non essere d'accordo su come risolvere questo problema, ma se vieni danneggiato dai social media, non hai nulla. Zero. Cerniera lampo. È lì che spero che il comitato possa riunirsi e creare diritti di azione.

Il senatore Josh Hawley, che recentemente ha scritto un libro intitolato La tirannia della grande tecnologia e si è posizionato come il principale antagonista della Silicon Valley, ha fatto un ulteriore passo avanti.

"Se vuoi sapere perché i diritti d'azione privati sono così dannatamente importanti e perché dobbiamo usarli contro le grandi aziende tecnologiche, questo è il motivo", ha detto.

I consumatori tecnologici saranno danneggiati

Quando i repubblicani invocano un “diritto d'azione privato”, intendono consentire ai consumatori di citare in giudizio individualmente qualsiasi azienda per violazioni della privacy o altri “danni” ancora definiti.

Mentre Hawley e Graham alludono a un ampio “danno” dei social media, i ricercatori indipendenti lo hanno fatto ancora da realizzare qualsiasi caso definitivo su cosa ciò significhi. Certamente non abbastanza per avviare una causa legale.

I consumatori tecnologici che dipendono da questi prodotti e servizi potrebbero presto sostenere il peso dei costi normativi e legali che troppo spesso vediamo nel settore sanitario, bancario e della produzione alimentare, ovvero quello dei prezzi in rialzo e della minore innovazione.

Tutto cambierebbe per gli utenti tecnologici, gli inserzionisti e i settori adiacenti. Che questi servizi siano gratuiti non avrà importanza una volta che il contenzioso potrà iniziare e gli spot televisivi e i cartelloni pubblicitari finanziati dagli avvocati convinceranno la prossima classe di querelanti a tentare accordi miliardari.

Con la minaccia di ulteriori cause legali, legittime o meno, derivano costi più elevati per la conformità e il giudizio. Quando l’obiettivo è un’azienda rivolta al consumatore con migliaia di prodotti e milioni di acquirenti, questi costi aggiuntivi vengono trasferiti ai consumatori.

Allo stesso tempo, questi casi riempiono eccessivamente il registro insieme a molti veri ricorrenti che meritano giustizia, come i sopravvissuti a catastrofi ambientali e le vittime di prodotti difettosi.

I repubblicani contrarranno la febbre delle cause legali?

Le massicce azioni legali collettive sono lo strumento preferito dagli studi legali perché molte aziende preferiscono risolvere il problema piuttosto che sottoporsi a lunghe controversie, il che promette grandi guadagni alle aziende che organizzano la classe e archiviano il caso.

Pensate ai casi aziendali contro Starbucks, una causa multimilionaria per le sue bevande alla frutta Non avendo "basta frutta" o Burger King, con un'azione legale collettiva per "pubblicità ingannevole", secondo la quale gli hamburger nelle pubblicità televisive sono più grandi rispetto a quando vengono serviti nei fast-food.

Gli Stati Uniti sono nominalmente i più importanti paese altamente litigioso nel mondo, quindi questi esempi non dovrebbero sorprendere.

Se anche i repubblicani contrassero la febbre delle cause legali, vedremo un mondo con un’esplosione di azioni legali collettive di massa intentate contro le società tecnologiche americane, molte delle quali sarebbero prive di merito.

Ciò impegnerebbe le risorse per centinaia di aziende innovative che i consumatori conoscono e amano e eserciterebbe pressioni inflazionistiche ancora maggiori sui prezzi. Per non parlare del fatto che ciò svierebbe il vero scopo del nostro sistema giudiziario: garantire la giustizia.

I cittadini e i consumatori americani fanno affidamento su un sistema legale giusto e virtuoso per proteggere i nostri diritti e i nostri stili di vita. Se non altro, dovremmo continuare a chiedere che ciò venga mantenuto.

Yaël Ossowski è una giornalista canadese-americana e vicedirettrice del Consumer Choice Center.

Pubblicato in Spettatore americano (collegamento all'archivio).

Commenti sulla legge indiana sulla concorrenza (modifica), 2023

Cara Commissione per la concorrenza dell'India,

Per dare seguito alla vostra richiesta rivolta ai gruppi delle parti interessate di fornire commenti normativi sugli aggiornamenti della legge sulla concorrenza, desideriamo offrire riflessioni dal punto di vista dei consumatori. Per riferimento, il Consumer Choice Center è un gruppo di difesa dei consumatori a livello globale che sostiene politiche adatte alla crescita, promuove l’innovazione tecnologica e tutela la libertà di stile di vita, promuovendo nel contempo la scelta dei consumatori.

Nella revisione del Competition (Amendment) Act del 2023, aggiungiamo quanto segue:

Sezione 29A proposta

Con l’emendamento proposto nella Sezione 29A, inseriremmo la frase “e sulla scelta del consumatore” dopo la frase “un effetto negativo apprezzabile sulla concorrenza”, al fine di aderire più precisamente a una definizione limitata di concorrenza e antitrust che eleva l’effetto ai consumatori e prezzi, piuttosto che “concorrenza”.

Sezione 18 proposta

Con gli emendamenti proposti nella Sezione 18, inseriremmo la “scelta del consumatore” prima della “concorrenza”, dimostrando ancora una volta l’utilità della scelta del consumatore e del confronto dei prezzi come rubrica più accurata per determinare la concorrenza.

Nel complesso, rimaniamo positivi nei confronti delle linee guida aggiornate della Competition Commission sulle fusioni e sulla normativa antitrust generale. Mentre l’economia digitale indiana cresce e continua a offrire beni e servizi unici ai consumatori indiani, crediamo che tutte le agenzie del governo centrale dovrebbero anche aderire a una politica di concorrenza che sostenga la scelta dei consumatori e le barriere normative che potrebbero impedirla, e forse portare a prezzi più alti o a prezzi più alti. concorrenza ridotta. L’impatto sui consumatori è fondamentale.

Definire il livello adeguato di concorrenza è un compito impossibile per qualsiasi agenzia o dipartimento governativo e sarebbe meglio lasciarlo ai consumatori che determineranno meglio le dimensioni e le prestazioni del mercato. Laddove esistano barriere normative, o laddove esistano frodi e inganni, i regolatori della concorrenza dovrebbero concentrarsi in modo più mirato rispetto alle sole preoccupazioni per la concorrenza, nazionale o meno.

COLLEGAMENTO AL PDF

Il Consumer Choice Center respinge l'attacco politicizzato del Dipartimento di Giustizia a Google

Google sta per combattere la prima seria battaglia antitrust del 21° secolo. Inizio questa settimana, il Dipartimento di Giustizia (DOJ) sosterrà davanti alla corte federale che Google ha adottato pratiche anticoncorrenziali per mantenere il suo status di motore di ricerca più popolare al mondo. 

L'accusa, presentata davanti al giudice nominato da Obama, Amit P. Mehta, è che Google ha erroneamente stipulato accordi di esclusività con produttori di smartphone, tra cui Apple e Samsung, per preinstallare il suo motore di ricerca come opzione predefinita sui browser web dei loro dispositivi. 

Stephen Kent, direttore dei media del Consumer Choice Center, un gruppo internazionale di difesa dei consumatori con sede a Washington, DC, ha affermato del caso del Dipartimento di Giustizia, “Casi antitrust come questo si basano sul falso presupposto che i consumatori siano stati indotti con l’inganno a utilizzare un prodotto, anche quando quel prodotto è ampiamente accettato come il gold standard per il suo settore. Questa è una perdita di tempo per il nostro sistema giudiziario”. 

La causa era originariamente portato nell’ottobre 2020 dall’allora procuratore generale Bill Barr, durante gli ultimi mesi dell’amministrazione Trump. La causa sostiene che Google ha illegalmente impedito al pubblico un facile accesso a Bing, Mozilla e DuckDuckGo di Microsoft per le ricerche online. Se il giudice Mehta sarà d’accordo, Google potrebbe essere costretta a ristrutturarsi. 

Le offerte dei motori di ricerca predefiniti sono comuni nello sviluppo dei browser web. I consumatori apprezzano i prodotti pronti all’uso e si aspettano un’esperienza di qualità. Ecco perché Mozilla ha annullato il suo accordo con Yahoo nel 2017 per un accordo di ricerca predefinito, ripristinando la Ricerca Google. Così tanti consumatori stavano cambiando manualmente, Mozilla ha risposto nel tentativo di proteggere il proprio marchio.

Il Consumer Choice Center si oppone a questo attacco politicizzato del Dipartimento di Giustizia a Google. I produttori di dispositivi mobili desiderano che i consumatori abbiano un'esperienza di prim'ordine durante l'utilizzo del loro prodotto e preimpostare Google come motore di ricerca è un loro diritto. "Uso DuckDuckGo sul mio iPhone ormai da diversi anni e anche adesso bastano quattro clic per tornare a Google, Bing o Yahoo," Kent continuò, "Questa causa mira a distrarre Google dal suo core business, impantanandolo per impedire un'ulteriore crescita e facendo un esempio di un'importante azienda tecnologica per scopi politici in un momento di scetticismo bipartisan da parte dei cittadini. settore tecnologico. Ciò non fa nulla per migliorare il benessere dei consumatori e danneggerà l’innovazione futura richiesta dai consumatori”.

LES GÉANTS DU NET AMÉRICAINS DANS LE COLLIMATEUR DE L'UE

L'Europa ha scelto di non dover diventare il mercato mondiale per i prodotti e i servizi innovativi, preferendo il terreno di gioco ultimo delle restrizioni burocratiche. 

Recentemente, il commissario europeo al mercato interno si sta recando a San Francisco con un'importante delegazione di burocrati. La sua missione: attaccare il fronte alle grandi imprese tecnologiche americane.

Il ruolo importante di Thierry Breton – ancien PDG de France Télécom et d'Atos, entre autres, mais aussi ex-ministre de l'Economie sous Jacques Chirac – au sein de l'organe executive de l'UE consiste nel supervisionare il commercio dans il sistema di mercato unico in Europa, che conta quasi 500 milioni di consumatori e cittadini. Ce rôle lui confère un pouvoir considerable. Quell'altro uomo politico europeo potrebbe essere l'organizzatore di riunioni con Elon Musk, Mark Zuckerberg e Sam Altman in un solo giorno?

Bien que le mandat de M. Breton soit assez vaste – il couvre tous les domaines, du haut débit aux plateformes en ligne, en passant par le changement climatico –, son objectif à San Francisco était de rencontrer des géants de la technologie et des PDG americani per preparare l'applicazione imminente della loi sui servizi numerici (Digital Services Act, DSA), una legge europea globale destinata a creare uno «spazio numerico più sicuro» per gli europei. Questa legge entrerà in vigore fino alla fine di questi mesi di agosto e imporrà quindici giorni di nuovi obblighi alle società di Internet che desiderano servire gli utenti dell'Unione europea.

Questa legislazione sui servizi numerici dovrebbe essere descritta come il modello regolamentare europeo per le grandi imprese tecnologiche e Internet. Il solo problema è che una parte infinita delle imprese è vista dalla legge sui servizi numerici relativi alle restrizioni o alle normative basate sull'UE. Sur les 17 entreprises désignées comme «très grandes plateformes en ligne» par la loi – ce qui signifie qu'elles seront soumises à la réglementation et aux règles les plus contraignantes – une seule est basée en Europe: Il s'agit de Zalando, un commercio di moda in linea.

La responsabilità degli altri

Les autres viennent principalement... vous l'avez deviné... des Etats-Unis. Lo è l'agire delle imprese come Meta, Twitter, Google, Snapchat e Amazon, ma anche le imprese cinesi come TikTok e Alibaba.

La DSA ha introdotto una serie di restrizioni e regole estese che non vanno bene rispetto a tutta la regolamentazione americana su questi gruppi: limiti severi sulla pubblicità digitale, una moderazione più diligente dei contenuti per eliminare ciò che l'UE considera come dei contenuti «illegali», dei protocolli per eliminare la «disinformazione» e di altri ancora.

Se si considerano a quel punto le grandi imprese numeriche sono obbligate a censurare gli utenti per appagare i regolatori degli Stati Uniti, la situazione non sarà quella di impero all'estero. Se i principali obiettivi del DSA sono ben intenzionati – preservare la vita privata dei consumatori e proteggere i minerali – il modo in cui queste disposizioni non sono applicate o interpretate deve occupare tutti coloro che ci circondano in un web aperto.

All'inizio, la disinformazione e i contenuti illégaux sont soumis à la responsabilité des plateformes.

Aux Etats-Unis, la sezione 230 del Communications Act del 1934 esenta le piattaforme di toute responsabilità rispetto ai messaggi pubblicati dagli utenti. In Europa, tutte le grandi piattaforme online sono obbligate a controllare istantaneamente i loro utilizzatori o a esporsi a sanzioni severe, tutte in fase di confronto con questioni impossibili a risposta. Le piattaforme decidono cosa è la disinformazione o i governi forniscono esempi? Que se passera-t-il si un gouvernement se trompe, comme dans les premiers jours du Covid? O si tratta di intenzioni più malefiche, come nelle società di sorveglianza non libere?

« Regolamentazione di bordo, innovazione del bagno »

In assenza di una protezione della libertà di espressione paragonabile al primo emendamento americano sul continente europeo, sappiamo che le richieste di censura dei lavoratori europei inghiottiscono i budget di intere imprese tecnologiche per conformarsi, de l'argent qui serait autrement utilisé pour apporter de la value aux utilisateurs. Cela en vaudra-t-il la peine? La nuova piattaforma dei media sociali di Meta, Threads, non è stata lanciata in Europa, molto probabilmente perché l'impresa non ha la certezza che non sarà frappée da una regolamentazione rigorosa che non lo è non misurare l'applicazione.

Sappiamo che ogni piattaforma ha la capacità di moderare o censurare come l'intendente, ma questo è fatto in generale a causa dei pregiudizi politici e dei codici interni che gli utenti accettano volontariamente e non in reazione a una polizia che tiene la questione regolamentare. Pur di concentrarsi sulle restrizioni e limitazioni delle imprese tecnologiche americane, gli europei devono fare tutto il possibile per cambiare le proprie regole al fine di favorire l'innovazione che la Silicon Valley è stata in misura di fornitura nel corso dei decenni.

L'état d'esprit promulgué par Bruxelles est « réglementer d'abord, innover ensuite », dans l'espoir que le talent et les idées naîtront d'un environnement stable et réglementé. Se tel était le cas, nous aurions des dizaines de licornes technologiques europei si contendono il dominio mondiale. Au lieu de cela, il n'y en a pratiquement aucune. Ovunque siano state raccolte da un'impresa americana.

L'Europa ha scelto di non dover provare il mercato mondiale per i prodotti e i servizi innovativi, preferendo il terreno di gioco ultimo delle restrizioni burocratiche e giuridiche. Poiché alcuni politici e regolatori americani possono considerare la situazione di un olio soddisfatto, è chiaro che i consumatori e i creatori non vengono lasciati a confronto del Vecchio Continente, e che gli utenti americani non si troveranno bene nel collimatore.

Originariamente pubblicato qui

Dividere Amazon, Prime e AWS? Se la FTC di Biden scioglie l'azienda di Bezos, i consumatori perdono.

FTC e Lina Khan pensano che i consumatori debbano prenderne uno per il team quando si tratta di sacrificare i propri risparmi, sia in termini di tempo che di denaro, che Amazon crea.

Lina Khan non è stanca di perdere. Fresca della sua ultima sconfitta in tribunale all'inseguimento dell'applicazione dell'antitrust contro Microsoft, del presidente Joe Biden Secondo quanto riferito, il presidente della Federal Trade Commission pronta a lanciare la battaglia della sua carriera per smantellare Amazon.

Da quando Khan ha iniziato a lavorare nel 2021, la FTC ha messo Amazon in costante difesa, ma è stato tutto un preludio al suo obiettivo di costringere l'azienda a dividersi. 

Per i consumatori, le entità di Amazon, Amazon Prime e Amazon Web Services sono onnipresenti e sinonimi. L'attività complessiva comprende vendita al dettaglio online, negozi fisici, servizi di abbonamento, servizi pubblicitari, cloud computing, logistica e servizi di vendita di terze parti. Ogni componente supporta e serve gli altri, con conseguente incredibile efficienza, costi operativi inferiori e, a sua volta, forti riduzioni di prezzo per i consumatori. 

Non c'è da meravigliarsi Amazon gode di un'approvazione e di una fiducia pubbliche quasi pari a quella di Amazonl'esercito americano, 72% favorevole secondo un sondaggio Harvard-Harris del 2021. Questa è una statistica scioccante data la tendenza più ampia di sfiducia istituzionale in questa era. 

La FTC di Biden pensa che i consumatori debbano prenderne uno per il team quando si tratta di sacrificare i propri risparmi, sia in termini di tempo che di denaro, che Amazon crea.

La visione di Khan di ciò che costituisce un monopolio non è ciò che la maggior parte delle persone, o la legge, riconosce. Suo quadro antitrust, denunciato dall'ex senatore Orrin Hatch, R-Utah, come "antitrust hipster”, considera i prezzi predatori, le truffe dei consumatori e la mancanza di concorrenza come un modo antiquato di pensare all'antitrust.

È tutto ben riassunto in a Profilo del 2018 nell'Atlantico, dove Lina Khan osserva con disprezzo i prezzi più bassi dell'avocado in un Whole Foods di proprietà di Amazon. I consumatori e le loro preferenze rivelate sono il problema che la FTC cerca davvero di risolvere nel suo prossimo attacco ad Amazon. 

Amazon è diventata parte del panorama americano

Per la maggior parte degli americani, Amazon non è più solo un'azienda; fa parte dello scenario in cui risiedono. I furgoni di Amazon sono in ogni quartiere e una scatola decorata con il logo Prime potrebbe essere a portata di mano da un momento all'altro. Questo è quello che succede quando hai 200 milioni di consumatori in tutto il mondo si sono iscritti a un servizio che semplifica loro la vita. 

Forse sei qualcuno che risente del mondo che ho descritto; forse vedi l'onnipresenza di Amazon come distopica. Hai diritto a questa opinione, ma combattere in questi termini non è ciò per cui è stata creata la FTC.

La FTC di oggi è impegnata in una guerra contro “la maledizione della grandezza”, un sentimento espresso dal giudice della Corte Suprema Louis Brandeis nel 1934, ed è vero che gli affari di Amazon sono molto grandi.

Anche se non sei un cliente fedele di Amazon, però, conosciamo tutti qualcuno che ha trovato lavoro con l'azienda, è passato a una TV migliore a un prezzo migliore durante il Prime Day o ha utilizzato i servizi Web di Amazon che alimentano milioni di siti Web per le aziende in tutto il mondo. 

Gli avvocati di Khan presso la FTC affermano che Amazon "costringe" i commercianti a utilizzare i suoi servizi di distribuzione e richiede loro di abbassare i prezzi per beneficiare di un posto ambito all'interno del mercato Amazon. Dovranno dimostrarlo e dimostrare che i commercianti non hanno altra strada con cui fare affari se non per i termini di Amazon. 

Alcune delle pratiche di Amazon possono sembrare pesanti o preferenziali per le autorità di regolamentazione, ma non costituiscono nulla di lontanamente vicino al danno per i consumatori, la rubrica con cui la dottrina antitrust è stata seguita per un secolo. Non ci sono cartelli, baroni rapinatori e accordi segreti che aumentano i prezzi per i consumatori. Semmai, il sistema di incentivi di Amazon per i venditori sulla sua piattaforma sembra appositamente progettato per soddisfare il fondatore Jeff Bezos autodescritto “ossessione” per i consumatori. 

Siamo tutti i vincitori qui. Perché Khan e la FTC non possono lasciar perdere? 

La Federal Trade Commission dovrebbe concentrarsi sui veri problemi di Amazon, non sulla sua popolarità tra i consumatori

Diamo credito alla sua agenzia, tuttavia, poiché ci sono questioni rilevanti e preoccupanti che la FTC ha affrontato nei casi dove Amazon ha avuto torto.

False recensioni inquinare la piattaforma di commercio online e indurre i consumatori ad acquistare cose che altrimenti non comprerebbero. La FTC sta intraprendendo azioni utili lì.

Ring, il campanello di sicurezza domestica di Amazon, ha forniti dipartimenti di poliziacon innumerevoli ore di filmati di sorveglianza del quartiere, sollevando importanti problemi di privacy per i consumatori e i vicini inconsapevoli. 

Ma piuttosto che concentrarsi esclusivamente sul modo in cui i consumatori sono danneggiati da specifiche cattive pratiche, la FTC sta oltrepassando il suo mandato. Fa parte di un caso più ampio contro Amazon, con l'obiettivo di smantellare l'azienda e i suoi servizi che piacciono a molti di noi. 

Questo perché per Khan la FTC esiste per combattere "la maledizione della grandezza" e solo a volte si sovrappone all'interesse dei consumatori, come nel caso di lei offerta fallita per bloccare Microsoft da acquisizione di Activision-Blizzard. 

I consumatori americani meritano un'economia libera con una forte concorrenza, scelte abbondanti e servizi che aggiungano valore alle loro vite.

Se Khan e i suoi colleghi commissari fossero consapevoli, piuttosto che sdegnosi, delle scelte che i consumatori fanno volentieri, si concentrerebbero sui cattivi attori invece che su un marchio così affidabile che fa bene ai suoi clienti. 

Originariamente pubblicato qui

Il crash del videogioco del 1983 e una lezione di storia per Lina KhanCoke non ti farà venire il cancro

Il presidente più giovane nella storia della FTC dovrebbe familiarizzare con il modo in cui l'industria dei videogiochi è sopravvissuta e prosperata sin dal suo inizio invece di bloccare le fusioni a vantaggio dei consumatori.

L'industria dei videogiochi sta ricevendo molta attenzione ultimamente grazie a entrambe le tecnologie entusiasmanti avanzamenti e interferenze senza precedenti da parte della Federal Trade Commission (FTC). Il settore ha registrato una crescita sostanziale negli ultimi anni, motivo per cui l'antitrust preoccupazioni sono stati sollevati dal presidente della Federal Trade Commission (FTC), Lina Khan. Spesso può sembrare storia antica, ma il futuro dei videogiochi non è sempre stato così roseo negli Stati Uniti. Infatti, all'inizio degli anni '80 il business era quasi finito.

Il crollo del videogioco del 1983, come è noto oggi agli addetti ai lavori del settore, ha lasciato il mercato dei videogiochi senza una chiara via di ripresa. Uno dei principali colpevoli della caduta del settore sono stati gli editori di terze parti, che stavano inondando il mercato con prodotti scadenti. Fino a quel momento, Activision era uno dei principali fornitori di videogiochi e, con l'interesse per i giochi in rapida crescita, altre aziende opportuniste cercarono di entrare in azione offrendo ai consumatori giochi a prezzi inferiori e di qualità inferiore.

I genitori raccoglierebbero una manciata di questi giochi fuori marchio al prezzo di un videogioco Activision, supponendo che i loro figli sarebbero entusiasti. Imparano rapidamente che non era così.

Le recensioni degli utenti non esistevano in quel momento e poiché i genitori non stavano consultando altri bambini per un feedback sui giochi venduti, era difficile capire cosa valesse la pena acquistare.

La fiducia nel mercato dei giochi è diminuita e i consumatori sempre più avversi al rischio erano riluttanti ad acquistare i giochi di fascia alta per paura di essere ingannati di nuovo.

Non è stato fino a Nintendo rilasciato il Nintendo Entertainment System nel 1985 quell'interesse per i giochi è rimbalzato. Super Mario Bros, insieme ad altri giochi avvincenti come Tetris, Atari's Gauntlet e Sega's OutRun, ha ripristinato l'interesse e la fiducia nei prodotti di gioco. Da allora, il settore è cresciuto a un ritmo impressionante.

L'accesso e le opzioni per i giocatori sono notevolmente migliorati grazie alla tecnologiainnovazioni nei giochi per dispositivi mobili, così come l'aumento del coinvolgimento durantei blocchi del COVID-19. I consumatori erano particolarmente desiderosi di nuovi sistemi di intrattenimento domestico e il multiplayer, così come i giochi online, hanno permesso loro di connettersi e creare reti di affinità come mai prima d'ora. E sebbene la pandemia sia stata un incubo per milioni di americani, il gioco lo è stato accreditato come "una forza positiva nel campo della salute mentale".

Oggi il gioco è un grande business, su traccia valere $321 miliardi entro il 2026, motivo per cui Lina Khan e la FTC hanno gli occhi puntati sul settore. Dalla sua nomina a presidente della FTC da parte del presidente Joe Biden, Khan l'ha chiarita visione negativa della crescita aziendale, il che è un peccato, dato che le società di giochi statunitensi devono ancora mettersi al passo con artisti del calibro dei giapponesi Sony Interactive Entertainment Studios.

La lunga marcia del colosso giapponese verso il dominio del mercatosolidificato nel 2020, quando Sony ha rilasciato la Playstation 5 (PS5), che velocementediventato il globale preferito per le console di gioco di nuova generazione.

In risposta, Microsoft con sede negli Stati Uniti Xbox Games Studios è andato in difesa,annunciando il suo piano per l'acquisto di Activision-Blizzard nel gennaio 2022. La fusione ha portato Guitar Hero, World of Warcraft, Call of Duty, Diablo e Candy Crush Saga sotto lo stesso tetto. L'interesse di Microsoft, quindi, non sorprende, ma questa transazione commerciale reciprocamente vantaggiosa tra Microsoft e Activision-Blizzard è stata sufficiente per attirare l'attenzione e la forza legale della FTC di Lina Khan.

Invece di consentire a Microsoft di migliorare la sua posizione competitiva nei confronti di Sony, la FTC ha cercato di bloccare la fusione. La battaglia legale si è rivelata un enorme spreco di tempo e risorse a spese dei contribuenti. Ciò che lascia particolarmente perplessi è il fatto che lo fossero già altre giurisdizioni in tutto il mondo dare il via libera all'affare, eppure il nostro stesso governo si è opposto all'avanzamento di un'azienda americana contro un'entità straniera con quota di mercato del 70%..

Fortunatamente per Microsoft, le affermazioni di Khan contro la fusione hanno avuto poco peso in tribunale. Sfortunatamente per Khan, il suo deposito fallito ha portato molti a farlo chiamare in causa la sua conoscenza del diritto commerciale e antitrust. Ad esempio, la FTC ha affermato che la fusione potrebbe portare Microsoft a limitare i giochi Activision-Blizzard solo alle console Xbox, un'affermazione poco convincente data la posizione di Microsoft impegno per mantenere lo status quo della distribuzione con Sony.

L'ipocrisia era chiara ai giocatori che guardavano il caso svolgersi in tribunale, che sono tutti consapevoli del fatto che il popolare titolo di Sony, L'ultimo di noi, è disponibile solo su console PlayStation. E chi può dire che c'è qualcosa di sbagliato nell'esclusività in primo luogo?

Il ruolo della FTC è garantire il benessere dei consumatori sul mercato, e in questo momento sembra che Khan stia deliberatamente oltrepassando la sua autorità. Non è chiaro chi esattamente lei pensi che la FTC stia proteggendo nel rallentare Microsoft. L'interferenza della FTC sta ritardando le opportunità per giocatori e sviluppatori in un momento in cui la creatività per i contenuti di gioco sta davvero decollando. Sebbene i blocchi del 2020 abbiano accresciuto l'interesse per gli utenti di giochi, la possibilità per gli sviluppatori di collaborare e curare nuovi giochi è stata ostacolato dal lavoro a distanza e da altre difficoltà causate dalla pandemia.

Se abbiamo imparato qualche lezione dal Video Game Crash del 1983, dovrebbe essere che i miglioramenti nell'accesso e nella qualità dei giochi dovrebbero essere incoraggiati, non deragliati. I giocatori di oggi hanno grandi aspettative per esperienze nuove e innovative e l'interferenza della FTC ostacola solo lo sviluppo e la distribuzione dei contenuti.

Sebbene il grande crollo del gioco sia avvenuto poco prima della nascita di Lina Khan, il presidente più giovane della sua storia della FTC dovrebbe familiarizzare con il modo in cui questo settore è sopravvissuto e prosperato sin dal suo inizio. I giocatori chiamano i colpi e, come altri consumatori, sono la più potente fonte di responsabilità per un settore supportato dai loro sudati dollari.

La FTC è uscita molto al di fuori della sua corsia a spese dei contribuenti e si può solo sperare che sia stata appresa una lezione.

Originariamente pubblicato qui

Ke arah kebolehcapaian kenderaan elektrik oleh pengguna

Agensi Tenaga Antarabangsa meramalkan menjelang akhir 2023 sebanyak 14 juta kenderaan elektrik akan dijual di pasaran global.

Sementara itu pada suku pertama tahun ini saja, terdapat peningkatan hampir 25 peratus (2.3 juta) kenderaan elektrik yang dijual berbanding tempoh sama tahun lalu.

Salah satu sebab utama permintaan untuk kenderaan elektrik berkembang pesat ialah kerana potensinya untuk mengurangkan pelepasan gas rumah hijau e menjadi lebih mesra alam.

Selain itu, potensi kos operasi yang lebih rendah berbanding kenderaan enjin pembakaran dalaman juga mendoron peningkatan permintaan, terutamanya kos elektrik yang lebih rendah berbanding benzina e diesel e kurangnya kos penyelenggaraan bahagian dalaman kereta.

Malaysia tidak terkecuali daripada gelombang global peralihan kenderaan elektrik. Gelombang ini memaksa Malaysia untuk lebih bersedia dalam menyediakan dasar e infrastruktur yang mampu menarik minat industri untuk melabur e membuka peluang pekerjaan serta meluaskan lagi pilihan kepada pengguna.

Oleh sebab itu, kerajaan mewujudkan Jawatankuasa Pemandu EV Kebangsaan (NEVSC) yang melibatkan pelbagai kementerian dengan tujuan menggubal dasar e menyelesaikan isu berrangkit dalam pelaksanaan ekosistem kenderaan elektrik della Malesia.

Tbaru kerajaan menyasarkan untuk mencapai 15 peratus kenderaan elektrik di jalan raya pada 2030 e 38 peratus menjelang 2040.

Non importa quanto sasaran yang sukar untuk dicapai, tetapi dasar dan peraturan kerajaan akan memainkan peranan penting dalam menggalakkan penggunaan kenderaan elektrik della Malesia bagi jangka masa panjang.

Dalam Belanjawan 2023, Kerajaan mengambil pendirian bagi melanjutkan pengecualian duti import dan duti eksais sepenuhnya ke atas kenderaan elektrik import penuh (CBU) sehingga 31 Dis 2025.

Tutti i tipi di elektrik pemasangan tempatan, pengecualian penuh duti import ke atas komponen dan duti eksais serta cukai jualan telah dilanjutkan sehingga 31 Dis 2027.

Namun, dalam kes ini, sepatutnya tiada teknologi khusus yang perlu ditetapkan oleh kerajaan tetapi harus dipilih oleh pengguna. Teknologi neutral mesti digunakan untuk memastikan tiada teknologi atau pihak yang mendapat sebarang kelebihan berbanding pihak lain.

Ini penting untuk menjamin pengguna membuat pilihan secara bebas tanpa dikawal atau dipaksa oleh dasar berat sebelah.

Sementara itu, bagi pengeluar peralatan mengecas kenderaan elektrik mereka akan menikmati insentif 100 peratus pengecualian cukai dari tahun taksiran 2023 hingga 2032, e 100 peratus elaun cukai pelaburan untuk tempoh lima tahun.

Satu lagi dasar yang baik, cukai jalan untuk kenderaan elektrik adalah percuma sehingga 2025. Kementerian Pengangkutan sedang membangunkan struktur cukai jalan yang kurang daripada kenderaan pembakaran dalaman.

Pengguna juga boleh menikmati pelepasan cukai pendapatan individu sehingga RM2,500 ke atas perbelanjaan berkaitan pengecasan peralatan.

Walaupun dasar kerajaan sekarang agak terbuka, masih terdapat banyak cabaran kepada pengguna untuk memiliki kenderaan elektrik. Ia melibatkan pemilikan yang masih mahal yang membolehkan hanya kumpulan tertentu sahaja memilikinya.

Walaupun teknologi bateri bertambah baik, ia masih mempunyai jarak pemanduan yang terhad berbanding kenderaan pembakaran dalaman.

Inizia a giocare a infrastruktur pengecasan yang terhad dan masa pengecasan yang lebih lama berbanding kenderaan tradisional membuatkan pengguna masih teragak-agak untuk beralih kepada kenderaan elektrik.

Kos bateri yang tinggi, hayat bateri dan kesan alam sekitar daripada pengeluaran e dan pelupusan bateri yang melibatkan pelepasan karbon dioksida menjadikan pemilikan besar-besaran mencabar.

Sebagai contoh, dasar Tesla adalah untuk memastikan setiap bateri yang mencapai penghujung hayatnya boleh dikitar semula e digunakan semula berulang kali.

Perlu ada garis panduan untuk pengurusan bateri agli ioni di litio yang hanya boleh dikendalikan oleh berkelayakan professionale yang memenuhi piawaian infrastruktur tertentu.

Malesia sedang dalam fasa peralihan ke arah penggunaan kenderaan elektrik yang akan mengambil jangka masa panjang. Peranan kerajaan adalah untuk memastikan dasar yang diperkenal e dilaksanakan mampu terus menggalakkan industri berinovasi e bekerjasama agar cabaran tersebut dapat diselesaikan.

Kerajaan juga perlu sedar, dasar melindungi industri automotif tempatan dengan alasan patriotik hanya akan membebankan pengguna pengguna apabila terpaksa membayar dua kali ganda semata-mata untuk mendapatkan kenderaan yang lebih berkualiti.

Keterbukaan teknologi adalah prasyarat penjimatan kos untuk sektor pengangkutan yang mampan.

Originariamente pubblicato qui

FTC perde la causa per bloccare l'affare Microsoft Activision $69B

La Federal Trade Commission statunitense non può fermarsi Microsoft ha proposto $69 miliardi di acquisto di Activision Blizzard, un giudice della California si è pronunciato martedì.

L'accordo, originariamente annunciato 17 mesi fa, può ora andare avanti entro la scadenza del 18 luglio. 

Nella sua sentenza, il giudice Jacqueline Scott Corley ha dichiarato: "L'acquisizione di Activision da parte di Microsoft è stata descritta come la più grande nella storia della tecnologia" e "merita un attento esame".

Microsoft si è impegnata per iscritto, in pubblico e in tribunale a mantenere Call of Duty su PlayStation per 10 anni alla pari con Xbox", ha continuato. “Ha fatto un accordo con Nintendo per portare Call of Duty su Switch. E ha stipulato diversi accordi per la prima volta per portare i contenuti di Activision su diversi servizi di cloud gaming".

"La Corte ritiene che la FTC non abbia dimostrato una probabilità che prevarrà sulla sua affermazione che questa particolare fusione verticale in questo specifico settore potrebbe ridurre sostanzialmente la concorrenza, e" la mozione per un'ingiunzione preliminare è quindi respinta ", ha aggiunto Corley.

L'acquisto di Activision darà a Microsoft la proprietà di famosi titoli di videogiochi come Call of Duty, World of Warcraft e Candy Crush.

La FTC voleva bloccare l'accordo perché l'autorità di regolamentazione del commercio riteneva che l'incorporazione di Activision in Microsoft avrebbe danneggiato la concorrenza nel settore dei videogiochi.

In un'intervista con FOX Business, Stephen Kent del Consumer Choice Center, ha dichiarato: "Il giudice Corley ha mostrato un profondo rispetto per l'interesse dei consumatori, in particolare i giocatori che saranno maggiormente influenzati dall'acquisizione di Activision-Blizzard da parte di Microsoft. 

"La FTC di Biden sotto Lina Khan non ha mostrato alcun interesse per la protezione dei consumatori, come illustrato durante le udienze e sottolineato nell'ultimo giorno dalla stessa giudice Corley", ha affermato. “Presidente Biden dovrebbe prendere atto di quanto sia stata povera la presidente della FTC Lina Khan nel suo lavoro e di quanto si sia allontanata dalla missione della protezione dei consumatori.

Leggi il testo completo qui

Il giudice sferra un altro colpo contro l'attivista FTC di Biden con la sentenza sulla fusione tra Microsoft e Activision

Un giudice federale in California ha sferrato un altro colpo contro Lina Khan, capo attivista della Federal Trade Commission del presidente Biden, negando una richiesta del governo di bloccare l'acquisizione in attesa da parte di Microsoft del gigante dei giochi Activision Blizzard.

Il giudice Jacqueline Scott Corley del distretto settentrionale della California ha dichiarato martedì che la FTC non è riuscita a dimostrare in modo convincente che l'accordo da $70 miliardi tra i due giganti della tecnologia danneggerebbe la scelta dei consumatori nel mercato dei videogiochi. Ha negato la richiesta dell'agenzia di un'ingiunzione preliminare che blocca l'operazione fino a quando non potrebbe impugnare la fusione in un tribunale interno.

"La FTC non ha sollevato seri interrogativi sulla possibilità che la fusione proposta riduca sostanzialmente la concorrenza nei mercati delle console, dei servizi di abbonamento alle biblioteche o dei giochi cloud", ha scritto il giudice Corley.

I sostenitori dei consumatori hanno elogiato la sentenza come l'ennesima rimprovero per la signora Khan, uno dei leader FTC più attivisti della memoria recente. Incaricata di Biden, la signora Khan ha condotto una crociata contro quelle che ha definito tattiche "sfruttatrici", "collusive" e "abusive" nel settore tecnologico, usando la supervisione antitrust della FTC come randellata principale. Un altro giudice ha bloccato il tentativo della FTC all'inizio di quest'anno di impedire a Meta di rilevare una società di fitness in realtà virtuale, Within Unlimited.

"La FTC ha deciso, a quanto pare, di proteggere gli interessi commerciali della PlayStation di Sony, ignorando completamente il loro dovere di regolamentare nell'interesse dei consumatori americani", ha dichiarato il direttore dei media per il Consumer Choice Center, Stephen Kent. "Il presidente Biden dovrebbe prendere atto di quanto sia stata povera la presidente della FTC Lina Khan nel suo lavoro e di quanto si sia allontanata dalla missione della protezione dei consumatori".

Leggi il testo completo qui

Il valore dei social media per l'Ungheria

Come ex membro del parlamento ungherese, so in prima persona come il regime di Orbán abbia utilizzato come arma i media del paese per servire lo scopo della propaganda governativa e delle sue campagne di rielezione. Molti europei hanno visto i grossolani cartelloni pubblicitari che attaccano le istituzioni europee e demonizzano i rifugiati.

Tuttavia, l’influenza mediatica di Orbán va ben oltre i cartelloni pubblicitari che l’ungherese medio può ignorare: la maggior parte delle nostre principali testate giornalistiche fungono da portavoce del governo, diffamando l’opposizione o chiunque contraddica i punti di discussione approvati dal governo.

Io stesso ho ricevuto questo trattamento quando mi sono candidato per la rielezione, quando ho dovuto sperimentare due casi estremi: essere stato ignorato dagli organi di stampa locali durante il mio mandato come se non esistessi o, con l'avvicinarsi delle elezioni, una diffamazione su vasta scala. campagna lanciata contro di me senza alcuna base fattuale.

In Ungheria rimangono solo pochi media indipendenti. Di conseguenza, gli ungheresi che desiderano dire la verità al potere si sono rivolti ai siti di social media.

In nessun altro posto potresti immaginare di inviare messaggi e taggare direttamente funzionari eletti, organizzare proteste e condividere esperienze che portano alla luce la corruzione quotidiana in Ungheria?

Il regime di Orbán utilizza i social media a proprio vantaggio attraverso una rete di influencer pagati che fanno eco alla narrativa di Fidesz.

Leggi il testo completo qui

Descrizione
it_ITIT