fbpx

Mese: Giugno2022

La repressione Juul della FDA è l'ultimo colpo nella guerra irrazionale alla nicotina

La scorsa settimana, la Food and Drug Administration ha emesso una decisione conseguente che interessa milioni di consumatori: a ordine di rifiuto di marketing per Juul Labs, produttore del popolare dispositivo di svapo Juul basato su pod.

È meglio riassunto come un divieto immediato dei prodotti Juul.

Ciò costringe le stazioni di servizio, i minimarket, i negozi di vaporizzatori e altri stabilimenti che immagazzinano questi dispositivi e i loro baccelli aromatizzati a smettere immediatamente di venderli ai clienti che li desiderano.

Ora, le azioni della FDA sono state temporaneamente sospeso dalla DC Appeals Court, concedendo alla società ulteriore tempo per argomentare la propria causa dinanzi al sistema giudiziario.

Mentre l'ordine giudiziario è un fugace sospiro di sollievo per gli utenti di questi prodotti, segna solo l'ultima causalità nella guerra irrazionale dell'establishment della sanità pubblica contro la nicotina ei prodotti a base di nicotina. E un segno che ancora più smentite continueranno a ridurre l'accesso dei consumatori alle alternative alla nicotina, prodotti noti per essere molto meno dannoso che fumare.

Il processo contorto e bizantino fallito da Juul è noto come Premarket Tobacco Product Application, an Test di autorizzazione richiesto dalla FDA per qualsiasi azienda che desideri vendere un nuovo prodotto del tabacco (tutti i prodotti precedenti al 2007 sono acquisiti). Come si potrebbe immaginare, gli standard per questo test sono opachi, poco chiari e del tutto arbitrari.

Solo una manciata di prodotti da svapo è stata in grado di superare il mandato della FDA di "migliorare la salute pubblica" dal 2015, e solo uno non prodotto da un'azienda produttrice di tabacco. Al momento della stesura, ci sono decine di migliaia di dispositivi di svapo, liquidi e componenti che attendono ancora il loro destino dalla FDA.

Quest'ultimo punto è importante perché la FDA - e le leggi approvate dal Congresso - ora riconoscere i prodotti da svapo, anche quelli contenenti nicotina sintetica piuttosto che derivata dal tabacco, come il tabacco, che giustificava questo faticoso processo.

Ciò che ci mostra il labirinto burocratico imposto a ogni azienda di svapo mamma-e-pop e compagnia di tabacco è che la FDA ha un pregiudizio persistente contro l'uso da parte dei consumatori dello svapo di nicotina e la nicotina più in generale.

Sul proprio sito web, la FDA elenca i prodotti che ha approvato per smettere di fumare, principalmente farmaci come Chantix e Zyban, o cerotti alla nicotina o gomme da masticare di Nicorette, distribuiti negli Stati Uniti dal colosso farmaceutico GlaxoSmithKline.

Il governo del Regno Unito, invece, riconosce i vantaggi dei dispositivi di svapo e li raccomanda attivamente, citando la cifra di 1,2 milioni di vapers britannici che ora hanno smesso di fumare.

Il Regno Unito cita la ricerca scientifica disponibile a livello internazionale e l'approvazione da parte degli organismi sanitari come un altro motivo per cui i fumatori dovrebbero prendere in considerazione l'idea di mettere da parte le sigarette per uno svapo. La FDA non ha accesso a questi dati? O fa parte di una tendenza più ampia?

Nello stesso mese la FDA ha emesso questa decisione, sta cercando commenti pubblici in merito divieti proposti su sigari aromatizzati e sigarette al mentolo e volontà presto introdurre una regola che limita i livelli di nicotina consentiti nelle sigarette. Come queste regole influenzeranno il rapporto tra le forze dell'ordine e le comunità minoritarie - che usano più spesso i prodotti al mentolo - deve ancora essere chiarito, e nemmeno il rischio di un aumento dei mercati illeciti, già nel caso del Massachusetts e del Canada, che hanno i loro prodotti al mentolo divieti.

Pensare che quando gli stati stanno cercando di legalizzare la cannabis per porre fine alla guerra alla droga, è sconcertante che allo stesso tempo stiamo iniziando una nuova guerra alla droga contro la nicotina.

In tutto questo, il presupposto principale, come afferma chiaramente il sito web della FDA, è che le persone che cercano di smettere abbiano già le risposte, e quelle risposte sono prodotti farmaceutici o programmi di astinenza dalla nicotina che hanno ricevuto il timbro di approvazione del governo.

I milioni di americani che hanno smesso di fumare attraverso i dispositivi di svapo acquistati nelle stazioni di servizio o nei negozi di vaporizzatori stanno correndo un rischio che la FDA ritiene troppo pericoloso, o come notano molti attivisti per la salute "più pericoloso"che fumare.

Tali affermazioni si oppongono a litania di studi scientifici e documenti che dimostrano che lo svapo è un'alternativa meno dannosa all'uso del tabacco.

Perché allora, noti gruppi anti-tabacco come la Campaign for Tobacco-Free Kids, la Lung Association e altri sarebbero così focalizzato sul divieto di prodotti vaping?

Gli sforzi nazionali contro lo svapo rappresentano uno sforzo organizzato da parte di attivisti e gruppi per il controllo del tabacco, spesso collegati al finanziamento del miliardario ex sindaco di New York City Michael Bloomberg - per cercare di eliminare lo svapo come alternativa alla nicotina sicura e accessibile alle sigarette combustibili.

Lo sappiamo da diversi paesi in cui questi gruppi hanno contribuito a spingere i divieti di svapo, come Messico e Filippine, ma anche da $160 di Bloomberg concessione di milioni alle organizzazioni statunitensi per fare una campagna contro lo svapo giovanile.

L'allontanamento dal tabacco per concentrarsi sullo svapo, in particolare la "crisi dello svapo giovanile", riguarda tanto i soldi quanto i numeri.

Secondo il CDC, l'attuale tasso di fumatori negli Stati Uniti è Appena 12.5%, in calo rispetto a oltre 20% non più di un decennio fa. Le alternative alla nicotina come dispositivi di svapo, snus e sacchetti hanno svolto un ruolo importante in questo, così come tabù culturali più ampi sul fumo.

E mentre la giustificazione per limitare i dispositivi di vaporizzazione è a causa dell'uso da parte dei giovani, i CDC propri dati mostra che meno di 0,6% di liceali hanno utilizzato un dispositivo Juul più di una volta al mese, un calo considerevole in soli due anni. Quella tendenza al ribasso è coerente tra tutti i prodotti di svapo.

La confusione deriva dal modo in cui il i dati sono tabulati, che mostra la ripartizione percentuale dei liceali che svapano e dei prodotti che usano, spesso guidando politici e attivisti con l'impressione che i giovani molto più numerosi provino a svapare rispetto a loro. E questo non include coloro che svapano prodotti a base di cannabis, che in precedenti sondaggi ha mostrato numeri più alti rispetto allo svapo di nicotina.

Indipendentemente da questi fatti, lo svapo è nel mirino.

Nonostante i milioni spesi, non c'è alcuna ammissione che gli adulti responsabili utilizzino questi prodotti in numero molto maggiore e, di conseguenza, abbiano risultati positivi per la salute.

Quest'ultimo punto è stato, fortunatamente, ripreso da a selezionare il gruppo di ricercatori sul tabacco che comprendono il continuum del rischio e lodano il potenziale dello svapo per indurre i fumatori a smettere, tra cui Cliff Douglas, direttore della Rete di ricerca sul tabacco dell'Università del Michigan ed ex vicepresidente per il controllo del tabacco presso l'American Cancer Society.

Se si trattasse di una conversazione e di un processo normativo razionali e basati sulla scienza, quegli esiti positivi sulla salute sarebbero un gioco da ragazzi. Sfortunatamente, come abbiamo visto con la guerra globale contro i prodotti da svapo, questa è più una battaglia ideologica che una missione di pura salute.

La FDA è stata fin troppo disposta a giocare a questo gioco nel tribunale della politica, e dovrebbe essere condannata per averlo fatto.

Yaël Ossowski è uno scrittore canadese-americano e vicedirettore del Consumer Choice Center.

er Zürcher HB ist der beste Bahnhof Europas

Ein Verbraucherverband hat Europas Bahnhöfe auf deren Passagierfreundlichkeit untersucht. Der Hauptbahnhof Zürich führt die Liste an.

Der US-amerikanische Verbraucherverband Consumer Choice Center nahm für seinen jährlichen «European Railway Station Index» die 50 grössten Bahnhöfe Europas unter die Lupe . Im neu veröffentlichten Schlussbericht hat sich der Hauptbahnhof Zürich mit 93 von 108 möglichen Punkten den Spitzenplatz geschnappt – knapp vor den Hauptbahnhöfen a Francoforte, Monaco o Berlino.

Bewertet wurde unter anderem, wie zugänglich der Bahnhof für Reisende im Rollstuhl, für Geh- oder Sehbehinderte ist, ob free Wifi angeboten wird und wie gross das Essens- und Shoppingangebot vor Ort ist. Der Bahnhof Bern, der als einziger weiterer Schweizer Bahnhof für die Liste evaluiert wurde, liegt mit 67,2 Punkten auf Platz 27. 

Leggi il testo completo qui

La verità sull'agricoltura biologica

Fare acquisti in negozi di alimentari di lusso ti rende un consumatore migliore? Difficilmente. Infatti, contrariamente a quanto si possa già credere, il cibo biologico non solo è meno efficiente e quindi più costoso. È anche peggio per l'ambiente.

Uno studio dell'Università di Melbourne in Australia Spettacoli che l'agricoltura biologica produce dal 43% al 72% in meno rispetto ai metodi convenzionali e che per ottenere la stessa produzione è necessario il 130% in più di terreno agricolo. Per quelli scettici sui risultati di un solo studio, puoi trovarne altri quiquiqui o qui. L'ultimo studio sottolinea il punto che "se tutta la produzione di grano degli Stati Uniti fosse coltivata in modo biologico, sarebbero necessari altri (30,6 milioni di acri) per raggiungere i livelli di produzione del 2014".

Il cibo biologico ha bisogno di più risorse rispetto all'agricoltura convenzionale. Gli effetti sulla biodiversità sono gravi: insetti e impollinatori possono accedere a un minor numero di riserve naturali con l'agricoltura biologica. Inoltre, in uno scenario di adozione del 100% dell'agricoltura biologica, le emissioni di anidride carbonica aumenterebbero fino a un enorme 70%, secondo i ricercatori nel Regno Unito aver mostrato.

Allora perché alcune persone negli Stati Uniti continuano a comprare cibo biologico a volte il doppio del prezzo del cibo convenzionale? Uno a portata di mano, è performativo. Fare acquisti in negozi di alimenti biologici di grandi dimensioni è popolare e presumibilmente il genere di cose che dovresti fare una volta che hai uno stipendio confortevole in una grande città. D'altra parte, alcuni consumatori sono fuorviati sui presunti benefici dell'agricoltura biologica. Si pensa che il cibo biologico sia più sano (non lo è) e che non usi pesticidi (lo fa).

L'agricoltura biologica è diventata un punto di discussione, più di un semplice effetto placebo benefico per gli abitanti delle città di classe superiore. È anche politico. "I democratici investiranno in ricerca e sviluppo per sostenere metodi agricoli resistenti al clima, sostenibili, a basse emissioni di carbonio e biologici", afferma la piattaforma del Partito Democratico 2020. Eppure i Democratici stanno facendo molto di più che semplici sovvenzioni: gli ambientalisti stanno minando il catalogo dei pesticidi a disposizione degli agricoltori sostenendo che sono pericolosi. In effetti, dipingere pesticidi che sono stati tranquillamente utilizzati nell'agricoltura americana dagli anni '60 come "uccisione di api" o "tossici" è stato un tropo frequente di attivisti che si lamentano di tutto, dall'"allevamento intensivo" alla disponibilità di carne.

Il senatore Cory Booker è felice di svolgere un ruolo in a Video di opinione del New York Times in cui dice "abbiamo superato l'emergenza nazionale", legando il cambiamento climatico al sistema alimentare americano. Booker, il cui stato natale del New Jersey produce un enorme... 0,35%. di tutto il cibo negli Stati Uniti, probabilmente travisa la realtà dell'agricoltura americana. In effetti, l'intensificazione agricola ha portato a picco di terreno agricolo raggiunto, il che significa che produciamo più cibo con meno terra in generale, il che consente al nostro ecosistema di ricrescere nel tempo. Ciò significa più foreste e fiori per le riprese aeree dei video delle campagne politiche.

La rappresentazione del sistema alimentare americano come tossico e malvagio può andare solo così lontano prima che diventi comica o triste. Nessuno dei due è di bell'aspetto.

Originariamente pubblicato qui

CCC valuta alternative al divieto di mentolo

Il Consumer Choice Center, un gruppo di difesa dei consumatori con sede a Washington DC, ha ospitato un "Menthol Melee", proponendo alternative ai divieti in sospeso della Food and Drug Administration sui sigari aromatizzati e sulle sigarette al mentolo.

L'evento ha visto protagonisti Gwen Carr, la madre di Eric Garner, morto per mano della polizia per sigarette non tassate, oltre a quasi una dozzina di attuali ed ex agenti delle forze dell'ordine che ritengono che la politica proposta eroderà la fiducia della comunità nei luoghi in cui gli agenti pattugliano il strade.

"Stiamo ospitando il Menthol Melee per ascoltare vari attivisti della comunità, agenti delle forze dell'ordine ed esperti di ricerca che comprendono fin troppo bene quanto sarebbe sfortunato un divieto di questi prodotti del tabacco aromatizzati", ha affermato Yaël Ossowski, vicedirettore del Consumer Centro di scelta.

Leggi il testo completo qui

Perché gli annunci mirati sono una benedizione

Stai leggendo questa colonna online e, proprio come la maggior parte delle notizie, dell'intrattenimento e della comunicazione che consumerai oggi, avrai bisogno del tuo telefono, tablet o computer per farlo.

TV terrestre, giornali cartacei, radio e lettere fisiche sono ancora in attività, ma ne abbiamo fatta di strada dai tempi in cui una casa aveva un computer con accesso a Internet. Il New York Times, non esattamente il difensore più importante del capitalismo moderno, generato maggiori entrate online rispetto alla sua edizione cartacea nel 2020.

La pubblicità è cambiata con il consumo dei media da parte dei consumatori. La pubblicità mirata rende molto più facile per le aziende identificare con precisione la fascia demografica chiave che stanno cercando di raggiungere.

Sono finiti i giorni in cui le persone senza figli siedono davanti a pubblicità di pannolini o un pubblico anziano è bombardato dalle offerte per gli ultimi videogiochi.

Per ragioni commerciali, la pubblicità mirata è stata la logica evoluzione, anche se non ha in alcun modo reinventato la ruota: anche prima di Internet, le aziende non pubblicizzavano l'attrezzatura da surf nel Vermont o l'attrezzatura da sci in Florida.

Detto questo, la pubblicità moderna non sta realizzando il famoso adagio di comprare cose di cui non abbiamo bisogno per persone che non ci piacciono con soldi che non abbiamo? Consentitemi di esprimere un energico "meh" nei confronti di tale ipotesi.

In effetti, credo che la pubblicità mirata ottenga l'opposto: adattando gli annunci che vediamo alle cose che ci interessano effettivamente, insieme alla disponibilità di piattaforme che confrontano prezzi e qualità, è meno probabile che siamo bombardati da merci potremmo comprare ma non vogliamo.

Questo è esattamente ciò che fanno gli annunci sui social media, ed è il motivo per cui i proprietari di piccole imprese e gli operatori di marketing utilizzano queste piattaforme: per raggiungere le persone che hanno interessi particolari.

Per inciso, anche i nemici della pubblicità fanno affidamento sull'età della commercializzazione. Ex amministratore dell'Office of Information and Regulatory Affairs sotto l'amministrazione Obama, Cass Sunstein, autore del saggio “Cinquanta sfumature di manipolazione”, in cui etichetta il marketing come manipolazione, beneficia di algoritmi intelligenti.

In quale altro modo potrei spiegare che Amazon ha cercato per settimane di consigliarmi di acquistare i suoi libri dopo aver visto un paio delle sue pubblicazioni?

Naturalmente, a Sunstein non dispiace dare una spintarella ai consumatori quando si tratta di politiche pubbliche - in effetti, opera partendo dal presupposto che i consumatori non sappiano cosa è meglio per loro e che una serie di spinte del governo li spingerà nel "giusto". direzione. Come sempre, al governo non importa lo strumento; semplicemente non ama la concorrenza.

Una cosa rimane evidente: i consumatori acquistano solo ciò che vogliono veramente. Sì, se è plausibile che tutti acquistiamo qualche gadget superfluo occasionale, è anche vero che nessuna pubblicità al mondo potrebbe convincere i consumatori a sostituire le lampadine con le candele.

I buoni prodotti e servizi alla fine vincono e la pubblicità mirata livella il campo di gioco consentendo alle piccole startup di mettere piede nella porta attraverso una pubblicità più precisa ed economica che mai.

Sia dal punto di vista dell'utente che commerciale, la pubblicità mirata è in realtà una benedizione.

Originariamente pubblicato qui

La legge del Michigan rende la lotta per la banda larga municipale una battaglia in salita

Per più di un decennio, i comuni degli Stati Uniti hanno avviato le proprie reti a banda larga gestite dal governo per portare Internet ad alta velocità ai propri residenti. 

Potrebbero farlo per una serie di motivi: fornire ai residenti un servizio più rapido a un costo inferiore, incoraggiare lo sviluppo economico, fornire Internet ad alta velocità in aree che i fornitori di servizi Internet privati non sono interessati a servire o portare servizi più economici connessioni ad aree urbane dove i residenti non possono permettersi il servizio fornito da ISP privati.

Ma a causa delle leggi in vigore nel Michigan, le città possono incontrare ostacoli significativi nell'avvio della propria rete.

Il Michigan è uno dei 18 stati che impongono restrizioni ai programmi municipali a banda larga. Ai sensi del Metropolitan Extension Telecommunications Rights-of-Way Oversight Act del 2002, gli enti pubblici possono fornire servizi di telecomunicazioni solo se hanno prima richiesto offerte per i servizi e ricevuto meno di tre offerte qualificate. Devono inoltre sottoporsi agli stessi termini di quelli specificati nella loro richiesta di proposta.

Leggi il testo completo qui

Tassare lo svapo promuove il fumo. Allora perché Ottawa lo sta facendo?

Regolamenti e tasse pesanti sullo svapo non fanno altro che creare più fumatori

Health Canada ha annunciato la scorsa settimana che le etichette di avvertenza saranno ora richieste su ogni singola sigaretta in un pacchetto. Questo primato globale fa parte dell'obiettivo del Canada di far fumare meno del 5% dei canadesi entro il 2035. È difficile dire quale effetto abbiano avuto misure simili in passato, ma per qualsiasi motivo l'uso del tabacco in Canada ha registrato un calo significativo nel corso degli anni ultimi 15 anni. In 2007, il 31 per cento dei canadesi identificati come fumatori abituali. Entro il 2020, quel numero era sceso a solo l'11%. Questa è certamente una buona notizia. Sappiamo tutti l'impatto devastante che il fumo può avere. Circa 48.000 canadesi muoiono ogni anno per malattie legate al tabacco.

Ma mentre il calo del fumo è motivo di celebrazione, le nuove normative sullo svapo di Ottawa potrebbero effettivamente contrastare con l'obiettivo senza fumo 2035 di Health Canada spingendo alcuni ex fumatori a fumare.

Lo svapo, che è il consumo di nicotina senza la combustione delle sigarette, è notevolmente meno dannoso del fumo ed è quindi ampiamente considerato un utile strumento di riduzione del danno per i fumatori che cercano di smettere. Un 2017 studia dei ricercatori dell'Università della California ha scoperto che i dati del censimento statunitense hanno mostrato che lo svapo aveva contribuito a un aumento significativo della cessazione del fumo. Ha quindi raccomandato comunicazioni positive sulla salute pubblica a sostegno dello svapo. Questo è l'approccio adottato in Inghilterra, con risultati positivi. Dopo che Public Health England ha ritenuto che lo svapo fosse il 95% meno dannoso del fumo, l'Office of Health del Regno Unito deciso promuovere lo svapo tra i fumatori adulti come parte del piano del paese per essere senza fumo entro il 2035. Ha persino creato un programma "swap to stop" in cui i fumatori possono scambiare le loro sigarette con dispositivi di svapo gratuiti.

Sfortunatamente, l'approccio del Canada allo svapo non abbraccia la riduzione del danno allo stesso modo del Regno Unito. Per quanto riguarda narcotici e altre droghe, la riduzione del danno è all'ordine del giorno a Ottawa. Ma quando si tratta di prodotti del tabacco, per qualche ragione l'eradicazione è ancora l'obiettivo. Così Ottawa ha già cercato di vietare tutti i sapori di svapo tranne tabacco e menta/mentolo, anche se quasi la metà dei vapers canadesi usa i sapori come metodo preferito per lasciarsi alle spalle il fumo, e per una buona ragione. Un longitudinale rappresentativo a livello nazionale studia di oltre 17.000 americani ha dimostrato che gli adulti che hanno utilizzato prodotti di svapo aromatizzati avevano 2,3 volte più probabilità di smettere di fumare rispetto ai vapers che hanno consumato prodotti di svapo aromatizzati al tabacco. Perché non è difficile da capire. Se stai cercando di smettere di fumare, limitarti a svapare prodotti che sanno di tabacco non è molto utile.

Ma Ottawa non si rivolge solo ai sapori dello svapo. Ora sta anche aumentando la tassazione. La nuova tassa proposto nel budget di aprile aggiungerebbe $7 al prezzo di un flacone da 30 ml di liquido da vaporizzare, $10 per un flacone da 60 ml e $14 per un flacone da 100 ml. Per coloro che svapano con dispositivi a cartuccia, una confezione da quattro di cartucce da un millilitro, che di solito viene venduta al dettaglio tra $24-$26, avrebbe un extra $4 aggiunto.

Quale sarà l'effetto di questi aumenti delle tasse?

È molto probabile che i prezzi dello svapo aumentino. Un 2020 foglio di lavoro pubblicato dal National Bureau of Economic Research che ha analizzato i dati di 35.000 rivenditori statunitensi ha scoperto che per ogni dollaro in più di tassazione i prezzi dello svapo sono aumentati tra $0.91 e $1.16, il che significa che la tassa è quasi interamente trasferita ai consumatori. Per una confezione da quattro cartucce da un millilitro, i prezzi dovrebbero aumentare tra $3.64-$4.64.

E come risponderanno i vapers a questi aumenti di prezzo? Molti torneranno a fumare. Lo stesso studio NBER ha mostrato che un aumento $1 delle tasse sullo svapo ha aumentato le vendite di sigarette del 10%.

Dal punto di vista della salute pubblica questo è esattamente l'approccio sbagliato. Sappiamo che lo svapo è uno strumento di riduzione del danno molto utile. Mirare allo svapo con divieti di aromi e tasse elevate scoraggerà sicuramente le persone dallo svapo, ma incoraggerà anche alcuni ex fumatori a tornare alle sigarette e impedirà ad alcuni fumatori attuali di passare allo svapo. Se il Canada vuole avere qualche possibilità di raggiungere il suo obiettivo 2035 senza fumo, dovremmo seguire l'esempio del Regno Unito e incorporare lo svapo come mezzo a tal fine. I regolamenti e le tasse pesanti sullo svapo non fanno altro che creare più fumatori e nessuno vince se ciò accade.

Originariamente pubblicato qui

PAS DE CRISE ALIMENTAIRE… VRAIMENT ?

L'Unione europea sembra aver scelto di deformare la realtà della nostra crisi alimentare. Comme ce ne serait pas un problème, elle fait même tout son possible pour l'aggraver…

Des commissaires qui frétendent que nous avons une récolte record et que la situazione est non solo bien, mais excellente… cela nous fait indéniablement penser à La Ferme des animaux di George Orwell.

Curieusement, nos dirigeants politiques n'augmentent même pas la production, tout en prétendant qu'il n'y a pas de crisi alimentaire. Il commissaire européen à l'environnement, Virginijus Sinkevičius, a récemment déclaré à la presse che l'aumento della produzione alimentare in Europa non aveva una semplice «soluzione a corte terme per réagir à la crisi».

Quando la Russia attacca i silos ai cereali ucraini e blocca le navi per l'esportazione, i prezzi mondiali dei cereali sont en hausse. En outre, la battaglia tra la Russie e l'Ucraina interessa tutti i prodotti, des huiles au miel, en passant par les engrais et les aliments pour animaux. Il risultato è un'inflazione dei prezzi alimentari qui, anche se solo le chiffres officiels (et nous savons à quel point les Etats savent les minimiser), dépasse les 8%.

Da 3 a 25% d'inflazione…

La France connaît heureusement une inflation des prix alimentaires relativement faible, de seulement 3%, parce qu'elle applique des politiques qui l'ont maintenue historiquement autonome ; mais des pays comme l'Allemagne (11%), l'Autriche (8,5%) o i Pays-Bas (9%) non hanno la stessa configurazione.

In Europe centrale et orientale, la situazione est pire: étant donné qu'un grand nombre de leurs systèmes alimentaires se sont spécialisés dans des culture spécifiques (generalmente celles qui rapportent le plus de sovventions aux agriculteurs), ces pays ne sont pas préparés à affronter questa tempête et se retrouvent avec des taux d'inflation de 12% en Pologne, 15% en Roumanie, 19,5% en Hongrie et même 25% en Lituanie.

Il blocus céréalier provoqué par la Russie frappe les pays en développement encore plus durement que l'Europe continentale. L'Afrique du Nord et le Moyen-Orient sont lourdement touchés par l'absence de céréales ukrainiennes importées. L'Europe pourrait, si elle le voulait, augmenter ses propres niveaux de production et s'assurer d'aider ces pays dans le besoin avec nos exportations (tout en soulageant nos propres besoins alimentaires), et ainsi éviter que d'autres pays, comme la Chine et la Russie, renforcent leurs liens diplomatiques avec ces nation.

Non solo la Commission européenne ne semble pas croire qu'il s'agit d'un problème, mais elle fait tout son possible pour l'aggraver. La strategia « Dai campi alla tavola » vise à réduire de 10% les terres agricoles en Europe au cours des prochaines années. Un objectif étrange, puisque les recherches montrent que les modèles comparatifs indiquent que le pic d'utilisation des terres agricoles a déjà été atteint. Cela significa che, malgrado un cornetto della popolazione, l'umanità non deve più aumentare ses besoins en terres à des fins agricoles.

Encore plus de dépendance

Même si c'est le cas, la production alimentaire continue de croître car les techniques agricoles modernes nous permettent de créer plus de rendement avec la même quantité, ou même un peu moins de terres. Une chute plus soudaine et significant de 10% prolungherà en revanche notre système alimentaire dans un désarroi inutile, et compliquerait encore davantage nos relations avec la Russie et notre dépendance à son égard. Notre modèle agricole est une ligne délicate de l'offre et de la demande, et l'altérer comporte des risques énormes.

Inoltre, la Commissione europea ha invitato anche a ridurre l'utilizzo dei pesticidi rispetto alla direttiva sull'utilizzo durevole dei pesticidi (SUD). Réduire de moitié l'utilisation des pesticidi d'ici 2030, voilà qui n'est pas du goût de certains : dix pays de l'UE se sont denunce de la manière dont la Commission calcule l'objectif de réduction des pesticidi. Un calcolo qui sera ingiusto, étant donné la grande variazione de l'utilisation par hectare entre les agriculteurs des différents pays de l'UE.

La Commissione europea tarde inoltre ad autorizzare le nuove tecnologie d'edizione di geni per la produzione alimentare. Ad Angleterre, où une législation est désormais sur la table pour rendre disponible cette technologie éprouvée (déjà utilisée en Israël, aux Etats-Unis et au Canada), le gouvernement a clairement fait savoir qu'elle pouvait lutter contre l'insécurité alimentaire.

Tuttavia, malgrado la volontà di Emmanuel Macron de s'engager dans cette voie, l'Allemagne continue de bloquer. La ministre allemande de l'Environnement, Steffi Lemke, a en effet rejeté le projet de la Commission européenne consistente nel proporre le nuove regole per le culture prodotte à l'aide de le nuove tecniche génomiques, dice che CRISPR-Cas9, affermando che ce n'è 'était pas nécessaire, affermant même qu'elle «ne voi[t] pas la nécessité d'une nouvelle réglementation».

Le problème des normes

L'Union européenne veut le beurre et l'argent du beurre. Elle veut à la fois frétendre que les normes alimentaires en Europe sont les plus élevées qui soient, et que ces normes alimentaires (non viables) produisent des aliments disponibles et bon marché.

Malheureusement pour la Commission, pour que cela soit vrai dans un communiqué de presse, il faut qu'elle déforme l'un des deux facteurs, et il semble qu'elle ait choisi de déformer la réalité de notre crise alimentaire.

Elle suit les recommandations d'activistes environnementaux délirants, qui préféreraient que nous revenions à une version nostalgique de « l'agriculture paysanne », qui est à la fois orribilement inefficace et malsaine pour l'environnement et les consommateurs.

In effetti, l'agricoltura biologica è molto più ricca di terre agricole per produrre la stessa quantità di nutrimento. Donc, in sostanza, réduire les terres agricoles tout en passant à l'alimentation bio significa una scelta: nous recevons tous moins à manger, même si nous dépensons plus.

Donner aux gens moins à manger in tempi di crisi? Il est assez simple de prévoir comment cela se terminera.

Originariamente pubblicato qui

Pentingnya Regulasi Berbeda antara Rokok e Produk Tembakau Alternatif

Konsumsi rokok elektrik saat ini merupakan salah satu fenomena yang sangat umum e semakin meningkat seiring berjalannya waktu. Bagi kita yang tinggal di wilayah urban, dengan mudah bisa menemukan tidak sedikit orang yang mengkonsumsi rokok elektrik, dan juga berbegai product vape e rokok elektrik yang dijual di berbegai toko e pusat perbelanjaan.

Fenomena semakin meningkatnya konsumsi vape ini juga menarik perhatian banyak pihak. Bagi sebagian pihak, fenomena ini merupakan sesuatu yang negatif, karena vape atau produk tembakau alternatif lainnya dianggap sebagai produk yang sama berbahayanya, atau bahkan lebih berbahaya bila dibandingkan dengan rokok yang dibakar convenzionale.

Oleh karena itu, bagi sebagian kalangan, kebijakan pelarangan atau setidaknya pembatasan ketat bagi produk-produk alternatif tembakau seperti rokok elektrik merupakan sesuatu yang tepat untuk dilakukan. Hal in idikarenakan, produk-produk tembakau alternatif seperti rokok elektrik dianggap sebagai salah satu ancaman besar bagi kesehatan publik.

Sementara itu, pihak lainnya memiliki pandangan yang cukup positif, atau setidaknya optimis, melihat fenomena tersebut. Hal ini dikarenakan bahwa, berdasarkan berbegai laporan penelitian, diketahui bahwa rokok elektrik atau vape merupakan produk yang jauh lebih tidak berbehaya bila dibandingkan dengan rokok yang dibakar convenzionale.

Questo tipo di svapo può essere usato solo per l'elettricità, ma può anche essere usato come svapatore convenzionale che può essere utilizzato anche semakin. Questo modo di dire, berbegai penyakit kronis berbehaya yang disebabkan karena penggunaan rokok yang dibakar dapat dimitigasi. Questo tipo di prodotto richiede un'ampia gamma di prodotti elettrici da acquistare, ma è anche molto conciso per i clienti che desiderano acquistare prodotti alternativi per ottenere prodotti convenzionali che possono essere utilizzati in qualsiasi momento.

Informasi mengenai bahwa produk tembakau alternatif jauh lebih tidak berbahaya bila dibandingkan dengan rokok yang dibakar merupakan hal yang sudah diketahui sejak beberapa tahun lalu. Salah satu lembaga kesehatan yang mengeluarkan laporan mengenai hal tersebut adalah lembaga kesehatan publik Inggris, Public Health England (PHE), pada tahun 2015 lalu (theguardian.com, 28/12/2018).

Laporan tersebut tentu merupakan laporan yang sangat penting untuk diperhatikan, terutama bila kita ingin menyusun regulasi yang tepat terkait dengan produk-produk tembakau alternatif seperti rokok elektrik. Salah satunya adalah, bagaimana kita dapat memanfaatkan produk-produk tembakau alternatif seperti rokok elektrik, untuk membantu para perokok untuk mengurangi hingga berhenti secara totale menggunakan rokok yang dibakar convenzionale, yang sangat berbahaya bagi kesehatan.

Salah satu langkah awal untuk menyusun regulasi yang tepat tersebut adalah dengan tidak menyetarakan antara produk-produk rokok yang dibakar dengan produk-produk tembakau alternatif seperti rokok elektrik. Ini tentu merupakan sesuatu yang penting mengingat dampak negative se dari produk tembakau alternative jauh lebih kecil bila dibandingkan dengan rokok yang dibakar.

Menjadikan vape atau rokok elektrik sebagai alat untuk membantu perokok menghentikan kebiasaan merokoknya merupakan hal yang sudah dilakukan oleh jutaan orang di seluruh dunia, teramsuk juga tentunya dell'Indonesia. Berdasarkan riset yang dilakukan oleh Universitas Trisakti misalnya, menunjukkan bahwa setidaknya ada 30% responden yang menyatakan bahwa mereka menggunakan produk-produk vape alternatif sebagai sarana untuk berhenti merekok (vapemagz.co.id, 20/05/2022).

Sementara itu, 11% responden lainnya menyatakan bahwa mereka menggunakan vape untuk alasan kesehatan, e 9% lainnya menggunakan produk-produk tembakau alternatif atas anjuran dari ahli kesehatan. Oleh karena itu, setidaknya 80% dari seluruh responden menyatakan bahwa promosi tembakau alternatif harus lebih dimasifkan sebagai salah satu upaya untuk berhenti merokok (vapemagz.co.id, 20/05/2022).

Questo tipo di attività regolata, di harapkan hal tersebut uga akan semakin merangsang para pelaku industri, khususnya industri dengan skala kecil e menengah, untuk masuk ke dalam sektor produk produk produk tembakau alternatif. Ini juga berarti tidak hanya semakin membantu konsumen untuk menyediakan sarana untuk mereka agar berhenti merokok, namun juga akan berpotensi membuka e menyerap semakin banyak tenaga kerja.

Selain itu, tidak hanya regulasi yang berbeda, dibutuhkan juga upaya untuk meningkatkan berbegai riset e penelitian terkait dengan rokok elektrik e juga product-produk tembakau alternatif lainnya. Penelitian e riset ini merupakan sesuatu yang sangat penting, sebagai landasan untuk menyusun kebijakan dan regulasi yang tepat. Saat ini, berbegai riset dan penelitian terkait dengan produk-produk vape alternatif dilakukan oleh lembaga-lembaga dari luar negeri (financial.detik.com, 22/05/2022).

Sebagai penutup, penyusunan kebijakan vape dan juga product-produk tembakau alternatif lainnya yang tepat, dan juga peningkatan riset e penelitian terkait denga produk-produk tersebut, merupakan hal yang sangat penting. Hal ini sangat penting mengingat Indonesia merupakan salah satu negara dengan populasi perokok tertinggi di dunia, dan produk-produk tembakau alternatif dapat digunakan sebagai salah satu alat untuk membantu para perokok menghentikan kebiasaannya yang sangat berbahaya.

Originariamente pubblicato qui

TRIPS: i paesi in via di sviluppo non trarranno beneficio dai vaccini esentati dall'IP

La rinuncia a TRIPS non affronterà l'esitazione dei vaccini nei paesi in via di sviluppo, ma interromperà invece l'innovazione globale

Attualmente si sta svolgendo a Ginevra, in Svizzera, uno storico incontro dell'Organizzazione mondiale del commercio (OMC) per discutere la rinuncia ai brevetti sui vaccini COVID-19. Intervenendo all'apertura del primo vertice dell'OMC in cinque anni, il direttore generale (DG) Ngozi Okonjo-Iweala ha espresso "cauto ottimismo" sui risultati, come riportato in Il tempo del Giappone.

Dalla sua elezione nel 2021, la DG Ngozi Okonjo-Iweala dell'OMC ha espresso la necessità di aumentare l'accessibilità del vaccino contro il coronavirus nei paesi in via di sviluppo. La DG ha accolto con favore l'originaria proposta di flessibilità sugli aspetti commerciali dei diritti di proprietà intellettuale (TRIPS) del Sudafrica e dell'India, stressante l'urgenza di concludere un accordo. 

Sembra che la volontà di approvare un qualche tipo di accordo sulla rinuncia ai brevetti stia prevalendo sul buon senso

Ora, potremmo essere a ore di distanza da un accordo che influenzerà per sempre le nostre possibilità di migliorare il mondo attraverso l'innovazione. L'originaria opposizione dell'UE all'accordo è stata minata, quando nel novembre 2021 il Parlamento europeo votato a favore della concessione della deroga TRIPS. Il presidente degli Stati Uniti Biden infine ha seguito dando alla rinuncia una luce verde. 

Sembra che la volontà di approvare una sorta di accordo sulla rinuncia ai brevetti stia prevalendo sul buon senso. Lo smantellamento dei diritti di proprietà intellettuale (PI) non affronterà l'esitazione dei vaccini nei paesi in via di sviluppo, ma interromperà solo l'innovazione a livello globale.

La rinuncia al TRIPS consentirebbe ai governi di ignorare le regole globali sulla proprietà intellettuale in caso di emergenze, come la pandemia di COVID-19. In pratica, ciò significherebbe rinunciare ai brevetti per la produzione di vaccini contro il coronavirus, dispositivi di protezione e dispositivi medici, consentendo così alle aziende di produrre vaccini senza il consenso del titolare del brevetto. 

Sostenendo la rinuncia al TRIPS, i governi occidentali dimostrano ancora una volta quanto sia a breve termine la loro memoria. L'esitazione sui vaccini COVID-19 è esplosa in Europa e negli Stati Uniti. In Austria, ad esempio, solo 46.2% di persone si sono affidate al governofornire vaccini sicuri secondo uno studio recente. Le preoccupazioni per la sicurezza combinate con la scarsa fiducia nel governo e la demonizzazione dell'industria farmaceutica sono alla base dell'esitazione del vaccino. 

Tutti i suddetti problemi sono significativi in sé e per sé. Ma è particolarmente sorprendente che i sostenitori del TRIPS in Occidente li ignorino nel contesto della distribuzione dei vaccini nei paesi in via di sviluppo. Un 2021 indagine in Indonesia, Malesia, Myanmar, Filippine, Tailandia e Vietnam, ha scoperto che circa la metà delle persone era riluttante a prendere i vaccini COVID-19. In Africa, nonostante la fornitura di vaccini, resta anche la titubanza alto, secondo il professor Yap Boum, rappresentante di Epicentre, il braccio di ricerca di Medici Senza Frontiere. 

La deroga TRIPS eliminerebbe semplicemente ogni incentivo per gli innovatori a risolvere i problemi più urgenti del mondo

I sostenitori della rinuncia al TRIPS non riescono a spiegare l'aspetto dell'esitazione vaccinale della scarsa diffusione del vaccino nei paesi in via di sviluppo. Se le persone nei paesi in via di sviluppo non vogliono assumere vaccini, prodotti da aziende farmaceutiche, con un buon track record di sicurezza, cosa fa pensare ai sostenitori del TRIPS che prenderebbero vaccini prodotti da fornitori terzi?

Senza brevetti, i fornitori di terze parti realizzeranno vaccini basati su formule e processi brevettati. Di conseguenza, il rischio di produrre vaccini cattivi e inattivi che compromettano la vaccinazione in generale è estremamente elevato. Potrebbe gettare sotto l'autobus gli sforzi globali di vaccinazione.

Se approvato, l'accordo di rinuncia TRIPS distruggerà lentamente ma inesorabilmente il futuro dell'innovazione. Diritti di proprietà intellettuale per garantire che le aziende possano continuare a innovare e consegnare i propri prodotti ai consumatori. La ricerca farmaceutica richiede un'incredibile quantità di tempo, sforzi e investimenti, quindi è naturale che si aspettino dei rimborsi. La deroga TRIPS eliminerebbe semplicemente ogni incentivo per gli innovatori a risolvere i problemi più urgenti del mondo. E ne abbiamo parecchi!

Come società, abbiamo compiuto progressi senza precedenti nel campo farmaceutico. Siamo sul punto di combattere il cancro del retto e non ci vorrà molto prima che i farmaci antietà diventino ampiamente disponibili. Ma se i sostenitori del TRIPS avranno successo, queste e molte altre opportunità andranno perse per sempre. Scambiare il futuro del pianeta e delle prossime generazioni per qualche milione di vaccini non sicuri, che le persone nei paesi in via di sviluppo potrebbero rifiutarsi di prendere, non sembra un calcolo equo.

Originariamente pubblicato qui

Descrizione
it_ITIT