fbpx

Mese: Febbraio2021

L'imposta polacca sulla pubblicità digitale paralizzerà la scelta dei consumatori

All'inizio di questo mese, il governo polacco ha svelato i suoi piani per tassare la pubblicità digitale.

Si sostiene che il cosiddetto "prelievo di solidarietà" sia necessario per aiutare a mitigare i danni economici del coronavirus raccogliendo fondi per l'assistenza sanitaria, la cultura e il patrimonio. Tuttavia, oltre a portare un grave sconvolgimento economico sotto forma di oneri fiscali aggiuntivi, il "prelievo di solidarietà" sarà anche l'ultimo chiodo sulla bara della libertà di stampa e di scelta dei consumatori in Polonia.

Dopo l'implementazione prevista nel luglio 2021, i fornitori di servizi di media e gli editori (pubblicità tramite televisione, radio, cinema e mezzi pubblicitari esterni) le cui entrate pubblicitarie sul territorio della Polonia superano 1 milione di PLN saranno ​obbligato pagare la nuova tassa. Le aliquote del prelievo differiscono a seconda del bene pubblicizzato e del tipo di pubblicità, che presenta un esplicito elemento di discriminazione. I media (tranne la stampa) pagheranno dal 2% al 10%. Per la pubblicità online il contributo sarà del 5 per cento, includendo cioè i colossi del digitale. Gli annunci di bevande zuccherate saranno tassati a un'aliquota più elevata, il che segnala la deriva del governo polacco verso un maggiore paternalismo.

Attraverso l'introduzione di un nuovo contributo, il governo polacco vuole uccidere due piccioni con un solo colpo: punire i media indipendenti per la loro affidabilità e la grande tecnologia per il successo delle loro pubblicità digitali. Al centro di questa nuova politica c'è il desiderio di rafforzare il ruolo dello Stato nel plasmare l'opinione pubblica e aumentare il suo ruolo nel mercato digitale.

A differenza del canale TVP finanziato dallo stato che sarà compensato tramite sussidi, gli editori privati ​​e le emittenti come TVN saranno gravemente colpiti dal prelievo di solidarietà. Secondo un sondaggio del 2019 dell'Institute for Social Research and Market (IBRiS), l'affidabilità di TVP Info è negativavalutato dal 43% degli intervistati, mentre il 56% sostiene il principale programma di notizie di TVN “Fakty”. Quindi non sorprende che il governo polacco voglia tassare la diversità di opinioni al di fuori dello spazio mediatico nonostante ci sia una grande richiesta per questo.

Durante le proteste contro la tassa del 10 febbraio, i media indipendenti polacchi hanno sospeso la loro copertura dando ai consumatori polacchi un'orrenda visione della vita senza libertà di stampa. Una democrazia ben funzionante non può bloccare le opinioni che deviano dalla linea del governo utilizzando le tasse come mezzo per raggiungere i propri fini. Nell'ultimo anno, la Polonia è scesa nel World Press Freedom Index, e ora lo èranghi come il 62esimo paese più libero del mondo. La pandemia di coronavirus è stata dannosa per la libertà di stampa in Polonia e la tassa proposta la deprimerà ulteriormente spingendo all'estinzione giornali, editori ed emittenti indipendenti.

La scelta del consumatore è fondamentale e privare i consumatori della possibilità di scegliere tra diverse fonti mediatiche sarebbe un passo indietro per la Polonia, un paese il cui ricordo del totalitarismo sovietico è molto vivo.

La motivazione economica alla base del prelievo di solidarietà è debole: la ridistribuzione dei fondi dai media privati al settore sanitario, culturale e del patrimonio sarà più costosa di quanto possa sembrare. Centinaia di migliaia di polacchi sono impiegati nel campo della produzione di contenuti sia a livello nazionale che locale e, a causa della tassa, perderanno il lavoro. Il governo polacco dovrà quindi assumersi la responsabilità di questa distorsione.

Più di ​40 editori statali e locali hanno inviato un ​lettera aperta alle autorità polacche contestando l'imposta. La situazione in cui i media statali ricevono 2 miliardi di PLN all'anno a spese dei contribuenti polacchi e le società private devono essere accusate di un ulteriore miliardo di PLN, sostengono, è profondamente ingiusta. Tali azioni da parte del governo polacco minacciano la concorrenza nel mercato dei media dando un vantaggio sleale a quelli finanziati dallo stato. Dovrebbe spettare solo ai consumatori decidere chi prende il comando del mercato e chi perde.

Il prelievo di solidarietà sulla pubblicità digitale perseguito dal governo polacco non è economicamente solido e minaccia la libertà di stampa non solo in Polonia, ma in tutta Europa. Trent'anni fa la cortina di ferro cadde inviando una promessa di libertà e prosperità in Europa, e dobbiamo preservarla. Le tasse sulla pubblicità digitale sono l'idea che non avrebbe mai dovuto prendere vita.

Originariamente pubblicato qui.

I regolamenti sulle criptovalute sono la strada sbagliata da percorrere

Un approccio normativo eccessivamente conservativo è un pericolo per il potenziale innovativo della tecnologia blockchain...

Di recente, i prezzi delle criptovalute come Bitcoin hanno fatto notizia: dopo aver raggiunto uno sbalorditivo massimo storico, grandi aziende come Tesla si sono unite all'hype, spingendo il prezzo sempre più in alto nel cielo.

L'Unione Europea sta implementando un'altra direttiva AMLD, antiriciclaggio, che impone un onere normativo maggiore ai fornitori di criptovalute. Il legale e regolamentare per la blockchain cui l'UE aspira potrebbe fare lo stesso.

Negli ultimi mesi, una pletora di notizie ha colorato le criptovalute in una luce negativa - da Facebook vieta gli annunci per criptovalute e ICO a La Cina limita l'accesso agli scambi di criptovalute stranieri per i suoi cittadini e, infine, banche che vietano gli acquisti di criptovaluta sulle loro carte di credito.

Non è una novità che la volatilità nei mercati delle criptovalute superi di un paio di grandezze quella delle borse tradizionali. Dalla fine del 2013 all'inizio del 2015, le criptovalute hanno subito un mercato ribassista prosciugante che si è concluso con esplosioni esponenziali dei prezzi nel successivo mercato rialzista.

Poco dopo il crollo delle criptovalute, alcune persone si sentono autorizzate a esprimere la loro previsione della fine di Bitcoin e criptovalute e chiedono repressioni più dure della tecnologia nel suo insieme. In alcuni, questa volatilità risveglia uno scetticismo profondamente radicato nei confronti di una nuova tecnologia che è ancora agli inizi.

Ma questo approccio normativo eccessivamente conservativo è un pericolo per il potenziale innovativo della tecnologia blockchain. Invece di concentrarsi sulla natura volatile del mercato delle criptovalute e equipararlo alla manipolazione o liquidarlo come una pura scommessa, i criptoscettici dovrebbero saperne di più sulla natura trasformativa della tecnologia alla base di molte criptovalute.

Nonostante la loro etichetta popolare nei media, molti di loro non sono, in realtà, principalmente valute.

I casi d'uso della tecnologia di registro distribuito vanno da fornire aiuti in modo efficiente ai rifugiati, usando la blockchain per costruire un'identità digitale, consentendo agli scienziati di utilizzare i tuoi dati genomici archiviati in modo sicuro e una miriade di altri campi di applicazione.

Molti criptoscettici si rifiutano di informarsi sulla moltitudine di casi d'uso della tecnologia blockchain in diversi settori. Concentrarsi esclusivamente sul prezzo volatile non lascia abbastanza spazio per riflettere sui molti modi in cui questa nuova tecnologia emergente potrebbe cambiare le nostre vite nel prossimo futuro.

Durante la recente audizione del Senato sui regolamenti sulle criptovalute, il presidente della Commodity Futures Trading Commission (CFTC) degli Stati Uniti J. Christopher Giancarlo ha avuto alcune parole incoraggianti per la generazione principalmente più giovane interessata alla tecnologia blockchain.

Parlando dell'interesse di sua nipote per Bitcoin, Giancarlo ha sottolineato che qualsiasi regolamentazione futura non dovrebbe essere sprezzante, ma piuttosto rispettosa del fascino della generazione più giovane per la tecnologia blockchain:

"Mi colpisce il fatto che dobbiamo a questa generazione rispettare il loro entusiasmo per le valute virtuali con una risposta ponderata ed equilibrata, non sprezzante", ha affermato Giancarlo.

Elaborando ulteriormente, Giancarlo ha sottolineato che le autorità di regolamentazione dovrebbero avere una visione positiva del futuro di questa tecnologia. Mentre lo faceva, sembrava abbastanza ben informato, arrivando persino a spiegare il significato di termini correlati alle criptovalute come "HODL" e "kimchi premium".

Per Giancarlo, la regolamentazione delle criptovalute dovrebbe avere l'obiettivo di reprimere i truffatori e combattere la manipolazione del mercato, non soffocare il fiorire di una nuova tecnologia di cui ha riconosciuto molti vantaggi.

In questo modo, ai consumatori dovrebbe essere data l'opportunità di istruirsi sui diversi casi d'uso della tecnologia blockchain e avere la libertà di investire in progetti che ritengono promettenti.

Invece di soffocare l'innovazione e la scelta dei consumatori, un tale quadro normativo che offra spazio sufficiente per l'esplorazione creativa garantirebbe che i futuri progressi nella criptosfera siano riconosciuti come tali e si ritroverebbero gradualmente a cambiare le banche, le società e le operazioni governative tradizionali.

Originariamente pubblicato qui.

L'articolo chiede all'UE di ripensare la posizione sulle sigarette elettroniche

UN recente articolo per The Parliament Magazine intitolato "Vaping is the gateway out of smoking" chiede ai responsabili politici di riconsiderare la loro posizione sulle sigarette elettroniche, poiché dovrebbero approvarle come aiuto per smettere di fumare nell'interesse di un futuro senza fumo.

Perché lo svapo non è una via d'accesso al fumo

Le sigarette elettroniche, che sono state ampiamente disponibili e popolari come strumento per smettere di fumare dal 2013, sono viste come una nuova tecnologia, e questo significa che sono state accolte con qualche sospetto dall'UE. L'articolo spiega che le recenti critiche hanno "cercato di inquadrare lo svapo come una via d'accesso al fumo convenzionale".

Ciò è stato a lungo dimostrato falso e un recente sondaggio di ASH (Action on Smoking and Health) ha effettivamente riportato che solo 0,3% di non fumatori sono attualmente utenti di sigarette elettroniche, che rappresentano 2,9% di vapers. Non solo l'effetto gateway non si riflette nei dati, ma numerosi studi hanno concluso che è vero il contrario e lo svapo è una via d'uscita dal fumo.

In che modo le sigarette elettroniche possono aiutare i fumatori a smettere?

Le sigarette elettroniche mirano alla riduzione del danno, offrendo agli utenti una fonte alternativa di nicotina che non include tutte le altre tossine dannose che si trovano nelle sigarette tradizionali.

L'articolo, scritto in collaborazione con Maria Chaplia del Consumer Choice Center e Michael Landl, direttore della World Vapers 'Alliance, afferma;

"La correlazione tra l'introduzione e la popolarità dello svapo e il calo dei tassi di fumo suggerisce che lo svapo è un'innovazione importante per aiutare le persone a smettere di fumare".

Uno dei rapporti più importanti sul potenziale dello svapo per salvare vite è del 2015, commissionato da Public Health England. Questo rapporto ha rilevato che le sigarette elettroniche sono 95% meno dannose del fumo e i risultati di questo rapporto sono stati un grande fattore di supporto nel modo in cui il Regno Unito ha adottato le sigarette elettroniche come uno strumento inestimabile per smettere di fumare.

L'articolo suggerisce che se l'UE continua a demonizzare lo svapo, ciò influirà negativamente sulla possibilità che i fumatori passino a un'"alternativa più sicura e più sana" e suggerisce che a questo punto ora sappiamo abbastanza sullo svapo che non c'è motivo per il UE a non approvarlo.

È chiaro che i paesi che adottano politiche di riduzione del danno, come l'approvazione dell'uso delle sigarette elettroniche, vedono una riduzione maggiore dei tassi di fumo rispetto a quelli che non lo fanno. Un ottimo esempio di ciò è il Regno Unito, dove le autorità sanitarie incoraggiano l'uso delle sigarette elettroniche come aiuto per smettere di fumare e i tassi di fumo sono ora ai minimi storici. D'altra parte in Australia, dove lo svapo non è stato ben accolto, i tassi di fumo sono diminuiti a un ritmo molto più lento;

“Nel Regno Unito, circa il 25% in meno di persone fuma oggi rispetto al 2013, mentre negli Stati Uniti si è registrata una riduzione del 24%. Nello stesso periodo, l'Australia ha registrato un calo solo dell'8%.

Esiste una correlazione visibile tra il momento in cui le sigarette elettroniche sono diventate ampiamente disponibili e popolari come aiuto per smettere di fumare e la riduzione dei tassi di fumo tra la popolazione adulta del Regno Unito.

'Le recenti tendenze che inquadrano le sigarette elettroniche come una via d'accesso al fumo non resistono al controllo. Le sigarette elettroniche sono una via d'uscita dal fumo. Le misure anti-svapo sono disastrose e dannose per la salute dei fumatori per i quali lo svapo è diventato uno strumento salvavita.'

L'articolo conclude incoraggiando fortemente i responsabili politici a riconsiderare la loro posizione sullo svapo, in linea con l'enorme quantità di dati che dimostrano che si tratta di uno strumento innegabilmente efficace per aiutare i fumatori a perseguire uno stile di vita più sano e ridurre i rischi di malattie e malattie future. Concludendo con l'affermazione forte e decisa;

"Nonostante molte voci cerchino di minare lo svapo come via d'uscita dal fumo, l'evidenza è solida: lo svapo salva vite."

Quindi, con le crescenti richieste di rivalutare il loro approccio allo svapo, possiamo solo sperare che l'UE aiuti a dare priorità alla salute del pubblico e incoraggi i fumatori adulti a perseguire un'alternativa più sicura al fumo.

Originariamente pubblicato qui.

La vape face au tabagisme, une solution que l'UE ne peut plus ignorer?

Ce n'est malheureusement pas nous qu'il faudra convaincre mais bien lesstitutions de l'Union Européenne. Si la question reste épineuse pour les politiques, un recente articolo de » The Parliament Magazine » a lancé un appel aux décideurs politiques afin qu'ils reconsidérent leurs position sur la vape. Et en effet, il serait grand temps d'approuver l'e-cigarette comme une aide dans l'arrêt du tabagisme!

Un mondo senza fumo? C'è uno slogan d'avenir che l'on entend de plus en plus dans les pays de l'Union Européenne mais qui n'est malheureusement pas suivi par une politique ambieuse. Se permettre d'ignorer la vape en 2021 dans la lutte contre le tabagisme revient tout simplement à condamner des milliers de fumeurs dans le monde!

L'e-cigarette largement disponible et popularisée en tant qu'elle de sevrage tabagique depuis 2013, est considérée comme une nouvelle technologie, che significa che suscité quelques soupçons de la part de l'Union Européenne. L'articolo pubblicato da « La rivista del Parlamento » spiega che le recenti critiche su « cherché à présenter le vapotage comme une passerelle vers le tabagisme conventionnel ».

L'articolo, co-écrit par Maria Chaplia du Centro di scelta dei consumatori et Michael Landl, direttore della Alleanza mondiale dei vapers, dichiarare: » La correlazione tra l'introduzione, la popolarità del vapore e la base del tasso di tabagismo suggerisce che il vapore è un'innovazione importante per aiutare le persone ad arrestare il fumo.  »

Suggerisce inoltre che se l'Union Européenne continua a diabolizzare il vapore, questo influirà negativamente sulle possibilità dei fumatori di passare a un altro » alternative plus sûre et plus saine  » et suggère qu'à ce stade, nous en savons maintenant suffisamment sur le vapotage et qu'il n'y aucune raison pour Union Européenne de ne pas l'approuver.

L'articolo si conclude incoraggiando i decisori a riconsiderare la loro posizione rispetto al vapore, in conformità con la quantità ecrasante di données che dimostra che è un'azione innegabilmente efficace per aiutare i fumi ad adottare una modalità di vita più sana et à réduire leurs risques de maladies et de maladies futures.

Originariamente pubblicato qui.

Dampak Perlindung Hak Kekayaan Intelektual Terhadap Kesejahteraan

Peningkatan kesejahteraan bisa dikatakan merupakan salah satu hal yang sangat penting untuk dicapai oleh berbegai pemerintahan di seluruh dunia. Meningkatnya kesejahteraan di sebuah negara, merupakan salah satu tolak ukur yang paling umum dan mutlak untuk menentukan apakah sebuah pemerintahan berhasil dalam mengelola negara yang dipimpinnya.

Selain itu, peningkatan kesejahteraan juga merupakan salah satu fondasi yang sangat penting bagi stabilitas politik. Tanpa adanya peningkatan kesejahteraan, terlebih lagi bila standar hidup masyarakat di sebuah negara terus menurun dari tahun ke tahun, tidak mustahil hal tersebut justru akan membawa pada pergolakan sosial, yang berujung pada instabilitas politik yang sangat berrahaya bagi keamanan e kegiatan economi.

Untuk itu, adanya kebijakan publik yang dapat mendukung upaya peningkatan kesejahteraan merupakan ha yang wajib menjadi fokus dan diberlakukan oleh berbegai pemerintahan e per pengambil kebijakan di seluruh dunia. Bila suatu pemerintahan atau pengambil kebijakan membuat product hukum yang tidak dapat menunjang peningkatan kesejahteraan, tentu upaya meningkatkan kesejahteraan tersebut akan mustahil dapat tercapai, e dan bukan tidak mungkin justru akan membawa kemunduran serta peningkatan kemiskinan di negara tersebut.

Terkait dengan hal tersebut, sejarah sudah membuktikan bahwa, kebebasan ekonomi merupakan fondasi yang sangat penting untuk meningkatkan kesejahteraan di sebuah negara. Ogni volta che ci si imbatte in qualcosa di più importante, si può pensare a seluruh seluruh potenzi e creatività yang dimiliki o masyarakat di sebuah negara, yang akan mendorong inovasi e meningkatkan kegiatan yang ekonomi yang akan manfaat bagi penduduk di negara tersebut.

Salah satu lembaga think tank yang memiliki fokus pada aspek kebebasan ekonomi adalah lembaha think tank asal Amerika Serikat, The Heritage Foundation. Setiap tahunnya, lembaga think tank tersebut merilis laporan mereka mengenai indici kebebasan ekonomi negara-negara di dunia, yang dikenal dengan nama Index of Economic Freedom. Indeks tersebut mengukur kebebasan ekonomi berbegai negara di dunia, dan membuat peringkat berdasarkan indicatore-indicatore yang mereka gunakan.
Setelah itu, negara-negara tersebut dibagi menjadi lima kategori, yakni libero, per lo più libero, moderatamente libero, per lo più non libero, dan represso. Negara-negara yang menduduki peringkat free diduduki negara-negara yang di mana memiliki kerangka hukum yang mendukung kegiatan ekonomi secara bebas, serta institusi yang transparan e bebas dari korupsi. Sebaliknya, negara-negara yang membatasi kegiatan ekonomi masyarakatnya secara ketat, serta memiliki institusi yang tertutup dan korup, maka mereka menduduki peringkat yang rendah.

Setelah peringkat tersebut disusun, terbukti bahwa, secara rata-rata, negara-negara yang menduduki peringkat free memiliki pendapatan per kapita yang sangat tinggi. Sebaliknya, negara-negara yang menduduki peringkat bawah dalam indici tersebut, atau masuk dalam kategori repressi, cenderung memiliki Produk Domestik Bruto (PDB) per kapita yang rendah. Pada tahun 2019 misalnya, rata-rata negara-negara yang masuk dalam kategori free memiliki PDB per kapita sebesar USD63.588, semera negara-negara yang menduduki peringkat terbawah rata-rata PBD per kapitanya hanya USD7.716 (The Heritage Foundation, 2020) .

Hasil dari penelitian ini tentu merupakan sesuatu yang sangat penting untuk diperhatikan oleh berbegai pembuat kebijakan di seluruh dunia. Kebebasan ekonomi merupakan pilar yang sangat penting sebagai dasar peningkatan kesejahteraan di sebuah negara.

The Heritage Foundation sendiri menggunakan beberapa indikator untuk mengukur tingkat kebebasan ekonomi di sebuah negara dalam indeks mereka. Salah satu dari indikator tersebut yang sangat penting adalah perlindungan terhadap kepemilikan pribadi (diritti di proprietà privata).

Adanya kerangka hukum dan sistema kelembagaan yang melindungi kepemilikan seseorang merupakan ha yang sangat krusial untuk menunjang kebebasan ekonomi. Tanpa adanya perlindungan terhadap hak kepemilikan, tentu attività economiche tidak dapat berjalan dengan lancar, karena setiap orang dapat merampas hak milik orang lain dengan mudah.

Perlindung hak kepemilikan pribadi ini bukan hanya mencakup dengan aset-aset yang nyata, atau yang dikenal juga dengan beni tangibili, namun juga harus mencakup hak kekayaan intellettuale. Perlindung hak kekayaan intelektual merupakan hal yang sangat penting untuk melindungi for innovator and orang-orang yang creative agar mereka bisa mendapatkan manfaat economi dari karya yang mereka buat dengan bersusah payah e Kerja Keras.

Sebagaimana dengan perlindungan hak kepemilikan pribadi terhadap aset-aset yang tangibile, tanpa adanya perlindungan terhadap hak kekayaan intellettuale, maka kebebasan ekonomi akan sulit untuk dicapai. Tanpa adanya perlindungan terhadap hak kekayaan intelektual, maka setiap orang dapat dengan mudah membajak e mencuri hasil karya orang lain untuk keuntungan diri mereka sendiri, tanpa harus menaruh usaha e bekerja keras per membuat e menciptakan karya tersebut.

La maggior parte delle persone che cercano di ottenere informazioni intellettive è una delle principali opportunità di cui hai bisogno per ottenere informazioni o un'attività commerciale. Pada tahun 2017 misalnya, settore-settore yang bertumpu pada hak kekayaan teleh berkontribusi pada lebih dari 30% dari tenaga kerja di negara-negara maju seperti Amerika Serikat dari Eropa, e telah berkontribusi terhadap 40% PDB dari Amerika Serikat e Uni negara-negara Eropagara (Forbes.com, 26/4/2017).

Perlindung yang lemah terhadap hak kekayaan inteletual juga telah membawa kerugian e malapetaka di negara-negara yang berpenghasilan rendah e menengah. L'esecutivo diretto dell'organizzazione ha sostenuto l'intellettualità intellettuale, Property Rights Alliance, Lorenzo Montanari, mencatat bahwa perlindungan hak kekayaan intelektual yang buruk di negara-negara berpenghasilan rendah e menengah telah merugikan banyak pelaku ekonomi locale (Forbes.com, 26/4/2017).

Montanari mencatat hal yang terjadi della Nigeria misalnya, merupakan salah satu contoh dari hal tersebut. Nigeria Merupakan salah satu negara yang memilki industri perfilman yang sangat maju, yang dikenal dengan julukan Nollywood. Industri perfilman of Nigeria juga telah melahirkan banyak attore-attore ternama yang memiliki base penggemar dari seluruh dunia.

Namun, karena negara tersebut tidak memiliki perlindungan terhadap hak kekayaan intelektual yang kuat, maka para produser dan pembuat film of Nigeria tidak bisa mendapatkan investasi yang besar untuk menunjang industri perfilman mereka, karena banyaknya pembajakan. Ini tentu merupakan hal yang sangat merugikan bagi industri perfilman della Nigeria, e besar kemungkinan hal tersebut akan menghambat perkembangan industri perfilman di negara tersebut.

Sebagai penutup, perlindungan hak kepemilikan pribadi, termasuk juga hak kekayaan intelektual, merupakan salah satu pilar penting kebebasan ekonomi, yang merupakan fondasi untuk meningkatkan kesejahteraan. Untuk itu, bila sebuah negara ingin meningkatkan kesejahteraan masyarakatnya, memperkuat perlindungan hak kekayaan intelektual, sebagai bagian dari perlindungan hak kepemilikan pribadi, merupakan hal yang sangat penting untuk menjadi perhatian bagi para pembuat kebijakan di sebuah negara.

Originariamente pubblicato qui.

Il valore delle pubblicità

Per Bill Wirtz

Avez-vous déjà acheté quelque chose à cause de l'image d'une marque ? Certamente, surtout lorsque l'emballage est très voyant et séduisant. Se nous devions nier que nous répondons à de bonnes publicités, nous pourrions tout aussi bien condamner des million de départements marketing à l'obscurité, car quelle valeur a le marketing in un monde d'ingourdis.

Nous répondons aux marques comme un facteur qui guide nos décisions d'achat, mais pour fidéliser la clientèle, il faut plus qu'un bon emballage. I consumatori moderni si preoccupano della stessa qualità di un prodotto: è interessato ai metodi di produzione, al traitement éthique des travailleurs e alle catene di approvazione dei beni durevoli. Il fatto che noi preferiamo tendenzialmente appellarci al “greenwashing” è un vero e proprio fenomeno dei consumatori che esercitano una pressione sulle imprese per cambiare le loro politiche.

À quoi servirait cette pression se nous devions nous débarrasser complètement du marketing ou de la notoriété de la marque ? La raison pour laquelle je fais pression sur mon producteur d'ordinateurs portables préféré pour qu'il évite à tout prix l'esclavage est que je peux consciemment rester fidèle... non pas aux ordinateurs portables eux-mêmes, mais à cette marque en particulier. Se questo produttore di software si impegna anche a rispettare le norme rigorose in materia di protezione della vita privata, alors è anche lui a essere un ambasciatore non remunerato del marchio per questa impresa, grazia al bouche-à-oreille. 

Alcuni difensori della sanità pubblica affermano che la strategia del marchio e il marketing sono coerenti essenzialmente per colpire i consumatori nel loro acquisto di scelte che sono malsane per loro o per guidarli verso le azioni che non vedono davvero bene. Les termes “marketing” et “lavage de cerveau” apparaissent parfois comme des sinonimos, surtout lorsqu'il s'agit d'enfants. Certi prodotti hanno l'oggetto di un'interdizione flagrante della pubblicità in certi Stati membri dell'UE, che sono il carattere della pubblicità per i bambini, o per i genitori che scrivono più tardi. Queste interdizioni suggeriscono di sopprimere la responsabilità dei genitori.

Se la scelta è tra l'educazione dei bambini sulle conseguenze del loro comportamento e un flagrante divieto di pubblicità per i prodotti, la maggior parte delle persone preferite educa i bambini. Les enfants ne peuvent apprendre à devenir des consommateurs responsables plus tard que s'ils sont éduqués, au lieu de se faire réprimander. L'approccio restrittivo e punitivo est celle que nous appliquions aux enfants et aux jeunes adultes jusqu'à la révolution culturelle de 1968, et elle n'a donné aucun résultat résultat positif. Oui, i diffusori devono essere consapevoli che l'affichage de publicités pour l'alcool pendant les emissions pour enfants est (au-delà du fait qu'il n'est pas économique pour la società de publicité) irresponsabile. Cela ne signifie pas pour autant qu'il faille dissimuler l'existence de l'alcool aux enfants. Sì, l'alcol esiste, et sa consumazione à l'age approprié et en quantités appropriées peut être sûre.  

Nous devons traiter les enfants comme des enfants, mais nous ne devons pas oublier qu'ils sont en train de grandir et qu'ils sont capace di comprendere les nuances en grandissant. Una protezione eccessiva non è seulement improduttiva, mais elle est aussi condiscendente pour les consommateurs adultes. Sous le couvert de la croyance mal informée que tout marketing est maleveillant et sous l'affermazione précise mais hors contexte que toutes les publicités PEUVENT être vues par les enfants, certain plaident pour une interdiction complète. Ce n'est pas la bonne façon de procéder. Numerose piattaforme video e servizi di streaming offrono già opzioni di controllo parentale, che aiutano a regolare le scelte che i bambini vogliono. I principali navigatori internet font de même.

Le restrizioni alla commercializzazione non sono solo un coup porté à l'information des consommateurs du point de vue de la disponibilité des produits, c'est anche un messaggio chiaro ai genitori che leur dit “nous ne vous faisons pas confiance pour faire les bons choix pour vos propres enfants”. Les publicités sont essentielles à la liberté des marques. I marchi sono importanti per i consumatori, non solo perché hanno stabilito la fedeltà dei consumatori, ma anche perché aiutano a distinguere i prodotti sul mercato. Nelle situazioni o nelle imprese che forniscono informazioni inesatte sui loro prodotti, i concorrenti possono commercializzare prodotti più sicuri e più sani. C'est l'essence même du choix du consommateur.

Niente più futuri divieti di alcol, per favore!

La ricerca mostra che i blocchi hanno stimolato la crescita del mercato nero degli alcolici.

Cosa succede quando qualcosa che la gente vuole davvero viene bandito? Smettono di volerlo? O trovano altri modi per accedervi? La nostra esperienza con il blocco del divieto di alcol risponde a questa domanda e deve far riflettere i responsabili politici quando considerano i loro piani futuri.

Secondo la Transnational Alliance to Combat Illicit Trade (Tracit), i divieti di alcolici hanno stimolato la crescita del mercato nero degli alcolici. La ricerca dell'Institute for Security Studies supporta questa conclusione, così come le dichiarazioni del South African Revenue Service.

Ed è semplicemente logico: le persone non sono robot e non smettono improvvisamente di desiderare e desiderare determinati prodotti solo perché alcuni politici hanno detto che deve essere così. I lettori di questo articolo probabilmente sanno molto bene per esperienza personale che, sul terreno, l'alcol non ha smesso di scorrere. Per l'industria formale e legale degli alcolici, tuttavia, i divieti sull'alcol in Sudafrica sono stati disastrosi.

La giustificazione per i divieti era abbastanza intuitiva: prevedendo che un aumento dei pazienti Covid-19 arrivasse negli ospedali sudafricani, il governo voleva ridurre il numero di pazienti affetti da una condizione correlata all'alcol occupando spazio verso l'alto. Il settore sanitario aveva bisogno di tempo, così si ragionava, per espandere la propria capacità.

Il primo divieto di alcol è stato imposto tra il 27 marzo e il 1 giugno 2020, il secondo dal 12 luglio al 17 agosto e il più recente è stato dal 28 dicembre 2020 al 1 febbraio 2021, quando è stato in gran parte revocato.

Lunedì 24 agosto 2020, il ministro della salute Zweli Mkhize ha annunciato che "non hanno iniziato a smantellare alcuni degli ospedali da campo [perché non sono più necessari] letti aggiuntivi". Questo è avvenuto solo pochi giorni dopo che il blocco è stato declassato dal livello 3 al livello 2. Il ministro del governo cooperativo Nkosazana Dlamini-Zuma ha messo in guardia i sudafricani contro la possibilità molto reale di una seconda ondata nel prossimo futuro poiché le restrizioni alle loro libertà venivano eliminate.

A dicembre, quando ha annunciato il rinnovo del divieto di alcol, il presidente Cyril Ramaphosa ha notato come gli ospedali fossero sopraffatti da casi di traumi correlati all'alcol.

Il governo ha ampliato la capacità dell'ospedale e poi l'ha smantellato, sapendo bene che una seconda ondata era probabilmente all'orizzonte. È materia di governo dispettoso e arbitrario, quindi, punire un enorme settore dell'economia, per non parlare dell'opinione pubblica sudafricana, per la miope pianificazione del governo.

Mentre il divieto di blocco degli alcolici potrebbe essere stato revocato al momento della stesura, Dlamini-Zuma ha chiarito che vietare nuovamente gli alcolici non era fuori discussione. L'industria dell'alcol è quindi ora intrappolata in una posizione di impossibile incertezza.

Il ministro Dlamini-Zuma afferma che l'intenzione del divieto non è quella di causare danni all'industria, ma una tale garanzia è di magra consolazione alla luce dei fatti.

L'industria degli alcolici nel 2019 aveva sostenuto i mezzi di sussistenza di un milione di sudafricani e contribuito a più di 3% del PIL, per non parlare degli oltre 15 miliardi di rand di entrate fiscali che ha portato al governo. In effetti, i soldi che l'industria dell'alcol ha perso a causa del blocco delle bevande alcoliche avrebbero fatto molto per finanziare la campagna di vaccini del Sud Africa.

Tracit ha scoperto che c'è stato un aumento di 900% nelle vendite di ananas dopo l'entrata in vigore del divieto di alcol. L'ovvia ragione di ciò è che molte persone hanno iniziato a produrre birra all'ananas in casa e presumibilmente a venderla sul mercato nero.

Anche i supermercati, cogliendo l'occasione, “hanno iniziato a vendere la frutta in confezione con zucchero e lievito”. Durante il divieto, la polizia ha anche denunciato il contrabbando di contrabbando di alcol dagli stati vicini e le perdite per l'industria legale nel commercio illecito, secondo Tracit, dovrebbero salire a circa 13 miliardi di rand all'anno.

Sebbene il commercio illecito sia del tutto comprensibile, date le decisioni politiche sconsiderate prese dal governo, i consumatori dovrebbero comunque fare attenzione ai rischi per la salute derivanti dall'acquisto di alcolici fatti in casa. Mentre l'industria legale degli alcolici è soggetta a severi standard di qualità, chi vende birra appena prodotta nel proprio garage non lo è. Dozzine di decessi segnalati sono già il risultato di un consumo così pericoloso.

Alcuni che non partecipano al consumo di alcol (io sono tra loro), hanno ammesso il danno economico che questo divieto ha causato, ma non simpatizzano con l'industria dell'alcol, a cui attribuiscono lo sfruttamento della popolazione povera del Sud Africa.

Questa prospettiva, sfortunatamente, non coglie il punto che l'"industria dell'alcol" non è tutta direttamente interessata all'alcol. Aziende di imbottigliamento del vetro, rivenditori, società di trasporti, ristoranti e una moltitudine di altre imprese fanno parte di questo settore e molte, in modo indiretto, ne dipendono. Devono soffrire anche i dipendenti, e le loro famiglie, delle aziende di imbottigliamento e dei ristoranti, solo per farsi vedere dai produttori di bevande?

La libertà di scelta dei consumatori è garantita dalla Costituzione, e significa che altre persone – compresi i poveri – possono decidere di fare cose con cui le classi chiacchierone non sono d'accordo. Ciò include il consumo di alcol. Il mercato è incentrato sui fornitori che soddisfano la domanda e creano valore per i propri consumatori, e questo è esattamente ciò che stanno facendo coloro che operano nel commercio di alcolici. Non solo è economicamente devastante per il governo, sostenuto da una piccola élite di intellettuali che disapprova il consumo di alcol, interferire in questa libertà, ma è anche profondamente condiscendente e immorale.

Tracit raccomanda giustamente che i divieti e le proibizioni non debbano essere considerati un mezzo legittimo per rispondere al Covid-19, poiché una tale risposta manca di benefici evidenti e le conseguenze sono disastrose per l'industria dell'alcol, l'economia, il governo e l'intero Sudafrica società. È molto più sicuro per i sudafricani, la cui domanda di alcolici non sta andando da nessuna parte, potervi accedere nel mercato legale, dove è soggetto a standard di qualità e dove il punto vendita è soggetto a distanziamento sociale e norme igieniche.

Nessuna economia può funzionare in modo efficiente in presenza del tipo di incertezza politica che regna attualmente in Sudafrica. Il governo deve rassicurare l'industria degli alcolici che ulteriori divieti sono fuori discussione. Altrimenti, dovremmo aspettarci ulteriori disinvestimenti da parte dell'industria e l'ulteriore crescita del commercio illecito, anche ora che il divieto è stato sospeso.

Sebbene alcune misure di buon senso per combattere il Covid-19 possano essere mantenute, è giunto il momento che il Sudafrica torni a un sano rispetto per la libertà di scelta.

Martin van Staden è South African Policy Fellow presso il Centro di scelta del consumatore

Originariamente pubblicato qui.

Cosa significa la sentenza della Corte Suprema del Regno Unito su Uber per la gig economy? Esperti commerciali e legali reagiscono

Uber ha visto la sentenza della più alta corte del Regno Unito che i suoi autisti sono lavoratori in un caso "storico".

La Corte Suprema si è pronunciata a favore di 35 autisti Uber in un caso avviato per la prima volta nel 2016. Gli autisti, che sono stati considerati lavoratori autonomi dall'app statunitense di ride-hailing, hanno sostenuto che dovrebbero invece essere classificati come lavoratori.

Secondo la legge del Regno Unito, una persona classificata come lavoratore ha diritto ad alcuni diritti tradizionalmente goduti dai dipendenti, tra cui la retribuzione delle ferie e il salario minimo.

La sentenza è uno dei casi di occupazione più significativi che il Regno Unito abbia visto. È un duro colpo per Uber in quello che è uno dei suoi più grandi mercati di consumo e non è ancora noto quale impatto avrà sulla più ampia economia dei concerti del Regno Unito in futuro. 

Diverse altre app di taxi, tra cui Bolt, Kapten e Ola, operano attualmente su un modello simile a Uber in tutto il Regno Unito e la più ampia economia dei concerti è cresciuta in modo significativo negli ultimi dieci anni nei settori della vendita al dettaglio e dei consumatori. 

Il lavoro autonomo rappresenta oltre un terzo (35%) della crescita dell'occupazione dal 2008, secondo la Resolution Foundation. 

Uno dei principali ricorrenti nel caso, James Farrar, ha affermato di sperare che la sentenza "riordinerà radicalmente" il modo in cui operano le aziende della gig economy. 

Qui vi riportiamo le reazioni alla sentenza e i commenti sul suo significato da parte di esperti politici, legali, aziendali e delle risorse umane: 

Susannah Streeter, analista senior di investimenti e mercati presso Hargreaves Lansdown, ha osservato che il prezzo delle azioni di Uber è sceso di 1% all'apertura delle negoziazioni a Wall Street "mentre gli investitori hanno digerito le implicazioni della sentenza del Regno Unito".

Ha affermato che è probabile che sia in programma un "ripensamento significativo" delle politiche del lavoro di Uber e che potrebbe persino accelerare i piani di Uber di introdurre auto a guida autonoma "per eliminare il mal di testa e il costo del lavoro umano".

L'analista ha indicato la società di consegne Hermes, che ha perso una sentenza simile nel Regno Unito nel 2018, e ha finito per raggiungere un accordo con i sindacati che ha visto i corrieri offrire uno status di "lavoratore autonomo plus". 

Streeter ha affermato che la decisione della Corte Suprema è l'ultimo colpo “che intacca il modello di gig economy su cui le compagnie di trasporto e consegna hanno sviluppato attività tentacolari e redditizie”.

"Uber deve affrontare sfide in altre parti del mondo per lo status di lavoratore autonomo degli autisti, quindi è probabile che sia in programma un ripensamento significativo delle sue politiche del lavoro", ha affermato. "La decisione della Corte Suprema del Regno Unito porta Uber in un vicolo cieco nella sua battaglia legale e ora il servizio di ride-hailing dovrà sostenere costi aggiuntivi significativi nel Regno Unito, per pagare ai conducenti il salario minimo e gli straordinari e potenzialmente anche un risarcimento".

Il sindaco di Londra, Sadiq Khan, ha accolto con favore la sentenza e ha detto che "vuole che Londra sia il posto migliore per fare affari e anche il posto migliore dove lavorare".

Ha detto: “I lavoratori della gig economy meritano gli stessi diritti degli altri lavoratori.

“Esorto le imprese della capitale, comprese le società di noleggio private, a pagare ai propri lavoratori il London Living Wage e a dare loro la sicurezza che meritano.

“Trattare bene i lavoratori porta ad un aumento della produttività.

"Londra è una potenza tecnologica mondiale, ma i datori di lavoro devono rispettare le regole".

Alexandra Mizzi, direttore legale dello studio legale Howard Kennedy, ha affermato che il risultato "sottolinea la lezione chiave per le aziende della gig economy: chiamare qualcuno un lavoratore autonomo non maschera la realtà legale".

Mizzi ha dichiarato: "Questo risultato significherà che i 45.000 autisti Uber stimati nel Regno Unito beneficeranno di una serie di tutele legali, tra cui l'indennità di malattia, le ferie e le protezioni per gli informatori in futuro".

L'avvocato ha osservato che Uber dovrà anche affrontare "un'enorme responsabilità per il salario minimo nazionale non pagato, applicato dall'HMRC, poiché la Corte ha anche riscontrato che i conducenti stavano lavorando quando hanno effettuato l'accesso all'app". 

Andy Davies, vicepresidente senior presso l'azienda globale delle risorse umane,MHR , ha affermato che la sentenza mostra che "la marea sta cambiando" sui datori di lavoro della gig economy.

Ha detto: "La marea si sta trasformando in quei datori di lavoro che usano senza scrupoli i gig worker come fonte di manodopera a basso costo e dovrebbero servire come duro promemoria per altre aziende che, a meno che il personale non si adatti perfettamente alla fascia dei" dipendenti ", devono considerare attentamente il loro stato lavorativo, o si considerino gravemente di tasca propria in futuro.

La sentenza secondo cui i conducenti sono lavoratori potrebbe persino vedere i diritti dei lavoratori dell'intera economia dei concerti ai contributi pensionistici, ha affermato l'esperta di Aegon Kate Smith.

Smith, che è il capo delle pensioni della società di servizi finanziari, ha affermato che la sentenza "potrebbe avere effetti a catena per tutti i lavoratori dei concerti, dando loro non solo il diritto alla retribuzione delle ferie, ma potenzialmente anche altri benefici sul posto di lavoro come i contributi pensionistici del datore di lavoro". 

Ha detto: "Questa riclassificazione è un altro passo verso l'apertura delle porte all'auto-iscrizione per tutti i gig worker, dando loro l'opportunità di risparmiare per la pensione, con l'importante potenziamento del diritto a un contributo pensionistico del datore di lavoro 3%".  

Rosie Hooper, pianificatore finanziario abilitato presso il gestore patrimoniale Quilter, ha aggiunto: "È necessario uno sforzo concertato per continuare a incrementare l'impegno nelle pensioni e garantire che coloro che si iscrivono per la prima volta sappiano a cosa stanno contribuendo e dove stanno andando".

I gruppi per i diritti dei consumatori hanno avvertito che la decisione potrebbe far aumentare i prezzi e dissuadere le società di taxi dall'investire nel Regno Unito.

Yaël Ossowski, vicedirettore del gruppo globale di difesa dei consumatori Consumer Choice Center, ha affermato che "la sentenza invia il segnale che le società di rideshare non sono le benvenute nel Regno Unito" e che questo "non è ciò che vogliono i consumatori".

Ha detto: "Il modello flessibile che finora ha spinto la crescita di aziende come Uber, Lyft e altre è stato vantaggioso sia per i conducenti che desiderano indipendenza sia per i consumatori che desiderano convenienza e prezzi competitivi".

Uber ha detto che "rispetta la decisione del tribunale"

Jamie Heywood, direttore generale regionale di Uber per l'Europa settentrionale e orientale, ha dichiarato: "Rispettiamo la decisione della Corte che si è concentrata su un numero limitato di conducenti che hanno utilizzato l'app Uber nel 2016.

“Da allora abbiamo apportato alcune modifiche significative alla nostra attività, guidati dagli autisti in ogni fase del percorso. Questi includono dare un controllo ancora maggiore su come guadagnano e fornire nuove protezioni come un'assicurazione gratuita in caso di malattia o infortunio.

"Ci impegniamo a fare di più e ora consulteremo tutti i conducenti attivi in tutto il Regno Unito per comprendere i cambiamenti che vogliono vedere".

Uber ha osservato che essere un lavoratore “è una classificazione legale specifica del Regno Unito” e che la sentenza non ha ritenuto che i ricorrenti fossero dipendenti” – e che la sentenza “non si riferisce ai corrieri che guadagnano con Uber Eats”.

Originariamente pubblicato qui.

Le incongruenze del principio di precauzione europeo

L'ingegneria genetica continua a non essere consentita nell'UE, ma la mutagenesi casuale lo è.

Nonostante abbia rivoluzionato l'agricoltura, l'ingegneria genetica non è consentita nell'Unione europea. Ho esposto il problema con questa legislazione dell'UE in altri post di blog su questo sito web. In questo articolo, voglio spiegare la palese incoerenza di consentire la mutagenesi casuale quando l'ingegneria genetica rimane illegale.

Le tecnologie convenzionali di miglioramento genetico delle piante includono la mutagenesi casuale. Nel 20° secolo, i coltivatori di piante hanno aumentato significativamente il numero di mutazioni naturali inducendole attraverso sostanze chimiche e radiazioni, ottenendo cambiamenti nel genoma che non sono diretti o il cui esito non è certo.

Robert Hollingworth, professore emerito del Dipartimento di Entomologia e dell'Istituto per la Tossicologia Integrativa della Michigan State University (MSU) ha descritto il processo come segue:

“Più raccolti di quanto si possa immaginare, oggi al supermercato, sono stati effettivamente generati dalla mutagenesi. O trattando i semi con sostanze chimiche che causano mutazioni o facendoli esplodere con radiazioni. Ruby Red Grapefruit ne è un esempio e alcuni dei ceppi di orzo che vengono utilizzati, anche per produrre birra biologica, sono stati prodotti in questo modo. È abbastanza comune.

Con la mutagenesi, spesso la maggior parte delle cose che accadevano erano brutte e quindi venivano buttate via, ma di tanto in tanto risultava qualcosa di positivo, come non avere semi o essere più corti e quindi più facili da raccogliere e alla fine quelli venivano rilasciati sul mercato, e senza che nessuno faccia una domanda”.

In sostanza, gli OGM, e in modo ancora più diretto, l'editing genetico, sono metodi precisi, mentre la mutagenesi esistente è imprecisa. Un'applicazione coerente della politica di sicurezza alimentare precauzionale darebbe priorità all'ingegneria genetica rispetto alla mutagenesi casuale.

Un elenco di migliaia di varietà mutanti create attraverso le radiazioni è disponibile sul sito web dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica, rendendo le informazioni accessibili al pubblico. Tuttavia, nonostante sia pubblicamente disponibile, sicuramente non è di dominio pubblico, paragonabile al modo in cui molti consumatori credono che la produzione di alimenti biologici non implichi pesticidi. Se i prodotti alimentari dovessero essere etichettati con un "prodotto creato attraverso le radiazioni", potremmo aspettarci una conversazione ragionata sui pro ei contro di questo metodo, o piuttosto un rifiuto totale di questi prodotti fin dall'inizio? La risposta è intuitiva. Questo non è un tentativo di screditare la mutagenesi casuale come tecnologia di miglioramento genetico delle piante, né fare un'affermazione più ampia sull'etichettatura obbligatoria, tuttavia apre questa domanda: avere una certezza considerevolmente maggiore sugli effetti prodotti dall'ingegneria genetica rispetto a quelli creati da mutagenesi, perché le etichette OGM obbligatorie sono un'opzione politica più allettante?

Inoltre, le incoerenze del discorso pubblico si sono fatte strada nella legislazione a livello dell'Unione Europea. La direttiva sull'uso degli OGM (trattata nel prossimo capitolo) esclude la mutagenesi casuale, come ha confermato la Corte di giustizia europea: “La Corte afferma, tuttavia, che risulta dalla direttiva OGM che essa non si applica agli organismi ottenuti mediante determinate tecniche di mutagenesi, vale a dire quelli che sono stati convenzionalmente utilizzati in una serie di applicazioni e hanno una lunga esperienza di sicurezza. "

Ciò è incoerente con la comprensione scientifica di queste procedure. Infatti, la transgenesi indotta dall'uomo ha una lunga storia di sicurezza, mentre i risultati della mutagenesi casuale sono, come spiegato in precedenza, volatili.

L'Unione europea deve rivedere il suo approccio al principio di precauzione. Quello che attualmente vediamo è che le soluzioni innovative vengono rimproverate, mentre quelle vecchie e più problematiche vengono prese in considerazione, perché confermano i pregiudizi di alcuni nell'UE. 

Originariamente pubblicato qui.

Податок на інтернет гігантів будемо платити ми

Per esempio, devi fare in modo che l'economia sia economicamente vantaggiosa per le tue riforme, ma il nuovo metodo di pagamento.

17-го лютого в середу Верховна Рада прийняла за основу законопроект про так званий податок на Гугл, який зобов'яже “big tech” (інтернет-гігантів) сплачувати податок на додану вартість до українського бюджету. Необхідність законодавчого акту, як пояснюють парламентарі-ініціатори, полягає в тому, що несплата компаніями-нерезидентами ПДВ призводить до втрат державного бюджету та створює неконкурентне середовище для резидентів-платників.

I pandemici del luogo in cui si trova l'unico posto in cui c'è una grande quantità di denaro in arrivo. Останній рік став переломним моментом для цифрової економіки. Вона рятувала нас від самотності під час квітневого і лютневого локдаунів, допомогала просувати власні бізнес-ідеї через рекламу в соцмережах та заохочувала створення нових додатків девелоперами. Мова йде про реальних споживачів. І саме їм – нам з вами – доведеться платити цей ПДВ. 

Prima di tutto, які охоплює нове регулювання, є досить широким. Зокрема, до таких послуг, зокрема, але не виключно, належать:

a) постачання зображень або текстів, в тому числі фотографій, електронних книжок та журналів;
б) postare audio in un video, video in uscita, igore, estrazione di denaro, postare in uscita;
в) надання доступу до інформаційних, комерційних, освітніх та розважальних електронних ресурсів та інших подібних ресурсів;г) надання у користування хмарних технологій для розміщення даних;
ґ) постачання (передача прав на використання) програмного забезпечення та оновлень до нього, а також дистанційне обслуговування програмного забезпечення та електронного обладнання;
d) надання рекламних послуг в мережі «Інтернет», мобільних додатках та інших електронних ресурсах.

Податок на додану вартість, як відомо, є непрямим податком, який сплачується покупцем послуг, але саме адміністрування здійснюється продавцем. Таким чином, будь-які послуги, які ми зараз отримуємо через інтернет (Youtube, Netflix, Google, Apple, AliExpress). Аналогічне подорожчання відбудеться у сфері e-commerce, а зокрема розміщувати реклами в соціальних мережах та мобільних додатках стане дорожче. Поширення ПДВ на інтернет-гігантів матиме прямий негативний вплив на малий бізнес в Україні, якому можливості інтернету дозволили комунікувати свою пропозицію більш ефективно.

Questo è il punto in cui il PC è stato installato su dispositivi elettronici – che è stato installato – per raggiungere il video. В одній з найбільш економічно вільних країн світу Сінгапурі вона становить 7 відсотків, в Америці – до 10, у Канаді – 6. Очевидно, що розширити спектр регулювання вже встановленої ставки ПДВ на електронні послуги для регулювання конкуренції є набагато легше, аніж зменшити ставку повністю. Chiedi a tutte le tue carte di credito che ci sono, in modo da ottenere un minimo di attenzione. 

Але наш парламентарh

“З 01 січня 2017 року в Російській Федерації був введений податок, який зобов'язав нерезидентів сплачувати податок на додану вартість з продажу на території РФ електронних послуг: цифрового контенту, послуг зберігання та обробки інформації, реєстрації доменів і хостингу та ін., при цьому vony повинні стати на податковий облік. I migliori esperti tecnologici e di controllo dell'organizzazione includono Apple Distribution International, Google Commerce, Microsoft Ireland, Netflix International BV, Wargaming Group, Bloomberg, Alibaba, Booking.com e così via. Загалом з моменту впровадження податку на податковий облік стало 1580 компаній. Il numero di giorni di crescita delle aziende (B2C) è aumentato nel 2017 – 9,4 milioni. руб., у 2018 – 12 млдр. руб., у І кварталі 2019 – 12 млдр. rub. (70% суми припадає найбільші IT компанії). L'analogico è stato pubblicato nel 2018 nel 2018. “

Рухаємось на захід до кращого та вільного майбутнього, quindi? А загалом, цифри про те, скільки надходжень до державного бюджету допоміг отримати новий ПДВ не можуть бути ключовим аргументом у випадку України. Як ми всі добре знаємо, всі надходження до бюджету проходять мільйон корупційних схема перше, ніж якась мінімальна частина з них впаде на нас у вигляді послуг, соціальних гарантій і тд. Lo stesso vale per quanto riguarda il nuovo PB. Нам треба зосередитись на тому, щоб лишити більше грошей на руках в звичайних громадян і дати їм можливість витрачати так, як вони вважають за потрібне.

Di conseguenza, l'aspetto di un problema non è stato risolto fino a quando non è stato risolto il problema. Компаніям-нерезидентам доведеться мати справу з нашою славнозвісною податковою і наділення її новими владними повноваженнями викликає занепокоєння. Відповідно до законопроекту, при проведенні податкової перевірки спрощеної податкової декларації поданої особою нерезидентом, може витребувати в особи нерезидента та третіх осіб інформацію та документи, які підтверджують факт постачання на митній території України електронних послуг фізичним особам, вартість поставлених послуг та терміни їх оплати. 

Загалом, головне, що нам всім варто зрозуміти стосовно розширення регулювання ПДВ це те, що платити за цедена прий. Per i piccoli sviluppatori che hanno bisogno di fare in modo che il loro prossimo futuro sia in Ucraina. Що з цими грошима буде робити DERжава – невідомо. Anche in questo caso, devi fare in modo che sia economicamente conveniente per le tue riforme, ma il nuovo metodo. Quando si tratta di un server, è possibile ottenere un risultato negativo, e una richiesta – відпочити від негативних per quanto riguarda il servizio.

Originariamente pubblicato qui.

Descrizione
it_ITIT