fbpx

"One Size Fits All" non si adatta affatto

Cosa succede se una taglia va bene per tutti

In molti modi, vari governi hanno approvato regolamenti con una mentalità "taglia unica". Il più delle volte, tuttavia, questo approccio limita erroneamente la scelta del consumatore e, cosa più importante, crea enormi esternalità che spesso non vengono affrontate. Il nostro obiettivo è evidenziare i casi in cui l'approccio "taglia unica" ha deluso i consumatori e spiegarne il motivo.

La preoccupazione per il glifosato negli alimenti è diventata un argomento importante negli ultimi due anni e ha attirato molta attenzione da parte dei media in un recente studio in cui hanno scoperto che birre e vini biologici contenevano piccole tracce di glifosato, un erbicida pre-raccolta e un aiuto alla raccolta utilizzato su colture di cereali come grano, avena e oli di semi vegetali come colza e girasole. Tuttavia, il limite di sicurezza della US Environmental Protection Agency per il glifosato è 100 volte superiore alle quantità trovate nei campioni di birra e vino e, quindi, il rischio di contaminazione umana è estremamente basso. Tuttavia, i politici vogliono vietare il glifosato che ridurrebbe i raccolti e renderebbe la birra e il vino ancora più costosi.

Probabilmente hai sentito parlare della "Beepocalypse", lo scenario catastrofico in cui il declino della popolazione di api è causato dai pesticidi. Tuttavia, le api mellifere in realtà non stanno diminuendo ma aumentando. Le riduzioni occasionali delle popolazioni di api da miele sono multifattoriali, ma gli acari della varrora e i virus che trasportano sono probabilmente i principali fattori trainanti, poiché l'alimentazione è un altro fattore importante. Secondo un ricercatore di api dell'USDA: "Se esiste una lista dei primi dieci di ciò che sta uccidendo le colonie di api mellifere, metterei i pesticidi al numero 11". Creando un regolamento "taglia unica" e quindi vietando i pesticidi, i responsabili politici potrebbero peggiorare il problema degli acari, il che danneggerebbe effettivamente le colonie di api da miele invece di proteggerle.

Gli strumenti per la protezione delle colture, inclusi erbicidi, insetticidi e fungicidi, sono essenziali per garantire la sicurezza e la sicurezza alimentare. Se le autorità di regolamentazione decidono di eliminare gradualmente queste sostanze, i prezzi dovrebbero aumentare con il calo dei livelli di produzione. Dopo la graduale eliminazione degli insetticidi neonicotinoidi in Francia, i coltivatori di barbabietole da zucchero erano sull'orlo del collasso ei prezzi stavano esplodendo. Per evitare un completo disastro, la Francia ha deciso di revocare il divieto per tre anni. Le agenzie per la sicurezza alimentare in Europa effettuano analisi scientificamente valide sulla sicurezza di queste sostanze chimiche. La decisione di vietarli a prescindere è politica, non scientifica, e finisce per danneggiare i consumatori.
I composti chimici prodotti dall'uomo sono vitali per camici e teli resistenti alla contaminazione, dispositivi medici impiantabili, innesti di stent, cerotti cardiaci, filtri per contenitori sterili, sistemi di recupero degli aghi, tracheostomie, filo guida per cateteri per laparoscopia e rivestimenti di contenitori per inalatori. Dichiarare pericolosi tutti questi composti chimici, cosa che il Congresso intende fare, senza valutare il rischio associato a ogni utilizzo, mette a repentaglio le tecnologie mediche salvavita e la sicurezza dei pazienti.
Se l'atto PFAS Action procedesse come scritto, metterebbe a serio rischio il mercato interno degli smartphone, utilizzati quotidianamente dalla stragrande maggioranza degli americani. Poiché i telefoni cellulari e la tecnologia 5G continuano a crescere e richiedono velocità più elevate a dimensioni più ridotte, questi composti sono coinvolti in tutto, dalla produzione di semiconduttori all'assistenza di data center per il cloud computing. La rimozione forzata di queste sostanze chimiche dal processo di produzione, soprattutto perché presentano un rischio minimo per gli esseri umani, interromperà drasticamente le catene di approvvigionamento e aumenterà i costi che danneggeranno maggiormente le persone a basso reddito.

La differenza tra pericolo e rischio

Gran parte dell'approccio "taglia unica" può essere riassunto come un'incapacità di comprendere correttamente la differenza tra pericoli e rischi. Questa è una distinzione incredibilmente importante quando i responsabili politici elaborano leggi volte a proteggere i consumatori e, in molti casi, la salute pubblica. 

La regolamentazione basata sul rischio considera l'esposizione ai pericoli. Ad esempio, il sole è un pericolo quando si va in spiaggia, tuttavia la luce solare consente la produzione di vitamina D da parte del corpo e una certa esposizione ad essa è essenziale per la salute umana. 

Come per tutto il resto, è la quantità di esposizione che conta. Un approccio normativo alla luce solare basato sul rischio ci chiuderebbe tutti in casa e vieterebbe tutte le escursioni in spiaggia, piuttosto che avvertire i bagnanti di limitare la loro esposizione applicando la protezione solare. Il risultato finale sarebbe quello di danneggiare, non la protezione della salute umana. 

La stessa logica della regolamentazione basata sui pericoli è troppo spesso applicata nella regolamentazione della protezione delle colture, dove crea incoerenze altrettanto assurde. Ad esempio, se il vino venisse spruzzato sui vigneti come pesticida, dovrebbe essere vietato dalla legislazione dell'UE, poiché l'alcol è un cancerogeno noto e piuttosto potente ad alti livelli di consumo. Tutto ciò viene razionalizzato attraverso un'applicazione incoerente e distorta del principio di precauzione. 

In sostanza, i sostenitori della regolamentazione basata sui pericoli sosterrebbero la messa al bando di tutti i metodi di protezione delle colture che non possono essere dimostrati completamente sicuri a qualsiasi livello, non importa quanto irrealistico - uno standard che, se applicato in modo coerente, metterebbe fuori legge ogni alimento biologico, ogni farmaco salvavita, e infatti ogni sostanza naturale e sintetica. Ignorando l'importanza dell'equazione Rischio = Pericolo x Esposizione, la regolamentazione basata sui pericoli non segue un approccio decisionale scientificamente valido.

La conseguenza dell'approccio "taglia unica":

Limita la scelta del consumatore

Ai consumatori viene impedito l'accesso a prodotti a rischio ridotto

Potenzia il mercato nero

Mina l'obiettivo centrale della regolamentazione: l'eliminazione del mercato nero

Trascura la scienza

Dà priorità alla "verità relativa", nonostante le prove scientifiche.

Leggi la nota politica qui

AIUTACI A COMBATTERE I REGOLAMENTI

Di tanto in tanto, ti terremo aggiornato sulle nuove e problematiche normative nel tuo paese e sui modi in cui puoi aiutarci a combatterle. Non preoccuparti, essere un membro è sempre gratuito!

Agire. Firma la petizione!

Potrebbe anche interessarti

Descrizione