fbpx

Il Consumer Choice Center ha lanciato una versione nuova e migliorata del suo Sharing Economy Index, classificando 60 città in tutto il mondo in base alla loro apertura all'innovazione nel settore.

Il indice è principalmente una guida per i consumatori, indirizzandoli verso le città più (e meno) favorevoli all'innovazione. In questo modo, possono sfruttare il meglio che l'economia della condivisione ha da offrire.

Allo stesso tempo, insegna ai regolatori un'importante lezione sulla sharing economy. Il settore è una meraviglia del 21° secolo, dal modo in cui è organizzata l'azienda agli orari personali dei lavoratori. Al contrario, gli sforzi per imporre al settore una legislazione unica per tutti sono bloccati nel passato e non faranno che peggiorare la situazione di tutti.

Ormai da secoli, il posto di lavoro abituale era organizzato intorno a una chiara gerarchia, dove alcuni portavano a termine un determinato numero di compiti noti e altri li controllavano per assicurarsi che il lavoro venisse svolto.

La fabbrica tradizionale, con i suoi operai e sorveglianti, corrisponde alla stessa descrizione. Man mano che i compiti nell'economia si moltiplicavano e il mondo diventava più ricco, le fabbriche spesso lasciavano il posto agli uffici e le tute da lavoro diventavano camicie e cravatte. La struttura sottostante del posto di lavoro, tuttavia, è rimasta la stessa.

L'economia della condivisione fa saltare in aria questo vecchio modello. È finita la gerarchia della catena di montaggio in fabbrica o della disposizione degli uffici, sostituita da una rete progettata per abbinare acquirenti e venditori indipendenti in modi che avvantaggiano entrambe le parti. Aziende come Airbnb, Uber e Fiverr sono piattaforme per i privati per fornire beni o servizi a chi ne ha bisogno, senza che nessun manager di controllo o sistema burocratico intralci gli scambi.

Tale decentramento non si ferma alla struttura adottata dalle aziende. Si estende fino alle attività quotidiane di coloro che lavorano nella gig economy. Come notato nel rapporto del Consumer Choice Center, in giro 79% di lavoratori indipendenti negli Stati Uniti e 80% di quelli dell'UE ha citato la capacità di produrre il proprio programma come motivo principale per cui hanno scelto la posizione in primo luogo.

Grazie alla sua natura aperta, la sharing economy è in grado di riprendersi da sfide serie. Se una parte della rete viene interrotta, un'altra può prendere il suo posto, con la rete più ampia che sopravvive sempre. Ad esempio, Uber è riuscita a rimanere attiva in Ucraina durante l'invasione russa, dovendosi spostare 60 tonnellate di rifornimenti dalla Romania all'Ucraina.

Le autorità di regolamentazione non condividono la stessa immagine positiva dell'industria dei concerti. Invece, vogliono che i lavoratori godano della protezione legale e dei vantaggi di essere un lavoratore dipendente regolare in un'azienda standard. Gli stessi responsabili politici ritengono che un dipendente debba essere in grado di richiedere sindacalizzazione, prestazioni sanitarie o risarcimento per negligenza e che i proprietari di piattaforme dovrebbero essere costretti a soddisfare tali richieste.

Se le autorità di regolamentazione dovessero fare a modo loro con la sharing economy, tuttavia, il decentramento non esisterebbe più. La proposta legislativa segna il ritorno al vecchio modello di fabbrica e ufficio. Gli Stati Uniti Legge sulla tutela del diritto all'organizzazione e il 2021 della Commissione Europea proposta di lavoro su piattaforma relega i gig worker allo status di dipendenti a tempo indeterminato e manager standard sulla base di una serie di criteri familiari: lavoro e sicurezza, contrattazione collettiva e un numero obbligatorio di ore lavorative settimanali.

Le conseguenze sarebbero terribili ovunque. Lontano dalla certezza del diritto, alcuni gig worker rimarrebbero del tutto senza lavoro, poiché non sono in grado di lavorare con un orario dalle 9 alle 5. Questo colpisce vulnerabile gruppi il più difficile poiché dipendono maggiormente da ambienti di lavoro flessibili.

Anche i consumatori ne soffriranno. Con sempre più normative, i servizi diventano più costosi e più difficili da acquisire. Una volta che i licenziamenti si intensificheranno e le aziende falliranno, i beni e i servizi su cui i clienti fanno affidamento potrebbero non essere più disponibili.

È consigliabile che i responsabili politici guardino al futuro piuttosto che al passato. Riconoscere e promuovere i punti di forza della sharing economy togliendosi di mezzo e lasciando che i lavoratori, i consumatori e le imprese stesse decidano il destino della sharing economy.

Originariamente pubblicato qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Descrizione