fbpx
Posta di Kiev

Uno dei miei migliori amici è un medico di malattie infettive a Lviv e durante la pandemia ho avuto la possibilità di imparare molto sulla preparazione dell'Ucraina alla pandemia. Dalla scioccante mancanza di dispositivi di protezione, dalla riluttanza a farsi vaccinare fino all'inizio ritardato e ai test insufficienti, i malfunzionamenti del nostro sistema sanitario sono stati palesemente messi in luce dalla crisi del COVID-19. 

Il tempo dirà cosa e quando esattamente è andato storto, ma una cosa è chiara: avremmo potuto fare di meglio. Infatti, secondo il Consumer Choice Center Indice di resilienza pandemica 2021, di cui sono coautore, abbiamo fatto il peggio del mondo.

Per dimostrare la preparazione globale alla pandemia, che era in linea di massima prevedibile, abbiamo esaminato 40 paesi attraverso il prisma dei seguenti fattori: approvazione del vaccino, campagna vaccinale, nonché il numero di posti letto in terapia intensiva e il ritmo dei test. I suddetti indicatori sono componenti cruciali della resilienza sanitaria come la capacità di prevedere minacce simili a COVID, riconoscerle precocemente, rispondere senza ricorrere al panico e a decisioni affrettate, evitare carenze, identificare e affrontare le barriere normative e sostenere lo stato di preparazione.

Sulla base dei risultati, la resilienza dei paesi è stata valutata come massima, superiore alla media, media, inferiore alla media e minima. Israele e gli Emirati Arabi Uniti sono in cima alla lista, mentre la maggior parte dei paesi dell'UE ha mostrato una preparazione media. Gran Bretagna e Stati Uniti sono sopra la media.

La Nuova Zelanda e l'Ucraina hanno mostrato la resilienza più bassa. Nel caso della Nuova Zelanda, il suo ritardo può essere spiegato dalla sua posizione e dalla rigida chiusura delle frontiere. A causa di un numero esiguo di casi, il sistema sanitario A causa di pochissimi casi, il suo sistema sanitario non ha affrontato del tutto il test di emergenza della gravità travolgente.

Invece, nel caso dell'Ucraina, i motivi sono diversi. In quanto stato post-sovietico che cerca di farsi strada nell'Unione Europea, l'Ucraina non è riuscita a sostenere un'efficace riforma del sistema sanitario. In combinazione con la corruzione, gli ostacoli normativi all'approvazione dei vaccini e una gestione inefficiente, l'Ucraina non solo non è riuscita a riconoscere tempestivamente i crescenti tassi di infezione e ad agire di conseguenza, ma anche ad adattare rapidamente il proprio sistema sanitario alle esigenze del giorno. 

Diamo un'occhiata a qualche numero. L'Ucraina ha impiegato 84 giorni in più rispetto al Regno Unito e oltre 50 giorni in più rispetto all'UE per iniziare ufficialmente la vaccinazione. I ritardi sono in gran parte il risultato della miopia e della mancanza di una strategia anti-COVID. Solo l'Australia, che ha iniziato la vaccinazione il 25 febbraio 2021, un giorno dopo l'Ucraina, ha un risultato peggiore dell'Ucraina in questo indicatore dell'indice.

Inoltre, il problema non era solo il processo di approvazione del vaccino in sé, ma anche la sua distribuzione. garantire la prima e la seconda fase della vaccinazione, sono necessarie 347 squadre mobili, secondo il Centro di sanità pubblica. In futuro, si prevede di creare un totale di circa seicento di questi team. Tutti questi passaggi richiedono tempo, poiché i lavoratori coinvolti nella vaccinazione devono prima sottoporsi a una formazione specifica da parte del Ministero della Salute e dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. In tempi di pandemia, i tempi sono più costosi e, di conseguenza, i ritardi sono molto costosi.

La lotta contro il virus è minata anche dallo scarso sostegno alla vaccinazione tra la popolazione ucraina. Secondo un sondaggio condotto dall'Istituto nazionale di ricerca sociologica di Kharkiv, a dicembre 2020 solo il 21% degli ucraini voleva essere vaccinato, il 40% era contrario.

Il numero medio di test giornalieri condotti in Ucraina per 100.000 abitanti (al 31 marzo 2021) – 0,51 – è uno dei più bassi al mondo. Questa cifra è 4 volte inferiore alla Gran Bretagna, 14 volte inferiore alla Slovacchia e 11 volte inferiore a Cipro. Secondo l'indice, solo l'India e il Brasile testano meno dell'Ucraina. Inoltre, è probabile che a causa della mancanza di test l'Ucraina non abbia fatto notizia come India 2.0. Ormai ogni ucraino conosce qualcuno che è morto di COVID, o almeno l'ha avuto una volta, quindi i numeri sono molto fuorvianti. 

Al contrario, paesi come la Corea del Sud e gli Emirati Arabi Uniti hanno imposto test drive-through. L'Abu Dhabi Health Services (SEHA) e il Dipartimento della salute di Abu Dhabi hanno messo in atto servizi di test per fermare la diffusione e sono stati incoraggiati i test ogni due settimane.

Per quanto riguarda la capacità dei posti letto in terapia intensiva, anche qui l'Ucraina è in fondo alla classifica. Prima dell'inizio della pandemia, in Ucraina c'erano 4,1 posti letto ogni 100mila abitanti. Per fare un confronto, la Polonia aveva 10,1 e la Russia – 8,3.

L'Ucraina ha molto da imparare dagli altri paesi e il nostro indice è una chiara indicazione che lo scenario della pandemia indiana è abbastanza reale per l'Ucraina se non risolviamo i problemi fondamentali del sistema sanitario e impariamo a pianificare meglio il futuro.

Originariamente pubblicato qui.

Condividere

Seguire:

Altri post

Iscriviti alla nostra Newsletter

Descrizione