fbpx

Sebbene la pandemia globale abbia portato a una serie di importanti cambiamenti nell'imminente Expo 2020 Dubai, la costruzione del padiglione "Bangkota" delle Filippine rimane senza ostacoli e i piani chiave formulati dal suo team prima dell'emergere di COVID-19 rimangono, ha affermato il Dipartimento del Commercio e dell'Industria (DTI).

Il vicesegretario DTI per il gruppo per le promozioni commerciali e PH Expo 2020 Dubai, il commissario generale supplente Rosvi C. Gaetos ha affermato che il "Bangkota" si sta avvicinando al suo pieno tasso di completamento e sarà presto pronto per catturare le curiosità del mondo nell'era post-pandemia .

“Siamo 97% completo di padiglione; siamo fortunati ad avere un ottimo imprenditore edile e anche un ottimo team di project management”, ha affermato Gaetos. “Entro il 30 agosto ci verrà consegnato il padiglione completamente completato. Questo è il momento in cui possiamo iniziare le prove tecniche in preparazione per l'apertura di questo ottobre. Quindi, siamo molto pronti.

“Sono lieto che con questa Expo di Dubai il governo filippino abbia fatto di tutto, a sostegno del bilancio e non solo. Se non fosse stato per la pandemia, avremmo davvero realizzato tutto già lo scorso anno", ha aggiunto.

Sebbene la costruzione, ha detto, stia procedendo su tutti i fronti, e in pochissimo tempo sarebbe pronta per il tanto decantato più grande evento mai organizzato nel mondo arabo, il processo non è stato facile a causa dei limiti della mobilità, in particolare durante il culmine della pandemia lo scorso anno, quando erano emersi i reciproci isolamenti tra i paesi.

Mentre stavano cercando di ricostruire la storia reinventata di 4000 anni delle Filippine attraverso il padiglione, l'Assistente Segretario ha detto che il DTI ha anche dovuto "reimmaginare" i modi per supervisionare il mega progetto da remoto per garantire che gli appaltatori stessero portando a dare vita ai progetti, fedeli alla visione e alle idee del team creativo.

“Eravamo fuori sede quando è scoppiata la pandemia; siamo appena tornati [da Dubai] a Manila. Quindi è stata una grande sfida. [Tuttavia], sembra che la visione dell'architetto e del governo sia stata soddisfatta. L'unica cosa che manca ora sarebbe mettere insieme il Viaggio dei visitatori alle mostre. In realtà è l'ultimo pezzo che stiamo finalizzando ora”, ha detto.

“Il rinvio [dell'Expo dello scorso anno]”, ha aggiunto, “è stato positivo anche per noi perché ci ha dato l'opportunità di mettere a punto molte cose. Ma tutto è stato fatto virtualmente perché non potevamo recarci a Dubai per ispezionare il padiglione in loco. È diventata davvero una prova della nostra pazienza e una prova della nostra creatività essere in grado di costruire il padiglione con noi qui ".

Fare di tutto per mantenere il terreno in funzione e soddisfare ciò che sembrava impossibile durante le straordinarie circostanze globali ha distinto questo enorme sforzo all'estero dalle varie partecipazioni alle fiere delle Filippine in passato, in effetti.

Gli obiettivi rimangono grandi come prima

L'assistente segretario del DTI ha ammesso che erano entrate in gioco incertezze derivanti dalle interruzioni che si sono sviluppate durante la pandemia.

“Il più grande impatto della pandemia è l'incertezza creata nei nostri piani. Potremmo essere riusciti a consegnare il padiglione secondo la nostra visione e i nostri obiettivi, ma quanto siamo sicuri che i visitatori verranno a visitarlo? Quanto siamo sicuri che le persone apprezzeranno ciò che abbiamo fatto? Ancora una volta, questo è il padiglione filippino più costoso che il governo abbia mai realizzato. Immagino che questo sia il più grande punto interrogativo che la pandemia ha portato alla ribalta ", ha raccontato.

“La responsabilità della consegna ricade in gran parte sulle spalle degli organizzatori, ma ci avevano assicurato che il numero di visitatori target rimane. Se riusciranno a fornirlo, saremo clienti incredibilmente felici.

Con gli Emirati Arabi Uniti che hanno raggiunto un traguardo dopo l'altro anche in mezzo a questa crisi globale, tuttavia, DTI ha espresso fiducia che l'obiettivo di 25 milioni di visitatori durante il mega evento di sei mesi sarebbe stato raggiunto, sostenuto dal comprovato mantra di Dubai: "Costruiscilo e loro verrà'.

A metà di questo mese, gli Emirati Arabi Uniti si sono posizionati in cima alla classifica mondiale in termini di tasso di vaccinazione, superando Israele, dopo aver somministrato più di 120 dosi del vaccino COVID-19 ogni 100 persone.

Prima di questo, la grande spinta del paese del Golfo per inoculare allo stesso modo i suoi cittadini e residenti si era rivelata un'efficace spinta per guadagnare la fiducia dei consumatori in tutto il mondo. È stato nominato il paese n. 1 più resiliente al mondo per la sua risposta alla pandemia di COVID-19 in Medio Oriente e il n. 2 a livello mondiale dal Consumer Choice Center (CCC), un'organizzazione senza scopo di lucro che rappresenta i diritti dei consumatori in oltre 100 paesi.

Tenendo conto di tutto ciò, la vista del successo di Expo è imminente, dimostrando ancora una volta al mondo l'altro mantra di Dubai che "niente è impossibile" con una visione audace e ottimismo.

Originariamente pubblicato qui.

Condividere

Seguire:

Altri post

Iscriviti alla nostra Newsletter

Descrizione