fbpx

Giorno: 3 Giugno 2021

HPTL Diyakini Membantu Masyarakat Berhenti Merokok

Giacarta: Inovasi prodotto nikotin seperti vape, tembakau yang dipanaskan (HTP), snus, e kantong nikotin atau lebih dikenal di Indonesia con Hasil Pengolahan Tembakau Lainnya (HPTL) diyakini memiliki dampak positif. Salah satunya, membantu perokok untuk berhenti.

Pernyataan ini disampaikan sejumlah aktivis dan ilmuwan dari berbagai belahan dunia saat menghadiri peringatan Hari Vape Sedunia pada 30 maggio 2021. Topik utama dari pertemuan virtual ini adalah pentingnya pemahaman mengenai dampak positif inovasi produk tersebut.

“Inovasi pada produk nikotin sudah terbukti memberikan dampak yang positivo. La tecnologia innovativa ha creato un prodotto HPTL bersifat netto e lahir dari kebutuhan pengguna akan prodotto alternativo tembakau yang lebih minimo rischio. Sayangnya, terkadang hal ini belum didukung dengan yang sesuai regulasi, sehingga prosesnya terhambat,” kata Wakil Direktur Consumer Choice Center, Yael Ossowski, melalui keterangan tertulis, Rabu, 2 maggio 2021. 

Bagaimana tanggapan anda mengenai artikel ini?

Ossowski mengatakan masih banyak pihak yang menganggap vape dan rokok merupakan convenzionale hal yang sama. Ini merupakan salah satu alasan utama mengapa produk HPTL belum mendapatkan regulasi yang sesuai. Selain itu, temuan ilmiah masih belum dijadikan acuan utama dalam merumuskan kebijakan.

Kondisi ini dinilai sangat disayangkan, di mana penelitian terkait produk HPTL saat ini semakin banyak e berkembang. Ahli Toksikologi dell'Università di Graz, Austria, Bernd Mayer, menyebut berbegai penelitian sudah membuktikan bahwa vape lebih rendah risiko daripada rokok konvensional.

"Oleh karena itu, upaya mendoong para perokok untuk beralih ke produk alternatif merupakan hal yang tepat", kata Bernd.

Pada kesempatan yang sama, Cristiana Batista dari Asosiasi Vape Portugal (APORVAP) menjelaskan vape merupakan salah satu hasil penemuan terbesar karena dapat membantu perokok untuk berhenti. Menurut dia, inovasi ini harus disambut dengan insentif dari segi regulasi yang dapat membuat produk ini lebih berkembang e dan berdampak positif.

"Saya sangat optimis dengan vape karena produk ini dapat membantu saya berhenti setelah menjadi perokok selama 16 tahun", kata Batista.

Forum turut mendiskusikan tentang pendekatan baru dalam mengontrol prevalensi merokok di sebuah populasi. Tobacco Harm Reduction (THR) offre una riduzione dell'umidità o una riduzione del danno da tabacco a un tasso di riduzione del rischio da parte di un membro alternativo che può essere considerato un rischio per il consumo.

Untuk menerapkan pendekatan tersebut, pemerintah perlu mendukung produk-produk HPTL melalui berbegai instrumen regulasi. Sebaliknya, melarang produk-produk tersebut merupakan pilihan yang kurang tepat.

Menurut pendiri and mantan Direktur Eksekutif (2000–2017) Drug Policy Alliance, Ethan Nadelmann, ha affrontato opposi-opsi alternatif yang rendah risiko justru dapat melahirkan konsekuensi-konsekuensi yang tidak diinginkan. "Ketika Anda melarang sesuatu, hal tersebut tidak membuatnya menghilang begitu saja, permintaan pasar akan tetap ada dan itu membuat jutaan orang kembali ke pasar gelap untuk mendapatkan apa yang mereka butuhkan", kata Nadelmann.

Originariamente pubblicato qui.

Il piano dell'Oxfordshire per diventare senza fumo è un altro esempio di superamento dello stato

Nel febbraio dello scorso anno, Ansaf Azhar, direttore della sanità pubblica del consiglio di contea dell'Oxfordshire, svelato la "Strategia di controllo del tabacco dell'Oxfordshire". Azhar aveva deciso che la percentuale di persone che vivono nell'Oxfordshire che fumano - il 12 per cento - era troppo alta e doveva essere ridotta. Quando meno del cinque per cento delle persone fuma, un'area può essere considerata "non fumatori". Azhar ha fatto della sua missione di rendere l'Oxfordshire la prima contea senza fumo dell'Inghilterra.

La strategia di controllo del tabacco dell'Oxfordshire era firmatodal consiglio di contea in linea di principio nel maggio dello scorso anno. Ti verrebbe da pensare che da allora il direttore della sanità pubblica di un ente locale avrebbe dovuto occuparsi di questioni più urgenti del fumo. Ma a quanto pare Azhar ha continuato imperterrito la sua crociata contro le sigarette.

Ora ha inorridito i benpensanti su e giù per il paese dichiarando l'intenzione del consiglio di vietare il fumo per l'ospitalità all'aperto. Sebbene il piano attualmente manchi di un calendario di attuazione o di qualsiasi altro impegno fermo, il fatto che faccia parte del piano dice alcune cose molto preoccupanti sulla direzione in cui ci stiamo dirigendo.

Nel nuovo ordine mondiale dello stato bambinaia, tutto può essere categoricamente classificato in buono e cattivo. Tutto è in bianco e nero: è tutto vitale o moralmente riprovevole. Una volta accettato che un'attività è oggettivamente “cattiva”, chi potrebbe opporsi alla sua messa al bando?

Certo, il mondo reale, fuori dagli uffici dei “direttori della sanità pubblica”, è piuttosto diverso. Non è tutto in bianco e nero. Ci sono molte sfumature di grigio. Ma le sfumature e la libertà di scelta non sono poi così di moda in questi giorni.

Sfortunatamente per i fumatori, le sigarette sono state considerate un male sociale. La loro esistenza è così oggettivamente terribile che il ragionamento dietro le misure drastiche per cancellarli dalla faccia della terra non ha nemmeno bisogno di giustificazione. Il risultato è che proposte politiche ridicole come la Strategia per il controllo del tabacco nell'Oxfordshire possono essere approvate e rese realtà con un sorprendente scarso controllo da parte di coloro che eleggiamo per rappresentarci e salvaguardare le nostre libertà civili.

Se riesci a sopportarlo, ti consiglio una lettura superficiale il documento incriminato, per valore di novità se non altro. Non parla di divieti generali, restrizioni radicali e limiti sconsiderati alle nostre libertà, ma invece di "creare ambienti senza fumo", come se ci venisse offerto qualcosa di nuovo di cui godere e dovessimo essere grati.

La cosa più preoccupante è il modo in cui gli autori del documento sembrano negare completamente di utilizzare gli strumenti dello stato. Scrivono: “Gli interventi necessari per denormalizzare con successo il fumo e ottenere un Oxfordshire senza fumo possono essere considerati come una “tata statalista” o un assalto alla scelta personale da parte di alcune persone. L'intero approccio del sistema per rendere meno visibile il fumo non vieta la scelta delle persone che scelgono di fumare. Mira a creare ambienti senza fumo in più luoghi delle nostre comunità, proteggendo la libera scelta dei nove residenti su dieci dell'Oxfordshire che scelgono di non fumare".

Oh, pensavi che le nostre nuove severe restrizioni su ciò che puoi e non puoi fare in pubblico fossero un assalto alla tua libertà, vero? Non preoccuparti: se guardi attentamente, scoprirai che i divieti di attività comuni in realtà ti danno Di più libertà, non di meno.

La logica controfattuale alla base dell'introduzione di nuove normative in nome della “salute pubblica” non conosce limiti. Se il consiglio volesse davvero rendere l'Oxfordshire più sano, vedrebbe che la risposta non è quella di mettere ancora più a dura prova il settore dell'ospitalità in questo momento incredibilmente difficile.

Invece, il consiglio dovrebbe dedicare tutti i suoi sforzi al sostegno dello svapo come alternativa al fumo. Più della metà degli utenti britannici di sigarette elettroniche – circa 1,7 milioni di persone – lo sono ex fumatori. Quei nove residenti dell'Oxfordshire su dieci che non fumano non dovranno preoccuparsi di nessuno rischi per la salute dal vapore di sigaretta elettronica di seconda mano. Anche la sanità pubblica inglese concede – con molto riluttanza – che lo svapo è il 95% meno dannoso del fumo.

Eppure, nelle 24 pagine della Oxfordshire Tobacco Control Strategy, non c'è una sola menzione dello svapo, lo strumento più efficace per il controllo del tabacco che abbiamo. Ciò pone la domanda: cosa vogliono effettivamente le autorità sanitarie pubbliche, se non per rendere le persone più sane? Quando evitano palesemente strumenti comprovati di riduzione del danno a favore di interventi politici centralizzati gratuiti, diventa impossibile simpatizzare con le loro motivazioni.

Questo problema si estende molto più in là dell'Oxfordshire. In effetti, la contea è solo pochi anni avanti rispetto ai risultati della salute pubblica nazionale. La sua strategia imita quella di Public Health England, che sta lavorando per quella di Matt Hancock obbiettivo di rendere l'Inghilterra senza fumo entro il 2030.

L'attacco a metodi efficaci di riduzione del danno e l'oscillazione verso una nuova era dello statismo delle tate arriva dall'alto. La scorsa settimana, l'Organizzazione Mondiale della Sanità onorato il ministro della salute dell'India per il suo lavoro sul "controllo del tabacco" che in particolare include vietare lo svapo. Una nuova APPG, presieduto da Mark Pawsey, il parlamentare conservatore, cerca di fermare la perniciosa influenza dell'OMS in aree come questa. Quel compito diventa più difficile ogni giorno che passa.

Originariamente pubblicato qui.

Pesan Inovasi dari Peringatan Hari Vape Sedunia

Sejumlah aktivis dan ilmuwan dari berbegai belahan dunia menghadiri peringatan Hari Vape Sedunia pada 30 maggio 2021. Salah satu topik utama dalam pertemuan virtual ini adalah pentingnya pemahaman mengenai dampak positif inovasi produk nikotin, yang terdiri dari vape, tembakau yang dipanaskan (HTP), snus, dan kantong nikotin atau lebih dikenal di Indonesia dengan sebutan Hasil Pengolahan Tembakau Lainnya (HPTL). Produk-produk tersebut berpotensi lebih rendah risiko dan dapat membantu perokok untuk berhenti. Namun, kurangnya pemahaman para pembuat kebijakan akan produk-produk tersebut membuat perkembangannya melambat.

“Inovasi pada produk nikotin sudah terbukti memberikan dampak yang positivo. La tecnologia innovativa ha creato un prodotto HPTL bersifat netto e lahir dari kebutuhan pengguna akan prodotto alternativo tembakau yang lebih minimo rischio. Diciamo che il fatto è che questo è stato il modo migliore per regolare il sesuai, sehingga prosesnya terhambat”, ha detto Yael Ossowski, Wakil Direktur Consumer Choice Center.

Ossowski menambahkan, masih banyak pihak yang menganggap bahwa vape e rokok konvensional merupakan hal yang sama. Ini merupakan salah satu alasan utama mengapa produk HPTL belum mendapatkan regulasi yang sesuai. Selain itu, temuan ilmiah masih belum dijadikan acuan utama dalam merumuskan kebijakan. 

Kondisi ini dinilai sangat disayangkan, di mana penelitian terkait produk HPTL saat ini semakin banyak e berkembang. Il professor Bernd Mayer, Ahli Toksikologi dell'Università di Graz, Austria, ha commentato “Berbagai penelitian sudah membuktikan bahwa vape lebih rendah risiko daripada rokok konvensional. Oleh karena itu, upaya mendoong para perokok untuk beralih ke produk alternative merupakan hal yang tepat.”

Pada kesempatan yang sama, Cristiana Batista dari Asosiasi Vape Portugal (APORVAP) menjelaskan bahwa vape merupakan salah satu hasil penemuan terbesar karena dapat membantu perokok untuk berhenti. Menurutnya, inovasi ini harus disambut dengan insentif dari segi regulasi yang dapat membuat produk ini lebih berkembang and berdampak positif. Batista menambahkan, "Saya sangat optimis dengan vape karena produk ini dapat membantu saya berhenti setelah menjadi perokok selama 16 tahun."

Mendukung bukan menghentikan 

Forum turut mendiskusikan tentang pendekatan baru dalam mengontrol prevalensi merokok di sebuah populasi. Tobacco Harm Reduction (THR) offre una riduzione dell'umidità o una riduzione del danno da tabacco a un tasso di riduzione del rischio da parte di un membro alternativo che può essere considerato un rischio per il consumo. Untuk menerapkan pendekatan tersebut, pemerintah perlu mendukung produk-produk HPTL melalui berbegai instrumen regulasi. 

Sebaliknya, melarang produk-produk tersebut merupakan pilihan yang kurang tepat. Menurut Ethan Nadelmann, Pendiri e mantan Direktur Eksekutif (2000–2017) Drug Policy Alliance ha avuto un ruolo centrale nel ruolo di opposi-opsi alternatif yang rendah risiko justru dapat melahirkan konsekuensi-konsekuensi yang diinginkan. “Ketika Anda melarang sesuatu, hal tersebut tidak membuatnya menghilang begitu saja, permintaan pasar akan tetap ada dan itu membuat jutaan orang kembali ke pasar gelap untuk mendapatkan apa yang mereka butuhkan,” tambah Nadelmann.

Originariamente pubblicato qui.

IL RAPPORTO MINDEROO SULLA PLASTICA IGNORA I COSTI AL CONSUMATORE

Il Minderoo fondazione rilasciato a rapporto delineando le multinazionali che secondo loro sono responsabili della produzione e del finanziamento di prodotti in plastica monouso a livello globale.

Il rapporto, che è stato trattato a livello internazionale, chiede ulteriori regolamenti per aiutare a frenare il problema della cattiva gestione dei rifiuti di plastica. Sfortunatamente, le loro proposte ignorano in gran parte gli immensi costi per i consumatori associati ai maggiori sforzi normativi.

 “Il rapporto della Minderoo Foundation sui rifiuti di plastica ignora completamente i costi aggiuntivi per i consumatori derivanti da normative severe. I loro suggerimenti, in aggiunta a quanto già proposto dal Congresso, sono una ricetta per il disastro che aumenterà in modo significativo i prezzi pagati dai consumatori”, ha dichiarato David Clement, North American Affairs Manager per il Consumer Choice Center di DC.

«Il rapporto della Fondazione sembra sì ignorare il fatto che il Break Free From Plastic Pollution Act e il CLEAN Future Act abbiano posto le basi per una moratoria sui permessi per impianti di riciclaggio avanzati. Questo è importante perché un mandato di riciclaggio dei polimeri, come quello proposto nel rapporto, non è fattibile se il Congresso vieta contemporaneamente la creazione di nuovi impianti di riciclaggio avanzati.

“Se il Congresso dovesse agire in base al rapporto della Minderoo Foundation, creerebbe un mandato sui contenuti riciclati, limitando allo stesso tempo in modo significativo la capacità degli impianti di riciclaggio avanzati di tenere il passo. Ciò farà salire alle stelle la domanda di plastica riciclata senza creare le infrastrutture necessarie per aumentare l'offerta di plastica riciclata, il che eserciterà un'enorme pressione al rialzo sui prezzi. Sarebbe un risultato terribile per i consumatori, soprattutto data l'incertezza finanziaria imposta a così tanti americani a causa della pandemia", ha aggiunto.

Originariamente pubblicato qui.

L'Ucraina è il paese meno resiliente alla pandemia al mondo

Uno dei miei migliori amici è un medico di malattie infettive a Lviv e durante la pandemia ho avuto la possibilità di imparare molto sulla preparazione dell'Ucraina alla pandemia. Dalla scioccante mancanza di dispositivi di protezione, dalla riluttanza a farsi vaccinare fino all'inizio ritardato e ai test insufficienti, i malfunzionamenti del nostro sistema sanitario sono stati palesemente messi in luce dalla crisi del COVID-19. 

Il tempo dirà cosa e quando esattamente è andato storto, ma una cosa è chiara: avremmo potuto fare di meglio. Infatti, secondo il Consumer Choice Center Indice di resilienza pandemica 2021, di cui sono coautore, abbiamo fatto il peggio del mondo.

Per dimostrare la preparazione globale alla pandemia, che era in linea di massima prevedibile, abbiamo esaminato 40 paesi attraverso il prisma dei seguenti fattori: approvazione del vaccino, campagna vaccinale, nonché il numero di posti letto in terapia intensiva e il ritmo dei test. I suddetti indicatori sono componenti cruciali della resilienza sanitaria come la capacità di prevedere minacce simili a COVID, riconoscerle precocemente, rispondere senza ricorrere al panico e a decisioni affrettate, evitare carenze, identificare e affrontare le barriere normative e sostenere lo stato di preparazione.

Sulla base dei risultati, la resilienza dei paesi è stata valutata come massima, superiore alla media, media, inferiore alla media e minima. Israele e gli Emirati Arabi Uniti sono in cima alla lista, mentre la maggior parte dei paesi dell'UE ha mostrato una preparazione media. Gran Bretagna e Stati Uniti sono sopra la media.

La Nuova Zelanda e l'Ucraina hanno mostrato la resilienza più bassa. Nel caso della Nuova Zelanda, il suo ritardo può essere spiegato dalla sua posizione e dalla rigida chiusura delle frontiere. A causa di un numero esiguo di casi, il sistema sanitario A causa di pochissimi casi, il suo sistema sanitario non ha affrontato del tutto il test di emergenza della gravità travolgente.

Invece, nel caso dell'Ucraina, i motivi sono diversi. In quanto stato post-sovietico che cerca di farsi strada nell'Unione Europea, l'Ucraina non è riuscita a sostenere un'efficace riforma del sistema sanitario. In combinazione con la corruzione, gli ostacoli normativi all'approvazione dei vaccini e una gestione inefficiente, l'Ucraina non solo non è riuscita a riconoscere tempestivamente i crescenti tassi di infezione e ad agire di conseguenza, ma anche ad adattare rapidamente il proprio sistema sanitario alle esigenze del giorno. 

Diamo un'occhiata a qualche numero. L'Ucraina ha impiegato 84 giorni in più rispetto al Regno Unito e oltre 50 giorni in più rispetto all'UE per iniziare ufficialmente la vaccinazione. I ritardi sono in gran parte il risultato della miopia e della mancanza di una strategia anti-COVID. Solo l'Australia, che ha iniziato la vaccinazione il 25 febbraio 2021, un giorno dopo l'Ucraina, ha un risultato peggiore dell'Ucraina in questo indicatore dell'indice.

Inoltre, il problema non era solo il processo di approvazione del vaccino in sé, ma anche la sua distribuzione. garantire la prima e la seconda fase della vaccinazione, sono necessarie 347 squadre mobili, secondo il Centro di sanità pubblica. In futuro, si prevede di creare un totale di circa seicento di questi team. Tutti questi passaggi richiedono tempo, poiché i lavoratori coinvolti nella vaccinazione devono prima sottoporsi a una formazione specifica da parte del Ministero della Salute e dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. In tempi di pandemia, i tempi sono più costosi e, di conseguenza, i ritardi sono molto costosi.

La lotta contro il virus è minata anche dallo scarso sostegno alla vaccinazione tra la popolazione ucraina. Secondo un sondaggio condotto dall'Istituto nazionale di ricerca sociologica di Kharkiv, a dicembre 2020 solo il 21% degli ucraini voleva essere vaccinato, il 40% era contrario.

Il numero medio di test giornalieri condotti in Ucraina per 100.000 abitanti (al 31 marzo 2021) – 0,51 – è uno dei più bassi al mondo. Questa cifra è 4 volte inferiore alla Gran Bretagna, 14 volte inferiore alla Slovacchia e 11 volte inferiore a Cipro. Secondo l'indice, solo l'India e il Brasile testano meno dell'Ucraina. Inoltre, è probabile che a causa della mancanza di test l'Ucraina non abbia fatto notizia come India 2.0. Ormai ogni ucraino conosce qualcuno che è morto di COVID, o almeno l'ha avuto una volta, quindi i numeri sono molto fuorvianti. 

Al contrario, paesi come la Corea del Sud e gli Emirati Arabi Uniti hanno imposto test drive-through. L'Abu Dhabi Health Services (SEHA) e il Dipartimento della salute di Abu Dhabi hanno messo in atto servizi di test per fermare la diffusione e sono stati incoraggiati i test ogni due settimane.

Per quanto riguarda la capacità dei posti letto in terapia intensiva, anche qui l'Ucraina è in fondo alla classifica. Prima dell'inizio della pandemia, in Ucraina c'erano 4,1 posti letto ogni 100mila abitanti. Per fare un confronto, la Polonia aveva 10,1 e la Russia – 8,3.

L'Ucraina ha molto da imparare dagli altri paesi e il nostro indice è una chiara indicazione che lo scenario della pandemia indiana è abbastanza reale per l'Ucraina se non risolviamo i problemi fondamentali del sistema sanitario e impariamo a pianificare meglio il futuro.

Originariamente pubblicato qui.

Il governo filippino fa tutto il possibile per il padiglione "Bangkota" all'Expo 2020 di Dubai

Sebbene la pandemia globale abbia portato a una serie di importanti cambiamenti nell'imminente Expo 2020 Dubai, la costruzione del padiglione "Bangkota" delle Filippine rimane senza ostacoli e i piani chiave formulati dal suo team prima dell'emergere di COVID-19 rimangono, ha affermato il Dipartimento del Commercio e dell'Industria (DTI).

Il vicesegretario DTI per il gruppo per le promozioni commerciali e PH Expo 2020 Dubai, il commissario generale supplente Rosvi C. Gaetos ha affermato che il "Bangkota" si sta avvicinando al suo pieno tasso di completamento e sarà presto pronto per catturare le curiosità del mondo nell'era post-pandemia .

“Siamo 97% completo di padiglione; siamo fortunati ad avere un ottimo imprenditore edile e anche un ottimo team di project management”, ha affermato Gaetos. “Entro il 30 agosto ci verrà consegnato il padiglione completamente completato. Questo è il momento in cui possiamo iniziare le prove tecniche in preparazione per l'apertura di questo ottobre. Quindi, siamo molto pronti.

“Sono lieto che con questa Expo di Dubai il governo filippino abbia fatto di tutto, a sostegno del bilancio e non solo. Se non fosse stato per la pandemia, avremmo davvero realizzato tutto già lo scorso anno", ha aggiunto.

Sebbene la costruzione, ha detto, stia procedendo su tutti i fronti, e in pochissimo tempo sarebbe pronta per il tanto decantato più grande evento mai organizzato nel mondo arabo, il processo non è stato facile a causa dei limiti della mobilità, in particolare durante il culmine della pandemia lo scorso anno, quando erano emersi i reciproci isolamenti tra i paesi.

Mentre stavano cercando di ricostruire la storia reinventata di 4000 anni delle Filippine attraverso il padiglione, l'Assistente Segretario ha detto che il DTI ha anche dovuto "reimmaginare" i modi per supervisionare il mega progetto da remoto per garantire che gli appaltatori stessero portando a dare vita ai progetti, fedeli alla visione e alle idee del team creativo.

“Eravamo fuori sede quando è scoppiata la pandemia; siamo appena tornati [da Dubai] a Manila. Quindi è stata una grande sfida. [Tuttavia], sembra che la visione dell'architetto e del governo sia stata soddisfatta. L'unica cosa che manca ora sarebbe mettere insieme il Viaggio dei visitatori alle mostre. In realtà è l'ultimo pezzo che stiamo finalizzando ora”, ha detto.

“Il rinvio [dell'Expo dello scorso anno]”, ha aggiunto, “è stato positivo anche per noi perché ci ha dato l'opportunità di mettere a punto molte cose. Ma tutto è stato fatto virtualmente perché non potevamo recarci a Dubai per ispezionare il padiglione in loco. È diventata davvero una prova della nostra pazienza e una prova della nostra creatività essere in grado di costruire il padiglione con noi qui ".

Fare di tutto per mantenere il terreno in funzione e soddisfare ciò che sembrava impossibile durante le straordinarie circostanze globali ha distinto questo enorme sforzo all'estero dalle varie partecipazioni alle fiere delle Filippine in passato, in effetti.

Gli obiettivi rimangono grandi come prima

L'assistente segretario del DTI ha ammesso che erano entrate in gioco incertezze derivanti dalle interruzioni che si sono sviluppate durante la pandemia.

“Il più grande impatto della pandemia è l'incertezza creata nei nostri piani. Potremmo essere riusciti a consegnare il padiglione secondo la nostra visione e i nostri obiettivi, ma quanto siamo sicuri che i visitatori verranno a visitarlo? Quanto siamo sicuri che le persone apprezzeranno ciò che abbiamo fatto? Ancora una volta, questo è il padiglione filippino più costoso che il governo abbia mai realizzato. Immagino che questo sia il più grande punto interrogativo che la pandemia ha portato alla ribalta ", ha raccontato.

“La responsabilità della consegna ricade in gran parte sulle spalle degli organizzatori, ma ci avevano assicurato che il numero di visitatori target rimane. Se riusciranno a fornirlo, saremo clienti incredibilmente felici.

Con gli Emirati Arabi Uniti che hanno raggiunto un traguardo dopo l'altro anche in mezzo a questa crisi globale, tuttavia, DTI ha espresso fiducia che l'obiettivo di 25 milioni di visitatori durante il mega evento di sei mesi sarebbe stato raggiunto, sostenuto dal comprovato mantra di Dubai: "Costruiscilo e loro verrà'.

A metà di questo mese, gli Emirati Arabi Uniti si sono posizionati in cima alla classifica mondiale in termini di tasso di vaccinazione, superando Israele, dopo aver somministrato più di 120 dosi del vaccino COVID-19 ogni 100 persone.

Prima di questo, la grande spinta del paese del Golfo per inoculare allo stesso modo i suoi cittadini e residenti si era rivelata un'efficace spinta per guadagnare la fiducia dei consumatori in tutto il mondo. È stato nominato il paese n. 1 più resiliente al mondo per la sua risposta alla pandemia di COVID-19 in Medio Oriente e il n. 2 a livello mondiale dal Consumer Choice Center (CCC), un'organizzazione senza scopo di lucro che rappresenta i diritti dei consumatori in oltre 100 paesi.

Tenendo conto di tutto ciò, la vista del successo di Expo è imminente, dimostrando ancora una volta al mondo l'altro mantra di Dubai che "niente è impossibile" con una visione audace e ottimismo.

Originariamente pubblicato qui.

Perlindung Hak Kekayaan Intelektual e Royalti per Pekerja Seni

Perlindung Hak Kekayaan intelektual e pekerja seni adalah dua hal yang sangat terkait e tidak bisa dipisahkan. Melalui perlindungan hak kekayaan intelektual, maka para pekerja seni, seperti musisi dan sineas, bisa menikmati manfaat dari karya yang telah mereka buat.

Tanpa adanya perlindungan terhadap hak kekayaan intelektual, hal tersebut tentu akan sangat merugikan para pekerja seni. Per pekerja seni tersebut berpotensi akan semakin sulit untuk mendapatkan manfaat dari karya yang mereka buat untuk menafkahi kehidupan mereka, karena setiap orang dapat bebas membajak atau menampilkan karya-karya mereka tanpa harus membayar para pekerja seni yang membuat karya tersebut.

Di era digitale, perlindungan hak kekayaan intelektual terhadap pekerja seni tentu memiliki tanto baru. Grazie a questa tecnologia avanzata, è ora possibile ottenere il massimo dal fango e dal prodotto di produzione di livello superiore seni yang dibajak tersebut di dunia maya, untuk dinikmati e disaksikan secara gratis o jutaan orang di seluruh dunia.

Namun, tantangan perlindungan hak kekayaan inteletual, khususnya di Indonesia, bukan hanya dari perkembangan dunia maya. Di sektor pelayanan, seperti rumah makan, kafe, karaoke, dan klub malam, kita bisa dengan mudah menemukan para pengelola tempat tersebut menampilkan musica Aau lagu tertentu untuk menghibur para pengunjugnya, namun tanpa memberi bayaran kepada para musisi yang membuat berbegai lagu yang dimainkan.

Hal ini tentu merupakan sesuatu yang perlu untuk diselesaikan. Terlebih lagi, karena yang menampilkan musik tersebut adalah tempat usaha yang bertujuan untuk mencari keuntungan.

Untuk mengatasi persoalan tersebut, pada tanggal 30 Maret 2021 lalu, Presiden Joko Widodo mengeluarkan Peraturan Pemerintah Nomor 56 Tahun 2021 tentang Pengelolaan Royalti Hak Cipta Lagu Dan/ Atau Musik. Dalam Pasal 3 ayat 1 peraturan tersebut, tertulis secara eksplisit bahwa “Setiap orang dapat melakukan penggunaan secara komersial lagu dan/atau musik dalam bentuk layanan publik yang bersifat komersial dengan royalti kepada pencipta, pemegang hak cipta, dan/atau pemilik hak (cnnindonesia, 5/4/2021).

Dalam peraturan tersebut, dijelaskan secara eksplisit juga dituliskan berbegai penggunaan musik atau yang diharuskan untuk membayar royalti kepada para musisi yang membuat lagu tersebut. Diantaranya adalah seminario, konser, transportasi umum, pameran, nada tunggu telepon, pertokoan, bank, dan kantor, pusat rekreasi, penyiaran televisi dan radio, serta fasilitas hotel (cnnindonesia, 5/4/2021).

Adanya peraturan tersebut tentu merupakan hal yang patut kita apprezzasiasi. Diharapkan, dengan adanya peraturan pemerintah yang mewajibkan para pemilik usaha, seperti rumah makan, untuk membayar royalti kepada para musisi, maka kesejahteraan musisi dapat lebih terjamin, e hak kekayaan intellettuale yang mereka miliki terhadap karya yang mereka buat juga dapat semakin terjaga.

Hal ini semakin penting terutama pada saat pandemi COVID-19. Pandemi COVID-19 telah membuat industri musik di Indonesia menjerit, karena para musisi tidak bisa tampil di depan publik seperti tahun-tahun sebelumnya (voi.id, 16/7/2020).

Diharapkan, dengan adanya peraturan pemerintah tersebut, maka para musisi yang saat ini sedang mengalami kesulitan dapat terbantu,. Membuat musik, terlebih lagi yang sangat populer e bisa dinikmati oleh banyak orang, bukanlah sesuatu yang mudah, e dibutuhkan banyak usaha. Sudah selayaknya, para musisi tersebut bisa mendapatkan manfaat dari karya yang mereka buat.

Selain itu, argumen lain untuk membenarkan kebijakan pengelola usaha untuk memutar musik atau lagu tanpa royalti kepada para musisi adalah, tidak sedikit dari para pengelola yang memutar musik tersebut melalui media streaming yang berbayar, seperti Spotify misalnya. Karena sudah membayar layanan streaming tersebut, maka dianggap hal tersebut adalah sesuatu yang cukup sehingga pembayaran royalti adalah sesuatu yang kurang diperlukan.

Pandangan ini merupakan sesuatu yang sangat keliru. Berbagai layanan streaming tersebut secara eksplisit menyatakan bahwa layanan mereka hanya bisa digunakan untuk tujuan personal, dan bukan kegiatan usaha. Berdasarkan ketentuan dari layanan streaming Spotify misalnya, dijelaskan secara eksplisit bahwa layanan mereka hanya bisa digunakan untuk hiburan pribadi dan bukan untuk penggunaan komersial. Dengan demikian, layanan streaming ini tidak boleh digunakan secara public di tempat usaha, seperti radio, toko, dan rumah makan (support.spotify.com, 15/4/2021).

Melalui ketentuan tersebut, maka sudah jelas bahwa ketentuan tersebut sejalan dengan peraturan pemerintah yang dikeluarkan oleh Presiden Joko Widodo pada bulan Maret lalu. Menggunakan layanan streaming untuk kepentingan komersil merupakan sesuatu yang tidak bisa dibenarkan.

Sebagai penutup, hak kekayaan intelektual, termasuk juga tentunya karya-karya seni seperti musik, merupakan hal yang patut dilindungi oleh negara. Oleh karena itu, adanya peraturan pemerintah yang bertujuan untuk menegakkan perlindungan hak kekayaan intelektual adalah sesuatu yang harus kita apresiasi, agar para pekerja seni bisa mendapat perlindungan atas karya yang mereka buat. DIharapkan, industri kreatif, termasuk juga industri musik, di Indonesia dapat semakin berkembang di masa yang akan datang.

Originariamente pubblicato qui.

Il successo di COVID degli Emirati Arabi Uniti e di Israele: lezioni per l'UE

Ora che la pandemia, si spera, si avvicina alla fine, è tempo di riflettere e analizzare approfonditamente i casi di studio emergenti.

Sia gli Stati Uniti che l'UE hanno avuto difficoltà ad adeguare i loro sistemi sanitari alla crisi COVID-19, aumentando efficacemente i test nella fase iniziale e superando gli oneri normativi preesistenti. Tuttavia, paesi come Israele e gli Emirati Arabi Uniti hanno evitato tali errori.

Basato sui risultati del Consumer Choice Center pubblicato di recente Indice di resilienza pandemica 2021, Israele e gli Emirati Arabi Uniti sono risultati i paesi più resilienti alla pandemia. Entrambi i paesi guidano gli sforzi globali di vaccinazione e test. Al 31 marzo 2021, il numero medio di test giornalieri condotti negli Emirati Arabi Uniti era di 8,29, quasi tre volte superiore a quello di Francia, Finlandia, Irlanda e Portogallo.

Dall'inizio della pandemia, i servizi di test sono stati ampiamente disponibili negli Emirati Arabi Uniti. Utilizzando le strutture e i sistemi di test più aggiornati, l'Abu Dhabi Health Services (SEHA) e il Dipartimento della salute di Abu Dhabi hanno messo in atto servizi di test guidati per fermare la diffusione e sono stati incoraggiati i test ogni due settimane. Nel marzo 2020 è stato costruito un enorme laboratorio in soli 14 giorni per ridimensionare il collaudo.

Gli Emirati Arabi Uniti hanno anche sfruttato con successo le tecnologie digitali per affrontare la pandemia. Chat-bot e varie app sono state sviluppate e introdotte per mitigare le conseguenze di un disastro sanitario. Ad esempio, è stata messa a disposizione l'app “Medico per ogni cittadino” per facilitare la comunicazione tra pubblico e medici.

Israele è un chiaro vincitore quando si tratta della velocità delle vaccinazioni. Al 31 marzo, il 60,64% della popolazione israeliana ha ricevuto almeno una dose di vaccino, motivo principale per cui Israele è a capo del Pandemic Resilience Index, la campagna israeliana di vaccinazione contro il COVID è iniziata 17 giorni dopo quella del Regno Unito (il primo paese al mondo ad autorizzare il vaccino COVID-19 di Pfizer/BioNTech). Per fare un confronto, la maggior parte dei paesi dell'UE ha impiegato più di 20 giorni in più rispetto al Regno Unito per farlo. Nel caso dei Paesi Bassi, 37 giorni in più.

Israele, d'altra parte, non ha né il numero più alto di posti letto in terapia intensiva per 100.000 persone né un numero medio molto elevato di nuovi test COVID per mille persone. Tuttavia, il numero di ventilatori disponibili per 100.000 persone in Israele è 40, che è molto più alto rispetto, ad esempio, a Polonia, Grecia, Lettonia, Malta, Irlanda.

Gli Emirati Arabi Uniti sono al secondo posto principalmente per il tasso di vaccinazione. Al 31 marzo 2021, gli Emirati Arabi Uniti hanno somministrato 84 dosi di vaccini ogni 100 persone. Per quanto riguarda l'inizio della vaccinazione, gli Emirati Arabi Uniti hanno rilevato l'UE in termini di vaccinazione di circa 10 giorni. Il Regno Unito e gli Stati Uniti (rispettivamente 53 e 45 dosi) seguono gli Emirati Arabi Uniti. Il resto dei paesi analizzati è in netto ritardo.

Tuttavia, nessuno è veramente fuori dalla pandemia a meno che non lo siano tutti. Israele e gli Emirati Arabi Uniti sono le storie di successo della pandemia, ma il resto del mondo deve recuperare il ritardo in modo che possiamo tornare tutti alla normalità. La resilienza sanitaria, e in particolare la capacità di prevedere le crisi future e adottare le precauzioni necessarie, sono fondamentali e gli errori dell'UE, come la lentezza dell'introduzione e dei test sui vaccini, si sono rivelati costosi. Andando avanti, l'Unione e gli Stati membri devono agire in modo più intelligente, seguendo l'esempio di Israele e degli Emirati Arabi Uniti.

Originariamente pubblicato qui.

Proprieta intellettuale, il diritto che si discute nel mondo per la liberazione dei brevetti delle vacunas

Organizaciones internacionales rechazaron las medidas propuestas por la OMC. Se accetterà e applicherà, seria controproducente: approfondirà la crisi e debiliterà le basi di sostentamento prima di una futura pandemia.

Il dibattito sul diritto di proprietà intellettuale si svolge al rojo vivo con la pretesa iniziativa di liberare i brevetti delle vacunas.

Senza embargo, un'azione di tale magnitudo potrebbe traer apparire un effetto contrario al previsto e che vulnerano gli sforzi delle imprese dopo aver invertito centinaia di milioni di dollari nelle indagini e nello svolgimento.

Sobre este tópico, la Fundación Libertad y Progreso junto con otras 26 organizaciones internacionales rechazaron las medidas propuestas ante la Organización Mundial del Comercio (OMC), tendientes anular los derechos de propiedad intelectual (DPI). El resultado de estas medidas, se aceptaran y aplicaran, sería contraproducente: profundizaría la crisis en la que nos encontramos y debilitaría las basics de sostentación ante una futura pandemia.

Seguendo il Global Health Innovation Center della Duke University, il mondo sta arrivando a produrre 12.000 milioni di dosi di diverse vacunas necessarie per brindare l'immunità del reddito (70% della popolazione mondiale). Una visione massiccia sui diritti di proprietà intellettuale influirà sugli incentivi per questa produzione e future indagini per la bienestar dell'umanità.

Il rispetto dei diritti di proprietà intellettuale è fondamentale per superare la pandemia di Covid-19 e riattivare l'economia. La sicurezza giuridica non sarà garantita solo dalla produzione, ma anche dall'accesso all'aspirapolvere.

Libertad y Progreso si iscrive alla dichiarazione congiunta che stabilisce i punti seguenti:

*Los DPI son fondamentali per la produzione a escala sostenible de vacunas;
*Los DPI son essenziali per la I&D per future pandemie;
*La competenza mondiale, non la produzione locale forzata, será la que mantenga los precios bajos de las vacunas;
*Una sospensione dei DPI non tenderà ad avere effetto sulla produzione di aspirapolvere sin da un trasferimento tecnologico forzato, la cui seria demasiado lenta, starà piena di problemi legali e causerà molto danno economico.

Al 20 aprile del 2021, había 217 vacunas anti-Covid (además de más de 600 tratamientos antivirales y terapéuticos) bajo desarrollo a nivel mundial. Questo mercato competitivo e innovativo incontra bajo riesgo con le iniziative multilaterali anti-DPI. La fuga di vacunas in Argentina e in altri paesi, non se hubiera producido o hubiera sido transitoria si los gobiernos rispettivos hubieran actuado con diligencia.

Las organizaciones abajo firmantes, hacemos un llamado a los gobiernos para que protejan el sistema de innovación que ha soministrado múltiples vacunas y medicamentos anti-Covid en tiempo récord. De no ser así, l'inversione futura per i nuovi desarrollos per affrontare le nuove cepas di Covid-19 e le future pandemie saranno minori e, alla fine, il costo umano sarà superiore.

La dichiarazione è stata firmata da Asociación de Consumidores Libres de Costa Rica, Alternate Solutions Institute de Pakistán, Austrian Economic Center de Austria, Bay Area Council Economic Institute de los Estados Unidos, Centro Mackenzie de Liberdade Econômica del Brasil, Center for Global Enterprise de los Estados Unidos, Competere de Italia, Consumer Choice Centre de Bélgica, Free Market Foundation de Sudáfrica, Fundación Eléutera de Honduras, Fundación IDEA de México, Galen Center for Health and Social Policy de Malasia, Geneva Network de Reino Unido, Imani Centre for Policy and Education de Ghana, Information Technology and Innovation Foundation de los Estados Unidos, Instituto de Ciencia Política de Colombia, Instituto de Libre Empresa del Perú, Istituto Bruno Leoni de Italia, Istituto per la Competitivà (I-Com) de Italia, KSI Strategic Institute for Asia Pacific de Malasia Libertad y Desarrollo de Chile, Libertad y Progreso de Argentina, McDonald-Laurier Institute de Canadá, Mi nimal Government Thinkers de Filipinas, Paramadina Public Policy Institute de Indonesia, Prime Institute de Pakistán e Property Rights Alliance de los Estados Unidos.

Originariamente pubblicato qui.

Descrizione