fbpx

Autore: heather

Il divieto di svapo in Alberta danneggerebbe la salute pubblica

L'Alberta dovrebbe elevarsi al di sopra dell'isteria dello svapo e seguire i principi di riduzione del danno durante lo sviluppo di regolamenti sulle sigarette elettroniche.

C'è un panico che si sta diffondendo sull'uso delle sigarette elettroniche in seguito rapporti dal Center for Disease Control and Prevention (CDC) che centinaia di vapers negli Stati Uniti hanno contratto gravi lesioni polmonari, con una manciata di decessi. I politici hanno risposto rapidamente alle segnalazioni e diversi stati sono andati avanti con le normative sullo svapo. Questi andavano dai divieti sui prodotti da svapo aromatizzati a New York a un divieto di quattro mesi su tutti i prodotti da svapo nel Massachusetts. Tuttavia, un rapporto successivo del CDC a novembre ha rivelato che nessuno dei recenti pazienti con lesioni polmonari aveva usato vaporizzatori di nicotina convenzionali, ma usava invece prodotti THC del mercato nero, molti negli stati in cui la marijuana è illegale. 

Sfortunatamente, varie province canadesi hanno inserito ulteriori regolamenti sullo svapo all'ordine del giorno. La Nuova Scozia ha vietato tutte le sigarette elettroniche aromatizzate e i succhi di svapo a partire dal 1 aprilest, e L'Ontario sta prendendo in considerazione un divieto simile. Finora, sembra che l'Alberta stia seguendo un percorso simile. Il ministro della Sanità Tyler Shandro ha impegnata nello sviluppo di regolamenti sui prodotti di svapo nell'ambito di una revisione delle leggi sul tabacco e sul fumo della provincia, con la speranza che eventuali emendamenti siano in vigore entro la primavera del 2020. Sarebbe fuorviante per l'Alberta seguire le cattive politiche che sono state proposte e attuate negli Stati Uniti, in Canada , e all'estero.

Se il nostro obiettivo è salvare vite umane, è importante confrontare i danni causati dai prodotti di svapo con il loro sostituto più vicino: le sigarette. UNrapporto completo di Public Health England suggerisce che mentre le sigarette elettroniche non sono prive di rischi, sono relativamente molto più sicure delle sigarette tradizionali. Sebbene sia la nicotina a causare la dipendenza dalle sigarette, sono le migliaia di altre sostanze chimiche contenute nelle sigarette che causano quasi tutti i danni. Il vapore della sigaretta elettronica non contiene catrame o monossido di carbonio, che sono due dei componenti più dannosi del fumo di tabacco. Sebbene il vapore delle sigarette elettroniche contenga alcune delle sostanze chimiche presenti anche nel fumo di tabacco, sono presenti a livelli molto più bassi. Inoltre, Public Health England riferisce che in uno studio recente, le potenze cancerose delle sigarette elettroniche erano inferiori allo 0,5% del rischio di fumo. Per questi motivi, Public Health England'sconsiglio sullo svapo rimane invariato: “Non esiste situazione in cui sarebbe meglio per la tua salute continuare a fumare piuttosto che passare completamente allo svapo”.

Ciò è particolarmente importante considerando che la maggior parte delle persone che usano le sigarette elettroniche sono fumatori o ex fumatori. UNrecente sondaggio amministrato da Statistics Canada ha scoperto che tra le persone che avevano usato sigarette elettroniche negli ultimi 30 giorni, il 65% erano fumatori attuali e il 20% erano ex fumatori. Se i prodotti da svapo fossero vietati o regolamentati in modo da renderne difficile l'accesso, è ragionevole suggerire che queste persone aumenterebbero il loro uso delle sigarette tradizionali. Per questo motivo, i prezzi delle azioni dei produttori di sigarette sono aumentati quando l'India ha annunciato che avrebbe emanato un divieto di svapo. Questa risposta è in gran parte perché c'è prova che le sigarette elettronichepuò essere utilizzato come meccanismo di cessazione. Limitare l'accesso alle sigarette elettroniche potrebbe in effetti portare via uno strumento che aiuta le persone a smettere di fumare.

Anche se le sigarette elettroniche fossero così pericolose come affermano i loro critici, non c'è motivo di credere che limitarne l'accesso sarebbe un buon ordine pubblico. Una delle principali lezioni dalla guerra alla droga è che se c'è domanda per un prodotto, questo sarà venduto indipendentemente dal suo status legale. Vietare gli e-liquid aromatizzati o limitare significativamente l'accesso creerà solo un mercato nero non regolamentato per il prodotto, esacerbando eventuali problemi di sicurezza esistenti. Gli utenti di sigarette elettroniche non potranno più avere fiducia nella sicurezza dei loro prodotti. 

In effetti, gli stessi ricoveri che hanno ispirato il recente panico per lo svapo di prodotti sono una testimonianza dei pericoli della proibizione delle droghe. A novembre, il CDC ha collegato i ricoveri alla vitamina E acetato, che non si trova nelle sigarette elettroniche legali. Tuttavia, viene spesso utilizzato dagli spacciatori per tagliare le cartucce di svapo di THC nel tentativo di aumentare i loro profitti. Questi prodotti sono illegali e quindi non regolamentati negli Stati Uniti. In Canada, i prodotti per lo svapo di THC sono stati appena legalizzati e nulla di legalmente in vendita in Canada contiene acetato di vitamina E. Se i prodotti per lo svapo sono vietati, dovremmo aspettarci solo additivi più dannosi in un mercato nero non regolamentato. 

Nonostante i fatti, le risposte politiche al rapporto del CDC sono state tutt'altro che misurate, e sarebbe fuorviante per Alberta seguire l'esempio. Passare a vietare gli e-liquid aromatizzati, o peggio ancora, le sigarette elettroniche in generale, è una risposta dal grilletto facile che va contro le prove esistenti sullo svapo come strumento di riduzione del danno. I divieti generali sullo svapo sono un cattivo ordine pubblico e una cattiva scienza e serviranno solo a danneggiare milioni di vapers e danneggiare la salute pubblica. L'Alberta dovrebbe elevarsi al di sopra dell'isteria dello svapo e seguire i principi di riduzione del danno durante lo sviluppo di regolamenti sulle sigarette elettroniche. 


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su 
consumerchoicecenter.org

L'Ontario rivela un piano d'azione per l'offerta di alloggi

Con l'obiettivo di rendere più facile costruire (e permettersi) una più ampia varietà di alloggi, il piano d'azione viene definito una vittoria per la scelta del consumatore. Heather Bone, ricercatrice con sede a Toronto per il Consumer Choice Centre (CCC) e Ph.D in economia. Studente presso l'Università di Toronto, ha dichiarato: "È bello vedere che la provincia sta facendo la sua parte per ridurre la burocrazia che rende così difficile la costruzione per gli sviluppatori".

Elementore a tutta larghezza

Non incolpare Doug Ford per i costi derivanti dalla violazione di contratti sleali di vendita al dettaglio di birra

Opinione: dovremmo incolpare i politici che hanno istituito e mantenuto un sistema che ha sia disturbato che sovraccaricato i consumatori per quasi un secolo.

Molto è cambiato negli ultimi 92 anni, ma la politica sull'alcol dell'Ontario è rimasta sostanzialmente la stessa. In seguito all'abrogazione del divieto di alcolici nel 1927, la provincia concesse alla Brewers Warehousing Co. (in seguito Brewers Retail/The Beer Store) il monopolio sulle vendite di birra, per placare i proibizionisti. Ora l'eredità del proibizionismo sopravvive grazie al quasi monopolio di The Beer Store sulle vendite di birra oggi, e il premier dell'Ontario Doug Ford sta affrontando sia il fuoco politico che le minacce legali cercando di sfidarlo.

Se il governo Ford seguirà il suo piano, birra e vino saranno disponibili nei negozi all'angolo e nei grandi magazzini entro Natale. Le prove suggeriscono che questa politica migliorerà la scelta dei consumatori ampliando la varietà, aumentando la convenienza e abbassando i prezzi. Anindya Sen, economista dell'Università di Waterloo, lo ha stimato circa $700 milioni delle entrate annuali guadagnate da The Beer Store è un profitto incrementale ottenuto a causa del suo status di monopolio e della capacità di addebitare prezzi più elevati. Inoltre, le radici di The Beer Store nel proibizionismo dimostrano che la mancanza di accesso è una caratteristica, non un bug, dell'attuale sistema di vendita al dettaglio. Questo inconveniente potrebbe essere il motivo Il 54% degli abitanti dell'Ontario è favorevole a consentire a più negozi di proprietà privata di vendere alcolici.

Modernizzare le vendite di alcolici è una buona politica pubblica. Mentre i guadagni della LCBO servono come vacca da mungere per la provincia, i profitti di The Beer Store vanno principalmente nelle mani di grandi produttori di birra multinazionali: Anheuser Busch-InBev, attraverso la sua sussidiaria Labatt; Molson-Coors, con sede in Colorado; e la giapponese Sapporo, attraverso la sua filiale Sleeman. Inoltre, i monopoli al dettaglio fanno poco per promuovere la responsabilità sociale. Come ha dimostrato una delle ricerche degli autori, la privatizzazione della vendita di alcolici in Alberta è stata associata a un tasso inferiore di guida in stato di alterazione.

Il precedente di questo cambiamento esiste, poiché i minimarket vendono già biglietti della lotteria e sigarette e devono affrontare pesanti sanzioni per la vendita ai minori. Inoltre, la liberalizzazione dell'alcol non è solo un bene per i consumatori, ma anche per l'economia. Studiando simili riforme nella Columbia Britannica, un nuovo rapporto del Retail Council of Canada prevede che le riforme proposte da Ford porterebbero a 9.100 nuovi posti di lavoro ea un aumento del PIL di $3,5 miliardi di dollari.

Non dovremmo biasimare il governo Ford per aver perseguito la modernizzazione dell'alcol

Tuttavia, perseguire questo cambiamento ha avuto una serie di sfide. The Beer Store ha minacciato azioni legali contro la provincia se porta avanti il suo piano, citando il suo accordo con il precedente governo liberale che limita il numero e il tipo di punti vendita di birra in Ontario fino al 2025. contratto potrebbe costare all'Ontario fino a $1 miliardo. Sebbene ci siano ragioni per dubitare di questa cifra, incluso il fatto che le stime sono cresciute rapidamente da una precedente stima di $100 milioni nel breve periodo da quando è scoppiata la storia sui piani del governo dell'Ontario, si è rivelata politicamente impegnativa per il governo Ford. I critici hanno affermato che andare avanti sarebbe irresponsabile a causa del rischio finanziario, con Ford direttamente responsabile delle potenziali perdite.

Ci sono due lezioni importanti da trarre da queste affermazioni esorbitanti. Il primo è che le cifre rivendicate dagli oppositori del piano sono del tutto prive di fondamento. Sono semplicemente le cifre che affermano. Affinché abbiano un qualsiasi peso legale, dovrebbero essere provati in tribunale, il che richiederebbe a The Beer Store di aprire i suoi libri contabili. Date le cifre grandiose che vengono lanciate in giro, è del tutto possibile che The Beer Store stia bluffando nel tentativo di mantenere il suo trattamento privilegiato. La seconda lezione importante qui è il prezzo del clientelismo in generale. L'eccessiva regolamentazione del governo e la selezione di vincitori e perdenti nel mercato danneggia i consumatori due volte. Prima a causa di prezzi gonfiati e servizio clienti scadente, e ancora una volta come contribuenti tramite azioni legali. Stabilire un precedente secondo cui il governo Ford sta dalla parte dei consumatori rispetto agli interessi speciali dimostrerebbe chiaramente che sta dalla parte delle persone.

Quando si tratta di dare la colpa, c'è molto da fare. Dovremmo incolpare i politici che hanno istituito e mantenuto un sistema di vendita al dettaglio che ha sia disturbato che sovraccaricato i consumatori dell'Ontario per quasi un secolo. Dovremmo incolpare il governo precedente per aver tentato di legare le mani ai leader successivi firmando l'ultimo contratto con The Beer Store. Tuttavia, indipendentemente dall'esito della sfida legale, non dovremmo incolpare il governo Ford per aver perseguito la modernizzazione dell'alcol. Sebbene questa mossa possa essere costosa, è necessaria per correggere i torti del passato e porre fine alla struttura dell'alcol dell'era del proibizionismo dell'Ontario. Ford ha molto di cui rispondere, ma non questo.

Heather Bone è ricercatrice presso il Consumer Choice Centre e dottoranda in economia presso l'Università di Toronto. David Clement è il direttore degli affari nordamericani del Consumer Choice Center.

Leggi di più qui

La riduzione del danno dovrebbe guidare tutte le politiche sulle droghe

È noto che le politiche basate sulla riduzione del danno riducono l'incidenza di overdose, abbassano i tassi di trasmissione delle malattie e riducono la presenza della criminalità organizzata, scrive Heather Bone. Quando il governo canadese ha introdotto la legislazione per legalizzare la cannabis, la logica era chiara: il Canada avrebbe abbandonato un modello di proibizione per, nelle parole del ministro della giustizia Jody […]

Il panico morale è giustificato? L'effetto della privatizzazione dell'alcol sulla guida compromessa in Alberta

Di Heather Bone, Research Fellow, Consumer Choice Center Quasi ogni volta che viene discussa la prospettiva di privatizzare le vendite di alcolici in Ontario, c'è un panico morale. Se le vendite di alcolici vengono privatizzate, si sostiene, l'alcol sarà più facilmente accessibile e ci sarà un aumento della criminalità legata all'alcol. In questo brief di ricerca, indago […]

Descrizione