fbpx

Autore: Consumer Choice Center

Deutschland belegt (mal wieder) den ersten Platz: Das sind die schlechtesten Bahnhöfe Europas

Bahnfahren ist in Deutschland nicht selten mit Einschränkungen verbunden. Die Probleme betreffen allerdings nicht nur die Züge der Deutschen Bahn, sondern auch die Bahnhöfe im Land, wie ein aktuelles Ranking zeigt.

Die Deutsche Bahn non è unbedingt für ihre Pünktlichkeit bekannt, erst im November hat sie ihren eigenen Unpünktlichkeitsrekord gebrochen: Jeder zweite Zug war verspätet. Damit erreicht das Unternehmen den schlechtesten Wert in Sachen Zuverlässigkeit seit acht Jahren. Leider wirkt sich das nicht nur auf den Konzern und auf die Reise von etlichen Pendlern aus, sondern auch auf das Image deutscher Bahnhöfe, wie der aktuelle “European Railway Station Index 2023” zeigt. Demnach belegen deutsche Bahnhöfe im europäischen Vergleich die letzten Plätze, wenn es um die Passagierzufriedenheit geht.

Für die Analyse, die bereits zum vierten Mal stattgefunden hat, wurden die nach Passagieraufkommen größten 50 Bahnhöfe in Europa nach bestimmten Kriterien genauer untersucht. Dazu zählen unter anderem die Öffnungszeiten der Ticketschalter, die Versorgungsmöglichkeiten vor Ort, der Zustand der Sanitäranlagen – und die Wartezeiten am Gleis. Vor allem im letzten Punkt schnitten deutsche Bahnhöfe deutlich schlechter ab, als ihre Konkurrenz in anderen Ländern. Obwohl insgesamt 21 der analysierten Bahnhöfe in Deutschland liegen, stellt Deutschland trotzdem das Schlusslicht des Rankings dar.

Leggi il testo completo qui

Das sind Europas beste und schlechteste Bahnhöfe

Spoiler: Zürich macht wieder einmal alles richtig. Das zeigt das neuste Ranking einer internationalen Verbraucherschutzorganisation. In Deutschland sieht die Lage etwas anders aus.

«Ich verstehe nur Bahnhof.» Wer das sagt, meint, dass er etwas nicht versteht. Das Sprichwort stammt laut Duden möglicherweise aus dem Ersten Weltkrieg. Deutsche Soldaten wollten demnach nur noch nach Hause und würgten Gespräche, die sich nicht um einen Fronturlaub drehten, mit dieser Redewendung ab.

Wer heute an europäischen Bahnhöfen wartet, will oft auch nur nach Hause. Wie schnell and unproblematisch das geht, hängt von vielerlei Faktoren ab. Die internationale Verbraucherschutzorganisation Consumer Choice Center (CCC) hat bereits zum vierten Mal ein Ranking der passagierfreundlichsten Bahnhöfe Europas insomma. Dabei wurden die nach Fahrgastaufkommen grössten Bahnhöfe Europas bewertet. 

I criteri diversi si trovano nell'indice delle stazioni ferroviarie europee e includono: der Prozentsatz der verspäteten Züge, Wartezeiten, die Direktverbindungen, die Qualität der Apps, die Sauberkeit der Toiletten oder die Erreichbarkeit und Überfüllung der Bahnsteige.

Leggi il testo completo qui

Das ist der schlechteste Bahnhof Europas

Achtung, eine Durchsage: Die Rangliste der kundenfreundlichsten europäischen Bahnhöfe fährt in diesem Jahr in umgekehrter Wagenreihung. La Germania belegt die letzten sechs Plätze.

Sinnvoll beschilderte Bahnsteige, saubere Toiletten oder der bestens sortierte Buchladen: Was Reisende an Bahnhöfen am meisten schätzen, variiert nach persönlichen Vorlieben. Was aber alle hassen: unpünktliche Züge, schlechte Verbindungen – und mangelnden Komfort.

Im Ranking der passagierfreundlichsten Bahnhöfe Europas wurde nun deutlich, wo die Reisenden sich besonders wohlfühlen – und wo sie vermutlich froh sind, wenn der Zug sich in Bewegung setzt. An der Spitze des Indice delle stazioni ferroviarie europee 2023  steht der Hauptbahnhof di Zurigo. Er erreichte 102 Punkte in der Gesamtwertung, die sich aus diversen Aspekten zusammensetzt.

Zu den Kriterien zählen unter anderem Wartezeiten, der Zugang zu den Gleisen, der Zustand von Sanitäranlagen und Lounges und die Öffnungszeiten der Ticketschalter. Oltre all'attacco ad un'altra stazione ferroviaria si gioca un rotolo insieme all'uscita »Scherereien, um in andere Länder zu reisen «. Analysiert wurden 50 der nach Passagiervolumen größten Bahnhöfe Europas.

Leggi il testo completo qui

Drei Berliner Bahnhöfe unter europäischen Schlusslichtern

Mentre passava una Berliner Bahnhof, atterravano tre altri sotto la luce del giorno: Der aktuelle „Indice delle ferrovie europee“ kommt für die großen Stationen in der Hauptstadt zu ganz unterschiedlichen Ergebnissen. Für den Index hat das Consumer Choice Center, eine internationale Verbraucherschutz-Organisation, bereits zum vierten Mal die 50 europäischen Bahnhöfe mit den meisten Reisenden miteinander verglichen. Wie schon im letzten Ranking landet der Berliner Hauptbahnhofunter den am besten bewerteten Stationen.

In die Auswertung eingeflossen sind Faktoren wie die Barrierefreiheit, die Verfügbarkeit von kostenlosem Wlan, die Anzahl an Geschäften und Restaurants im Bahnhof, die Möglichkeit, auf direktem Weg ins Ausland zu reisen, oder die Umsteigeoptionen auf andere Verkehrsmittel wie Straßen- und Metropolitana. Obwohl unter den 50 betrachteten Bahnhöfen 21 aus Deutschland stammen, hat es allein Stazione centrale di Berlino unter die Top 5 geschafft: Nur die Hauptbahnhöfe in Zürich und Wien wurden noch besser bewertet. Als einzige weitere deutsche Station unter den besten Zehn ist Frankfurts Hauptbahnhof.

Leggi il testo completo qui

Réaffermer la neutralité suisse: le cas de l'énergie

À l'étranger, on caricature souvent la Suisse par sa seule neutralité. Cette description devrait nous interroger, car elle reflète sans doute plus qu'une simple philosophie de communications internationales.

Cette neutralité transparaît dans notre relationship à la politique. La popo- lation suisse voit ses hommes politiques comme les garants d'un cadre général et non comme des sauveurs qui permettront de réorienter la nation dans la bonne Direction. Vista dall'esterno, la politica svizzera è meno conflittuale, più tournée verso la discussione e la ricerca di soluzioni. 

Toutefois, il ya des sujets qui semblent échapper à ce principe. C'est notamment le cas de la politique énergétique, qui est devenue un sujet passionnel. Il ya des pro et des antinucléaires, des pro et des antisolaires, sans parler des éoliennes, qui détruisent le paysage ou sauvent la planète. Scelta del campo, cameratismo!

La neutralità energetica deve essere la soluzione che dobbiamo difendere collettivamente al livello politico. Questo principio poggia sulla flessibilità e sull'accettazione delle diverse soluzioni possibili, al fine di mantenere un'energia affidabile e duratura nel rispetto dell'ambiente. La diversificazione delle fonti energetiche è il capitale per garantire la nostra prosperità.

Tuttavia, ces dernières années, la politique énergétique suisse a pris un tournant controversé avec la mise en œuvre de la politique énergétique 2050, qui est en rupture avec l'histoire de notre pays.

Leggi il testo completo qui

Le domande sull’equità sanitaria e sulla diversità degli studi clinici non hanno ancora avuto risposta da parte del settore farmaceutico

Sebbene gli attori globali siano più consapevoli dei problemi di equità sanitaria in tutto il mondo, ci sono ancora problemi persistenti, secondo Jayasree Iyer, CEO della Access to Medicine Foundation.

Intervento al dibattito "Equità nella salute: come può l'industria farmaceutica fare la differenza?" Nell’ultimo giorno del Summit FT Global Pharma and Biotech a Londra, Regno Unito, Iyer ha sottolineato che gli incentivi commerciali e di accesso devono essere messi insieme per migliorare l’equità sanitaria.

Seyda Atadan Memis, direttore generale del Regno Unito e dell’Irlanda presso Takeda, ha osservato che, sebbene concentrarsi sui pazienti e creare fiducia sia fondamentale, è anche importante affrontare le questioni relative all’accessibilità economica in ciascun paese.

Memis ha anche affermato che l’equità nella salute va di pari passo con le considerazioni etiche all’interno degli studi clinici. Takeda ha tradotto le sue linee guida sulla sperimentazione clinica in più lingue per i potenziali partecipanti e gli operatori sanitari per migliorare la diversità e la rappresentazione.

Arena degli studi clinici ha precedentemente riferito sull’importanza di includere pazienti provenienti da background razzialmente diversi, migliorando rappresentanza femminile negli studi in fase iniziale e l'inclusione del popolazione incinta e pazienti con disabilità cognitive.

Anche se i dati svolgono un ruolo cruciale nel processo di sviluppo dei farmaci, possono anche influenzare la diversità. Liz Hampson, direttore esecutivo per l'Europa del Deloitte Health Equity Institute, ha spiegato che i dati distorti utilizzati per scegliere quali prodotti dovrebbero entrare negli studi clinici influenzeranno quali coorti saranno arruolate negli studi.

Leggi il testo completo qui

Il piano di Biden per l'"equità digitale" porterà presto alla microgestione da parte del governo di "quasi ogni aspetto" di Internet, avverte il commissario della FCC

"Con il pretesto di "equità digitale", il presidente Biden ha chiesto alla FCC di esercitare un grado di controllo sui servizi e sulle infrastrutture Internet che non abbiamo mai visto prima", dice al Sun un commissario della FCC.

L’amministrazione Biden potrebbe presto implementare normative radicali che le darebbero il controllo di Internet, avvertono gli analisti in vista del voto del 15 novembre della Federal Communications Commission sulle regole proposte. 

"Con il pretesto di 'equità digitale', il presidente Biden ha chiesto alla FCC di esercitare un grado di controllo sui servizi e sulle infrastrutture Internet che non abbiamo mai visto prima", dice al Sun un commissario della FCC, Brendan Carr, in una e-mail. 

“Conferirà allo Stato amministrativo il potere di microgestire quasi ogni aspetto del funzionamento di Internet”, aggiunge. “Questi tipi di regolamenti di comando e controllo non faranno altro che rendere più difficile la costruzione di infrastrutture e servizi Internet e potrebbero far sembrare le nostre reti più simili alle reti lente con cui devono confrontarsi i consumatori in Europa”.

La FCC, controllata dai democratici, afferma che le nuove regole “impedirebbero la discriminazione nell’accesso ai servizi a banda larga in base al livello di reddito, razza, etnia, colore, religione e origine nazionale”.

"Riconosciamo che l'obiettivo finale di questo procedimento è facilitare l'uguaglianza di accesso alla banda larga proprio come dice la legge", ha affermato la presidente della FCC, Jessica Rosenworcel. dice

Leggi il testo completo qui

Biden invitato dai gruppi pro-crescita a ritirare la regola sulle penalità per ritardi del CFPB

Una coalizione di gruppi chiede all’amministrazione Biden di ritirare la nuova regola proposta dal Ufficio per la tutela finanziaria dei consumatori (CFPB) per imporre un limite più severo alle penalità per i ritardi delle carte di credito, sostenendo che il regolamento danneggerà i consumatori e la crescita economica.

In una lettera inviata a Presidente Biden e il direttore del CFPB Rohit Chopra, così come i comitati bancari, finanziari e per le piccole imprese del Congresso, i 30 gruppi firmatari hanno sottolineato la loro “forte opposizione” alla regola delle penalità per i ritardi. La regola dell'amministrazione Biden ridurrebbe l'importo in dollari del porto sicuro che gli emittenti di carte di credito possono addebitare in caso di ritardo da $41 a $8. La norma eliminerebbe inoltre l'adeguamento automatico all'inflazione su tale importo e vieterebbe le penalità per il ritardo pari a più di 25% del pagamento con carta di credito richiesto dal consumatore.

“Alla Casa Bianca questo mese, il presidente Biden ha pubblicizzato la regola, sostenendo che avrebbe dato agli americani più vulnerabili tra noi una pausa tanto necessaria”, hanno scritto i gruppi. “Questo non è vero. Un tetto massimo di prezzo più severo danneggerà non solo le piccole imprese e l’economia in generale, ma anche i lavoratori a basso reddito che l’amministrazione intende aiutare. La storia indica che i consumatori sono quelli che sopportano il peso di regolamenti come questo perché, per compensare i costi risultanti, le istituzioni finanziarie impongono infine nuove commissioni e tassi di interesse più elevati riducendo al contempo l’accesso al credito di Main Street”.

I gruppi hanno anche espresso preoccupazione riguardo all'impatto della norma sull'economia istituti finanziari più piccoliche fanno maggiore affidamento sulle commissioni per coprire i costi di concessione del credito ai consumatori.

Nell'annuncio della norma proposta, il CFPB ha affermato di "aver riscontrato in via preliminare che le entrate derivanti dalle penali per ritardi superano i costi di riscossione associati di un fattore cinque" e che, poiché carta di credito gli emittenti possono attualmente addebitare fino a $41 per le penali per il ritardo, una "commissione per il ritardo di $8 sarebbe sufficiente per la maggior parte degli emittenti per coprire i costi di riscossione sostenuti a seguito di pagamenti in ritardo".

Leggi il testo completo qui

CCC si unisce a 31 gruppi di coalizione Lettera contro il nuovo attacco normativo CFPB

Washington DC: In risposta alla promozione, la settimana scorsa, alla Casa Bianca, da parte del Presidente Biden, del nuovo limite massimo imposto dal Consumer Financial Protection Bureau per le commissioni per i ritardi sulle carte di credito, il Consumer Choice Center ha firmato un accordo lettera di coalizione al presidente e al CFPB esortandoli a riconsiderare la norma. La lettera è firmata da 31 gruppi e organizzazioni di sostegno impegnati a promuovere politiche a favore della crescita e dei consumatori.

 
"La storia indica che i consumatori sono quelli che sopportano il peso di regolamenti come questo perché, per compensare i costi risultanti, le istituzioni finanziarie impongono infine nuove commissioni e tassi di interesse più elevati riducendo al contempo l'accesso al credito di Main Street", afferma la lettera, "Ad esempio , l'emendamento Durbin al Dodd-Frank Act che limita le commissioni interbancarie sulle carte di debito ha portato all'eliminazione dei conti correnti gratuiti, all'aumento dei requisiti minimi di saldo e all'aumento delle commissioni di mantenimento. Il vostro nuovo limite alle commissioni per il ritardo aumenterà allo stesso modo i costi operativi degli istituti finanziari, che i consumatori americani dovranno inevitabilmente sostenere”.

La lettera evidenzia anche come l'Office of Advocacy della Small Business Administration abbia notato che il CFPB si è rifiutato di “considerare adeguatamente l'impatto che questa norma avrà sulle piccole entità” nonostante i tribunali ritengano che le agenzie debbano farlo prima di certificare una regolamentazione. 

In copia della lettera c'erano i senatori Sherrod Brown e Tim Scott (presidente/membro di rango della commissione del Senato americano per le banche, l'edilizia abitativa e gli affari urbani); I rappresentanti Patrick McHenry e Maxine Waters (presidente/membro della classifica del Comitato per i servizi finanziari della Camera degli Stati Uniti) e i rappresentanti Roger Williams/Nydia Velázquez (presidente/membro della classifica del Comitato per le piccole imprese della Camera degli Stati Uniti).
 
I firmatari della lettera includono Ed Martin, Phyllis Schlafly Eagles; Grover Norquist, Americani per la riforma fiscale; John Berlau, Istituto per le imprese competitive; Cameron Shelby, Heartland Impact; Brent M. Gardner, Americani per la prosperità; Karen Kerrigan, Consiglio per le piccole imprese e l'imprenditorialità; Tom Schatz, Cittadini contro gli sprechi governativi; Gerard Scimeca, L'azione dei consumatori per un'economia forte; Brian Garst, Centro per la libertà e la prosperità; Isaac Schick, Istituto americano dei consumatori; Stephen Kent, Centro di scelta dei consumatori; Patrick Brennen, Istituto di politica del sud-ovest; Hadley Heath Manning, voce femminile indipendente; Terry Schilling, Progetto Principi Americani; George Landrith, Frontiere della libertà; Saul Anuzis, Associazione 60 Plus; David Williams, Alleanza per la protezione dei contribuenti; Paul Gessig, Fondazione Rio Grande; Jeff Mazzella, Centro per la Libertà Individuale; Ryan Ellis, Centro per un'economia libera; Phil Kerpen, Impegno americano; Seton Motley, Meno governo; Dan Perrin, Coalizione HSA; Chuck Muth, Sensibilizzazione dei cittadini; Wendy Darmon, Palmetto Promise Institute; Judson Phillips, Tea Party Nation; Richard Manning, Americani per un governo limitato; Carol Platt Liebau, Yankee Institute; Marcos Lopez, Nevada Policy Institute; Mike Stenhouse, Centro per la libertà e la prosperità del Rhode Island; e Sal Nuzzo, James Madison Institute. 


È possibile visualizzare la lettera QUI.


La presentazione della legge GEG è stata nuovamente rinviata?

Abbondano le domande sulla presentazione del disegno di legge 2023 sul controllo dei prodotti da fumo per la salute pubblica per la sua seconda lettura domani sul Dewan Rakyat.

Ciò avviene dopo che un briefing del Ministero della Salute per i parlamentari, previsto per oggi alle 17:00, è stato rinviato a tempo indeterminato.

Il ministero della Salute ha anche rinviato una conferenza stampa sul disegno di legge prevista per questo pomeriggio in Parlamento. Non è stata fornita alcuna motivazione per il rinvio.

Una fonte vicina alla questione ha detto alla FMT che la presentazione del disegno di legge è stata rinviata.

Al momento della pubblicazione, il ministro della sanità Zaliha Mustafa e il team di comunicazione del ministero devono ancora rispondere alle domande sul fatto se la presentazione del disegno di legge, noto anche come disegno di legge Generational End Game (GEG), sia stato rinviato.

La settimana scorsa, Zaliha ha annunciato che il governo aveva deciso che il disegno di legge sarebbe stato presentato per la seconda lettura il 10 ottobre.

Il disegno di legge GEG mira a vietare l’uso, l’acquisto e la vendita di sigarette e prodotti da svapare ai nati dopo il 2007.

Leggi il testo completo qui

Descrizione
it_ITIT