fbpx

Una transizione energetica radicale non dovrebbe punire i consumatori.

Se vogliamo prendere sul serio le sfide climatiche e la crescente domanda di energia, dobbiamo urgentemente riprendere la questione dell'energia nucleare.

Immagina di dichiarare una transizione energetica, ma nessuno vi partecipa. È quello che è successo in Germania con la “Energiewende” (transizione energetica). Questa transizione tedesca ha portato a un aumento significativo dei prezzi per la gente comune. L'Istituto per la ricerca economica fondare che questo cambiamento radicale è costato alle famiglie tedesche più di 28 miliardi di euro perché il mercato era soggetto a una minore concorrenza. I grandi vincitori di questa transizione sono l'industria del carbone e del gas.

In effetti, l'uso di centrali elettriche a carbone e gas è aumentato così tanto che la Germania – nonostante tutti gli sforzi per ridurre le emissioni di anidride carbonica – è rimasto fermo sui suoi risultati. Di conseguenza, i suoi obiettivi climatici non sono stati raggiunti. Per evitare la situazione della Germania, i Verdi in Finlandia sono a favore del nucleare. In Svizzera, anche se il Paese non costruisce più nuove centrali, ha più volte bocciato il principio di una completa eliminazione del nucleare attraverso un referendum.

La necessità del nucleare sta diventando sempre più importante anche per motivi di sicurezza nazionale: perché accettare una crescente dipendenza dal gas della Russia, un paese che viola i diritti umani ed è regolarmente ostile ai paesi europei?

Il mondo scientifico, al quale il mondo politico vuole affidarsi quando si tratta di sottolineare l'urgenza del cambiamento climatico, ha regolarmente fatto sentire la sua voce in questo dibattito. Nel dicembre 2014, 75 scienziati di tutto il mondo hanno scritto una lettera aperta agli ambientalisti sull'energia nucleare, sostenendo che si tratta di un mezzo efficiente e necessario per produrre energia e che i fatti contraddicono il ragionamento ideologico contro le centrali elettriche.

Gli scienziati sono stati riuniti dal professor Barry W. Brook, presidente dell'ambiente sostenibile presso l'Università della Tasmania, in Australia. Questo ambientalista ha pubblicato tre libri e più di 300 articoli scientifici. La loro lettera diceva:

“Anche se è probabile che le fonti di energia rinnovabile come l'eolico e il solare forniscano un contributo crescente alla futura produzione di energia, queste opzioni tecnologiche affrontano problemi pratici di scalabilità, costo, materiali e utilizzo del suolo, il che significa che è troppo rischioso considerarle come solo alternative ai combustibili fossili”.

L'energia nucleare è la risposta ai problemi del nostro tempo. È conveniente e, soprattutto, non emette emissioni di CO2. Gli Stati Uniti, non particolarmente noti per la loro adesione agli accordi internazionali sul clima, ha evitato 476,2 tonnellate di emissioni di CO2 grazie al nucleare Dal 1995, grazie al nucleare, sono state evitate in totale 15,7 miliardi di tonnellate, ovvero un terzo del consumo annuo del pianeta. Certo, è una cifra che andrebbe aumentata, ma questo sarà possibile solo con modelli energetici come quello francese, che garantisce l'indipendenza energetica con un sistema di centrali nucleari estensive.

Inoltre, quando si tratta della discussione sui rifiuti, dobbiamo tornare ai fatti. In realtà, il combustibile nucleare è estremamente denso. È circa un milione di volte più grande di quella di altre fonti energetiche tradizionali e, di conseguenza, la quantità di combustibile nucleare utilizzata è ridotta. Tutti i rifiuti di combustibile nucleare prodotti dall'industria nucleare statunitense negli ultimi anni 60 anni potrebbero stare su un campo di calcio profondo meno di 10 metri. Inoltre, attualmente, 96% di questo “rifiuto” è riciclabile.

L'opposizione al nucleare è dovuta principalmente alla scarsa conoscenza dei sistemi tecnologici, nonché alla problematica copertura mediatica di incidenti come quello di Fukushima. Come l'ecologo Michael Schellenberger Appunti, “il numero di morti per la stessa produzione di elettricità, qui ad esempio il terawattora, è significativamente inferiore rispetto ad altri grandi mezzi di produzione di massa come carbone, petrolio, biomasse e gas naturale”.

Mentre siamo tutti preoccupati per gli effetti del cambiamento climatico, dobbiamo renderci conto che il nucleare è l'unica alternativa praticabile, sicura, pulita e in grado di garantire la produzione di cui abbiamo bisogno. Dovremmo fare un dibattito sull'energia nucleare? Certo che lo facciamo. Ma dobbiamo garantire che questo dibattito sia basato sui fatti e senza perdere di vista l'obiettivo di mantenere la qualità della nostra vita riducendo i gas a effetto serra.

Originariamente pubblicato qui.

Condividere

Seguire:

Altri post

Iscriviti alla nostra Newsletter

Descrizione