fbpx

Piano

Il piano di importazione della droga di Trump ce la farà pagare tutti

Rendere di nuovo grande il Canada?

Che ci crediate o no, questo è ciò che è al centro del presidente Donald Trump ultimo ordine esecutivo volto a cercare di abbassare il costo dei farmaci da prescrizione per gli americani.

Il piano di Trump, soprannominato il modello del "prezzo della nazione più favorita", importerebbe effettivamente controlli sui prezzi dei prodotti farmaceutici da altre nazioni con sistemi sanitari gestiti dal governo a pagamento unico, incluso il Canada.

Con questo ordine, Trump costringerà Medicare a pagare le stesse tariffe negoziate di altri paesi che non hanno lo stesso livello di innovazione o accesso ai farmaci degli Stati Uniti

Ciò significa che mentre i prezzi dei farmaci per alcuni anziani saranno più bassi a breve termine, ciò comporterà costi più elevati a lungo termine, mettendo a repentaglio lo sviluppo futuro dei farmaci e l'accesso. E questo sarà un male per ogni americano, per non parlare dei nostri pensionati su Medicare.

Ad esempio, lo sviluppo di farmaci moderni richiede non solo massicci investimenti, ma anche tempo e capacità di sperimentare attraverso tentativi ed errori. Solo una delle 5.000-10.000 sostanze sintetizzate supererà con successo tutte le fasi di sviluppo del prodotto per diventare un farmaco approvato. Questo è un grosso rischio che ripaga solo se questi farmaci possono essere venduti e utilizzati. 

Molti progetti non riescono a portare sul mercato nemmeno un farmaco. Investire nelle scienze della vita richiede una sana propensione al rischio, e quindi è necessario un sistema di incentivi che premi chi è in grado di creare valore. 

Quando un farmaco medico raggiunge il paziente normale, saranno trascorsi in media 12,5 anni dalla prima scoperta del nuovo principio attivo. L'investimento totale necessario per arrivare a un principio attivo accessibile a un paziente è di circa $2 miliardi. E questo vale solo per le medicine di cui già sappiamo di aver bisogno.

Ci sono oltre 10.000 malattie conosciute nel mondo, ma il trattamento approvato solo per 500 di esse. Potrebbe essere facile dettare prezzi più bassi per questi medicinali, ma ciò significherà che gli sviluppatori di farmaci non avranno gli stessi mezzi per investire nella ricerca per il restante 95% di malattie che non possiamo ancora curare.

Inoltre, gli Stati Uniti possono contare sull'accesso a tutti i tipi di medicinali innovativi grazie ai nostri innovatori e inventori.

Forzando prezzi più bassi dei farmaci da prescrizione per i nostri anziani, Trump sembra desideroso di danneggiare la nostra capacità di trovare cure per coloro che sperano ancora nello sviluppo di una cura per le loro malattie incurabili e nel futuro accesso ai farmaci di cui abbiamo bisogno.

Una tale mossa potrebbe gioca bene nella Florida ricca di elettori, con una vasta popolazione di anziani preoccupati per i prezzi dei farmaci, ma infrange il mix unico di innovazione e imprenditorialità che porta gli Stati Uniti a essere il principale creatore e fornitore mondiale di farmaci di cui c'è un estremo bisogno. La metà delle principali aziende farmaceutiche del mondo ha sede nel nostro paese, e per una buona ragione.

Trump, da parte sua, afferma che questo fermerà il "free-riding" da parte di altre nazioni sui prezzi relativamente alti della droga negli Stati Uniti. E questa è davvero una preoccupazione che tocca molti di noi. Ma un piano così avventato bloccherà l'innovazione in tutto il settore della nostra industria farmaceutica.

Se Trump vuole che altri paesi "paghino la loro giusta quota" sui prezzi dei farmaci, il metodo migliore è attraverso accordi commerciali e negoziati, non emulando le politiche anti-innovazione di altre nazioni.

Per ottenere prezzi dei farmaci più bassi, ci sono modi più semplici ed economici per affrontare questo problema.

Per prima cosa, il presidente dovrebbe essere aperto a una riforma della Food and Drug Administration. Si perde troppo tempo cercando di far approvare i farmaci in ogni paese industrializzato. Se riconoscessimo le approvazioni dei farmaci da tutti gli altri paesi dell'OCSE, ciò ridurrebbe i costi e accelererebbe il ritmo di introduzione dei farmaci sul mercato statunitense.

Non possiamo rischiare la nostra intera infrastruttura farmaceutica nella speranza di una riduzione dei costi a breve termine. Se l'amministrazione Trump vuole che la nostra nazione rimanga un faro luminoso di innovazione e consenta ai suoi pazienti di accedere a medicine all'avanguardia, non dovremmo importare cattive politiche dall'estero.

Yaël Ossowski è vicedirettore del Consumer Choice Center.

Descrizione