fbpx

Mese: Dicembre2021

I veicoli elettrici potrebbero essere la prossima frontiera rinnovabile dell'Iowa, se ce ne sarà la volontà

In molti modi, l'Iowa è un pioniere nelle energie rinnovabili con turbine eoliche che hanno generato 60% di elettricità dello stato l'anno scorso e lo stato guida la nazione nella produzione di biocarburanti.

I veicoli elettrici potrebbero essere un altro passo che l'Iowa potrebbe compiere nel settore delle energie rinnovabili e leader a più livelli hanno affermato di voler esplorarlo.

"Un progetto su cui stiamo lavorando qui a Dubuque è quello di elettrificare tutta la nostra flotta, la maggior parte dei nostri veicoli nella flotta cittadina, il più possibile", ha affermato il sindaco eletto di Dubuque Brad Cavanagh. "Quindi stiamo parlando di un piano da 10 a 15 anni per elettrificare le nostre flotte di autobus, tutte le auto che abbiamo".

Cavanagh vuole utilizzare i soldi della legge bipartisan sulle infrastrutture per installare più stazioni di ricarica per veicoli elettrici.

Leggi l'articolo completo qui

LE NUTRI-SCORE SERA-T-IL BIENTÔT ABANDONNÉ ?

Pendente degli anni, questo sistema è stato presentato come un elemento essenziale dell'informazione dei consumatori, al punto che un'adozione all'échelle de l'UE è stata prevista. De nouvelles informations justifient plutôt figlio abbandono.

Le système du Nutri-Score est en principe clair. Il viser à renseigner les consommateurs sur la valeur nutritionnelle d'un product sur une échelle de A à E – A étant la note la plus positive – et, en couleur, du vert au rouge. La France è adepta de ce système depuis 2016, mais dans un système de volontariat pour les entreprises. Nel 2019, una loi rendait cependant la menzione del punteggio nutritivo obbligatorio nelle pubblicità per gli alimenti a partire da 1ehm gennaio 2021.

Par ailleurs, l'adoption obligatoire en France et dans l'ensemble de l'Union européenne dès 2022 était envisagée.

L'Allemagne aussi s'est montrée alliée dans la bataille en faveur du Nutri-Score. Une enquête menée auprès des consommateurs par le ministère fédéral de l'Alimentation et de l'Agriculture, presentato a juillet 2019, a montré que les consommateurs préféraient le Nutri-Score. Du moins, c'est ce que l'on peut lire sur le site web du ministère.

Un sondaggio Forsa similaire, commandé cette fois par l'ONG Foodwatch, a été publié en août 2019. Là encore, la plupart des consommateurs étaient favorevolis au Nutri-Score. Il est toutefois intéressant de noter que l'enquête Forsa n'a pas clairement déclaré que ce label deviendrait bientôt obligatoire.

Questa precisione non è riuscita a fare il sondaggio del governo federale, o non è ancora possibile rifiutare il punteggio nutritivo. Il s'agissait uniquement de savoir comment les consommateurs perçoivent et interprètent le score. Conclusione del ministro, dal titolo del suo comunicato: «Les consommateurs veulent le Nutri-Score. »

Un système facile à contourner

Ces consommateurs savent-ils que le Nutri-Score ne dit pass se un alimento est sain ou no ? Difficile à imaginer, car l'information a simplement été cachée dans entre les lignes. In effetti, se si calcola il numero di calorie oltre ai nutrienti favorevoli e sfavorevoli, non si ottiene un mix di sostanze nutritive per l'alimentazione quotidiana.

Inoltre, i produttori possono adattare i calcoli del punteggio nutritivo in modo da indurre in errore molti consumatori. Inoltre, il «dolore completo» può essere arricchito dall'industria in fibre per ottenere un punteggio migliore, senza essere più grande. Inoltre, la riduzione dei grassi e la loro sostituzione con i glucidi – in particolare con i glucidi raffinati – o la sostituzione del sucre con gli edulcoranti di sintesi non possono essere considerati come un progresso nella lotta contro l'obesità e le malattie qui e sotto. liees. Noémie Carbonneau, psicologo nutrizionista canadese, déclare à ce sujet qu' « il est très dangereux d'avoir une vision en deux parties de la nourriture et de dire : 'C'est bon ou ce n'est pas bon' ».

Avec le Nutri-Score, la politisation de la science ne s'arrête cependant pas aux aliments. Cette année, des fromage français qui avaient initialement reçu un « E » ont ainsi mystérieusement été surclassés sur le plan nutritionnel par le ministère compétent. Tandis que d'autres fromages, comme le fromage frais, n'ont soudainement plus du tout été reconnus comme des fromages.

Les Italiens créent une alternative

In questo momento, i regolatori italiani hanno creato «Nutrinform», un simultaneo di Nutri-Score che cerca di rendere conto dei prodotti regionali protetti, in un contesto indistinto in quello che è il suo consumo.

Certi prodotti tradizionali ricchi in sucre, en sel et en graisse ne dépasseront en effet jamais la note C dans le Nutri-Score, quel que soit le contexte de leur utilisation. Par exemple, l'huile d'olive serait mal notée, même si sa consommation par repas est très faible. Le système italien tente de tenir compte de cette situation, mais il est également plus intéressé par la protection du régime méditerranéen que par l'information des consommateurs.

La seule étude évaluée par des pairs sur le sujet du Nutri-Score (pubblicata nel 2016 dans l'Giornale internazionale di nutrizione comportamentale e attività fisica) explique que les consommateurs ne mangeraient pas plus sainement grâce au modèle Nutri-Score et que, dans la plupart des catégories de produits (sucreries, pâtes, viande, etc.), le choix ne varia guère.

Mais les problèmes du Nutri-Score vont bien au-delà de ce malentendu. Le système ne prend en compte qu'un nombre très limité de nutriments (sel, sucre, graisses saturées, fibre et teneur en fruits ou légumes), en ignorant les autres. Même Olivier Andrault, de l'Union française des consommateurs (UFC), qui voit pourtant le Nutri-Score d'un bon œil, expliquait fin 2019 que « le Nutri-Score n'est pas complet, car il ne tient pas compte de la presenza di additivi o di acidi grassi trans et n'indique pas clairement la frequence à laquelle les produits peuvent être consommés sur la base de leur evaluation ».

Heureusement, d'après les autorités italiennes, la France serait sur le point d'abbandonner le Nutri-Score au plan européen. «Nous allons approfondir ce sujet dans les prochains jours, mais il semble assez clair que même la France recule devant cette idée malsaine de donner une couleur aux aliments et de les étiqueter bons ou mauvais sans véritable méthode scientifique», a déclaré le ministre italien des Politiques agricoles, alimentaires et forestières, Stefano Patuanelli, le 26 novembre dernier.

Que devient la piramide alimentare?

De manière générale, il faut se méfier lorsque l'Etat veut définir le modèle alimentaire des citoyens. Qui ne se souvient pas de la pyramide alimentaire avortée, cette forme triangulaire colorée que l'on trouve dans les pages de manuels scolaires depuis le début des années 1990 (des images d'une brique de lait, d'une cuisse de poulet et de tiges de brocoli) ?

Conscients de leur devoir, les élèves étudiaient ces « éléments constitutifs d'une alimentation saine » et juraient de consommer chaque jour leurs tre porzioni di prodotti laitiers ainsi que beaucoup de pain, de riz et de pâtes, afin de jeter les basi d'une alimentazione sana.

Aujourd'hui, nous savons cependant que non seulement la pyramide alimentaire est basée sur des hypothèses erronées, mais, en plus, il rispetto de ses prescrições peut en fait être néfaste et conduire à une alimentazione malsaine.

Le problème de toute étiquette gouvernementale concurrente sera désormais qu'elle sert les intérêts de ceux qui l'ont établie. Mais la réalité è che la scienza nutrizionale è una scienza, non una politica.

La meilleure façon pour les consommateurs de suivre un régime alimentaire sain est donc de faire de l'exercice et de consulter leur médecin o leur nutrizioniste pour savoir ce qui leur convient le mieux. L'individualizzazione del nostro approccio all'alimentazione è più efficace del vecchio meccanismo di uniformazione dello Stato.

Originariamente pubblicato qui

Nicotin gay nghiện nhưng không phải nguyên nhân gây ung thư

Các chuyên gia cho rằng đã đến lúc chấm dứt tấn công vào nicotin mà thay vào đó cuộc chiến chống tác hại thuốc lá cần xác định rõ đâu mới là nguyên nhân gây ra các bệnh lý liên quan đến hút thuốc lá điếu.

Nghiện thuốc lá, không chỉ do nicotin

Năm 2011, một nghiên cứu trên chuột của murphy và maier đã gây bất ngờ chho giới khoa học, khi chứng minh rằng nicotin không phải là nguyên nghng. Nghiên cứu cho thấy những chỉ số về ặc tính sinh ung thư ví dụ như số lượng u phổi

Ho scoperto che la nicotina è un biết con cui c'è trong cà chua, khoai tây, ớt đỏ, cà tím với hàm lượng rất nhỏ. Các nghiên cứu khoa học cho thấy nếu ăn 10 kg cà tím, lượng nicotin hấp thụ sẽ tương đương 1 điếu thuốc lá. Tuy nhiên do nicotin gắn liền với thuốc lá, nên phần lớn người ta vẫn “kết tội” nicotin là nguyên nhân gây ra các bệnh liên quan đến thuc lá. Theo nghiên cứu của Viện Y tế và Chăm sóc Sức khoẻ Quốc gia Anh Quốc, các độc tố và chất gây ung thư trong khói thuốc lá mới là nguyên nhân chính gây ra bệnh tật và tử vong, không phải là do nicotin.

Leggi l'articolo completo qui

Il lato oscuro del perdono del prestito studentesco

Mentre il debito collettivo del prestito studentesco negli Stati Uniti supera $1.7 trilioni, l'amministrazione del presidente Joe Biden si sta preparando a fornire oltre $11,5 miliardi di agevolazioni sui prestiti agli studenti per quasi 600.000 mutuatari. Oltre all'incubo fiscale che questo passerà sui contribuenti, ha anche creato un mercato predatorio che prospera vendendo dati e informazioni sugli studenti.

Il debito dei prestiti studenteschi si sta accumulando a un ritmo allarmante, crescente di oltre il 100% solo nell'ultimo decennio. Forse più allarmante è quello dei 43,2 milioni di studenti mutuatari indebitati negli Stati Uniti, ciascuno deve una media di $39.351. Attualmente, ci sono alcuni programmi di condono di prestiti studenteschi attraverso il governo federale per circostanze specifiche, come per dipendenti pubblici o dottori che lavorano nelle zone rurali. Ma un programma di remissione del prestito in particolare sta diventando sempre più problematico: il mutuatario per il rimborso della difesa (BDR).

Il condono del prestito BDR opera sulla base del fatto che un college ha frodato uno studente fallendo nei servizi educativi forniti. Sebbene ci siano sicuramente rivendicazioni legittime attraverso BDR, ci sono anche allarmanti scappatoie all'interno delle regole che consentono di condonare ingiustificatamente enormi quantità di debito studentesco a spese dei contribuenti. Come notato in a studia dell'Università di Chicago, la remissione del debito degli studenti favorisce il 20 per cento più ricco, il che significa che è più un costoso salvataggio per individui istruiti e generalmente benestanti a spese di tutti i contribuenti, molti dei quali non sono nemmeno andati al college. È interessante notare che coloro che accumulano grandi quantità di debiti studenteschi in genere provengono da famiglie più benestanti e accumulano il loro conto frequentando scuole private fuori dallo stato, mentre quelli provenienti da ambienti a basso reddito hanno maggiori probabilità di prendere decisioni di risparmio sui costi e ridurre l'ammontare del debito che assumono. Se le scappatoie all'interno della remissione del prestito BDR persistono, allora i contribuenti potrebbero trovarsi a pagare per i miliardi di dollari di prestiti condonati.

Ciò che forse è ancora più allarmante è il modo in cui queste affermazioni BDR si stanno concretizzando. Di recente, una manciata di aziende è apparsa con informazioni o offerte per assistere coloro che cercano aiuto con il processo di cancellazione del prestito. Sebbene questi servizi sembrino ben intenzionati, i loro obiettivi sono in realtà piuttosto nefasti. Essi specificamentemercato agli studenti per raccogliere i loro dati da vendere agli avvocati del processo come indizi per potenziali azioni legali, il tutto all'insaputa dello studente. Come si potrebbe sospettare, questo ha trasformato in realtà i sogni di molti avvocati di processo, poiché azioni legali collettive più frivole vengono intentate contro i college grazie a questi annunci di reclutamento predatori. Questo sta effettivamente aprendo ogni istituto scolastico privato a enormi reclami o perdite.

Mentre continuano le richieste di cancellazione del prestito studentesco, è importante esaminare cosa sta spingendo specificamente questo debito alle stelle. Un fattore chiave che determina il debito dei prestiti studenteschi sono i prestiti studenteschi garantiti dal governo federale. La ricerca mostra che per ogni dollaro di aiuti federali, lo è l'aiuto di sovvenzioni istituzionali ridotto di $0.83, il che significa che la prevista riduzione dei costi derivanti dagli aiuti federali è compensata in modo significativo dalle riduzioni degli aiuti istituzionali e porta gli studenti ad aumentare l'importo del loro prestito poiché non beneficiano effettivamente di tasse scolastiche più convenienti. Oltre ai prestiti studenteschi sostenuti dal governo federale, anche i costi amministrativi eccessivamente gonfiati stanno facendo salire i prezzi delle tasse scolastiche. I costi amministrativi coprono il personale non docente che non contribuisce direttamente alla formazione degli studenti all'interno della classe. Anche se è dimostrato che il personale amministrativo ha un impatto minimo sui tassi di conseguimento dei diplomi, i costi amministrativi lo hanno fatto aumentare del 61,2%. dal 1993 al 2007. Oggi il costo delle tasse scolastiche è fino al 361%. dal 1963 (adeguato all'inflazione), e lo studente medio che frequenta un college pubblico di 4 anni avrà bisogno di $26,615 per l'anno accademico se si tiene conto del prezzo di tasse scolastiche, vitto e alloggio, libri e altre necessità.

Con il prezzo di un'istruzione universitaria così costoso, è comprensibile come il debito del prestito studentesco collettivo negli Stati Uniti sia arrivato all'importo attuale. Tuttavia, ci sono soluzioni migliori per affrontare questo debito piuttosto che spingere l'onere finanziario sui contribuenti attraverso schemi di condono del prestito. Invece, i responsabili politici dovrebbero affrontare i costi in rapido aumento per frequentare il college e colmare le evidenti scappatoie all'interno del mutuatario per il rimborso della difesa. Questo non solo farebbe risparmiare miliardi di dollari e renderebbe effettivamente il college più accessibile, ma ridurrebbe anche al minimo l'opportunità per le aziende predatorie di approfittare degli studenti vulnerabili invadendo la loro privacy e vendendo le loro informazioni ad avvocati che si occupano di responsabilità civile.

Originariamente pubblicato qui

Dicembre 2020

Buone vacanze!

L'anno 2020 non è stato sicuramente un anno divertente per molti consumatori.

Ma con l'approvazione dei vaccini COVID, c'è luce alla fine del tunnel.

Mentre il mio paese d'origine, la Germania, è orgoglioso di essere il luogo di nascita del primo vaccino, i pazienti dovranno attendere la sua approvazione. Paesi come il Regno Unito, gli Stati Uniti e il Canada sono già più avanzati e hanno già iniziato a vaccinare i pazienti vulnerabili.

Inoltre, la Commissione europea vede l'attuale crisi come un'opportunità per centralizzare le decisioni sui prezzi e sui rimborsi dei farmaci lontano dai governi nazionali. Consideriamo questo come una minaccia all'accesso dei pazienti e all'innovazione in Europa.

Fortunatamente, siamo riusciti a trovare 30 membri del Parlamento europeo dall'altra parte del corridoio per co-firmare la nostra lettera alla Commissione europea contro questa cosiddetta strategia farmaceutica.
LEGGI QUI LA LETTERA APERTA

Lancio di un nuovo podcast! 🎧

Il nostro Bill Wirtz è rimasto così colpito dal lavoro di David e Yaël su Radio scelta del consumatore mostra che ha lanciato ConsEUmer, un podcast settimanale che copre la politica dell'UE. 
Assicurati di iscriverti a ConsEUmer qui: consumerchoicecenter.org/conseumer
Disponibile su Podcast AppleSpotifye molti altri servizi di streaming!
ASCOLTA QUI


Protesta Covid-Friendly a Bruxelles! 

Anche se il COVID non ci ha permesso di lavorare di persona quest'anno, il CCC si è unito alla protesta di cartone dell'Alleanza mondiale dei vapers davanti al Parlamento europeo. Protestare in stile 2020!

Svapare in California

Successo in California sul divieto di aromatizzare lo svapo: il divieto è in ritardo! Puoi trovare la nostra lettera di coalizione che si oppone al divieto di aromatizzare lo svapo qui.
LEGGI QUI

Facebook è un monopolio?

E in tempi in cui i social media sono uno dei pochi mezzi di comunicazione socialmente distanziati, il CCC sta combattendo azioni anti-consumatore nell'antitrust statunitense: trova qui il pezzo di Yael sul motivo per cui la FTC sbaglia.
LEGGI DI PIÙ

Pubblicità mirata

Perché vietare o limitare la pubblicità mirata su entrambe le sponde dell'Atlantico è una cattiva notizia per i consumatori.
LEGGI DI PIÙ

12 consigli per lo shopping online

Il nostro regalo di Natale per te: 12 consigli per i consumatori durante le festività natalizie per fare acquisti online in sicurezza.
VAI SU INSTAGRAM

Divieto canadese di plastica

In Canada, il governo federale ha annunciato un nuovo divieto sulla plastica e ha etichettato la plastica come tossina programma 1 ai sensi del CEPA. David Clement ha pubblicato due editoriali su questo argomento, uno nel Posta finanziaria in ottobre e di nuovo nelSole di Toronto in dicembre. Altro in arrivo su questo tema scottante!
LEGGI DI PIÙ

Rendi il latte più economico

Gestione dell'approvvigionamento – Il nostro David Clement continua a combattere la battaglia contro costosi prodotti lattiero-caseari, pollame e uova in Canada. 
Il Posta finanziaria ha pubblicato la sua ultima presa di posizione su questa importante questione dei consumatori, e il produttore occidentale ha usato i suoi commenti per sfidare direttamente il governo sul suo sostegno alla gestione dell'approvvigionamento.

Diversi membri del Parlamento sono stati contestati dai giornalisti dopo che David è stato pubblicato #HOTSEAT
LEGGI QUI

Green deal europeo

Su The Parliament Magazine, Bill Wirtz chiede quanto costerà ai consumatori il Green Deal europeo. Possiamo permetterci di pagare di più per l'elettricità e per i beni di consumo quotidiano? Una nuova valutazione d'impatto della Commissione europea conferma i nostri peggiori timori.
LEGGI QUI

Pro Innovazione in Agricoltura in Italia

Grandi notizie! Ieri al parlamento italiano è stata approvata una nuova legge di emendamento per l'agricoltura a favore dell'innovazione. Nel 2021, l'Italia avrà una propria valutazione d'impatto sulla strategia Farm to Fork. 

#WIN

novembre 2021

Siamo tornati qui al Consumer Choice Center, offrendoti le ultime e le migliori campagne che combattono per TE in tutto il mondo. Ti interessa la libertà dello stile di vita, le tecnologie innovative e le politiche pubbliche intelligenti? Allora sei nel posto giusto!


Consumer Choice Supervillains Carte collezionabili NFT

Quando si tratta di discussioni sulle politiche pubbliche, in particolare quelle sullo svapo, sappiamo tutti che ci sono alcuni supercriminali là fuori. Ecco perché abbiamo lanciato il set di carte collezionabili Consumer Choice Center Supervillains, ora disponibile come NFT su OpenSea.
LEGGI DI PIÙ QUI

Lotta per il ridesharing a Toronto

Il mio collega (il co-conduttore radiofonico David) ha ucciso i draghi che vogliono eliminare gradualmente soluzioni innovative di ridesharing come Uber a Toronto, in Canada. Ha testimoniato a un'udienza del consiglio comunale, ha rilasciato interviste alla radio e alla TV e ha fatto pubblicare questo articolo su la Posta Nazionale.
LEGGI DI PIÙ QUI

Il lato oscuro del perdono del prestito studentesco

Elizabeth ha un articolo ampiamente diffuso sulle richieste di remissione del prestito e sul motivo per cui ciò sarebbe dannoso per milioni di persone che non sono andate al college e servirebbe anche a gonfiare ulteriormente i costi dell'istruzione universitaria.

Sottolinea anche le azioni di alcuni attori piuttosto perniciosi nello spazio del perdono del prestito, utilizzando azioni legali collettive per cercare di estorcere pagamenti da college privati.
LEGGI DI PIÙ

Cacciatori di criptovalute: perché le élite sono ansiose per le criptovalute

Denaro, potere, crittografia, decentralizzazione e un'alternativa monetaria.

L'ascesa delle criptovalute è, a nostro avviso, qualcosa da celebrare e sostenere. E mentre l'adozione di Bitcoin, Ethereum e altri sta accelerando tra coloro che potrebbero davvero usarli, ci sono sforzi da parte delle istituzioni per regolamentare l'accesso alle rampe di accesso e di uscita.

Ecco perché abbiamo bisogno di politiche intelligenti per continuare a sostenere l'innovazione, tenendo sotto controllo i progetti di truffa. Dai un'occhiata al mio ultimo articolo sulla rivista European Conservative.
LEGGI DI PIÙ

La nicotina non è il tuo nemico: 6 motivi per fermare la guerra alla nicotina

Una lamentela che abbiamo spesso nel nostro lavoro è che gli enti di sanità pubblica diffondono molti miti e bugie sulla nicotina. 

Ridurre il numero di fumatori e consentire loro di passare in modo rapido ed efficiente a un'alternativa meno dannosa dovrebbe essere una priorità importante per i governi e le agenzie di sanità pubblica di tutto il mondo.

Purtroppo, troppe persone confondono il consumo di nicotina con le malattie causate dal fumo. In questo documento, delineiamo sei ragioni principali per cui la guerra alla nicotina è inutile e dovrebbe finire.

La mia collega Maria Chaplia e la World Vapers' Alliance Michael Landl si uniscono per questa fantastica nota politica.
LEGGI QUI

Proposta di legge sulla cannabis intelligente alla Camera degli Stati Uniti

Quando si tratta di politiche intelligenti sulle politiche sulla cannabis, siamo molto felici di sostenere il disegno di legge della deputata della Carolina del Sud Nancy Mace, lo STATES Reform Act, che sarebbe il modello più a misura di consumatore per legalizzare la cannabis negli Stati Uniti.

Il nostro obiettivo principale dovrebbe essere ripristinare la giustizia, promuovere l'accesso al mercato e infine eliminare il mercato nero.

Ci siamo uniti a una coalizione di gruppi della Cannabis Freedom Alliance per dare il nostro appoggio a ciò che questo disegno di legge mira a raggiungere e speriamo di continuare a spingerlo fino a quando non sarà adottato.
PER SAPERNE DI PIÙ

100 episodi di Consumer Choice Radio

A proposito di successi, io e David abbiamo appena festeggiato una pietra miliare per i secoli: 100 episodi di Consumer Choice Radio!

Quando abbiamo lanciato nel gennaio 2020, non sapevamo dove eravamo diretti.

Ora, quasi due anni dopo, siamo sindacati su due stazioni radio, abbiamo una versione podcast in forte espansione che può accettare pagamenti Bitcoin in streaming su app conformi a Podcasting 2.0 e siamo stati in grado di intervistare membri del Congresso, membri del Parlamento, imprenditori, autori e innovatori che stanno facendo la differenza per la scelta dei consumatori.

Per l'ultimo, abbiamo intervistato Rappresentante Nancy Mace sulla sua bolletta della cannabis, Rappresentante. Larry Bucson sul motivo per cui alcuni prodotti chimici PFAS sono vitali, Alexandra Gaiser di River Financial Massimalismo Bitcoin, e Deputato canadese Nathaniel Erskine-Smith sul perché le accise sulla birra analcolica non hanno senso. Iscriviti al nostro Youtube per le video interviste, oppure iscriviti alla versione podcast qui sotto!

 
SOTTOSCRIVI
Ok, senti, c'è molto altro da dire sull'ottimo lavoro che i miei colleghi hanno svolto in tutto il mondo. È troppo per una sola newsletter (o anche per un Instagram Reel).

Non considereresti, quindi, di dare un'occhiata ai nostri canali di social media? Di seguito troverai i link.

Se c'è un problema del consumatore che ti riguarda e vorresti essere * ATTIVATO * fammelo sapere e vedremo cosa possiamo fare.

Grazie SEMPRE per il supporto che ci fornisci e non vedo l'ora di condividere altre fantastiche storie nel nuovo anno.

Buone festività natalizie!

La birra dealcolata dovrebbe essere tassata come la birra normale?

La birra è uno di quei prodotti che viene pesantemente tassato, ma ciò dovrebbe significare che la tassa dovrebbe essere uguale tra birra alcolica e birra dealcolata?

Ascolta l'intervista qui

Elettrizzante Alabama: "Vogliono essere in prima linea, facciamolo in prima linea"

All'inizio di questa settimana, il governatore Kay Ivey ha lanciato "Drive Electric Alabama", una campagna di sensibilizzazione pubblica che promuove le vendite di veicoli elettrici e "mostra alla nazione, ancora una volta, che l'Alabama è una forza trainante nel settore automobilistico", ha affermato il governatore.

Tuttavia, un giugno Centro di scelta dei consumatori il rapporto classifica l'Alabama tra gli stati peggiori per l'acquisto di un veicolo elettrico, mentre Paraurti, uno strumento di ricerca online per i rapporti sulla storia dei veicoli, classifica l'Alabama al 49° posto per la facilità di possederne uno.

Carl Kovach, residente ad Alexander City, proprietario di Tesla da cinque anni, lo definisce "ridicolo".

“Stanno dicendo che vogliono essere in prima linea; rendiamolo in prima linea”, ha detto Kovach del suo governo statale. "Facciamo quello che dobbiamo fare per garantire che i loro cittadini siano in grado di ottenere un veicolo e sapere che hanno la disponibilità, l'assistenza, il carburante e tutto il resto di cui hanno bisogno".

Leggi l'articolo completo qui

Economie collaborative: Buenos Aires si è classificata 9° in una classifica di 44 città dell'America Latina

Lo studio valuta la disponibilità di una serie di servizi di mobilità, trasporto, alloggio e attività fisiche attraverso piattaforme digitali che si connettono a consumatori e prestatori.

Negli ultimi anni, la tecnologia ha presentato un peccato di nuove alternative nei prodotti e servizi che han permesso alle persone di eleggere e modificare le loro abitudini di consumo, di acquisire le loro necessità quotidiane. La pandemia del Coronavirus ha prodotto lo sbarco di più herramientas, ma fondamentalmente ha accelerato i processi di adozione da parte dei consumatori.

De acuerdo a rilevamenti realizzati da PwC relacionados a diversi studi e incontri sulla tematica a livello globale, il valore dell'industria della economia colaborativa llegaría a los u$s335.000 millones para 2025, compartiendo un 50% del mercado con il modello tradizionale.L'indagine ha stabilito che i consumatori considerano che questo nuovo modo di negoziare aiuta a ridurre i costi dei consumi giornalieri, implica maggiore efficienza, riduce la contaminazione, genera maggiore comodità nell'ora dell'acquisto e costruisce una comunità più forte, che basa il suo successo en la confianza entre oferentes y demandantes.

Buenos Aires quedó ubicada en el noveno puesto dell'Indice de Economía Colaborativa Latam 2021, un rilevamento che analizza 44 città latinoamericane e valuta la disponibilità di una serie di servizi di mobilità, trasporto, alloggio e attività fisiche attraverso piattaforme digitali che si connettono a consumatori e prestatori. Lo studio, realizzato in collaborazione con la rossa Somos Innovación, Relial e il Consumer Choice Center, tiene anche in considerazione l'accessibilità che presenta queste piattaforme, in termini di requisiti, per chi cerca di offrire o consumare servizi attraverso di essa.

Leggi l'articolo completo qui

Descrizione
it_ITIT