fbpx

La finestra di 6 mesi di Trump per limitare le importazioni di auto potrebbe portare a una nuova guerra commerciale

Washington DC: Il presidente Trump darà all'UE e al Giappone sei mesi accettare un accordo che "limiterebbe o limiterebbe" le importazioni di automobili e le loro parti negli Stati Uniti. Si sostiene che le importazioni di automobili minaccino la sicurezza nazionale poiché hanno danneggiato i produttori nazionali e la loro capacità di investire in nuove tecnologie.

In risposta, il vicedirettore del Consumer Choice Center Yael Ossowski ha avvertito che facendo un simile trattamento, il presidente Trump ha affermato la sua intenzione di non procedere con una soluzione cooperativa. Dove non c'è la volontà politica di cooperare sul commercio, c'è una crescente possibilità di una guerra commerciale.

“Innanzitutto, le affermazioni secondo cui le importazioni di automobili danneggiano i produttori nazionali e la loro capacità di investimento ignorano gli interessi dei consumatori americani. Dovrebbero Giappone e l'UE limita la fornitura di automobili, i consumatori negli Stati Uniti dovranno sostenere i costi sotto forma di prezzi più elevati. Proteggere un'industria a scapito dei consumatori domestici non ha mai migliorato la situazione di nessun paese", ha affermato Ossowski.

“La decisione di Trump, ironia della sorte, danneggerà coloro che cerca di proteggere. L'industria automobilistica statunitense è fortemente dipendente dalle importazioni di parti di automobili. Se l'UE e il Giappone limitano la loro fornitura di parti di automobili al mercato statunitense, le vendite e la produzione sul mercato interno saranno limitate. Le conseguenze saranno numerose e dannose, e dovranno sopportarle tutti gli americani.

“È molto probabile che la decisione di Trump scateni una nuova guerra commerciale e impedisca la cooperazione internazionale. Le guerre commerciali sono sempre perdenti. Devono essere fermati nelle prime fasi e prevenuti del tutto. Se Presidente Trump ha a cuore il benessere dei consumatori e dei produttori nel proprio paese, è giunto il momento che impari che il libero scambio è l'unica via da seguire”, ha concluso Ossowski.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org.

Leggi di più qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Aggiungi elemento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Descrizione