fbpx

Unione europea

Le regole di sorveglianza di Bitcoin e criptovalute dell'UE per danneggiare i consumatori

Il trilogo finale dell'Unione europea tra Consiglio, Commissione e Parlamento ha lavorazione finita la prima parte della normativa che costituisce il nuovo pacchetto antiriciclaggio dell'UE allineato alle regole sui mercati delle cripto-attività (MiCA).

Queste regole sono redatto seguendo le raccomandazioni del cd Regola di viaggio della Financial Action Task Force (FATF), un'organizzazione di trattati globali che combatte il riciclaggio di denaro. Lo scopo di questa regola è tracciare in modo efficace gli asset finanziari e include asset crittografici come Bitcoin e altre criptovalute a partire dal 2019,

Le norme proposte dall'UE introducono regolamenti che sono tutt'altro che neutrali dal punto di vista tecnologico, sono dannosi per l'innovazione e danneggeranno i consumatori che dipendono dai servizi di criptovaluta.

I fornitori di servizi di criptovalute sono obbligati a tenere registri e fornire tracciabilità dal primo euro rispetto alla finanza tradizionale in cui tale requisito è fissato per trasferimenti superiori a 1000 EUR.

I fornitori di servizi di criptovalute saranno tenuti a raccogliere informazioni e ad applicare misure di due diligence rafforzate rispetto a tutti i trasferimenti che coinvolgono portafogli non detentivi. Una serie di misure di mitigazione del rischio saranno in atto per gli scambi di criptovaluta prima di stabilire una relazione commerciale con scambi in paesi terzi. 

Mettere regolamenti così severi sui portafogli non custoditi, insieme all'introduzione di misure rigorose e complicate per gli scambi di criptovalute, introdurrà condizioni sfavorevoli per il settore in crescita e costringerà un certo numero di aziende a spostare le loro operazioni all'estero, privando i consumatori della loro capacità per usufruire in modo sicuro e protetto dei servizi crittografici.

Mettere in atto questi elevati costi normativi sta già influenzando il processo decisionale dei fornitori di servizi di criptovalute, che ora stanno valutando la possibilità di cambiare giurisdizione e passare a quelle più favorevoli. Queste regolamentazioni maldestre non riguarderanno solo il settore, ma molti dei consumatori che si affidano a loro, spingendoli a utilizzare borse extra UE. 

Abbiamo visto i consumatori votare con i piedi in passato, scegliendo fornitori di servizi in paesi diversi per evitare misure simili, e questa non farà eccezione.

Con più clausole orwelliane che richiedono che un consumatore che invia o riceve più di 1000 EUR da o verso il proprio portafoglio non detentivo sia verificato dall'exchange di criptovalute, assisteremo a una serie di problemi che sorgono sia per l'industria che per il consumatori, aggiungendo costi aggiuntivi a tutti i trasferimenti. 

L'Unione Europea è stata criticata in passato per la sua eccessiva regolamentazione, soprattutto quando si tratta di tecnologie innovative. Anche se l'UE è stata relativamente all'inizio nella creazione di un quadro giuridico completo per le criptovalute, una serie di regolamenti concordati danneggerà senza dubbio sia l'industria che il consumatore al dettaglio.

La sorveglianza di ogni consumatore unita a copiose normative rivolte ai fornitori di servizi di criptovalute lascerà ancora una volta i cittadini dell'UE alla ricerca di alternative all'interno di giurisdizioni più aperte all'innovazione, al decentramento e ai quadri normativi orientati al consumatore.

L'intero scopo delle criptovalute è fornire un'alternativa al sistema monetario fiat controllato dal governo. Queste regole mirano a interrompere tale obiettivo, principalmente costringendo gli operatori del settore a rispettare regole ancora più severe imposte alle istituzioni finanziarie tradizionali.

C'è un modo migliore per farlo al fine di promuovere l'innovazione, proteggere i consumatori e creare un ecosistema migliore di cui beneficeranno tutti gli europei.

Il nostro manuale sui principi per i regolamenti intelligenti sulle criptovalute è disponibile per tutti i regolatori e offre principi fondamentali da sostenere al fine di creare una guida normativa per il nascente settore senza danneggiare l'innovazione.

I PRINCIPI

  • Prevenire le frodi
  • Neutralità tecnologica
  • Tassazione ragionevole
  • Certezza giuridica e trasparenza

La tentazione di regolamentare le criptovalute e l'economia blockchain basandosi solo su considerazioni finanziarie, piuttosto che sul potenziale innovativo, è una minaccia attiva per imprenditori e consumatori nello spazio crittografico.

Penalizzare i pionieri nell'innovazione delle criptovalute o sottoporli a leggi obsolete servirà solo a limitare la crescita economica senza pari attualmente fornita dal settore, o rischierà di spingere tutti gli investimenti e l'imprenditorialità verso giurisdizioni meno affidabili e legali.

L'introduzione alla politica può essere letta integralmente qui

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Scopri di più su consumerchoicecenter.org.

Se desideri aiutarci a sconfiggere il regolamento dannoso di Bitcoin e criptovalute, anche utilizzando criptovalute, considera di investire valore nel Consumer Choice Center tramite la nostra pagina Donazioni.

Il Parlamento decide su F2F questo mese, ecco cosa dovrebbe sapere

Il Parlamento dovrebbe sollevare seri interrogativi sui piani.

Questo mese il Parlamento europeo discuterà la strategia Farm to Fork della Commissione europea. I piani stabiliscono modifiche significative al sistema agricolo, imponendo una riduzione di 50% di pesticidi entro il 2030 e un aumento a 25% della quota di prodotti biologici in tutta la produzione alimentare dell'UE nel 2030. In aggiunta a ciò, la strategia vuole stabilire obiettivi per “diete salutari”, che uniscono l'obiettivo di ridurre il consumo di carne a fini sia sanitari che ambientali.

L'affermazione essenziale è che la carne lavorata è un pericolo per la salute pubblica, in quanto è associata ad un aumentato rischio di cancro. Il "associato con" è una parola chiave piuttosto importante qui, soprattutto perché viene ripetuta così spesso. Tutto ciò che consumi è essenzialmente cancerogeno e può quindi essere collegato a diversi tipi di cancro. La domanda è quanto sia pericoloso esattamente. 

Leggi l'articolo completo qui

I divieti pubblicitari di cibo spazzatura non funzionano

Riconosciuta come un fattore di rischio per i casi gravi di COVID-19, l'obesità sarà probabilmente in cima all'agenda politica europea per gli anni a venire.

Il recente lancio dell'intergruppo dei parlamentari europei per l'obesità e la resilienza del sistema sanitario, combinato con diversi sondaggi ed eventi, segnala un crescente interesse a trovare la soluzione più efficace. Tuttavia, la tendenza rintracciabile a utilizzare le raccomandazioni dell'OMS come scorciatoia quando si tratta di questioni relative allo stile di vita fa più male che bene.

Nel novembre 2016, l'OMS ha pubblicato un rapporto che invita gli Stati membri europei a introdurre restrizioni sulla commercializzazione di alimenti ricchi di grassi saturi, sale e/o zuccheri liberi per i bambini, coprendo tutti i media, compreso il digitale, per frenare l'obesità infantile. 

Lo stesso anno il "E i nostri figli?" campagna, guidata dall'eurodeputata rumena Daciana Octavia Sârbu e organizzata da 10 organizzazioni sanitarie europee, ha chiesto una modifica della direttiva sui servizi di media audiovisivi (AVMSD) per imporre uno spartiacque alla pubblicità di cibo spazzatura in un momento in cui la direttiva era in fase di revisione . Di conseguenza, la direttiva aggiornata includeva una clausola sulla coregolamentazione e la promozione dell'autoregolamentazione attraverso codici di condotta riguardanti l'HFSS.

L'impatto implicito dell'OMS è rintracciabile su tutta la linea che, tuttavia, non si aggiunge alla sua legittimità. Il suddetto rapporto afferma che ci sono prove inequivocabili che le pubblicità di cibo spazzatura hanno un impatto sul comportamento dei bambini, ma non lo confermano con fatti per mostrare un nesso causale tra la commercializzazione di questi alimenti e l'obesità dei bambini. Ciò che il rapporto fa, però, è demonizzare l'industria del marketing a livello globale per aver preso di mira intenzionalmente i bambini.

Il legame tra la pubblicità, in particolare gli annunci televisivi, e l'obesità infantile è debole e la maggior parte delle conclusioni attuali si basano su studi di decenni fa. Uno di questi esempi è un processo condotto in Quebec oltre 40 anni fa. Nell'ambito di uno studio del 1982, i bambini di età compresa tra i cinque e gli otto anni che soggiornavano in un campo estivo a basso reddito in Quebec sono stati esposti per due settimane a messaggi televisivi di cibi e bevande. È stato riscontrato che i bambini che hanno visto spot pubblicitari di caramelle hanno scelto molte più caramelle rispetto alla frutta come snack. Sebbene sembri esserci un legame non direzionale stabilito tra l'obesità infantile e la televisione, e un legame plausibile con le pubblicità alimentari, non è sufficiente per giustificare i divieti.

Le politiche sui divieti pubblicitari di cibo spazzatura non riconoscono che le scelte dei bambini dipendono fortemente dall'ambiente in cui crescono e dai comportamenti considerati accettabili. Pertanto, se i genitori vivono una vita malsana, è molto più probabile che anche i loro figli vivano una vita malsana. 

Per affrontare l'obesità, dobbiamo cambiare radicalmente la narrativa sociale di ciò che è sano e ciò che non lo è, e i futili tentativi di risolvere il problema attraverso i divieti non sono un modo efficace per andare avanti.

L'educazione – sia a scuola che a casa attraverso comportamenti modello – e la responsabilità genitoriale svolgono un ruolo chiave nella lotta all'obesità. I divieti pubblicitari di cibo spazzatura dell'OMS sono una soluzione istintiva a un problema che richiede un cambiamento sociale fondamentale.

Originariamente pubblicato qui.

L'UE dovrebbe eliminare la tassa sui servizi digitali

I consumatori europei rischiano di pagare di più

Con l'ascesa dell'economia digitale, è emersa una tendenza verso una maggiore regolamentazione dei servizi digitali. L'imposta sui servizi digitali (DST), in base alla quale le imprese multinazionali sono tassate nei paesi in cui forniscono servizi attraverso un mercato digitale, è diventata uno dei mezzi più popolari per domare i grandi attori.

Nel 2018, la Commissione europea ha avviato l'introduzione di un'ora legale del 3% sui ricavi generati nel mercato digitale dell'UE, comprese le vendite e la pubblicità online. Tuttavia, con l'opposizione di paesi come la Svezia o l'Irlanda, non è mai stato raggiunto un accordo a livello di Consiglio. Nonostante la mancanza di compromessi, gli Stati membri hanno continuato a introdurre l'ora legale a livello nazionale. Di conseguenza, Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Francia, Ungheria, Italia, Polonia, Slovenia, Spagna hanno proposto, annunciato o stanno già implementando una sorta di tassa digitale. 

Secondo a Rapporto KPMG, la suddetta tassa sta generando dal 2 al 3 percento delle entrate del governo dei paesi da un gruppo ristretto di grandi società Internet. Sebbene i tassi differiscano leggermente tra gli Stati membri – 7,5% in Ungheria e 3% in Francia – l'obiettivo è generalmente lo stesso: grandi multinazionali.

In base alle attuali norme fiscali internazionali, un paese in cui le società di servizi multinazionali sono soggette all'imposta sul reddito delle società è generalmente determinato dal luogo in cui avviene la produzione piuttosto che da dove si trovano i consumatori o gli utenti. Tuttavia, i sostenitori dell'ora legale sostengono che le imprese digitali ottengono entrate vendendo agli utenti all'estero attraverso l'economia digitale, ma lo fanno senza una presenza fisica lì e viceversa non sono soggette all'imposta sul reddito delle società lì.

L'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) ha invitato più di 130 paesi a modificare il sistema fiscale internazionale. L'attuale proposta richiederebbe alle imprese multinazionali di pagare parte delle loro imposte sul reddito nel luogo in cui si trovano i loro consumatori o utenti. Secondo l'OCSE, il dilemma potrebbe essere sbloccato quest'anno e nell'amministrazione Biden vengono riposte grandi speranze affinché ciò accada.

I DST distorcono il mercato

Mentre l'Austria e l'Ungheria tassano solo la pubblicità, in Francia, Turchia e Italia l'ambito fiscale è molto più ampio. Include i ricavi derivanti dalla fornitura di un'interfaccia digitale, pubblicità mirata e trasmissione di dati sugli utenti per scopi pubblicitari. Alla fine queste tasse ei costi aggiuntivi che le aziende dovranno sostenere saranno a carico dei consumatori. È probabile che costi più elevati per la pubblicità si traducano in prezzi più elevati per i prodotti e servizi di queste società. Secondo uno studio del 2019 sull'impatto economico della tassa sui servizi digitali francese, "circa il 55% del carico fiscale totale sarà a carico dei consumatori, il 40% delle imprese che utilizzano piattaforme digitali e solo il 5% delle grandi società Internet prese di mira. "

La Turchia e l'Austria forniscono una preziosa visione di come funzionano queste tasse.

Secondo il rapporto sopra citato, in Turchia, a settembre 2020, è stata aggiunta una commissione aggiuntiva del 7,5% ai costi degli abbonamenti in-app e ad altri tipi di pagamento effettuati sulle piattaforme digitali. In Austria, il 5% dell'ora legale è stato aggiunto alle fatture degli sviluppatori e degli inserzionisti quando promosso come parte dell'ora legale austriaca. 

Questi costi aggiuntivi sono pagati dai consumatori e dai piccoli sviluppatori e non fanno nulla per affrontare la natura in evoluzione del mercato digitale. In termini economici, i DST aumentano la perdita secca.

A prima vista, sembra ingiusto che le grandi multinazionali non paghino le tasse mentre le imprese tradizionali sono sopraffatte dalla tassazione e dalla regolamentazione. La Commissione UE ha rilevato che all'interno dell'UE, le società digitali dovevano pagare in media il 9,5% di tasse, mentre i modelli di business tradizionali erano soggetti a un'aliquota fiscale effettiva media del 23%. Tuttavia, se l'obiettivo è migliorare il benessere economico, una soluzione migliore sarebbe ridurre le tasse per entrambi i tipi di attività. 

Le piattaforme digitali stanno creando innovazione e ricchezza all'interno dell'economia. La “app economy” ha creato milioni di posti di lavoro negli ultimi anni, con 800.000 posti di lavoro in Europa e negli Stati Uniti solo nel 2017.

Contrariamente all'attuale convinzione politica, la tassa sui servizi digitali non colpirà le grandi multinazionali, ma i piccoli sviluppatori dovranno aumentare il loro prezzo. Anche l'innovazione europea ne risentirà. Se i prezzi dello scaling up salgono, i piccoli sviluppatori e gli innovatori non saranno in grado di competere efficacemente con le società statunitensi.

Le piattaforme e i servizi digitali hanno aiutato milioni di persone a lavorare da casa durante la recente pandemia di COVID-19 e in generale hanno rivoluzionato l'economia globale. Proprio perché le piattaforme digitali sono diverse dalla filiera prevalente da centinaia di anni, c'è la tentazione di sovraregolamentarle, altrimenti di frenarle per limitare i rischi derivanti dalla mancanza di conoscenza. 

Ogni tassa, inclusa quella sul reddito, è più preoccupata di riscuotere profitti piuttosto che di promuovere l'innovazione. Quando si parla di ora legale, è fondamentale capire quale obiettivo stiamo perseguendo. Se vogliamo che l'Unione Europea diventi un centro di innovazione, allora l'ora legale non è sicuramente la via da seguire, ma se vogliamo punire le grandi aziende tecnologiche apprezzate dai consumatori europei per il loro successo, allora è esattamente ciò di cui abbiamo bisogno. 

Eppure, anche se dovessimo seguire questa strada e continuare a sostenere l'ora legale, dovremmo farlo incoraggiando la concorrenza fiscale all'interno dell'UE invece di imporre una centralizzazione fiscale ancora maggiore. La concorrenza consentirebbe agli Stati membri dell'UE di competere tra loro come regimi normativi. In modo simile, ciò fornirebbe ai servizi e alle piattaforme digitali una scelta più ampia.

L'economia digitale aumenta il benessere economico. Alcune app, come Shazam, che riconosce la canzone riprodotta in quel momento, o Slack, un servizio che fornisce messaggi istantanei per aziende e team, sono state create da giovani imprenditori. Da allora si sono espanse esponenzialmente, entrando a far parte della nostra vita quotidiana. 

Al fine di aumentare la concorrenza nel mercato digitale, l'UE dovrebbe cercare di spingere di più per regolamentare in modo intelligente la piattaforma digitale senza tassarla. Tale regolamentazione includerebbe chiare regole di condotta che definiscono le pratiche inserite nella lista nera (ad esempio, l'autopreferenza) al fine di autoregolamentare alcuni aspetti della condotta di una piattaforma digitale, tra cui la trasparenza nei confronti degli utenti, obblighi di segnalazione e divieti. 

Tale approccio salvaguarderebbe la concorrenza in modo che le PMI siano in grado di competere con i grandi attori e creare il mercato dinamico a vantaggio di tutti i consumatori.

Se, d'altra parte, i paesi europei continuano a spingere per introdurre e aumentare l'ora legale senza alcun accordo a livello globale, i consumatori europei rischiano di pagare di più rispetto ai loro omologhi nordamericani o sud-asiatici e perdono innovazione e scelta. I DST sono inefficaci e l'UE dovrebbe abbandonarli una volta per tutte.

Originariamente pubblicato qui.

Come possiamo garantire la privacy dei consumatori?

Ogni settimana, sentiamo di nuove violazioni dei dati, hack e divulgazione di informazioni finanziarie e personali sensibili.

Il mese scorso, è stato il attacco informatico sul Colonial Pipeline negli Stati Uniti, provocando picchi nei prezzi del gas e lunghe code alla pompa. Prima di allora, è arrivata la notizia di una fuga di dati che ha colpito mezzo miliardo di account Facebook, un bot che ha raschiato con successo 500 milioni di account LinkedIn e un hack alla Stanford University che ha rivelato migliaia di numeri di previdenza sociale e dettagli finanziari. Il ciclo è infinito.

L'enorme numero di segnalazioni di fughe di dati, hack e truffe sugli account interessati è ora cresciuto in modo così gigantesco che consumatori e utenti rimangono insensibili. Più quel numero cresce, più diventiamo insensibili.

Ma le violazioni dei dati privati contano. E i consumatori dovrebbero essere giustamente spuntati.

Perché per ogni azienda fallita, exploit hacker e database governativo insicuro, ci sono migliaia di aziende e organizzazioni che lo fanno bene, mantenendo i dati degli utenti al sicuro, crittografati e lontani da occhi indiscreti.

E mentre i singoli paesi dell'Unione Europea hanno le proprie leggi sulla privacy e sui dati, l'aspetto più problematico qui è il travagliato Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR), che troppo spesso rende più difficile per le aziende legittime proteggere i dati, non meno.

Mentre dovremmo sempre essere vigili sui potenziali di perdite e hack, una delle principali preoccupazioni di una legge o direttiva sulla privacy dei dati intelligente e di buon senso dovrebbe essere quella di sostenere l'innovazione, cosa che non è il caso al momento.

Per ogni nuova azienda di dati sanitari, società di logistica o wearable di consumo, la corretta raccolta e conservazione dei dati sono un valore fondamentale. Più le regole sono uniformi, chiare e non creano barriere all'ingresso, maggiore sarà l'innovazione che vedremo quando si tratta di protezione dei dati.

Dovremmo incentivare le aziende ad adottare standard di interoperabilità e dati aperti per garantire che i dati siano portabili e di facile accesso per gli utenti. Le principali reti di social media ora consentono questa previsione ed è stata lo standard per i dati dei siti Web per diversi anni.

Se questo diventa lo standard, i consumatori saranno in grado di scegliere i marchi e i servizi che meglio soddisfano i loro bisogni e interessi, piuttosto che solo le aziende lasciate in piedi sulla scia di un'eccessiva regolamentazione.

Allo stesso tempo, se vogliamo rivedere le norme sulla privacy nell'UE, dovremmo sancire il principio della neutralità tecnologica, in cui il governo evita di decretare vincitori e vinti. Ciò significa che la regolamentazione o l'approvazione di vari formati di dati, algoritmi o tecnologia dovrebbe essere determinata da aziende e consumatori, non da agenzie governative senza le conoscenze necessarie per prendere buone decisioni. Il recente tentativo dell'UE di designare il "caricatore comune per telefoni" come connessione micro-USB, in un momento in cui le connessioni USB-C stanno diventando lo standard del settore, ne è un semplice esempio.

Ciò si estende anche alle pratiche di innovazione come la pubblicità mirata, il targeting geografico o la personalizzazione, che sono fondamentali per l'esperienza del consumatore.

In aggiunta, dovremmo diffidare di tutti i tentativi di vietare la crittografia sia per uso commerciale che personale.

La pressione ha montato sulla Commissione europea di rivedere la crittografia da parte di attori privati, ma sarebbe un errore.

Il motivo per cui la crittografia rimane uno strumento potente nell'arsenale di aziende e agenzie che gestiscono i nostri dati e comunicazioni è perché funziona. Dobbiamo difenderlo ad ogni costo.

Sebbene ci sia molto di cui preoccuparsi quando si tratta di violazioni e hack online, i consumatori dovrebbero poter beneficiare di un mercato innovativo di prodotti e servizi, svincolato da normative che troppo spesso limitano il progresso.

Questo equilibrio è possibile e necessario, sia se vogliamo avere un'esperienza online più sicura, sia se vogliamo continuare ad avere la migliore tecnologia a nostra disposizione per migliorare le nostre vite.

Originariamente pubblicato qui.

Sostenibilità: la parola-battaglia europea

Significherà qualcosa di diverso per tutti.

La strategia Farm to Fork dell'Unione europea tenta di promuovere la sostenibilità nel settore agricolo. Sebbene la sostenibilità sia un obiettivo lodevole in senso generale, ha una vasta gamma di possibili significati e applicazioni. Le istituzioni dell'UE hanno adeguatamente definito la parola. 

È necessario stabilire una definizione chiara e precisa di ciò che intendiamo per sostenibilità, in quanto solo questo ci consentirà di stabilire traguardi e obiettivi concreti e sviluppare metriche chiare e precise per monitorare i nostri progressi nel raggiungerli. L'implicazione della Commissione europea sembra essere che l'agricoltura biologica sia essenzialmente sinonimo di agricoltura sostenibile. Ma questa è una mera supposizione, fatta senza riferimento a una serie di preoccupazioni pratiche e ovviando a qualsiasi reale esame scientifico dei fatti. 

La pagina web della Commissione europea per l'agricoltura sostenibile loda i miglioramenti sulla sostenibilità apportati dalla politica agricola comune (PAC), ma non ha stabilito una definizione che corrisponda agli obiettivi raggiunti dalla politica. La strategia Farm to Fork è una tabella di marcia politica che delinea alcuni obiettivi numerici, ma l'affermazione che questi obiettivi sono sostenibili è semplicemente implicita. Affinché i consumatori europei possano comprendere gli obiettivi dell'Unione europea nel campo dell'agricoltura sostenibile, dobbiamo stabilire definizioni che descrivano in modo conciso cos'è l'agricoltura sostenibile.

In un dato webinar o persino la parola sostenibilità può essere lanciata senza senso, spesso supportando l'agenda del relatore. Quell'oratore è spesso un sostenitore dell'agroecologia o del sistema di produzione alimentare che rifiuta i progressi dell'agricoltura moderna. E questo è un gioco leale; quei sostenitori devono avere la loro voce nel processo democratico. Detto questo, spesso cooptano un termine che deve ancora essere ben definito. Puoi fare il test: ferma un consumatore medio per strada e chiedigli se dovremmo volere un cibo più sostenibile. Chi potrebbe non essere d'accordo con questo? Riguardo al fatto che dovremmo sostenere un'alimentazione sostenibile senza definire cosa ciò significhi, è come chiederci se dovremmo desiderare o meno un cibo "buono". Avremo diverse interpretazioni di ciò che ciò implica. Nel settore biologico, gli standard di sostenibilità non sarebbero rispettati.

Una ricerca credibile ha stabilito che il passaggio di tutta l'attuale agricoltura all'agricoltura biologica aumenterebbe le emissioni di gas serra (GHG) fino a 70%. I ricercatori hanno analizzato l'ipotetico passaggio della produzione agricola gallese e inglese al biologico e hanno scoperto che la riduzione dei raccolti nell'agricoltura biologica ha aumentato la necessità di importare cibo dall'estero. Includendo i gas serra emessi coltivando quel cibo all'estero - una parte dell'equazione spesso ignorata dai sostenitori dell'agricoltura biologica - i gas serra totali emessi aumenterebbero tra 21% nel migliore dei casi fino a un sorprendente 70%, a seconda di quanto habitat naturale e foresta dovevano essere cancellato per compensare il calo causato dal passaggio di Inghilterra e Galles alla produzione biologica. Per l'Unione Europea, che punta a un obiettivo di produzione biologica di 25% in Europa, l'impatto delle importazioni dall'estero sarebbe ancora più considerevole. Mentre lo studio presupponeva che l'Inghilterra e il Galles avrebbero importato la maggior parte del cibo extra di cui avevano bisogno dall'Europa, un'UE biologica 25% colmerebbe i suoi deficit di produzione importando cibo coltivato in paesi meno sviluppati con metodi di agricoltura notevolmente meno efficienti, il che aumenterebbe in modo significativo emissioni.

Quindi, mentre ci occupiamo di definire la sostenibilità, perché non ci occupiamo dei fatti e solo dei fatti?

Originariamente pubblicato qui.

Le organizzazioni globali e i populisti che mirano a sequestrare la tecnologia e la proprietà intellettuale per i vaccini COVID

Quando Donald Trump ha affermato nel settembre 2020 che ogni americano avrebbe avuto accesso ai vaccini entro aprile 2021, i suoi commenti hanno ricevuto disprezzo. Il Washington Post ha affermato che le sue affermazioni erano "senza prove"La CNN ha citato esperti sanitari che hanno affermato che lo era impossibilee Il New York Times ha sostenuto ci vorrebbe un altro decennio.

Ora, un anno dopo questa pandemia, quasi metà della popolazione ammissibile ha ricevuto almeno una dose di vaccino negli Stati Uniti e la distribuzione è avvenuta ha aperto a ogni adulto americano.

L'operazione Warp Speed, che ha investito denaro delle tasse e ha contribuito a ridurre la burocrazia su tutta la linea, ha contribuito a quello che è stato davvero uno sforzo miracoloso da parte delle aziende produttrici di vaccini.

Mentre i proclami di Trump alla fine diventano realtà e la questione della capacità del vaccino è stata risolta, ora c'è pressione sull'amministrazione Biden di cedere la fornitura nazionale di vaccini ai paesi con casi alle stelle.

Domenica, gli Stati Uniti dichiarato invierà ulteriori forniture mediche in India, attualmente in fase di sperimentazione più grande picco globale nei casi.

Ma negli organismi internazionali, paesi e gruppi di attivisti chiedono molto di più: vogliono costringere le aziende biotecnologiche a rinunciare ai diritti di proprietà intellettuale sui vaccini e sulla tecnologia medica correlata al COVID.

Insieme a quasi 100 altri paesi, India e Sud Africa sono gli architetti di a movimento presso l'Organizzazione mondiale del commercio chiamata TRIPS Waiver (Aspetti dei diritti di proprietà intellettuale relativi al commercio).

Se la rinuncia venisse attivata, apparentemente annullerebbe le protezioni della PI sui vaccini COVID, consentendo ad altri paesi di copiare le formule sviluppate da aziende private di vaccini per inoculare le loro popolazioni e giocare nelle mani dei futuri governi più ostili all'innovazione privata.

Questa settimana, la rappresentante commerciale degli Stati Uniti Katherine Tai incontrato con i vertici dei vari produttori di vaccini per discutere la proposta, ma è incerto se l'amministrazione Biden sosterrà il provvedimento in sede Wto.

Sebbene molte aziende si siano impegnate volontariamente a venderle al costo o addirittura si siano offerte di condividere informazioni con altre aziende, questa misura avrebbe implicazioni di più ampia portata.

Questa coalizione cerca la rinuncia al TRIPS include Medici Senza Frontiere, Human Rights Watch, e il Segretario generale dell'Organizzazione Mondiale della Sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus, che primo ha sostenuto questo sforzo nel 2020 prima che fosse approvato qualsiasi vaccino contro il coronavirus.

Affermano che, poiché il COVID rappresenta una tale minaccia globale e poiché i governi occidentali hanno versato miliardi per garantire e aiutare a produrre vaccini, i paesi a basso e medio reddito dovrebbero essere sollevati dall'onere di acquistarli.

Considerando le conoscenze specialistiche necessarie per sviluppare questi vaccini e l'infrastruttura di conservazione a freddo necessaria per distribuirli, non sembra plausibile che tutto ciò possa essere ottenuto al di fuori dei tradizionali contratti di appalto che abbiamo visto nell'Unione Europea e negli Stati Uniti

Detto questo, invece di celebrare l'importante innovazione che ha portato a quasi una dozzina di vaccini approvati a livello globale per combattere una pandemia mortale a tempo di record, questi gruppi stanno strombazzando un messaggio populista che contrappone i cosiddetti paesi "ricchi" a quelli poveri.

I diritti di proprietà intellettuale sono tutele che aiutano a promuovere l'innovazione e forniscono certezza del diritto agli innovatori in modo che possano trarre profitto e finanziare i loro sforzi. Un indebolimento delle regole di PI danneggerebbe attivamente i più vulnerabili che dipendono da medicinali e vaccini innovativi.

Se il costo della ricerca e della produzione di un vaccino contro il COVID è davvero $1 miliardo come si sostiene, senza alcuna garanzia di successo, ci sono relativamente poche aziende biotecnologiche o farmaceutiche che possono sopportare quel costo.

BioNTech, l'azienda tedesca guidata dal team marito-moglie di Uğur Şahin e Özlem Türeci che ha collaborato con Pfizer per le prove e la distribuzione del loro vaccino mRNA, è stata originariamente fondata per utilizzare l'mRNA per curare il cancro.

Prima della pandemia, hanno preso il sopravvento enorme debito e si sono dati da fare per finanziare la loro ricerca. Una volta iniziata la pandemia, hanno orientato le loro operazioni e prodotto uno dei primi vaccini COVID mRNA, che hanno ricevuto centinaia di milioni di persone.

Con miliardi di vendite ai governi e milioni di investimenti privati diretti, possiamo aspettarci che l'ormai fiorente BioNTech sia in prima linea nella ricerca sul cancro dell'mRNA, il che potrebbe darci una cura. Lo stesso vale per le numerose malattie rare e orfane che altrimenti non ricevono finanziamenti importanti.

Sarebbe stato possibile senza la protezione della proprietà intellettuale?

Moderna, dal canto suo, ce l'ha ha dichiarato non farà valere i diritti di proprietà intellettuale sul suo vaccino mRNA e consegnerà qualsiasi ricerca a coloro che possono aumentare la produzione. Gli sviluppatori del vaccino Oxford-AstraZeneca si sono impegnati a farlo vendilo a prezzo di costo fino alla fine della pandemia.

Mentre questo dovrebbe distruggere la narrativa presentata dai populisti e dalle organizzazioni internazionali che desiderano cancellare i diritti di PI, invece hanno raddoppiato, affermando che queste società dovrebbero affidare tutta la ricerca e lo sviluppo ai paesi che ne hanno bisogno.

Se vogliamo essere in grado di affrontare e porre fine a questa pandemia, continueremo ad aver bisogno dell'innovazione sia dei produttori di vaccini che dei produttori che lo rendono possibile. La concessione di una rinuncia una tantum creerà un precedente di annullamento dei diritti di proprietà intellettuale per una serie di altri medicinali, il che metterebbe in grave pericolo l'innovazione futura e milioni di potenziali pazienti.

Soprattutto di fronte alle mutanti varianti del COVID, abbiamo bisogno di tutti gli incentivi sul tavolo per proteggerci dalla prossima fase del virus. 

Piuttosto che cercare di abbattere coloro che hanno compiuto il miracolo di vaccini rapidi, economici ed efficaci, dovremmo continuare a sostenere le loro innovazioni difendendo i loro diritti di proprietà intellettuale.

Yaël Ossowski (@Yael Oss) è vicedirettore del Consumer Choice Center, un gruppo globale di difesa dei consumatori.

MERCOSUR : Le Temps des Plates Excuses

L'accordo tra l'Unione europea e il Mercosur è in questione – sous de faux prétextes. È il momento di realizzare le cose che devi recuperare.

L'accord commercial entre l'Union européenne (UE) et le Mercosur (une communauté économique regroupant plusieurs pays d'Amérique du Sud) est critiqué – voire pratiquement mort selon plusieurs déclarations politiques. C'était l'intention de la France dès le début: plus de protectionnisme, moins de libre-échange.

Tout a commencé avec les feux dans l'Amazonie, au Brésil. D'après l'expert forestier et spécialiste environnemental Emmanuel Macron :

“Notre maison brûle. Letteralmente. L'Amazzonia, il poumon de notre planète qui prodotto 20% de notre oxygène, est en feu. C'est une crisi internazionale. Membri del G7, appuntamento in due giorni per parlare di questa urgenza. #ActForTheAmazon"

Avec de tels appels, la scelta pertinente à faire è di mettere le scelte in prospettiva. Sappiamo che il nome d'incendies au Brésil cette année est supérieur à celui de l'an dernier, mais il est aussià peu près le même qu'en 2016 et inférieur à 2002, 2003, 2004, 2005, 2006, 2007, 2010 e 2012.

Les données de l'Institut national de recherche spaziali du Brésil, che collaborano con la NASA, a partire dal 2019 non sono state décalage. Questi dati sono ottenuti grazie all'analisi delle immagini satellitari.

Bien que le nombre d'incendies en 2019 soit en effet 80% plus élevé qu'en 2018 – un chiffre largement rapporté ces derniers temps – il n'est supérieur que de 7% à la moyenne des dix dernières années. Inoltre, la maggior parte delle fiamme si produce attualmente sulle terre già disboscate in Amazzonia.

Un mito popolare

Le mythe populaire veut que l'Amazonie soit « le poumon de la Terre », produisant « 20% de l'oxygène du monde ». C'est en tout cas ce que dit le tweet di Emmanuel Macron. In realtà, questi due elementi non sono inesatti... e solo perché i tuoi polmoni non producono ossigeno.

Poichè, quel chiffre continuera de circuler tant qu'il y aura des reportages à produire ; l'agence Associated Press elle-même l'a propagé – elle a dû le pensionato ensuite.

Selon le site de controllo dei fatti Snopes :

«En fait, presque tout l'oxygène respirable de la Terre provient des océans, et il y en a assez pour durer des million d'années. Il ya de nombreuses raisons d'être consterné par les incendies d'Amazonie de cette année, mais l'épuisement de l'approvisionnement en oxygène de la Terre n'en fait pas partie. »

Donc non, vous n'étoufferez pas à cause des incendies de l'Amazzonia.

Les vraies raisons…

L'Irlanda e la Francia propongono malgré tout de mettre fin à l'accord avec le Mercosur, pour des raisons environnementales.

Malheureusement pour elles, aucun prétexte écologiste ne pourra cacher leurs vraies motivazioni: défendre les intérêts protectionnistes des agriculteurs irlandais et français, qui se sont querela d'une concurrence acrue de la part de pays comme l'Argentine.

Il faut savoir que cet accord a une grande importanza géopolitique; il constitue un signe fort contre le protectionnisme. S'il est ratifié, cet accord avec le Mercosur établirait la plus grande zone de libre-échange que l'UE ait jamais créée, couvrant una popolazione de plus de 780 million d'habitants, et consoliderait les liens politiques, économiques et culturels étroits entre ces deux zone.

L'accord élimine les droits de douane sur 93% des exportations vers l'UE et accorda un « traitement préférentiel » aux 7% restants. Inoltre, sopprimerà i diritti di doppiamente su 91% delle merci che le imprese dell'UE esportano nei confronti del Mercosur.

Il nome delle denunce ufficiali presentate all'OMC nel 2018 è stato superiore a 122% rispetto al celui del 2009. Nel 2018, l'UE è stata la seconda più grande difensore delle denunce all'OMC, quindi è arrivata a due a due più la Cina.

L'importanza della Cina

Ce pays n'est pas cité au hasard. È cruciale capire l'influenza cinese sul terreno sudamericano.

Depuis 2005, la China Development Bank e la China Export-Import Bank hanno acconsentito più di 141 Mds$ in prêts à des pays et à des entreprises appartenant aux Etats d'Amérique latine et des Caraïbes.

In Amérique latine et ailleurs dans le monde, les prêts chinois sont considérés à la fois comme une recherche de profit et comme une forma de diplomatie.

La Banque de développement si concentra su huit domaines: elettricità, costruzione di percorsi, chemins de fer, petrolio, carbone, telecomunicazioni, agricoltura e servizi pubblici.

Avec cet accord, il devient possible de contrer l'influence chinoise. La France et l'Irlande doivent cesser de s'y oppositore et travailler sur un accord commun en Europe.

Donner plus de choix aux consommateurs, garantir plus de libre-échange pour les producteurs des deux côtés et défendre les intérêts geopolitiques par le biais de la politique commerciale : tout cela devrait être evidente. Il semble malheureusement que ne plus rien n'est évident, pour la classe politique actuelle…

Originariamente pubblicato qui.


Pour en savoir plus sur l'accord MERCOSUR, consultez notre infographie ici.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Scopri di più consumerchoicecenter.org.

#EL'ambiente ha bisogno di essere salvato attraverso l'innovazione, non la fame

Con l'avvicinarsi dell'inverno, le persone riprendono a litigare sul termostato di casa. Mentre il riscaldamento è molto conveniente, ha anche un costo ambientale. La protezione e lo sviluppo dell'ambiente sono, senza dubbio, una causa sia necessaria che nobile, e mentre a volte possiamo non essere d'accordo con l'allarmismo o il reazionarismo che deriva dall'eco-politica, è una cosa meravigliosa vedere le preferenze dei consumatori gravitare verso alternative più ecologiche, scrive Bill Wirtz.

È attraverso i cambiamenti negli atteggiamenti dei consumatori che costringono le innovazioni a diventare più sicure, più sostenibili e, in generale, più "verdi". Lo stesso però vale anche per il prezzo: mentre le aziende tentano di ridurre i prezzi, i loro incentivi le costringono a utilizzare meno energia. Questo è ciò che abbiamo visto accadere alle auto, che hanno visto raddoppiare l'efficienza del carburante dagli anni '70, o ai viaggi aerei, che hanno visto consumare 45% in meno di carburante dagli anni '60.

Il bello dell'innovazione guidata dal consumatore è che arriva naturalmente attraverso il mercato. Nel settore alimentare, abbiamo assistito a enormi sforzi per ottenere colture più sicure, più convenienti e meno energivore. Con le attuali innovazioni agro-tecnologiche, come attraverso l'editing genetico, questa diventa una prospettiva promettente. Tuttavia, il mondo politico sembra poco impressionato dall'innovazione e più interessato a reagire all'allarmismo. Da nessuna parte gli effetti pericolosi di questo si fanno sentire più che nel mondo in via di sviluppo. I paesi avanzati con buone intenzioni ignorano i bisogni e le capacità delle nazioni più povere in nome della presunta protezione ambientale.

Prendiamo, ad esempio, una recente conferenza, tenuta congiuntamente in Kenya dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) e dal Centro mondiale per la conservazione degli alimenti. La "Prima conferenza internazionale sull'agroecologia che trasforma i sistemi agricoli e alimentari in Africa" mira ad attuare le politiche di "agroecologia" in tutto il continente.

L'“agroecologia” propagandata dalla conferenza si riferisce a uno stile di agricoltura più “organico”, privo di (o, almeno, meno dipendente) da fertilizzanti sintetici e pesticidi. In molte parti dell'Africa, dove questa conferenza ha avuto la sua attenzione, ciò potrebbe avere effetti devastanti. Non dovrebbe sorprendere che i metodi di coltivazione agroecologici siano, in genere, molto meno efficienti dell'alternativa moderna e meccanizzata (una conclusione raggiunta in uno studio condotto da sostenitori dell'agroecologia).

In un continente che è stato a lungo afflitto da una scarsa crescita economica e, cosa molto più grave, da gravi carestie e carestie alimentari, correre il rischio di passare a metodi meno produttivi in nome dell'ambiente sarebbe cieco alle necessità di un'economia in via di sviluppo . Visto semplicemente, si potrebbe facilmente etichettare questa visione del mondo e questa prescrizione come arroganti. Se le persone nei paesi sviluppati (o in qualsiasi altro posto per quella materia) desiderano creare un'azienda agricola biologica e agroecologica per promuovere un sistema più rispettoso dell'ambiente, allora più potere per loro. Ma semplicemente non possiamo aspettarci che ciò si applichi a paesi in via di sviluppo come quelli africani. Portare pratiche e tecnologie sostenibili nel mondo in via di sviluppo dovrebbe essere raggiunto attraverso una maggiore innovazione scientifica, stimolando la crescita economica e lo sviluppo.

Dopo la Brexit, il Regno Unito sarà nella posizione ideale per farlo senza i vincoli della politica agricola comune dell'UE e dei regolamenti sulle biotecnologie, che hanno reso impossibile il commercio con gli agricoltori nei paesi in via di sviluppo, nonché colture innovative a livello nazionale. Mentre i cuori di coloro che sostengono l'"agroecologia" sono certamente nel posto giusto, dobbiamo capire che i loro suggerimenti minacciano le possibilità di crescita e sviluppo delle economie in via di sviluppo.

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org.

Une nouvelle Initiative européenne pro-science mérite le support public

Una nuova iniziativa cittadina dell'UE organizzata dagli studenti richiede un processo di autorizzazione scientifica razionale nel dominio dell'agricoltura. Ils méritent d'être entendus et soutenus.

Le 25 juillet, la Commission européenne a enregistré l'initiative citoyenne "Grow Scientific Progress : Crops Matter !" (“grandir l'innovation scientifique: les culture sont importantes”). Deux étudiantes sont nommées comme représentantes, à savoir Martina Helmlinger et Lavinia Scudiero. Helmlinger è sur le point de terminer sa maîtrise en “sécurité de la chaîne alimentaire” all'Institut des sciences et technologies alimentaires de l'Université des ressources naturelles et des sciences de la vie de Vienne, e possiede una licenza in biotecnologie. Scudiero est diplômée en médecine vétérinaire, elle s'intéresse à la sécurité alimentaire, et elle poursuit actuellement une maîtrise en sécurité alimentaire, le droit alimentaire et affaires réglementaires à l'Université de Wageningen.

Dans l'argumentaire de l'initiative, les deux étudiants soutiennent que la direttiva 2001/18/CE de l'UE est dépassée, et sugèrent un meccanismo automatico per la revisione. L'obiettivo è quello di razionalizzare la procedura di autorizzazione della messa sul mercato, di désormais longue et coûteuse, e di consentire il vantaggio dei progressi scientifici nell'UE. Le valutazioni individuali, in opposizione alle definizioni generali, aiutano a consentire l'arrivo delle nuove tecnologie sul mercato.

Vieni l'explique Marcel Kuntz, direttore della ricerca al CNRS (Centre national de la recherche scientifique) a Grenoble: “L'agro-biotecnologie non è un modo di produzione agricola, c'è un moyen d'accroître la biodiversité. Ce qui est important, c'est ce qu'on fait d'un produit, pas comment on l'a obtenu. Kuntz si lamenta anche degli attacchi contro le scienze e che la sicurezza delle innovazioni scientifiche è definita attraverso un dibattito politico.

Il dibattito sull'innovazione in agricoltura è stato preso in considerazione dai comunicatori professionisti che non fanno altro che ridurre l'innovazione tecnologica. C'est un phénomène médiatique problématique — pour chaque innovation on nous parle longuement des risques potentiels (souvent imaginaires), en oubliant les opportunités énormes.

Cela interessa anche le modalità di comunicazione delle istituzioni dell'UE, visibili nel dibattito dell'OGM. Sul sito web “Legislative Train Schedule” (“calendrier du train législatif”) del Parlamento europeo, i relatori delle direttive sont censés expliquer de manière neutre la ligne d'action législative. C'est un outil qui transmet l'information aux citoyens de façon non partisane.

Frédérique Ries, membro belga del Parlamento europeo, n'a pas pris ce travail très au sérieux. Dans un articolo sur le site résumant la direttiva (UE) 2015/412, elle écrit :

“Le Parlement européen a également insisté pour que les États membres, dans lesquels des culture GM sont cultivées, évitent la contaminazione transfrontalière en établissant des zones tampons le long de leurs frontières avec les États membres voisins dans lesquels les OGM ne sont pas cultivés.

La verità è quella delle organizzazioni come Greenpeace mentent sur les OGM depuis des décennies. È esplicito che gli OGM rappresentano “risques inacceptables”, senza che siano in evidenza i presunti scienziati che ne esprimono il rischio. Ils écrivent par example:

“Les culture génétiquement modifiées n'ont pas leur place dans l'agriculture Durable. Ils comportent des risques inacceptables créés par le processus de génie génétique.”

Les mêmes ONG qui se sont ssurées que l'UE n'utiliserait pas de culture génétiquement modifiées ont egalement célébré une affaire devant la Cour de Justice de l'Union européenne, dans laquelle il est dit que le génie génétique devrait être traité de la même manière que les OGM. Pace verde debito le génie génétique comme “OGM par la porte de derrière”.

Lo chef de l'Autorité européenne de sécurité des aliments (EFSA), Dr. Bernhard Url, esplicito qu'il ne faut pas “tirer sur la science” si on n'aime pas les résultats en question. Il ajoute que “si la science ne devient qu'une opinion de plus, qui peut être négligée en faveur de la superstition, cela comporte un risque énorme pour la société”.

Il a ragione. Il genio genetico offre déjà de nombreux vantaggi al miglioramento genetico, per esempio en créant des aliments sans allergènes. Immagina l'immenso cambiamento per le persone affette da allergie potenzialmente mortali, se nous parvenons à créer des arachides sans allergènes ou du blé sans gluten. Tuttavia, ces application dépassent le domaine de l'agriculture. Il genio genetico può aiutare a combattere il virus Zika, à prevenir la trasmissione du paludisme, UN guérir la leucémie et montre des recherches prometteuses dans les domaines de la maladie d'Alzheimer, della malattia di Huntington, del cancro del collo dell'utero e del cancro del poumon.

Il genio genetico rischia di essere vittima della stessa persona non scientifica degli OGM. D'altri continenti innovano quando l'Europa s'enfonce in un fossé technologique. 

L'iniziativa Grow Scientific Progress può aiutare all'incontro con questa evoluzione. L'Union européenne doit s'ouvrir à l'innovation scientifique afin de saisir les opportunités passionnantes demain.


Publié à l'origine ici:

Descrizione
it_ITIT