fbpx

Scatena il potenziale dello svapo: la mancanza di conoscenza sullo svapo frena la cessazione del fumo

Il Consumer Choice Center, insieme a World Vapers' Alliance, ha recentemente presentato una novità indagine condotto con 30 medici generici e oltre 800 fumatori in Germania e Francia – con una prima buona notizia: più della metà degli intervistati vuole smettere di fumare!

La consapevolezza degli effetti sulla salute del fumo di tabacco è cresciuta in modo esponenziale negli ultimi decenni, spingendo i responsabili politici a stabilire regole per frenarne l'uso. Tuttavia, proprio come ogni vizio che comporta rischi, le misure proibitive e rigorose non hanno prodotto i risultati sperati.

La terapia sostitutiva della nicotina standard (NRT) è riconosciuta, osservata e coperta dai sistemi di sicurezza sociale, nonostante mostri effetti molto limitati negli sforzi per aiutare coloro che scelgono di smettere, a farlo. Lo svapo ha offerto ai consumatori l'opportunità di soddisfare il bisogno di nicotina, il tutto rappresentando una frazione del danno. Lo svapo è 95% meno nocivo rispetto all'utilizzo di sigarette convenzionali, ed è contemporaneamente il strumento per smettere di fumare di maggior successo.

Sapendo tutto questo, possiamo dire che lo svapo è per usare la nicotina ciò che le cinture di sicurezza sono per la guida o i preservativi per gli incontri sessuali: mentre può essere più sicuro non usare affatto la nicotina, non guidare un'auto o non fare sesso, lo è fondamentale per applicare la riduzione del danno. Dall'invenzione della prima sigaretta elettronica nel 2003, lo svapo ha fatto molta strada nell'offrire una scelta ai fumatori che desiderano smettere, e lo ha fatto con molti meno rischi rispetto alle sigarette.

Sfortunatamente, a volte è difficile trovare rapporti accurati sullo svapo. Molti lettori potrebbero ricordare il picco nei casi di EVALI (E-sigaretta, o Vaping Product, Use Associated Lung Injury) negli Stati Uniti nel 2019, che è stato attribuito allo svapo. Fino ad oggi, questi casi hanno disincentivato i fumatori dal cambiare, anche se è stato mostratoche gli utenti interessati avevano consumato liquidi elettronici contenenti THC dal mercato illecito. All'insaputa degli acquirenti dell'epoca, a quei liquidi era stata aggiunta vitamina E acetato, con conseguenze fatali per chi li consumava. Tutto ciò che la storia ha fatto davvero è stato sottolineare l'importanza di un mercato regolamentato e legale per i prodotti di svapo, che impedisce di lasciare il mercato ai contrabbandieri.

Quando sostengono la riduzione del danno, organizzazioni come la nostra non si imbattono solo in storie di paura dei media, ma anche in idee sbagliate diffuse. Il sondaggio CCC/WVA ha mostrato che 33% di fumatori in Francia e 43% in Germania ritengono che lo svapo sia dannoso o più dannoso delle sigarette. Le convinzioni errate sulla nicotina si estendono ancora di più: il 69% dei fumatori in Francia e il 74% dei fumatori in Germania ritengono che la nicotina causi il cancro, il che è ben lontano dalle prove scientifiche. Gli esperti di nicotina lo sanno da tempo, ma le informazioni non sono arrivate al pubblico, ai politici o ai medici di base.

I medici sono fattori essenziali del cambiamento quando si tratta delle abitudini malsane dei loro pazienti. Tuttavia, il nostro sondaggio ha mostrato che troppi medici condividono opinioni poco informate sulla nicotina o non sono nemmeno consapevoli del concetto di riduzione del danno. Di conseguenza, la maggior parte dei medici non raccomanda lo svapo come strumento per smettere di fumare. Anche le loro opinioni sulla nicotina (spesso credono che causi danni ai polmoni) sono fondamentalmente incoerenti: se la nicotina dovesse causare danni ai polmoni, perché i medici dovrebbero raccomandare le NRT, che contengono tutte nicotina?

La riduzione del danno da tabacco ha ancora molta strada da fare prima di raggiungere gli ambiziosi obiettivi della cessazione del fumo su larga scala. L'informazione è quindi fondamentale: la demonizzazione dello strumento di riduzione del danno di maggior successo deve cessare, così come le norme e i regolamenti punitivi. Lo svapo dovrebbe essere al centro di tutti i cambiamenti politici imminenti progettati per frenare il consumo di tabacco, invece di essere l'obiettivo della tassazione eccessiva.

Originariamente pubblicato qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Aggiungi elemento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Descrizione