fbpx

Narcos 3.0: il Messico dichiara guerra allo svapo e ripete i vecchi errori dei proibizionisti

Quando il presidente di estrema sinistra del Messico Andrés Manuel López Obrador (o in breve AMLO) si è candidato alla carica nel 2018, lui e la sua piattaforma hanno promesso la fine della decennale guerra alla droga in Messico. Ha riconosciuto che le politiche proibizioniste causano più danni che benefici. Ironia della sorte, lo stesso presidente ha emesso una presidenza presidenziale a sorpresa decreto il 19 febbraio vietando l'importazione di sigarette elettroniche, vaporizzatori e prodotti del tabacco riscaldati. L'ordinanza vieta anche l'importazione di liquidi da svapo privi di nicotina.

Il decreto presidenziale fa molto affidamento su tattiche intimidatorie, invocando la "crisi dello svapo" statunitense per giustificare il divieto del Messico. Ma anche il CDC degli Stati Uniti e il decreto di AMLO ammettono che la "crisi dello svapo" è stata effettivamente causata da liquidi da svapo illeciti del mercato nero. Spingere i vapers messicani al mercato nero causerà esattamente ciò che l'ordine afferma di voler prevenire: più malattie polmonari.

Anche prima di questo decreto, il Messico aveva regolamentazioni opache sullo svapo, che dovevano essere chiarite da una sentenza della corte suprema e consentivano ad almeno alcuni produttori di vendere sigarette elettroniche al paese circa 1,2 milioni di vapers.

Questi vapers ora vengono lasciati soli senza accesso a prodotti alla nicotina che sono meno dannosi delle sigarette convenzionali, e questo in tempi di blocchi e persone che trascorrono la maggior parte della loro settimana a casa grazie a COVID. È molto probabile che si verifichino due scenari se il decreto non viene annullato:

  • Narcos 3.0: Il Messico ha un mercato nero ben sviluppato per le sostanze illecite e, come sanno i normali spettatori di Netflix, funge da enorme hub di transito per il traffico globale di droga. Non ci vorrebbe molto alla criminalità organizzata per contrabbandare prodotti di svapo legali dai paesi vicini in Messico e venderli sul mercato nero o (ancora più preoccupante) vendere liquidi da svapo contraffatti ai vapers messicani. La crisi dello svapo negli Stati Uniti, che il decreto presidenziale strumentalizza per il suo divieto, è stata causata da liquidi da svapo illeciti del mercato nero. Spingere i vapers messicani al mercato nero causerà esattamente ciò che l'ordine ha cercato di prevenire: più malattie polmonari. 
  • Torniamo alla sigaretta: Anche se lo scenario più drammatico di un boom del mercato nero dello svapo potrebbe non avverarsi (principalmente a causa dei bassi margini sui prodotti alla nicotina rispetto alla cannabis o alla cocaina), vedremmo comunque oltre un milione di vapers lasciati indietro. È più probabile che la maggior parte di loro ritorni a fumare sigarette normali invece di passare ai cerotti alla nicotina o smettere del tutto. Ciò, a sua volta, porterebbe anche a peggiori risultati di salute pubblica.

Possiamo vedere che il decreto di AMLO avrà conseguenze indesiderate gravi e negative contrarie ai suoi stessi obiettivi.

Forse la cosa più preoccupante è che l'Organizzazione mondiale della sanità ha lodato il divieto di svapo del Messico come un risultato di salute pubblica, non riesce a riconoscere che la posizione anti-svapo del Messico manterrà i fumatori e i consumatori di nicotina bloccati con sigarette combustibili. Questa politica li priva della scelta di passare ai vaporizzatori meno dannosi 95%. Il La mappa interattiva dello svapo del Consumer Choice Center mostra che fino a 3,3 milioni di fumatori messicani in più potrebbero passare allo svapo se il governo emulasse le leggi sullo svapo progressiste e basate sulla scienza del Regno Unito.

 

Migliori politiche di svapo potrebbero aiutare milioni di messicani

Quindi, invece di reprimere ulteriormente lo svapo, il Messico dovrebbe abbracciare la riduzione dei danni causati dal tabacco. A causa del COVID e del programma parlamentare, il Congresso messicano è attualmente fuori sessione. Tuttavia, c'è una finestra per un'azione legislativa quando il Congresso tornerà operativo in autunno.

I gruppi di consumatori, i sostenitori dello svapo e la comunità scientifica devono sfruttare questa finestra di opportunità per spiegare a più politici e regolatori messicani i vantaggi dello svapo e aiutare a sfatare i miti sulla crisi dello svapo negli Stati Uniti. Le prime proteste contro questo decreto fuorviante sono iniziate già a marzo. Questo articolo multilingue su Miti e fatti on Vaping, scritto dai miei colleghi Yael Ossowski e Bill Wirtz, spiega le ragioni alla base della percepita crisi dello svapo negli Stati Uniti ed è anche disponibile in spagnolo. Probabilmente un messaggio essenziale in questo documento per i politici è questo:

MITO #3: IL VAPORE È LA CAUSA DI MALATTIE RESPIRATORIE RECENTEMENTE SEGNALATE

Molto motivo di preoccupazione negli ultimi tempi è stata una raffica di segnalazioni di malattie e ricoveri incolpati di dispositivi e liquidi tradizionali per lo svapo. Il CDC ha riferito quasi 380 casi di malattie polmonari legate allo svapo. Titoli sensazionali e articoli di opinione hanno convinto i leader di diversi stati e persino il presidente Donald Trump a farlo considerare di vietare completamente i sapori di svapo.

Ma un'attenta analisi dei casi segnalati rivela che la stragrande maggioranza dei pazienti con sintomi ha utilizzato cartucce di svapo illecite mescolate con il composto di cannabis THC. 

Lo ha scoperto uno studio del New England Journal of Medicine che ha esaminato casi in Illinois e Wisconsin 84% dei pazienti ospedalizzati riferire di aver utilizzato cartucce di svapo illecite di THC prima della loro malattia. Nessuna malattia è stata ancora collegata a vaporizzatori acquistati in negozio o liquidi contenenti nicotina.

A tal fine, due fratelli del Wisconsin sono stati recentemente arrestati in relazione a un'operazione multimilionaria che mescolava vari prodotti chimici (compresa la vitamina E) con il THC in cartucce destinate ai dispositivi di svapo, che poi vendevano illegalmente. Le autorità hanno individuato questo grande schema si è diffuso in gran parte del Midwest come colpevole delle recenti malattie polmonari lì.

Ciò che questo rivela è che i prodotti di svapo illeciti venduti sui mercati neri, piuttosto che i rivenditori autorizzati, hanno effettivamente causato la più grave delle malattie polmonari riportate dai media. 

Pertanto, un divieto di dispositivi e liquidi regolamentati, aromatizzati o meno, non risolverebbe il problema così com'è attualmente.

Spingendo lo svapo nel mercato nero e i vapers messicani che tornano alla sigaretta, AMLO (nonostante il fragoroso applauso dell'Organizzazione mondiale della sanità) indebolirà ulteriormente i risultati della salute pubblica del Messico. Se è appassionato di combattere le malattie polmonari, dovrebbe rendere più facile e non più difficile l'accesso a modi legali e sicuri di consumare nicotina. Tutto il resto è solo un programma di stimolo per la criminalità organizzata e gli specialisti del polmone.

1 commento su “Narcos 3.0: Mexico declares War on Vaping and repeats old prohibitionists mistakes

  1. Lee Luvlock ha detto:

    Esattamente. Articolo ben scritto. AMLO dovrebbe preoccuparsi di problemi molto più grandi nel paese. Ora sta solo creando un altro problema. Sono passato dal fumo allo svapo e ha notevolmente giovato alla mia salute. Questo è solo diretto al mercato nero che cercherò dimostrando che il proibizionismo non funziona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Aggiungi elemento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Descrizione