fbpx
Logo domestico conservatore

Nel febbraio dello scorso anno, Ansaf Azhar, direttore della sanità pubblica del consiglio di contea dell'Oxfordshire, svelato la "Strategia di controllo del tabacco dell'Oxfordshire". Azhar aveva deciso che la percentuale di persone che vivono nell'Oxfordshire che fumano - il 12 per cento - era troppo alta e doveva essere ridotta. Quando meno del cinque per cento delle persone fuma, un'area può essere considerata "non fumatori". Azhar ha fatto della sua missione di rendere l'Oxfordshire la prima contea senza fumo dell'Inghilterra.

La strategia di controllo del tabacco dell'Oxfordshire era firmatodal consiglio di contea in linea di principio nel maggio dello scorso anno. Ti verrebbe da pensare che da allora il direttore della sanità pubblica di un ente locale avrebbe dovuto occuparsi di questioni più urgenti del fumo. Ma a quanto pare Azhar ha continuato imperterrito la sua crociata contro le sigarette.

Ora ha inorridito i benpensanti su e giù per il paese dichiarando l'intenzione del consiglio di vietare il fumo per l'ospitalità all'aperto. Sebbene il piano attualmente manchi di un calendario di attuazione o di qualsiasi altro impegno fermo, il fatto che faccia parte del piano dice alcune cose molto preoccupanti sulla direzione in cui ci stiamo dirigendo.

Nel nuovo ordine mondiale dello stato bambinaia, tutto può essere categoricamente classificato in buono e cattivo. Tutto è in bianco e nero: è tutto vitale o moralmente riprovevole. Una volta accettato che un'attività è oggettivamente “cattiva”, chi potrebbe opporsi alla sua messa al bando?

Certo, il mondo reale, fuori dagli uffici dei “direttori della sanità pubblica”, è piuttosto diverso. Non è tutto in bianco e nero. Ci sono molte sfumature di grigio. Ma le sfumature e la libertà di scelta non sono poi così di moda in questi giorni.

Sfortunatamente per i fumatori, le sigarette sono state considerate un male sociale. La loro esistenza è così oggettivamente terribile che il ragionamento dietro le misure drastiche per cancellarli dalla faccia della terra non ha nemmeno bisogno di giustificazione. Il risultato è che proposte politiche ridicole come la Strategia per il controllo del tabacco nell'Oxfordshire possono essere approvate e rese realtà con un sorprendente scarso controllo da parte di coloro che eleggiamo per rappresentarci e salvaguardare le nostre libertà civili.

Se riesci a sopportarlo, ti consiglio una lettura superficiale il documento incriminato, per valore di novità se non altro. Non parla di divieti generali, restrizioni radicali e limiti sconsiderati alle nostre libertà, ma invece di "creare ambienti senza fumo", come se ci venisse offerto qualcosa di nuovo di cui godere e dovessimo essere grati.

La cosa più preoccupante è il modo in cui gli autori del documento sembrano negare completamente di utilizzare gli strumenti dello stato. Scrivono: “Gli interventi necessari per denormalizzare con successo il fumo e ottenere un Oxfordshire senza fumo possono essere considerati come una “tata statalista” o un assalto alla scelta personale da parte di alcune persone. L'intero approccio del sistema per rendere meno visibile il fumo non vieta la scelta delle persone che scelgono di fumare. Mira a creare ambienti senza fumo in più luoghi delle nostre comunità, proteggendo la libera scelta dei nove residenti su dieci dell'Oxfordshire che scelgono di non fumare".

Oh, pensavi che le nostre nuove severe restrizioni su ciò che puoi e non puoi fare in pubblico fossero un assalto alla tua libertà, vero? Non preoccuparti: se guardi attentamente, scoprirai che i divieti di attività comuni in realtà ti danno Di più libertà, non di meno.

La logica controfattuale alla base dell'introduzione di nuove normative in nome della “salute pubblica” non conosce limiti. Se il consiglio volesse davvero rendere l'Oxfordshire più sano, vedrebbe che la risposta non è quella di mettere ancora più a dura prova il settore dell'ospitalità in questo momento incredibilmente difficile.

Invece, il consiglio dovrebbe dedicare tutti i suoi sforzi al sostegno dello svapo come alternativa al fumo. Più della metà degli utenti britannici di sigarette elettroniche – circa 1,7 milioni di persone – lo sono ex fumatori. Quei nove residenti dell'Oxfordshire su dieci che non fumano non dovranno preoccuparsi di nessuno rischi per la salute dal vapore di sigaretta elettronica di seconda mano. Anche la sanità pubblica inglese concede – con molto riluttanza – che lo svapo è il 95% meno dannoso del fumo.

Eppure, nelle 24 pagine della Oxfordshire Tobacco Control Strategy, non c'è una sola menzione dello svapo, lo strumento più efficace per il controllo del tabacco che abbiamo. Ciò pone la domanda: cosa vogliono effettivamente le autorità sanitarie pubbliche, se non per rendere le persone più sane? Quando evitano palesemente strumenti comprovati di riduzione del danno a favore di interventi politici centralizzati gratuiti, diventa impossibile simpatizzare con le loro motivazioni.

Questo problema si estende molto più in là dell'Oxfordshire. In effetti, la contea è solo pochi anni avanti rispetto ai risultati della salute pubblica nazionale. La sua strategia imita quella di Public Health England, che sta lavorando per quella di Matt Hancock obbiettivo di rendere l'Inghilterra senza fumo entro il 2030.

L'attacco a metodi efficaci di riduzione del danno e l'oscillazione verso una nuova era dello statismo delle tate arriva dall'alto. La scorsa settimana, l'Organizzazione Mondiale della Sanità onorato il ministro della salute dell'India per il suo lavoro sul "controllo del tabacco" che in particolare include vietare lo svapo. Una nuova APPG, presieduto da Mark Pawsey, il parlamentare conservatore, cerca di fermare la perniciosa influenza dell'OMS in aree come questa. Quel compito diventa più difficile ogni giorno che passa.

Originariamente pubblicato qui.

Condividere

Seguire:

Altri post

Iscriviti alla nostra Newsletter

Descrizione