fbpx

Il controfattuale: le sigarette elettroniche sono pericolose?

Ripubblicato da Clivebates.com con il consenso dell'autore

L'Organizzazione mondiale della sanità continua a presentare informazioni fuorvianti sulle sigarette elettroniche che diffondono dubbi e confusione tra il pubblico, i media e i responsabili politici. Questo post esamina le sue ultime domande e risposte e trova molteplici errori di analisi, dichiarazioni fuorvianti e evidenti pregiudizi.

L'Organizzazione mondiale della sanità sostiene a Domande e risposte sulle sigarette elettroniche. È stato aggiornato il 25 maggio 2022. 

Questo è stato aggiornato più volte (cfr storia sotto). In ciascuna delle sue incarnazioni, questa pagina web ha presentato un resoconto profondamente fuorviante dei rischi e dei benefici delle sigarette elettroniche. Ignora il fatto che otto milioni di persone muoiono ogni anno a causa del fumo (più o meno nello stesso ordine di COVID-19) e che centinaia di milioni di fumatori potrebbero trarre vantaggio dal passaggio ad alternative a basso rischio al fumo. Le domande e risposte sono principalmente un veicolo per promuovere il proibizionismo e generare ostilità alla pragmatica strategia di salute pubblica della riduzione del danno da tabacco. È antiscientifico, le sue informazioni sono fuorvianti e il suo effetto o scopo è seminare confusione e dubbio piuttosto che spiegare candidamente le sigarette elettroniche.

Di seguito ho esposto le sezioni principali delle ultime domande e risposte con un breve commento generale su ciascuna sezione seguito dalle affermazioni principali in ciascuna sezione disegnate tra virgolette seguite da commenti.

L'indice dei contenuti qui sotto segue la struttura delle domande e risposte dell'OMS. Ho evidenziato ogni affermazione nelle domande e risposte dell'OMS in una citazione e seguita da un breve commento su ciascuna.

La stessa inquadratura della domanda rivela il problema. La vera domanda è "quanto pericoloso?Questa domanda dovrebbe essere posta in due modi: 

(1) quanto è pericoloso rispetto al prodotto che domina il mercato, cioè le sigarette? 

(2) quanto è pericoloso rispetto a una sorta di parametro di rischio accettabile, ad esempio standard di esposizione professionale o altri comportamenti comparabili? 

Se lo svapo è molto meno rischioso del fumo, allora c'è un grande beneficio per la salute per le persone che passano dal fumo allo svapo. Se l'uso di un prodotto è a un livello di rischio che rientra nella nostra normale tolleranza di rischio, allora c'è non molte ragioni per organizzare una grande risposta di salute pubblica ad esso - come con la caffeina e il caffè o il consumo moderato di alcol.

Nei paragrafi seguenti, l'OMS non affronta mai il "quanto è pericoloso?" domande. Ma senza affrontarli, non ha alcuna base per informare o consigliare nessuno o per suggerire risposte politiche appropriate.

Le sigarette elettroniche (o sigarette elettroniche) sono la forma più comune di sistemi elettronici di erogazione di nicotina (ENDS) e sistemi elettronici di erogazione non di nicotina (ENNDS), ma ne esistono altri, come i sigari elettronici e le pipe elettroniche. ENDS contiene quantità variabili di nicotina ed emissioni nocive. 

Le emissioni di sigarette elettroniche in genere contengono nicotina e altre sostanze tossiche che sono dannose sia per gli utenti che per i non utenti che sono esposti agli aerosol di seconda mano. È stato scoperto che alcuni prodotti che dichiarano di essere privi di nicotina (ENNDS) contengono nicotina.

La nicotina è il motivo principale per cui le persone fumano o svapano. È una droga psicoattiva relativamente mite che ha diversi effetti, come aiutare a controllare lo stress e l'ansia e migliorare la concentrazione. Ecco perché le persone lo usano. Crea dipendenza, ma la nicotina di per sé non è molto dannosa. Non è causa di intossicazione, oblio, violenza o, a lungo termine, grave malattia. 

Il danno alla salute è causato principalmente dal fumo: i gas tossici e le particelle appiccicose inalate nei polmoni insieme alla nicotina (a volte chiamata "catrame"). Le sostanze chimiche pericolose nel fumo di tabacco che sono la principale causa di cancro, malattie cardiovascolari e respiratorie sono principalmente prodotti di combustione che si formano nella punta della sigaretta accesa e quando il fumo si raffredda. Al contrario, le sigarette elettroniche riscaldano un liquido aromatizzato alla nicotina per formare un aerosol di minuscole goccioline, che contengono nicotina. Ma poiché il liquido viene riscaldato ma non bruciato, non c'è combustione e quindi nessun prodotto di combustione. Quindi gli agenti nocivi nel fumo di sigaretta sono presenti a livelli molto più bassi o non rilevabili o misurabili affatto. 

I biomarcatori mostrano esposizioni tossiche molto più basse. Questo può essere visto sperimentalmente misurando gli agenti pericolosi trovati nel sangue, nella saliva e nelle urine, i cosiddetti biomarcatori di esposizione. Queste misurazioni mostrano esposizioni drasticamente ridotte alla principale sostanza pericolosa che destano preoccupazione rispetto al fumo. Gli esperti incaricati da Public Health England hanno esaminato la letteratura disponibile sui biomarcatori nel 2018 e concluso

Lo svapo comporta solo una piccola parte dei rischi del fumo e il passaggio completo dal fumo allo svapo comporta notevoli benefici per la salute rispetto al fumo continuato. Sulla base delle conoscenze attuali, affermare che lo svapo è almeno 95% meno dannoso del fumo rimane un buon modo per comunicare in modo inequivocabile la grande differenza nel rischio relativo in modo che più fumatori siano incoraggiati a passare dal fumo allo svapo. Va notato che questo non significa che le sigarette elettroniche siano sicure. [collegamento]

Il consumo di nicotina nei bambini e negli adolescenti ha effetti deleteri sullo sviluppo del cervello, portando a conseguenze a lungo termine per lo sviluppo del cervello e potenzialmente portando a disturbi dell'apprendimento e d'ansia.

L'OMS attinge a teorie speculative che si basano in gran parte su studi sui roditori e grandi dosi di nicotina per fare questa affermazione. Il punto chiave è che nonostante molte generazioni di consumatori di nicotina adolescenti crescendo come fumatori dagli anni '50, nessuno ha finora identificato alcun deterioramento cognitivo duraturo in quegli adulti che hanno iniziato a usare la nicotina come adolescenti fumatori in questo lungo periodo. È un'area difficile da studiare, ed è possibile che ci siano alcuni effetti negativi, ma questo è tutt'altro che stabilito e sicuramente non con la fiducia inequivocabile trasmessa dall'OMS in questa risposta. 

Scrivere nel Giornale americano di sanità pubblica nel 2021, quindici ex presidenti della Society for Research on Nicotine and Tobacco hanno riassunto lo stato delle conoscenze come segue:

Balfour, DJK, Benowitz, NL, Colby, SM, (2021). Considerazione del bilanciamento dei rischi e dei benefici delle sigarette elettroniche. Giornale americano di sanità pubblica111(9), 1661–1672.

La nicotina crea dipendenza...

È sbagliato fare l'affermazione generale che "la nicotina crea un'elevata dipendenza", sebbene questa affermazione sia comune. Dipende da cosa si intende per dipendenza e da come si assume la nicotina. Ho affrontato la domanda sulla dipendenza da nicotina sotto il titolo della domanda "ENDS crea dipendenza?" sotto.

… e alcune prove suggeriscono che i minori non fumatori che usano ENDS possono raddoppiare le loro possibilità di iniziare a fumare sigarette di tabacco più tardi nella vita.

L'OMS afferma falsamente il funzionamento di un cosiddetto effetto gateway. Queste affermazioni vengono spesso ripetute come se ci fossero prove che lo svapo precedente causato la successiva fumata. Non ci sono prove a sostegno di un effetto gateway causale e molto per suggerire il contrario, in particolare il drammatico calo del fumo giovanile negli Stati Uniti che ha coinciso con un rapido aumento dello svapo giovanile, a volte indicato come "epidemia di svapo giovanile". 

Il declino dell'uso di combustibili da parte degli adolescenti (cioè il fumo) è accelerato dopo il 2018, in coincidenza con la cosiddetta "epidemia di svapo giovanile" 

La responsabilità comune è la spiegazione molto più plausibile. C'è una spiegazione completamente diversa e molto più probabile per l'associazione osservata: che lo stesso tipo di cose che spingono le persone a svapare le inclini anche a fumare. Queste sarebbero cose come la genetica, il fumo dei genitori, lo stato di salute mentale, il rendimento scolastico e la delinquenza, la ribellione e aspetti del contesto familiare e comunitario. Questo è noto come confondimento da fattori di rischio comuni, o talvolta come "responsabilità comune". Le prove supportano fortemente questa spiegazione, non la teoria del gateway. Significa che è più probabile che l'uso di sigarette elettroniche si concentri nelle persone che hanno fumato o fumerebbero altrimenti, offrendo un significativo beneficio per la salute concentrato nella popolazione più a rischio. 

Le prove rivelano che questi prodotti sono dannosi per la salute e non sono sicuri. Tuttavia, è troppo presto per fornire una risposta chiara sull'impatto a lungo termine dell'utilizzo o dell'esposizione ad essi. Alcuni studi recenti suggeriscono che l'uso di ENDS può aumentare il rischio di malattie cardiache e disturbi polmonari. L'esposizione alla nicotina nelle donne in gravidanza può avere conseguenze simili per lo sviluppo cerebrale del feto.

Non ci sono prove convincenti che le ENDS siano seriamente dannose per la salute. Ancora una volta vediamo l'uso di "dannoso per la salute" e "non sicuro", senza chiedere il "quanto dannoso?" o "quanto pericoloso?" domande. Gli studi (non dichiarati) che presumibilmente mostrano che ENDS aumenta i rischi di malattie polmonari o cardiache sono altamente problematici. Quasi tutti i consumatori di ENDS abbastanza grandi da sperimentare una malattia significativa sono stati fumatori a lungo termine. È impossibile separare gli effetti della loro storia di fumatori dagli effetti marginali del loro tempo come vapers. Alcuni studi contano persino gli episodi di malattie cardiache o polmonari che si sono verificati prima dell'inizio dello svapo nei loro calcoli del rischio di svapo. Ci sono molti studi che dimostrano che le ENDS hanno un effetto osservabile sul corpo, ma c'è poco da dimostrare che questi effetti equivalgono a un rischio clinicamente significativo. 

Ecco come le National Academies of Science, Engineering and Medicine degli Stati Uniti hanno riassunto i rischi nel loro rapporto del 2018: 

National Academies of Science, Engineering and Medicine NASEM (USA). Le conseguenze sulla salute pubblica delle sigarette elettroniche. Washington DC. Gennaio 2018. [collegamento] Avvia il riepilogo della presentazione (diapositiva 44) [collegamento][collegamento]

Gli effetti a lungo termine possono essere trascurabili. L'affermazione sul lungo termine è in realtà un'affermazione dell'ovvio: non possiamo permetterci il lusso di viaggiare nel tempo per osservare con certezza quali saranno gli effetti a lungo termine. Gli effetti sulla salute dell'uso a lungo termine potrebbero rivelarsi banali. Sappiamo che le esposizioni tossiche coinvolte nello svapo lo sono molto inferiore che per il fumo (il secondo punto) e quindi dovremmo aspettarci che anche gli oneri sanitari siano molto inferiori. Inoltre, vale la pena ricordare che le persone possono fumare per due decenni (diciamo dai 15 ai 35 anni) o più e non subire alcuna notevole perdita di aspettativa di vita. Ci vuole molto per ammalarsi, anche per il fumo.

L'uso di ENDS può anche esporre i non fumatori e gli astanti alla nicotina e ad altre sostanze chimiche nocive.

Non ci sono prove di rischio materiale per gli astanti. L'OMS continua con il suo approccio non quantificato al rischio. L'inquadratura "può anche esporre" è del tutto fuorviante in questo contesto. Ciò che conta è quanta esposizione e a che tipo di pericolo? Ho risposto a questa affermazione sotto la domanda dell'OMS 5. Le emissioni ENDS di seconda mano sono pericolose?

I sistemi di consegna elettronici sono stati anche collegati a una serie di lesioni fisiche, comprese ustioni dovute a esplosioni o malfunzionamenti, quando i prodotti non sono dello standard previsto o sono stati manomessi dagli utenti.

È probabile che l'uso di sigarette elettroniche riduca sostanzialmente gli infortuni. Ancora una volta, è necessario un contesto. Sì, ci sono incidenti isolati che comportano malfunzionamenti della batteria o cortocircuiti (ad esempio attraverso il contatto con monete nelle tasche). Ma questo non si avvicina affatto alla carneficina causata dagli incendi legati al fumo. Il Associazione nazionale per la protezione antincendio degli Stati Uniti dà una prospettiva: 

  • Durante il periodo 2012-2016, una media annua stimata di 18.100 (5%) segnalati incendi di strutture domestiche avviati da materiali fumanti hanno ucciso una media di 590 (23%) persone all'anno, ferito 1.130 (10%) all'anno e causato $476 milioni di danni diretti alla proprietà ( 7%) all'anno.
  • Un incendio di strutture domestiche su 20 (5%) è stato appiccato dal fumo di materiali. Questi incendi hanno causato quasi un decesso per incendio domestico su quattro (23%) e un incendio domestico su 10 (10%) ferito.
  • Il fumo è stata la principale causa di morte per incendio domestico nel quinquennio 2012-2016. Complessivamente, uno su 31 incendi domestici di materiale da fumo ha provocato la morte.

È venuto in mente all'OMS che il passaggio di massa dal fumo allo svapo lo farebbe ridurre drasticamente il problema degli incendi e delle ustioni? Questo perché non comportano una fonte di accensione.

L'esposizione accidentale di bambini agli e-liquid ENDS comporta seri rischi in quanto i dispositivi potrebbero fuoriuscire o i bambini potrebbero ingerire l'e-liquid velenoso.

Gli e-liquid alla nicotina rappresentano un rischio minore per la sicurezza. Ancora una volta, ciò che conta è la portata di questo problema e di altri problemi che compensa. Ci sono incidenti causati da quasi Tutto quanto – non ultimi medicinali, liquidi detergenti, cosmetici e alcool. Ancora una volta ciò che conta è il "quanto danno?" domanda. Uno sguardo ai rapporti dei dati dei centri antiveleni statunitensi (Relazione annuale 2020 – PDF) offre una prospettiva: 

Esposizioni pediatriche al veleno e decessi per sostanza da esposizione Dati 2020 
Tabella 17C e 17D

Il tabacco, la nicotina e le sigarette elettroniche combinati sono classificati al 25° posto nei rapporti sull'esposizione pediatrica (17C) e non figurano tra i primi 25 per i decessi (17E). Ma questo combina l'esposizione al tabacco e all'e-liquid. Lo dimostra la tabella 22 del rapporto prodotti del tabacco rappresentano 72% delle esposizioni pediatriche totali combinate per tabacco, nicotina e sigarette elettroniche. Non menzionato dall'OMS: farmaci alla nicotina hanno rappresentato 1.608 esposizioni al veleno nel 2020.

Scritto da Clive Bates

Condividere

Seguire:

Altri post

Iscriviti alla nostra Newsletter

Descrizione