fbpx

Mississippi

Puoi citare in giudizio il rifugio dove hai contratto il coronavirus?

Le nazioni europee potrebbero aprire le loro economie per tutto il mese di maggio, ma è probabile che quella grande apertura sarà perseguitata dall'ondata di cause legali relative al COVID-19.

Durante il fine settimana abbiamo appreso che sono oltre 5.000 i turisti internazionali nella città sciistica di Ischgl, in Austria in fase di querela contro il Comune e i pubblici ufficiali. Sono allo studio anche i proprietari di stazioni sciistiche della zona.

La causa è stata preparata dall'Associazione austriaca per la protezione dei consumatori, che afferma che le autorità sanitarie ei proprietari dei bar sono stati "negligenti" nel non chiudere prima rifugi e ristoranti. Hanno lanciato un sito web chiedendo a potenziali querelanti di condividere le loro informazioni per partecipare a una futura class action.

Spesso descritta come l'"Ibiza delle Alpi", l'ha realizzata Ischgl titoli internazionali come epicentro della crisi del coronavirus. In un luogo particolare, Kitzloch, un barista tedesco sarebbe risultato positivo al coronavirus il 7 marzo. Il bar ha chiuso i battenti due giorni dopo. La città è stata bloccata il 13 marzo. Il 18 marzo il governatore tirolese Günther Platter ha quindi emesso una quarantena in tutta la provincia.

Entro la fine di marzo, potrebbero esserci quasi 1.000 casi in tutta Europa rintracciato alla località turistica e altrettanti di 1.500 alla regione stessa.

La denuncia afferma che il ritardo dal primo caso noto fino a quando la città sciistica non è stata ordinata al blocco era "trascurabile" e che le autorità avrebbero dovuto "essere a conoscenza di una minaccia di infezione di massa". Alcuni hanno addirittura accusato”avidità" e "affari tossici” come il motivo per cui i funzionari locali e gli imprenditori hanno aspettato prima di chiudere le porte. Ma come spiegato sopra, i rifugi e i ristoranti di sci hanno chiuso prima che i blocchi provinciali e nazionali gli ordinassero di farlo.

La prima morte in Austria per coronavirus è avvenuta il 12 marzo, dopodiché la città di Ischgl è entrata in un blocco completo. È entrato in vigore il lockdown nazionale quattro giorni dopo.

Basta questo per fare causa contro rifugi e villaggi dove i turisti hanno contratto il coronavirus?

Come ha fatto la mia collega Linda Kavuka sottolineato, l'attuale pandemia è un esempio vivente e respirabile di Forza maggiore, un atto divino che indennizza determinate parti in cause legali e violazioni del contratto perché è semplicemente "al di fuori del controllo" di qualsiasi persona o organizzazione.

Detto questo, ci sono domande legittime da porre: le località sciistiche avrebbero dovuto chiudere i battenti e chiudere bar e ristoranti prima? Probabile. Ma semplicemente non avevamo le stesse informazioni allora come abbiamo adesso.

E considerando le rivelazioni molto inquietanti in merito offuscamento delle informazioni sia dal Partito Comunista Cinese che dal Organizzazione mondiale della Sanità all'inizio di questa crisi è difficile dare la colpa solo ai sindaci locali e ai rifugi delle Alpi.

(Ecco perché gli stati americani del Mississippi e del Missouri hanno intentato causa contro la Cina.)

Naturalmente, il fatto che qualsiasi sciatore o vacanziere contragga il coronavirus in un luogo in cui avrebbe dovuto divertirsi è una tragedia. Molte persone inconsapevolmente hanno diffuso il virus, sono state ricoverate in ospedale e sono morte di conseguenza. Nessuno può scusare quella perdita di vite umane e il dolore che ne consegue.

Ma ciò che dobbiamo sostenere, in questa situazione e in molte altre a venire, sono i fatti e i casi che consentiamo di entrare nel nostro sistema legale e nei nostri tribunali.

Classificare o assegnare reclami di negligenza nella pandemia potrebbe probabilmente significare che migliaia di funzionari pubblici inconsapevoli, imprenditori e individui saranno ritenuti responsabili per ciò che non sapevano in quel momento. Sarebbe un pericoloso precedente.

Abbiamo spesso trattato la cultura incredibilmente litigiosa nel sistema di responsabilità civile degli Stati Uniti e articolato le ragioni per farlo riforma esso. Ora, a quanto pare, dovremo diffondere lo stesso messaggio in tutto il continente europeo.

Descrizione
it_ITIT