fbpx

Non c'è alcun bisogno scientifico di esporre gli australiani alla sofferenza. Abbiamo bisogno di reciprocità vaccinale ora

Mentre la città di Brisbane va nuovamente in blocco totale, i confini rimangono chiusi e le imprese a livello nazionale vengono decimate, la burocrazia australiana rifiuta ancora di consentire ai suoi cittadini l'accesso al vaccino Covid-19 citando il proprio calendario di approvazione. La buona notizia è che la soluzione è più semplice di quanto molti pensino e include lezioni preziose per qualsiasi futura pandemia che l'Australia potrebbe affrontare.  

Con solo 28.000 casi e meno di 1.000 morti, l'Australia è stata abbastanza ben protetta da questa pandemia globale. Ma il prezzo che gli individui e l'intera economia hanno pagato per questo è alto: agli australiani non è permesso lasciare il paese, mentre decine di migliaia di australiani sono bloccati all'estero, impossibilitati a tornare a casa. Migliaia di aziende hanno chiuso e le industrie del turismo e dell'ospitalità sono state devastate. Le chiusure dei confini di stato hanno portato a tragedie come gemelli che muoiono poiché la chiusura delle frontiere ha impedito alla madre di partorire in un ospedale vicino a lei. Un'altra madre abortito dopo che la chiusura delle frontiere le ha impedito di accedere a cure mediche immediate. Ad altre famiglie è stato impedito visitare i propri figli in terapia intensiva, E la lista continua.  

Stranamente, tuttavia, il governo e gli organismi di regolamentazione australiani sembrano accontentarsi di questa strategia e non sembrano avere alcun desiderio di riportare la società alla normalità. Fino alla scorsa settimana, il governo federale non stava contemplando l'introduzione di vaccinazioni fino alla fine di marzo - una decisione fortunatamente rivista a metà febbraio ma in ogni caso, l'Australia è indietro di mesi rispetto agli sforzi globali per iniziare a vaccinare e suggerisce che le agenzie di regolamentazione australiane non lo sono attualmente pronti ad agire il più rapidamente possibile in caso di futura pandemia. Un confronto internazionale mostra quanto sia drastico l'arretrato normativo sotto:

L'agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari del Regno Unito (ha approvato un efficace vaccino COVID19 il 2 dicembre. All'inizio di gennaio lo stesso regolatore ha consentito l'uso di due vaccini aggiuntivi da parte di medici, infermieri e farmacisti in tutto il paese. E mentre il Regno Unito è stato il più veloce per approvare questi vaccini altamente necessari, altri paesi hanno seguito rapidamente e sono riusciti a lanciare la vaccinazione di massa alla velocità della luce.Il Regno Unito, l'UE, il Giappone e il Canada stanno lanciando vaccini e al momento della stesura tre paesi mediorientali guidare la corsa globale per immunizzare ampie parti della società; Israele ha vaccinato quasi un quinto della sua popolazione, con un piano per far vaccinare ogni cittadino dal Fine di marzo, gli Emirati Arabi Uniti hanno fornito almeno un colpo al 9% dei suoi residenti e il Bahrein detiene il terzo posto avendo raggiunto finora il 4% della sua popolazione. 

Nonostante il successo internazionale del lancio del vaccino e l'opportunità che offre per salvare sia vite umane che l'economia da cui dipende la vita delle persone, l'Amministrazione australiana per i beni terapeutici ha inizialmente annunciato che approverà il primo vaccino solo entro la fine di marzo 2021. Sono quasi quattro mesi dopo l'approvazione del Regno Unito o degli Stati Uniti. Il primo ministro Morrison ha ora annunciato che anticiperanno l'approvazione a metà o fine febbraio, ma che è ancora più di un mese in più del necessario  

Questi continui ritardi mostrano il pericoloso eccezionalismo che il governo australiano applica in questa crisi globale della salute pubblica. Il governo può davvero giustificare blocchi prolungati, casi di COVID e decessi se esistono già più vaccini efficaci utilizzati nei paesi sviluppati? Non c'è motivo per il TGA di giungere a conclusioni diverse rispetto all'MHRA del Regno Unito, alla FDA degli Stati Uniti e all'EMA dell'UE: gli australiani non sono una specie separata che in qualche modo reagirà in modo diverso e necessita di ulteriori studi. L'inerzia burocratica e il rifiuto di modificare orari rigidi nonostante le circostanze, e la convinzione nazionalista che gli australiani hanno bisogno di fare tutto da soli, è un grado di arroganza che ha un costo elevato.   

Gli australiani dovrebbero chiedere il riconoscimento reciproco delle approvazioni dei vaccini (chiamato anche reciprocità) nell'approvazione dei vaccini con tutte le agenzie di regolamentazione con sede nei paesi dell'OCSE. I costi per ritardare l'introduzione della vaccinazione sono semplicemente troppo alti per giustificare l'attuale arroganza del TGA. Dato che tutte le rinomate agenzie farmaceutiche dell'OCSE hanno già dato la loro benedizione, i pazienti in Australia dovrebbero avere accesso immediato alle vaccinazioni. 

Poiché un nuovo e più virulento ceppo di Covid-19 ha già iniziato a circolare in Australia, la necessità di un vaccino è diventata ancora più urgente, in particolare alla luce delle prove rilasciato oggi ha dimostrato che il vaccino è efficace contro questa mutazione. Futuri casi di COVID, morti e fallimenti economici potrebbero essere rapidamente prevenuti se il governo agisse rapidamente seppellendo il proprio ego. Inoltre, è probabile che la prossima pandemia arrivi prima o poi. A quel punto deve essere in atto un sistema di approvazione dei vaccini più agile, in modo da poter rispondere rapidamente a qualsiasi potenziale sfida futura. La reciprocità tra i paesi dell'OCSE è una soluzione facile. Accettare l'approvazione dei vaccini da parte dei nostri partner è la via rapida e semplice dell'Australia per uscire dalla situazione attuale e garantirà un ritorno rapido e sicuro alla normalità.

Ammettere che gli australiani non devono fare tutto da soli salverà vite umane ed è l'unica linea d'azione morale che il governo può intraprendere.  

Fred Roeder è un economista sanitario e amministratore delegato del Consumer Choice Center. Tim Andrews è il fondatore dell'Australian Taxpayers' Alliance e attualmente direttore dei problemi dei consumatori presso Americans for Tax Reform.  

Originariamente pubblicato qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Aggiungi elemento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Descrizione