fbpx

Nelle ultime settimane abbiamo assistito a un'ondata di titoli che parlano di svapo Maggio essere più dannoso di quanto avremmo potuto inizialmente pensare. Sette i decessi sono stati collegati all'uso di sigarette elettroniche. In risposta, alcuni stati hanno vietato prodotti da svapo. Tuttavia, gli oppositori, inclusi gli esperti, sostengono che una reazione istintiva da parte delle agenzie sanitarie è prematura, trascura la riduzione del danno che lo svapo ottiene e potrebbe causare un potenziale disastro per la salute pubblica

Se il fumo è de facto il predecessore dello svapo, allora le sigarette elettroniche dovrebbero essere esaminate nel contesto dei sistemi di erogazione della nicotina nel loro insieme. Il fumo è la principale causa di morte prevenibile negli Stati Uniti. Il rischio associato allo svapo dovrebbe essere un deterrente quando l'alternativa è fumare sigarette?

Alcuni nella comunità di recupero dicono che non dovrebbe. Molti ex fumatori di sigarette hanno sostituito i loro fumi "analogici" con le sigarette elettroniche, utilizzando lo svapo come mezzo di riduzione del danno che sostituisce il tabacco cancerogeno con un mezzo più sicuro di somministrazione di nicotina. I puristi del recupero e alcuni medici, tuttavia, sostengono che i fumatori stanno scambiando una dipendenza con un'altra ed esprimono preoccupazioni sul fatto che, a basso rischio o meno, la maggior parte dei vapers sta ancora ingerendo grandi quantità di nicotina che crea dipendenza. Indicano anche questa recente ondata di morti come prova contro lo svapo.

Prima di affrontare la questione della riduzione del danno, però, i titoli allarmanti hanno qualche merito nella scienza? E dato che le sigarette elettroniche esistono da 15 anni, perché ora vediamo solo morti?

RECENTE COPERTURA MEDIATICA DI VAPING

L'American Medical Association (AMA) di recente etichettato lo svapo "un'urgente epidemia di salute pubblica" e i medici hanno esortato la Food and Drug Administration (FDA) ad agire. L'AMA afferma che la ricerca ha dimostrato che l'uso di sigarette elettroniche e prodotti per lo svapo non è sicuro e provoca dipendenza, tuttavia la dichiarazione non fornisce la ricerca di supporto. L'AMA dice anche che "applaudire misure per rimuovere dal mercato le sigarette elettroniche aromatizzate”.

I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno rilasciato una dichiarazione secondo cui, insieme alla FDA, ai dipartimenti sanitari locali e ad altri partner clinici e di sanità pubblica, stanno indagando su un focolaio multi-stato di malattie polmonari associate ai prodotti per sigarette elettroniche. La FDA ha fatto eco alla preoccupazione del CDC, definendo l'epidemia "uno spaventoso fenomeno di salute pubblica".

La dottoressa Dana Meaney-Delman, che sta conducendo le indagini del CDC, ha dichiarato in a dichiarazione, "Il recente aumento delle malattie polmonari acute legate allo svapo ha approfondito le preoccupazioni sulla sicurezza dei dispositivi." 

Ma perché adesso? Le persone hanno svapato per oltre un decennio. Meaney-Delman del CDC afferma: "Ci stiamo tutti chiedendo se questo sia nuovo o appena riconosciuto".

Ecco cosa sappiamo: al momento della stesura di questo documento (21/09/19), il CDC stati che sono stati segnalati 530 casi di malattie polmonari da 38 stati e sette decessi sono stati attribuiti allo svapo. La maggior parte dei pazienti colpiti ha anche riportato una storia di utilizzo di prodotti da svapo che contengono THC. 

Il CDC non conosce ancora le cause specifiche di queste malattie: "L'indagine non ha identificato alcuna specifica sigaretta elettronica o prodotto di svapo (dispositivi, liquidi, capsule di ricarica e/o cartucce) o sostanza collegata a tutti i casi". Indipendentemente da ciò, per coloro che sono interessati a questi problemi, il CDC raccomanda di astenersi dall'utilizzare tutti i prodotti di svapo o sigaretta elettronica fino a quando non ne sapranno di più.

Altrove sul sito web, il CDC ancora stati che le sigarette elettroniche hanno il potenziale per avvantaggiare i fumatori adulti in sostituzione delle sigarette normali.

ENTRA IN VIGORE IL DIVIETO DI SIGARETTE ELETTRONICHE

A causa della copertura mediatica e della cautela da parte delle agenzie sanitarie pubbliche, stiamo assistendo a un'azione crescente negli Stati Uniti: l'ex sindaco di New York, Michael R. Bloomberg, ha impegnato $160 milioni per vietare le sigarette elettroniche aromatizzate, il governatore Gretchen Whitmer ha emesso un ordine esecutivo per vietare la vendita di prodotti da svapo aromatizzati nel Michigan, San Francisco ha vietato la vendita di sigarette elettroniche e il presidente Donald Trump afferma che la FDA vieterà le sigarette elettroniche aromatizzate sigarette. 

È una reazione istintiva? Sembra che parte della pressione sia il risultato di genitori e politici preoccupati che i prodotti di svapo aromatizzati siano responsabili dell'aumento dell'uso da parte degli adolescenti. È comprensibile, dato il potenziale della nicotina danno il cervello in via di sviluppo. Secondo il centro per la prevenzione e il controllo delle malattie, un liceale su cinque e uno su 20 delle medie svapano.

Per gli adulti, tuttavia, sembrano esserci dichiarazioni contrastanti da parte di ricercatori, medici e funzionari sanitari. 

In un articolo del settembre 2019, il Dr. Robert Shmerling a Harvard ha fatto eco alla linea di fondo del CDC: gli esperti non sono sicuri che lo svapo stia causando questi problemi polmonari e la malattia polmonare non è stata collegata a una marca o sapore specifico di sigaretta elettronica. Un colpevole più probabile, affermano, è un contaminante chimico all'interno dei vapori inalati che sta causando una reazione allergica o una risposta del sistema immunitario. 

Questa convinzione è supportata da a studia che è uscito l'anno scorso collegando i sapori chimici all'interno delle sigarette elettroniche a un effetto negativo. Il dottor Sven-Eric Jordt, PhD, uno degli autori dello studio, ha recentemente dichiarato Il guardiano che “i liquidi vaporizzati dalle sigarette elettroniche sono chimicamente instabili e formano nuove sostanze chimiche che irritano le vie respiratorie e possono avere altri effetti tossici”. Queste nuove sostanze chimiche non vengono divulgate dai produttori agli utenti. 

Il dottor Michael Siegel, professore alla Boston University, affermazioni che i funzionari sanitari e i medici non raccontano la storia completa: in ogni caso in cui è stato identificato uno specifico liquido elettronico, è stato riscontrato che quel liquido elettronico contiene THC, un fatto confermato dal CDC. Afferma che gli e-liquid in alcuni di questi casi erano a base di olio e tipicamente acquistato per strada; pertanto, i loro ingredienti non sono strettamente regolamentati. Sono questi liquidi THC a base di olio che lo sono conosciuto provocare malattie respiratorie acute. 

Allo stesso modo, il Washington Post segnalato che l'indagine della FDA ha trovato lo stesso olio derivato dalla vitamina E nei prodotti a base di cannabis utilizzati da coloro che soffrivano di malattie legate allo svapo in tutto il paese. 

LINEE GUIDA DEL CDC: INUTILIZZATAMENTE AMPIE

Mentre Siegel riconosce che non siamo in grado di trarre conclusioni sugli oli di THC o di dire che la colpa è sicuramente dei prodotti di strada, ritiene che le raccomandazioni del CDC siano inutilmente ampie e di conseguenza dannose, dal momento che le persone che svapano potrebbero pensare che sia più sicuro tornare indietro a fumare sigarette. 

"Non posso enfatizzare quanto sia folle questa politica", dice. “Dal punto di vista della salute pubblica, non ha assolutamente senso vietare queste sigarette contraffatte ma permettere a quelle vere di rimanere sugli scaffali”.

Invece, suggerisce Siegel, il CDC potrebbe offrire una guida più specifica e utile al pubblico, in particolare: non vaporizzare oli di THC (incluso l'olio di hash butano), non utilizzare alcun prodotto e-liquid da svapare a base di olio e astenersi dall'acquistare prodotti fuori strada o utilizzando qualsiasi e-liquid che non riveli i suoi ingredienti. Per ridurre il rischio, le persone dovrebbero "attenersi ai prodotti venduti nei negozi al dettaglio, in particolare cartucce chiuse dove non vi è alcun rischio di contaminazione o presenza di droghe sconosciute".

Il passaggio dal tabacco da fumo alle sigarette elettroniche è una comprovata strategia di riduzione del danno supportata dai funzionari sanitari e utilizzata dalle persone in fase di recupero. 

Lara Frazier, una persona in recupero a lungo termine, ha spiegato: "Sono in recupero basato sull'astinenza e ho smesso di fumare sigarette più di quattro anni fa, grazie alle sigarette elettroniche". Riguardo alle recenti morti associate allo svapo, dice: "C'è un'isteria di massa riguardo allo svapo, con persone che non vengono adeguatamente istruite su ciò che sta realmente accadendo".

Frazier è preoccupato per le conseguenze dei recenti avvertimenti ufficiali: “La dipendenza da nicotina è come qualsiasi dipendenza, e il divieto di aromi probabilmente non si tradurrà in una minore quantità di nicotina fumata. Ciò potrebbe causare più danni perché gli adolescenti dovranno trovare le cartucce del mercato nero, fare il proprio succo e/o passare a fumare sigarette.

Continua: "Penso che sia ridicolo che vieteranno tutti i succhi aromatizzati che non sono a base di tabacco su cinque (ora sette) morti e malattie senza esaminare adeguatamente i dati o ricercare la causa della malattia".

VAPING COME RIDUZIONE DEL DANNO

Esistono supporto e prove a livello mondiale per lo svapo come riduzione del danno. UN studia condotta dal Giornale di medicina del New England ha scoperto che lo svapo era quasi due volte più efficace dei tradizionali prodotti sostitutivi della nicotina per smettere di fumare.

Nel Regno Unito, Public Health England supporta anche lo svapo come strategia di riduzione del danno. Anche alla luce delle recenti preoccupazioni, la loro posizione è rimasto lo stesso: “Il nostro consiglio sulle sigarette elettroniche rimane invariato: lo svapo non è completamente privo di rischi, ma è molto meno dannoso del tabacco da fumo. Non c'è situazione in cui sarebbe meglio per la tua salute continuare a fumare piuttosto che passare completamente allo svapo ", hanno detto.

Yael Ossowski, vicedirettore del Consumer Choice Center, ha esortato il presidente Trump a considerare i fatti prima di reagire frettolosamente e spingere per un divieto, sostenendo che lo svapo è un'alternativa meno dannosa per il consumo di nicotina. Ossowski cita a Rapporto 2016 dal Royal College of Physicians del Regno Unito, che ha esaminato la scienza, l'ordine pubblico, la regolamentazione e l'etica che circondano lo svapo e ha concluso che le sigarette elettroniche dovrebbero essere ampiamente promosse come sostituto del fumo. Il rapporto ha anche cercato di chiarire la disinformazione sullo svapo e sui danni a lungo termine, affermando che sebbene esista una possibilità di danno derivante dalle sigarette elettroniche, è improbabile che superi il cinque percento di quello associato ai prodotti del tabacco. 

IL FUMO DI SIGARETTE È ANCORA LA CAUSA PRINCIPALE DI MORTE PREVENIBILE

Secondo il Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, più di 16 milioni di americani convivono con una malattia causata dal fumo. Abbiamo prove abbondanti che il fumo porta a malattie e disabilità, danneggiando quasi tutti gli organi del corpo. Provoca cancro, malattie cardiache, ictus, malattie polmonari, diabete e broncopneumopatia cronica ostruttiva. Aumenta anche il rischio di tubercolosi, malattie degli occhi e condizioni autoimmuni. 

In tutto il mondo, l'uso dei prodotti del tabacco è responsabile di oltre sette milioni di morti ogni anno. Negli Stati Uniti, 480.000 persone muoiono ogni anno a causa del fumo e 41.000 persone muoiono a causa del fumo passivo. Economicamente, il fumo ha un enorme impatto sugli Stati Uniti: costa $170 miliardi all'anno in cure mediche dirette e $156 milioni in perdita di produttività. 

Il fumo rimane la principale causa di morte prevenibile. 

A questo punto, le prove supportano lo svapo come mezzo efficace di riduzione del danno, superando così i rischi limitati. Inoltre, i funzionari della sanità pubblica devono ancora completare le loro indagini su questi rischi in modo da poter identificare in modo definitivo la causa dei decessi attribuiti allo svapo. Sembra sciocco imporre divieti generalizzati sulle sigarette elettroniche, in quanto ciò potrebbe causare ulteriori danni spingendo le persone ad acquistare prodotti per lo svapo del mercato nero o riprendere a fumare sigarette.

Leggi di più qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Aggiungi elemento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Descrizione