fbpx

Le etichette di avvertenza sulla salute in gravidanza sono distorte e imperfette

Quando ero al settimo anno, il nostro insegnante di biologia ci ha mostrato un modello di polmone di un fumatore seguito da una breve spiegazione degli effetti negativi del fumo. Ma lo stesso modello dei polmoni danneggiati è stato sufficiente per istruire me, un tredicenne, sulle conseguenze sulla salute che avrei dovuto affrontare se avessi scelto di fumare. Questa è l'essenza della libertà che penetra nella nostra vita adulta: libere scelte fatte nella piena consapevolezza della responsabilità che ne consegue. Che si tratti di alcol, sigarette o zucchero. Le formule matematiche complesse che ci vengono insegnate a scuola sono importanti, ma imparare l'importanza di preservare la nostra scelta di consumatori di fronte al nannyismo lo è ancora di più. 

Introducendo varie etichette di avvertimento obbligatorie come "il fumo può causare una morte lenta e dolorosa", i governi di tutto il mondo hanno cercato di compensare i fallimenti dei loro sistemi educativi nel trasmettere efficacemente questi messaggi. Perché se tutti sanno che fumare non è l'abitudine più salutare, non lo faranno, giusto? 

No, sarebbero e dovrebbero essere liberi di farlo. Se un consumatore è determinato ad acquistare un pacchetto di sigarette, nessuna etichetta di avvertenza e nessuna tassa influenzeranno il suo comportamento. Con una pletora di regolamenti sullo stile di vita, il nannying è ora visto come inerente ai governi. Ma questo è sbagliato. È compito degli istituti scolastici educarci sugli effetti del fumo o dell'alcool, ma i governi sono lì per garantire che siamo in grado di esercitare la nostra libertà di scelta fintanto che non causiamo danni ad altre persone.

A febbraio, Food Standards Australia e Nuova Zelanda hanno annunciato l'intenzione di rendere obbligatoria l'etichettatura delle bevande alcoliche. La nuova etichetta includerà le parole "avvertimento per la salute" in grassetto rosso e "l'alcol può causare danni per tutta la vita al tuo bambino". Com'è ovvio, verrebbe da dire. Secondo un sondaggio condotto da YouGov, il 70% degli australiani era a conoscenza del fatto che bere durante la gravidanza contribuisse al disturbo della sindrome alcolica fetale. Eppure circa il 70% degli intervistati ha sostenuto la modifica delle etichette sulle bottiglie di alcolici.

Non c'è niente di sbagliato nel fatto che gli australiani vogliano vedere etichette di avvertenza sulle loro bevande alcoliche. La domanda è se si ottiene attraverso la costrizione del governo o volontariamente. In Australia, le norme esistenti adottate nel 2011 rendono volontario l'uso di un simbolo con una linea che attraversa la sagoma di una donna incinta che beve un bicchiere di vino. Ovviamente è nell'interesse dell'industria essere all'altezza delle aspettative dei suoi consumatori, ma le modifiche alle nuove etichette costerebbero $400 milioni per la produzione di nuove etichette. Più alto è il prezzo di produzione, più alto è il prezzo per i consumatori.

Che dire dei consumatori di alcol maschi e femmine adulti (non in stato di gravidanza)? È giusto che debbano pagare un prezzo più alto per i prodotti alcolici per educare le donne incinte sugli effetti negativi del consumo di alcol durante la gravidanza? Le etichette di avvertenza sulla salute in gravidanza sono distorte e ignorano gli interessi di un gruppo molto più ampio di consumatori che sono danneggiati da tali normative. È davvero più economico, più sostenibile e generalmente più vantaggioso dal punto di vista sociale investire in un'istruzione scolastica adeguata. 

In un momento in cui i governi prendono sempre più di mira la nostra scelta dei consumatori, dovremmo essere pronti a reagire. Una goccia di nannyismo non crea una nuvola temporalesca, ma un enorme accumulo sì. Non mi piace vivere in un mondo in cui sono trattato come un bambino che non sa che un eccesso di alcol, fumo, zucchero e [inserire altro prodotto ritenuto pericoloso] può causare danni e quindi deve essere allontanato da loro. Voi?


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Aggiungi elemento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Descrizione