fbpx

Autore: Yaël Ossowski

Una vittoria per i consumatori dopo la sconfitta dell'interdizione della plastica di Trudeau

PER DIFFUSIONE IMMEDIATA | 17 novembre 2023

OTTAWA, ON. – Ce jeudi, la Cour fédérale a rendere la sua decisione qui mettra fin au plan du gouvernement Trudeau d'interdire des articoli in plastica a utilizzo unico à la fin de 2023.

La Cour est concise sur le fait que le plan était à la fois eccessivo et manquait de mérite « il decreto e l'iscrizione corrispondente degli articoli fabbricati in plastica sulla lista delle sostanze tossiche dell'allegato 1 sont à la fois déraisonnables et incostitutionnels , » conclut-elle.

Yaël Ossowski, direttore aggiunto dell'Agenzia per la scelta del consumatore, ha risposto:

« I consumatori devono essere ravis che ce plan de Trudeau touche à sa fin. L'interdizione della plastica non è stata un tentativo muscolare di privare i consumatori e le imprese di un bene essenziale nella vita quotidiana.

« Comme nous l'avons décrit dans notre tribune dans Il giornale di Montréal Nel gennaio 2021, questo piano ha complicato gli sforzi legittimi degli imprenditori per creare alternative alla fois à l'innovazione e al riciclaggio della plastica, » dit Ossowski.

C'est grâce au génie québécois que nous pourrons disposer de notre plastique de façon responsable, et non grace à une proibition du gouvernement fédéral. Al posto di lasciare le province che promuovono i loro approcci e gli innovatori che trovano soluzioni efficaci, il governo federale sceglie la voie paresseuse de l'interdizione pura e semplice di certi prodotti. Cela nuit à tout le monde, et particulièrement à nous tous, consommateur.

«Applaudiamo la decisione della Corte federale», conclude Ossowski.

Contatto

Yaël Ossowski, direttore aggiunto

L'agenzia per la scelta del consumatore


L'agenzia per la scelta del consumatore rappresenta i consumatori in più di 100 paga in tutto il mondo. Siamo sorvegliati vicino alle tendenze regolamentari di Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra, Lima, Brasilia e in altri punti di regolamentazione, informazioni e attività dei consumatori per chi si batte per il #ChoixduConsommateur. Imparare un vantaggio su consumerchoicecenter.org.

Presentazione all'Amministrazione nazionale delle telecomunicazioni e dell'informazione sulla salute e la sicurezza online dei bambini

Presentazione all'Amministrazione nazionale delle telecomunicazioni e dell'informazione sulla salute e la sicurezza online dei bambini

Con la presente sottoponiamo questi commenti per informare ed educare meglio la Task Force sulla salute e sicurezza online dei bambini sulle questioni urgenti relative alla sicurezza dei bambini online, pur rimanendo fedeli alla natura aperta e innovativa delle tecnologie digitali come Internet.

  1. Il ruolo delle soluzioni tecnologiche

In qualità di gruppo di difesa dei consumatori che sostiene l’innovazione tecnologica e la scelta dei consumatori, crediamo fermamente che, ove necessario, le soluzioni tecnologiche dovrebbero essere la principale alternativa alla regolamentazione restrittiva che imporrà costi diretti e indiretti e creerà barriere all’informazione e alla connessione online.

Con molte situazioni o piattaforme sociali, sappiamo che esiste molta preoccupazione per i giovani, soprattutto per gli adolescenti, e per il loro comportamento online. C’è stata una raffica costante di ricerche accademiche, proposte politiche e campagne di messaggistica incentrate sulla limitazione di parti della vita online ai giovani per la loro sicurezza.

Sebbene esista una tendenza definitiva a considerare l’uso dei social media come negativo per i giovani, la ricerca esistente è molto più sfumata e probabilmente più equilibrata se consideriamo i benefici.

Un 2022 studia in Current Psychology ha scoperto che classificando gli utenti in 3 categorie: uso attivo, passivo e medio dei social media, ciascuna ha documentato benefici che superano i potenziali danni, ancor più per la categoria più ampia di utenti “medi”.

Per ogni storia indignata dei media su contenuti o comportamenti online discutibili, ci sono dozzine di altri non dichiarati di miglioramento del benessere sociale, maggiore connessione sociale e felicità genuina, soprattutto tra i giovani. Ciò è particolarmente vero perché, per la maggior parte, adolescenti e giovani sono passati da una vita sociale puramente fisica a una vita sociale ibrida anche online, sbloccando nuove opportunità per esplorare, apprendere ed espandere la propria conoscenza e comprensione.

Anche questo era ammesso dall’American Psychological Association, che quest’anno ha pubblicato le proprie raccomandazioni rivolte ai genitori di adolescenti per monitorare la sicurezza online.

Le soluzioni offerte dall'APA e da diverse organizzazioni partner sono importanti e probabilmente hanno merito ed efficacia con i giovani online. Contrariamente a molte proposte esistenti nella legislazione, queste raccomandazioni devono essere supervisionate ed eseguite dai genitori e dalle comunità e annullerebbero la necessità di misure punitive emanate dai governi. 

Riteniamo che questo sia un fattore importante per qualsiasi rimedio che incida sulla sicurezza online di adolescenti e giovani adulti. Le misure volontarie, che si tratti di screening, comunicazione o supervisione da parte dei genitori, se utilizzate insieme agli strumenti tecnologici, avranno un risultato più equilibrato ed efficace di qualsiasi restrizione imposta dal governo.

Lo screening da parte dei genitori dei download di applicazioni, dei profili online e l’educazione generale sul comportamento e sui contenuti online si sono finora rivelati l’approccio più misurato alla sicurezza dei bambini online, e dovrebbe continuare ad esserlo.

  1. La strada sbagliata dell’intervento statale

Riteniamo che le proposte che portino all’intervento di agenzie o governi in questi sforzi farebbero più male che bene.

Come abbiamo visto in diverse proposte statali in Texas, Louisiana e Arkansas, limitare preventivamente l’accesso dei giovani all’uso dei social media online non solo solleva questioni legali, ma limita anche gravemente la capacità dei giovani di esplorare i vantaggi delle piattaforme e delle reti online.

Queste proposte sono simili a un labirinto di politiche armate che impediscono agli adolescenti di interagire con amici e familiari online, graverebbero sui futuri nascenti social media e porterebbero a precedenti peggiori che metterebbero a rischio la libertà di parola su Internet, oltre a portare a exploit hacker significativi.

Proposte come la SB396 ora in vigore in Arkansas rendono più difficile per i giovani iniziare a utilizzare Internet e tutti i vantaggi che offre, ma hanno anche sancito per legge l’idea che i governi dovrebbero scegliere quali reti di social media i giovani possono o non possono utilizzare piuttosto che i genitori.

Riteniamo che ciò sia paternalistico, crei un terribile precedente per la libertà di parola e l’accesso online e non equivalga a nient’altro che un controllo pesante da parte del governo su chi è autorizzato a navigare online e quando.

Ciò solleva la questione se sia l’arbitro finale dell’accesso dei giovani a Internet e che i genitori dovrebbero avere meno voce in capitolo nella vita digitale dei loro figli. Riteniamo che ciò sia fondamentalmente sbagliato. 

Sfortunatamente, vediamo in questi tentativi legislativi pochi sforzi di buona volontà volti a porre rimedio ai problemi di sicurezza online, e invece una punizione legislativa contro alcune società di social media basata sulla persuasione politica.

Inoltre, molte di queste soluzioni proposte creerebbero probabilmente danni più sostanziali derivanti dallo sfruttamento digitale di informazioni e dati rispetto agli attuali strumenti volontari o tecnologici a disposizione dei genitori.

Queste proposte, comprese quelle federali del Senato degli Stati Uniti come il Kids Online Safety Act, richiedono che i siti web dei social media raccolgano foto sensibili, documenti d’identità e documentazione di minori, imponendo enormi rischi per la privacy che saranno il sogno di ogni cyberhacker.

Crediamo che come società dovremmo avere fiducia nel fatto che i genitori abbiano il diritto ultimo di decidere se i loro figli accedano o meno a determinati siti Web o servizi e che tali decisioni non siano annullate da proposte legislative.

  1. La risposta è la tecnologia

Come abbiamo affermato, e come dimostra la ricerca, ci sono immensi vantaggi derivanti dai social media che vengono praticati ed esplorati ogni giorno per persone di qualsiasi fascia di età.

Che si tratti di scopi creativi, di espressione democratica, di connessione sociale, di commercio e affari o di istruzione, ci sono una miriade di vantaggi nei social media che, se abbinati alla supervisione e alla guida responsabile di un adulto, continueranno a essere una forza positiva per la società. un'intera.

Ove necessario, quando i genitori e le comunità potranno implementare soluzioni tecnologiche che aiutano a migliorare i vantaggi dell’uso dei social media – che si tratti di filtri parentali volontari, autorizzazione al download o materiale educativo – questo sarà il metodo migliore e più efficace per proteggere i giovani online. . Mantenere Internet come un ecosistema aperto per l’esplorazione, l’apprendimento e la connessione porterà molti più benefici alla prossima generazione rispetto ai divieti restrittivi o ai limiti imposti dalla legge. 

Ci auguriamo che la vostra commissione prenda a cuore questi punti e continui a sostenere un uso responsabile della tecnologia e di Internet da parte dei giovani e dei loro genitori.

Collegamento al PDF

Un Rinascimento nucleare è la migliore strada da seguire

Per decenni, i frutti della rivoluzione del fracking, oltre al nostro nuovo status di patrimonio mondiale principale esportatore netto di gas naturale, ha dimostrato che i consumatori americani nuotavano in abbondanza di energia.

Ma quando gli effetti pandemici della carenza della catena di approvvigionamento, della guerra in Ucraina e dell’aumento della spesa pubblica hanno lasciato il posto all’aumento dell’inflazione, improvvisamente tutti gli occhi si sono concentrati sulle bollette. Nel 2021, gli americani hanno speso altrettanto come 25% in più in termini di energia rispetto all'anno precedente.

Ad aggravare questo problema per i consumatori di energia ci sono gli impegni politici volti all’”elettrificazione di tutto”, compresi massicci sussidi per veicoli elettrici, pompe di calore domestiche e pannelli solari nel perseguimento di un futuro a zero emissioni di carbonio.

Ora le politiche statali stanno accelerando il processo, poiché almeno 22 stati – più Porto Rico e Washington, DC – si sono impegnati a produrre elettricità senza emissioni di carbonio 100% o a “zero emissioni nette” di carbonio entro il 2050.

Ma invece di sovvenzionare il nostro percorso verso gli obiettivi climatici politici con pannelli solari, batterie e turbine eoliche di produzione estera, cosa accadrebbe se guardassimo alla nuova generazione di una tecnologia sicura che è già la fonte di elettricità più densa e senza emissioni di carbonio al mondo? ? E se fosse giunto il momento di sostenere ancora una volta l’energia nucleare?

Gli investitori energetici, i clienti e persino i politici ambientalisti dovrebbero avere tutte le ragioni per amare l’atomo. L’energia nucleare è sicura, pulita e affidabile per decenni. Non produce emissioni e crea decine di migliaia di buoni posti di lavoro per generazioni. C'è una ragione per cui le centrali nucleari hanno parcheggi più grandi delle turbine eoliche o dei parchi solari.

Almeno tre stati – Illinois, New Hampshire e Carolina del Sud – attualmente generano oltre 50% del loro fabbisogno di elettricità dall’energia nucleare, rendendoli effettivamente a zero emissioni di carbonio e un hub ideale per l’industria ad alta intensità energetica. 

Anche il governatore verde della California Gavin Newson è stato costretto a farlo ripensare la chiusura del Diablo Canyon a fronte di obiettivi climatici aggressivi, dando un'ancora di salvezza all'unica centrale nucleare dello stato. Altri stati stanno riconsiderando l’energia nucleare mentre le loro licenze si avvicinano alla data di scadenza.

Detto questo, l’energia nucleare tradizionale deve affrontare diversi ostacoli. Vengono invocate preoccupazioni ambientali e relative alle radiazioni, sebbene nuove innovazioni come i carburanti tolleranti agli incidenti abbiano ridotto il rischio. Le restrizioni normative e le autorizzazioni possono ritardare approvazioni e rinnovi fino a un decennio. Ancora più importante, i progetti nucleari richiedono molta manodopera e capitale, mettendo alla prova i limiti finanziari degli investitori privati e dei servizi pubblici che attingono ai sussidi per rimanere a galla.

Ma l’era delle brutaliste torri di raffreddamento in cemento e del controllo statale altamente centralizzato come uniche caratteristiche dell’energia nucleare potrebbe essere già finita.

La tecnologia dell’energia nucleare di prossima generazione – come i piccoli reattori modulari – può condividere la scissione dell’atomo con il suo predecessore, ma la sua forma moderna è tutt’altro.

Gli SMR possono essere piccoli come un SUV ma produrre comunque molti megawatt di energia. Possono fornire energia in modo più rapido e affidabile alla rete elettrica o all’industria e, in alcuni casi, il combustibile esaurito può essere riutilizzato. Gli SMR potrebbero diventare la principale fonte di energia senza emissioni di carbonio per un grande impianto di produzione che darebbe lavoro a migliaia di persone e manterrebbe il carico lontano dalle reti residenziali. 

Ad esempio, lo sviluppatore SMR X-energy lo è collaborando con il gigante chimico Dow per installare un impianto nucleare SMR avanzato presso il sito di produzione Dow a Seadrift, in Texas. Il progetto Dow è focalizzato sulla fornitura al sito di Seadrift di energia elettrica e vapore industriale sicuri, affidabili e a zero emissioni di carbonio come risorse energetiche e di vapore esistenti prossime alla fine del loro ciclo di vita.

Il progetto dipende dal conseguimento di varie revisioni e approvazioni, poiché aziende come Dow devono seguire tempi rigorosi per garantire il funzionamento continuo del proprio sito. X-energy ha avviato per la prima volta le attività di pre-applicazione NRC per il suo reattore Xe-100 nel 2018.

Solo un piccolo reattore modulare, realizzato da NuScale con sede nell'Oregon, lo ha fatto stato certificato dalla National Regulatory Commission, che ha pubblicato la sua regolamentazione finale dopo un processo di richiesta durato dieci anni.

Se vogliamo fornire energia su larga scala e a basso costo per milioni di consumatori di energia, quel ritmo dovrà spostarsi a una velocità di curvatura.

Esistono soluzioni semplici che potrebbero farci risparmiare tempo. Ogni stato con una licenza nucleare in scadenza dovrebbe prendere in considerazione la possibilità di sostenere l’estensione della vita vegetale. Gli stati con statuti antinucleari dovrebbero riconsiderarne le implicazioni. Ove possibile, gli stati dovrebbero includere la tecnologia nucleare e di fusione nelle definizioni di “energia pulita”, come nel caso della Carolina del Nord sembra in bilico fare. L’NRC dovrebbe continuare i suoi sforzi risoluti nel ridurre gli oneri normativi per accelerare le revisioni e i permessi per il nuovo nucleare, pur mantenendo un focus particolare sulla sicurezza.

Invece di chiudere le centrali a carbone senza alternative, gli stati dovrebbero consentire rapidamente ai promotori di progetti esperti di convertire tali impianti in centrali nucleari. Il Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti stime che oltre 80% delle centrali a carbone esistenti nel paese potrebbero essere convertite a basso costo in SMR o reattori nucleari avanzati, risparmiando fino a 35% in costi infrastrutturali e riducendo le emissioni per decenni. Esistono già tabelle di marcia per convertire i posti di lavoro nelle centrali a carbone in posti di lavoro nucleari di prossima generazione.

Ciò rappresenterebbe miliardi di risparmi per i clienti energetici, centinaia di migliaia di posti di lavoro ben retribuiti e opportunità illimitate per gli innovatori di liberare la prossima generazione di tecnologia nucleare sia a livello nazionale che come esportazione globale.

Politici e regolatori hanno creato il paradigma di un mondo a zero emissioni nette. L’energia nucleare consentirà tutto ciò e fornirà prosperità, resilienza e sostenibilità che ci manterranno indipendenti dal punto di vista energetico. 

È tempo di riconoscere il ruolo vitale dell'energia nucleare e di sostenerla come forza del bene nel nostro mondo.

Originariamente pubblicato qui

La “collaborazione” dell’intelligenza artificiale di Biden con l’Europa danneggerà l’innovazione

La settimana scorsa, il presidente Joe Biden ha presentato un ordine esecutivo che segna l’inizio di un percorso normativo statunitense per l’intelligenza artificiale. L’ordine è il preludio alla creazione di un Istituto statunitense per la sicurezza dell’intelligenza artificiale, ospitato presso il Dipartimento del Commercio.annunciato dal vicepresidente Kamala Harris nel Regno Unito la settimana scorsa. Questo periodo di “stretta collaborazione” con il Regno Unito e l’UE rappresenta una minaccia considerevole per decenni di leadership americana nel settore tecnologico.

Piuttosto che abbracciare i tradizionali tratti distintivi dell’innovazione americana, l’amministrazione Biden sembra intenzionata a importare alcuni degli aspetti peggiori del gravoso e guidato dalla paura del regime normativo europeo. Se l’approccio attuale continua, l’innovazione dell’intelligenza artificiale sarà soffocata, eccessivamente sorvegliata e trattata come colpevole fino a prova contraria. 

Su ciascuna sponda dell’Atlantico stanno prendendo forma due mondi distinti riguardo al futuro dell’intelligenza artificiale e ai suoi vantaggi.

Il primo è quello caratterizzato da una concorrenza all’avanguardia tra grandi sviluppatori di modelli linguistici, programmatori di software open source e investitori che utilizzano le migliori applicazioni pratiche per l’intelligenza artificiale. Ciò comprende startup ambiziose, aziende Big Tech legacy e tutte le principali aziende globali alla ricerca di un vantaggio. Come chiunque può immaginare, un'alta percentuale di coloro che si sono mossi per primi in questa categoria ha sede negli Stati Uniti, con quasi 5.000 startup AI e $249 miliardi negli investimenti privati. Questo spazio è pieno di speranza, energico e lungimirante.

Il secondo mondo, che languisce dietro il primo, è caratterizzato da burocrazia, intensi processi di approvazione e permessi. La mentalità predominante nei confronti dell’intelligenza artificiale è quella della mitigazione delle minacce e della fissazione sugli scenari peggiori da cui i consumatori devono essere salvati. 

L’Europa è quel secondo mondo, guidato dalla mano nervosa del suo Commissario per il Mercato Interno, Thierry Breton, un nemico chiave delle aziende tecnologiche americane. Breton è il volto di due ampie leggi digitali dell’UEche impongono ulteriori oneri alle aziende tecnologiche che sperano di raggiungere i consumatori europei. 

Per quanto riguarda l’intelligenza artificiale, l’approccio tipicamente europeo di Breton è interamente basato sul rischio e sulla conformità. Richiede prodotti di intelligenza artificiale generativa, come immagini o video, vengono etichettati e applicazioni specifiche devono essere sottoposte a un rigoroso processo di registrazione per determinare se il rischio è inaccettabile, elevato, limitato o minimo.

Questo processo si rivelerà restrittivo per un settore dell’intelligenza artificiale in costante cambiamento e garantirà che gli operatori storici della tecnologia avranno un vantaggio in termini di conformità. Le autorità di regolamentazione dell’UE sono abituate a trattare con aziende del calibro di Meta e Google e hanno creato alcuni precedenti per subordinare queste società americane di alto livello. 

È un sistema contorto che i burocrati dell’UE sono felici di sostenere. Adottano regole gravose prima ancora che le industrie esistessero, con la speranza di mantenere un certo status quo. Di conseguenza, l’Europa è molto indietro rispetto agli investimenti e all’innovazione che hanno luogo negli Stati Uniti e persino in Cina. 

Al momento, gli Stati Uniti ospitano una parte significativa del settore dell’intelligenza artificiale, che si tratti di Meta e del modello di linguaggio open source di Microsoft noto come LAMA, OpenAI Chat-GPT e Prodotti DALL-E, così come Midjourney e Stable Diffusion. Questo non è un colpo di fortuna o un bug nell’ordine internazionale dell’innovazione tecnologica. L’America ha un’etica specifica riguardo all’assunzione di rischi imprenditoriali e il suo approccio normativo è stato storicamente reattivo.

Anche se il presidente Biden avrebbe potuto interpretarlo come un segnale della necessità di un tocco leggero, ha invece intrapreso la via europea del “comando e controllo”, una via che potrebbe rivelarsi ancora più espansiva.

Ad esempio, l'ordine esecutivo di Biden invoca l' Legge sulla produzione della difesa, una legge in tempo di guerra progettata per contribuire a rafforzare il fronte interno americano di fronte a gravi minacce esterne. L’intelligenza artificiale è già classificata come una minaccia?

Utilizzando la DPA, Biden richiede che tutte le aziende che creano modelli di intelligenza artificiale devono “informare il governo federale durante l’addestramento del modello e devono condividere i risultati di tutti i test di sicurezza del team rosso”. Come il sistema di rischio europeo, ciò significa che le aziende dovranno aggiornarsi e conformarsi costantemente alle richieste delle autorità di regolamentazione per garantire la sicurezza.

Più che aumentare i costi di conformità, ciò bloccherebbe di fatto molte startup che non avrebbero le risorse per segnalare come utilizzano i modelli. Aziende più grandi e più cooperative interverrebbero per rilevarle, e questo potrebbe essere il punto.

Andrew Ng, co-fondatore del primo progetto AI di Google, recentemente detto Secondo l’Australian Financial Review molte aziende leader nel settore dell’intelligenza artificiale stanno “creando la paura che l’intelligenza artificiale porti all’estinzione umana” per dominare il mercato indirizzando la regolamentazione per tenere lontani i concorrenti. Biden sembra aver accettato quella linea.

Un altro aspetto che minaccia lo sviluppo esistente è che tutte le aziende che creano modelli devono segnalare i propri “proprietà e possesso.” Considerando LLAMA di Meta, il modello più grande prodotto finora è scritto come software open source, è difficile vedere come ciò potrebbe essere attuato. Ciò mette a repentaglio la natura open source di gran parte dei primi ecosistemi di intelligenza artificiale.

Tutto ciò è davvero necessario? Singapore, che vanta un settore dell’intelligenza artificiale nascente ma in crescita, ha optato per un approccio diretto per garantire che gli innovatori creino innanzitutto valore. Agli albori della Silicon Valley, questo era il mantra che trasformò la Bay Area in un faro globale per l’innovazione tecnologica. 

Questo impulso a regolamentare è comprensibile e segue l’ideologia di Biden. Ma se Washington adotta l’approccio di Bruxelles, come sembra stia facendo ora, metterà a rischio l’innovazione, la concorrenza e le centinaia di miliardi di investimenti esistenti nell’intelligenza artificiale. E potrebbe essere proprio ciò che vogliono i grandi player in carica.

Il Congresso dovrebbe intensificare e respingere l’approccio “telefono e penna” di Biden per regolamentare un settore in crescita. 

Per garantire la leadership americana nell’intelligenza artificiale, dobbiamo abbracciare ciò che rende l’America unica per gli innovatori, gli esploratori e i sognatori del mondo: un ambiente propenso al rischio fondato sulla libertà di parola e sulla creatività che ha offerto ricchezza indicibile e plusvalore ai consumatori. Prendere spunto dai superregolatori e dai pessimisti tecnologici europei è un rischio che non possiamo permetterci.

Originariamente pubblicato qui

STAMPA: Le ragioni dei consumatori per reinventare e innovare la politica ferroviaria

PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA | 9 novembre 2023

Il caso dei consumatori per reinventare e innovare la politica ferroviaria

WASHINGTON DC – Oggi, il gruppo globale di difesa dei consumatori Consumer Choice Center ha lanciato un primer politico su come reimmaginare e innovare al meglio la politica pubblica per il trasporto ferroviario di merci negli Stati Uniti.

Il manuale include diversi suggerimenti politici chiave per i legislatori per contribuire a migliorare la politica ferroviaria in modo che i consumatori possano dipendere da trasporti a prezzi accessibili per i prodotti di cui godono:

  • Opporsi all'Reliable Rail Service Act (S2071)
  • Il Congresso dovrebbe limitare l’obbligo del vettore comune o eliminarlo del tutto
  • Il Congresso dovrebbe modificare il Surface Transportation Board Reauthorization Act per garantire che l’agenzia agisca come un’agenzia correttiva e non crei una propria politica

Yaël Ossowski, vicedirettore del Consumer Choice Center, spiega:

“Come abbiamo visto con le aziende tecnologiche statunitensi e la Federal Trade Commission o con i fornitori di servizi Internet e la Federal Communications Commission, le nostre agenzie federali di regolamentazione stanno assumendo un ruolo molto più attivo nel far rispettare vari desideri politici – in un modo che si sta rivelando dannoso per consumatori.

“Lo stesso sta accadendo nel settore della politica ferroviaria merci, dove il Surface Transportation Board sta abusando della sua autorità espandendo ingiustamente l’applicazione degli obblighi dei vettori comuni in un modo che finisce per aumentare i prezzi per il trasporto di beni su cui fanno affidamento i consumatori”, ha affermato Ossowski.

“Decenni dopo la frammentaria riforma del trasporto ferroviario merci, la STB ha esercitato un controllo molto maggiore sulle decisioni economiche dei vettori ferroviari e dei loro clienti, utilizzando mascelle, minacce retoriche e normative esplorative per far conoscere la propria presenza.

“Ciò minaccia sia l’innovazione che l’innovazione nel trasporto ferroviario, che rimane un fondamentale “motore intermedio” delle merci che finiscono alle nostre porte e nelle nostre attività.

“Proponiamo una serie di riforme politiche intelligenti per reimmaginare la politica ferroviaria, evidenziando la necessità di imprenditorialità e investimenti per portarci a soluzioni migliori, non una politica top-down che porta a costi di trasporto più elevati che finiscono per riflettersi nei beni che acquistiamo.

“Queste riforme mirano ad aumentare la concorrenza, generare investimenti e garantire che i costi inferiori possano essere trasferiti ai consumatori che fanno affidamento sul trasporto ferroviario per i loro prodotti che utilizziamo nelle nostre case e nelle nostre aziende”, ha concluso Ossowski.

LEGGI QUI IL PRIMER

Contatto

Yaël Ossowski, vicedirettore

yael@consumerchoicecenter.org 


Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra, Lima, Brasilia e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org.

La FCC resuscita un piano di neutralità della rete che nessuno ha chiesto e di cui nessuno ha bisogno

PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA | 19 ottobre 2023

WASHINGTON DC – Oggi, la presidentessa della Federal Communications Jessica Rosenworcel ha parlato all’incontro aperto dell’agenzia delle prossime regole per riclassificare i fornitori di banda larga come servizi di pubblica utilità ai sensi del Titolo II del Communications Act del 1934, comunemente noto come “neutralità della rete”.

Ciò segna un passo indietro per tutti gli utenti Internet americani, che finora hanno beneficiato di un mercato della banda larga più innovativo dopo l’abrogazione di queste regole nel 2017 da parte dell’ex presidente Ajit Pai.

Yaël Ossowski, vicedirettrice del Consumer Choice Center, ha reagito all'annuncio:

“Resuscitare l’idea di una regolamentazione di Internet del Titolo II, dopo la sua abrogazione riuscita nel 2017, è l’idea di cui nessuno ha bisogno nel 2023. Da allora, abbiamo assistito a innovazioni e investimenti incredibili, poiché sempre più clienti Internet iniziano a utilizzare hotspot mobili e Internet via satellite, mettendo online più americani che mai. Nessuno chiede questa proposta e nessuno ne ha bisogno.

"Regolamentare gli ISP come i servizi idrici o i fornitori di elettricità è un percorso verso un maggiore controllo e supervisione di Internet da parte del governo, chiaro e semplice", ha affermato Ossowski.

“Come abbiamo visto di recente Missouri contro Biden In tribunale, il principale problema di Internet di oggi non è rappresentato dai provider di banda larga che bloccano determinati accessi o servizi, ma dalle agenzie governative che tentano di imporre la forza e la forza ai fornitori e alle piattaforme Internet di censurare o rimuovere i contenuti con cui non sono d'accordo. Ciò è più preoccupante di qualsiasi scenario peggiore immaginato dai commissari della FCC.

“Riportare in vita queste norme morte per far rispettare le regole dell’era della Depressione sul web sarà una questione persa per milioni di americani che godono di un accesso e di servizi Internet più grandi che mai.

“Piuttosto che sostenere l’accesso degli americani a Internet, rischia di minacciare i vasti spazi imprenditoriali e tecnologici in tutto il nostro paese e spingerà le aziende a stabilirsi in giurisdizioni che promettono una vera libertà di Internet piuttosto che una regolamentazione imposta dallo stato dei contenuti e della distribuzione di Internet. Servizi. Sarebbe un’altra iniziativa fallita della cosiddetta “Bidenomics”.

"Imploriamo la FCC di avviare un processo di coinvolgimento pubblico aperto e onesto su queste normative proposte sulla neutralità della rete, e siamo certi che i consumatori avranno voce in capitolo contro questa proposta", ha aggiunto Ossowski.


Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra, Lima, Brasilia e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org.

***Si prega di inviare richieste ai media a yael@consumerchoicecenter.org.***

La fattibilità del rapporto di perdita medica per l'assicurazione dentale per pazienti e consumatori

PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA | 5 ottobre 2023

WASHINGTON DC – Oggi, il gruppo globale di difesa dei consumatori Consumer Choice Center ha lanciato un primer politico sulla fattibilità dell’applicazione di percentuali di perdita medica e di sconti per l’assicurazione dentale a beneficio dei pazienti.

Il manuale esamina come viene utilizzato il rapporto perdite mediche in altre categorie mediche, confronti internazionali e come porterebbe a un mercato delle assicurazioni dentistiche più aperto e competitivo che sbloccherebbe risparmi per i pazienti.

Yaël Ossowski, vicedirettore del Consumer Choice Center, spiega:

“I requisiti relativi al rapporto delle perdite mediche dell’Affordable Care Act per l’assicurazione sanitaria generale sono stati un gradito primo passo verso un settore più competitivo. Tuttavia si dovrebbe fare di più per contenere i costi, aprire i mercati e sottoporre l’assistenza sanitaria e l’assicurazione sanitaria a una concorrenza reale, e ciò dovrebbe estendersi anche al mercato delle assicurazioni dentistiche”, ha affermato Ossowski.

“Sono in corso sforzi in tutti gli Stati per responsabilizzare gli assicuratori rimuovendo le barriere statali alla concorrenza e per applicare rapporti e sconti sulle perdite mediche in modo che i pazienti possano effettivamente ricevere le cure per cui pagano e che meritano.

“Riforme su larga scala mirate a separare l’assicurazione dai datori di lavoro, fornendo più opzioni dirette al consumatore che evitino l’assicurazione e rimuovendo la burocrazia sia a livello statale che federale sarebbero riforme attese da tempo per dare potere ai consumatori all’interno di un mercato competitivo e fiorente per l’odontoiatria. cura.

“Su questo percorso, riteniamo che i requisiti e gli sconti relativi al rapporto sinistri medici rappresenterebbero una misura rapida e semplice per mantenere l’assicurazione responsabile, promuovere la concorrenza e, in definitiva, sbloccare risparmi per i pazienti”, ha concluso Ossowski.

Approvando i requisiti a livello statale relativi al rapporto delle perdite mediche per gli assicuratori dentali, i legislatori potrebbero garantire che consumatori e pazienti traggano profitto da un mercato competitivo e conveniente. Ciò offrirebbe i seguenti vantaggi:

  • Mantieni l'assicurazione dentale responsabile
  • Sbloccare la spesa per i benefit per i pazienti
  • Promuovere la concorrenza tra gli assicuratori

LEGGI QUI IL PRIMER

Contatto

Yaël Ossowski, vicedirettore

yael@consumerchoicecenter.org 


Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra, Lima, Brasilia e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org.

Le regole sulla neutralità della rete dovrebbero essere reintrodotte negli Stati Uniti

Il 26 settembre, la presidente della Federal Communication Commission (FCC) Jessica Rosenworcel ha parlato al National Press Club e ha affermato di essere una sostenitrice della neutralità della rete. Ha proposto il rilancio delle regole sulla neutralità della rete che erano state ripristinate nel 2017 e ha affermato che la FCC inviterà il pubblico a commentare come il ripristino delle regole sulla neutralità della rete possa aiutare a garantire che l’accesso a Internet sia veloce, aperto ed equo. 

Sotto La proposta di Rosenworcel, la FCC avrebbe il potere di supervisionare l'accesso a Internet a banda larga come "servizio di telecomunicazioni" ai sensi del Titolo II della legge sulle comunicazioni. Il Titolo II del Communications Act conferisce alla FCC la chiara autorità di fungere da cane da guardia sul mercato delle comunicazioni e di tutelare l'interesse pubblico. 

Quali erano le regole di neutralità della rete degli Stati Uniti?

I principi di neutralità della rete garantiscono che tutti i fornitori di servizi online lo siano trattato ugualmente. Le regole sulla neutralità della rete adottate dagli Stati Uniti prima del 2017 dicevano tre semplici cose: 

  • Nessun blocco: I fornitori di servizi Internet (ISP) non dovrebbero bloccare l'accesso degli utenti a determinate piattaforme/siti web. 
  • Nessuna limitazione: Gli ISP non possono individuare il traffico Internet in base alla provenienza o alla destinazione. 
  • Nessuna priorità a pagamento: Gli ISP non possono accettare denaro per accelerare l'accesso a una determinata piattaforma o servizio.

“Credo che questa abrogazione della neutralità della rete abbia messo l’agenzia dalla parte sbagliata della storia, dalla parte sbagliata della legge e dalla parte sbagliata del pubblico. Non andava bene allora, ma ha ancora meno senso adesso”, ha affermato Rosenworcel parlando dell’abrogazione di queste regole nel 2017. La sua proposta afferma che si ritornerà a queste regole e garantirà che “il servizio a banda larga sia alla pari con l’acqua, l’energia elettrica”. e servizio telefonico; cioè: essenziale”. 

Leggi il testo completo qui

La FCC, ora controllata dai democratici, vuole ripristinare le regole di “neutralità della rete” dell’era Obama

Martedì un annuncio della Federal Communications Commission propone di ripristinare Le normative sulla “neutralità della rete” potrebbero rimodellare il futuro di Internet, oltre ad alimentare ulteriormente il dibattito sulla censura governativa del discorso online. 

Il dibattito sulla questione se i fornitori di servizi Internet, come Verizon, AT&T e Comcast, siano un servizio pubblico che dovrebbe essere regolamentato dalla FCC è in corso da anni. Le regole sulla neutralità della rete, imposte prima dall’amministrazione Obama e poi abrogate durante il mandato del presidente Trump, non consentono ai fornitori di servizi Internet di addebitare tariffe più elevate per una maggiore velocità e l’accesso a determinati siti web.

Ora, un giorno dopo i Democratici ottenuto la maggioranza nella FCC per la prima volta durante il mandato del presidente Biden, la commissione sta avviando il processo di ripristino delle regole di neutralità della rete dell'era Obama.

"Credo che questa abrogazione della neutralità della rete abbia messo l'agenzia dalla parte sbagliata della storia, dalla parte sbagliata della legge e dalla parte sbagliata del pubblico", ha detto martedì la presidente della FCC Jessica Rosenworcel. “Quindi oggi iniziamo un processo per sistemare la situazione. Questo pomeriggio condivido con i miei colleghi una normativa che propone di ripristinare la neutralità della rete”.

La commissione voterà la regolamentazione il 19 ottobre e poi aprirà i regolamenti al commento del pubblico, ha detto la Rosenworcel. 

I sostenitori della neutralità della rete affermano che le regole sono essenziali per garantire che i fornitori di servizi Internet – che possono essi stessi possedere servizi di intrattenimento e contenuti – non possano discriminare i contenuti della concorrenza, mentre gli oppositori sostengono che le normative potrebbero disincentivare le aziende dal costruire servizi nelle zone rurali del paese e portare alla censura del governo. 

Leggi il testo completo qui

La FTC attacca Amazon

Amazon è l’obiettivo di una causa di alto profilo e ad alto rischio, intentata dal governo degli Stati Uniti attraverso la Federal Trade Commission. I procuratori generali di 17 stati si sono uniti all'azione legale, sostenendo che il colosso della vendita al dettaglio sta utilizzando strategie ingiuste sia nel mercato dei supermercati online per gli acquirenti, sia nel mercato dei servizi di mercato online acquistati dai venditori.

"La nostra denuncia illustra come Amazon abbia utilizzato una serie di tattiche punitive e coercitive per mantenere illegalmente i suoi monopoli", ha spiegato la presidente della FTC Lina M. Khan. “La denuncia espone accuse dettagliate che sottolineano come Amazon stia ora sfruttando il suo potere di monopolio per arricchirsi, aumentando i prezzi e degradando il servizio per le decine di milioni di famiglie americane che fanno acquisti sulla sua piattaforma e per le centinaia di migliaia di aziende che si affidano ad Amazon per raggiungili. La causa di oggi cerca di chiedere conto ad Amazon di queste pratiche monopolistiche e di ripristinare la promessa perduta di una concorrenza libera ed equa”.

Nel documento, la FTC e i procuratori generali dello stato sostengono che altri rivenditori e fornitori sono esclusi dalla concorrenza con Amazon attraverso le sue pratiche relative ai prezzi, alla selezione dei prodotti e ad altri aspetti commerciali. L'azione legale mette in discussione anche il servizio Prime di Amazon, sostenendo che la società condiziona i venditori a ottenere l'idoneità Prime per i loro prodotti utilizzando i "costosi" accordi di evasione della società.

Leggi il testo completo qui

Descrizione
it_ITIT