fbpx

Sharing economy sotto minaccia – Sharing Economy Series, parte 3

Benvenuti nella serie sull'economia della condivisione della CCC. In questa serie di brevi post sul blog, elaboro cos'è l'economia della condivisione, presento i risultati principali dell'indice dell'economia della condivisione e guardo alle potenziali normative future che circondano questi servizi. 

La pandemia non è l'unico ostacolo che le piattaforme di sharing economy hanno dovuto affrontare negli ultimi mesi. I governi di tutto il mondo hanno introdotto nuove normative che hanno pregiudicato la scelta dei consumatori. Rispetto al tempo in cui l'economia della piattaforma stava solo iniziando a farsi strada nella nostra vita quotidiana, le app di ride-hailing oggi sono soggette a molte più restrizioni. Alcuni di questi nuovi interventi includono classificazioni dei dipendenti, previdenza sociale, requisiti di parcheggio o divieti assoluti. 

Uno degli aspetti principali del ride sharing che i governi stanno cercando di ridefinire e regolamentare è il rapporto tra fornitori di servizi e conducenti. Uber e altre piattaforme trattano i conducenti come appaltatori, piuttosto che come dipendenti, ma per alcuni questo approccio è ingiusto.

L'incapacità dei conducenti di stabilire le tariffe, le sanzioni per l'annullamento delle corse e le restrizioni sul coinvolgimento dei clienti sono tra i motivi principali per cui i conducenti possono essere considerati meno indipendenti di quanto si creda. Tuttavia, d'altro canto, lo status di appaltatore offre ai conducenti maggiore flessibilità e la possibilità di scegliere il proprio orario di lavoro. Possono lavorare contemporaneamente per diverse app di ride-hailing, il che diventerebbe impossibile se ai conducenti venisse concesso lo status di dipendente completo.

Uber è stata coinvolta in molte battaglie legali per proteggere l'indipendenza dei conducenti. Di recente, la corte suprema del Regno Unito ha stabilito che i conducenti di Uber dovrebbero esserlo concesso lo status di dipendente e benefici che lo status comporta, come il pagamento del salario minimo e le ferie annuali retribuite. Ciò probabilmente aumenterà la tariffa della corsa in tutto il paese.

Tuttavia, questo non è il primo tentativo di limitare Uber. Dopo le proteste dei conducenti di taxi neri di Londra, l'ente di regolamentazione dei trasporti TfL è stato costretto a introdurre nuove restrizioni su Uber. Alcune di queste restrizioni includevano un'attesa di 5 minuti tra le corse, che avrebbe influito sulla fornitura del servizio e, come affermato da Uber, prelevato denaro dai conducenti tasche. Una petizione contro questa restrizione è stata firmata da oltre 130.000 persone e, fortunatamente, TfL ha deciso di ritirarla. 

Bruxelles ha preso una strada diversa ma ugualmente restrittiva. La capitale belga di recente si è persino spinta fino in fondo divieto sistemi di taxi basati su app, l'essenza stessa del ride-hailing. Ciò è avvenuto dopo le pressioni dei tassisti tradizionali, che stavano sollecitando il governo a regolamentare il ride-hailing basato su app con cui stava diventando sempre più difficile competere per loro.

I conducenti che continuano ad accettare viaggi tramite il proprio smartphone corrono il rischio di essere multati o di vedersi revocare la patente. Sebbene Uber non sia stato esplicitamente bandito, paesi come la Danimarca e l'Ungheria hanno reso impossibile per Uber operare lì e hanno praticamente costretto l'azienda a uscire dal mercato. 

Dall'altra parte dell'oceano, anche lo stato della California ha discusso sullo status dei conducenti. Approvato nel 2020, l'Assemblea Bill 5 (AB5) aveva lo scopo di riclassificare gli appaltatori indipendenti come dipendenti. Secondo il disegno di legge, le piattaforme di servizi di ride-hailing e di consegna dovrebbero offrire molteplici vantaggi ai propri autisti. Questo sarebbe costato Uber e Lyft miliardi di dollari e hanno aumentato il costo dei servizi di ride-sharing, rendendoli sempre più inaccessibili rispetto ai taxi tradizionali.

Le piattaforme di servizi di ride-hailing e consegna volevano essere esentate dalla concessione di benefici a livello di lavoratore ai propri lavoratori e minacciavano di sospendere i loro servizi nello stato della California. Ad esempio, costa quasi 2 volte di più prendere un taxi tradizionale da LAX a Hollywood e senza più ride-hailing disponibili, i consumatori rimarrebbero con meno e più costose opzioni.

La proposta 22 è stata inclusa nel ballottaggio elettorale del novembre 2020 e approvata con circa 57% di elettori della California. Questa proposta ha consentito ai conducenti di queste app di mantenere il loro stato indipendente con determinati vantaggi qualificati. Ma il tribunale della California ha recentemente stabilito Proposizione 22 incostituzionale, quindi sembra che la battaglia legale sia tutt'altro che conclusa. È molto probabile che altri stati seguiranno l'esempio della California, il che metterà in pericolo il destino del ride-hailing.

Nel complesso, anche se i servizi di taxi hanno reso la vita più facile ed economica per i consumatori di tutto il mondo, i governi continuano a cedere alle pressioni principalmente delle tradizionali industrie di taxi e introducono regolamenti e restrizioni che potrebbero potenzialmente portare alla sospensione dei servizi di taxi.

I casi del Regno Unito, di Bruxelles e della California discussi in questo blogpost dimostrano un pericoloso precedente per paesi e città di tutto il mondo. Se questa tendenza continua, presto il ride-hailing non sarà più diverso dai servizi tradizionali e l'essenza della sharing economy andrà persa. E, naturalmente, i consumatori sono quelli che dovranno sostenere l'onere della scelta ristretta.

Condividere

Seguire:

Altri post

Iscriviti alla nostra Newsletter

Descrizione