fbpx

Perché Ottawa sta ancora razionando gli sbarchi stranieri nei nostri aeroporti?

Aprire i cieli del Canada aiuterebbe il commercio transfrontaliero, il turismo, gli investimenti ei flussi di conoscenza

La qualificazione della nazionale canadese di calcio maschile ai prossimi Mondiali in Qatar è stata un grande risultato, dato che non ci siamo qualificati per un Mondiale dal 1986. Anche se questo è un grande momento nella storia sportiva del Canada, non sarà facile che i fan vadano in Qatar per sostenere la propria squadra di persona, principalmente a causa di regolamenti obsoleti che chiudono i nostri cieli alla concorrenza delle compagnie aeree internazionali.

Non è strano nel 21° secolo che il numero di voli in arrivo in Canada dalla maggior parte dei paesi stranieri sia ancora interamente determinato dal governo federale. Quel numero, che sembra essere scelto arbitrariamente a seconda del paese in questione, non si basa sulla domanda dei consumatori. In effetti, le compagnie aeree e gli aeroporti svolgono un ruolo nell'assegnazione di quanti voli possono arrivare da un determinato paese solo se il Canada ha un accordo di "cieli aperti" con il paese. Al momento, il Qatar è solo permesso atterrare quattro voli in Canada a settimana. Ovviamente non è l'ideale dato l'aumento (sebbene temporaneo) della domanda di voli da e per il Qatar.

Questa stessa assegnazione arbitraria dei voli si applica a molti altri paesi, tra cui molte destinazioni popolari per il turismo e il commercio. Ad esempio, anche Dubai negli Emirati Arabi Uniti è difficile da raggiungere. Agli Emirati Arabi Uniti sono consentiti solo sette Arrivi a settimana in Canada sia per Emirates che per Etihad Airlines.

Se il Canada aprisse i nostri cieli e accettasse tutti i voli in arrivo che il mercato canadese potrebbe sostenere, AirCanada non sarebbe l'unica opzione di volo per i viaggiatori canadesi e il conseguente aumento della concorrenza molto probabilmente farebbe abbassare i prezzi dei biglietti.

L'apertura dei cieli del Canada aiuterebbe anche a diversificare i luoghi in cui atterrano i voli stranieri. Gli Emirati Arabi Uniti hanno i suoi vettori nazionali che volano principalmente su Toronto, perché con solo sette atterraggi canadesi consentiti a settimana, ha senso dare la priorità a Pearson rispetto alle alternative. Ma se questo limite arbitrario venisse rimosso, i voli potrebbero sia arrivare che partire da altre città canadesi dove la domanda del mercato è abbastanza forte, anche se non così forte come a Toronto.

Queste limitazioni sono in gran parte il motivo per cui il Canada non si posiziona molto bene sulla connettività aerea adattata all'economia. Secondo l'International Air Transport Association (IATA), ci siamo classificati al 32° posto a livello globale, sulla base dei dati pre-pandemici del 2019. Infatti, pur avendo città di livello mondiale come Toronto, Montreal e Vancouver, non abbiamo città nella connettività aerea primi 20.

Cambiare il modo in cui ci avviciniamo ai vettori internazionali dovrebbe essere un gioco da ragazzi, dato l'immenso vantaggio per i consumatori che porterebbe. E cieli aperti non è nemmeno una proposta così radicale: significherebbe trattare tutti i paesi e i loro vettori nazionali nello stesso modo in cui già trattiamo 23 paesi (presto 24 anni con l'aggiunta di India) e gli Stati membri del Unione europea. Per questi paesi, tra cui 10 nei Caraibi, l'accordo sui cieli aperti consente a qualsiasi numero di vettori di operare servizi sia diretti che indiretti tra il Canada e un altro paese, con le compagnie aeree che scelgono le rotte che servono, la frequenza del loro servizio e i prezzi di voli, senza alcuna restrizione. In poche parole, per quei paesi lasciamo che siano il mercato e la domanda dei consumatori a decidere la frequenza dei voli, non il governo federale. Ma se un approccio basato sul mercato è abbastanza buono per 24 paesi più l'Europa, perché non è abbastanza buono per? tutto Paesi? Dovremmo lasciare che sia il mercato a decidere dove vogliono i canadesi viaggiare a, quanto spesso e con quale vettore.

Ma aprire i nostri cieli non sarebbe solo una vittoria per i consumatori canadesi. La crescente connettività aerea con il mondo ha anche vantaggi economici. Secondo IATA, la correlazione storica è che un aumento del 10% della connettività rispetto al PIL di un paese è associato a un aumento della produttività del lavoro dello 0,07%. Non grande spinta ma sicuramente vale la pena avere.

Aprire i nostri cieli aiuterebbe il commercio transfrontaliero, il turismo, gli investimenti ei flussi di conoscenza. Mentre torniamo tutti a viaggiare in un mondo post-pandemico, ora sarebbe un buon momento per il Canada per modernizzare le sue regole e aprire definitivamente i nostri cieli.

Originariamente pubblicato qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scorri verso l'alto