fbpx
Centrale dei commenti

L'analista politico Bill Wirtz afferma che una nuova tecnica di scienza fasulla sta facendo il suo giro in Europa e sta creando un precedente problematico per le prossime innovazioni scientifiche.

Se non hai mai sentito parlare di "pissers al glifosato", allora prendere in mano i giornali francesi ti farà fare una corsa sfrenata. Mentre il dibattito sul glifosato affascina le teste di caccia in Europa – un numero saturo di attivisti al posto degli scienziati – gli ambientalisti francesi hanno fatto un ulteriore passo avanti nel loro assassinio del diserbante.

Dall'aprile 2018, 5.500 agricoltori hanno trovato il glifosato nelle loro urine a livelli superiori alla media consentita nell'acqua potabile, che è di 0,1 na/ml. "Solo tre partecipanti hanno ottenuto punteggi inferiori a questa media", un attivista ambientalista di 66 anni detto il quotidiano francese Libération. Questi attivisti hanno convinto gli agricoltori francesi che potenzialmente potrebbero esserci grandi somme di denaro nel tentativo di citare in giudizio i produttori di pesticidi. Niente potrebbe essere più allettante che cercare di replicare cause legali da un milione di dollari come quelle messe insieme negli Stati Uniti.

Sono state presentate oltre 1.500 denunce di "pisciatori di glifosato" per "aver messo in pericolo la vita di altri", "inganno aggravato" e "danno ambientale".

Poche centinaia di euro, affermano gli ambientalisti che organizzano queste cause, coprirebbero sia i costi dei test di laboratorio "sia la presenza di un ufficiale giudiziario per certificare i risultati", poiché niente urla una ricerca scientifica imparziale più che portare il proprio avvocato in laboratorio. Sul suo sito web, il gruppo di campagna francese “Campagne glyphosate” dice che 100% dei test sono risultati positivi al glifosato. Nessun rischio, cari agricoltori, basta firmare qui.

Se la cifra 100% suona un campanello, allora avresti ragione a sentirti ricordare, come Gil Rivière-Wekstein, direttore del media agricolo francese "agricoltura e ambiente" sottolinea in un editoriale.

Nel giugno 2015, il Partito dei Verdi tedesco ha fatto analizzare 16 campioni di latte materno in Germania, con 100% risultati positivi per il glifosato. La storia era nelle notizie dall'altra parte del Reno, scatenando un'ondata di panico tra le madri che allattavano. Curioso.

Poco dopo, 2000 campioni di urina di cittadini tedeschi sono stati analizzati nell'ambito dell'“Urinale”, una campagna guidata dall'associazione anti-pesticidi Bürgerinitiative Landwende. Questa volta, 99.6% dei risultati sono stati positivi. Così vicino eppure così lontano.

Nel maggio 2016, il gruppo dei Verdi al Parlamento europeo ha fatto analizzare l'urina di 48 eurodeputati (membri del Parlamento europeo), sempre con 100% risultati positivi. Scioccante.

A marzo 2017, 27 campioni di urina sono stati analizzati da madri e bambini danesi, sempre con 100% risultati positivi. Hai capito il succo.

Fortemente coinvolto nei test in corso è un laboratorio di ricerca chiamato BioCheck, con sede in Germania e fondato nel 1997 da Monika Krüger. Madame Krüger è lei stessa un'attivista contro i pesticidi. Non necessariamente la giusta precondizione per un ricercatore solido e obiettivo.

In effetti, i loro risultati sono già stati smentiti. Ricordi i 16 campioni di latte materno che erano contaminati da 100%? L'Istituto federale tedesco per la valutazione dei rischi (BfR) affermato che non c'erano prove di sorta che dimostrassero che i livelli di glifosato nel latte materno fossero superiori ai limiti legali. I due studi indipendenti commissionati dal BhR sono stati messi insieme un articolo per il Journal of Agricultural and Food Chemistry. Hanno utilizzato la cromatografia liquida accoppiata alla spettrometria di massa (LC-MS/MS) o la gascromatografia accoppiata alla spettrometria di massa (GC-MS/MS), processi che sono, secondo l'istituto di valutazione del rischio, 10 volte più affidabili dei normali test per rilevare pesticidi e 75 volte più affidabili di quelli utilizzati da BioCheck. 

BioCheck aveva impiegato il test ELISA per raggiungere le sue conclusioni. Questo test di immunoassorbimento enzimatico è un test che rileva e misura gli anticorpi nel sangue. L'Istituto federale tedesco per la valutazione dei rischi disse che rilevare il glifosato in sé è uno sforzo fondamentalmente complicato e che l'ELISA non è un modo adeguato per trovarlo. Anche Marcel Kuntz, direttore della ricerca presso il CNRS (Centre national de la recherche scientifique) di Grenoble, conferma che l'ELISA non è un test accurato per rilevare i pesticidi.

Questo è probabilmente il motivo per cui BioCheck ha addebitato solo € 75 per i test delle urine. Ottieni sempre ciò per cui paghi.

Titoli come "I risultati del test della pipì con glifosato sono in 'E non è una buona notizia" sono già stati scritti e pubblicati, senza ritrattazione, quindi qual è il grosso problema? Il problema è che stiamo assistendo a una completa perversione del metodo scientifico. 

Con facili colpi, anni di innovazione tecnologica in agricoltura vengono gettati in mare per comodità degli ideologi politici. Sappiamo che il glifosato è sicuro: sfogliando la letteratura scientifica, vediamo che è un erbicida che è sicuro da usare, e necessario per l'agricoltura moderna. Le storie spaventose sui "residui tossici" nel nostro corpo dovrebbero renderci ansiosi e sospettosi, con sfortunato successo. Molti governi stanno cedendo alla pressione e hanno introdotto divieti sui prodotti a spese sia degli agricoltori che dei consumatori.

A questi attivisti non interessa riconsiderare test più esaustivi. Preferirebbero perseguire convinzioni fanatiche non provate per interessi speciali da utilizzare nel mondo delle cause legali. È un peccato.

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su 
consumerchoicecenter.org

Condividere

Seguire:

Altri post

Iscriviti alla nostra Newsletter

Descrizione