fbpx

I regolatori statunitensi lottano con le regole sugli e-liquid aromatizzati

L'industria del vapore continua ad affrontare diverse sfide normative. Uno dei più impegnativi di questi è la battaglia apparentemente senza fine contro i divieti di sapore per gli e-liquid. Come la maggior parte dei vaper ti dirà, i sapori sono fondamentali per impedire agli ex fumatori di tornare alle sigarette combustibili. Tuttavia, i sapori sono anche ciò che molti regolatori del settore e sostenitori dell'anti-vapore dicono che attirano i giovani a provare lo svapo.

Durante Vape Live, una fiera virtuale di tre giorni e un seminario ospitato dall'Irlanda Vapore rivista, aromi e divieti di aromi negli Stati Uniti, il più grande mercato di vapore al mondo, erano argomenti di tendenza. Carlo Infurna Wangüemert, analista del mercato del vapore presso ECigIntelligence, una risorsa di ricerca normativa per l'industria delle sigarette elettroniche e delle alternative al tabacco, ha discusso le recenti tendenze del mercato e i fattori che stanno influenzando il mercato del vapore negli Stati Uniti.

Wangüemert ha affermato che diversi fattori stanno influenzando il mercato statunitense: la paura delle lesioni polmonari associate all'uso di sigarette elettroniche o vaping (EVALI), la pandemia di Covid-19 e le applicazioni pre-market dei prodotti del tabacco (PMTA) della Food and Drug Administration (FDA) statunitense. Ha affermato che il Covid-19 non ha avuto un impatto sulla crescita del mercato tanto quanto sul comportamento dei consumatori.

"Abbiamo assistito a una riduzione delle occasioni di acquisto e a un aumento delle dimensioni dei cestini [durante la crisi del Covid-19]", ha affermato. "Abbiamo anche osservato che i consumatori acquistavano molto prima della crisi per avere scorte sufficienti in caso di lockdown, e ciò potrebbe aver influito anche sul lato dell'offerta, poiché molti negozi indipendenti hanno dovuto chiudere o hanno subito un calo importante delle vendite".

Per quanto riguarda le forniture, Wangüemert vede i PMTA ridurre drasticamente la quantità di varietà sul mercato, poiché molti marchi cercheranno di mantenere le loro offerte il più semplici possibile. Prima del divieto della FDA sui vape pod aromatizzati preriempiti, quei prodotti rappresentavano metà del mercato del vapore negli Stati Uniti. Ora, secondo Wangüemert, c'è un aumento delle sigarette elettroniche usa e getta e dei sistemi di capsule ricaricabili. Ha affermato che ciò ha portato a diverse innovazioni nell'output del sapore, come bobine migliori nei sistemi a pod aperti.

"Fondamentalmente, i produttori di hardware stanno cercando di sviluppare nuove funzionalità e migliorare la funzionalità dei loro dispositivi per renderli piccoli ma abbastanza complessi da coprire tutte le esigenze dei vapers", ha affermato Wangüemert, citando le innovazioni che consentono ai vapers di cambiare temperatura o passare dalla bocca al -lung a direct-to-lung con un solo pulsante come esempio.

I sistemi di capsule ricaricabili sono la tendenza in più rapida crescita nel settore del vapore, secondo i dati di ECigIntelligence. Questo perché offrono una selezione più ampia di e-liquid aromatizzati. Le cialde preriempite, invece, sono in calo perché gli unici aromi disponibili, tabacco e mentolo, generano meno complessità.

"I pod preriempiti... mostrano abbastanza bene come la regolamentazione possa avere un impatto sul mercato", ha affermato. “Questo divieto è pienamente applicato online poiché al momento sono offerti solo questi due gusti. Abbiamo osservato un continuo calo della complessità dei loro sapori. Il tabacco è [ora] probabilmente l'aroma più importante nei baccelli preriempiti.

Anche il mercato statunitense ha visto un'impennata dei livelli di nicotina, causata principalmente dalla crescente popolarità dei sali di nicotina. Wangüemert ha affermato che gli e-liquid a base di sali di nicotina hanno guadagnato terreno negli ultimi tre anni a scapito dei liquidi a base libera. "Tuttavia, è anche interessante sottolineare che la concentrazione media di nicotina dei sali di nicotina sta lentamente diminuendo", ha affermato.

Anche i gusti alla frutta sono in costante aumento nel mercato statunitense, secondo Wangüemert. Ha detto che gli e-liquid alla frutta, i gusti dessert e caramelle consumano tutti le prime 5 posizioni nei gusti per le vendite di e-liquid nel 2020. "Per la categoria frutta, che è principalmente frutti tropicali, principalmente mango, sono quelli che aiutano di più in la crescita di quella categoria ", ha affermato, aggiungendo che anche i gusti delle bevande stanno crescendo rapidamente, con le limonate che stanno registrando una crescita sostanziale. "Questo potrebbe anche essere collegato alla popolarità dei frutti, poiché è probabile che le limonate li contengano", ha spiegato.

Guardando i sapori di tabacco e mentolo, Wangüemert ha spiegato che gli e-liquid contenenti tabacco generalmente hanno il tabacco come sapore principale. Tuttavia, il mentolo è molto più popolare come complemento ad altri sapori, come la frutta.

“Solo il 13 percento dei prodotti che contengono mentolo ha il mentolo come sapore principale. Ma [per] l'altro 87 percento, il mentolo è un complemento o un agente rinfrescante, essendo particolarmente popolare nella categoria della frutta ", ha affermato. “Naturalmente, questo 87 percento di e-liquid che contengono mentolo che non lo hanno come sapore principale sono più soggetti a potenziali divieti rispetto ai gusti solo al mentolo, che sono già stati esclusi. Tuttavia, il nostro sondaggio sui negozi di svapo del 2019 sottolinea che il mentolo e il tabacco rappresentano solo una piccola percentuale dei ricavi dei negozi di svapo, il che significa che i divieti di aromi a livello statale o anche le conseguenze del PMTA potrebbero ridurre fortemente il loro reddito e il mercato dello svapo in generale come l'offerta e la varietà di e-liquid sono state fortemente ridotte.

Parlando anche durante Vape Live, Yael Ossowski, vicedirettore del Consumer Choice Center (CCC), un gruppo di difesa dei consumatori, ha affermato che i divieti di aromi in molti stati degli Stati Uniti hanno avuto un impatto importante sulla crescita del mercato del vapore. Gli stati con severi divieti sui sapori hanno registrato un forte calo, con molti vapers in quegli stati che sono tornati ai prodotti combustibili.

Ciò ha spinto la sua organizzazione a classificare gli stati in base alle normative sullo svapo e all'impatto che tali normative hanno avuto sul mercato del vapore. Il gruppo ha esaminato come tutti i 50 stati hanno affrontato le restrizioni sui sapori, le tasse e se lo stato consentiva le vendite online. Il CCC ha assegnato a ogni stato un numero di punti a seconda di quanti consumatori erano soggetti ai criteri. Gli stati che hanno ottenuto un punteggio compreso tra 0 e 10 punti hanno ricevuto una F, 11-20 punti hanno ricevuto una C e 21-30 punti hanno ricevuto una A.

Gli stati più adatti per lo svapo sono stati colorati in verde sulla tabella corrispondente, mentre gli stati peggiori sono stati colorati in rosso e gli stati intermedi sono stati colorati in giallo. “Per gli stati verdi, abbiamo South Carolina, Georgia; abbiamo Iowa, Virginia, Florida, Texas e Oregon. Noterai, ovviamente, gli stati rossi, i luoghi in cui abbiamo a che fare con divieti parziali di aromi, tasse elevate, restrizioni di spedizione, ce ne sono sei.

Luoghi come la California, New York. Hai il New Jersey, il Massachusetts, il Rhode Island e l'Illinois", ha detto Ossowski. “Ora abbiamo i nostri stati in giallo. Questi sono luoghi che in passato avevano un divieto di sapore, e forse se ne sono sbarazzati, o non è ancora entrato in vigore. Hai delle tasse. Probabilmente è un po' più moderato rispetto a quegli stati rossi. E ha meno restrizioni di spedizione. Le persone possono ordinare i loro prodotti di svapo online.

Uno degli stati peggiori, New York, ha un'aliquota fiscale del 20% sul prezzo al dettaglio. Le vendite online sono vietate e tutti i prodotti aromatizzati, ad eccezione del tabacco e del mentolo, sono vietati. Questi stati, con classifiche basse, sono anche inclini ad altri aspetti negativi per il mercato del vapore, come un mercato nero in crescita, secondo Ossowski.

La California ha anche un divieto in tutto lo stato che dovrebbe entrare in vigore il 1 gennaio 2020. La California ha anche diverse città, come San Francisco, che hanno vietato completamente i prodotti a vapore. Va notato che, in California, i divieti sui sapori in genere si concentrano solo sui prodotti a vapore di nicotina, non sui prodotti a vapore di marijuana. Ciò è particolarmente sconcertante poiché i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno dichiarato che l'allarme per le malattie polmonari EVALI è stato causato dai prodotti a vapore di marijuana del mercato nero, non dai prodotti alla nicotina.

“C'è molto lavoro che è stato fatto da alcuni giovani giornalisti molto intraprendenti che in qualche modo dettagliano tutto con il mercato nero quando si tratta di prodotti aromatizzati da svapare. E questo sta spuntando solo ora a New York”, ha spiegato Ossowski. “Ci potrebbe essere molto di più su questo. Stiamo a vedere. Non c'è la più grande copertura mainstream su questo.

Uno dei motivi principali per cui il CCC ha compilato i dati e classificato gli stati è che il gruppo di consumatori non vuole che altri stati seguano stati come la California e l'Illinois vietando o limitando i prodotti a vapore aromatizzati. Ossowski ha affermato che questi divieti sono dannosi per la salute pubblica.

“È molto pericoloso. E in un certo senso, rendendolo più costoso e spingendo spesso le persone verso il mercato illegale, non solo vedi aumentare il tuo prezzo, ma rendi anche più difficile per le persone acquistare i prodotti che hanno trasferito dal tabacco usare. E abbiamo pensato che avremmo effettivamente salvato le loro vite e migliorato le loro vite. Ma quello che vediamo il più delle volte è che i legislatori rendono le cose più difficili", ha detto. “Rendono tutto più difficile e in realtà mettono barriere molto più ingombranti in modo che tu e io non possiamo accedere a quei prodotti. Dobbiamo davvero concentrarci sulle leggi, sulle politiche, sugli studi, per capire chi sono i campioni legislativi a cui possiamo rivolgerci nelle legislature statali o nella burocrazia federale per essere in grado di garantire che abbiamo leggi migliori che consentano danni riduzione, che ci consentirà di continuare ad avere prodotti per lo svapo in vendita.

Originariamente pubblicato qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Aggiungi elemento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Descrizione