fbpx

Twitter Ban dimostra che il libero mercato funziona

L'epurazione conservatrice della grande tecnologia porterà a regolamenti più severi.

All'inizio di questo mese, Twitter ha vietato l'account personale di Donald J. Trump (@realdonaldtrump) e allo stesso tempo ha limitato l'account ufficiale della Casa Bianca, impedendo al Presidente degli Stati Uniti di comunicare direttamente con la nazione e i suoi elettori sulla piattaforma. 

Per molti conservatori, la mossa di bandire Trump da Twitter dopo i disordini del Campidoglio del 7 gennaio, è stata un assalto alla libertà di parola e da allora molti leader in tutto il mondo hanno anche condannato il modo in cui Twitter ha gestito la situazione. 

La cancelliera tedesca Angela Merkel è stata critica nei confronti di Twitter per aver bloccato l'account del presidente Donald Trump, considerando il divieto una minaccia alla libertà di parola. Il commissario europeo Thierry Breton ha visto la decisione di Twitter come una rottura totale con il passato, definendola "il momento dell'11 settembre dei social media" in un editoriale pubblicato da Politico. Il primo ministro australiano ad interim Michael McCormack ha affermato che bloccare Trump equivale a censura. E il sottosegretario francese per gli affari dell'Unione europea, Clement Beaune, ha detto a Bloomberg che "questo dovrebbe essere deciso dai cittadini, non da un amministratore delegato".

Altre piattaforme di social media come Facebook, Instagram, Snapchat, TikTok e YouTube hanno seguito l'esempio di Twitter e ora Trump è bandito praticamente da tutte le principali piattaforme là fuori, per lo più a tempo indeterminato. Coloro che approvano il ban di Twitter di Donald Trump e l'epurazione di migliaia di account conservatori sulla piattaforma, amano invocare il mantra che se i conservatori pensano di essere stati "chiusi", dovrebbero anche trovare conforto nel fatto che il libero mercato fornirà un'alternativa e la concorrenza. Tuttavia, non è così semplice.

Le piattaforme di social media godono di un grande privilegio che non molte altre aziende o settori hanno. Stabiliscono le proprie regole in base ai loro Termini di servizio e hanno il controllo totale delle loro piattaforme. Questo potere estremo rende difficile per gli utenti e le aziende che ritengono di essere stati trattati ingiustamente avere una diligente revisione del giusto processo delle loro richieste. Senza un posto dove andare per far sentire la propria voce, un'ultima linea di difesa è ancora in piedi e più forte che mai: il mercato.

Dopo il divieto degli account di Donald Trump, che contava oltre 80 milioni di follower su Twitter, alcuni consumatori hanno iniziato ad abbandonare le piattaforme e i servizi di social media che, secondo loro, censurano e prendono di mira i discorsi conservatori. Molti resoconti politici ben noti, come ad esempio James Woods riferito perso 7 mila follower in 48 ore e il Fondazione Patrimonio, un think tank conservatore, ha perso 45.000 follower. Conti politici ancora più centristi come Dave Rubini riportato un calo di oltre 35 mila follower su Twitter. Anche i legislatori repubblicani hanno perso migliaia di seguaci. Secondo USA Today, circa 42% degli account - 213 - avevano meno follower il 13 gennaio rispetto al 6 gennaio. La stragrande maggioranza di quegli account - 200 - apparteneva a repubblicani. Di conseguenza, la settimana successiva, le azioni di Twitter sono crollate di oltre 10%. Facebook è sceso di 4% a $256,84, le azioni Alphabet sono scese di 2,2% a $1.766,72 e le azioni Amazon sono scese di 2,2%, a $3.114,21.

Il mercato ha reagito in questo modo perché le grandi aziende tecnologiche stanno alienando gli utenti escludendo direttamente gli account e perché le persone stanno semplicemente abbandonando le piattaforme tutte insieme per alternative come Gab e RomboParler era un'alternativa popolare per Twitter, ma è stata cancellata da Internet la scorsa settimana dopo che sia Apple che Google hanno rimosso l'app dai loro negozi e Amazon ha deciso non ospitare il sito Web sui propri server AWS. 

La maggior parte delle piattaforme di social media odierne sono gratuite perché raccolgono dati sui propri utenti ogni giorno, dalla posizione alle ricerche sul sito Web, persino rilevando le impronte digitali su tutti i dispositivi. Queste informazioni vengono vendute agli inserzionisti che soddisfano i tuoi interessi. Come abbiamo scritto, questa pratica è sia innovativa che aiuta a supportare le reti di social media che utilizziamo. Tuttavia, il modello di business non è sostenibile se le aziende tecnologiche non sono in grado di raccogliere informazioni aggiornate sui propri utenti o, peggio, se i consumatori che gli inserzionisti stanno cercando di raggiungere non sono più sulle loro piattaforme. 

Il CEO di Twitter Jack Dorsey, la cui quota della società è aumentata di più questa settimana, sembra averlo capito nel modo più duro. La sua strategia potrebbe aver avuto un contraccolpo poiché ora milioni di consumatori conservatori sono su Internet, senza casa e alla disperata ricerca di un nuovo posto dove essere ascoltati e parlare liberamente. Lui riconosciuto la scorsa settimana che bandire Trump da Twitter "crea un precedente che ritengo pericoloso: il potere che un individuo o una società ha su una parte della conversazione pubblica globale".

Le aziende tecnologiche dovrebbero essere consapevoli del fatto che, anche se ora godono di una posizione privilegiata, questa potrebbe non durare a lungo. La Commissione europea, ad esempio, ha presentato due proposte che porrebbero maggiori restrizioni ai giganti digitali. Il primo è il Digital Markets Act, il fulcro dei piani digitali europei volti a rafforzare la concorrenza online in un mondo dominato dalla Silicon Valley. Il secondo è il Digital Services Act volto a limitare la diffusione di contenuti e merci illegali online, responsabilizzando le piattaforme online della diffusione di tali contenuti. Altri paesi potrebbero anche tentare di regolamentare i servizi digitali in un modo che sarebbe pregiudizievole per le aziende tecnologiche e, soprattutto, per la scelta dei consumatori. La Polonia, ad esempio, piani rendere illegale la censura degli account sui social media: “gli algoritmi o i proprietari di giganti aziendali non dovrebbero decidere quali opinioni sono giuste e quali no”, ha scritto la settimana scorsa il primo ministro Mateusz Morawiecki su Facebook.

Per ora, un mercato libero è ancora il modo più potente in cui i consumatori possono avere voce in capitolo e rendere chiare le proprie scelte. Questo potrebbe cambiare in futuro, ma è confortante sapere che anche quando i governi falliscono, i consumatori e le aziende private possono contare sul potere della domanda e dell'offerta. E se me lo chiedi, non lo cambierei con nient'altro.

Seguimi su Twitter LinkedIn


Originariamente pubblicato qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Aggiungi elemento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Descrizione