fbpx

Il "divieto di plastica" di Trudeau non aiuterà l'ambiente. Potrebbe invece danneggiarlo

Opinione: le alternative hanno un impatto totale significativamente più elevato sull'ambiente, mentre gonfiano i costi per i consumatori

Di Davide Clemente

Questa settimana, il primo ministro Justin Trudeau ha annunciato che il suo governo cercherà di vietare molte materie plastiche monouso a partire dal 2021. Sebbene l'elenco finale degli articoli vietati sia ancora indeterminato, probabilmente includerà sacchetti di plastica, contenitori da asporto, posate e cannucce. Per giustificare ulteriormente il divieto, il ministro dell'Ambiente Catherine McKenna ha citato immagini di fauna marina ferita o uccisa a causa della plastica nei nostri oceani.

È un tono a cui è difficile resistere. Nessuno vuole contribuire alle morti marine a causa della plastica e alla maggior parte di noi non piace l'idea che gli oggetti di plastica impieghino più di 1.000 anni per decomporsi nelle discariche. Queste preoccupazioni derivano in ultima analisi dalle preoccupazioni per il cambiamento climatico e dai problemi ambientali che potrebbero sorgere di conseguenza.

Sfortunatamente per chi è attento all'ambiente, il divieto della plastica monouso non fa quasi nulla per il problema dell'impatto della plastica sulla vita marina oceanica e fa molto poco in termini di impatto ambientale. I canadesi non sono inquinatori significativi quando si tratta di rifiuti marini. Fino al 95% di tutta la plastica trovata negli oceani del mondo proviene da soli 10 fiumi di origine, che si trovano tutti nei paesi in via di sviluppo.

William Watson: Dopo aver vietato la plastica usa e getta, Trudeau potrebbe essere un primo ministro usa e getta
Il contraccolpo in rapida crescita nei confronti della plastica ha preoccupato le compagnie petrolifere
Terence Corcoran: Come gli attivisti verdi ci hanno manipolato in un'inutile guerra alla plastica
Il Canada, in media, contribuisce con meno di 0,01 tonnellate (milioni di tonnellate metriche) di rifiuti di plastica mal gestiti. Al contrario, paesi come l'Indonesia e le Filippine contribuiscono per il 10,1% e il 5,9% alla plastica mondiale mal gestita, che è oltre 300 volte il contributo del Canada. La Cina, il più grande inquinatore di plastica al mondo, rappresenta il 27,7% della plastica mal gestita al mondo. Il Canada, rispetto a paesi europei come Inghilterra, Spagna, Italia, Portogallo e Francia, contribuisce in realtà quattro volte meno alla plastica mal gestita. Gli unici paesi europei alla pari con il Canada sono Svezia, Norvegia e Finlandia, significativamente più piccoli. Un divieto sulla plastica potrebbe sembrare produttivo in termini di inquinamento da plastica, ma le prove non suggeriscono che il Canada sia in realtà un contributore significativo per la plastica mal gestita, il che significa che un divieto canadese farà ben poco per aiutare la vita marina colpita in modo devastante dall'inquinamento da plastica.

Tuttavia, i sostenitori diranno che dovremmo ancora sostenere il divieto sulla base del tentativo di frenare il cambiamento climatico. Sebbene nobile, vietare la plastica non equivale necessariamente a migliori risultati ambientali. Infatti, alcuni prodotti alternativi, sebbene etichettati come alternative ecologiche, hanno un impatto ambientale totale significativamente più elevato una volta che il processo di produzione è stato preso in considerazione.

Prendiamo ad esempio i sacchetti di plastica, che sono il nemico pubblico numero uno. Il pensiero convenzionale suggerisce che vietare i sacchetti di plastica monouso farà sì che le persone utilizzino sacchetti riutilizzabili e che questa riduzione dell'uso della plastica avrà un impatto positivo sull'ambiente. La ricerca del Ministero dell'Ambiente danese ha effettivamente sfidato questa saggezza convenzionale quando ha cercato di confrontare l'impatto totale dei sacchetti di plastica con le loro controparti riutilizzabili. I danesi hanno scoperto che le alternative ai sacchetti di plastica comportavano significative esternalità negative. Ad esempio, le comuni sostituzioni dei sacchetti di carta dovevano essere riutilizzate 43 volte per avere lo stesso impatto totale di un sacchetto di plastica. Quando si trattava di alternative al cotone, i numeri erano ancora più alti. Un'alternativa al sacchetto di cotone convenzionale doveva essere riutilizzata oltre 7.100 volte per eguagliare un sacchetto di plastica, mentre un sacchetto di cotone organico doveva essere riutilizzato oltre 20.000 volte. Sappiamo dai modelli di utilizzo dei consumatori che la probabilità che le alternative di carta o cotone vengano utilizzate in questo modo è incredibilmente improbabile. Questi risultati sono stati ampiamente confermati anche dalla valutazione del ciclo di vita del governo del Regno Unito, che ha concluso che queste alternative hanno un impatto totale significativamente più elevato sull'ambiente.

Sebbene i canadesi possano sostenere l'idea di un divieto sulla plastica, non vogliono pagare per questo. Uno studio della Dalhousie University ci ha mostrato che l'89% dei canadesi è a favore della legislazione per limitare la plastica. Tuttavia, lo stesso studio ha anche mostrato che l'83% dei canadesi non era disposto a pagare prezzi più alti del 2,5% per le merci a causa delle normative sulla plastica. Ciò crea un problema significativo per il divieto di Trudeau, perché i prezzi più alti sono esattamente ciò che vedremmo.

Ci sono soluzioni semplici a nostra disposizione che non comportano divieti pesanti. Innanzitutto, potremmo concentrarci più rigorosamente sulla limitazione del modo in cui la plastica finisce nei nostri fiumi, laghi e torrenti. Migliori programmi di riciclaggio e divieti più severi sull'abbandono dei rifiuti potrebbero fare molto per ridurre la plastica che il Canada contribuisce. Per quei prodotti monouso che altrimenti finiscono nelle discariche, potremmo seguire l'esempio della Svezia e incenerire quei rifiuti. In questo modo si crea una fonte di energia per le comunità locali, mentre si catturano le tossine presenti nell'aria, si limita il deflusso tossico e si riduce significativamente il volume dei rifiuti.

Una buona politica pubblica dovrebbe affrontare un problema reale e dovrebbe avere un impatto significativo su tale problema. Sfortunatamente, il divieto della plastica monouso proposto da Trudeau avrebbe un impatto minimo o nullo sui rifiuti oceanici complessivi, promuovendo al contempo alternative ad alto impatto e aumentando i costi per i consumatori. Tutti e tre questi presi insieme creano un mix di politiche abbastanza tossico.

David Clement è il responsabile degli affari nordamericani presso il Consumer Choice Center.

Leggi di più qui

1 commento su “Trudeau’s ‘plastic ban’ won’t help the environment. It could actually harm it instead

  1. Mirko Macalik ha detto:

    David, your article is well written and supported by facts.
    The political frenzy of banning single-use plastics somehow ignores the advances in recycling plastics of different chemistry even when soiled. Plastics recycling and re-processing into pellets and new products has become economically and environmental viable, profitable and beneficial.
    The EU’s sudden resistance to innovation is surprising.
    Mirko

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Aggiungi elemento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Descrizione