fbpx

Uno dei nuovi movimenti più entusiasmanti, secondo me, negli ultimi tempi è stato lo sviluppo del marchio progressivo "woke".

I marchi si stanno ora trasformando in attori socialmente responsabili che sostengono il tuo diritto alla protesta, vogliono affrontare la mascolinità tossica e vogliono creare prelibatezze vegane per la generazione attenta al benessere degli animali. Per i progressisti millenari, molto probabilmente si scaglieranno contro i vantaggi della libera impresa - il mercato fornisce.

Ciò è molto evidente nella crescita dell'industria della moda sostenibile. Le campagne cariche di emozioni di gruppi come PETA hanno detto al consumatore che l'acquisto di prodotti animali è un enorme contraccolpo per la conservazione degli animali. Il mondo sta diventando più eticamente consapevole, in particolare per quanto riguarda l'ambiente, e questa è una grande cosa. Personalmente, non comprerei un prodotto in pelliccia e cercherei di mantenere il mio consumo di carne relativamente basso, come fanno molte persone della mia età. Ed è per questo che le alternative come la pelliccia sintetica sono diventate famose. Detto questo, c'è un lato oscuro nell'industria della pelliccia sintetica che richiede una seconda occhiata.

Non solo l'industria della finta moda danneggia le comunità indigene, ma pretende di compiere passi importanti nella conservazione degli animali danneggiando l'ambiente producendo emissioni di gas serra più elevate rispetto a qualsiasi altro prodotto di moda. I prodotti naturali sono biodegradabili e non utilizzano petrolio nella produzione, a differenza dei prodotti in pelliccia sintetica. La deputata laburista Mary Creagh, che ha recentemente condotto un'inchiesta parlamentare sulla moda sostenibile, ha osservato che la pelliccia finta è quasi impossibile da riciclare e in molti casi il consumatore eticamente consapevole sta effettivamente avendo un effetto negativo sul pianeta. Mentre moralmente, la pelliccia sintetica può essere la scommessa migliore per il consumatore della nuova era: la loro produzione contribuisce in modo significativo all'aumento delle emissioni di gas serra.

La PETA (famosa per il barbecue di cani) dovrebbe dedicare più tempo a rendere più trasparente il lato oscuro dell'industria della moda vegana. In effetti, quando si tratta di conservazione degli animali, c'è qualcosa da dire per regolare adeguatamente l'industria della moda piuttosto che boicottarla. Ad esempio, vari programmi garantiscono che la produzione di materiali di origine animale aderisca agli standard ambientali e migliori effettivamente il benessere degli animali. Garantendo un commercio etico e ben regolamentato con le popolazioni indigene che fanno affidamento sul mercato della moda di base, le incoraggiamo a mantenere gli animali sani come linfa vitale delle loro comunità: sono molto consapevoli degli svantaggi di danneggiare gli animali.

Il programma di conservazione WelFur, ad esempio, è stato istituito da una serie di università con sede nell'UE specializzate in scienze e conservazione degli animali, insieme all'industria delle pellicce, e ha istituito un sistema affidabile di valutazione del benessere degli animali negli allevamenti basato su misure scientificamente provate e terze parti indipendenti valutazioni. L'impegno di WelFur per la conservazione degli animali dimostra che l'industria ha ancora molta strada da fare, ma sta imparando.

Tuttavia gli argomenti non provengono solo da uno spettro politico. 'The Independent', così impegnato per il benessere degli animali da aver pubblicato notizie false che suggerivano che il Partito conservatore avesse messo fuori legge il concetto stesso di sensibilità animale, ha recentemente pubblicato un articolo in cui osservava che l'industria della moda sta chiudendo un occhio sull'insostenibilità del finto pelliccia. In effetti, ci sono prove che la produzione di pellicce produce più emissioni di gas serra rispetto a qualsiasi altro articolo di moda, secondo Lucy Spiegle della sezione "Vita verde ed etica" del Guardian. Certamente, il lato oscuro dell'industria della moda vegana significa che non può essere un mondo avanti per gli ambientalisti, poiché i marchi non stanno esattamente abbandonando completamente la pelliccia, ma sostituendola con sontuosi prodotti finti.

Ovviamente, se ci tieni al benessere degli animali e all'ambiente, ci sono importanti implicazioni etiche legate all'acquisto di prodotti naturali. È molto eccitante che il mercato si stia adattando per tenere conto delle priorità della prossima generazione e eventi come la Helsinki Fashion Week hanno perfettamente il diritto di vietare i prodotti in pelliccia.

Come sempre, però, è estremamente importante che il consumatore abbia accesso a informazioni sufficienti per fare una scelta informata, ed è semplicemente falso che il mercato delle pellicce sintetiche abbia le risposte che tutti gli attivisti per la conservazione stavano cercando.

di Matt Gillow

Originariamente pubblicato qui

Condividere

Seguire:

Altri post

Iscriviti alla nostra Newsletter

Descrizione