fbpx
Forum delle donne indipendenti

Che si tratti di tasse peccaminose, divieti di approvvigionamento di vaccini o vari divieti di marketing, l'obiettivo alla base di tali interventi è impedire ai consumatori di fare determinate scelte e diventare capro espiatorio dal lato dell'offerta.

La pandemia ha intensificato la ricerca da parte di alcuni governi di un controllo ancora maggiore sulle nostre vite e l'accesso ai vaccini è stato utilizzato come strumento per vendicarsi delle imprese viste come una minaccia per la salute pubblica. Un'odiosa bozza di divieto di approvvigionamento di vaccini nel settore privato nelle Filippine è un ottimo esempio di quanto lontano possano spingersi i politici se autorizzati a portare avanti la loro agenda paternalistica.

Il divieto proposto stati che la Task Force nazionale filippina (NFT) e il Dipartimento della salute (DOH) esaminerebbero tutte le richieste delle società private che desiderano acquistare vaccini e garantire che queste attività non siano "correlate all'industria del tabacco, prodotti coperti dal Codice nazionale di commercializzazione di sostituti del latte materno, integratori per il latte materno e altri prodotti correlati o altri prodotti in conflitto con la salute pubblica”.

Sebbene fortunatamente il divieto sia stato alla fine abbandonato dal governo filippino, il fatto che idee del genere abbiano un posto in un mondo paralizzato dalla pandemia è allarmante. Il lancio dei vaccini ci ha dato la possibilità di rivitalizzare la prosperità globale e i tentativi di bloccare questi sforzi incanalando lo stato bambinaia mettono in pericolo il nostro benessere globale. Al 31 marzo, solo 0,67% di filippini lo erano vaccinato rispetto a 60.60% in Israele. Il paternalismo non etico che sta alla base della proposta di divieto del governo filippino avrebbe rallentato ancora di più l'introduzione del vaccino.

Che si tratti di tasse peccaminose, divieti di approvvigionamento di vaccini o vari divieti di marketing, l'obiettivo alla base di tali interventi è impedire ai consumatori di fare determinate scelte e diventare capro espiatorio dal lato dell'offerta. Inoltre, il più delle volte, l'origine di queste restrizioni può essere fatta risalire alle raccomandazioni dell'Organizzazione Mondiale della Sanità.

Il suddetto divieto lo dimostra in modo molto esplicito: ha preso di mira i sostituti del latte materno per un motivo. Nell'agosto 2020, Francisco Tiongson Duque III, segretario alla salute delle Filippine, ha invitato le donne filippine con sospetto e/o confermato COVID-19 a continuare ad allattare. La retorica del segretario rispecchia quella dell'OMS e dell'UNICEF, che ne hanno sottolineato l'importanza residuo impegnata nell'allattamento al seno esclusivo anche durante la pandemia.

La caccia alle streghe dell'OMS sui sostituti del latte materno non è affatto nuova. Nel marzo 2020, insieme all'UNICEF e all'International Baby Food Action Network (IBFAN), l'OMS ha esortato i paesi a vietare la promozione dei sostituti del latte materno, compresa la pubblicità e la distribuzione di campioni gratuiti, spingendo anche le donne a continuare ad allattare.

In un pezzo che ho scritto l'anno scorso, I discusso che, mentre l'OMS merita elogi per aver attirato l'attenzione sull'importante questione dell'allattamento al seno, fare pressioni sulle donne affinché continuino ad allattare al seno durante la pandemia di COVID-19 e allo stesso tempo negando loro informazioni sulle alternative è disumano. Le nostre libertà di stile di vita sono fragili e quindi facili bersagli per l'OMS e interventi simili.

Non è compito del governo decidere come allattare al seno, e nemmeno impedire alle aziende che semplicemente non amano di ricevere il vaccino contro il COVID. Il progetto di divieto delle Filippine è una lezione su quanto lontano può arrivare lo stato bambinaia. Mentre avanziamo, è fondamentale ricordare che se non fosse stato per l'OMS che copre le bugie della Cina sulla pandemia, non passeremmo le nostre giornate in isolamento e migliaia di morti sarebbero state evitate. In quanto tale, l'OMS non è certo la migliore fonte di consigli sull'allattamento al seno e sulle libertà di stile di vita.

Originariamente pubblicato qui.

Condividere

Seguire:

Altri post

Iscriviti alla nostra Newsletter

Descrizione