fbpx

L'oscura confusione delle Nazioni Unite che cerca di tagliare fuori il mondo dallo svapo e dalla riduzione del danno

Mentre l'attenzione più popolare di questo mese è stata sulle discussioni vitali alla Conferenza sui cambiamenti climatici COP26 delle Nazioni Unite a Glasgow, c'è una conferenza delle Nazioni Unite altrettanto importante in corso a Ginevra che contempla anche il destino di milioni di vite.

Ci sono anche domande sull'importanza della scienza, sul ruolo degli attivisti e dell'industria, e su come l'umanità possa dimenticare un percorso migliore basato su accordi comuni da attuare in ogni paese.

Quest'anno il Convenzione quadro sul controllo del tabacco, un oscuro trattato dell'Organizzazione mondiale della sanità dedicato allo sradicamento dell'uso del tabacco, sta avendo la sua nona iterazione, nota come COP9 in Svizzera.

A questa conferenza, le delegazioni dei membri 168 - così come un gruppo ristretto di sostenitori del controllo del tabacco - partecipano a discussioni e dibattiti per forgiare standard globali su tassazione, restrizioni e regole sui prodotti del tabacco.

Anche se nessuno si opporrebbe a questi obiettivi, la conferenza minaccia di mettere in gioco una delle più grandi vittorie di salute pubblica della memoria recente: la riduzione del danno da tabacco grazie a tecnologie innovative.

Anche se ben documentato prova scientifica sul potenziale salvavita dei fumatori che passano a dispositivi di svapo meno dannosi è chiaro e innegabile, è un fatto scientifico che viene ignorato o negato durante l'evento.

Come ho scoperto nei miei due viaggi all'evento COP FCTC, una delle conclusioni più dogmatiche degli organizzatori dell'evento è che considerano i dispositivi per lo svapo di nicotina, ciò che etichettano i sistemi elettronici di consegna della nicotina (o ENDS), come normali prodotti del tabacco che dovrebbero essere tassati duramente , regolamentato e infine sradicato del tutto dal mercato.

È questa sfumatura - che le tecnologie alternative per la riduzione del danno come lo svapo o i dispositivi heat-not-burn rappresentano la stessa minaccia delle sigarette tradizionali - che anima così attivisti, ex fumatori e alcuni funzionari sanitari che criticano la FCTC e le sue procedure. Per non parlare della missione annuale di diverse delegazioni in escludere completamente giornalisti e media da nessuno dei dibattiti.

Considerando che molti paesi rappresentati hanno politiche abbracciate che elevano la riduzione del danno e l'accettazione dello svapo a casa, inclusi Regno Unito, Canada, Francia e Nuova Zelanda, è forse molto frustrante che questa sfumatura venga fermata alla porta e ribadita dai potenti mediatori della COP.

Ciò che rende COP9 FCTC diverso dal suo cugino sul cambiamento climatico è il ruolo elevato delle lobby della salute pubblica e dei gruppi di difesa durante il procedimento.

Gruppi come la Campagna per i ragazzi senza tabacco, la Rete europea per la prevenzione del fumo e del tabacco e l'Alleanza della Convenzione quadro per il controllo del tabacco sono i riconosciuto ONG che sono in grado di intervenire in parti delle discussioni e aiutare a stabilire l'agenda.

Il miliardario Michael Bloomberg ha promesso milioni direttamente a queste organizzazioni ed entità simili, con la speranza che qualsiasi prodotto correlato al tabacco- compresi i dispositivi di svapo - sono regolamentati, limitati e vietati. Non sorprende, quindi, che qualsiasi tentativo di riconoscere il potenziale salvavita dei dispositivi di svapo venga bloccato immediatamente.

Questi gruppi di pressione hanno regolarmente catturato corrompere e finanziare vari organismi politici nei paesi in via di sviluppo con l'obiettivo di limitare e vietare i dispositivi di svapo.

Inoltre, spesso fanno il prepotente e svergognano le delegazioni se non adottano un atteggiamento rigorosamente proibizionista sulle alternative al tabacco come lo svapo, premiando paesi come le Filippine, l'Honduras o il Guatemala con "Posacenere sporcopremi per “aver insistito su emendamenti con formulazioni inutili e spesso confuse” o per aver richiesto “ulteriori discussioni” su vari emendamenti.

La delegazione filippina, nella loro dichiarazione video per aprire la conferenza, ha affermato che era importante riconoscere i dispositivi di svapo e "i prodotti che offrono una soddisfazione simile ma con molto meno danni".

Il riconoscimento di questo fatto - e del potenziale per salvare la vita di milioni di fumatori - da parte delle delegazioni alla COP9 della FCTC è realisticamente la questione più urgente che dovrebbe essere affrontata. È quello che milioni di vapers, che hanno aggiunto anni alla loro vita abbandonando il tabacco, avrebbero dovuto rappresentare in un organismo internazionale.

Tuttavia, resta da vedere se le delegazioni comprenderanno questo punto chiave e se abbracceranno la scienza piuttosto che l'ideologia proibizionista.

Originariamente pubblicato qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Aggiungi elemento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Descrizione