fbpx

prohibition

Il divieto di alcol in Nigeria è un attacco alla libertà dei consumatori, proprietari di piccole imprese

Il divieto della Nigeria sull'alcol ha recentemente fatto il giro Nelle news sui media locali. L'annuncio divulgato in una dichiarazione dal direttore generale dell'Agenzia nazionale per l'amministrazione e il controllo degli alimenti e dei farmaci (NAFDAC), Prof. Christianah Mojisola Adeyeye, ha affermato che il governo federale aveva emanato direttive volte a eliminare gradualmente la vendita e il consumo di alcol in bustine e bottiglie di polietilene tereftalato (PET). Ciò significa che l'agenzia di regolamentazione non registrerà più nuovi prodotti in bustine e PET di piccolo volume o bottiglie di vetro superiori al 30% di alcol in volume (ABV) e ha anche incaricato le aziende di alcolici di ridurre la produzione di almeno 50% a partire dal 31 gennaio 2020 Questo articolo evidenzia l'effetto del divieto sui piccoli imprenditori e la limitazione alla libertà di scelta del consumatore. 

Questo divieto parziale di alcol sembra essere rivolto solo a un gruppo specifico di persone: i redditi bassi. I consumatori dominanti di alcolici in bustine e bottigliette sono a basso reddito, proprio come i rivenditori predominanti di alcolici in questa confezione sono piccole imprese che possiedono piccoli chioschi o addirittura vendono le loro merci. In effetti, il motivo per cui le grandi aziende spesso scelgono la strada della vendita di alcolici in bustine e piccole confezioni è perché questo è l'unico modo in cui i redditi bassi possono permetterseli. Bloccare questo accesso significa infatti cancellare la fine di un mercato. Questo approccio proibizionista impedisce di fatto a molti lavoratori a basso reddito di partecipare al mercato degli alcolici. È probabile che ciò induca le persone economicamente svantaggiate ad acquistare alcolici in eccesso rispetto a quanto le loro finanze normalmente consentono, poiché le opzioni convenienti vengono ritirate dal mercato. Essenzialmente segnala ai lavoratori a basso reddito di acquistare più alcol poiché l'unica opzione rimasta è quella di acquistare alcolici in confezioni più grandi. Inoltre, rendendo illegale la vendita di alcol in bustine, esiste anche la possibilità che alcuni individui approfittino della domanda di alcol in bustine suddividendo illegalmente l'alcol in bustine e altri contenitori più piccoli in condizioni potenzialmente non igieniche.

Al di là del soffocamento delle attività economiche alla base della piramide, un divieto totale contrasta con la libertà di scelta dei consumatori e l'importanza dei mercati, questo è un altro esempio del coinvolgimento generale del governo nigeriano nelle scelte dei nigeriani. L'agenzia aveva evidenziato che l'accesso incontrollato e la disponibilità di alcol ad alta concentrazione contribuiscono alla transizione dell'abuso di sostanze e alcol in Nigeria in un impatto negativo sulla società. Uno dei migliori approcci per frenare l'uso di sostanze è stato utilizzato nell'industria del tabacco. Senza vietarne l'uso, i membri del pubblico vengono informati delle conseguenze dell'uso del tabacco e possono prendere le proprie decisioni. 


Il governo nigeriano è diventato sempre più eccessivo nelle sue responsabilità togliendo decisioni che idealmente dovrebbero essere lasciate ai consumatori. Di solito, quando un gruppo di persone prende decisioni per altri, lo fa con il proprio pregiudizio e senza molta conoscenza delle motivazioni degli eventuali consumatori. La verità è che i consumatori sono generalmente consapevoli dei rischi e dei benefici associati ai prodotti che utilizzano prima del consumo. Tuttavia, l'approccio più ideale dovrebbe essere quello di rendere pubblicamente disponibili tutte le nuove informazioni su determinati prodotti in modo che i consumatori possano disporre di maggiori informazioni che possano aiutarli a prendere decisioni informate. A causa dell'assenza di un prodotto perfetto, i consumatori spesso giustappongono sempre i rischi ei benefici associati a ciascun prodotto che consumano con le alternative disponibili. Mentre alcune persone accetteranno determinati rischi, altre sono meno propense a farlo o possono semplicemente scegliere rischi preferibili. Vietare i prodotti riduce le alternative per gli utenti, limitando le soluzioni disponibili ai loro problemi poiché chiunque acquisti un articolo cerca di risolvere un problema importante.

Vietare la vendita di alcolici e istruire le aziende a ridurre deliberatamente la loro produzione al di sotto delle loro capacità e operare con un'efficienza del 50% indipendentemente dalla domanda del mercato è dannoso per l'economia. È anche un affronto diretto alle libertà che i consumatori dovrebbero avere in un mercato aperto. 

Descrizione