fbpx

gavin newson

Come previsto, le regole sul lavoro della Gig Economy della California stanno già fallendo

A settembre, lo stato della California ha approvato l'AB5, la legge che impone a tutte le aziende che utilizzano lavoratori a contratto nello stato di trattarli come dipendenti.

Gli attivisti sindacali e i sindacati hanno insistito sul fatto che questa legge fosse necessaria per fornire sicurezza e stabilità alle migliaia di appaltatori e lavoratori della gig economy in tutto lo stato.

Al momento, abbiamo avvertito sarebbe molto dannoso sia per i consumatori che per gli appaltatori. I nostri commenti sono stati presentati in a Articolo mashable, così come ospitato sul nostro sito web. Ora, sembra che sia andata a buon fine, sfortunatamente.

A causa delle normative più severe sulle società con sede nello stato, vari media hanno annunciato licenzierebbero migliaia di freelance e lavoratori a contratto che non possono più permettersi di assumere.

In particolare, Vox Media, che ha definito la legge un “vittoria per i lavoratori di tutto il mondo“, ha annunciato che lo era modi di separazione con tutti i suoi liberi professionisti con sede in California.

I licenziamenti sono, ovviamente, sfortunati. Nessuno sostiene licenziamenti ampi e sistematici, e certamente non nei mezzi di informazione, un'industria vitale per la nostra democrazia. Ma le tendenze economiche nel giornalismo sono negative da diversi anni.

Tuttavia, allo stesso tempo, è importante notare che questo tipo di leggi, quelle che sembrano le più ben intenzionate, in realtà finiscono per avere effetti molto dannosi.

Questa è una lezione per praticamente ogni atto legislativo e perché continueremo ad essere attivi presso il Consumer Choice Center. Le leggi hanno conseguenze molto reali e hanno un impatto sulla vita delle persone.

Speriamo che la California possa ripulire la sua azione e consentire a liberi professionisti e appaltatori di guadagnarsi da vivere senza troppe interferenze.

Descrizione