fbpx

Facebook

Le udienze della tecnologia antitrust scavano per danni ai consumatori ma non sono sufficienti

Armati di mascherine e nuovi reclami dei clienti, i membri della sottocommissione della Camera per il diritto antitrust, commerciale e amministrativo convocato sia virtualmente che di persona giovedì, per la prima di molte audizioni sulla concorrenza nel settore tecnologico.

È stata una maratona di sei ore di giri di parole legali gobbledygook e risoluzione dei problemi inclini all'elettricità statica per i legislatori.

I testimoni erano amministratori delegati di alcune delle quattro più grandi aziende americane: Jeff Bezos di Amazon, Mark Zuckerberg di Facebook, Tim Cook di Apple e Sundar Pichai di Google.

Insieme, queste aziende servono miliardi di consumatori globali per una varietà di esigenze e in questo modo sono diventate molto ricche. Impiegano milioni di persone, costituiscono grandi porzioni dell'economia americana e sono stati i pionieri dell'innovazione praticamente in ogni nazione libera.

È anche vero che hanno commesso molti errori, errori di giudizio e hanno reso facile essere picchiati da tutte le parti.

Nonostante ciò, queste aziende sono vere storie di successo americane. Senza contare le operose biografie dei loro amministratori delegati sul banco dei testimoni: un immigrato dall'India; figlio di una madre adolescente e patrigno immigrato; un abbandono del college; e un gay del sud evitato dalla Ivy League. Ognuno di loro è un milionario o un miliardario fatto da sé.

Ma nel contesto di questa udienza, erano i cattivi d'America.

I colpi di scena dell'udienza provenivano da membri del Congresso sia democratici che repubblicani, ciascuno dei quali utilizzava i propri pulpiti prepotenti per lanciare varie accuse e rimostranze sui rappresentanti di Big Tech. Ma perso in tutto questo era il consumatore.

La scena era analoga a quella di George Orwell Due minuti di odio a ripetizione, il volto di Emmanuel Goldstein sostituito da una videochiamata WebEx a schermo intero con amministratori delegati sorridenti circondati dai mobili dei loro uffici domestici.

Per i democratici, queste aziende sono diventate troppo grandi utilizzando pratiche commerciali senza scrupoli, battendo i concorrenti con prezzi più bassi, un servizio migliore, velocità e un marchio elegante, consentendo loro di acquistare o intimidire la concorrenza.

Per i repubblicani, si tratta di pregiudizi contro i conservatori online, facilitati dalla spinosa moderazione dei contenuti che modifica in modo selettivo i post sui social media autorizzati a rimanere in piedi.

Cosa manca a questa storia finora? consumatori americani.

La giustificazione dell'udienza era determinare se queste società hanno abusato della fiducia del pubblico e se i consumatori sono stati danneggiati a causa delle loro azioni.

Ma il più delle volte, le domande dei membri del comitato dipendevano dall'"acume negli affari" delle decisioni prese all'interno dell'azienda, classificando decisioni strategiche rudimentali come mosse illegali e ostili.

Piattaforme aperte a venditori terzi

Un esempio è la rappresentante Pramila Jayapal, dello Stato di Washington. Rappresenta il distretto in cui Amazon è stata fondata da Jeff Bezos. Ha condannato Amazon per aver raccolto dati su venditori di terze parti che sono in grado di utilizzare il sito Web di Amazon per vendere prodotti.

“Hai accesso a dati che i tuoi concorrenti non hanno. Quindi potresti consentire a venditori di terze parti di accedere alla tua piattaforma, ma se monitori continuamente i dati per assicurarti che non diventino mai abbastanza grandi da competere con te, questa è la preoccupazione che ha effettivamente il comitato " disse Jayapal.

Qui stiamo parlando della piattaforma online di Amazon, che vende milioni di merci. Due decenni fa, Amazon ha aperto la sua piattaforma ai commercianti pagando una piccola tassa. È stata una vittoria per i venditori, che ora potevano avere un accesso più facile ai clienti, ed è stata una vittoria per i clienti che ora possono acquistare più prodotti su Amazon, indipendentemente da chi fosse il venditore.

Quando Amazon vede che alcune categorie di prodotti sono molto popolari, a volte ne crea di proprie, sapendo di avere l'infrastruttura per fornire prodotti con grande soddisfazione. Questo marchio si chiama Nozioni di base su Amazon, che comprende di tutto, dai cavi audio ai dispositivi di raffreddamento e alle batterie.

Il rappresentante Jayapal afferma che raccogliendo dati su quei commercianti nel loro negozio, Amazon è efficace rubare informazioni... che i venditori danno volontariamente in cambio dell'utilizzo della vetrina di Amazon.

Tuttavia, il risultato finale della concorrenza tra i venditori di terze parti di Amazon e i prodotti di Amazon (sulla piattaforma di Amazon) è qualcosa di meglio per il consumatore: c'è più concorrenza, più scelta e più opzioni di alta qualità tra cui scegliere. Ciò eleva l'esperienza per un consumatore e aiuta a risparmiare denaro. Questo è tutt'altro che dannoso.

Lo stesso si può dire di Apple e del suo App Store, che è stato preso di mira dal presidente del comitato, Rep. David Cicilline. Lui disse Apple stava addebitando agli sviluppatori che utilizzano l'App Store "affitti esorbitanti" che viravano verso "rapina in autostrada".

Il CEO di Apple, Tim Cook, si è affrettato a ribattere sottolineando che l'App Store è una piattaforma per le proprie app, ma consente anche agli sviluppatori di terze parti di utilizzare tale negozio a pagamento. Questo è uno spazio di mercato completamente nuovo che non è mai esistito prima che Apple lo aprisse, e quindi è un guadagno netto per qualsiasi sviluppatore che utilizza lo store e avvantaggia i consumatori che fanno clic e scaricano ancora di più.

Affari come al solito

Durante l'udienza, i funzionari pubblici hanno indicato i documenti interni come prova del malaffare delle aziende tecnologiche. I documenti sono stati portati alla luce dal comitato e contenevano e-mail e promemoria su fusioni, acquisizioni e pratiche commerciali di tutte e quattro le aziende tecnologiche.

Il tempo finanziario classificato questi documenti come prova che le società "inseguivano il dominio e cercavano di proteggerlo".

Il rappresentante Jared Nadler di New York ha inseguito Mark Zuckerberg per la sua decisione di riacquistare l'app fotografica Instagram 2012, definendo la mossa "completamente illegale" perché credeva che Facebook l'avesse acquistata per "essenzialmente farli fallire".

Oggi Instagram è un'app incredibilmente popolare che è cresciuta fino a raggiungere mezzo miliardo di utenti, grazie agli investimenti, al talento e all'integrazione di Facebook. Ha reso i consumatori molto felici ed è diventato un prodotto attraente anche per gli inserzionisti. Ancora una volta, nessun danno per il consumatore.

Pro-Consumer, non Pro o Anti-business

Una delle battute più astute dell'udienza è arrivata dall'unico rappresentante del North Dakota.

"Di solito nella nostra ricerca per regolamentare le grandi aziende, finiamo per danneggiare maggiormente le piccole aziende", ha affermato il rappresentante Kelly Armstrong. Infatti.

E aggiungete a ciò l'eventuale scenario in cui solo le società tecnologiche altamente connesse e molto ricche saranno in grado di rispettare la rigorosa regolamentazione di Washington. Non è quello che vogliono i consumatori, e non è nemmeno quello che vogliono gli americani.

Se il Congresso mira a utilizzare il potere antitrust per smantellare o regolamentare pesantemente le imprese create da Google, Amazon, Facebook o Apple, non sarà fatto alla leggera. Probabilmente lascerebbe molti danni alle piccole e medie imprese, molte delle quali si affidano a queste grandi aziende per condurre la propria attività. A loro volta, i consumatori si affidano a tali aziende per prodotti e servizi.

Ognuna di queste aziende rappresenta un caso di studio nell'innovazione, nell'imprenditorialità e nel dare alle persone ciò che vogliono per creare un'enorme rete di consumatori. C'è molto da imparare lì.

Invece di usare la legge per smantellare le aziende, cosa succederebbe se imparassimo dal loro successo a responsabilizzare più consumatori?

I divieti sui social media approvati dai politici sono un territorio pericoloso

Quando si tratta di social media, i politici statunitensi sono pieni di retorica nel vietare gli annunci di polizia. Ma ciò significherebbe conseguenze radicali per tutti i tipi di gruppi della società civile, organizzazioni comunitarie e piccole imprese. Ciò riguarda miliardi di consumatori in tutto il mondo.

Considerando che la senatrice Warren è una sostenitrice di tali divieti, eppure denuncia quando vengono applicati a gruppi che le piacciono, ha visto la luce? Contiene anche commenti sull'ultima intervista di Mark Zuckerberg e punti di vista sulla libertà di espressione.

Il vicedirettore del Consumer Choice Center Yaël Ossowski ha intervistato su The Big Talker 107.7FM con il presentatore Joe Catenacci.

ISCRIVITI al cast del Consumer Choice Center:

Rss

Podcast Apple

Youtube

Dibattito presidenziale democratico: come è andata la scelta del consumatore?

Con la corsa presidenziale del 2020 in corso a pieno ritmo, 12 candidati democratici alla presidenza hanno partecipato a un altro dibattito televisivo ieri sera in Ohio.

Considerando che i consumatori saranno direttamente influenzati da molte delle politiche menzionate, ecco una suddivisione per categorie menzionate dai candidati e la nostra interpretazione su come si relaziona alla scelta del consumatore.

ASSISTENZA SANITARIA

Il sindaco Pete Buttigieg fa alcuni buoni punti sul mantenere la concorrenza per l'assicurazione sanitaria, facendo esplodere La senatrice Elizabeth Warren per non aver chiarito se le tasse aumenteranno con il suo piano Medicare For All.

Buttigieg: "Non è stato preparato alcun piano per spiegare come si suppone che venga colmato un buco multimiliardario in questo piano Medicare For All che il senatore Warren sta proponendo".

Preferisce "Medicare per tutti coloro che lo vogliono", continuando a consentire l'assicurazione sanitaria privata e un'opzione pubblica per coloro che lo desiderano. Come abbiamo scritto prima, una maggiore scelta nel settore sanitario è ciò che dovrebbe essere sostenuto.

E Buttigieg aveva un'altra grande battuta:

“Non credo che il popolo americano abbia torto quando lo dice quello che vogliono è una scelta... Non capisco perché credi che l'unico modo per fornire una copertura a prezzi accessibili a tutti sia cancellare i piani privati, espellendo 150 milioni di americani dalla loro assicurazione in quattro brevi anni.

Warren, d'altra parte, chiama il suo piano il "gold standard", affermando ancora una volta che mentre le tasse sui ricchi aumenteranno, i costi per le famiglie della classe media diminuiranno. Qui sta assumendo una visione obiettiva dei costi totali per le famiglie, mescolando tasse e spese sanitarie. Certo, è molto contorto e non lascia molta chiarezza ai consumatori.

Il senatore Bernie Sanders è più onesto: “Penso che sia appropriato riconoscere che le tasse aumenteranno... ma l'aumento delle tasse che pagheranno sarà sostanzialmente inferiore a quello che stavano pagando per i premi e le spese vive.

La senatrice Amy Klobuchar: "Abbiamo il dovere nei confronti del popolo americano di dire loro dove invieremo la fattura... dobbiamo avere un'opzione pubblica". Definisce Medicare For All un "sogno irrealizzabile", chiedendo un'espansione di Obamacare.

L'ex vicepresidente Joe Biden: "Il piano [Medicare For All] costerà almeno $30 trilioni in 10 anni". Allo stesso modo, vuole solo espandere Obamacare.

Nel complesso, sembra che ci sia ancora molto sostegno alla concorrenza nel settore sanitario, e questo deve essere celebrato. Medicare For All, che eliminerebbe tutti gli aspetti della concorrenza e della libera scelta, ha ottenuto solo un sostegno moderato da parte di tutti tranne Sanders e Warren.

LEGALIZZAZIONE DELLA CANNABIS

L'idea di una politica intelligente sulla cannabis era del tutto assente dal dibattito. È un bel contrattempo, considerando il problema in corso della proibizione federale della cannabis mentre alcuni stati continuano con la propria versione della legalizzazione.

Le uniche due menzioni sono arrivate nel contesto della crisi degli oppioidi, dal senatore Cory Booker e da Andrew Yang. Hanno solo menzionato che la cannabis potrebbe essere usata come alternativa per coloro che sono dipendenti da oppioidi.

Che dire della vera battaglia da avere politica intelligente sulla cannabis implementato a livello federale? Ci auguriamo che questo venga trattato maggiormente nei futuri dibattiti.

AUTOMAZIONE

L'idea di una garanzia di lavoro federale era fresca sulle labbra di Bernie Sanders, ma è stata respinta dalla maggior parte delle persone sul palco.

L'imprenditore Andrew Yang colpiscilo fuori dal parco con questo:

“La maggior parte degli americani non vuole lavorare per il governo federale. E dire che questa è la visione dell'economia del 21° secolo non è, per me, una visione che la maggior parte degli americani non abbraccerebbe".

Promuove il suo Dividendo di libertà, offrendo $1.000 al mese a ogni americano in sostituzione del welfare, come modo per aumentare la spesa dei consumatori e aiutare i lavoratori che perdono il lavoro a causa dell'automazione.

Si potrebbe scrivere molto sul fatto che questo reddito di base universale sia positivo o meno per i consumatori, ma è almeno una politica diversa discussa dai principali candidati presidenziali in uno stato nazionale.

REGOLAMENTO TECNICO

C'era molto spazio per battere le aziende tecnologiche che offrono ottimi servizi per i normali consumatori. Ciò include servizi come Facebook, Amazon e Google. Abbiamo scritto del busta di fiducia e il loro desiderio di usurpare la scelta del consumatore prima.

Warren ha guidato la salva, usando una battuta sulla separazione dell'arbitro e della squadra di baseball come una sorta di strana metafora su Amazon che vende i propri prodotti sul suo sito web. Entra nel suo spirito: "Dobbiamo far rispettare le nostre leggi antitrust, smantellare queste gigantesche aziende che stanno dominando la grande tecnologia, la grande industria farmaceutica, tutte". Abbastanza chiaro lì.

Yang: “L'uso di un quadro antitrust del 20° secolo non funzionerà. Abbiamo bisogno di nuove soluzioni e di un nuovo toolkit... il modo migliore per combattere contro le aziende tecnologiche è dire che i nostri dati sono di nostra proprietà. I nostri dati valgono più del petrolio”. Ha sostenuto anche la sua imposta sul valore aggiunto sui servizi digitali, che esamineremo di seguito.

Il senatore Kamala Harris ha supplicato i suoi colleghi candidati a sostenere la sua chiamata per convincere Twitter a vietare Presidente Donald Trump da Twitter ma non ho ricevuto amore.

La persona che ha dato la risposta più favorevole ai consumatori sulla regolamentazione tecnologica è stata, sorprendentemente, ex rappresentante Beto O'Rourke.

“Trattali come editori come noi. Ma non credo che sia compito del presidente specificare quali società verranno interrotte. Questo è qualcosa che Donald Trump ha fatto... abbiamo bisogno di rigide regole della strada, proteggiamo le tue informazioni personali, la privacy e i dati e sii impavido di fronte a questi giganti della tecnologia.

È stata una delle poche persone nel dibattito a menzionare la privacy dei consumatori e ha respinto la violazione della fiducia, e dovrebbe quindi ricevere una pacca sulla spalla.

COMMERCIO

Nessun democratico ha menzionato le guerre commerciali, gli effetti dannosi delle tariffe e la promessa del libero scambio. Piuttosto, il commercio è stato per lo più sbattuto.

Elizabeth Warren: “La ragione principale [per perdere posti di lavoro] è il commercio. Le gigantesche multinazionali hanno deciso il commercio... sono fedeli solo ai loro profitti. Ho un piano per risolvere questo problema: il capitalismo responsabile.

La versione di Warren del capitalismo responsabile:

  • 40% dei consigli di amministrazione dovrebbe essere eletto dai dipendenti
  • Dovremmo dare ai sindacati più potere quando negoziano

Ancora una volta, nessuna menzione dell'accordo di libero scambio USMCA, nessun discorso sul libero scambio con l'Unione Europea o altri paesi.

Il senatore Cory Booker concorda sul fatto che i sindacati dovrebbero essere autorizzati a offrire agli americani un "salario dignitoso".

Rappresentante Tulsi Gabbard afferma che il reddito di base universale è una "buona idea per aiutare a fornire quella sicurezza in modo che le persone possano avere la libertà di fare il tipo di scelte che vogliono vedere". Non è un totale sostegno alla libertà di scelta per i consumatori, ma almeno invoca una buona nozione di libera scelta. Non sono sicuro della sua opinione sul libero scambio globale.

LE TASSE

Sebbene i candidati abbiano menzionato molte nuove tasse che appoggerebbero, quella che preoccupa maggiormente i consumatori sarebbe l'idea di un'IVA – Imposta sul Valore Aggiunto.

Andrew Yang ha detto che invece della tassa sul patrimonio di Warren, avrebbe approvato un'IVA di 10%, come nei paesi europei per aiutare a finanziare il suo Freedom Dividend. Sarebbe simile a un'imposta nazionale sulle vendite, ma consentendo alle aziende di richiedere il rimborso di tale importo se si tratta di una spesa aziendale legittima, e lo stesso vale per i turisti in visita in vacanza.

A prima vista, un'IVA americana aumenterebbe i costi per i consumatori ordinari e sarebbe regressiva. Come la Note della Fondazione politica fiscale, questa tassa avrebbe un impatto sproporzionato sulle famiglie a basso reddito, poiché tendono a spendere una parte maggiore del proprio reddito per i consumi. L'ex segretario del lavoro Robert Reich ha fatto lo stesso punto mentre guardava il dibattito:

Molti stati e comuni hanno le proprie imposte sulle vendite o non ne hanno affatto, e questo ha un impatto sui consumatori che spendono di più. Ma il passaggio a un'IVA nazionale significherebbe prezzi più alti per beni e servizi ordinari per tutti i consumatori.

PROTEGGERE I CONSUMATORI

In realtà l'unica menzione diretta è arrivata quando Warren ha suonato il clacson contro la sua agenzia per la protezione dei consumatori.

“Dopo il crollo finanziario del 2008, ho avuto un'idea per un'agenzia per i consumatori (Consumer Financial Protection Bureau) che avrebbe impedito alle banche giganti di imbrogliare le persone. E tutti gli addetti ai lavori e i geni strategici di Washington hanno detto "non provarci nemmeno" perché non lo farai passare ... ora ha costretto le grandi banche a restituire più di $12 miliardi direttamente alle persone che hanno imbrogliato.

L'amministrazione Trump ha ha portato il CFPB in tribunale sul fatto che sia costituzionale o meno, e i repubblicani l'hanno fatto costantemente attaccato l'organizzazione sin dalla sua fondazione durante l'amministrazione Obama.

"Non commettere errori, fa poco per proteggere i consumatori ed è stato creato durante l'amministrazione Obama per applicare normative gravose che hanno bloccato la crescita economica e hanno avuto un impatto negativo sulle piccole imprese e sui consumatori", ha affermato il senatore Ted Cruz, che ha introdotto la legislazione per abolire l'agenzia .

"L'America ha tre rami del governo, non quattro", ha affermato il senatore Sasse, che ha anche co-sponsorizzato il disegno di legge. “Proteggere i consumatori va bene, ma consolidare il potere nelle mani delle élite di Washington è dannoso. Questo ufficio potente e irresponsabile è un affronto al principio secondo cui le persone che scrivono le leggi devono rendere conto al popolo ".

CONCLUSIONE

Non si parlava molto dell'impatto che le politiche dibattute avrebbero avuto sui consumatori, e sfortunatamente nessuna menzione del libero scambio e della libertà dello stile di vita.

Indipendentemente da ciò, sulla regolamentazione sanitaria e tecnologica, ci sono stati buoni dibattiti e alcuni buoni principi che dovrebbero essere difesi, ma si sarebbe potuto menzionare di più sui modi per promuovere l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori.

I Trustbuster di Facebook sono motivati dalla politica partigiana, non dalla preoccupazione per il consumatore

Di Yael Ossowski

Incanalando lo spirito di Theodore Roosevelt e la nostalgia per l'era progressista dell'inizio del XX secolo, l'ultima cattiva idea circolata nei circoli d'élite è quella di utilizzare il potere di rottura della fiducia del governo federale per smantellare il social network Facebook.

L'idea è stata promossa da politici democratici come i senatori Elizabeth Warren e Amy Klobuchar e anche da repubblicani come il senatore Ted Cruz. Anche Chris Hughes, un originale co-fondatore di Facebook, ha attaccato il suo carro all'idea, come espresso nel suo ormai famigerato editoriale del New York Times.

Ma non prendiamoci in giro. Non abbiamo a che fare con un monopolio aziendale simile a Standard Oil, US Steel o persino Microsoft. Stiamo parlando di siti web di social media e servizi disponibili sul web aperto.

Nessuno è obbligato a utilizzare queste piattaforme e sono molto gratuite ed economiche in grado di crearne di proprie. Questo non è un monopolio in senso letterale, e nemmeno figurato.

Esistono già molti social network concorrenti che le persone utilizzano per una serie di servizi diversi. Che si tratti di Snapchat, Reddit, Pinterest o Twitter, ci sono molti servizi in cui le persone si connettono con gli amici e condividono informazioni. Facebook sembra aver "individuato" le esigenze del maggior numero di consumatori. Ciò giustifica l'intervento del governo? No.

Cerchiamo di essere chiari: Internet è il parco giochi per eccellenza per la scelta dei consumatori. I tentativi del governo di intervenire e regolamentare sulla base di considerazioni politiche, tuttavia, limiteranno solo la scelta dei consumatori e ci priveranno di ciò di cui abbiamo goduto finora.

Senza dubbio, alcune azioni dell'azienda sono state eclatanti e saranno giustamente punite. La multa di $5 miliardi prevista dalla Federal Trade Commission su Facebook a causa della cattiva gestione dei dati e della privacy dei consumatori è un buon primo passo.

Ma il movimento che invita i regolatori federali a usare il loro potere per smantellare la società puzza di politica partigiana.

I democratici sono irritati dal fatto che gli utenti sulla piattaforma possano essere stati persuasi a votare per Donald Trump nelle elezioni del 2016 a causa di un impressionante sforzo di sensibilizzazione da parte della campagna Trump (per non parlare dei presunti gruppi di facciata russi). I repubblicani, d'altra parte, denunciano la moderazione liberal-pesante di Facebook che ha specificamente preso di mira pagine e post conservatori. La censura di un post che citava la Dichiarazione di Indipendenza perché considerato "incitamento all'odio" è solo un esempio.

Ma da quanto abbiamo appreso dal CEO di Twitter Jack Dorsey e da altre élite tecnologiche, vietare individui o pagine è una decisione molto complessa presa da migliaia di moderatori che seguono una serie di linee guida interne, su YouTube, Twitter o Facebook. L'articolo investigativo pubblicato su The Verge sul carico di lavoro e lo stress dei moderatori di Facebook durante la rimozione di contenuti dannosi dalla piattaforma ne parla.

Nonostante queste follie, la stragrande maggioranza degli utenti è soddisfatta dei propri profili. Sono in grado di connettersi con amici e familiari in tutto il mondo e condividere immagini e post che stimolano conversazioni. Milioni di piccole imprese, artisti e persino siti Web di notizie dipendono da queste piattaforme per guadagnarsi da vivere.

Usare la forza del governo per smantellare le aziende a causa di particolari posizioni o azioni che hanno intrapreso, tutto legale secondo la legge attuale, è altamente vendicativo e limiterà la possibilità per le persone comuni come me o milioni di altri consumatori di godere delle piattaforme per le quali ci siamo iscritti volontariamente.

Dovremmo ritenere queste piattaforme responsabili quando commettono errori, ma non puntare la mano per invitare il governo federale a determinare su quali siti o piattaforme possiamo fare clic.

Il ruolo del governo non è scegliere vincitori e vinti. È per garantire i nostri diritti alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità, come afferma la Dichiarazione di Indipendenza. Non usiamo temporanee politiche faziose per determinare il destino dei servizi e delle piattaforme online di cui tutti godiamo e beneficiamo.

La "deplatforming purge" dei social media non farà altro che rendere Internet un posto più squallido

All'alba della rivoluzione dei social media, i nostri primi istinti erano sui soldi.

La comunicazione istantanea, i blog e i social network sono stati le ultime innovazioni per la libertà di parola. A milioni di persone è stata data una voce oltre la portata dei guardiani tradizionali. È stato glorioso.

Ora che abbiamo vissuto due decenni di questa rivoluzione, tuttavia, i guardiani sono tornati.

Facebook ha bandito diversi titolari di account controversi dal suo sito e proprietà correlate come Instagram, tra cui il teorico della cospirazione Alex Jones, il ministro nazionalista nero radicale Louis Farrakhan e tutta una serie di commentatori dell'alt-right.

La società afferma che sono stati rimossi in quanto classificati come "individui e organizzazioni pericolosi" che "promuovono o si impegnano in violenza e odio, indipendentemente dall'ideologia".

YouTube ha subito un processo simile a marzo, chiudendo gli account di centinaia di voci conservatrici in risposta alle pressioni degli attivisti che cercano di "depiattaformare" coloro con cui non sono d'accordo.

In un certo senso, è difficile dare la colpa direttamente ai piedi di piattaforme come Facebook, Twitter e YouTube. Stanno solo reagendo alle proteste febbrili dei politici di Washington e al nuovo mantra della giustizia sociale che pervade le principali città della nazione.

Bandire le voci marginali dalle reti dei social media può essere popolare tra le élite tecnologiche e politiche, ma non farà che incoraggiare ulteriormente le persone con idee veramente pericolose.

La nuova ondata di censura è guidata dalla reazione alle azioni dello squilibrato terrorista, motivato da pessime idee, che a marzo ha aperto il fuoco su fedeli pacifici nelle moschee di Christchurch, in Nuova Zelanda, uccidendo 51 persone e lasciandone ferite 41.

Ha trasmesso in streaming l'intera furia, infarcendo la sua follia omicida mortale con commenti e frasi trovate su squallide chat room e siti Web online.

I leader politici nelle nazioni occidentali vogliono regolamenti globali sulle piattaforme di social media utilizzate dal tiratore, che tu o io usiamo ogni giorno per comunicare con i nostri amici e familiari.

Nella fretta di prevenire un altro attacco, tuttavia, dovremmo essere messi in guardia contro qualsiasi repressione dei social media e della libertà di Internet. Questi sono gli strumenti delle dittature e delle autocrazie, non delle democrazie amanti della libertà.

Ma penalizzare le società di social media e i suoi utenti per una tragica sparatoria avvenuta nella vita reale annulla la responsabilità per l'individuo presunto di questo attacco e cerca di limitare la nostra intera libertà su Internet a causa di un cattivo attore.

Inoltre, cercare di giocare a colpire la talpa con cattive idee su Internet sotto forma di divieti o responsabilità penale non farà che incoraggiare le piattaforme più squallide, ponendo aspettative irragionevoli sulle piattaforme principali. E questo ci porta a perdere il punto su questa tragedia.

Le piattaforme di social media come Facebook o Twitter impiegano già decine di migliaia di moderatori in tutto il mondo per contrassegnare e rimuovere contenuti come questo, e gli utenti condividono tale responsabilità. Spetterà a queste piattaforme affrontare le preoccupazioni della comunità globale e non ho dubbi che la loro risposta sarà ragionevole.

Ma d'altra parte, questa tragedia si verifica nel contesto in cui Big Tech è già stata denigrata per le elezioni oscillanti, la censura dei discorsi dei conservatori e la non reazione abbastanza rapida alle richieste politiche su quali contenuti dovrebbero essere consentiti o meno.

Pertanto, siamo pronti ad ascoltare proposte anti-social media che hanno ben poco a che fare con quanto accaduto in quel tragico giorno a Christchurch, nell'idilliaca Nuova Zelanda.

Il primo ministro australiano Scott Morrison vuole che il G20 discuta le sanzioni globali per le società di social media che consentono contenuti discutibili. Democratici come la senatrice Elizabeth Warren, tra i tanti repubblicani al Congresso, vogliono utilizzare le norme antitrust per smantellare Facebook.

Un recente sondaggio nazionale ha rilevato che il 71% degli elettori democratici desidera una maggiore regolamentazione delle società Big Tech.

Sulla scia di una tragedia, non dobbiamo soccombere ai desideri del terrorista che ha perpetuato questi attacchi. Reagire in modo eccessivo ed estendere eccessivamente il potere delle nostre istituzioni di censurare e limitare ulteriormente il discorso online sarebbe accolto con gioia dall'assassino e da coloro che condividono la sua visione del mondo. Le politiche reazionarie per escludere queste voci in modo che non possano leggere o ascoltare punti di vista alternativi non faranno che incoraggiarle e rendere Internet un posto più squallido.

Molte persone e aziende ora fanno completamente affidamento sulle piattaforme di social media per connettersi con gli amici, attirare clienti o esprimere la loro libertà di parola. Sono in modo schiacciante una forza per il bene.

Sì, le sottoculture di Internet esistono. La maggior parte di essi, per definizione, è frequentata da un numero molto ristretto di persone emarginate. Ma reprimere i social media radicalizzerà solo questa minoranza in numero maggiore e forse porterà a ulteriori contraccolpi.

Le teste più fredde devono prevalere. I social media fanno più bene che male e non possiamo usare le azioni di una frazione di una minoranza per ribaltare l'esperienza di miliardi di utenti.

Possiamo usare questi strumenti per condannare e prevenire idee e comportamenti estremisti piuttosto che la forza della legge o il divieto assoluto di figure controverse che diventano bersagli convenienti.

Originariamente pubblicato qui

Facebook comprende le esigenze degli utenti meglio del Congresso

REVISIONE NAZIONALE: Le forze di mercato stanno facendo un lavoro molto migliore nel ripulire Internet rispetto a quanto farebbero le pesanti normative governative. Ryan Khurana del Consumer Choice Center commenta le audizioni su Facebook.

Faut-il combattre la “dépendance à Facebook”?

L'ECHO: Plaider en faveur d'une réglementation stricte des médias sociaux dà l'impressione che sia semplicemente guidata da una réponse emotionnelle aux progrès technologique: une vraie “technopanique”.

Macht Facebook süchtig wie Alkohol oder Tabak?

DIE WELT: Eine Regulierung der Social-Media-Aktivitäten meint es vielleicht gut. Doch frühere Erfahrungen mit der Prohibition zeigen die Gefahr dann entstehender Grauzonen auf. Es gibt nur einen richtigen Weg. Bill Wirtz von Consumer Choice Center.

Descrizione