fbpx

mela

Gli argomenti a favore e contro i caricabatterie universali

La Commissione europea spinge per stabilire USB-C come standard per tutti i telefoni

La Commissione europea è sotto attacco da parte del gigante tecnologico Apple dopo aver svelato i piani per rendere i connettori USB-C la porta di ricarica standard per tutti i telefoni e i piccoli dispositivi elettronici venduti in tutta l'UE. 

L'organo esecutivo del blocco "ritiene che un cavo standard per tutti i dispositivi ridurrà i rifiuti elettronici", ha riferito Francia 24. Ma Apple e altri critici sostengono che "un caricabatterie di taglia unica rallenterebbe l'innovazione e creerebbe più inquinamento", continua il sito di notizie.

Le nuove regole potrebbero "influenzare l'intero mercato globale degli smartphone" se approvate dal Parlamento europeo e dagli Stati membri dell'UE, che ospita oltre 450 milioni di persone tra cui "alcuni dei consumatori più ricchi del mondo".

Leggi l'articolo completo qui

L'UE vuole unificare nuovamente i caricabatterie, prendendo di mira specificamente Apple

Diversi anni fa, l'Unione Europea ha annunciato di voler unificare i caricabatterie mobili di tutti i produttori. L'obiettivo era eliminare i rifiuti elettronici perché in precedenza cambiare telefono spesso significava ottenere un caricabatterie nuovo e completamente diverso. Ma, quando l'UE è stata coinvolta, quasi tutti i principali produttori stavano già utilizzando micro-USB. Ora, l'UE sta cercando di aggiornare il requisito, modernizzando per USB-C e rimuovendo la restante scappatoia.

Qual è la situazione attuale?

Attualmente, le normative dell'UE richiedono che tutti i telefoni siano in grado di ricaricarsi tramite un caricabatterie universale (originariamente micro-USB, ma anche USB-C si qualifica). Al momento delle normative originali, l'unico grande produttore che non utilizzava la porta di ricarica micro-USB era Apple, che notoriamente utilizza il suo connettore Lightning proprietario. L'universalità del connettore micro-USB è interessante per lo scambio tra telefoni, ma Apple ha sostenuto che il suo connettore Lightning gli ha dato capacità non offerte dal micro-USB.

Questo argomento ha permesso ad Apple di trovare una via di mezzo con i regolatori dell'UE, rendendo disponibile un adattatore da micro-USB a Lightning a tutti i possessori di iPhone e iPad. Ciò consentirebbe loro di utilizzare i caricabatterie che già possiedono con i loro nuovi telefoni, che è esattamente ciò che l'UE stava cercando di realizzare. Ma, negli ultimi anni, le cose sono cambiate nel settore, portando ad alcuni cambiamenti nelle normative.

Leggi l'articolo completo qui

Le udienze della tecnologia antitrust scavano per danni ai consumatori ma non sono sufficienti

Armati di mascherine e nuovi reclami dei clienti, i membri della sottocommissione della Camera per il diritto antitrust, commerciale e amministrativo convocato sia virtualmente che di persona giovedì, per la prima di molte audizioni sulla concorrenza nel settore tecnologico.

È stata una maratona di sei ore di giri di parole legali gobbledygook e risoluzione dei problemi inclini all'elettricità statica per i legislatori.

I testimoni erano amministratori delegati di alcune delle quattro più grandi aziende americane: Jeff Bezos di Amazon, Mark Zuckerberg di Facebook, Tim Cook di Apple e Sundar Pichai di Google.

Insieme, queste aziende servono miliardi di consumatori globali per una varietà di esigenze e in questo modo sono diventate molto ricche. Impiegano milioni di persone, costituiscono grandi porzioni dell'economia americana e sono stati i pionieri dell'innovazione praticamente in ogni nazione libera.

È anche vero che hanno commesso molti errori, errori di giudizio e hanno reso facile essere picchiati da tutte le parti.

Nonostante ciò, queste aziende sono vere storie di successo americane. Senza contare le operose biografie dei loro amministratori delegati sul banco dei testimoni: un immigrato dall'India; figlio di una madre adolescente e patrigno immigrato; un abbandono del college; e un gay del sud evitato dalla Ivy League. Ognuno di loro è un milionario o un miliardario fatto da sé.

Ma nel contesto di questa udienza, erano i cattivi d'America.

I colpi di scena dell'udienza provenivano da membri del Congresso sia democratici che repubblicani, ciascuno dei quali utilizzava i propri pulpiti prepotenti per lanciare varie accuse e rimostranze sui rappresentanti di Big Tech. Ma perso in tutto questo era il consumatore.

La scena era analoga a quella di George Orwell Due minuti di odio a ripetizione, il volto di Emmanuel Goldstein sostituito da una videochiamata WebEx a schermo intero con amministratori delegati sorridenti circondati dai mobili dei loro uffici domestici.

Per i democratici, queste aziende sono diventate troppo grandi utilizzando pratiche commerciali senza scrupoli, battendo i concorrenti con prezzi più bassi, un servizio migliore, velocità e un marchio elegante, consentendo loro di acquistare o intimidire la concorrenza.

Per i repubblicani, si tratta di pregiudizi contro i conservatori online, facilitati dalla spinosa moderazione dei contenuti che modifica in modo selettivo i post sui social media autorizzati a rimanere in piedi.

Cosa manca a questa storia finora? consumatori americani.

La giustificazione dell'udienza era determinare se queste società hanno abusato della fiducia del pubblico e se i consumatori sono stati danneggiati a causa delle loro azioni.

Ma il più delle volte, le domande dei membri del comitato dipendevano dall'"acume negli affari" delle decisioni prese all'interno dell'azienda, classificando decisioni strategiche rudimentali come mosse illegali e ostili.

Piattaforme aperte a venditori terzi

Un esempio è la rappresentante Pramila Jayapal, dello Stato di Washington. Rappresenta il distretto in cui Amazon è stata fondata da Jeff Bezos. Ha condannato Amazon per aver raccolto dati su venditori di terze parti che sono in grado di utilizzare il sito Web di Amazon per vendere prodotti.

“Hai accesso a dati che i tuoi concorrenti non hanno. Quindi potresti consentire a venditori di terze parti di accedere alla tua piattaforma, ma se monitori continuamente i dati per assicurarti che non diventino mai abbastanza grandi da competere con te, questa è la preoccupazione che ha effettivamente il comitato " disse Jayapal.

Qui stiamo parlando della piattaforma online di Amazon, che vende milioni di merci. Due decenni fa, Amazon ha aperto la sua piattaforma ai commercianti pagando una piccola tassa. È stata una vittoria per i venditori, che ora potevano avere un accesso più facile ai clienti, ed è stata una vittoria per i clienti che ora possono acquistare più prodotti su Amazon, indipendentemente da chi fosse il venditore.

Quando Amazon vede che alcune categorie di prodotti sono molto popolari, a volte ne crea di proprie, sapendo di avere l'infrastruttura per fornire prodotti con grande soddisfazione. Questo marchio si chiama Nozioni di base su Amazon, che comprende di tutto, dai cavi audio ai dispositivi di raffreddamento e alle batterie.

Il rappresentante Jayapal afferma che raccogliendo dati su quei commercianti nel loro negozio, Amazon è efficace rubare informazioni... che i venditori danno volontariamente in cambio dell'utilizzo della vetrina di Amazon.

Tuttavia, il risultato finale della concorrenza tra i venditori di terze parti di Amazon e i prodotti di Amazon (sulla piattaforma di Amazon) è qualcosa di meglio per il consumatore: c'è più concorrenza, più scelta e più opzioni di alta qualità tra cui scegliere. Ciò eleva l'esperienza per un consumatore e aiuta a risparmiare denaro. Questo è tutt'altro che dannoso.

Lo stesso si può dire di Apple e del suo App Store, che è stato preso di mira dal presidente del comitato, Rep. David Cicilline. Lui disse Apple stava addebitando agli sviluppatori che utilizzano l'App Store "affitti esorbitanti" che viravano verso "rapina in autostrada".

Il CEO di Apple, Tim Cook, si è affrettato a ribattere sottolineando che l'App Store è una piattaforma per le proprie app, ma consente anche agli sviluppatori di terze parti di utilizzare tale negozio a pagamento. Questo è uno spazio di mercato completamente nuovo che non è mai esistito prima che Apple lo aprisse, e quindi è un guadagno netto per qualsiasi sviluppatore che utilizza lo store e avvantaggia i consumatori che fanno clic e scaricano ancora di più.

Affari come al solito

Durante l'udienza, i funzionari pubblici hanno indicato i documenti interni come prova del malaffare delle aziende tecnologiche. I documenti sono stati portati alla luce dal comitato e contenevano e-mail e promemoria su fusioni, acquisizioni e pratiche commerciali di tutte e quattro le aziende tecnologiche.

Il tempo finanziario classificato questi documenti come prova che le società "inseguivano il dominio e cercavano di proteggerlo".

Il rappresentante Jared Nadler di New York ha inseguito Mark Zuckerberg per la sua decisione di riacquistare l'app fotografica Instagram 2012, definendo la mossa "completamente illegale" perché credeva che Facebook l'avesse acquistata per "essenzialmente farli fallire".

Oggi Instagram è un'app incredibilmente popolare che è cresciuta fino a raggiungere mezzo miliardo di utenti, grazie agli investimenti, al talento e all'integrazione di Facebook. Ha reso i consumatori molto felici ed è diventato un prodotto attraente anche per gli inserzionisti. Ancora una volta, nessun danno per il consumatore.

Pro-Consumer, non Pro o Anti-business

Una delle battute più astute dell'udienza è arrivata dall'unico rappresentante del North Dakota.

"Di solito nella nostra ricerca per regolamentare le grandi aziende, finiamo per danneggiare maggiormente le piccole aziende", ha affermato il rappresentante Kelly Armstrong. Infatti.

E aggiungete a ciò l'eventuale scenario in cui solo le società tecnologiche altamente connesse e molto ricche saranno in grado di rispettare la rigorosa regolamentazione di Washington. Non è quello che vogliono i consumatori, e non è nemmeno quello che vogliono gli americani.

Se il Congresso mira a utilizzare il potere antitrust per smantellare o regolamentare pesantemente le imprese create da Google, Amazon, Facebook o Apple, non sarà fatto alla leggera. Probabilmente lascerebbe molti danni alle piccole e medie imprese, molte delle quali si affidano a queste grandi aziende per condurre la propria attività. A loro volta, i consumatori si affidano a tali aziende per prodotti e servizi.

Ognuna di queste aziende rappresenta un caso di studio nell'innovazione, nell'imprenditorialità e nel dare alle persone ciò che vogliono per creare un'enorme rete di consumatori. C'è molto da imparare lì.

Invece di usare la legge per smantellare le aziende, cosa succederebbe se imparassimo dal loro successo a responsabilizzare più consumatori?

Avviso di batteria scarica

La datazione al carbonio di Microsoft, Google nel club $1tn, la tastiera divisa di Logitech

Non dirlo a nessuno, ma il caricatore del mio iPhone è nascosto sotto alcuni giornali sulla mia scrivania, così è meno probabile che faccia walkie quando non ci sono.

Ho sempre preso precauzioni, con persone molto ansiose di "prendere in prestito" questa fornitura di energia vitale, e in futuro potrei dover fissare i miei caricatori alla scrivania. L'Unione Europea ha appena raddoppiato le possibilità che io li perdessi questa settimana quando ha rilanciato l'idea di caricabatterie universali che si adattassero ad Apple, Samsung e qualsiasi altro smartphone.

A parte l'ulteriore pericolo che dovrò affrontare personalmente, qui sono al centro gli interessi egoistici dell'industria tecnologica. "Il caricabatterie comune imposto dall'UE è il nemico del progresso" era il titolo di un comunicato dell'azienda sostenuta Centro di scelta dei consumatori, in cui si afferma che qualsiasi mossa del genere minerebbe l'innovazione e limiterebbe la concorrenza. Ha fatto eco all'argomento quando quest'ultimo è arrivato da Apple, che è il re delle tecnologie proprietarie e i cui connettori Lightning sono ancora maledetti da chiunque voglia collegare un jack per le cuffie.

Non compro le loro preoccupazioni. Dove saremmo senza standard USB e HDMI comuni, WiFi e Bluetooth, tutti con retrocompatibilità senza dongle? Sarei felice di scambiare un po' di innovazione e vantaggio commerciale con quelle inestimabili conformità. 

Naturalmente, i legislatori sono sempre dietro la curva tecnologica e il dibattito comune sui caricabatterie diventerebbe controverso se tutti acquistassimo tappetini di ricarica wireless che eliminassero completamente la necessità di connessioni fisiche. Inoltre, alcune aziende non sono così innovative nel portarci verso quel nuovo brillante futuro come pensano di essere. Apple ha annunciato i suoi tappetini di ricarica wireless AirPower nel 2017, ma ha dovuto annullare il prodotto meno di due anni dopo dopo aver lottato per realizzarne uno che funzionasse correttamente.

L'Internet delle (Cinque) Cose

1. La datazione al carbonio di Microsoft Il negozio di software è andato oltre gli altri giganti della tecnologia impegnandosi a diventare "carbon negative" entro il 2030 e compensare tutte le emissioni di carbonio prodotte dalla sua fondazione. La società $1.2tn ha anche annunciato un fondo per l'innovazione da $1bn per affrontare la crisi climatica.

2. Giovedì Alphabet è diventata la quarta azienda Big Tech a raggiungere una capitalizzazione di mercato di $1tn. Apple è stata la prima azienda pubblica a raggiungere il traguardo, nell'agosto 2018, e ora è a più di un terzo della strada verso un secondo trilione. Seguono Amazon, che da allora è scesa sotto la soglia delle 13 cifre, e poi Microsoft. Nel frattempo, l'impennata del prezzo delle azioni di Tesla sta dando ai venditori allo scoperto i brividi.

3. Peacock orgoglioso della sua strategia di streaming gratuito L'ultimo grande debutto in streaming è anche il più economico. Giovedì Comcast ha presentato il suo servizio di streaming NBCUniversal Peacock e ha dichiarato che sarà gratuito per i suoi attuali clienti via cavo quando verrà lanciato completamente a luglio. Ci saranno sport e notizie in diretta, un ampio catalogo di vecchie sitcom e il servizio si baserà principalmente sulla pubblicità piuttosto che sugli abbonamenti preferiti dai rivali. "Ci piace l'idea di ziggare quando gli altri zag", ha detto il presidente di NBCUniversal Steve Burke.

4. WhatsApp non farà affidamento sugli annunci Facebook sta abbandonando i piani per mostrare annunci sul suo servizio di messaggistica WhatsApp, secondo un rapporto del Wall Street Journal. WhatsApp ha recentemente sciolto il team che lavorava all'integrazione degli annunci sulla piattaforma e persino il codice che avevano creato è stato eliminato dall'app.

5. L'industria pubblicitaria affronta l'ira dell'autorità di regolamentazione L'autorità di regolamentazione della protezione dei dati del Regno Unito è pronta a combattere con l'industria della pubblicità online del paese da 13 miliardi di sterline, affermando che inizierà a indagare sulle singole società che violano la legge europea sulla protezione dei dati e ad applicarla contro di loro. L'Ufficio del Commissario per le informazioni ha affermato che l'industria pubblicitaria non ha risposto in modo sufficiente a un periodo di grazia di sei mesi per rimettere in ordine la propria casa.

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su 
consumerchoicecenter.org

Descrizione